Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Una Estate in Città - Lankhmar, la Città dell'Avventura

Articolo di J.R. Zambrano del 04 Luglio 2019
Volgiamo lo sguardo verso il passato e verso una delle più grandi e vivaci città di D&D. Se siete affamati di avventure urbane, date un’occhiata a Lankhmar, la Città dell'Avventura.
Ogni eroe proviene da un qualche luogo. Nascosta nelle profondità del regno di Nehwon, troverete una delle città più interessanti di sempre. Potete dire che è interessante perché dei borseggiatori vi attendono per derubarvi del vostro oro, è piena di distretti, trame, intrighi e risse, e sicuramente si tratta di una delle più influenti ambientazioni di D&D, ma non per la ragione alla quale state pensando.
Possiamo affermare con tranquillità che, anche se non avete mai letto nessuno dei racconti di Fritz Leiber su Fafhrd e il Gray Mouser, ne siete comunque stati influenzati. Come nota a margine, se non li avete letti dovreste comunque concedere una possibilità alla prima raccolta: sfogliarla e leggerla dopo aver giocato a D&D è un'esperienza affascinante. È qualcosa di similare al tornare indietro e vedere Robin Hood: Il Principe dei Ladri, ma solamente dopo aver visto Robin Hood: Un Uomo in Calzamaglia. Inizierete a vedere le radici storiche e tutti i piccoli riferimenti presenti nel gioco.

Anche solo l’idea stessa di “avventuriero”: Fafhrd e il Gray Mouser venivano spesso assunti e non erano schizzinosi sul chi lo faceva. Di fatto erano sovvenzionati da una coppia di arcanisti: Ningauble dai Sette [di solito sei] Occhi e Sheelba dal Volto Senza Occhi (tra i due ottenete un numero di occhi leggermente più normale della media, ma comunque entro parametri accettabili). Ma molto di ciò che pensiamo in relazione ai personaggi di D&D proviene da questa coppia: Fafhrd, un alto Barbaro che è abile nell’arte della spada e con le canzoni, e il Gray Mouser, un agile ladro che conosce sia l’arte della spada che quella della magia. La loro amicizia è leggendaria. Se volete, potete considerarli i primi murder-hobo.
E la città che chiamano casa può essere definita un personaggio tanto quanto loro due: profondamente corrotta, questa città marittima è la dimora di briganti e banditi nascosti dietro giusto un velo di apparenza sociale. Lankhmar di facciata è governata da un Sovrano e dalla nobiltà che lo segue, ma ci sono anche una potente Gilda dei Ladri, della quale i nostri (anti?)eroi fanno parte, una città sotterranea popolata da magici ratti senzienti e nomi evocativi che invitano ad esplorarla ulteriormente: Via del Buon Mercato, Vicolo delle Ossa (oppure l’incrocio tra Vicolo dell’Omicidio e Vicolo della Morte).
Se avete mai vissuto un’avventura urbana in D&D, è in larga parte per merito di Lankmar (che ha anche dato ad Ankh-Morpork un po’ di vita). Dunque fate attenzione ai lacci delle vostre borse E all’odore, e addentriamoci nella città di Lankhmar.
Nehwon

Posta nel mondo di Nehwon (oppure Nowhen per quelli di voi che non pronunciano compulsivamente nomi bizzarri al contrario per vedere se sono degli indizi)* Lankhmar è, come dicevamo, una città marittima, segnata come (40) nella porzione più a nord del continente isola centrale, che si chiama a sua volta Lankhmar, così chiamato proprio in virtù della sua più grande e celebre città.
Gran parte del mondo di Nehwon è sottomarino. I mari sono vasti e hanno inghiottito gran parte della terra, lasciando solo una ridotta parte del mondo da esplorare. E sebbene i personaggi possano immergersi al di sotto delle acque con l’aiuto della magia, finirebbero solamente per imbattersi nel Re dei Mari, che è tanto capriccioso quanto potente, per cui le visite di lunga durata non sono consigliabili.
Esplorando la superficie di Nehwon troverete un’ampia varietà di continenti che sembra stiano solo aspettando degli avventurieri che li deprivino dei loro tesori (il che, dato che il mondo esisteva affinché Fafhrd e il Gray Mouser potessero vivere della avventure nello stesso, ha senso). Che si tratti della perduta e arcana Simorgya, che affondò, come Atlantide, al di sotto delle onde, lasciando in vita solo sopravvissuti amareggiati per la loro antica gloria; degli imponenti picchi della Rampa delle Stelle, una gigantesca montagna che si dice sia la casa di un certo numero di creature invisibili con strane abilità magiche (o di cinque maghi dotati di un dubbio senso dell’umorismo) o della città di Ool Hrusp (una delle Otto Grandi Città, ora governate da un tiranno folle a cui piacciono tutti i tipi di combattimento gladiatorio), troverete sicuramente qualcosa per il quale vale la pena avventurarsi nel mondo.
Lankhmar
Ma nessun luogo è migliore di Lankhmar, la Città della Toga Nera (non chiedete). Diamo un’occhiata:

Diamine, c’è davvero di tutto. Osservando la città dall’alto, potete vedere come è decisamente piena di strade principali e di svariati vicoli ciechi, capolinea e zone affollate. Proviamo a farci un’idea di alcuni di questi luoghi spostandoci di distretto in distretto. Per prima cosa esaminiamo il Distretto del Parco
Distretto del Parco

Così chiamato per l’infame Parco del Piacere, un luogo trascurato e trasandato che ha la funzione di centro per incontri sotto banco e attività illegali. Gode della reputazione di “territorio neutrale” per gli incontri del mondo malavitoso e al contempo della reputazione, legata al proprio nome, di luogo perfetto per gli incontri degli amanti, leciti od illeciti che siano.
Il distretto del Parco attira così tante attenzioni illecite perché è anche la sede di tutte le gilde in città, il che include la Gilda dei Gioiellieri, la Gilda dei Carpentieri, la Gilda dei Sarti con la sua illustre storia e rituali, i Carrai e i Granai. Se può essere d’aiuto al funzionamento della città, lo trovate in questo luogo. E proprio per questo ci sono anche i ladri.
Distretto delle Feste

Aha, adesso si ragiona. Un intero distretto dedicato alle Feste e, diversamente dagli altri distretti dove si prova a nascondere con nomi bizzarri il fatto che ci siano vari tipi di attività illegali in ballo, il Distretto dei Festival è esattamente ciò che viene affermato nel nome. In questo distretto potete sempre trovare una qualche celebrazione che si sta svolgendo. Solitamente ben illuminato e adornato con molti alberi, il Distretto delle Festa è la casa di arbusti in fiore, gruppi di statue e di tutti gli altri elementi cardine che potreste desiderare per una "scena di inseguimento".
Altri luoghi degni di nota in questo distretto includono il Forno di Yun, un’attività nota per l’eccellente qualità dei prodotti sfornati e per la generosità (non è però noto il fatto che i suoi proprietari sono seguaci del Dio Ratto e agenti dei ratti della Lankhmar di Sotto che un giorno potrebbero insorgere per vedere la città cadere), la Lontra Allegra, una locanda che fa da casa ai viaggiatori ed è curata da uno staff paziente e adattabile, che è abituato a cambiare approccio per adattarsi alla celebrazione del giorno.
Distretto della Palude

Poi viene il Distretto della Palude, il più piccolo e povero tra i distretti di Lankhmar. Qui tutto è in rovina. Trattandosi di una versione fantasy dei bassifondi, gli edifici del Distretto della Palude si trovano in vari stati di degrado e alcuni hanno spesso anche grossi buchi nei muri oppure sono privi di parti del tetto. L’odore di vegetazione marcescente riempie l’aria, eccetto nei momenti in cui si leva lo Smog Notturno, che costituisce una temporanea e asfissiante tregua dall’odore di cavolfiore marcio.
Poiché è decisamente povero, le Guardie di Lankmar preferiscono starne alla larga, lasciando le varie bande a gestirsi da sole. Cosa che in gran parte effettivamente fanno. Nel Distretto della Palude chiunque è un potenziale nemico (o alleato). La necessità è madre dell'ingegno, ma porta anche ad avere strani compagni di letto.
Distretto della Piazza

Casa della Piazza delle Delizie Tenebrose, questo distretto ospita anche il mercato che gli dà il nome, così come molte gilde minori, santuari, maghi elusivi, ladri e un Magistrato molto ricco e corrotto. Questo distretto è decisamente cosmopolita per gli standard di Lankhmar. Di giorno, il luogo di mercato che dà il nome al distretto è una normale piazza piena di umani, anche se si dice che sia il più grande dei mercati di Lankhmar.
Ma di notte, la Piazza delle Delizie Tenebrose tiene fede al proprio nome. Nuovi venditori prendono posto alle bancarelle e una luce rossa soffusa illumina i volti mascherati e velati di avventori che passeggiano per il mercato, facendo acquisti illeciti e cercando la necessaria privacy. La versione notturna della Piazza presenta ogni tipo e forma di bevanda e alcolico, insieme a strane, ma potenti pozioni, fini polveri e oggetti incantati. La Piazza vanta la fama di essere in grado di trovare qualcosa per tutti, non importa quanto siano oscuri oppure… ecco… particolari… i loro gusti.
Distretto del Contante

Tutti in questo distretto camminano sul filo del rasoio…
Anche in questo caso sono all'opera le care vecchie convenzioni onomastiche proprie di Lankhmar e dei suoi abitanti. Questo distretto è infatti quello finanziario. Qui vi sono banche, prestatori di denaro (quando non sono visitati da spiriti passati, presenti e futuri), cambiavalute, ricettatori, usurai, banchi dei pegni. Di base se è coinvolto del denaro, ci sono buone probabilità che stiate negoziando con qualche nel Distretto del Contante.
Punti di interesse comprendono la Gilda dei Finanziatori, un opulento edificio su quattro piani che è protetto da elaborati lucchetti, trappole, bestie e guardie armate che si trovano lì per fornire un’elevata e non necessaria sicurezza ai già scarsi contenuti del caveau dell’edificio - ovvero gli incassi della gilda. Questo è anche il luogo più sicuro per le guardie, che in questo distretto hanno ben poco da fare oltre che godersi il ricco paesaggio e ripulire l’occasionale intrigo andato male.
Meno male, abbiamo a stento terminato i primi distretti e le cose sono già andate per le lunghe. Dunque per ora la chiuderemo qui. Ci rivediamo la prossima settimana per la seconda parte di questo articolo. Scaveremo un po’ più a fondo tra i distretti e parleremo un po’ di più di alcuni dei racconti di Fafhrd e del Gray Mouser che hanno aiutato ad ispirare Dungeons and Dragons.
Per saperne di più su Lankhmar
Nel frattempo, mi chiedo cosa potrebbe celarsi nel distretto del Filetto?
*Guardate che semplicemente non volevo essere fregato da Dracula, questo è tutto, e sì, sto guardando te Alucard.
Link all’articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/dd-summer-in-the-city-lankhmar-city-of-adventure.html
Read more...

I Migliori Moduli per la 1E

Articolo di J.R. Zambrano del 10 Luglio 2019
Torniamo indietro nel tempo, ai giorni dorati in cui è ambientato Stranger Things 3, quando tutto ciò che si voleva fare era giocare a D&D e vedere Joe Keery essere la miglior persona possibile. Negli ingenui anni '80, quando si pensava che le riforme economiche di Reagan avrebbero funzionato e quando le spalline erano così grandi da poterci far atterrare degli elicotteri, D&D 1E stava prendendo piede. C'erano avventure sperimentali pensate per i tornei, avventure più vecchie ereditate dai primi anni dell'edizione e alcune avventure che mostravano accenni di ciò che sarebbe stata la 2E. Delle moltissime avventure per D&D in giro per il mondo una parte sostanziale sono del periodo della 1E. Oggi daremo uno sguardo al passato e a queste prime avventura, scegliendo cinque tra le migliori.
Quindi appendete al muro le vostre luci natalizie, mettendoci vicine delle lettere e tenetevi pronti.
Il Tempio del Male Elementale (The Temple of Elemental Evil)

Cominciamo con un grande classico, uno che si è ripetuto per un motivo. Si tratta di uno dei dungeon più iconici di sempre. Se avete giocato a D&D è facile che abbiate sentito parlare del Tempio del Male Elementale. Esso riassume perfettamente l'esperienza da 1E, con i giocatori che passano da essere avventurieri di basso livello "deboli, provati e praticamente senza soldi" fino a diventare abbastanza potenti da poter sfidare la demone Zuggtmoy.
Non si può essere più 1E di così. L'avventura comprende una cittadina dove gli avventurieri possono recuperare scorte e provviste e un dungeon multilivello pieno di mostri, trappole e pericoli che diventano sempre più grandi man mano che si scende.
Il Sinistro Segreto di Saltmarsh (The Sinister Secret of Saltmarsh)

Non è certo un segreto, sinistro o meno, che io adori la serie di Saltmarsh. Se Il Tempio del Male Elementale racchiude il concetto base dell'esperienza con la 1E, allora Saltmarsh rappresenta un distaccarsi da essa, avventurandosi in un mondo narrativo più vasto.
Invece di essere concentrati su un singolo dungeon, i giocatori si trovano immischiati nei problemi di una piccola cittadina e devono investigare misteri, organizzare alleanze con dei Lucertoloidi, combattere orde di Sahuagin e molto altro, mentre fanno crescere la propria reputazione e sono liberi di scegliere le proprie azioni e perseguire i loro scopi. Avventure come queste sono ciò che rende D&D così popolare al giorno d'oggi.
Ravenloft

Se Saltmarsh era un passo verso le avventure narrative, allora Ravenloft è stato un salto a piè pari verso gli abissi di quel genere e le storie basate sui personaggi. Si tratta di un modulo che ha cambiato il corso della storia di D&D. Tracy Hickman e Laura Curtis, marito e moglie, già all'epoca creatori di alcune delle migliori avventure di D&D, decisero di affrontare la sfida di creare una storia basata sui miti e sugli archetipi legati ai vampiri, senza far diventare il tutto un banale cliché.
Da allora Ravenloft ha dato vita ad una propria ambientazione, è stato riadattato in Curse of Strahd e continua ad essere uno dei punti di riferimento per i GdR gothic horror, cosa che fa capire quanto fosse di qualità tale modulo, dove è anche apparso per la prima volta nella storia di D&D Strahd von Zarovich.
Quando Cade una Stella (When a Star Falls)

Questo potrebbe essere uno dei moduli meno conosciuti di questa lista, ma è davvero una della migliori avventure in circolazione. Scritta dalla TSR UK, When a Star Falls è un avventura piena di sorprese e colpi di scena, che vede i giocatori alla ricerca di una stella caduta con l'intento di riportarla ai suoi veri proprietari. Questa avventura porta i personaggi in territori leggendari, catturando un senso di fantastico e di fiabesco in un'avventura che lascia il segno.
Regina dei Ragni (Queen of the Spiders)

Questo è il primo "supermodulo" di avventure, che racchiude al suo interno sette differenti avventure, cominciando con Steading of the Hill Giant Chief (ovvero la prima parte di Against the Giants) per finire con La Regina della Fossa delle Ragnetele Demoniache (Queen of the Demonweb Pits). I giocatori parteciperanno ad una di quelle avventure high fantasy che rendono D&D così divertente, sfidando giganti, scendendo nel Sottosuolo per combattere Drow, Derro e Kuo-toa per finire nell'Abisso dove affronteranno Lolth in persona (anche se solo nella forma di semi-dea).
Si tratta della prima avventura davvero epica della storia D&D e si nota.
Quali moduli pensiate siano i migliori della storia di D&D? Come si raffrontano con la nostra lista? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/dd-the-best-1st-edition-modules.html
Read more...

Gli Artefatti di Ravnica sulla DMs Guild

Artefatti di Ravnica, scritto da Luca Maffia e ora disponibile sulla DMs Guild, introduce 10 Oggetti Magici appartenenti al mondo di Magic the Gathering, riadattati per essere utilizzati in Dungeons & Dragons. Inoltre, in questo compendio completamente illustrato, sono descritti altri 26 Oggetti Magici originali ispirati al piano di Ravnica, tra cui:
10 Armi da Fuoco Magiche. 2 Oggetti Meravigliosi per potenziare le evocazioni dei personaggi. 3 set di Oggetti Magici che donano proprietà aggiuntive se indossati al completo. Nuove pozioni da portare nelle vostre avventure. Artefatti di Ravnica è disponibile in lingua italiana.

Read more...

Scopriamo gli Old School Essentials e Dolmenwood

Articolo di Charles Dunwoody del 04 Luglio
Garvin Norman ha fondato la Necrotic Gnome per produrre regole, avventure e ambientazioni per D&D Basic/Expert. Ha iniziato a giocare a D&D da bambino negli anni '80 ed è tornato a giocare da adulto con D&D 4E e Pathfinder. Dato che D&D Basic non ha regole per ogni cosa, richiede delle discussioni tra i giocatori e il DM, cosa che Gavin apprezza. Invece di tirare per cercare le trappole i giocatori descrivono cosa e dove stiano cercando, un altro aspetto che gradisce. Ha quindi deciso che vuole tornare a giocare con un sistema più semplice e più "aperto".

Anche se Gavin usa le regole basilari di Basic D&D così come sono scritte, adora creare classi, oggetti magici, incantesimi e mostri. Il suo primo lavoro pubblicato, il The Complete Vivimancer, è una classe che modifica i corpi per i propri fini. La sua passione per la creazione lo ha portato al suo primo Kickstarter, dove offre le regole di Basic/Expert non solo come un manuale rilegato, ma anche in cinque volumi separati. Mano a mano che la Necrotic Gnome pubblicherà altro materiale, le classi potranno essere scambiate con quelle vecchie o mischiate insieme. Le altre regole possono essere tranquillamente tolte od aggiunte. La modularità degli Old-School Essentials è fondamentale per il suo continuo sviluppo.
Gli Old-School Essentials, sviluppati e discussi con impegno nel blog della Necrotic Gnome, sono stati creati partendo dai B/X Essentials, una diretta riproduzione delle regole originali del 1981. Old-School Essentials include varie coppie di pagine con regole correlate, così che il manuale possa essere aperto e messo sul tavolo dando al DM tutto ciò di cui avrà bisogno.
Altri nuovi manuali sono già in fase di sviluppo, con classi e incantesimi da Advanced D&D 1E che stanno venendo convertite agli Old-School Essentials e altre regole in cantiere. Inoltre, Gavin ha creato un'ambientazione chiamata Dolmenwood in una serie di riviste.
Un eccitante novità è che Dolmenwood verrà rilasciata sia per gli Old-School Essentials che per D&D 5E. Il suo secondo Kickstarter riguarderà un manuale sull'ambientazione, con dettagli sulla storia e sul background e con 184 "esagoni" descritti (probabilmente espansi in un secondo libro). Un manuale del giocatore e uno dei mostri verranno pubblicati di lì a breve. Dolmenwood può anche essere inserita come luogo in un'ambientazione già esistente.
Un mondo composto da varie fiabe frammentate e mischiate, Dolmenwood unisce il raccapricciante, il bizzarro e lo psichedelico in una sorta di pozione stregata che viene rovesciata su una foresta piena di miti. Questo strano bosco arcano è la casa di signori ultraterreni degli elfi, di animali parlanti e di streghe volanti dotate di magie in grado di catturare i viandanti innocenti che passano nella foresta.
Dolmenwood è stata descritta solo in delle riviste ed avventure fino ad ora, ma il futuro manuale riceverà il "trattamento deluxe". Gavin si è posto come obiettivo di avere delle illustrazioni a colori per ogni mostro che sarà presentato nell'eventuale bestiario.
Galvin ha pianificato di sviluppare parallelamente le nuove regole per gli Old-School Essentials mentre lavora su Dolmenwood. Sta lavorando a delle regole post-apocalittiche, su mostri avanzati e tesori, su delle avventure e si sta mettendo d'accordo con i produttori di terze parti per il loro sviluppo. 
Gavin ha detto che tutte le edizioni di D&D hanno il loro fascino, i loro pro e le loro particolarità. Vale la pena provarle tutte, facendo tesoro delle differenti esperienze che possono offrire all'interno del mondo dei giochi di ruolo fantasy. E spera che i giocatori delle nuove edizioni di D&D provino le atmosfere delle origini con gli Old-School Essentials.
Gavin consiglia questo prodotto proprio ai giocatori di D&D 5E e Pathfinder, per capire come fosse giocare con le prime edizioni del gioco, pur mantenendo un aspetto moderno e un lavoro attento di editing. Ha un forte rispetto per le nuove edizioni di D&D, ma non per questo ignora quelle più vecchie. Vuole incoraggiare i giocatori a provare uno stile più rilassato e a parlare e disquisire con i propri DM, mentre il mondo viene esplorato con l'improvvisazione e le descrizioni.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/forum/content.php?6305-Gavin-Norman-Necrotic-Gnome-Talks-Old-School-Essentials-and-D-D-5E-Dolmenwood
Read more...

Le votazione per gli ENnies 2019 sono iniziate!

Articolo di Morrus del 10 Luglio
Ora potete votare i vostri editori, Giudici e prodotti preferiti per gli ENnies Awards 2019! La piattaforma di voto è stata aperta e sarà funzionante fino alle 05 di mattina del 22 Luglio

"Vi ricordiamo che seguiamo la regola "Una persona un voto" ed è fondamentale che questo principio venga rispettato. Se avete già votato per un prodotto e/o giudice, vi preghiamo di non farlo nuovamente. Vi preghiamo inoltre di non chiedere ad altre persone di votare più volte per migliorare i risultati di un prodotto o giudice. Inoltre, gli editori che supportano o umiliano pubblicamente tramite campagne online, su social e/o email durante il periodo delle nomination e delle votazioni non potranno vedere i loro prodotti scelti come premi per quell'anno. Questo include, ma non è limitato a, gli account ufficiali delle compagnie e dei gestori delle stesse.
Buona fortuna a tutti i nominati!
Non vediamo l'ora di annunciare i vincitori durante il Gen Con, il 02 di Agosto alla Union Station di Indianapolis (Indiana). Per tutti coloro che non potranno esserci, l'evento sarà disponibile come streaming dal vivo!"
Potete votare qui. E invece trovate qui la lista completa dei candidati.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/forum/content.php?6464-Voting-for-2019-ENnies-Is-Live!
Read more...
NinjaCow

Capitolo I - Il toro bianco

Recommended Posts

Tevim è distribuito su tre colli vicini tra loro. Sulla cima di ogni uno sorge una delle strutture principali del villaggio: Il tempio di Demetra, quello di Atena e la dimora del Magistro, che è il vostro centro amministrativo e politico. E' in quest'ultimo posto che si svolgono le riunioni del consiglio cittadino ogni 3 lune.

E' sera e avete da poco finito di accomodarvi in una grande sala illuminata da piccoli bracieri che penzolano dal soffitto. Ai due ingressi laterali alcuni miliziani vigilano su di voi con fare distratto, seppur raramente in passato alcune discussioni tra cittadini sono sfociate nella violenza. La gente chiacchiera rumorosamente ma quando il Magistro Punus entra nella sala cala il silenzio. E' un uomo sulla quarantina, indossa abiti modesti e mantiene una certa sobrietà. Unico simbolo della suo status sociale è la maschera in bronzo che gli copre il viso. Subito da inizio alla riunione Onorevoli Cittadini di Tevim, l'ultimo inverno è stato devastante. Per superare la carestia siamo stati costretti a macellare quasi tutti i nostri animali ma la malattia ha comunque spezzato molte vite. Gli trema la voce. Attraverso due piccole fessure sulla sua maschera vedete i suoi occhi guizzare in direzione di sua moglie e della figlia. Fino a pochi mesi la sua famiglia era molto più numerosa. Abbiamo già perso un terzo della popolazione e se quest'anno il raccolto non sarà buono siamo spacciati. Solo con il favore di Demetra la terra ci darà quello che ci serve e la Sacerdotessa dice che servirà un sacrificio.

Nel consiglio molte voci si levano per esprimere il loro favore. Molti di loro sono fedeli di Atena, ma sono stati piegati dalla situazione disperata. Punus cede la parola alla Sacerdotessa. Sul palco sale una donna giovane vestita di pochi veli semitrasparenti che lasciano intravedere tutte le sue grazie. Con voce sottile si appresta a spiegare la situazione. Ho pregato Demetra e lei mi ha donato una visione. Ho visto le verdi pianure del nord e un grande toro bianco. Un animale stupendo, dalla muscolatura possente e lunghe corna dritte come spade. Poi ho visto il suo sangue bagnare le nostre campagne e il raccolto crescere in abbondanza. Mentre parla ha l'abitudine di passare le dita sottili tra i suoi lunghi capelli del colore della paglia. Dobbiamo trovare l'animale e sacrificarlo nel Tempio. Detto questo scende dal palco e Punus torna a gestire la riunione.

Le grandi pianure non sono distanti, ma la strada è pericolosa. Inoltre il futuro della nostra gente dipende dalla cattura di quel toro. Dobbiamo affidare questo compito delicato a uomini capaci e pagarli bene. Pensiamo di fissare una ricompensa di 200 monete d'oro.

Ma... sono quasi tutti i fondi che abbiamo per il prossimo trimestre. E' tantissimo! Sbotta un cittadino.

Senza sacrificio moriremo di fame! Se le cose vanno male siamo spacciati. Una ricompensa così alta non può che essere d'aiuto. Ribatte un altro. Dal consiglio si sollevano voci positive. Dovremmo persino aumentarla di 20 monete! Aggiunge una cittadina. Questa volte qualcuno ride e altri protestano perché la spesa sarebbe troppo alta.

In fase di votazione il sacrificio viene approvato all'unanimità e l'aumento della ricompensa viene approvato con poco più della maggioranza. Ma chi andrà a recuperare il Toro bianco per la ricca ricompensa di 220 monete d'oro? Nei prossimi giorni Punus accoglierà eventuali candidature e sceglierà a chi affidare l'incarico.

La seduta va avanti e viene discussa un'altra questione. C'è bisogno di bestiame che possa aiutare con il lavoro pesante, cavalli e buoi. Ma anche bestiame da allevamento per rimpiazzare le perdite degli ultimi tempi. Alla fine decide di non mettere ricompense o di acquistarle con i fondi pubblici. Però chi dovesse riuscire ad ammaestrare esemplari selvatici può (ovviamente) venderli a caro prezzo al mercato cittadino. Ora la domanda è altissima e l'offerta quasi inesistente.

Alla conclusione del consiglio molti giovani corrono subito da Punus, sicuramente vogliono candidarsi per recuperare il grande toro bianco. Molti altri invece rimangono nella sala a fare conversazione.

@sani100

Spoiler

L'uomo che ha protestato perché la ricompensa era troppo alta lo conosci bene. E' il tuo capitano. Sai che pochi giorni fa aveva proposto a Punus di aumentare il numero di Militi a guardia della città. Ancora non sai a quale scopo.

La proposta doveva essere discussa oggi ma non è stata nemmeno menzionata.

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Emond

@descrizione
 

Spoiler

Emond è un ragazzo di 17 anni alto 1.80, con gli occhi neri e i capelli castani, non ha particolari segni distintivi.
Ha tendenzialmente un'espressione abbastanza seria, e se possibile gira col suo kukri e il suo scudo a portata di mano.

Rimango pensieroso durante tutta la riunione.
Il costo mi pare davvero troppo alto, la proposta non mi entusiasma in generale, e io sono fra quelli contrari ad aumentarlo ancora.
Rimango inespressivo, ma a fine della riunione mi irrita un po' che non abbia parlato d'altro.
Alla fine mi dirigo dal mio capitano e lo prendo un attimo da parte.

 @capitano
 

Spoiler

"A quanto pare i militi sono meno importanti.
Certo, dopo aver proposto una spesa del genere non poteva certo portare un'altra spesa. 
Se non c'è di meglio da fare credo che mi candiderò, e penso che Tibalt possa essere un valido aiuto.
Che ne pensi?"

Dico, in tono basso ma fermo, e per niente contento di come si è risolto l'incontro

 

Edited by sani100

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tibalt

Ascolto le parole di Punus con superficialità, anche se è un problema serio sono stanco di sentir parlare di raccolti miseri e vittime della malaria. Come al solito inizio a pensare che è stato un errore presentarmi alla riunione, difficilmente prendo parola per dire la mia e poi non amo trovarmi tra la folla. Punus finisce di parlare e lascia la parola alla sacerdotessa di Demetra. La sua entrata cattura tutta la mia attenzione, mi bastano pochi secondi per diventare rosso in viso per via di qualche pensiero su di lei. Abbasso subito la testa per nascondere il mio imbarazzo. Ascolto attentamente le sue parole ed inizio a ragionare su cosa fare trascurando tutto ciò che verrà deciso in seguito. 

Un toro bianco? Basta catturare un toro per poter risolvere i problemi di Tevim. Forse dovrei fare una mano o forse no. Però bisogna anche dire che senza raccolto il contadino non lavora e se il contadino non lavora ci rimetto anche io per il calo di richieste. Magari se questo rituale funziona la smetteranno pure di lamentarsi ogni giorno della carestia...e magari catturare quel toro per me potrebbe essere una buona scusa per andare al tempio per vedere le sacerdotesse. Senza contare che se dovessi aiutare questa gente darei una grande soddisfazione al nonno e per un po' se la smetterà di rimproverarmi. Sono rimasto per qualche minuto immerso nei miei pensieri guardando fisso il pavimento senza far caso al continuo della seduta magari è già finita da un po' ma sono arrivato alla conclusione che parteciperò alla cattura di quel toro. 

Edited by MaxEaster93

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lisandro

Come prevedibile, il consiglio cittadinoviene monopolizzato dalla tragica situazione in cui versa Tevim; quello che non avevo sospettato è l'intervento della sacerdotessa di Demetra. Non è un segreto che tra i due santuari non scorra simpatia, per usare un eufemismo, tuttavia mi sarei aspettato che la sacerdotessa mi mettesse al corrente della sua visione prima di renderla pubblica.

Indispettito, resto in silenzio fino alla fine della seduta, quindi raggiungo Punus per parlargli prima che vada via: Magistro, mi permetta due parole. Prima non mi sono espresso, per evitare di accendere nuove liti e lasciar placare gli animi. Non voglio entrare in merito della validità o meno della soluzione proposta dal tempio di Demetra, tuttavia, non posso fare a meno di esprimere il mio dubbio riguardo la ricompensa offerta. Devolvere l'intero ammontare delle casse in un'unica soluzione non è affatto saggio, per non dire rischioso: se anche si dovesse trovare un toro bianco, non è detto che il sacrificio sia sufficiente per risolvere la situazione della nostra città. Atena suggerisce parsimonia, lungimiranza e pianificazione, dobbiamo tenere conto di eventuali imprevisti. Mi rendo conto però che una lauta ricompensa possa favorire maggiori speranze di successo, per cui vorrei proporre un compromesso: domani parteciperò anche io alla cerca del sacrificio, ma la mia parte di ricompensa resterà nelle casse cittadine; non sarà molto, ma in tempi difficili ogni briciola può tornare utile per la comunità. 

DM

Spoiler

Conoscenze natura +7

Conoscenze religioni 20 naturale, totale +24

Conoscenze locali +10

Lore (conoscenze bardiche del chierico cenobita) +15

Cosa so a proposito di un toro come quello della visione della sacerdotessa? È davvero un segno positivo, o potrebbe essere negativo? Ad esempio a me fa venire in nente un simbolo di Marte, potrebbe portare ulteriore guerra? Ho qualche idea se esiste davvero questo toro, se ci sono leggende, e dove potrebbe trovarsi?

 

Edited by Skull Leader

Share this post


Link to post
Share on other sites

@sani100

Adene, il tuo capitano, è un uomo tra i 20 e 30 anni. Il suo fisico massiccio e lo sguardo sempre torvo non gli danno un'aria molto amichevole. Dopo averti ascoltato ti guarda fisso negli occhi per un lungo momento. Usando due dita si sta grattando la guancia sinistra coperta di una folta barba scura. E' una sua abitudine e lo fa sempre quando riflette. Alla fine, annuendo, ti risponde cercando di mantenere bassa la voce. Un'impresa considerando il suo tono imponente. Va bene, parlerò con Punus. Metterò una buona parola per voi due. Al tuo ritorno voglio sapere come si è comportato Tibalt. Si guarda intorno per essere sicuro che nessuno sia abbastanza vicino da ascoltare. Hai anche un altro compito ora. Mentre sei fuori cerca indizi e informazioni sul passaggio di uomini armati intorno a Tevim. Alcuni contadini mi hanno riferito di aver visto ricognitori a cavallo ai confini delle nostre terre... dobbiamo saperne di più.

@Skull Leader

Punus è circondato di giovani che cercano di convincerlo a scegliere loro. C'è chi si vanta della propria forza, chi della propria scaltrezza, velocità, determinazione etc... ma la tua proposta è certamente la più allettante. Subito dice ai giovani di allontanarsi per parlare con te. Mentre gli altri candidati si allontanano delusi Punus si toglie la maschera cerimoniale. Il suo volto ha tratti eleganti ed è indubbiamente un bell'uomo. Temevo che questa soluzione potesse infastiditi. Sono piacevolmente stupito della tua proposta. Ti fa onore Lisandro anche se trovo ironico che sia un sacerdote di Atena a recuperare un'offerta per Demetra. Sei sicuro che la tua Dea non si offenda per questo? Comunque va bene, sei un uomo accorto e affidabile, partirai per quest'impresa. Ti da un'amichevole pacca sulla spalla. Buona fortuna.

Spoiler

Conoscenze natura: Ci pensi un po' su, ma non ti viene in mente nulla sui bovini selvatici.

Conoscenze religioni: Non è così strano ricevere visioni dagli Dei. Potrebbe sempre essere una menzogna, ma a che scopo? Invece capisci subito il significato del toro bianco. Donare del bestiame è sempre un gesto gradito, un bel toro robusto adatto alla monta. Donare bestiame in occasioni importanti come matrimoni o la stipula di alleanze è qualcosa di piuttosto comune. Qui l'allevamento è qualcosa di grosso. Credi che Demetra voglia il toro in cambio del suo aiuto. Ma perché vuole proprio quel toro? Potrebbe essere solo un capriccio o potrebbe avere uno scopo. Ad ogni modo è una Dea che mantiene la parola.

Conoscenze locali: Nulla.

Lore bardiche: Ti viene il vecchio mito della nascita del primo Minotauro (in questo mondo ve ne sono più di uno a quanto pare). Un re avrebbe dovuto sacrificare un bellissimo toro bianco a Poseidone. Il Re non eseguì il sacrificio e Poseidone lo punì facendo in modo che sua moglie si innamorasse del toro in questione. La donna trovò un modo per "farsi amare" dal toro e ne nacque il Minotauro. Una creatura possente e aggressiva che può facilmente schiacciare un uomo e mangiarselo.

 

@Tutti

Spoiler

Fiducia:

Userò una meccanica molto semplice che mi aiuterà a tenere traccia dei vostri rapporti con i PNG. Mi aiuterà a calibrare le loro azioni e atteggiamenti nei vostri confronti. Al primo contatto con ogni PNG partirete da 0. Azioni che riscuotono l'approvazione dei PNG aumentano tale valore e azioni contrarie lo diminuiscono. Valori positivi danno dei bonus sociali ogni 10 punti. Valori negativi danno malus.

Esempio: le parole di Emund hanno riscosso l'approvazione di Adene guadagnando 2 punti "fiducia". Adene ora prova una leggera simpatia per Emund e sarà meglio disposto ad ascoltarlo o a fornirgli informazioni utili.

Quando il loro rapporto di fiducia raggiungerà i 10 punti Emund avrà dei piccoli bonus alle prove sociali nei confronti di Adene. Inoltre il PNG sarà ancora più ben disposto ad aiutare. A 20 punti i bonus saranno ancora maggiori e in una situazione di pericolo Adene potrebbe persino decidere di mettersi in pericolo per Emund. Etc...

In caso di fiducia negativa varrà l'opposto. -2 il PNG tenderà a dare informazioni incomplete o errate. -10 cercherà di ostacolare il PG. -20 potrebbe persino cospirare contro di lui. etc...

Emund e Adene 0 -> 2 (ha gradito la tua iniziativa)

Lisandro e Sacerdotessa di Demetra (ancora devo scegliere un nome, lo farò non appena qualcuno ci interagisce) -5 di partenza perché avete interessi politici contrastanti. Siete chiaramente concorrenti.

Lisandro e Punus 0 -> 2 (ha gradito la tua iniziativa)

Aigidion e Sacerdotessa di Demetra (ancora devo scegliere un nome, lo farò non appena qualcuno ci interagisce) -5 di partenza perché avete interessi politici contrastanti. Siete chiaramente concorrenti.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aigidion

Passo la maggior parte del tempo, durante l'assemblea, a prendere appunti su quanto viene detto, osservando in maniera blanda il comportamento di tutti e segnando i nomi con degli pseudonimi. 

Tutto questo è buon materiale, se mai mi ritrovassi a scrivere un trattato di politica. Non mi trovano d'accordo su diversi punti, ma anche questo rende il tutto più interessante. 

Quando si porta avanti la sacerdotessa di Demetra, ascolto con attenzione ancora più attenzione. Demetra e Atena. Non vedo perché le divinità, almeno nelle spoglie di noi mortali non dovrebbero collaborare. La somma forse però è troppo grande. Io lo avrei fatto anche senza compenso....

Una volta uscito dalla sala del consiglio, opto per tornare immediatamente al tempio e aspettare Lisandro. Lui saprà sicuramente cosa è meglio fare. Mentre aspetto, comunque, continuo a scrivere l'opera sull'agricoltura su cui stavo lavorando il giorno precedente. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lisandro 

Atena ci insegna a ricercare il bene comune, non importa se per intercessione di un'altra divinità. rispondo in tono forse un po' troppo sbrigativo, per cui aggiungo con maggiore calma: Se la divina Demetra può aiutarci ad uscire da questa carestia, è mio dovere fare tutto il possibile per assicurare la riuscita del sacrificio. Inoltre posso provare a convincere il giovane Aigidion ad unirsi alla spedizione, condividiamo le stesse conoscenze, ma lui è sicuramente più portato di quanto sia io per le questioni puramente fisiche.

Alla fine mi congedo educatamente e mi affretto verso il santuario, per effettuare i preparativi per la spedizione e chiedere ad Aigidion se intende unirsi anche lui.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aigidion

Appena Lisandro entra nel santuario, alzo lo sguardo dalla pergamena su cui sto lavorando, appoggio il pennino e gli porgo un veloce saluto. 

Riunione concitata. Che intendi fare? Io vorrei partecipare, sinceramente. Un viaggio potrebbe essere quello che mi serve per raccogliere materiale per le mie ricerche. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

3° Giorno 3° Mese Anno 0 (12 mesi ognuno da 28 giorni)

Il giorno seguente, nel tardo pomeriggio, venite convocati tutti e quattro nella grande sala comune. Questa volta i bracieri sono spenti e la stanza è illuminata dalle ultime luci del giorno che filtrano da piccole finestre poste molto in alto. Ad aspettarvi ci sono Punus, la Sacerdotessa, Adene e un piccolo gruppo di cittadini influenti con il ruolo di testimoni. L'incarico di catturare il toro sacrificale viene ufficialmente assegnato a voi. Tutti vi augurano di avere buona sorte e vi fanno presente che le sorti del villaggio sono nelle vostre mani. Nei saluti la Sacerdotessa mostra molto meno entusiasmo con Lisandro e Aigidion rispetto che con gli altri due eroi.

Vi viene chiesto di partire la mattina seguente, non c'è tempo da perdere. Ad ogni modo la sera avete del tempo per prepararvi e comprare quello che pensate possa servirvi per il viaggio. Non siete mai usciti dai confini di Tevim, ad esclusione di Lisandro. Lui vi informa che per raggiungere le estese pianure a Nord serviranno circa un giorno e mezzo di cammino. (Ho usato la precedente prova di conoscenze locali).

Potete recuperare in flashback sotto spoiler i dialoghi interrotti dalla sera del consiglio.

4° Giorno 3° Mese Anno 0

Vi mettete in viaggio alle prime luci dell'alba. Ad accogliervi c'è una fresca mattinata primaverile, la condizione ideale per camminare a lungo senza sentire troppo caldo o troppo freddo. Le campagne sotto l'influenza di Tevim sono molto estese ma ne raggiungete i confini per l'ora di pranzo. Siete sulla cima di una collina e sul lato del sentiero che state seguendo c'è un modesto boschetto. Alcuni uccellini canticchiano appollaiati tra i rami ancora mezzi spogli. Ora il sole è alto in cielo e fa più caldo. Questo è il luogo perfetto per fare una pausa e concedersi un buon pasto prima di uscire dalla zona sicura.

 

Da qui siete super liberi di agire come meglio credete. In questa prima fase vi ho trascinato un pochino per non dilungarci troppo nell'introduzione e lanciarci subito all'avventura. Prendo un secondo per introdurre un'altra semplice meccanica che useremo durante gli spostamenti su media distanza. Ogni mezza giornata di cammino mi ritiro nell'angolo buio dove i narratori fanno le loro cose molto malvagie e tiro in grande segreto dei dadi. In base al risultato potrebbero esserci incontri casuali (non per forza con agenti ostili) oppure potrebbe non succedere nulla. Se non succede nulla passo direttamente al tiro successivo, se invece c'è qualcosa... bhe mi sembra ovvio, lo giochiamo.

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lisandro 

--- FLASHBACK ---

La sera prima della partenza decido di fare visita ai miei genitori. Nell'ultimo anno, con i tanti problemi della nostra comunità, le occasioni per passare del tempo con la famiglia sono state quanto mai scarse, e mi duole ammetterlo, anche questa visita non è semplicemente per cortesia. 

Mi ritrovo a pensare quanto i doveri del tempio mi abbiano reso pragmatico: infatti, dopo i convenevoli di rito, passo subito alla ragione per cui sono tornato a vecchia villa. Senza troppa vergogna, spiego a mio padre che il viaggio per la ricerca della toro potrebbe richiedere molti giorni, e pertanto gli sarei grato se potesse fornirmi un cavallo o un carro, o al limite anche solo un mulo, per poter trasportare l'equipaggiamento necessario. 

DM

Spoiler

 

Il giorno della partenza mi presento con una tenuta di cui solo raramente ho fatto uso. Dismessi i paramenti da sacerdote, indosso una candida linothorax, leggera ma robusta, e invece dei sandali dei morbidi calzari in cuoio. Completa la panoplia l'elmo dalla cresta cremisi, che porto agganciato alla cintura, e il penta, lo scudo leggero a mezzaluna, su cui campeggiano due grandi occhi di civetta spalancati, simbolo della dea Atena. 

Nonostante l'equipaggiamento militare, il mio fisico è messo a dura prova: non sono più abituato ai lunghi viaggi, e anche se periodicamente mi addestro al combattimento il mio fisico è rimasto gracile come quando ero ragazzo. Resisto stoicamente fino a quando decidiamo di fare una pausa, ma devo fare un ulteriore sforzo di volontà per non gettarmi a terra ansimante e mantenere un atteggiamento compito. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Emond

@Dopo la riunione
 

Spoiler

"Ricevuto capitano, grazie capitano"
Rispondo, annuendo deciso con la testa.
"Effettivamente il movimento è sospetto." 

Arrivo alla partenza già armato per il combattimento, armatura in cuoio borchiato, kukri al fianco, lancia sulla schiena e scudo borchiato attaccato allo zaino.
"Vedo che abbiamo formato un buon gruppo.
Io sono Emond, per chi non mi conosce"

Dico, allungando la mano

Quando ci fermiamo, dopo aver mangiato, mi rivolgo ai nuovi
"Se qualcuno di voi sa riconoscere qualche pianta magari riesco a preparare un veleno che potrebbe semplificarci la cattura dell'animale."

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aigidion

Preparo tutto quello che mi serve per il viaggio, razioni e tutto il resto. Tengo la spada in una fascia legata dietro la schiena attaccata allo zaino, lo scudo su un fianco a portata di mano e la lancia in mano usata a mo' di bastone per camminare. Indosso subito l'armatura, pronto ad ogni evenienza, con sotto tunica leggera e delle barche a coprirmi le gambe. Una volta controllato di avere tutto (e di essermi portato dietro il necessario per scrivee) mi dirigo al punto d'incontro. 

Stringo la mano ad Emond, quando si presenta, anche se un po' in imbarazzo. Sì, ti conosco di vista. Sono Aigidion, del tempio di Atena. Mi dispiace, ma credo di non sapere abbastanza di erbe per veleni. Però devo tenermi in mente di lui, potrebbe tornare comodo come fonte per un compendio di erboristeria. 

Descrizione@

Spoiler

I vestiti li ho messi sopra, d'aspetto è molto semplice, capelli corti arruffati, barba corta ma comunque non curata, dà l'idea di non essere uno che conta all'aspetto quanto più alla comodità. Non è particolarmente alto o ben piazzato, però con un'arma in mano dà una sensazione di sicurezza, come di uno che sa esattamente ciò che sta facendo. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lisandro

Non credo che qui vicino ci siano piante velenose, ma forse più a nord potrebbero esserci radici o funghi che potresti usare.

rispondo distrattamente mentre prendo del formaggio e un tozzo di pane dal mio tascapane 

Anche se in verità non sono molto propenso all'uso di veleni: credo che il significato del sacrificio sia la cattura del toro con le nostre forze. Agli occhi di Atena usare i veleni per indebolirlo sarebbe un po' come barare, prendersi un vantaggio che non ci spetta. Ma forse per Demetra può andare bene, in fin dei conti sarebbe come utilizzare i frutti che lei semina per il mondo.

DM

Spoiler

Conoscenza natura 22

SkullLeader:1D20+4 → 22(18 + 4)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tibalt

@flashback 

Passo del tempo con mio nonno prima della mia partenza. Lo informo della missione che mi è stata assegnata e mi assicuro che nel tempo in cui sarò assente le sacerdotesse avranno cura della sua salute. Vado da chi ne è di dovere per chiedere in prestito alcuni oggetti che serviranno per la cattura del toro tra cui :alcune bolas, corde, catene e reti grandi abbastanza per la sua stazza. (per quanto riguarda il carro ho visto già che ci hanno pensato).

----------------------------------------

Dopo qualche ora di cammino facciamo una piccola pausa per il pranzo. Emond già lo conosco e per quanto riguarda gli altri penso che avranno sentito parlare di me, per ciò rimango silenzioso. Decido di non esprimermi neanche quando parlano di erbe dato che non ne ho le conoscenze. Osservo l'orizzonte ed i miei pensieri vanno ad esso, sono entusiasta del fatto che visiterò le terre oltre i confini di Tevim. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tibalt 

Mentre pranziamo parlando di erbe mi ricorso della commissione datami dalle sacerdotesse Emond! Me ne ero dimenticato dobbiamo trovare le erbe curative per le sacerdotesse ricordi? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lisandro

La tua famiglia è contenta di vederti. Ogni tua visita per loro è speciale, la voce della tua imminente partenza si è già sparsa e sanno bene cosa devi affrontare. Ti offrono il vino migliore e ti chiedono come vanno le cose al tempio. La tua è gente pratica, sanno bene che se dovessi fallire perderesti il rispetto della comunità e sanno quanto questo potrebbe danneggiare la gestione del tempio di Atena. Sono più che disposti ad aiutarti con tutti i mezzi a loro disposizione. Quest'anno si è prodotto ben poco olio e quello che non serve in casa verrà venduto alla gente di Tevim. Per un po' il carro non servirà per i loro affari. Te lo prestano con piacere insieme a due muli per trainarlo. Ricordavi che avessero anche una cavalla bella e robusta, ma è morta durante l'inverno. In aggiunta cercano tra le loro provviste cibi adatti ad essere conservati in viaggio mettendo insieme ben due razioni da viaggio. Quando te ne vai si raccomandano di tornare vivo e di riportare carro e animali appena torni.

Conoscenze Natura: Ci sono dei funghi velenosi che fanno al caso vostro perché il veleno estratto dalle sue spore non è abbastanza velenoso da uccidere un Toro in salute, ma allo stesso tempo è abbastanza forte per metterlo fuori gioco qualche giorno. In quel lasso di tempo il Toro sarà in totale agonia e se la passerà veramente male, di certo non sarà in grado di camminare. Per fortuna avete un carretto robusto. Però ci sono due problematiche: Una dose troppo massiccia del veleno potrebbe uccidere il toro. L'estrazione del veleno è estremamente rischiosa perché vi servono le sue spore e queste vengono rilasciate in uno spruzzo quando il fungo viene toccato. Chi estrae tali spore rischia di inalarle e rimanere avvelenato ed è dunque un'operazione molto rischiosa per chi la metterà in atto. Aggiungo che tali funghi si trovano in zone umide e ricoperte dal sole. Un boschetto attraversato da un ruscello è un buon posto dove cercarli. Vi è andata di culo che siete vicino ad un boschetto e sapete che ad un certo punto è attraversato da un modesto corso d'acqua.

Tibalt

Nessuno è in dovere con te nel fornirti equipaggiamento militare, ma tu non sei certo un santo e rovisti tra la roba di tuo nonno. Trovi le corde e le catene. Per le altre cose che hai chiesto hai tre opzioni: Pagarle comprandole da un commerciante del villaggio. "Prenderle in prestito" senza dire nulla a nessuno dai magazzini della Milizia di Tevim. Non prendere nulla. Dimmi tu quale scelta ti aggrada di più. Indipendentemente dalla scelta avrai successo perché oramai siamo avanti nel tempo. Però tutto ha un prezzo:

1. Se hai i soldi bene, altrimenti sarai costretto a fare debito con il mercante dal quale compri la roba. Puoi chiedere uno sconto con una prova di diplomazia.

2. Hai quello che ti serve, ma qualcuno potrebbe accorgersi di quello che hai fatto. Hai gli oggetti a costo 0 ma la questione si ripresenterà in futuro ed è un ottimo spunto di gioco.

3. Non hai gli oggetti che hai chiesto. Certo non c'è alcun prezzo da pagare, o forse c'è? Gli oggetti che hai chiesto potrebbero tornare utili, è saggio rinunciarci?

Non ricordavo bene quello che avevo scritto riguardo la tua erba e sono andato a controllare: "devi raccogliere una particolare erba di colore blu. Questa erba curativa ha una grande varietà di utilizzi, gli alchimisti come Emond la conoscono bene perché viene spesso usata per mescere pozioni curative. Lui la saprà sicuramente riconoscere. Solitamente si trova nei boschi e spunta fuori dopo una giornata di pioggia." La giornata di pioggia può essere più semplicemente intesa come "condizione di umidità". Questa è una fortuita coincidenza* visto che è anche una condizione per il ritrovamento dei funghi velenosi. 2 piccioni con una fava.

fortuita coincidenza* Nella stesura dei post ho una linea generale con la quale mi oriento ma non posso prevedere tutto quello che farete, come il veleno ad esempio. Non me lo sarei mai aspettato, quando ho scritto le condizioni che lo riguardavano sono andato a ruota libera e solo dopo ho scoperto che avesse una condizione in comune con l'erba Blu. Spero di non annoiarvi, è solo che mi piace essere molto trasparente nella gestione del gioco.

_______________________________

Ho la sensazione che in generale tutti siate più o meno interessati al veleno. Sarebbe opportuno chiedere prima conferma però richiederebbe molto tempo e sperando di non avervi male interpretato rischio andando direttamente avanti con la ricerca del Fungo. Vi tranquillizzo da subito per il futuro, se sono in dubbio sulle vostre intenzioni chiederò prima di trascinarvi alla scena seguente.

_______________________________

Lisandro sa cosa serve per il veleno e sa dove trovarlo. Spiega a tutti le fattezze di un fungo poroso dal cappello grigio e striature rosse così che tutti possiate aguzzare la vista e partecipare alla ricerca. Però dovrete abbandonare il sentiero ed infilarvi nel bosco. Questo allungherà il vostro viaggio ma fortunatamente le piante sono abbastanza distanti tra loro da permettere il passaggio del vostro carretto. Finite il vostro pasto, raccogliete le vostre cose e vi mettete subito in cammino. Dopo un paio di ore vi ritrovate avanti ad un piccolo ruscello ed iniziate costeggiarlo alla ricerca del famoso fungo.

Tibalt ha davvero buon occhio o tanta fortuna. Prima trova le sue preziose erbe di colore blu e dopo altro tempo speso a camminare vi indica anche il fungo velenoso che stavate cercando. E' un grosso fungo grigio striato di rosso ed è lì pronto a donarvi le sue preziose spore.

Le vostre ricerche vi hanno portato via tutto il pomeriggio ed ora è il tramonto. A breve dovrete anche organizzare un riparo per la notte.

Spoiler

I tiri di cercare sono nella nostra stanza su Rolz, qui riporto i risultati:

CD 17:

Lisandro 16

Aigidion 15

Tibalt 17

Emond 14

Tibalt tira per cercare le sue erbe curative di colore blu. Gli altri possono aiutarlo specificandolo nel prossimo post ed eseguendo il tiro.

CD 19:

20 naturale - trovate, non ha più bisogno di aiuto.

 

  • Like 1
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tibalt 

@Dm 

dato che la buona riuscita della missione è vitale per Tevem pensavo avessimo avuto disponibilità da parte dei cittadini. Dobbiamo catturare, immobilizzare e trasportare un toro quindi ci servono gli oggetti adatti per farlo . Mi ha convinto con " non sei un santo" e "ottimo spunto per il gioco" quindi prendo la seconda scelta.)(dimmi anche per il carro se è fattibile magari l ha preso skull) 

Edited by MaxEaster93
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Emond

Sbuffo alla risposta di Aigidion
"Peccato"
Mentre ascolto interessato Lisandro
"Ne saprai sicuramente più di me, ma se non sbaglio ci si rivolge ad Atena se si desidera portare a termine un piano con strategia e tattica, piuttosto che con la mera forza bruta, come farebbe invece Ares.
O per lo meno così è sempre stato per me."

Concludo, facendo spallucce.
"Anche qualche animale velenoso o soporifero potrebbe esserci utile"
Poi Tibalt mi parla di erbe e sacerdotesse.
"In realtà no, non lo ricordavo.
Ma se lo dici te mi fido"

Appena ci è possibile partecipo attivamente alla ricerca
"Se possiamo prendiamo qualcosa in più, qualche riserva in ogni caso non può che farci comodo.
Stasera fermiamoci un po' prima, riprenderemo meglio le forze dopo la ricerca e avrò più tempo per preparare il veleno con calma"

Esorto, anche solo per spronare tutti.

Per estrarre le spore cerco un supporto piano possibilmente una roccia, se non lo trovo mi accontento del terreno.
Mi tengo pronto l'acqua a portata di mano, così da sciacquarmi occhi e viso in caso di problemi.
Dallo zaino prendo la mia coperta, con l'aiuto di una lama ne taglio una striscia alta una quindicina di centimetri.
La divido in quattro pezzi, uno lo bagno e lo uso per coprirmi bocca e naso, un altro lo uso per sorreggere il fungo, in modo da evitare il contatto con la mano, con l'altra mano, anch'essa coperta, stringo un bastoncino col quale batto molto leggermente sul fungo, così da far cadere le spore sul quarto pezzo di stoffa sistemato subito sotto.

@dm
 

Spoiler

Mi va benissimo la trasparenza, anzi, la preferisco, mi piace molto, complimenti! 
La sera procedo dunque a preparare il veleno, se mi servisse ho varie fiale, una cote, acciarino e pietra focaia e se devo scaldare roba accendo un fuoco.

sani100:1D20+6 → 19(13 + 6)#craft

 

Edited by sani100

Share this post


Link to post
Share on other sites

Emond prende ogni precauzione possibile riducendo il rischio di inalazione delle spore quasi allo zero. Però la sua incolumità è comunque in serio pericolo. In situazioni di forte stress può sempre capitare che la paura prenda il sopravvento facendoti commettere errori fatali. Ora Emond deve solo mantenere la concentrazione durante questa delicata operazione.

Quando il bastoncino tocca il cappello del fungo questo si gonfia e spruzza tutt'intorno una polverina gialla che investe Emond in pieno. Il vostro compagno non si scompone. Raccoglie quante più spore possibili nel pezzo di tessuto apposito e butta il fungo. Dopo di che, senza scoprire il volto, va al ruscello ed inizia a lavarsi di dosso le spore dai vestiti. Solo alla fine libera il viso e si lava per bene.

Emond ha messo al sicuro le preziose spore senza rimanere avvelenato, anche se ora i suoi abiti sono tutti bagnati.

Sfortunatamente non c'è tempo per festeggiare, sentite rumore di passi e individuate due Elfi costeggiare il ruscello. Indossano tuniche identiche corte fino al ginocchio e di colore rosso. Impugnano l'arco e hanno spade corte al fianco. Non vi hanno ancora visto.

@Tutti

Spoiler

Dunque. Il piano è ottimo perché evita in alcun modo l'inalazione delle spore. Anche il dettaglio dell'acqua per ripulirsi aiuta molto. Così conciato ho interpretato la situazione in questo modo: Il rischio ora è di inalare le spore per distrazione infrangendo il "protocollo di sicurezza" messo in atto da Emond. In tal senso l'azione richiede la sua piena attenzione mentre è in pericolo e per me una prova di concentrazione con CD Facile (5) è la cosa che più calza con il momento. E' opinabile ma è la mia interpretazione dei fatti, inizialmente ero quasi tentato di risolvere l'azione senza nemmeno tirare vista l'efficacia del piano, sulla carta.

Concentrazione

CD 5

Risultato 12 (sta su Rolz)

Spore recuperate.

Il tiro di alchimia è sufficiente alla creazione del Veleno paralizzante. Ti serve mezza giornata per produrlo, quindi non è ancora pronto. CD 15 Tempra dimezza. In caso di TS fallito 1d4 giorni di paralisi. In caso di TS superato si soffre della condizione "Fatigued". (-2 for e cos, non si può caricare o correre. Sparisce dopo 8 ore di riposo)

 

Edited by NinjaCow
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lisandro 

Nel vedere sopraggiungere i due elfi, il primo istinto è quello di nascondermi, ma so bene che sarebbe inutile. 

Agendo in fretta, appoggio l'elmo sul capo, in modo che il volto resti scoperto, imbraccio lo scudo e impugno una lancia. Per un istante sorrido, pensando che inavvertitamente sto imitando la raffigurazione classica della divina Atena, ma scaccio il pensiero e a gran voce chiamo i due elfi: Che la pace degli dei vi accompagni, e che il divino Ermes Acaceto favorisca i vostri passi. Cosa vi conduce per questi sentieri?

Spero vivamente che l'antico epiteto del dio dei viaggi, "incapace di fare del male", giunga alle orecchie dei due elfi e che suggerisca che non abbiamo intenzioni bellicose, cionostante le mie mani si serrano attorno alle cinghia del piccolo scudo e dell'asta della lancia.

DM

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.