Jump to content

Cosa servirebbe in un nuovo tool per la gestione dell'ambientazione?


firion

Recommended Posts

Sto facendo una piccola ricerca sui tool esistenti per la gestione delle campagne e dell'ambientazione, sia online che offline (es. Obsidian Portal, Real Works ecc). Mi sembra di capire che di solito, per quanto riguarda la gestione campagne, vengano utilizzati sistemi specifici per i GdR, mentre per l'ambientazione spesso vengono usati sistemi generici (es. One Note). Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate dei tool esistenti specifici per il GdR: sono completi? Ce n'è qualcuno che consente di gestire tutto quello che serve? Cosa vi aspettereste di vedere in un nuovo strumento per la gestione sia di campagne che di ambientazione?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Per me un sistema efficace di gestione delle campagne dovrebbe includere dei framework globali, come il frame fronti e minacce di Apocalypse World.

Sarebbe interessante sviluppare un frame dinamico a più dimensioni che aiuti a strutturare e gestire l'avventura sulla base di alcuni input lineari come [avventura-campagna], [storia lineare-sandbox], [character driven-story driven].

Link to comment
Share on other sites

Provo a mettere un semplice framework esemplificativo per sviluppare un'avventura aperta.

La prima sessione il GM e i giocatori creano un setting; ogni giocatore propone un tema suo alleato e un tema di minaccia. Un esempio di quest'ultimo sarebbe un atto passato che potrebbe avergli creato dei nemici, oppure è un nemico, o magari qualcosa relato a lui (una fidanzata, un terreno di proprietà, una capacità speciale) che è invidiato da molti. Poi si fa un breve scena di "vita di tutti i giorni" per ogni PG.

Finita la sessione il GM stabilisce una macrotrama e una o due microtrame più o meno collegate a essa. La prima potrebbe essere "omicidio", "furto", "setta diabolica", "invasione" ecc. Gli altri due pure. Nello sviluppare queste trame, il GM fa sì che ogni PG abbia un collegamento diretto a una delle microtrame e uno diretto o indiretto alla macrotrama. Eccetera eccetera.

Un frame molto più semplice invece è: il GM scrive una storia e fa sì che ogni PG vi sia coinvolto in qualche modo da background. Per esempio se la storia è un omicidio, un PG potrebbe essere il gestore dell'osteria luogo del delitto, uno potrebbe essere un investigatore, e uno un importante notabile del luogo (il prete, un consigliere delle comunità, ecc.)

La storia è scritta nei dettagli e va considerata "cosa succederebbe se i PG agissero in modo scontato e lineare". Siccome i PG faranno senz'altro qualcosa di imprevedibile, il GM gestisce l'avventura facendo evolvere la storia a seconda di questi cambiamenti alla "trama di default" provocati dai PG.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...