Jump to content

[Dungeon World] Un party elimina lo stupro dalla realtà di gioco


TartaRosso
 Share

Recommended Posts

http://thishobbyowns.tumblr.com/post/41595390152/just-finished-up-tonights-dungeonworld-game-and

Ok il titolo vi apparirà alquanto misterioso. Ma è quello che descrive il link che riporto.

In un'avventura il gruppo dell'autore del blog ha rimosso il concetto di stupro dalla realtà con un rituale.

Lo linko così per parlarne.

Pensate sia una cosa bella e finalmente un po' inusuale da fare in un gdr?

È un eccesso di politicamente corretto? È la reazione di una giocatrice ad anni di gioco accanto a nerd misogini puzzolenti e se**ioli (che fra l'altro sarebbe anche una reazione umanamente comprensibile anche la si ritenesse un eccesso:) )?

Io bo ora ci penso :) .

Qualcuno che ha più tempo di me e parla la lingua della perfida Albione* potrebbe fare un riassunto del post a chi pensa che "cold" sia la parola "caldo" detta con accento un po' nordico :) .

* se non sapete di cosa sto parlando google e Wikipedia sono vostri amici.

Inviato dal mio MK16i con Tapatalk 2

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Mah...non capisco il motivo...ovvio che sarebbe meglio se ciò non esistesse, ma togliere di punto in bianco un qualcosa che, purtroppo, fa parte della realtà non la comprendo...è come il voler togliere le rapine, le truffe e gli omicidi, sono tutte cose negative, ma fanno parte del nostro mondo e toglierle da un gdr sarebbe una cattiva scelta a mio modo di vedere le cose.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Mah...non capisco il motivo...ovvio che sarebbe meglio se ciò non esistesse, ma togliere di punto in bianco un qualcosa che, purtroppo, fa parte della realtà non la comprendo...è come il voler togliere le rapine, le truffe e gli omicidi, sono tutte cose negative, ma fanno parte del nostro mondo e toglierle da un gdr sarebbe una cattiva scelta a mio modo di vedere le cose.

No aspetta - il blog linkato parla del fatto che questo gruppo ha eliminato il concetto di stupro in-game, nell'universo del gioco; non nel ragolamento.

Faccio una sintesi: in sostanza, per riportare un alleato in vita, il party deve effettuare un rituale il cui prezzo è il sacrificio di una parola, che comporta la rimozione del concetto ad essa associato dalla realtà.

La chierica sceglie "stupro", fa un tiro di dado perfetto, e quindi nell'universo non esiste più lo stupro.

Personale opinione: questa è al tempo stesso un'ottima storia di epicità high fantasy (mi ricorda la conclusione di un'avventura epica 4e, in cui i PG distruggono Tiamat e con lei il concetto di avidità) e un tipico esempio della political correctenss all'americana. D'altra parte, viene da un blog che si chiama "this hobby owns" e raccoglie storie positive legate al mondo del GdR. In conclusione, not a big deal.

Link to comment
Share on other sites

1) il fatto di cancellarne il concetto, significa che nessuno può più commettere uno stupro, o che una vittima non è in grado di descrivere quanto le è successo?

Non è una domanda retorica o stupida, e lo dimostrerò con un esempio molto semplice: il colore rosa in giapponese.

In giapponese il termine per indicare il rosa non esisteva; e infatti attualmente si usa la parola pinku, cioè la "giapponesizzazione" di pink (rosa in inglese, perchè fu grazie agli americani che il termine entrò in uso).

Questo non vuol dire che i giapponesi non fossero in grado di riconoscere la differenza tra rosso, rosa, o bianco, nè che non fossero in grado di crearlo e usarlo... solo che non avevano una parola SPECIFICA per definire quella gradazione di colore.

2) un pg voleva eliminare la parola schiavo, perchè anche lui lo era stato (e probabilmente non ne aveva un bel ricordo), ma poi ha lasciato perdere, per paura dell'effetto che avrebbe avuto su di lui.

Se questo dipende dal timore che, cancellando la parola schiavo, allora spariscano tutti gli schiavi (nella descrizione, viene detto che l'effetto è retroattivo), la scomparsa di QUALUNQUE parola porterà alla modifica del passato, e quindi della realtà stessa.

Quanti malvagi ed eroi sono nati da uno stupro? Con la cancellazione della parola, sparirebbero anche loro, no?

Tutto questo, in sostanza, per dire che, (personalmente) ritengo l'aver preferito cancellare una parola come stupro, piuttosto che un'altra, una cretinata politicaly-correct.

Tutt'altro discorso se fossero riusciti a cancellarla dalla realtà... ma allora non potremmo nemmeno fare questa discussione. :lol:

Link to comment
Share on other sites

Matto Matteo

il post è abbastanza chiaro invero

So my party removed the actual concept of sexual assault from their reality, not just from the present and from now on, but retroactively as well. Nobody in the world’s ever even been able to come up with the idea, and never will. The PCs vaguely remember that it existed since they were at the epicenter of the spell, but even then it’s in a “trying to remember a dream” way.

Quindi hanno eradicato il concetto stesso dall'intero corso della storia umana (nel loro Dungeon World).

Infatti poi la battuta:

And, as another player put it: “Now hundreds of heroes will retroactively have better origin stories”.

La cosa **** dello spell e uno dei motivi per cui è finito lì immagino, è che al posto di collanine e monetine d'oro i giocatori rimodellano il mondo che conoscono. Del resto si sta riportando in vita una persona mica cazzabubbole :)

[info=]ho modificato il titolo così è meno fuorviante[/info]

Link to comment
Share on other sites

Ho capito che l'eliminazione del concetto di stupro è avvenuto solo all'interno del gioco (altrimenti questa discussione non poteva nemmeno iniziare).

Quello che dicevo era: non hanno eliminato la parola schiavo, per paura degli effetti su uno di loro, ma anche la schiavitù è una cosa orribile; per questo ritengo che la scelta di stupro, invece di schiavo, sia una cretinata dettata unicamente dal politically correct; sennò, già che c'erano, perchè non hanno eliminato direttamente la parola male?

Link to comment
Share on other sites

Probabilmente è stata una scelta di pancia dettata dal sentire di quel giocatore, senza menate di nessun genere. L' eliminazione dello stupro non ha eliminato chi è nato in seguito a un rapporto non consenziente, probabilmente in virtù del tiro di dado, quindi non c'è stato un calo di popolazione, non si capisce perché doveva essere un notevole calo. La scelta di una parola specifica con un ambito di utilizzo chiaro è stata forzata dalla paura di alterare troppo il mondo o dalla consapevolezza che eliminare qualcosa di estremamente grosso come il male ma declinato in vari aspetti poteva portare semplicemente a un nulla di fatto.

Link to comment
Share on other sites

Matto Matteo

Alla fine è un modo di vedere quello che è successo :D

Io penso che il giocatore del guerriero se ne è uscito con la parola schiavo, ma non ha insistito perché non sapeva come avrebbe potuto influire sul suo personaggio, ma comunque non spettava a lui decidere, anche se nel caso specifico tutto il gruppo ci ha pensato e, a dire il vero, ha avuto pure difficoltà (So everyone was having a hard time coming up with the right word to remove from reality).

Tecnicamente è il chierico che deve decidere, perché è il chierico che ha l'incantesimo e casta l'incantesimo.

Ci metto la parte regolistica dentro, anche perché rileggendo il manuale mi sa che prima ho detto pure una castroneria, perché, come poi vedrete, a volte si potrebbe usare tutte le monetine e le perline che ti servono :D :

La mossa di castare un incantesimo per un chierico è questa:

Cast a Spell

When you unleash a spell granted to you by your deity, roll+Wis. ✴On a 10+, the spell is successfully cast and your deity does not revoke the spell, so you may cast it again. ✴On a 7–9, the spell is cast, but choose one:

•You draw unwelcome attention or put yourself in a spot. The GM will tell you how.

•Your casting distances you from your deity—take -1 ongoing to cast a spell until the next time you commune.

•After you cast it, the spell is revoked by your deity. You cannot cast the spell again until you commune and have it granted to you.

Note that maintaining spells with ongoing effects will sometimes cause a penalty to your roll to cast a spell.

L'incantesimo invece dice questo:

Tell the GM you would like to resurrect a corpse whose soul has not yet fully departed this world. Resurrection is always possible, but the GM will give you one or more (possibly all) of these conditions to fulfill:

•It’s going to take days/weeks/months

•You must get help from ____

•It will require a lot of money

•You must sacrifice ____ to do it

The GM may, depending on the circumstances, allow you to resurrect the corpse now, with the understanding that the conditions must be met before it’s permanent, or require you to meet the conditions before the corpse is resurrected

Pertanto praticamente il GM in questione, IMHO, ha fatto una scelta azzardata appunto per vedere quello che poteva succedere. Creando una situazione direi anche interessante.

Io vorrei tanto questo gioco in Italiano, sopratutto vorrei che qualcuno investisse per farlo come la versione francese:

dungeon-world-vf-enboite-1.jpeg

dungeon-world-vf-31.jpeg

Come segnalato dal buon Arioch

C'è qualcuno che ce lo fa così? Per favore?

Link to comment
Share on other sites

comunque una cosa che non capisco ma il gioco che hanno giocato è sempre D&D?Se si quale edizione?Era un'ambientazione particolare?Perche se fossi stato il DM diq iella campagna nona veri mai fatto fare una cosa del genere per resuscitare qualcuno visto che c'era il rischio di togliere una sfera di influenza di una divinità ed credi che tale divinità te lo lascia fare?Aspetta è spera.....hahhahaha:D

Link to comment
Share on other sites

Ho aggiunto il blog ai miei preferiti di tumblr. Il concetto è epicamente estremo, e in barba alle considerazioni sugli effetti secondari. Da DM che ha sempre fatto sudare freddo per ogni parola di un Desiderio, questa scena vale davvero la pena di essere giocata.

@fenna

Ma il DungeonWorld francese è collegato a quello USA di kickstarter? Sembrano così diversi... Ci sono rumor di un traduttore italiano?

Link to comment
Share on other sites

Scusa:oops: non avevo letto prima comunque come sacrificio per resuscitare solo una persona mi pare un po' "pessantino" in teoria anche i cattivi potrebbero usare l'effetto collaterale per distruggere alcune cose dei buoni come la gioia,la giustizia,eccc ed capendo che la gli dei esistono lasciano ha dei mortali una cosa che potrebbe togliere potere ha loro o altri pari divini (spero solo che gli dei di quel gioco non hanno il concetto di domini o di area d'influenza)?

Poi una cosa non ho capito ma se uno elimina quel concetto nessuno può riproporlo casualmente con un nome diverso?

Link to comment
Share on other sites

Figurati,

se leggi l'incantesimo è il GM ha scegliere quale opzione tra quelli. Quindi il problema non si pone.

Semplicemente il GM ha scelto:

You must sacrifice ____ to do it

Devi sacrificare _______ per farlo

@Dracomilian

Il kikstarter americano è finito e il gioco è già stato pubblicato, pure in epub e mobi, io lo sto leggendo sul mio kindle :)

http://www.dungeon-world.com/

Quello francese è un'altra cosa semplicemente è molto bella come idea.

Non so se ci sia qualcuno che vuole pubblicarlo, però mi piacerebbe molto sopratutto se ne fanno una versione Box con le carte come sopra.

Link to comment
Share on other sites

Fenna ho letto la traduzione ma davvero che tale sacrificio non andasse oltre ha sacrificare robe un po' più da "singoli" come la memoria/la vita di un'altra persona,parte delle tue emozioni,ecc che robe come concetti "universali" solo per una vita?é una cosa molto esagerata visto che la vita di un singolo anche dell'essere più buono/malvagio/potente non vale tale sacrificio ed poi se fossi stato nella situazione di master avrei applicato conseguenze un po' pesanti come un brusco callo della popolazione mondiale (sopratutto di mezz'elfi ed mezz'orcchi se esistono in quel mondo) ed se c'erano dei che avevano aree di influenza su quella cosa o più semplicemente che si dilettavano in essa avrei fatto apparire quella divinità davanti ha loro per mazzularli per bene dell'affronto che hanno fatto ha tale essere(Per esempio se avrebbero tolto il concetto di guerra la appariva Ares che faceva una strage solo per aver tentato di farlo....hahaha sono proprio cattivo:D)

Link to comment
Share on other sites

Vorsen

Le regole sono quelle. Tu avresti fatto così. Lui ha fatto cosà, la mossa glielo consente. La cosa è stata **** per lui e per i suoi giocatori evidentemente.

Tutti felici.

Non puoi fare quello che vuoi come GM in questo gioco, non è D&D o simili, devi seguire fini, mosse e principi che sono scritti chiaramente.

Cosa fai? Cosa dice la mossa.

Il giocatore tira 2d6 e aggiunge quello che deve aggiungere.

✴On a 7–9, the spell is cast, but choose one:

•Attiri attenzione indesiderate su te stresso o ti metti in uno spotlight. Il GM Ti dice come. -> si può esserci che un dio si incazza con il gruppo.

•Il tuo incantesimo mette distanza fra te e la tua divinità - prendi -1 a venire per castare un incantesimo la prossima volta

L'incantesimo può essere revocato dalla tua divinità. Non puoi castare ancora l'incantesimo fino a quando non comunichi con la tua divinità e lui ti concede di farlo

Fallisci?

Fai 6 o meno? Anzitutto fai esperienza.

Poi partono le cose cattive del GM, cioé il GM ha delle mosse che può fare, che sono queste:

•Use a monster, danger, or location move

•Reveal an unwelcome truth

•Show signs of an approaching threat

•Deal damage

•Use up their resources

•Turn their move back on them

•Separate them

•Give an opportunity that fits a class’ abilities

•Show a downside to their class, race, or equipment

•Offer an opportunity, with or without cost

•Put someone in a spot

•Tell them the requirements or consequences and ask

Queste mosse le puoi usare anche quando:

• tutti ti guardano verso di te aspettando che succeda qualcosa

• quando i giocatori ti danno un'opportunità irrinunciabile

Quale sia il fine del GM viene detto chiaramente:

•Portray a fantastic world

•Fill the characters’ lives with adventure

Play to find out what happens -> gioca per vedere cosa succede, che è completamente differente da "fai quello che vuoi purché tu faccia divertire il gruppo".

Il come farlo e quali siano i compiti sono specificati precisamente:

•Draw maps, leave blanks

•Address the characters, not the players

•Embrace the fantastic

•Make a move that follows

•Never speak the name of your move

•Give every monster life

•Name every person

•Ask questions and use the answers

•Be a fan of the characters

•Think dangerous

•Begin and end with the fiction

•Think offscreen, too

Punto.

Link to comment
Share on other sites

Cenio figlio di Ceno è un pastore. La sua vita è dura ma felice: quindici anni prima ha sposato Elera, la fanciulla più bella della zona, e i due si amano come il primo giorno. I loro tre figli, la quattordicenne Maia, il tredicenne Cerle e la figlia minore Elda, sono belli e pieni di vita come la madre.

Un triste giorno i banditi irrompono nella casa di Ceno. Ammazzano lui ed Elera durante l'azione e trovano i bambini. Sono seccati di aver ucciso la donna prima di essersi divertiti, ma ehi, ci sono tre bei bambini qui, così si consolano stuprando loro. Non li uccidono: bambini così belli potranno essere venduti a un buon prezzo come schiavi da piacere.

Un bel giorno arriva la chierica ed elimina la parola stupro.

Cerle ed Elda sono entusiasti. Il concetto di schiavo da piacere è scomparso dalla storia insieme alla parola stupro, ovviamente, quindi i due bambini sono stati ammazzati e basta. Yuhu. Maia no: lei ha concepito un bambino durante quello stupro, in effetti è la quadrisavola di un uomo oggi vivente, quindi il rapporto sessuale c'è stato per forza.

La piccola Maia scopre con entusiasmo che, davanti ai cadaveri dei genitori e dei fratellini, ha con ogni evidenza consumato un rapporto consensuale. Non è riuscita a controllare la propria fregola nei confronti dei simpatici banditi che le hanno massacrato la famiglia davanti agli occhi. Maia manderà sicuramente un mazzo di fiori alla chierica, che ha cancellato il trauma dello stupro e in cambio la ha trasformata in un mostro.

I giocatori sono stati poco fantasiosi. Pensate che bella idea sacrificare la parola "arrampicarsi". Se non ci sono scale, rampe o ascensori, i posti alti sono inaccessibili. Più divertente ancora sarebbe stato eliminare in toto la parola "salire": puoi scendere, ma salire no. Nemmeno ti viene in mente la balzana idea che si possa salire: cosa dovrebbe voler dire "salire"?

Magari potevano eliminare la parola "spazio", oppure "tempo".

Oppure la parola "cosa". Un po' complesso, visto che è un concetto difficile da definire, ma tant'è. Ehi, ora che mi viene in mente: ma se avessero eliminato la parola "parola", la magia avrebbe funzionato lo stesso? E se avessero eliminato la parola "sacrificare"? Come potevano aver sacrificato qualcosa, a quel punto? Cosa sarebbe successo?

Il problema è che alcune persone credono che le parole "epic fantasy" siano il risultato del sacrificio della parola "cervello".

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Oppure questo sacrificio fa sembrare quello del Berrit di Berseker ed lo scambio equivalente di Full Metal alchimist delle bambinate come impatto sul mondo:)

Se un giorno dovrei fare una cosa in cui bisogna sacrificare un "concetto"(con quale autorità poi visto che è non è una cosa tua) lo faro per attivare degli artefatti che hanno lo stesso potere di Sheron alla fine della serie Z......

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.