Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Recensione: Tasha's Cauldron of Everything

Con colpevole ritardo pubblichiamo la recensione del penultimo manuale uscito per D&D 5E: Tasha's Cauldron of Everything.

Read more...

Quando un lupo non è un lupo? - Parte 2

Oggi Goblin Punch vi parlerà di una possibile e viscida variante per i vampiri per le vostre avventure.

Read more...

La WotC prende il controllo della localizzazione in Italia di D&D 5E

Un comunicato stampa appena rilasciato dalla Asmodee annuncia una importante novità per il futuro di D&D 5E in Italia.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild XI - Il Genio dell'Illusione

Il Genio dell'Illusione è un’avventura Gdr in stile Fantasy/Medievale scritta ed illustrata da Matteo Valenti.

Read more...

I Racconti di Arthaleorn

Andiamo a scoprire una serie di romanzi fantasy italiani intimamente intrecciati con il mondo dei GdR.

Read more...

Capitolo Tre – Il fatiscente teschio spaziale


Recommended Posts

Capitolo Tre – Il fatiscente teschio spaziale

La prospettiva di un viaggio interdimensionale con destinazione un teschio fluttuante nel vuoto era forse ciò che più si discostava dalle previsioni dei singoli membri del gruppo di eroi che erano partiti da Arth quella mattina. Dopo la breve sosta ad Arithmea, dove erano stati in grado di superare l’Ordalia della Sfera e ottenere le indicazioni da parte dei Filosofi circa la loro base, i viaggiatori raggiunsero il piano in cui si trovava il Teschio di Paithah il Creatore. La sensazione di vuoto assoluto fu la prima cosa che i nuovi arrivati provarono, in quanto circondati da un buio assoluto simile a una notte senza luna e stelle, benchè per fortuna non deleterio come l’oscurità fredda e divorante che aveva sostituito il trascurabile piano di Sakurafu. Consci di potersi muovere fluttuando in quel vuoto, la loro unica destinazione fu subito visibile a svariati chilometri di distanza.

L’Opale, grande come il palazzo reale di Garnia (e forse anche di più), illuminava di una pallida luce verde un grande teschio, che via via fu più vicino e più fu in grado di impressionare i nuovi giunti per le sue dimensioni fuori scala. Il Teschio di Paithah il Creatore, seppur scoperchiato, crepato in vari punti e privo di mandibola, era grande come una piccola città, reliquia di un dio le cui dimensioni dovevano essere titaniche in vita e che ora ospitava al suo interno di nuovo della vita. Essa però non era  vita divina, ma un gruppo di persone che si aggiravano tra strani rigonfiamenti ossei simili a grandi bolle dotate di piccole aperture, che di certo non dovevano essere state presenti in origine. Un grosso dirigibile lungo circa sessanta metri,  costruito con pelli cucite, era ancorato vicino ad una delle strutture, sospeso a circa una trentina di metri d’altezza. Poco distante, vicino alla fronte, si trovava quello che non poteva essere altro che un anfiteatro costruito interamente in osso.

Un rumore insolito per quel luogo raggiunse i quattro eroi che erano giunti fin lì: uno scalpitare di zoccoli. Il gruppo che dal teschio li raggiunse, fluttuando come loro in quello spazio, era composto da sette uomini dall’aspetto marziale, sebbene i loro capelli fossero ora lunghi e le barbe incolte. Le loro armature, che un tempo dovevano essere sfarzose, erano ora sporche e bisognose di riparazioni. Ognuno di essi aveva l’aspetto di cavalieri nel corso di una avventura senza fine o di veterani di una guerra per loro in corso quando ogni speranza era perduta. I cavalli su cui ognuno di loro sedeva erano creature uniche, poderosi stalloni dal manto nero dagli occhi vuoti, completamente ciechi e guidati solo dai loro cavalieri. L’uomo in testa, dai capelli corvini e dagli occhi penetranti, era pallido al punto da sembrare quasi malato. Eppure la sua voce fu inflessibile quando si rivolse ai nuovi giunti  Fermi, stranieri! Siete avvisati! Noi siamo i pugni di ferro che mantengono la pace in questo luogo, poiché esso è un santuario per tutti. Benchè proveniamo da mondi differenti, e alcuni di noi sono nemici giurati, abbiamo raggiunto l’accordo di non versare sangue all’interno del Teschio di Paithah. Se venite qui con pacifiche parole di consiglio, siete i benvenuti. Se siete qui per muovere guerra allora io, Hygrave, e i miei cacciatori vi combatteremo! lo sguardo del cavaliere, che reggeva tra le mani una magnifica lancia dalla punta sfolgorante, fissò ad uno ad uno i vari presenti, per poi stringere i denti come se stesse soffrendo. Egli chiuse gli occhi, per poi prendere un profondo respiro e quindi attendere con ritrovata calma la risposta dei nuovi venuti.

Uno degli uomini di Hygrave si portò istintivamente un dito all’orecchio sinistro Sono stati trovati degli intrusi nei pressi dell’anfiteatro! il loro comandante voltò la testa preoccupato Ci sono vittime? Feriti? il suo attenendente scosse la testa No, i servi della regina li hanno intercettati subito. Sembrano comunque essere anche loro elfi, un gruppo con intenti pacifici proveniente da Arth di nome Trenodia in Velluto… e un paio di umani, che sembra essere già stato adocchiati… sempre dalla servitù… Hygrave annuì lentamente, per poi sbuffare all’ultima affermazione prima di rivolgersi a Celeste, Osymannoch, Bainzu, Gunnar e compagni magici Voi da dove provenite? Rappresentate anche voi un gruppo? Come vi chiamate?

X tutti

Spoiler

 

Checkpoint nella notte tra l’11 e il 12 marzo per il prossimo post. Come solito taggo tutti partecipanti a cui consiglio l’iscrizione alla discussione per non perdersi nessun aggiornamento.

 @Zellos @Von @Organo84 @DaoSeeker @Cuppo @aykman

Attualmente Maxillium e Sophia non sono con il gruppo e non possono ruolare.

 

 

Link to post
Share on other sites

  • Replies 171
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Sophia Zhuge Concordo, dovremmo prepararci. Rispose a quanto detto dai suoi compagni. Se trovassimo il loro punto debole sarebbe l'ideale e come proposto, forse tra I Filosofi e Ao qualcuno

Osymannoch l’Inatteso

Giunsero nel vuoto, in un luogo però non accogliente come il lontano ed ormai morto piano invaso dall’energia negativa. 
Peccato...si ritrovò a pensare, prima di emettere un finto sospiro. 
L’arrivo della cieca e sporca cavalleria gli diede da pensare, così come anche i loro particolari modi. Si lisciò il mento un istante, prima di rispondere. 
<<Non preoccupatevi, Pugni di Ferro. Veniamo in pace, alla ricerca dei Filosofi di Arithmea, dopo aver superato l’Ordalia della Sfera. Dobbiamo parlare con loro ed è assai probabile che dopo aver risolto questa questione della massima importanza ce ne andremo per la nostra strada...per quanto la vostra città mi appaia magnifica e mi incuriosisca molto. La mia intera esistenza è dedicata alla ricerca della conoscenza e visitare questi luoghi è una immensa fonte di conoscenze.>> rimase in silenzio un istante, prima di sentire il carico di simpatia dei loro sguardi. <<Se la mia vista vi risulta sgradevole, posso coprirla con un incanto. Non sono solito insultare coloro che mi ospitano.>>

Edited by Zellos
Link to post
Share on other sites

Gunnar Artigli di Sangue

Wow.. La vista del Teschio impressionò non poco Gunnar: sicuramente quel luogo era il posto più strano in cui fosse mai capitato. Almeno per ora. Visto che da quando aveva accettato di aggregarsi agli altri, di certo non erano mancate le soprese, non poteva essere sicuro più di nulla. A proposito..dove sono gli altri? Ma non ebbe tempo di formulare la domanda ad alta voce.

Il gruppo di cavalieri fluttuanti si fece loro incontro e il barbaro li osservo per bene uno ad uno. Non siamo qui con intenti ostili, Hygrave. Rispose subito dopo Osymannoch. Come dice il mio compagno, giungiamo qui alla ricerca dei Filosofi dopo aver visitato il loro piano di Arithmea. Stiamo cercando di capirci qualcosa in più sui recenti terremoti planari. Spiegò.

Il mio nome è Gunnar e quelli di cui parlate provengono dal nostro stesso luogo. Disse poi quando sentì parlare tra di loro i cavalieri. I due umani fanno parte del nostro gruppo e assieme alla Trenodia abbiamo cercato i Filosofi su Arithmea. Abbiamo utilizzato metodi diversi per giungere qui, ma l'intento è comune.

 

@DM

Spoiler

Gunnar forma Mezzo Gigante:

Taglia M (con Powerful Build) - PF: 313/313  - CA: 27 (10 +5 Des +7 Armatura +5 Deflect)

TS: T 32 / R 15 / V 14

Punti Potere: 24/31 - Iniziativa: +9 - Ire rimaste 4/4

For 28 Des 20 Cos 30 Int 10 Sag 18 Car 8

TxC: Maul +4 Tocco Fantasma -> +30/+25/+20+/15 - Danni -> 1d10+17

TxC: Arco Lungo +4 Folgorante -> +26/+21/+16/+11 - Danni -> 1d8+13 +1d6 Elettrico

----

Gunnar forma Orso:

Taglia: L - PF: 433/433  Fast Healing 2 - CA: 30 (10 +6 Des +7 Armatura -1 Taglia +5 Naturale -2 Ira +5 Deflect) 

Spazio: 10 ft. - Portata: 10 ft. (5 ft. Base + 5 ft. da Morphic Reach* del Warshaper) - Movimento: 40 ft.

TS: T 38 / R 16 / V 16

Punti Potere: 24/31 - Iniziativa: +10 - Ire rimaste 4/4

For 48 Des 22 Cos 42 Int 10 Sag 18 Car 8

TxC: Artiglio 1 -> +40 - Danni -> 2d6+24

TxC: Artiglio 2 -> +40 - Danni -> 2d6+24

TxC: Morso -> +38 - Danni -> 2d6+14

Lotta: +40

Immune a critici e stun

*Morphic Reach: A warshaper of 3rd level or higher can suddenly stretch its limbs, neck, or other appendages outward, giving it 5 more feet of reach than the creature it's emulating. Unlike most creatures, warshapers don't appear to have a longer reach until they actually use it.

 

Link to post
Share on other sites

DM

Cacciatori di Hygrave corresse piccato uno dei cavalieri, udendo le parole di Osymannoch. Hygrave rimase in ascolto, prima di rispondere Non saranno necessari travestimenti, gli artifizi possono essere fraintesi e comunque non siete il primo morto vivente che giunge qui rispose Hygrave, il quale annuì alle parole di Gunnar In questo caso vi scorteremo da loro. Tutto l’aiuto possibile è il benvenuto in questo momento, poiché l’esistenza dei piani mette a rischio la vita di chiunque, a discapito dei suoi scopi.

Gli uomini a cavallo furono di parola. Disponendosi ai lati della compagnia essi li accompagnarono in direzione del teschio, ormai divenuto una piccola città per coloro che erano giunti per risolvere quel fenomeno Quindi anche voi avete superato l’Ordalia della Sfera? Me ne compiaccio disse Hygrave Non tutti sono giunti qui, altri hanno usato potenti divinazioni e hanno parlato direttamente con i Filosofi. Penso che in molti non avrebbero superato la prova, specialmente al momento del conto alla rovescia disse il comandante dall’aspetto emaciato Il vostro arrivo comunque giunge con una buona tempistica: Lord Fnut si trova all’anfiteatro disse indicando una piccola figura vestita con un abito color pavone che si aggirava solitaria nella grande struttura E sta organizzando l’ordine del giorno per la prima riunione tra tutti i rappresentanti giunti tra i vari mondi. Con voi e la Trenodia Hygrave fece un rapido conto Siamo un totale di dieci fazioni, in quella che i Filosofi chiamano per comodità Assemblea. Lord Fnut preme affinchè sia formata un’alleanza planare formale, anche se al momento dobbiamo capire quanto è possibile cooperare tra di noi. Ci sono grosse divergenze tra alcuni di noi disse freddamente, senza però fare nomi.

Quando il gruppo ridiscese tra le bizzarre strutture fatte d’osso, i quattro viaggiatori, la tigre e il coure scoprirono che esse erano abitazioni costruite modellando la materia ossea stessa. Di forme prevalentemente sferiche, simili a bolle giganti, esse si diramavano in abitati di varia complessità che andava dalle tre alle sei bolle. In alcuni casi, come in una struttura poco distante, esse erano sovrapposte per formare rudimentali torri Se ne è occupato Ao Senzacorpo disse in tono piatto uno degli uomini di Hygrave, il quale sollevò una mano quando in lontananza vide un elfo accompagnare nella loro direzione Sophia e Maxillium. Come ebbero modo di scoprire, la barda e il nobile erano stati fermati quasi subito da una pattuglia di pallidi elfi dai capelli scuri e ben truccati, i quali li avevano tempestati di domande. Quando fu chiaro che le loro intenzioni erano pacifiche, e magari pure favoriti dalla comune presenza di orecchie a punta, i nuovi arrivati erano stati accolti con grande calore Dovrete raccontarci tutto del vostro mondo, dunque disse uno degli elfi… o forse era un’elfa, difficile dire tale era la femminilità androgina che essi (o esse emanavano). Con carezze e inviti equivoci rivolti anche a Sophia e Maxillium per “conoscersi meglio”, i due erano stati quindi riuniti presto al loro gruppo originario La Trenodia ha già preso posto presso una delle abitazioni disse un elfo (o elfa?) dal pesante trucco scuro sugli occhi e sulle labbra, vestito con un abito viola piuttosto diafano, che non nascondevano però lo stocco e l’arco lungo che portava con sè Direi che i nostri nuovi pregiati ospiti possono alloggiare vicino al lobo destro, tra Myonatix ed Hecke Hygrave sospirò Così magari non si scanneranno tra loro? Speriamo… quindi rivolto all’appartenente al popolo degli elfi Potresti accompagnarli? Io devo conferire con Lord Fnut. Se qualcuno di voi rivolto agli avventurieri Volesse seguirmi è libero di farlo, anche se è ancora presto per l’udienza. Altrimenti siete liberi di riposarvi in attesa di ciò. Se venite con me però… Hygrave tossicchiò Vi chiederei di non portare dietro quella creatura disse indicando Pisittu. La tigre soffiò offesa.

Ma certo, Hygrave. Spero ci onorerai di una tua visita, una queste sere… quindi rivolto agli avventurieri Perdonate la fretta. Non ho fatto le dovute presentazioni, il mio nome è Nindrol disse la guida per gli appartamenti con un formale inchino Se volete seguirmi vi porterò ai vostri alloggi, che potrete arredare come meglio preferirete. Altrimenti se vorrete andare subito alla riunione vi darò delle indicazioni su come raggiungerle. A vostra discrezione.

X tutti

Spoiler

 

Sophia e Maxillium tornano attivi nel ruolaggio.

Checkpoint nella notte tra il 13 e il 14 marzo per l’inizio della prima riunione della Assemblea. I pg possono decidere come muoversi autonomamente all’interno del Teschio di Paithah. Nindrol è disposto ad accompagnare agli alloggi, Hygrave all’anfiteatro. Dato che i pg non hanno il dono dell’ubiquità si potrà decidere solo un corso di azione per volta. Nella notte tra il 12 e il 13 marzo fornirò un intermezzo per descrivere, presentare e rispondere in base alle interazioni.

 

 

Link to post
Share on other sites

Gunnar Artigli di Sangue

Seguì i cavalieri fino al Teschio ascoltando le parole di Hygrave e degli altri e annuendo alla domanda sull'Ordalia. Sì, anche se devo ammettere che fino all'ultimo ero convinto di fare la stessa fine di quei resti carbonizzati dei vrock che abbiamo visto sotto di lei. Ammise Loro sì che non erano degni.. Aggiunse con una risata.

Giunti dentro al Teschio, non potè fare a meno di sentirsi vagamente a disagio. La struttura stessa del piano era quanto di più alieno potesse immaginare e se da lontano aveva avuto quella impressione, ora che vi era entrato era, se possibile, anche peggio. Si guardò comunque intorno cercando di registrare quanti più particolari potesse e, dopo essersi riuniti con Sophia e Maxillium, ricambiò il saluto di Nindrol. Gunnar, piacere. Si presentò inchinandosi anche se in modo non altrettanto elegante.

L'idea di andare negli alloggi non gli piaceva troppo, quindi raccolse l'offerta di Hygrave nella speranza di rimandare il più possibile l'ingresso negli alloggi d'osso. Verrei volentieri, Hygrave. Disse al cavaliere. Non ho molto da sistemare negli alloggi e preferirei conferire con Lord Fnut piuttosto che chiudermi in un loculo d'ossa.. Ovviamente riservò per la sua mente l'ultima frase ritenendo più saggio non dirla ad alta voce.

@Verso Lord Fnut

Spoiler

Mentre si muovevano verso Lord Fnut, Gunnar chiese ad Hygrave Quali sono le altre fazioni presenti? Myonatix, Hecke, Ao Senzacorpo..puoi dirci qualcosa in più?

@DM

Spoiler

Ho messo in spoiler una possibile domanda per Hygrave mentre andiamo verso Lord Fnut. Ovviamente se non è possibile farlo, ignora lo spoiler.

----

Gunnar forma Mezzo Gigante:

Taglia M (con Powerful Build) - PF: 313/313  - CA: 27 (10 +5 Des +7 Armatura +5 Deflect)

TS: T 32 / R 15 / V 14

Punti Potere: 24/31 - Iniziativa: +9 - Ire rimaste 4/4

For 28 Des 20 Cos 30 Int 10 Sag 18 Car 8

TxC: Maul +4 Tocco Fantasma -> +30/+25/+20+/15 - Danni -> 1d10+17

TxC: Arco Lungo +4 Folgorante -> +26/+21/+16/+11 - Danni -> 1d8+13 +1d6 Elettrico

----

Gunnar forma Orso:

Taglia: L - PF: 433/433  Fast Healing 2 - CA: 30 (10 +6 Des +7 Armatura -1 Taglia +5 Naturale -2 Ira +5 Deflect) 

Spazio: 10 ft. - Portata: 10 ft. (5 ft. Base + 5 ft. da Morphic Reach* del Warshaper) - Movimento: 40 ft.

TS: T 38 / R 16 / V 16

Punti Potere: 24/31 - Iniziativa: +10 - Ire rimaste 4/4

For 48 Des 22 Cos 42 Int 10 Sag 18 Car 8

TxC: Artiglio 1 -> +40 - Danni -> 2d6+24

TxC: Artiglio 2 -> +40 - Danni -> 2d6+24

TxC: Morso -> +38 - Danni -> 2d6+14

Lotta: +40

Immune a critici e stun

*Morphic Reach: A warshaper of 3rd level or higher can suddenly stretch its limbs, neck, or other appendages outward, giving it 5 more feet of reach than the creature it's emulating. Unlike most creatures, warshapers don't appear to have a longer reach until they actually use it.

 

Link to post
Share on other sites

Bainzu Doddore

L'arrivo sul piano e il repentino approccio dei cavalieri fluttuanti lasciano un bello strascico di stupore sul druido, pur tuttavia impegnato a tranquillizzare una spaesata tigre ben lontana dal confortevole suolo. Benché piuttosto rigidi e impettiti, i cavalieri si sciolgono presto, e il ricongiungimento con Max e Sophia permette all'intero gruppo di muoversi di nuovo insieme. Limita la comunicazione a un semplice Piacere Bainzu quando Nindrol si presenta, visto il nervosismo di Pisittu, ma apprezza le spiegazioni che Hygrave fornisce loro sul luogo e su cosa bolle in pentola. L'accenno però a differenze e diatribe non lo mette a proprio agio, conscio che una crisi diplomatica con trattative e compromessi da politicanti non possa far altro che rallentare le decisioni Decine di Fazioni, e alcune tutt'altro che collaborative l'una con l'altra.. la situazione sarà ben delicata mormoro agli altri, indeciso se fermarmi all'alloggio o proseguire per l'anfiteatro. L'affermazione di Hygrave però lo mette di fronte ad un obbligo Cosa intendete, signor Hygrave? Il mio cucciolo è sicuramente cresciuto.. bé.. parecchio cresciuto.. ma, come le vostre cavalcature, è ben addestrato e mansueto.. anche se spaesato da questo nuovo modo di muoversi. Temete forse che possa causare scompiglio? chiede il vecchio, che quasi si lascia sfuggire una risatina.

Link to post
Share on other sites

Maxillium Nairdal

Il concetto di camminare e vivere all'interno del cranio di una divinità morta da tempo immemorabile inquietava un po' Maxillium. "Uh... da far venire la pelle d'oca..." pensò guardandosi attorno e analizzando brevemente il luogo che i Filosofi avevano scelto come residenza, mentre venivano identificati da una pattuglia di elfi, e presto si ricongiunsero al resto del gruppo che stava parlando con un membro di una compagnia, di una razza diversa da quella che aveva accolto lui e Sophia. Quando sentì le affermazioni rivolte ai loro prossimi vicini si incuriosì "Lieto di conoscerla sir. Maxillium Nairdal" disse con un lieve inchino "Che motivo hanno i nostri nuovi vicini di scannarsi fra di loro? Avete bisogno di aiuto? In quel caso accolgo volentieri la sua richiesta..." esitò un attimo guardando l'elfo/a che li aveva accompagnati, non sicuro di che onorativo usare "...guida Nindrol, di mostrarci la nostra nuova residenza."

Spoiler

Mi faccio accompagnare da Nindrol agli alloggi.

Maxillium Nairdal

PF 152  CA 21 ( 8 armatura +3 destrezza)

Iniziativa +3

Tempra +18; Riflessi +22 (eludere); Volontà +15

 Riduzione danno 3/-

Lotta: +23 (16 base+7 forza)

Txc: +26/+21/+16/+11

Danni: 2d6+17

 

Link to post
Share on other sites

Osymannoch l’Inatteso

Fece un leggero inchino nei confronti del piccoso cavaliere. Non aveva granché interesse nei confronti di simili questioni, a dire il vero.

Ascoltò attentamente le parole sia dei cavalieri dai destrieri ciechi, sia degli elfi ( dal sesso ignoto). 
<<Verrei anche io all’anfiteatro, presenza o meno del felino. Qualcuno è impaurito da tali creature?>>

Link to post
Share on other sites

Celeste Borealis(Umana Elocatrice)

L'arrivo nel teschio non passò ovviamente inosservato, anzi fu piacevolmente colpita dalla rapidità d'intervento con cui erano stati accolti. L'elocatrice non si espresse, lasciando ai suoi compagni l'onere di presentarsi, per poi venire accompagnati lungo l'inusuale terra d'ossa.. In una situazione del genere l'occhio di Celeste era particolarmente attento, osservando con cura i cavalieri che li avevano accolti, strade e le strane case sferiche. L'elevato numero di elfi iniziò a non essere più un peso per l'elocatrice.. Era abbastanza certa che quelli che stavano muovendo guerra su Arth se li era lasciati proprio in quel piano e fintanto che la Trenodia non avesse fatto qualche marachella, allora non ci sarebbero stati problemi.. Rimaneva comunque alto il dubbio sui comportamenti molto frettolosi di Tarzi, poiché l'elocatrice era abbastanza incerta si trattasse semplicemente di voglia di voler sistemare la faccenda.. E' meglio avere occhi ed orecchie ovunque ora.. 

Molto piacere! Io sono Celeste Borealis, ex avventuriera girovaga. Salutò con un ampio sorriso solare Nindrol e portandosi le mani sui fianchi. Visto che c'è ancora del tempo allora verrò volentieri a vedere le stanze, così magari facciamo pure conoscenza con altri del posto ed iniziamo ad ambientarci. Disse. Dieci fazioni in totale eh.. Mi ricorda molto l'ultima tavolata di guerra con tra i vari leader del continete occidentale.. Perfino quando fummo in grado di riunirli tutti sotto un'unica causa i battibecchi non mancarono.. Almeno questa volta non devo pensare a badare alle stra maledette voglie, caz*ate o richiami di divinità distorte di.. lei.. 

X DM

Spoiler

Osservare +22 Ascoltare +22 durante il viaggio verso le residenze

 

Edited by Organo84
Link to post
Share on other sites

Sophia Zhuge

Il teschio di Paithah era davvero un luogo unico, se mai avessero risolto le problematiche del terremoto probabilmente sarebbe tornata per scoprirne di più, sapeva che il loro soggiorno non le avrebbe concesso di fare abbastanza ricerche sul quel luogo.

Speriamo solo che non ci coinvolgano nella loro faida...non siamo qui per fare da badante a nessuno disse quando sentì dei pessimi rapporti che scorrevano tra i loro vicino di alloggio.

Nindrol, molto lieta, sono Sophia Zhuge. Si presentò brevemente ma in modo garbato. Ringrazio per la sua disponibilità, ma credo andrò anch'io all'anfiteatro per conoscere Lord Fnut.

Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

DM

No, non ci sono persone che temono i grossi felini rispose Hygrave rivolto a Bainzu Ma la mia lancia, Ombra Fugace, è un flagello per le bestie magiche e arde dal desiderio di trafiggere quella tigre Pisittuo soffiò irata, il pelo dritto. Il cavaliere quindi tirò le redini del proprio cavallo Se non vuole che gli succeda nulla di male, le consiglio di tenerla lontana da me Hygrave quindi si incamminò verso l’anfiteatro, mentre i suoi cacciatori ripartirono per pattugliare il perimetro del Teschio di Paithah. I sei eroi si divisero quindi in base alle proprie preferenze.

X Gunnar, Sophia e Osymannoch

Spoiler

 

Allontanatosi da Bainzu, ma sopattutto da Pisittu, Hygrave parve ritrovare un’ombra di loquacità, pur rimanendo ancora piuttosto austero Siamo un calderone di popoli diversi, da mondi molto differenti tra loro. Voi e la Trenodia vi conoscete già, quindi non credo di potervi dire molto altro… Hygrave guardò con poco rispetto Osymannoch Ao Senzacorpo è un demilich, una potente creatura la cui specie dovrebbe bastare a descriverlo. Non abbiamo simpatia per i non-morti, anche perché sospettiamo già chi si trovi dietro questo disastro, ma ne parleremo presto alla riunione. Sappiate però che non lasceremo che nulla ci intralci nella nostra caccia il cavaliere serrò la mascella, gli occhi che si persero nel vuoto L’ultimo piano ad essere distrutto si chiamava Arkossa ed era il mondo dove vivevamo io e i miei cacciatori. Ormai per noi è rimasta solo la vendetta.

La distruzione del proprio mondo gettò nel silenzio Hygrave fino a quando, pochi minuti dopo, il gruppo non raggiunse l’ampio anfiteatro, che avrebbe potuto contenere duecento e passa persone al suo interno. Su quello che era un palco con leggìo posto davanti all’ampia platea, un anziano uomo stava borbottando mentre riordinava una pila di fogli di pergamena. Egli però si voltò quando notò la nuova compagnia Hygrave, suppongo che la tua pattuglia abbia avuto subito da lavorare Lord Fnut era un educato gentiluomo con radi capelli bianchi come la barba e i baffi. I suoi occhi luminosi lo rendevano più simile a un premuroso nonno che non un sapiente studioso planare, sebbene i suoi vestiti con una trama simile a quella di piume di pavone lasciassero intendere più della prima impressione Lieto di vedere in voi nuovi alleati, spero di non rubare troppo del vostro tempo se prima chiarisco alcune cose con Hygrave il capo dei cacciatori e Lord Fnut disquisirono quindi su alcune questioni di sicurezza, per la quale il nativo di Arkossa sembrava premere molto Parleremo dei rumori che avete sentito provenire dall’interno del teschio al dibattito, come d’accordo Hygrave parve soddisfatto della cosa e ripartì per chiamare i vari gruppi. Fu allora che Lord Fnut rivolse tutte le sue attenzioni al gruppo Solo voi tre? Mi duole informarvi che non siete la fazioni più piccola, in ogni caso. Spero che raggiungermi non vi abbia causato troppi problemi, ma ho voluto assicurarmi che solo i più potenti e saggi potessero giungere. Non so quanto possa essere potente chi si cela dietro questi piani perduti, ma singolarmente non potremmo mai lavorare con la stessa efficacia di un gruppo organizzato Lord Fnut quindi estrasse una clessidra dall’aspetto complicato e corrugò la fronte Tra non molto dovrebbero cominciare ad arrivare… penso avremo modo di conoscerci meglio nei prossimi giorni, magari davanti a una bella tazza di tè verde e assaporando un po’ di tabacco di qualità da una pipa, ma se posso rispondere subito a qualche domanda posso farlo volentieri. Prima però vi chiederei, a beneficio di comodità… come vorreste che chiamassimo il vostro gruppo formalmente? Per quanto nei colloqui informali useremo i nostri nomi, all’Assemblea sarebbe scomodo contarci. Sapete, siamo più di centodieci partecipanti in tutto…

 

X Celeste, Maxillium e Bainzu

Spoiler

 

Celeste Osservare +22+19=41

Dopo il freddo scambio di parole tra Hygrave e Bainzu, Nindrol rimase qualche secondo in silenzio mentre accompagnava i viaggiatori in direzione delle loro abitazioni Ah, i vostri vicini? Beh, non dovete temere più di tanto. Non so se Hygrave vi ha già informato, ma tutti abbiamo giurato di non ricorrere alla violenza finchè rimarremo all’interno del Teschio. E in verità anche quando potrebbe rendersi necessario allontanarvisi si affrettò a correggere Il nostro grande numero è un detrattore, se una fazione si opponesse le altre set… nove, con voi e la Trenodia, potrebbero sopraffarla facilmente il membro del popolo elfico li condusse in un caseggiato con due ampie bolle alla base e una sopra. Celeste notò che una delle fazioni vicine doveva essere proprietaria del sinistro grosso dirigibile di pelle raffazzonata sospeso in aria ed ancorato ad un caseggiato di tre bolle, tutte a piano terra.

Non pretendiamo possiate risolvere i problemi tra quelle teste calde. Hecke e i suoi non fanno altro che prendere in giro e fare burle ogni volta che ne capita l’occasione, mentre Myonatix… beh, lei e la sua razza di fatine dell’amore sono solo bambini ingenui finiti in un gioco troppo grande e pericoloso confidò Nindrol mentre li portava all’interno del loro abitato E non fanno altro che lamentarsi delle urla delle anime che sono legate al dirigibile planare di Hecke. Ma io penso che Vecchio Gonfio (tale era evidentemente il nome del dirigibile) possa tornare utile prima della fine di questa storia.

Non c’era molto da descrivere sugli appartamenti in osso eretti all’interno del Teschio. Essi erano ampi e circolari, spaziosi a sufficienza per accomodare abbastanza risorse per convivere in sei, ma con l’eccezione delle finestre poste per il necessario ricambio d’aria, al momento non vi era nulla all’interno. Nindrol però parve cogliere la possibile delusione e si affrettò ad aggiungere Siete liberi di poter portare qui tutto l’arredamento che ritenete opportuno per stabilire la vostra più comoda base di operazioni. Raccomando solo di non esagerare con le individuazioni, che sono viste come atti di maleducazione. Per la vostra sicurezza non dovete temere: il Teschio di Paithah è di per sé stabile e immune agli effetti dei terremoti planari, almeno per il momento, e qui non dovrete temere attacchi di creature da altri mondi come successo anche nel nostro mondo. In verità i Filosofi insistono molto sul fatto che dimoriamo tutti qui, al fine di poterci controllare a vicenda e non rischiare di essere tra le vittime di un'altra possibile Sakurafu o Arkossa, il piano di Hygrave e i suoi cacciatori, l’ultimo ad essere stato completamente distrutto. Nindrol quindi si congedò dai viaggiatori Ora devo scusarmi, ma tra non molto inizierà la riunione e devo andare a prepararmi. Ma per qualsiasi dubbio non esitate a chiedere ai Filosofi o presso la nostra corte. Saremmo felicissimi di poter bere qualcosa con voi una sera e parlarvi delle meraviglie del nostro mondo baciato dalla luna.

 

X tutti

Spoiler

Checkpoint nella notte tra il 13 e il 14 marzo per l’inizio della prima riunione dell’Assemblea.

 

Edited by Bomba
Link to post
Share on other sites

Bainzu Doddore

Alla faccia dell'educazione si ritrova a pensare il druido di fronte alla sfacciata minaccia del cavaliere, e quindi replica, in tono leggero e pacato che maschera ben poco come la cosa lo infastidisca Incredibile.. un'oggetto che desidera.. ditemi, Hygrave, siete voi il padrone o questa.. Ombra Fugace? Perché se comanda Ombra, allora rischiate di esser liberato dalla schiavitù.. in caso contrario, siete voi che desiderate colpire, e allora sarei costretto a liberarvi di ben altro. Il mio rispetto per la vita è altissimo, vi assicuro, come anche la mia pazienza. Ma non mettetele alla prova con parole arroganti, abbiamo problemi ben più pressanti. Poggia la mano su Pisittu, accarezzandone l'irto pelo, mormorando in druidico Buono gatto, buono. Da brava devi fare. Con certi scemì parlare non devi 

@Celeste, Maximillium e Nindrol

Spoiler

Segue poi un'imbarazzato Nindrol, preso fra due fuochi proprio quando deve spiegare la difficile situazione venutasi a creare tra i vicini con idee molto lontane fra loro.Appena l'androgino elfo lascia soli gli eroi, Bainzu lascia andare Pisittu, che si acciambella nei pressi dell'ingresso, ronfando pesantemente. L'uomo gli porta cibo e acqua e la lascia lì a sbollire la rabbia; la sua invece è già sfumata: non è persona che porti rancore, e i lutti nonché le perdite dei cavalieri, di recente privati di una patria, sono sufficienti a giustificare una lingua troppo affilata.

 

Edited by aykman
Link to post
Share on other sites

Osymannoch l’Inatteso

La risposta del buon cavaliere si rivela essere...un misto fra stupida, triste e nell’antico baatoriano, cringe.
Stava per rispondergli, ma evitò, non aveva abbastanza fiato in corpo per mettergli sale in zucca.

@all’anfiteatro

Spoiler

<<Oh, un demilich! Sarà interessante parlare con lui. Con le giuste risorse ed il giusto tempo credo che finirò anch’io a percorrere quella strada.>> si ritrovò a lisciarsi il mento <<Anche se forse mi dispiacerà abbandonare ancora di più la mortalità in un modo simile.>> 

Incontrato il filosofo, sorrise leggermente, le sottili labbra si piegarono con un rumore simile a quello del cuoio. <<Lieto di fare la vostra conoscenza, Lord Fnut. Il mio nome è Osymannoch, ma per molti sono l’Inatteso, sul mio mondo d’origine. Abbiamo concordato un nome, con i nostri compagni: Guardiani Planari. Altisonante, lo ammetto, ma fra di noi ci sono eroine che hanno già attraversato i piani per aiutare i più deboli e quindi è assai adatto. E non siamo in tre, alcuni si sono semplicemente diretti agli alloggi. Scusate se vi importuno: quante sono le fazioni, a parte noi, voi, la Trenodia in Velluto, Ao il Senzacorpo ed i cacciatori di Hygrave?>>

 

 

Link to post
Share on other sites

Sophia Zhuge

@DM, Gunnar, Osymannoch

Spoiler

Le parole di Hygrave la fecero riflettere su quanto aveva visto pochi giorni prima su Sakurafu o forse era meglio dire ciò che non aveva visto. In effetti per com'era Sakurafu pensare che possano essere coinvolti i non morti è un'ipotesi plausibile, come potrebbe essere pensare che lo sia un necromante...per quanto ne sappiamo però è un'ipotesi come un'altra 

Mi dispiace per quanto avvenuto al vostro mondo natale rispose a Hygrave quando disse che il loro piano era stato distrutto

Giunti poi all'anfiteatro si presentò anche lei a Fnut Piacere di fare la sua conoscenza, il mio nome è Sophia Zhuge.

Immagino ne parleremo nell'assemblea ma sono davvero ansiosa di capire esattamente cosa stiamo affrontando e come fermarlo. Anche se non so quanto il numero di persone coinvolte possa aumentare le possibilità di fermare tutto questo, soprattutto se non davvero uniti e a quanto ho visto fin ora c'è molta diffidenza se non addirittura astio tra alcune fazioni. 

 

Link to post
Share on other sites

Celeste Borealis(Umana Elocatrice)

Agli appartamenti (Bainzu, Maxillium, DM)

Spoiler

Avere a che fare con i rappresentanti di altre sette otto fazioni, di cui, ad eccezione della Trenodia, originarie di altri sistemi planari, sarebbe di certo stato ostico ed una "pesca". Culture, modi e mentalità che si sarebbero scontrate senza se e senza ma. L'elocatrice aveva imparato anni fa che nemmeno nei momenti di crisi più nera tutti si sarebbero trovati d'accordo per mettere da parte divergenze e conflitti. Hygrave sarebbe stato un individuo delicato da conoscere, almeno dopo la sua uscita intimidatoria, o per il semplice fatto che il suo piano, la sua casa era stata consumata nemmeno qualche giorno fa.. Lo stesso lo si sarebbe potuto dire per gli altri citati da Nindrol. A-anime legate ad un dirigibile? La prima descrizione di questo Hecke non le aveva dato un'impressione sinceramente buona.. Anche perché quando si parlò di anime intrappolate inevitabilmente il pensiero dell'eroina cadde sul Collettore.. E per quanto sapesse essere stato distrutto per sempre, vedendolo con i propri occhi fratumarsi.. Era semplicemente qualcosa che non poteva andarsene dalla sua testa. 

Lo schiocco che riportò alla realtà l'elocatrice fu il sentire parlare nuovamente Nindrol, scrollandosi di dosso qualunque pensiero l'avessa distratta. L'espressione divenne perfino incuriosita quando citò la propria casa come "baciata dalla luna" prima di lasciare i campioni alle loro preparazioni. Che venga anche lu.. le.. Nindrol dal piano di Scarrow? Chiese, per poi osservare con attenzione una degli appartamenti. Immagino che possa andare per lavorare.. Anche se nulla batta il dolce profumo di casa e fiorito Primarosa.. Finchè Rakayah non brucia qualcosa.. Gli occhi della Borealis si serrarono quasi, mentre l'espressione cambiava in una smorfia mista tra fastidio, permalosia e rabbia. Adesso non ho granché, ma se dovesse diventare casa per un po' magari potrei abbellire un po' la stanza con.. Va bhe', io mi avvio per l'anfiteatro.. Vediamo con chi abbiamo a che fare.. 

 

Edited by Organo84
Link to post
Share on other sites

Maxillium Nairdal

Agli alloggi: Celeste, Bainzu

Spoiler

Il cacciatore ascoltò con interesse le informazioni che Nindrol fornì e annuì quando gli venne spiegato il patto di non violenza "Ha senso... Siamo tutti qui con un'obiettivo comune, in fondo...".

Arrivati ai loro nuovi alloggi Maxillium adocchiò il dirigibile "Un mezzo di trasporto tra i piani alquanto interessante..."  e un mezzo sorriso gli spuntò sulle labbra, che però svanì quando ascoltò le parole dell'elfo/a che li accompagnava "Ci sono legate delle...anime...? Mmmh" pensò mentre esaminava la loro futura residenza: al momento era spoglia, ma sarebbe stata più che ottimale come iniziale base operativa "La ringrazio molto, guida Nindrol, per averci accompagnato qui, e sarò lieto di accettare il suo invito non appena avremo un attimo di tempo." per poi rivolgersi a Celeste e Bainzu che lo avevano accompagnato "Mi sembra una residenza niente male, anche se, in generale, questo intero piano continua a...disturbarmi un poco..." "Anche se ci farò l'abitudine prima o poi...immagino...

Alle parole di Celeste l'uomo rispose "Ho fatto anch'io la stessa ipotesi lady Celeste. Di certo è una possibilità, ma potremo chiederglielo più tardi. Sembra che l'Assemblea stia per iniziare." disse. Visto che il problema dei vicini era minore di quanto pensasse, Maxillium si diresse all'anfiteatro.

 

Link to post
Share on other sites

DM

X Osymannoch, Sophia e Gunnar

Spoiler

 

Abituato alle reazioni ostili, Osymannoch potè trovare un eccezione in Lord Fnut. Egli rispose al lich con la stessa naturalezza con cui avrebbe fatto con un collega insegnante in una facoltà universitaria Speriamo sia di buon auspicio, allora disse con un sorriso l’anziano E’ scientificamente provato che un buon umore generale rende più produttivi i gruppi di persone e tutto ciò che può aiutare in questo momento è il benvenuto Lord Fnut quindi fece un rapido calcolo Undici gruppi rispose senza esitazione (avevo sbagliato io a contare nel vecchio post, ndr) Non sappiamo se ne arriveranno altri, in questi giorni siete giunti a grappoli, scremati in alcuni casi dall’Ordalia della Sfera. Chi è comunque giunto ha risorse importanti a disposizione, quindi spero andremo d’accordo nell’idea di formare un fronte comune e tenere da parte le divergenze per quando tutto questo sarà risolto.

Lord Fnut annuì alle parole di Sophia E’ così, per questo voglio tenere riunioni periodiche per tenere tutti aggiornati e discutere in gruppo quale sia la migliore linea da seguire. Sicurezza, teoria e azione sono i tre capisaldi che terremo nella redazione dei nostri punti, dove discuteremo e distribuiremo i compiti in base alle migliori competenze.

 

Lord Fnut aveva appena finito di disquisire con Osymannoch, Gunnar e Sophia, quando anche Bainzu, Celeste e Maxillium li raggiunsero Ah, il resto della vostra simpatica combriccola! Felice di incontrare il resto dei Guardiani Planari disse. L’anziano capo dei Filosofi di Arithmea sembrava un vecchio professore universitario ritiratosi a una vita di tranquillità, sebbene le sue eleganti vesti e il piglio acuto lasciavano intravedere più di quanto egli non volesse lasciar trasparire. Di lì a poco furono raggiunti da Tarzi, Mhorannan e il resto della Trenodia in Velluto. I membri della congrega di drow sembravano essersi messi a loro agio, ma non sembravano aver investito il tempo per lavarsi, a giudicare dal pesante odore di sostanze psicotrope che li seguiva, che unito all’aroma di vino contribuiva a giustificare l’aspetto trasandato della maggior parte di essi Benritrovati disse Tarzi, l’unico tra loro (oltre a Mhorannan) ad aver mantenuto una certa lucidità. Essi comunque non furono i primi a giungere: con l’approssimarsi della riunione, ad uno ad uno, tutti coloro che avevano risposto all’invito dei Filosofi ed avevano colonizzato il Teschio di Paithah iniziarono a raggiungere l’anfiteatro. I Guardiani Planari e la Trenodia ebbero quindi modo di conoscere le fazioni con cui avrebbero dovuto collaborare.

Le prime creature che raggiunsero l’anfiteatro sembravano uscite dall’incubo di un paesano che avesse passato tutto il giorno a bere ed assumere sostanze psicotrope I Demoni Circensi di Hecke commentò Lord Fnut in tono piatto Almeno stavolta si sono degnati di arrivare in orario. In effetti essi erano davvero demoni, riconoscibili nelle loro infide sottospeci: una era una succube, la quale non faceva alcuno sforzo per nascondere il proprio aspetto naturale, mentre gli altri erano un hezrou, un glabrezu e una marilith, la quale fischiettando lanciava in aria i propri pugnali in elaborati movimenti da giocoliere. Tutti erano vestiti con sgargianti abiti colorati degni di una grottesca parata carnevalesca. Il loro leader, se possibile, era qualcosa di ancora più inquietante, una creatura che nemmeno Celeste aveva mai visto. Egli appariva come un grottesco clown, con una faccia truccata con un fondotinta bianco avorio e curata nel labbra e negli occhi con matita nera. I denti del clown erano affilati al punto da far sembrare l’immensa bocca più simile a una trappola per orsi. Ogni suo movimento, oltretutto, faceva sobbalzare ventre e fianchi in maniera innaturale, come se l’interno fosse colmo di un qualche gas Ma guarda, nuovi ospiti commentò il sinistro pagliaccio esibendo la propria chiostra di denti affilati Potremo forse tappare le crepe planari con i loro cadaveri, se non sono abbastanza forti. O magari potrei inghiottirli tutti, sembrano davvero personcine deliziose suggerì. Il resto dei demoni proruppe in un coro di risa, l’hezrou che giocherellò con alcune spesse corde in mano. La succube guardò i sei passando la lingua sulle labbra Guardiani Planari? Spero siate più bravi a letto che non a proteggere il multiverso, visto come stanno andando le cose! la marilith si piegò in due dalle risa, iniziando a lacrimare Ba-dum tssss commentò il glabrezu.

Mr.Hecke, per favore prenda posto assieme ai suoi disse Lord Fnut Agli ordini, Lord Flatulenza commentò Mr.Hecke, con un inchino esagerato che lo portò a sbattere la fronte a terra. I suoi sottoposti si sganasciarono dalle risa, prendendo posto e piazzando in qua e in là dei palloncini gonfiabili per finte flatulenze. Essi però calmarono i loro spiriti quando una coppia fece il suo ingresso nell’anfiteatro.

A condurre la più piccola delegazione, con passo lento e un’espressione solenne sul viso, era una bambina dai capelli biondi, di circa dieci anni, vestita con una tunica bianca, simile a quelle che erano visibili nei cori delle chiese. La bambina portava davanti a sé un cuscino di velluto nero, sopra il quale era visibile un teschio umano, ormai marrone scuro dalla vecchiaia. Eppure uno scheletro più sfarzoso non si sarebbe mai potuto trovare altrove, laddove preziosi rubini rossi erano posti all’interno delle orbite oculari e diamanti erano incastonati nei denti. Seppur piccolo in dimensioni, il potere che era percepibile in quel teschio sembrava superiore a quello di qualunque avversario che i campioni avessero mai affrontato Ao Senzacorpo e la Bambina Avorio presentò formalmente Lord Fnut ai campioni di Arth. La bambina degnò appena di uno sguardo il gruppo, ma il demilich appoggiato sul cuscino tra le sue mani non attese di parlare ai nuovi arrivati Oh, Rebecca! Melissa! Tesori miei! esclamò telepaticamente in direzione di Celeste e Sophia Siete più belle che mai, ma non vi offendete se vi dico che stasera tutti gli occhi saranno su di me. Oh, sì! Prendetemi la parrucca e le perle, sarò la regina del ballo! Lord Fnut osservò gli avventurieri di sottecchi, scuotendo con lentezza la testa, come chi aveva già visto strano comportamento diverse volte. Per fortuna di Celeste e Sophia, la Bambina Avorio portò a sedere sé stessa e il demilich in grembo senza bisogno di parrucche e perle.

Un forte squillo di trombe proruppe dall’ingresso dell’anfiteatro La Regina Jasmeera, sovrana di Ardentia! annunciò una voce elfica effemminata. Un gruppo di alti, aggrazziati abitanti dalle orecchie a punta fece la propria comparsa con una grazia tale che essi sembravano non toccare nemmeno terra. Essi erano gli elfi che avevano intercettato la Trenodia, Sophia e Maxillium al loro ingresso, riconoscibili per gli abiti diafani di un viola scuro che sembrava ammantarli come nebbia, i maschi androgini appena distinguibili dalle donne (alcune delle quali avevano però rispettabili davanzali), entrambi i sessi truccati sui visi dalla pelle candida con trucco scuro sulle palpebre e sulle labbra. Talvolta intenti ad acconciarsi i capelli tra loro, essi lanciarono più di una volta uno sguardo ai campioni, come un invito silenzioso a raggiungerli. Nindrol, tra i presenti, fece l’occhiolino ai sei. La leader di questa compagnia era  la femmina più alta e statuaria, i capelli scuri che le ricadevano come una cascata attorno al viso color alabastro e dagli occhi dorati e simili a quelli di un gatto. Sebbene in apparenza sembrasse cinta da un’armatura, una seconda occhiata permise di capire che ella in realtà non indossava nulla se non una elaborata pittura color argento e nero su tutto il corpo, applicata con tale precisione da sembrare piastre di metallo. Alla vista dei nativi di Arth, le sue labbra si schiusero in un sorriso dolce e allo stesso tempo complice. Jasmeera osservò con curiosità i nativi di Arth, lo sguardo che passò a turno su ognuno di loro con una tale intensità da farli sentire trafitti da parte a parte E’ un piacere fare la vostra conoscenza disse con un sorriso, prima di sedersi assieme alla sua nutrita scorta. Ella accavallò sensualmente le gambe, lo sguardo che però spesso tornò a indugiare sui nuovi arrivati. Se l’elfa potè impressionare per la sua presenza, lo stesso non si potè di certo dire per la sua attendente, un’altra elfa il cui corpo e capelli erano di un color bianco come quello di un blocco di ghiaccio. Circondata da una nebbia gelida che la seguiva, la sua espressione priva di sentimenti venne interrotta solo quando ella provò a sorridere. Ma a differenza del suo intento, la maschera di orrore che si dipinse sul volto lasciò solo percepire un timore per quella grottesca creatura.

X Sophia

Spoiler

Pan ronzò terrorizzato, nascondendosi dietro il collo si Sophia Una cacciatrice canuta, una cacciatrice canuta! mormorò terrorizzato Credevo fossero solo una leggenda! Sono una razza di fate maligne, che caccia persone come fossero bestie e per poi rubarne le anime. Oh, dèi, proteggetemi!

Se Jasmeera sembrava non lasciar trasparire troppo di ciò che pensava, ella era comunque ben più espressiva di chi giunse dopo di lei. Con un passo marziale e senza alcuna traccia di emozione ad entrare nell’anfiteatro fu un quintetto di creature completamente cinte da pesanti armature nere. Di taglia simile a quella di un alto essere umano, essi erano tutti della stessa altezza e indossavano protezioni identiche tra loro, tra cui elmi di un color onice lucido che coprivano l’intera testa per terminare con una punta sulla testa simile alla coda di una goccia, oltre a guanti che terminavano con tre dita E’ la Legione del Reame Imponderabile disse Lord Fnut, a beneficio di chi ancora non li aveva incontrati. I cinque figuri si voltarono quasi come un sol uomo verso gli eroi, chinarono a malapena il capo in un cenno di saluto e presero quindi posto tra il pubblico.

La processione che giunse in seguito era originaria di Arithmea Il resto dei Filosofi di cui sono a capo spiegò il loro Lord. Essi erano costituiti interamente da anziani uomini che ormai avevano rimasto ben pochi capelli in testa. Canuti e in alcuni casi leggermente ingobbiti sotto le vesti di colori sgargianti, essi lasciavano però intravedere una scintilla di conoscenza negli occhi, accentuata dai pesanti libri che essi portavano con loro tramite dischi di forza magica su cui essi erano impilati e pronti ad essere consultati in caso di necessità. Tomi di antico sapere perduto, alcuni di questi volumi erano talmente antichi che il metallo di cui erano composte le pagine aveva cominciato a irrugginirsi, motivo per il quale era spesso possibile udire i Filosofi di Arithmea battibeccare sulla necessità di un lavoro di copisteria Per preservare la conoscenza con la massima sicurezza erano soliti ripetere. Come molti anziani di qualunque mondo, essi non si sperticarono in grandi presentazioni, preferendo prendere posto borbottando sugli altri ospiti presenti.

Fu un riconoscibile clangore metallico a precedere l’ingresso di otto grossi ragni meccanici, dagli occhi fatti di vetro e dal corpo illuminato da una forte luce rossa Questi sono i Rag- Lord Fnut venne interrotto da quello più distinguibile dagli altri, vista la propria luce blu sul corpo La presentazione è superflua. I soggetti qui presenti hanno già interagito con la unità 46 presso il piano di Arth. Dato l’approccio pacifico il nostro consenso non ha necessità di ulteriori dettagli sul motivo del loro arrivo spiegò Qualora sia vostra necessità rivolgervi a noi, potete chiamarmi Sobrilik a quel punto il leader. Il loro approccio educato però non durò a lungo Allarme, rilevata minaccia di livello critico! esclamò Sobrilik alla vista della Trenodia in Velluto. Il resto dei Ragni Planari si schierò, pronta per la battaglia fino a che Lord Fnut non si pose in mezzo a loro e chiese lumi ai nativi di Coax La loro razza ha precedenti nei tentativi di distruzione a livello planare, essi costituiscono una seria minaccia per l’Assemblea furono necessari parecchi minuti a Tarzi e ai suoi per spiegare le loro origini e convincere Lord Fnut Se è così allora avete diritto di rimanere Sobrilik tuttavia non fu altrettanto aperto Rimaniamo contrari alla loro partecipazione e nanterremo monitorata la situazione. Se la minaccia verrà confermata essi verranno terminati quindi rivolto ai Guardiani Planari Consiglio un distaccamento da soggetti di tale minaccia, che può compromettere la vostra posizione nei confronti dell’ordine egli, come il resto dei Ragni Planari, iniziarono a scalare le pareti dell’anfiteatro per prendere posto in piccionaia.

Ben più colorata e allegra fu la delegazione che giunse dopo i Ragni Planari, la quale sembrava uscita da una fiaba per bambini. Tra di essi vi erano un paffuto uomo dalla pelle blu scura e con un cravattino giallo, una donna nuda con la testa di felino e ali piumate, oltre ad un delfino dorato che volteggiava in aria come avrebbe fatto in acqua. Eppure nessuno di essi avrebbe potuto abbagliare alla vista come l’immenso (taglia Mastodontica) drago prismatico che adombrò per un attimo la luce della gemma verde, proiettando un arcobaleno di colori ovunque (Mr.Hecke e i suoi fecero versi disgustati indicandosi l’interno della bocca) Questi simpatici signori sono i membri del Seguito di- Lord Fnut si scostò appena in tempo per evitare di venire travolto dalla mezzelfa che piombò dalle spalle del drago prismatico. Ella era una graziosa fanciulla sorridente, vestita con abiti dai colori accesi tenuti assieme da una trama di placche metalliche che mandavano bagliori dorati e rosei Lady Myonatix! disse la mezzelfa con un largo sorriso, i lunghi capelli castani che vorticavano liberi nell’aria come se ella fosse stata immersa in acqua E questi sono i miei amici disse indicando in ordine il drago, il paffutello blu, la donna-gatto e il delfino Auberil, Bombus, Ashbet e Miri! Scusate il ritardo! Spero potremo andare d’accordo! dopo calorose strette di mano e abbracci che andavano contro ogni legge sul distanziamento sociale, Lady Myonatix e i suoi presero posto tra il pubblico.

Non vi erano grandi sorrisi tra le creature che giunsero poco dopo, una processione formata da una ventina di elfi dall’aspetto selvaggio e vestiti di pelli di animali (alcuni dei quali armati di arco o scimitarre), oltre a un paio di uomini dalla testa di lupo e un leonal. Anzi, se possibile le loro espressioni si fecero ancora più ostili quando essi video i nativi di Arth E voi sareste i nuovi aiuti? ringhiarono gli uomini lupo e il leonal, cui fecero eco gli elfi silvani Queste persone hanno già recato male a noi, privandoci di uno dei nostri Guardiani di Bestie! Lord Fnut parve sorpreso e si volse verso i nativi di Arth Ci sono per caso dei precedenti tra voi e il Patto Silvano? domandò. Il leader dei rappresentanti della parte soleggiata di Ardentia, un elfo dai capelli scuri e con una corona di spine sulla fronte insanguinata, guardò con sufficienza il capo dei Filosofi Essi hanno aiutato i servi della tiranna Jasmeera, riducendo a prigioniero uno dei miei. Sono persone non gradite, ma per il momento possiamo tollerarne la presenza e non esigeremo subito vendetta. Io, capobranco Vesphian, ho parlato i restanti membri del Patto Silvano presero quindi posto tra il pubblico, non mancando però di scoccare occhiate truci al gruppo che aveva sconfitto il tarrasque. Uno dei leonal ruggì all’improvviso, quando al suo sedersi proruppe una trombetante flatulenza. I Demoni Circensi di Hecke iniziarono a ridere sguaitamente mentre l’uomo leone afferrò e fece a brandelli il palloncino gonfiabile su cui era finito.

Quando per ultimi giunsero i Cacciatori di Hygrave, come a verificare che tutti fossero giunti, Hygrave annuì ai viaggiatori. Non c’era bisogno di presentazioni, mentre i sette smontarono dai propri poderosi stalloni, il leader del gruppo che osservò i Guardiani quanto bastò per notare l’assenza di Pisittu e annuire leggermente, soppesando la propria lancia.

X Maxillium

Spoiler

L’ex nobile udì una voce nella sua testa. Non era, per sua fortuna, il tipo di voce che giungeva con la senilità o con problemi che di solito conducevano ad una cella sotto la costrizione di una camicia di forza. La voce maschile che udì era telepatica, emessa da qualcosa o qualcuno senza una bocca Sembri un potente guerriero sussurrò con tono dolce Il mio nome è Ombra Fugace. Sì, sono la lancia di Hygrave Maxillium potè notare l’arma del capo dei cacciatori illuminarsi per un attimo (Hygrave parve non accorgersene) Sono curioso di vedere nuove persone. Parlami di voi, siete potenti combattenti? Avete abbattuto numerosi nemici? Quali sono state le vostre più perigliose battaglie? Non è necessario che parli, pensa solo ciò che vorresti dire e io ti sentirò…

X tutti

Spoiler

 

Le fazioni, nelle persone dei leader e dei loro rappresentanti, agiranno come un sol uomo come attitudine nei confronti dei pg. Ognuna dotata della propria agenda e delle proprie preferenze, reagiranno o meno in base alle vostre azioni passate, presenti e future. Al momento questa è la situazione delle relazioni con le fazioni presenti nel Teschio di Paithah:

Ao Senzacorpo e la Bambina Avorio: indifferenti

Cacciatori di Hygrave: indifferenti

Corte di Jasmeera: amichevoli

Demoni Circensi di Hecke: indifferenti

Filosofi di Arithmea: indifferenti

Legione del Reame Imponderabile: indifferenti

Patto Silvano: maldisposti

Ragni Planari: indifferenti, ma tendenti verso maldisposto

Seguito di Lady Myonatix: indifferenti

Trenodia in Velluto: indifferenti, ma tendenti verso amichevole

Checkpoint nella notte tra il 15 e il 16 marzo per l’inizio della prima riunione dell’Assemblea. I pg possono interagire fino ad allora con i vari png, se lo desiderano. Io risponderò di conseguenza, se interpellati, e poi al momento opportuno farò iniziare la riunione.

 

 

Link to post
Share on other sites

Celeste Borealis(Umana Elocatrice)

Ormai era arrivato il momento di presenziare alla prima assemblea planare dei Filososi. Con un bel sorriso accolse il "benvenuto" di Lord Fnut, rimanendo anche piacevomente stupita dall'uso dell'appellativo che i sei campioni avevano scelto per la loro missione. Il piacere è mio, saremo felici di collaborare in ogni modo possibile per sistemare questa strana situazione. Disse sfoggiando un sorriso solare. Meno caloroso fu il benritrovati alla Trenodia in Velluto, limitandosi ad annuire con metà del sorriso che aveva riservato per il sapiente. 

Ma se l'elocatrice rimase con l'atteggiamento distaccato dagli elfi, con la fazione giunta poco dopo ebbe un terribile brivido lungo tutta la schiena. Se non fosse stato abbastanza evidente dall'enorme spada che portava sulle spalle, intrisa di un aura divina e forgiata col ferro freddo, il metallo in grado di scalfire qualunque demone, allora si poteva intere dalla sua faccia come l'eroina della Xorvintaal non fosse ben entusiasta di questo incontro.. Per'altro la descrizione fornitagli agli appartamenti su questo Hecke non aveva comunque invogliato la Borealis ad averne una buona opinione. Quando costui e la sua delegazione si avvicinarono per presentarsi Celeste non tentennò alle provocazioni del grasso giullare e della succube.. Anzi alzò un sopracciglio. Lieta di conoscervi.. Disse con tono poco energico.. Spero che saprete essere in grado di distinguervi rispetto alla vostra genia.. Generalmente a parte l'abilità di aprire la bocca non ho mai trovato altre peculiarità nella vostra specie.. Inclinò lievemente il collo indietro ed alzò altrettanto lievemente il mento, osservando attentamente ogniuno dei pagliacci un po' dall'alto in basso.. Ma se siete qui sicuramente siete degli individui speciali, no? Alché allargò un bel sorriso, non proprio candico, ma cortese. Non vedo l'ora di collaborare per il meglio in questi tempi difficili. Disse, senza togliersi il sorriso, ma alzando ambo le sopracciglia.. 

L'arrivo della seconda rappresentanza fu decisamente più.. Intimorente.. Vedere arrivare questa piccola fanciulla dall'espressione glaciale, mentre sorretto da un comodo e sfarzoso cuscino risiedeva un'entità dal potere sconfitato, una portata che nemmeno l'elocatrice era mai riuscita a raggiungere. E lo stupore nel sentirsi rivolgere la parola in quella maniera così eccentrica.. Osservò Sophia confusa dalla scena, lasciando ad altri il piacere di interagire con Ao..

Quanto alla delegazione di Ardentia Celeste semplicemente ricambiò il saluto e gli sguardi scrutevoli della sovrana.. Lieta di incontrala. Disse con un sorriso. E per quanto la figura dell'elfa era decisamente catturante, la Borealis prestò più sguardi alla mostruosa attendente della regina. L'incontro planare stava chiamando a se individui unici e decisamente molto preoccupanti.. Se loro sono qui.. Oh spero proprio che non ci siano gli altri.. 

I cinque elementi della Legione Imperscrutabile di nome lo erano anche di fatto.. A parte il voler mantenere un profilo decisamente basso, la loro presentazione lasciò, come penso in tutti, domande sulla loro origine o ruolo in questa storia.. Al contrario del seguito di Filosofi di Lord Fnut.. Esattamente quello che l'eroina si aspettava da questo gruppo di saggi. 

Un altra sopresa fu la partecipazioni dei Ragni Planari come.. Ragni Planari.. Onestamente l'elocatrice avrebbe immaginato un'ideatore di costrutti dietro queste forme meccaniche, o la sua presenza.. Ma il leader si presentò attraverso la voce di uno di questi congegni, i quali si appollaiarono sul soffitto per presenziare. Riconobbe in loro una certa dimestichezza nelle informazioni sui fatti attuali quando citarono il passato della Trenodia.. Per quanto i loro ultimatum non erano PER NULLA rassicuranti ed esagerati, sapere che qualcun'altro avrebbe avuto un occhio vigile sui drow la tranquillizzò.. 

Lady Myonatix era sicuramente simpatica, od almeno molto calorosa vista che fu l'unica ad azzardarsi in strette di mano. Il piacere è anche mio! Disse rispondendo al suo sorriso con un sorriso.. La vista di quel drago però stordì Celeste.. Dove vivo ho avuto modo di conoscere molte specie di drago, ma voi, sir Auberil, giusto?, è la prima volta che ho il piacere di vedere un motivo così singolare nelle vostre scaglie. Da dove siete? Celeste chiese a tutti, osservando dal suo piccolo il particolare drago, ma sbirciando anche l'eventuale reazione dell'elfa. Questo drago.. Se i miei ex-compagni potessero vederlo l'osannerebbero fino allo sfinimento.. O gli leccherebbe il c.. 

La penultima partecipazione arrivò dal gruppo che meno avrebbe voluto incontrare in un momento del genere.. Ovviamente.. Immagino che come lei nessuno degli altri suoi compagni avessero tanto piacere di incontrare proprio il Patto Silvano.. Stupido zuccone.. Si trovò a pensare di Rhozaaur.. Era certa che la loro opinione sui Guardiani Planari sarebbe stata poco rosea.. D'altronde come dargli torto senza sapere i fatti e col loro morboso amore per la la una sopra gli uomini.. Sperava che qualcun'altro e con delicatezza avrebbe affrontato il discorso.. Anche perché aveva dei dubbi sul poter convincere diversamente quei mezzi ibridi.. 

Infine arrivarono i cacciatori di Hygrave, con i quali si era già presentata..

Ovviamente mancavano proprio i Guardiani Planari da introdurre, per cui.. Io sono Celeste Borealis, fu oppositrice della Xorvintaal e dell'Ordine Sinaptico. Gli occhi di lei furono ben attenti a cercare reazioni sull'ultima affermazione.. Alché lasciò il resto del gruppo introdursi e dopo aver controllato non vi fossero cuscini scorreggiosi o puntine fermacarte sulla sedia prese il proprio posto. Con la varietà di individui presenti sarà meglio che mi protegga la mente come oggi per ogni prossimo giorno.. Meglio non essere incauti.. 

X DM

Spoiler

Percepire Intenzioni +26 (sarebbe uno per tutti, ma in caso uno per ogniuno di quelli con cui interagisco). 

 

Edited by Organo84
Link to post
Share on other sites

Gunnar Artigli di Sangue

La processione dei vari protagonisti di quella strana assemblea travolse Gunnar con una serie di sensazioni completamente diverse fra loro.

Ignorò del tutto le provocazioni del circo demoniaco, preferendo rimanere in silenzio piuttosto che rispondere loro per le rime, concedendosi solamente una risatina beffarda alla frase della succube. Aprì e chiuse lentamente la mano destra ricordando l'appagante sensazione che gli aveva regalato l'aprire a metà la sua "collega" in Piazza del Torrone. Guardandomi attorno ora..sembrano essere passati secoli..

Non si presentò nemmeno ad Ao e alla sua portatrice, anche perchè..beh..come ci si presenta ad un essere del genere? Guardò però di sottecchi Osymannoch, sinceramente curioso di osservare la sua reazione alla vista di quella particolare delegazione.

La Corte di Jasmeera (e soprattutto la sua Regina) era di certo uno spettacolo per gli occhi. Rimase quasi stordito davanti a tanta bellezza, ma il suo sguardo ricadde anche sull'attendente: quel volto così orribile era, se possibile, reso ancora peggiore dal contrasto con quello della sovrana. Altrettanto. Il mio nome è Gunnar. Rispose al saluto domandandosi se per caso Gan Scarrow avesse già parlato di loro (e cercandolo, per pura curiosità, all'interno della Corte) Abbiamo avuto modo di conoscere uno dei suoi uomini, Gan Scarrow, sul nostro piano. Spiegò senza accennare ad altro sulla questione e senza sbilanciarsi oltre. Chiaramente il pensiero andò a Rhozaaur e una piccola parte di lui sperò che il Patto Silvano non fosse tra i partecipanti all'assemblea.

Rispose al saluto dei silenziosi membri della Legione, ma senza presentarsi come invece fece con il resto dei Filosofi. Trovandoli forse gli individui più normali lì presenti, gli venne naturale farsi avanti. Piacere. Contiamo davvero molto sulla vostra conoscenza e che in tutti quei tomi possa esserci la soluzione a questi terribili eventi. Aggiunse sorridendo cordialmente. 

Superato (o quantomeno rimandato) il "problema Trenodia-Ragni", dal quale Gunnar preferì tenersi in disparte lasciando, com'era giusto che fosse, Tarzi a diferdersi, fu la volta dell'iridescente spettacolo portato da Lady Myonatix e dai suoi. Se la maggior parte degli altri gruppi erano appariscenti per motivi diciamo..negativi, costoro invece trasmisero immediatamente una sensazione di simpatia al barbaro. Ricambiò la stretta di mano della Lady e salutò anche l'uomo-blu, la donna-gatto, il delfino (arrendendosi al fatto che probabilmente quella fosse la cosa più strana degli ultimi giorni) e il drago prismatico. Gunnar. Si presentò con un sorriso. Piacere. Vide che anche Celeste era incuriosita dal drago e si accodò alle sue domande. Per un breve istante la memoria andò all'ultimo drago che aveva visto, Berillyarox, il drago verde che aveva osato minacciare il villaggio in cui si trovava tempo addietro..quando ancora era sicuro del mantenimento della promessa..quando ancora era deciso a non farsi coinvolgere in questioni di guerra. E, per tutti i morti, guarda dove sei ora.. Già fece seguito alle parole di Celeste da quale luogo provenite? Domandò non riuscendo a fare a meno di guardare il delfino dorato. Perdonatemi, ma non ho mai visto creature simili a voi. Si scusò sorridendo sperando non se la prendessero per tutte quelle attenzioni.

Fu il turno del Patto Silvano (perchè ovviamente, per tutti i morti, mai che qualcosa andasse come sperava) con il quale, purtroppo, non c'era bisogno di particolari presentazioni. Come con i Circensi, preferì non rispondere limitandosi a sostenere lo sguardo di ciascuno di loro, ma con volto neutro. In fin dei conti un po' li capiva e non era il momento di cercare una soluzione alla loro faida: c'erano problemi più grossi ed impellenti.

Per ultimi, a chiudere quello stranissimo corteo, i Cacciatori di Hygrave con i quali, in futuro, avrebbe voluto scambiare ancora due parole, ma con cui si limitò per il momento ad un saluto da lontano.

Il mio nome è Gunnar del fu Clan dell'Orso. Conosciuto come Gunnar Artigli di Sangue. Si presentò dopo Celeste passando nuovamente lo sguardo su ciascuno dei presenti.

Poi, seguendo l'esempio della Borealis controllò la sua sedia per eventuali soprese ed infine si accomodò anche lui, quasi stremato da tutte quelle interazioni sociali. Saranno decenni che non parlo con così tanta gente tutta insieme..

 

Spoiler

Gunnar forma Mezzo Gigante:

Taglia M (con Powerful Build) - PF: 313/313  - CA: 27 (10 +5 Des +7 Armatura +5 Deflect)

TS: T 32 / R 15 / V 14

Punti Potere: 24/31 - Iniziativa: +9 - Ire rimaste 4/4

For 28 Des 20 Cos 30 Int 10 Sag 18 Car 8

TxC: Maul +4 Tocco Fantasma -> +30/+25/+20+/15 - Danni -> 1d10+17

TxC: Arco Lungo +4 Folgorante -> +26/+21/+16/+11 - Danni -> 1d8+13 +1d6 Elettrico

----

Gunnar forma Orso:

Taglia: L - PF: 433/433  Fast Healing 2 - CA: 30 (10 +6 Des +7 Armatura -1 Taglia +5 Naturale -2 Ira +5 Deflect) 

Spazio: 10 ft. - Portata: 10 ft. (5 ft. Base + 5 ft. da Morphic Reach* del Warshaper) - Movimento: 40 ft.

TS: T 38 / R 16 / V 16

Punti Potere: 24/31 - Iniziativa: +10 - Ire rimaste 4/4

For 48 Des 22 Cos 42 Int 10 Sag 18 Car 8

TxC: Artiglio 1 -> +40 - Danni -> 2d6+24

TxC: Artiglio 2 -> +40 - Danni -> 2d6+24

TxC: Morso -> +38 - Danni -> 2d6+14

Lotta: +40

Immune a critici e stun

*Morphic Reach: A warshaper of 3rd level or higher can suddenly stretch its limbs, neck, or other appendages outward, giving it 5 more feet of reach than the creature it's emulating. Unlike most creatures, warshapers don't appear to have a longer reach until they actually use it.

 

Link to post
Share on other sites

Maxillium Nairdal

"Il piacere è tutto mio Anziano. Un peccato che il nostro incontro si debba tenere per cause tanto gravi" rispose l'ex nobile al saluto del Filosofo. Fece un cenno in risposta a Tarzi e Mhorannan quando arrivarono, anche se scoccò un'occhiata di disapprovazione al resto della Trenodia che emanava odori di sostanze... forse non adatte a una riunione del genere.

Strinse gli occhi all'entrata dei demoni "Quindi sono loro i proprietari del dirigibile... ora l'affermazione sulle anime ha molto più senso" pensò mentre ignorava deliberatamente il commento della succube e degli altri mostri "Demoni... non cambiano mai..." riflettè, ma il suo treno di pensieri fu subito interrotto dall'incedere della bambina che portava tra le sue mani un teschio che sprigionava un'aura terrificante, tale da zittire anche la combriccola di Hecke "Folgori..."

L'arrivo della regina Jasmeera e della sua corte di Ardentia riportò alla mente i ricordi di come era cominciato tutto, e per un attimo si perse nei suoi pensieri mentre ricordava gli eventi... Quando si riscosse con un brivido la regina aveva già preso posto e la prossima fazione faceva il suo ingresso. Li scrutò con curiosità per poi rispondere al cenno della Legione "Di certo fanno fede al loro nome..." pensò mentre il resto dei Filosofi faceva il suo ingresso.

"È un onore conoscervi, Anziani" salutò Maxillium prima che prendessero posto e facessero spazio ai membri dei Ragni Planari che inquisirono la Trenodia per i loro trascorsi, per poi ritirarsi sulla piccionaia una volta aver ottenuto una spiegazione e aver minacciato di terminarli "Sono davvero inflessibili... Il che è sia un bene che un male..." riflettè mentre scoccava un'occhiata simpatizzante a Tarzi.

Il corteo di Lady Myonatix fece spuntare un sorriso sul volto del cacciatore mentre li esaminava. Di certo era il gruppo più particolare, e osservò con stupore il delfino che volteggiava tranquillamente in aria "Davvero curioso...non ho mai visto niente del genere..." "È un piacere conoscerla milady" disse inchinandosi leggermente alla mezzelfa.

Quel sorriso però si spense subito e venne sostituito da un'espressione seria quando il Patto Silvano fece la sua entrata. Li scrutò con freddezza mentre parlavano, ma non potè fare a meno di pensare "Chissà la faccenda con Rhozaaur come è andata a finire...". Ricambiò il saluto a Hygrave e ai suoi cacciatori "Sembra che ci siamo tutti... Tempo di cominciare..."

"Onorato di conoscervi tutti, anche se avrei gradito che le circostanze fossero meno...spiacevoli. Il mio nome è Maxillium Nairdal, membro dei Guardiani Planari" seguì l'esempio dei suoi compagni nell'esaminare il proprio posto, poi si accomodò.

DM

Spoiler

Maxillium sgranò gli occhi per un attimo quando quella che si era identificata come la lancia di Hygrave cominciò a comunicare con lui telepaticamente "Onorato di conoscerla. Per rispondere alla sua domanda... i membri di questo gruppo sono venuti in contatto gli uni con gli altri da poco tempo in risposta ad una richiesta di aiuto da parte di un regno del nostro piano, e ognuno di loro è una figura di spicco nel nostro mondo, in un modo o nell'altro... Da quando ci siamo riuniti abbiamo preso parte a svariati scontri... di cui il più pericoloso..." esitò mentre pensava "è stato subito dopo esserci incontrati per la prima volta. A seguito di un terremoto planare una creatura è stata trascinata sul nostro piano ed è entrata nel territorio di un tarrasque, un'altra entità che abitava sul nostro piano e obiettivo originale della nostra missione. Stavamo esaminando la tana del tarrasque, quando questa bestia, una Tayellah, ci assaltò dalle ombre. Fu uno scontro che non mi dimenticherò mai: ella era un avversario a dir poco formidabile, io ed un altro dei miei compagni addirittura perdemmo la vita, e ci mancò poco perché non la perdesse anche un terzo... ma alla fine riuscimmo a sconfiggerla..."

 

Link to post
Share on other sites
  • Bomba locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.