Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Le strutture dei giochi - Parte 3: Il Dungeoncrawl

Articolo di The Alexandrian del 06 Aprile 2012
Le Strutture dei Giochi -Parte 1
Le Strutture dei Giochi - Parte 2
La struttura di scenario che ha avuto maggior successo nella storia dei giochi di ruolo è il dungeoncrawl tradizionale. Anzi, credo che gran parte del successo di D&D risieda proprio nella forza del dungeoncrawl tradizionale come struttura di scenario. (In particolare come struttura si è rivelata estremamente efficace anche quando è stata tradotta in altri media e messa in atto con meccaniche completamente diverse).
Cosa fa sì che funzioni?
In primo luogo, dal punto di vista del giocatore, fornisce:
Un obiettivo di base. Più precisamente, “trova l'intero tesoro”, “uccidi tutti i mostri” o altre varianti di “ripulisci il dungeon”. In altre parole, la struttura fornisce spontaneamente un motivo per cui il giocatore interagisca con lo scenario.
  Un'azione di base. Se un giocatore si trova in una stanza e non c'è nulla di interessante da fare in essa, allora dovrebbe scegliere un'uscita e andare nella stanza successiva. Presi insieme, questi elementi significano che il giocatore ha sempre una risposta alla domanda “E ora che faccio?”

In secondo luogo, per il DM, il dungeoncrawl è:
Facile da preparare. Effettivamente, è praticamente impossibile anche per un master neofita fare casini con la progettazione di un dungeocrawl. Cosa potrebbe fare? Dimenticarsi di disegnare un’uscita dalla stanza?
  Facile da gestire. Qui si va oltre la macro-struttura del dungeoncrawl e si comincia a dipendere dalle stesse regole di D&D, ma, in generale, ogni azione proposta dai giocatori nel dungeon solitamente avrà un metodo di risoluzione evidente. Inoltre il dungeoncrawl crea delle barriere nell’avventura, segmentandola in pezzi separati (ognuna delle stanze) che si possono gestire come piccoli e pratici pacchetti. Presi insieme, questi elementi permettono anche ai DM alle prime armi di progettare e gestire un dungeoncrawl senza intoppi e senza che i giocatori si ritrovino (a) coi bastoni tra le ruote o (b) confusi.
Questo è qualcosa di incredibilmente importante. Grazie a questo approccio di esplorazione dei dungeon, D&D può dare vita senza particolari problemi a nuovi DM, con una facilità che alla maggior parte degli altri GDR risulta impensabile ed impossibile.
Ma il dungeoncrawl ha anche un altro paio di caratteristiche chiave:
Fornisce una struttura, ma non una camicia di forza. Quando i giocatori si domandano “Cosa faccio adesso?” la struttura del dungeoncrawl dà loro una risposta predefinita (“prendi un'uscita”), ma non proibisce loro di creare da soli ogni sorta di risposte: Combattere i goblin. Indagare sulle antiche rune. Fare un orto di funghi. Controllare che non ci siano trappole. Tradurre i geroglifici. Decodificare la costruzione di golem nanici. Negoziare col necromante. Eccetera eccetera. (Non impedisce nemmeno di lasciare completamente la struttura: le regole di D&D includono un gran numero di opzioni per bypassare la struttura del dungeon stesso).
  Flessibilità nella forma. Il DM può mettere davvero qualunque cosa nella struttura. Ogni stanza del dungeon – ogni parte del contenuto che la struttura dello scenario porta con sé – è un foglio bianco. Grazie a queste strutture di scenario facili da capire, facili da progettare e facili da usare, D&D è accessibile a tutti in un modo che, per esempio, Transhuman Space non possiede.
Ora, passiamo dal macro-livello al micro-livello.
Link all'articolo originale: https://thealexandrian.net/wordpress/15140/roleplaying-games/game-structures-part-3-dungeoncrawl
Read more...

Anteprima Tasha's Cauldron of Everything #1 - Personalizzazione dell'Origine del PG e 2 Sottoclassi

DISCLAIMER: per chiarezza e per evitare future polemiche vi ricordiamo fin da subito che il sistema per la personalizzazione delle origini di Tasha's Cauldron of Everything non è stata pensata dai designer come una sostituzione definitiva delle regole presenti nel Manuale del Giocatore. Anche nelle future ristampe del Manuale del Giocatore, pertanto, le Razze continueranno ad essere le stesse che conoscete da anni, continueranno a funzionare nello stesso modo e conterranno sempre le stesse meccaniche presenti fin dall'uscita del manuale nel 2014. Fin dall'uscita della 5e, infatti, i designer hanno più volte spiegato che le regole pubblicate nei supplementi di D&D 5e sono sempre da considerare come Regole Opzionali, non obbligatorie, ma liberamente utilizzabili dai singoli gruppi al loro tavolo, così come sono liberamente ignorabili. Lo scopo di simili Regole Opzionali è quello di consentire ad ogni gruppo di scegliere per sé stesso come giocare e come personalizzare il gioco al proprio tavolo, senza obbligarlo a giocare nel modo presentato nel Manuale del Giocatore e senza obbligare tutti gli altri a dover utilizzare per forza le modifiche al regolamento.
 
Negli ultimi giorni la WotC ha rilasciato le prime due anteprime di Tasha's Cauldron of Everything, la nuova maggiore espansione meccanica di D&D 5e in arrivo il 17 Novembre 2020. Potete trovare maggiori informazioni su Tasha's Cauldron of Everything in questo nostro articolo. Le nuove anteprime riguardano la Personalizzazione dell'Origine del PG e due nuove Sottoclassi, il Path of the Wild Magic per il Barbaro e il Genie per il Warlock.
Partiamo dal Sistema di Personalizzazione dell'Origine del PG, che è stato rivelato in maniera un po' particolare. In questo caso, infatti, la WotC non ha mostrato direttamente le pagine del manuale contenenti il sistema, ma ha rilasciato un aggiornamento dell'Adventurers League Player's Guide (il supplemento che introduce i giocatori alle campagne del Gioco Organizzato ufficiale di D&D 5e) all'interno del quale è presente quello che con molta probabilità sarà il sistema pubblicato in Tasha's Cauldron of Everything. Potete trovare il sistema a pagina 5 dell'Adventurers League Player's Guide, ma per comodità vi pubblichiamo qua sotto una sintesi abbozzata di quel che il sistema consente di fare (naturalmente, se volete conoscere la regola in ogni dettaglio, dovrete leggere il testo originale nel PDF dell'Adventurers League).
Se desiderate personalizzare l'origine del vostro PG, potete:
Spostare gli incrementi ai Punteggi delle Caratteristiche che la vostra razza garantisce al PG in altre Caratteristiche di vostra scelta. Se, ad esempio, la vostra razza vi concede +2 alla Costituzione e +1 alla Saggezza, potrete decidere che il vostro PG possiede invece +2 all'Intelligenza  e +1 alla Destrezza.
  Sostituire qualunque lingua fornita dalla propria razza con una qualunque delle lingue appartenenti a una lista prefissata descritta nella regola.
  Sostituire una qualunque delle Competenze con una Competenza dello stesso tipo. Potrete, dunque, sostituire un'Abilità con un'altra Abilità, un'arma semplice con un'altra arma semplice o con uno strumento, un'arma da guerra, con un'altra arma da guerra, un'arma semplice o uno strumento, ecc. Nella regola è presente una tabella che fornisce le linee guida per la conversione.
  Sostituire le descrizioni del comportamento e/o della personalità tipici dei membri di una razza con altre decise dal giocatore. Non è dato sapere se la regola presente nell'Adventurers League Player's Guide sia il sistema completo o se in Tasha's Cauldron of Everything sarà pubblicata una versione più ampia.
 
Qui di seguito, invece, potete trovare le anteprime delle due nuove Sottoclassi che saranno rilasciate in Tasha's Cauldron of Everything. Se desiderate avere una versione ad alta qualità di entrambe, potete scaricarla in PDF su questo sito creato dalla WotC.

Fonti:
https://www.enworld.org/threads/a-first-look-at-tasha’s-lineage-system-in-al-player’s-guide-customizing-your-origin-in-d-d.674805/
https://www.enworld.org/threads/two-subclasses-from-tasha-for-barbarian-and-warlock.674802/

Link al PDF dell'Adventurers League Player's Guide: https://media.wizards.com/2020/dnd/downloads/AL_PGv10_0.pdf
Link alla versione PDF delle 2 Sottoclassi: https://dndcelebration2020.com/#/previews
Read more...

Come Gestire i Giocatori Assenti

Articolo di Mike Shea del 06 Maggio 2019
Tra tutte le cose necessarie per giocare a Dungeons & Dragons, nessuna è più complessa di fare in modo che un gruppo si incontri in maniera regolare e continuativa. Trovare e gestire un gruppo è, come abbiamo già analizzato in un articolo precedente, una delle parti più complesse del gioco. Nell'articolo di oggi studieremo come gestire l’eventuale assenza di qualche giocatore. Cosa fare con i personaggi? Quali opzioni ci offrono maggiore flessibilità e ci assicurano di giocare? Quali tecniche ci permetteranno di tenere i giocatori al tavolo e quali potrebbero farli sparire? Oggi analizzeremo tutti queste domande.

Per preparare questo articolo ho chiesto su Twitter come i DM gestissero i giocatori assenti ai loro tavoli e ho ricevuto 250 risposte. Dopo aver riordinato i dati, sono riuscito a raccogliere le risposte seguenti, che sono state le più frequenti:
Ignorare la loro assenza e continuare a giocare. Fare sì che a livello narrativo i loro personaggi stiano facendo qualcos’altro. Lasciare il personaggio in mano ad un altro giocatore. Lasciare il personaggio in mano al DM. Cancellare la sessione fino a quando non c’è al più un singolo assente. Ho fatto poi un sondaggio su Twitter con queste opzioni, ottenendo 3100 risposte. I risultati sono stati:
La metà lascerebbe semplicemente sullo sfondo i personaggi degli assenti ignorandoli Uno su quattro lascia il personaggio nelle mani di un altro giocatore. Uno su dieci invia il personaggio a completare una missione secondaria. Uno su dieci cancella la giocata. Basandomi su questi risultati ho elaborato la seguente serie di pensieri e consigli.
Far Continuare il Gioco è la Priorità
Ritrovarsi con i propri amici vale molto più della coerenza della storia di fantasia che stiamo narrando. Condividere queste storie al tavolo è una parte fondamentale del divertimento, ma la vita sa come essere insensibile. Non tutti riescono a giocare regolarmente a D&D: molti hanno altre priorità, che vi piaccia o meno.
Quindi, se qualcuno è assente durante una sessione dobbiamo fare tutto il possibile per continuare a giocare. Questa è la ragione per cui credo che avere sei giocatori e due riserve funzioni alla perfezione. Per giocare avete bisogno di tre/quattro giocatori, quindi vi serviranno almeno cinque o sei assenti per cancellare la giocata. E questo alza notevolmente le probabilità di giocare con frequenza.
Un’altra ottima cosa è riuscire a inserire l’assenza dei giocatori nella storia dei personaggi. A volte questo ci viene praticamente naturale: potrebbero essere stati rapiti o potrebbero aver deciso di rimanere in locanda per una slogatura al ginocchio. A volte, però, possono sembrare un po’ campate per aria. Ma delle spiegazioni poco convincenti sono nettamente migliori rispetto alla cancellazione della sessione.
Ma potrebbe anche capitare di non aver nessun metodo per giustificare l’assenza dei personaggi, neanche il sempreverde “li abbiamo messi in un buco portatile”. In questo caso possiamo semplicemente lasciare che il gioco prosegua.
Lasciare Proseguire il Gioco
Continuare a giocare è molto più importante che avere una storia coerente al 100%. In caso uno o due giocatori non possano presentarsi ma ci siano comunque abbastanza persone per fare la sessione dobbiamo continuare in ogni caso, che abbia senso o meno nella storia. Quei personaggi che non possono essere mossi? Spariscono in secondo piano. E torneranno appena potranno.
Circa la metà dei DM del sondaggio concorda con questa idea e ne sono contento.
La maggior parte di noi è adulta. Abbiamo impegni da mantenere e ci rendiamo conto che il mondo reale si è inserito nella nostra storia. Non c’è nulla di male: possiamo trascurare lievemente il realismo del nostro mondo fantasy per poter giocare e divertirci in compagnia.
Ma per dei DM che masterano storie strettamente legate ai personaggi può essere più complesso. L’unica cosa che posso consigliarvi è di trascurare lievemente la storia per avere delle sessioni più frequenti. A conti fatti è conveniente.
Giocare per i Giocatori Assenti
Molti gruppi lasciano il personaggio dell’assente nelle mani del DM o di un altro giocatore. Non è infattibile, ma potrebbe creare qualche problema. Ad esempio, cosa succederebbe se il giocatore in questione o il DM facessero delle scelte che il creatore del personaggio non avrebbe fatto? E se il personaggio dovesse morire? Non sono delle situazioni tipiche, ma potrebbero causare problemi.
Avrete, inoltre, il problema di avere troppi personaggi al tavolo rispetto ai giocatori. Gestire i personaggi come PNG o lasciare che i giocatori muovano più personaggi potrebbe complicare il gioco e mettere troppa attenzione sul singolo giocatore. E la vita di un DM è solitamente già abbastanza complicata, anche senza un personaggio extra.
Lasciate semplicemente che il personaggio del giocatore assente passi in secondo piano e focalizzatevi sugli altri giocatori, quelli che si trovano al tavolo.
Fate in Modo che Tornare a Giocare sia Semplice
Una delle cose più importanti da fare con i giocatori assenti è assicurarsi che tornare al tavolo sia semplice e di invitarli alle sessioni seguenti. Negli anni ho sentito diverse persone suggerire che i giocatori assenti andassero puniti in qualche modo per non essersi presentati. Io consiglio un approccio che sia “meno bastone” e “più carota”. Rendendo difficile la vita agli assenti occasionali, alzate le probabilità che questi scompaiano del tutto.
Prendiamo come esempio l’esperienza e il livello. Uno dei molti vantaggi di usare l’esperienza a pietre miliari al posto dei punti esperienza è che i giocatori assenti non si perderanno degli eventuali avanzamenti del personaggio. Sapranno che, nonostante non abbiano potuto partecipare alla giocata, il loro personaggio sarà alla pari con gli altri. Potrebbe non sembrare corretto, ma considerate che i punti esperienza e i livelli sono comunque dei premi completamente arbitrari. Niente ci impedisce di iniziare da livelli più alti in caso funzioni con la storia. Se un giocatore che perde una sessione iniziasse a notare come il proprio personaggio sia “indietro” rispetto agli altri potrebbe decidere di non tornare più al posto di continuare a vedere come il suo personaggio sia svantaggiato rispetto agli altri.
Analogamente, rimuovere qualunque punizione per i giocatori assenti renderà il loro ritorno più probabile ed essi sapranno che non saranno svantaggiati per il loro imprevisto.
Perdere una sessione è già di per sé una punizione, non dobbiamo accentuarlo.
Continuate a giocare
La cosa più importante di tutte è prendere ogni regola o metodo di nostra invenzione e testarla con un solo obiettivo in mente: continuare a giocare. Qualunque regola mettiate per gestire l’assenza di un giocatore, chiedetevi sempre se sia utile per la buona riuscita della sessione. La storia più bella di sempre non può esistere se nessuno riesce a venire al tavolo. Create un sistema per fare in modo che il gioco continui, e fate in modo che i giocatori trovino l’idea di tornare a giocare a D&D invitante e senza troppe difficoltà.
Link all'articolo originale: https://slyflourish.com/handling_missing_players.html
Read more...

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Valraven

La notizia che proprio il 16/09/2020 sarebbe uscito un nuovo progetto tutto italiano marchiato The World Anvil e Black Box Games girava già da tempo sui Social. Il manuale in formato Quickstart già era possibile scaricarlo da mesi per poter portare sul tavolo le prime piccole avventure...cerchiamo allora di approfondire meglio di cosa stiamo parlando!
Come già accennato "Valraven: Le Cronache del Sangue e del Ferro" nasce dalla collaborazione fra The World Anvil, piccola etichetta indipendente che si dedica allo sviluppo di giochi di ruolo, e Black Box Games, officina creativa per lo sviluppo di materiale per giochi di ruolo, da tavolo e di carte. Insieme hanno prodotto titoli come "Evolution Pulse Rinascita", "Nostalgia: La Flotta Nomade", "Endelstrom" e "Dead Air: I Giorni della Piaga". Il comparto grafico sarà curato da Daniel Comerci, con le illustrazioni di Tommaso Lucchetti, Zakuro Aoyama e Greta Ricciolini.
Il Kickstarter è partito durante le ore mattutine ed è stato finanziato in appena 15 minuti.. Mentre sto scrivendo ha superato i 10.000 $ rispetto ad un obiettivo di appena 3.554 $, e le prospettive di crescita sono veramente buone!
Il manuale cartaceo distribuito con il Kickstarter prende il nome di "Red Edition" e costituirà una versione deluxe hardcover stampata in tiratura unica esclusivamente per i backer della campagna! Questo contiene tutto il necessario per giocare: il motore è basato su un'evoluzione del Monad System che prende il nome di Monad Echo, con il quale si evolvono i principi più apprezzati del suo predecessore, riducendo la complessità al minimo e spingendo sulla narrazione e sulle sue conseguenze meccaniche.

 
Dalla pagina Kickstarter di Valraven:

La guerra procede inesorabile da oltre settant’anni, coinvolgendo l’Impero di Erenwald e la Repubblica di Dormas in uno scontro fratricida che ha ormai dimenticato le sue origini. Mentre la Sacra Chiesa della Luce porta sostegno a entrambi i contendenti in cerca di terreno fertile dove far germogliare il seme della fede, dal lontano Est i misteriosi Darokar sbarcano sulle coste pronti a mettere a ferro e fuoco le terre di Valraven. Molti innocenti vivono e soffrono sotto il giogo di una o dell’altra fazione, piegati da una furia che non conosce pietà e che trova un pericoloso alleato nella lasciva Mano sull’Abisso, una forza demoniaca pronta a ghermire chi è così disperato da vendere la propria anima.
In questo scenario di guerra perpetua, giovani compagnie di mercenari decretano il successo di una o dell’altra forza in campo, forgiando il proprio destino nel sangue e nel ferro.

L'innovazione sta nel fatto che Valraven può essere giocato su più livelli, il primo è quello dei singoli Personaggi, ma al tempo stesso questi fanno parte di un gruppo mercenario che vive e lotta insieme contro le avversità. Valraven spingerà i Personaggi, tramite dei Legami, a giocare Scene conoscitive nei confronti dei propri compagni d’arme.
Quattro Stagioni metaforiche scandiscono la vita di Personaggi e Compagnia, ognuna delle quali foriera di eventi e situazioni che rappresentano punti di svolta nella storia.
 La Stagione del Sangue: il cuore del gioco che vedrà i Personaggi affrontare pericolose battaglie per avvicinarsi al proprio destino.  La Stagione del Ferro: il confronto finale con l’obiettivo di ogni campagna di guerra.  La Stagione dei Veleni: dove Personaggi e Fazioni fanno avanzare o modificano i loro obiettivi.  La Stagione dei Destini: dove i Personaggi approfondiscono il legame che li unisce e il loro rapporto con il mondo di Valraven.
La parte conclusiva della campagna Kickstarter raccoglie tutta una serie di video (gameplay e interviste) con cui sarà possibile approfondire ulteriormente le meccaniche di gioco per capire se davvero vale la pena finanziare il progetto. Scorrendo ancora più in basso troviamo tutti gli Stretch Goal sbloccabili, fra cui collaborazioni con noti nomi del mondo dei GdR come Andrea "il Rosso" Lucca della Locanda del Drago Rosso e Claudio Serena di Fumble GDR.
Link alla pagina Kickstarter: https://www.kickstarter.com/projects/theworldanvil/valraven-le-cronache-del-sangue-e-del-ferro/description
Read more...

Recommended Posts

@Battelfate

Spoiler

La tua signora, Sua Signoria la signorina lady Oydelys d'Lyadar, come sai gradisce essere chiamata, ti ha incaricato di presentarti in sua vece ad una sua conoscenza, il sergente delle guardie cittadine Monesti Vilroy, presso la Piattaforma Centrale Superiore. Non ti sono stati spiegati tutti i dettagli, ma ti è stato fatto intendere che al sergente serva aiuto da parte di individui molto qualificati per una questione della massima importanza; come membro di spicco dello staff della signorina Oydelys, tu sei stato inviato come suo rappresentante in questa faccenda; ti è stato anche detto che avresti potuto trovare altre persone, come te legate alla signorina, con cui ti è stato chiesto di collaborare   

@zinco

Spoiler

Hai passato gli ultimi due mesi semi rintanato in una stanza privata, dopo lo schianto e la complicata operazione per rimpiazzarti il braccio perduto. Oydelys d'Lyadar, la proprietaria dell'aereonave su cui viaggiavi, ti ha accolto in casa sua, assicurandosi che tu venissi curato, sfamato e rifocillato, ed al contempo investendo molto tempo nel cercare di scoprire cosa sia successo veramente durante il volo. Ti è stato proposto più volte di partecipare ai rinfreschi ed alle feste organizzate dalla nobile, ma hai sempre rifiutato; questa mattina, però, Oydelys ha chiesto d'incontrarti, chiedendoti aiuto per una faccenda collegata alla sicurezza di Sharn, e forse al tuo incidente: devi raggiungere il sergente delle guardie cittadine Monesti Vilroy, presso la Piattaforma Centrale Superiore, a cui serve l'aiuto di personale qualificato nel risolvere un serio problema di sicurezza. Ti è stato detto che avresti trovato altre persone, come te legate ad Oydelys, con cui avresti potuto collaborare

@MattoMatteo

Spoiler

Sei arrivato da poco a Sharn, presentandoti quasi subito ad Oydelys d'Lyadar, una ricca, potente ed influente maga a cui il tuo maestro ti ha caldamente raccomandato. Quando gli sei comparso davanti, per la prima volta da tanto tempo, non hai visto il consueto dubbio, il sospetto, o il disprezzo che di solito si accompagnano alle tue fattezze da coboldo. La signorina Oydelys ti ha accolto in casa sua, offrendoti un alloggio confortevole, accesso alla sua biblioteca ed interessando in prima persona della tua istruzione magica, tanto da stuzzicarti con la possibilità di presentarti al Collegio dei Dodici, in cui pare avere vari agganci. Questa mattina, però, ti ha chiesto un piccolo favore: pare che un sergente della guardia cittadina sta avendo problemi con un caso complicato, e ti è stato chiesto, anche per valutare le tue competenze sul campo, di assisterlo. Il sergente si chiama Monesti Vilroy, e ti aspetta alla Piattaforma Centrale Superiore; ti è anche stato detto che avresti collaborato con altre persone

@Menog

Spoiler

Oydelys si è fatta sentire poche volte da quando ti ha offerto il suo aiuto per sparire, e solo in tre occasioni l'hai incontrata di persona. Di solito inviava qualcuno dei suoi servitori ad assicurarsi che tu e la tua famiglia steste bene, anche se ha insistito per essere presente al compleanno di tuo figlio, per cui ha perfino portato un regalo. Stavolta, però, Oydelys ti ha domandato un favore: assistere un sergente della guardia cittadina, Germaine Vilroy, nella risoluzione di una torbida situazione che potrebbe portare grande scompiglio, ed in cui è probabile sia coinvolto qualche clan criminale. Devi incontrare Monesti Vilroy alla Piattaforma Centrale Superiore, e sei stato avvisato che sarebbero stati mandati altri individui, tutti di provata fiducia, con cui avresti fatto squadra

@Gigardos

Spoiler

Sei stato presentato ad Oydelys d'Lyadar questa mattina, la tua nuova datrice di lavoro è stata molto schietta e precisa, circa il tuo compito: la guardia cittadina di Sharn sta avendo problemi con la risoluzione di un caso importante, che Oydelys teme possa essere molto più grande di quanto non appaia in superficie. Per questo, ti ha chiesto di affiancare un gruppo di suoi uomini, che avrebbero preso contatto con il sergente delle guardie Monesti Vilroy, alla Piattaforma Centrale Superiore. Ti è stato detto di prestare tutto l'aiuto possibile, lecito ed illecito, a questo gruppo, e di far rapporto solo al termine delle indagine 

Circa a mezzogiorno, l'orario dell'appuntamento, vi ritrovate tutti nella Piattaforma Centrale Superiore, un posto relativamente altolocato, almeno per i canoni di Sharn, dove un complesso amalgama di popoli, razze e mestieri fluisce e rifluisce seguendo una sua logica propria: gnomi carichi di pergamene parlottano con forgiati armati di grossi spadoni, umani che indossano abiti di fogge straniere, e alcuni anche esotiche, vagano in gruppo con mezzorchi, intenti a valutare la merce alle bancarelle tenute da nani o goblin, halfling, in piedi su grossi barili, sferragliano in pentole e padelle proclamando la bontà delle loro locande, mentre all'ombra di tendoni un gruppo di tiefling donne, vestite di sottili nastri di seta, ammicca a qualsiasi individuo di sesso maschile passi loro vicino. 

Il sergente Vilroy vi aspetta appoggiata ad una balconata, che da sulla massa di strade e stradine sospese tra le grandi torri di Sharn; la riconoscete subito dalla descrizione che ve ne ha fatto Oydelys: alta, slanciata, con una lunga coda di capelli neri e con addosso l'armatura nera e rossa della guardia cittadina, la spada e la balestra d'ordinanza tenute vicine; anche da lontano vi accorgete che è palesemente infastidita da qualcosa, e non vi ci vuole molto a capire il perché: come segno di riconoscimento per voi, come vi ha detto Oydelys, Monesti ha una rosa rossa infilata sull'orecchio destro, che stona così tanto con il suo aspetto marziale, da far girare più di una persona verso di lei, non serve dire che queste attenzioni paiono aumentare il suo fastidio 

Il sergente Monesti Vilroy

Spoiler

c9b5c04310023fa9d1946107b67f27d4.thumb.png.6ed1567ad8a78848dd0485fcdf3184e8.png

 

Link to post
Share on other sites

  • Replies 120
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Kha e Banner - Carnevale Arrugginito  Darvin, Kastor e Shania - vicolo delle dita   

Shania DM, Kastor, Darvin  

Sharkharvur - Kha     Mi dirigo per primo al locale per chiedere il tavolo a cui eravamo prima e aspetto che Von Zim finisca il suo resoconto prima di parlare Io so solo che appena

Posted Images

Kastor d'Deneith

Questa è la prima volta dopo mesi che torno in questa zona di Sharn, lo sciamare delle persone indaffarate mi è sempre piaciuto, ognuno ha un ruolo in questo mondo, forse è ora che anche io torni al mio penso mentre avanzo verso il luogo dell'appuntamento, ho addosso un mantello di buona foggia regalatomi da LadyOydelys e il portarlo calato sul volto non attira nessuno sguardo Non sono né il primo né sarò l'ultimo a celare la propria identità in questa città.

Finalmente individuo il mio contatto, e con passo sicuro mi avvicino al Sergente e scostandomi parzialmente il cappuccio le dico Chi non muore si rivede Monestry, ti dona proprio quella rosa!  Dico con tono di scherzo, come si fa tra commilitoni.

DM

Spoiler

Conosco già il sergente? 

DESCRIZIONE

Spoiler

Kastor è un umano e ha 26 anni, alto 1,85 dal fisico massiccio, ha un bel viso ma è rovinato da una cicatrice sulla guancia sinistra.
Ha i cappelli castani venati da qualche capello bianco, la barba solitamente la porta corta al massimo con baffi ben curati ma ora se l'è fatta crescere lunga e incolta.

al fianco porta una spada lunga e sulla schiena ha appoggiato uno scudo di buona fattura.

15f77647873d01a077fef19229797f44.jpg

 

Link to post
Share on other sites

Darvin Von Zim

nuovo giorno, nuovo lavoro, il ritmo instancabile di questa città non accenna un attimo di riposo neanche per i più temprati. Butto giù i piedi dal letto, massaggio le fronte e mi dirigo dritto giù nella sala comune per una rapida colazione, mi vesto , indosso l'equipaggiamento e prima di uscire dalla stanza e saldare il conto, mi ritaglio 5 minuti per una sigaretta.
ci voleva
raccolgo le idee e mi faccio una chiara idea di quello che potrebbe essere questo lavoro. analizzo i fatti:
datore: Oydelis d’Lyandar, membro del casato Lyandar, incantatrice e rinomata organizzatrice di feste e festini a Shar
Compito:seguire le indagini affiancandomi a gruppo di suoi uomini

Lei.Preoccupata, lo si percepiva dal tono di voce, nonostante non lo desse a vedere. Ma i fatti cantano, diversamente non avrebbe messo su questo gruppo e sicuramente non si sarebbe rivolta a me. Bene.... Si prospetta un lavoro duro, ma pieno di soddisfazioni.

spengo la sigaretta, scendo, saldo ed esco.

Raggiungo il luogo dell'incontro , ma decido di non precipitarmi addosso al contatto , preferisco guardare i dintorni, provare a vedere chi siano queste altre persone facenti parte del gruppo e ,nel mentre, assicurami che non ci siano già persone malintenzionate a fermarci già da subito

Spoiler

Percezione + 7 (cerco di capire chi siano i miei compagni e se ci sono altri che stanno osservando il luogo)
se necessario intuizione+7 \ investigare +2 ed eventuale +d4 al risultato dal marchio

se necessario Furtività per farlo con nonchalance  (+5)

-aspetto
 

Spoiler

nelson-w-johnson-darvin.thumb.jpg.cbef24ace2b1beb5e1a636174c16ab54.jpg0587dac03ca2e6bcc23a2a481256ad8c.thumb.jpg.5d74b1af4884bb534004c2240d9d13e0.jpgalto circa 1, 76 mt , di costituzione snella , ma non troppo slanciata . Nonostante il suo aspetto molto umano(classici capelli brizzolati,occhi castani e un baffo\barba invidiabili), le sue orecchie, leggermente appuntite, lo tradisco rivelando il suo essere un mezz'elfo. 

indossa abiti scuri con qualche ricamo pregiato lungo di essi. Il lungo soprabito copre il suo equipaggiamento, celandolo agli occhi indiscreti .

Nota per il master(non so se abbia implicazioni o se il marchio esca in determinate zone, in caso fosse indifferente-->) il mio marchio all'altezza della spalla destra , non in vista quando indosso i miei abiti da lavoro.

 

Edited by Gigardos
Link to post
Share on other sites

Sharkharvur

 

In fondo un favore lo si può anche fare a chi ti sta proteggendo...anche se preferivo rimanere a letto...

Questo penso mentre mi dirigo al luogo dell'appuntamento vestito da lavoratore con le mie poche cose nascose sotto strati di vestiario malconcio tra bruciature di cucina e tagli, anche qualche macchia di unto che non ha voluto saperne di andar via con il lavaggio a mano.

Tossico con un po' di rauco e poi facendo qualche verso strano mentre cerco di raccogliere il catarro in bocca e sputo il tutto per terra

Germaine Vilroy suppongo

faccio verso la figura mentre tossisco di nuovo

stamattina proprio una brutta tosse...

faccio sgranchendomi ancora un po' la gola

ci vorrebbe qualcosa da bere...

butto lì come idea mentre tiro fuori per bere un goccio dalla borraccia

 

descrizione

Spoiler

Sharkharvur è un goblin poco più basso di 1 metro e 17 molto magro e dal colorito verde pallido. In questo momento è vestito di abiti consunti del lavoro da sguattero di cucina e sembra abbastanza stanco ooltre che malaticcio

Sulle spalle porta uno zaino da cui spuntano varie padelle e mestoli

 

immagine da considerarsi senza la mannaia e la collana d'aglio

Goblin Chef | Character art, Goblin, Monster artwork

 

 

 

Link to post
Share on other sites

Shania

Nonostante sia a Sharn già da un pò, la città non finisce ancora di stupirmi... e spaventarmi; alle volte mi domando se riuscirò mai ad abituarmi totalmente ad essa.
Ma il mio debito con Lady Oydelis è troppo grande -non solo mi ha accolto con una gentilezza che finora mi aveva riservato solo Summer, ma mi stà anche aiutando ad andare avanti- e quando mi ha chiesto un favore ho accettato senza un'attimo di esitazione.
Avanzo cautamente, facendo attenzione a non farmi calpestare dalle persone più alte di me... praticamente tutti, persino il più basso degli halfling!
Il cappello aiuta a malapena, e serve soprattutto ad evitare di essere riconosciuta; mentre cammino gratto distrattamente la testa di Briciola.

Alla fine arrivo al luogo indicato; il sergente è facilmente riconoscibile, grazie alla rosa.
"Oh, che bella!" esclamo con un'allegra voce da bambina, mentre sorrido deliziata dalla vista.
Poi noto il cipiglio della donna, e mi metto a balbettare delle scuse, imbarazzata.
"Mi... mi perdoni sergente Monesti... volevo dire sergente Vilroy!"
'Accipicchia, non ho ancora capito quando usare il nome e quando il cognome!'
"Mi... mi chiamo Sahnia, e sono una maga, e Lady Odelys mi ha chiesto di aiutarla, e... e quindi eccomi qui" concludo quasi mormorando, mortificata.
Osservo di sottecchi i miei "colleghi", per vedere come reagiscono.

 

@Voignar

Spoiler

Scheda completamente aggiornata, con anche un pò di "lore" del mondo a mo' di promemoria.
Ho segnato anche il mio "famiglio", anche se attualmente è solo un'animaletto domestico e non un vero famiglio; alla fine ho deciso che al prossimo livello prenderò 1 (ed uno solo) livello da mago, ma probabilmente non prenderò "Trova Famiglio" neanche come rituale... a meno che Briciola non ci lasci le penne in quest'avventura! Spero di no, ma non si sà mai.

Aspetto

Spoiler

Una cobolda alta appena 75 cm (giusto per farvi capire: senza cappello riuscirei a sgattaiolare in mezzo alle gambe di un umano medio senza nemmeno dovermi abbassare! Persino al goblin di Menog, gli arrivo solo al petto), con scaglie verdi e grandi occhi dorati.
Indossa una giacca di velluto blu che le arriva alle ginocchia, e un cappello di feltro nero (con cui riesce a raggiungere la "ragguardevole" 🤣 statura di 1 metro).
Ha un bastone nero, con una sfera di cristallo dorato in cima (trattenuta da una "gabbia" di bronzo) e un puntale di bronzo in fondo; la superficie del bastone è incisa di rune.
Attorno al collo ha, a mo' di "sciarpa", una donnola.

Immagine (sostituite il gatto con qualcosa di simile a queste cobolde).

 

Edited by MattoMatteo
Link to post
Share on other sites

Impostazioni visive abilitate... 

Impostazioni motorie abilitate...

Impostazioni vocali abilitate...

Eccomi sveglio come dicono gli umani, pronto dopo aver ricaricato la mia energia per portare a termine l'ennesimo compito della mia Signora. Non ho bisogno di vestirmi o prepararmi, sono sempre attivo e pronto ad entrare in azione. Esco dall'uscita principale del palazzo e mi addentro nella calca mattutina di Sharn, la città era già molto viva. 

Rallento un attimo per ascoltare tutti i frammenti di dialoghi che riesco a udire, strada facendo mi alleno anche con la risata. Purtroppo ho scoperto che misurare la giusta dose di felicità è molto difficile, specialmente quando la devo esprimere ridendo. Secondo la mia Signora sembro una sirena rotta. Non so bene cosa intenda dire, ma sono certo che non sia una buona cosa. 

Raggiungo infine il luogo dell'incontro. Noto la presenza del contatto a cui mi devo presentare e vedo che è già circondata da altre 3 persone, coloro con i quali dovrò collaborare probabilmente. Mi aggrego al gruppo avvicinandomi alla balconata -Lord Banner al vostro servizio, signori.-

ASPETTO

Spoiler

Alto e slanciato. Vestito in maniera abbastanza strana, indossa un abito evidentemente molto elegante con tanto di bombetta, tuttavia il vestito non sembra cucito su misura, così sono visibili rigonfiamenti dovuti a bulloni e meccanismi al di sotto della stoffa. 

E' composto principalmente da componenti dorate, tutte ben tenute e pulite. Al di sotto delle placche superficiali è possibile intravedere alcuni materiali organici, come tendini e muscoli, intrecciati con un esoscheletro metallico. 

 

Edited by Battelfate
Link to post
Share on other sites

Shania

'Oh, almeno uno di loro è una faccia conosciuta... o quasi' penso con sollievo, vedendo Lord Banner.
Ci siamo incrociati 2 o 3 volte al palazzo di Lady Oydelys, anche se non ho capito bene che lavoro faccia lì; è stato il mio primo contatto ravvicinato e duraturo con un forgiato (ne avevo incontrato altri sul Treno Folgore e per le vie di Shar, mentre cercavo Oydelys, ma li avevo visti solo da lontano e di sfuggita), e sono rimasta affascinata dalla sua natura, viva ed artificiale allo stesso tempo, e dai suoi tentativi di essere più "umano"... anche io ho problemi a rapportarmi con le altre razze, a causa della mia natura "esotica" e della vita isolata che ho condotto, e quindi lo vedo come una sorta di "spirito affine".
"Salve Lord Banner! Sono felice di vedere che è dei nostri; spero che lavoreremo bene insieme!" dichiaro allegramente, poi accarezzo la mia donnola.
"Forza Briciola, saluta anche tu Lord Banner" esorto l'animaletto, che per tutta risposta si limita a guardare il forgiato e sbadigliare, per poi tornare a rannicchiarsi attorno al mio collo.
"Chiedo scusa, dopo aver mangiato è sempre un pò pigro" spiego timidamente.

Link to post
Share on other sites

L'occhiataccia che il sergente rivolge a Kastor fa ben capire come prenda quel complimento, risponde con una voce irritata, togliendosi in fretta il fiore tra i capelli e facendolo sparire in una tasca alla cintura Bene, visto che ci siete tutti, possiamo lasciar stare questo coso. annuendo alla proposta di Sharkharvurn, vi guida al tavolino di un piccolo bar, dove con un gesto fa capire al gestore di non infastidirla. Si assicura che nessuno stia ascoltando, e vi parla sussurrando Allora, Lady Marina ha chiesto che ad occuparsi di questa storia siano dei suoi agenti. Non so perché, e non mi interessa, mi è stato detto di comunicarvi i fatti e lasciarvi lavorare. Ora, un forgiato con programma femminile, Carbonella, pare abbia informazioni riguardo degli affari loschi che starebbero avvenendo nei quartieri bassi. Pare che passi le giornate al Carnevale Arrugginito, un pub per forgiati qualche piattaforma sotto questa, tra la strada dei vicoli e quella dei bulloni. Non so cosa possa dirvi questa forgiata, ma da alcune mie fonti potrebbe essere collegata a qualche organizzazione criminale della città, quindi fate attenzione. Domande?   

Link to post
Share on other sites

Arrivato sul luogo riconosco la piccola strana creatura che qualche volta avevo incontrato nel palazzo della Signora. La saluto toccandomi il cappello e facendo un lieve cenno di capo, poi ripeto la stessa azione per il suo piccolo animale. 

La donna che doveva affidargli la missione sembrava un perfetto esemplare di ciò che gli umani chiamano persona irritabile. Un genere poco piacevole, ma, per qualche motivo, affascinante per le persone. Una delle tante cose che non capiva era l'attrazione apparentemente senza motivo verso esseri taciturni e ombrosi, come se il non voler avere rapporti umani attraesse umani volenterosi di instaurare un rapporto. Mah...

Ascoltò in silenzio il discorso della sergente, poi non aggiunse nulla ma portò una mano dove gli umani hanno il mento, come se stesse pensando. 

 

Link to post
Share on other sites

Kastor

 La compagnia si fa sempre più strana, a partire dal mezz'elfo fino ad arrivare al forgiato con la bombetta, non ho mai visto queste persone in vita mia penso irritato beh mai sottovalutare il prossimo Era uno degli insegnamenti della mia casata, più volte ho lavorato con membri di specie "particolari" e il più delle volte si sono rivelati delle risorse. Senza dire niente seguo il gruppo fino al bar.

Ascolto le parole irritate del sergente, attendo un attimo per lasciare il tempo agli altri di fare domande poi chiedo: Si, una volta ottenute le informazioni da questo forgiato, cosa dobbiamo farne? Dobbiamo fermare questi affari loschi? Oppure prenderne parte? 

Link to post
Share on other sites

Darvin Von Zim

dopo essermi assicurato della non presenza di persone interessate ai nostri affari, mi avvicino verso il gruppo , fatte le dovute presentazioni, mi limito a seguire lungo le vie il contatto.

una volta raggiunto un posto tranquillo, caccio il mio taccuino rilegato in pelle e inizio a prendere appunti

Carbonella.....carnevale arrugginito .....possibili attività criminali.....

Giusta osservazione ....signor Kastor, giusto? 
fermo la penna e guardo in attesa di risposta il sergente Vilroy

Edited by Gigardos
Link to post
Share on other sites

Shania

Salgo sulla sedia, ma rimango in piedi... altrimenti non riuscirei mai a vedere al di sopra del tavolo!
"Questa Carbonella... ne abbiamo una descrizione, anche solo parziale?" chiedo incuriosita.
'Spero che non dica che i forgiati sono tutti uguali, sarebbe veramente di cattivo gusto... lo dicono anche di noi coboldi!'

Link to post
Share on other sites

Sharkharvur

 

sorrido al fatto che la mia richiesta di bere qualcosa di meglio dell'acqua sia stata capita e seguo la donna e ordino una birra con la sicurezza che pagherà lei da bere, dopotutto ci ha invitato lei in quel bar.
Ascolto tutto il discorso mentre bevo. Quando ho finito la brra aspetto che parlino gli altri alzando leggermente il sopracciglio ad alcune delle domande

credo che ci si perda il vero fulcro della questione...quanta libertà abbiamo da punto di vista legale...ovvero quante persone possono sparire prima che ci siano domande scomode per il nostro datore di lavoro...se sparisse ad esepio questa tizia...quante domande ci sarebbero ?

faccio con calma, come se stessi parlando di un martedì qualunque mettendomi poi a finire la birra

è una domanda teorica...

faccio sorridendo per poi tornare serio di colpo

comunque secondo me il modo migliore per avvicinarsi sarebbe lavorare nel pub...o entrarci come clienti

guardo un attimo il forgiato con uno sguardo entusiasto, dopotutto è una fortuna che ce ne sia uno, o forse aveva previsto tutto

e da qui perchè potrei esser stato chiamato...so lavorare in una cucina come lavapiatti...potrei lavorare lì mentre il forgiato qui sta tra i clienti, se la individua me lo fa notare in un piatto sporco come gli dico io...io esco a fumarmi qualcosa e vi avviso...voi aspettate lei esca e la prelevate...poi la portate a un luogo sicuro e lì la interroghiamo...tutto questo perchè i veleni funzionano poco su i forgiati sennò era molto più facile...

muovo un po' la lingua tra i denti come se avessi incastrato qualcosa per poi pulirmi un orecchio con l'indice

che ne dite ?

 

 

Link to post
Share on other sites

Kastor

Solo Kastor Rispondo al mezz'elfo Prima di pensare a come rapire il nostro obiettivo, direi di capire cosa dobbiamo fare. Per quel che ne so potrebbe essere anche lei al soldo del nostro patrono. Indico ad una cameriera di portarmi una birra.

Link to post
Share on other sites

Quando avete finito di pianificare rapimenti dice Monesti, indicando la sua uniforme da sergente Posso solo dirvi che non ho idea di che cosa si tratti: Carbonella si è messa in contatto con alcuni informatori della guardia nei bassifondi, circa tre giorni fa; ieri sera mi è stato detto di prendere contatto con lei, e un’ora dopo che Lady Marina avrebbe inviato delle persone di fiducia, che avrei dovuto comunicare tutte le informazioni a loro e lasciarli agire. Ah, e di assicurarvi tutto il supporto possibile. Non ho idea di cosa dobbiate fare o del perché Lady Marina sia interessata alla forgiata

il sergente guarda un attimo Shania, prima di rispondere Carbonella, da quello che sappiamo, è un modello recente, legno e ferro; alta sui sette piedi e “magra”, la testa ha una calotta in bronzo e non ha la mano sinistra, rimpiazzata da un cilindro d’ottone decorato. Questo è quello che sappiamo 

Link to post
Share on other sites

Sharkharvur

 

rapimento è una brutta parola...di solito si dice discussione privata...

faccio tranquillo

e comunque proprio per il vostro ruolo chiedo quanto sia di occhio buono la guardia locale

Link to post
Share on other sites

Analisi dei compagni registrata. 

Il primo: coboldo di sesso femminile. Tratti: spontanea e allegra.

Il secondo: umano senza un braccio. Tratti: apparentemente riflessivo e calmo

Il terzo: mezzelfo maschio. Tratti: taciturno, anch'egli calmo all'apparenza. 

Il quarto: goblin maschio. Tratti: dimostra comportamenti violenti e una probabile intelligenza sotto la media. Soggetto a rischio. 

Se quelli sono i compagni con cui dovrà portare a termine la missione meglio registrarsi nella mente quante più informazioni possibili, non è mai una buona idea affrontare una disavventura facendo affidamento su incognite. La loro missione, comunque, non era affatto ben chiara. Di sicuro fare ipotesi sulla sua natura e sulle sfide che si sarebbero trovati ad affrontare in quel momento non era possibile. -Forgiato, aspetto femminile, testa di bronzo, mancanza di mano sinistra. Ah questi modelli nuovi! Li fanno sempre più fragili.- scuoto la testa in segno di disapprovazione -Contattarla: questa è l'unica strada possibile al momento. Mi offro come volontario: se il locale in cui la possiamo trovare è per forgiati ho matematicamente più probabilità di riuscire a stabilire un contatto. Signorina Sergente in che modo potremo contattarla nel caso ci serva supporto?-

Link to post
Share on other sites

Shania

Osservo interdetta il goblin; la tranquillità con cui parla di rapimenti e torture, come se fossero cose di tutti i giorni, mi preoccupa un pò.
'Che razza di persona ha mandato Lady Oydelys?'
"Non sarebbe preferibile dare a Carbonella il beneficio del dubbio, ed evitare di farle del male, finchè non siamo sicuri che è una nemica e un pericolo?" chiedo un pò seccata al goblin.
"A proposito... io mi sono presentata, conosco il nome di Lord Banner per averlo visto alcune volte al palazzo di Lady Oydelys, e quello di Kastor perchè si è presentato" indicando i due "ma non sò i nomi degli altri; sarebbe poco rispettoso chiamarli "il goblin" e "il mezzelfo", non credete?"

Link to post
Share on other sites

Darvin Von Zim

le domande poste al sergente sono tutte corrette, una descrizione del soggetto, quanta libertà di agire abbiamo
intanto cancello la sigla Sig. accanto al nome Kastor e riprendo a scrivere annotazioni varie sui colleghi.
Sogetto in questione...contatti bassifondi....modello nuovo..legno e ferro...alta.....magra...calotta in bronzo....cilindro al posto della mano sinistra

fermo nuovamente la penna per prendere parola

Bhe, come osservato dal nostro collega mi volto verso il goblin , una discussione privata sarebbe una soluzione, come anche il sergente ci ricorda, non è che un ultima spiaggia...molto probabilmente converrebbe far avvenire un incontro casuale con il guardo il forgiato signor Banner....e il carnevale arrugginito sembra un buon posto, anche se noi altri daremo un po' più nell'occhio , non essendo della tipologia solita di clientela del locale.....

infine rispondo a Shania
Certamente io sono Darvin Von Zim, ero sicuro di essermi presentato alla balconata , comunque al vostro servizio e aggiungerei, una volta finito qui, prima di muoversi verso il soggetto in questione , mi allontanerei un attimo per fare un giro tra i miei contatti, potrebbero uscire altri nomi o posti che le ruotano attorno, anzi se anche voi avete qualcun'altra persona a cui porre delle domande , converrebbe farlo appena possibile

 

Edited by Gigardos
Link to post
Share on other sites

Kastor d'Deneith

 

Bevo una sorsata della birra che mi hanno portato, acidula e calda: solita birra da bettola,  prendendo fiato esprimo i miei ulteriori dubbi presumo che quindi dovremo aiutare questa Carbonella? C'è qualche sindacato criminale sospettato o solo un gruppo secondario? Mi liscio la barba bagnata con la birra per continuare E soprattutto: che supporto siete in grado di fornirci?

 

 

Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.