Jump to content

Psionics Unleashed e Psionics Expanded


Jes
 Share

Recommended Posts


  • Replies 6
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

io conosco solo le classi del primo libro che hanno messo sul sito online, mentre ho comprato il secondo (non potevo aspettare che le mettessero sul sito! XD )

personalmente, trovo alcune classi molto interessanti, tuttavia ho giocato solo soulknife (due o tre tipi differenti) e un aegis (secondo libro)... mi sono esaltato! XD

Link to comment
Share on other sites

Per quelli che non hanno letto gli altri manuali, le classi sono queste:

  • Aegis: Una classe che si riveste di un'armatura psionica, dalle più leggere alle più pesanti, con possibilità di ottenere potenziamenti in grado di aggiungere arti, di volare, di nuotare, e così via. L'aspetto assomiglia molto ad un mecha di cristallo.
  • Cecchino: Una classe per arcieri psionici
  • Criptico: Una classe che modifica la realtà sfruttando le "pattern" della realtà. Un'altra sua caratteristica sono i tatuaggi, e il fatto che i poteri manifestati si esprimono in tatuaggi sul suo corpo (più difficili da riconoscere, ma più difficili da nascondere), e generalmente è uno skill monkey furtivo.
  • Tattico: Una classe mirata a collaborare con altri personaggi, legati assieme da una forma di telepatia chiamata "collettivo". Per farvi capire, il concetto di base ricalca il ruolo del leader di D&D 4th, del manovrista di White Raven o del Marshal (Manuale delle Miniature).
  • Vitalista: dotato del "collettivo" come il tattico, è un buffer e un healer molto versatile, ha principalmente poteri di psicometabolismo e di telepatia.

L'aegis è una di quelle che mi ha lasciato più stranito. Come master, pensare a gente che va in giro seminuda con l'armatura psichica addosso, mi lascia un po' perplesso, se fosse una cosa comune nell'ambientazione.

Link to comment
Share on other sites

invece l'aegis per me è stata una trovata davvero carina (per non parlare dell'immagine con il goblin dentro una mega armatura!).. non è troppo potente, non è troppo debole, molto situazionale ma con limitate capacità di cambiare le capacità per rendere l'armatura davvero comoda.. alcune idee sono un po' fuori di testa (tipo quella per portare un'altra creatura.. O.o ) ma comunque piacevole.

certo, in una ambientazione standard forse non si intona come "personaggio comune" (così come non si intonano la stragrande maggioranza dei PG..), ma nelle ambientazioni standard gli psionici sono solitamente tenuti di parte e poco "incisivi" sul mondo (molto meno di magia arcana e divina..), quindi non è certo all'ordine del giorno incontrare un aegis in giro..

il tattico l'ho trovato finalmente un personaggio da "gruppo", invece di one man stand come si presenta la terza edizione e pathfinder. non è incentrato su se stesso ma sul gruppo e questa cosa la apprezzo molto più di qualsiasi altra...

infine, c'è da citare alcuni archetipi particolarmente interessanti, principalmente per il souknife...

Link to comment
Share on other sites

Vero, ma tutte quelle classi sarebbero perfette per un'ambientazione solo psionica che avevo pensato anni fà, dove gli incantatori divini, salvo druidi, ranger e guaritori, legati alla natura e alla vita, venivano cacciati e giustiziati come indemoniati schiavi di nefande entità aliene e la magia arcana veniva perseguitata come un qualcosa capace di corrompere il corpo e l'anima o rendere chiunque più suscettibile alle influenze aliene (dove per alieni si intendevano tutti gli esterni, considerati senza eccezione una minaccia)...

Link to comment
Share on other sites

Aleph, sì. L'idea del tattico è proprio quella. Non è una questione di essere potente personalmente, quanto di essere potenti assieme. E' un personaggio molto sociale, si può dire.

Il soulknife ha guadagnato molto in personalizzabilità e figaggine con Psionics Unleashed, e credo che la Dreamscarred Press abbia fatto un lavoro ECCELSO a renderlo cool!

Carina, Mad Master! Ma si trattava solo di superstizioni o avevano delle basi di verità? Cioé, la magia corrompeva davvero?

Link to comment
Share on other sites

Diciamo che la magia veniva vista come una contaminazione da parte degli "alieni" che cercavano di infiltrarsi nel mondo... In particolare, erano detestati gli stregoni (contaminati fin dalla nascita o frutto di unioni oscene), gli evocatori (collaborazionisti alieni o peggio), i negromanti (peggio ancora, visto che contaminavano i morti con spiriti alieni creando abomini) e i divinatori (plagiati e controllati dagli alieni)... In Pathfinder anche le witch sarebbero malviste, in quanto serve e fautrici dei loro patroni alieni...

Avevo in mente di usare solo classi psioniche per i PG, oltre alle classi senza magia, con l'aggiunta di un ranger senza magia, di un bardo rivisto come unico incantatore arcano ammesso (in quanto sfrutta l'armonia universale di cui l'intero cosmo risuona) e di guaritore e druido rivisitati (in quanto in armonia con la natura e quindi non "alieni")... In 3.5 non avevo abbastanza classi, anche col Complete Psionics, oppure non erano molto adatte, ma con questi due manuali potrei anche pensare di riprendere in mano quell'ambientazione...

Per essere un lavoro demandato a terzi, i manuali sono davvero all'altezza degli standard che la Paizo ha stabilito per i prodotti Pathfinder... Un netto miglioramento rispetto ai corrispettivi manuali 3.5, un po' come Pathfinder stesso lo è rispetto ai core...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.