Jump to content

Maudea96

Ordine del Drago
  • Content Count

    76
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

33 Orco

About Maudea96

  • Rank
    Maestro
  • Birthday 01/02/1996

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Torino
  • GdR preferiti
    D&D 5e

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. A1241 Giusto così. Cito dalle Basic Rules: Multiattack A creature that can make multiple attacks on its turn has the Multiattack action. A creature can't use Multiattack when making an opportunity attack, which must be a single melee attack. Quindi gli attacchi del Multiattacco sono effettivamente attacchi distinti (tutti effettuabili all'interno della stessa Azione). Riporto il testo originale, in cui è specificato che debba trattarsi di un attacco: For example, a cleric with a maximum of 12 hit points currently has 6 hit points. If she takes 18 damage from an attack, she is reduced to 0 hit points, but 12 damage remains. Because the remaining damage equals her hit point maximum, the cleric dies. Qui Crawford sostiene la tua stessa tesi, anzi, mi sembra ancora più restrittivo rispondendo ad una domanda analoga su Magic Missile. In generale direi che "fonti diverse" di danno (multiple sources) va inteso letteralmente, e quindi in modo molto stringente. Considererei fonti diverse anche due attacchi diversi fatti proprio con la stessa arma nella stessa azione. Tuttavia, effetti tipo Sneak Attack o Divine Smite non credo debbano essere considerati fonti diverse, poiché aggiungono danni a quelli dell'arma, la quale rimane la fonte dei danni (tant'è che i loro dadi vengono anch'essi raddoppiati da un critico).
  2. In realtà neanche questo è corretto RAW. Sempre a pag 197 del Manuale, (ma si trova anche gratis in inglese nelle basic rules a pag.77): Non dice che anche in questo caso recupera pf. E poi c'è la definizione che correttamente hai riportato di creatura stabile:
  3. Sempre a pag. 197: Risultato di 1 o di 20. Quando un personaggio effettua un tiro salvezza contro morte e ottiene 1 come risultato al tiro del d20, quel risultato conta come due tiri salvezza falliti. Se ottiene 20 come risultato al tiro del d20 recupera 1 punto ferita.
  4. La mia obiezione era: sono Pippo e sono più reattivo della tartaruga. Se la tartaruga è evocata da Paperino (più veloce), riesco ad agire prima della tartaruga, se è evocata da Pluto (più lento), la tartaruga agisce prima di me. Mi sembrava un controsenso, ma credo di aver capito l'errore nel mio ragionamento.
  5. Noto solo ora che anche la tua soluzione ha un problema simile. Riprendendo l'esempio di Bille Boo (Paperino iniziativa 18, Pippo 12, Pluto 7), supponiamo che sia Paperino a evocare la tartaruga, che questa volta tira 6 di iniziativa. Col sistema dei moduli, agisce dopo Pluto, proprio a iniziativa=6, e fin qui tutto bene, anche perché in pratica è stata evocata a inizio round. Supponiamo invece che sia Pluto a evocarla: in questo caso agirebbe a iniziativa 6+7=13, ovvero subito prima di Pippo, che però a (mia) logica dovrebbe essere più reattivo della tartaruga, avendo iniziativa più alta. L'obiezione potrebbe essere che Pippo avrebbe agito 13 "punti iniziativa" più tardi di Pluto, mentre la tartaruga solo 12, quindi la distanza temporale dal momento dell'evocazione è salvaguardata, ma mi sembra comunque che un evocatore più lento permetta all'evocato di agire prima, rispetto a quanto avverrebbe se l'evocatore fosse più veloce (mi metto dal punto di vista di Pippo). Edit: Detto in altre parole, (mi accorgo forse che ho scritto in modo un po' contorto), mi sembra che il sistema modulare faccia agire l'evocato alla giusta velocità dal punto di vista dell'evocato stesso, ma non dal punto di vista degli altri combattenti.
  6. No, il manuale specifica che se recuperi un qualsiasi numero di pf non sei più privo di sensi Quindi, dato che il TS si fa a inizio turno, se fai 20 puoi continuare il tuo turno normalmente
  7. Non sono convinto su quando iniziare a contare le azioni: se il mago sa dello scontro e sceglie di teletrasportarsi lì, anche se prima non era in combattimento, mi pare qualcosa di simile a quando alcuni PG combattono in una stanza, mentre altri che sono in un'altra stanza a fare altro sentono i rumori dello scontro e decidono di andare lì. In quel caso tirano l'iniziativa prima di muoversi verso la stanza del combattimento e tutto quello che fanno prima di arrivare fa comunque parte del loro turno, o no? Se invece il mago viene teletrasportato ignaro dello scontro (o comunque non agendo in prima persona), l'approccio nello spoiler mi piace molto, anche se mi accorgo che è complicato e non tutti sceglierebbero di adottarlo. Anche questo ha un suo perché, ma c'è qualcosa di ufficiale che espliciti il fatto che chi arriva dopo (non al primo round) possa essere sorpreso o meno? So che in qualche SA c'è scritto che chi arriva dopo non può sorprendere, ma il contrario?
  8. Provo a risponderti anch'io, basandomi sulla domanda "Can you delay your turn and take it later in the round?" che c'è a pag. 10 del Sage Advice Compendium. In sostanza, il primo punto della risposta parla di maggiore lentezza, il secondo del fatto che l'iniziativa diventa relativamente inutile se tutti possono ritardare il proprio turno a piacere, il terzo, più meccanico, fa notare che potrebbe variare la durata di certi effetti e incantesimi che dicono "fino al tuo prossimo turno".
  9. In realtà nel primo caso, se ha ancora azioni a disposizione, può avere vantaggio. È nel terzo caso che effettivamente non avrebbe neanche vantaggio dato che i nemici hanno già agito, e quindi l'hanno visto (e infatti ho corretto il mio post precedente, grazie!). Al massimo potrebbe avere vantaggio solo contro Ofira ed Elle, che non agiscono tra la sua apparizione e il suo primo turno...
  10. Forse mi sfugge qualcosa, ma io lo interpreto diversamente: Se il teletrasporto l'ha lanciato Tholin, dovrebbe avvenire al suo turno di iniziativa (quindi 3°), dopodiché potrebbe continuare il suo turno, avendo già usato azione /azione bonus /altro per lanciare il teletrasporto. Se l'ha lanciato Tholin, ma come azione preparata, avviene al momento dell'innesco (quindi immagino come 5° nell'iniziativa), ma spende la sua reazione e non può fare altro. Se è stato lanciato da altri fattori, Tholin agirà in combattimento direttamente nel round successivo, nel suo turno come 3° nell'iniziativa, perché il suo turno in questo round l'ha "speso" ovunque si trovasse prima di essere stato teletrasportato. Nel primo caso, poi, concordo sul fatto che possa beneficiare di vantaggio dato dal fatto che gli altri combattenti non si aspettano la sua apparizione, senza che ci sia "sorpresa" nel senso meccanico del termine.
  11. O magari è l'alcol che te lo fa credere 🤣 https://www.youtube.com/watch?v=SfE3pBXQzxc
  12. E' senz'altro una complicazione, non ulteriore perché sostituisce i ts di COS per restare sobri, e comunque non molto diversa dalla meccanica ufficiale relativa ai livelli di indebolimento. Inoltre essendo una home-rule (per definizione opzionale) è normale che nel suo ambito complichi un po' le cose rispetto alle regole base... Per alleggerirla (immagino ti riferisci al secondo punto) si potrebbe fare il ts di SAG solo quando il giocatore vorrebbe far smettere di bere il suo PG. Nella mia idea tali ts falliti non fanno passare al livello di ubriachezza successivo ma impediscono al PG di capire da solo che è meglio smettere di bere. Se il giocatore lo vuole far continuare a bere, o se fallisce il ts, i livelli di ubriachezza vengono decisi a seconda di quanto e per quanto tempo il PG beve.
  13. Secondo me l'idea è simpatica. Propongo un paio di variazioni per tentare di risolvere i problemi evidenziati, senza stravolgere l'idea di base: Accorpare i primi due livelli di ubriachezza Dopo il primo ts di COS per restare sobri fallito, inserire invece una specie di meccanica di "dipendenza" (più bevi e più tendi a continuare), basata magari su dei ts di SAG, o qualcosa di simile, così che ci sia un certo rischio di ubriacarsi seriamente e non sia una scelta obbligata quella di bere un po' prima di fare prove di carisma.
  14. Ho provato ad applicare un po' di matematica per vedere quanto usare un certo metodo avvantaggia o meno i PG. Come (credo) tutti sappiamo, il risultato medio di un d20 è 10,5. Se il tiro è fatto con vantaggio, il risultato medio sale a 13,825, mentre con svantaggio scende a 7,175. Usare lucky su un proprio tiro non influenzato da vantaggio/svantaggio equivale a tirare con vantaggio. Se si usa lucky su un proprio tiro con svantaggio, si ottiene: Sistema 1 (tiro 3d20 e scelgo quale risultato prendere) --> 15,4875 (Meglio che con vantaggio, come già fatto notare) Sistema 2 (tiro 3d20, ne scarto 1 e poi applico svantaggio sugli altri 2) --> 10,5 (In pratica lucky in media compensa esattamente lo svantaggio) Sistema 3* (prima applico svantaggio su 2d20 e poi uso lucky) --> 12,1625 (Risultato migliore del normale, ma non quanto tirare solo con vantaggio) *Non è ufficiale, ma mi pare che sia quello su cui concordiamo di più in questa discussione. Non ho riportato i passaggi per arrivare ai risultati, ma se qualcuno fosse particolarmente interessato, o volesse sapere che cosa capita quando si usa lucky con vantaggio oppure sui tiri dell'avversario, può scrivermi in privato e sono disponibile.
  15. Solo per chiarire, non avevo minimamente intenzione di criticare la risposta (assolutamente precisa e puntuale), soprattutto sapendo che è una regola ufficiale. Il mio intento era proprio far notare la possibile "falla" nella RAW.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.