Jump to content

Concept PG


vullesia
 Share

Recommended Posts

A breve mi partirà una campagna come giocatore e devo confessare di non riuscire ancora a trovare un concept per un guerriero da mischia che mi affascini.

Quello che vorrei fare in game è combattere e dire la mia nelle iterazioni sociali (la parte che preferisco di più in realtà). Per questo giocherò un warblade puro.

Potrei giocare un elfo, futuro Eternal Blade. Ma se lo devo fare, vorrei che fosse un senza casta, in un'ambientazione dove gli elfi trascendono i soliti cliché presentatoci dal signore degli anelli. Ecco, qualcosa simile al lore di The Witcher!

Sono aperto anche ad altri suggerimenti!

Link to comment
Share on other sites


  • Moderators - supermoderator

Se per concept intendi che classi acquisire, questo non è il posto giusto.

Se ti interessano le interazioni sociali, è meglio un crusader che un warblade.

Inventare un background e una caratterizzazione da zero non è difficile, ma ci sono tante possibilità, e non hai dato molte preferenze. Esattamente che tipo di campagna sarà e in che ambientazione giochi?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

No, saprei fare benissimo la build.

Mi riferivo alla caratterizzazione!

La campagna è una fantasy generica. La cosa che trovo affascinante è che se come concept dico che da dove vengo io gli halfilng son al potere, e gli orchi sono i più eminenti maghi, bè, è così.

Per questo ci sto a mettere una vita. Mi piacerebbe uscirne con qualcosa che senta piacermi, e non trovare il background che calzi al pennello alla mia build,

(come ho visto fare da diversi giocatori ahimè. ma non andiamo off topic).

Esempio. Gli elfi.

A me gli elfi non piacciono perché...dai, belli, lunga vita e fanno i fighi che sono distaccati dalla realtà.

Non ha nessuna attrattiva per me.

Esempio di PG che m'è venuto in mente.

Juko è un elfo, e come ogni elfo della comunità di West Ortan, era uno spietato trafficante di schiavi. Questo perché gli elfi avevano elaborato questo credo:

loro sono la razza più longeva, sono i più belli e aggraziati. Le altre razze sono inferiori a loro. Vuoi per bellezza, vuoi per grazia, vuoi per cultura.

(Si, sto paragonando gli elfi ai nazisti, fuck yea).

Tutto cambiò quando la carovana di Juko venne attaccata da orchi combattenti per la liberazione degli schiavi.

Juko cadde a terra, morente. Venne raccolto sotto le cure di un koboldo, che gli insegnò l'importanza della libertà, dell'uguaglianza sociale. Juko ne rimase colpito. E da quel giorno decise che si sarebbe battuto per quella causa.

Si è unito ai ribelli orchi, e insieme hanno cercato di assaltare (con successo) la capitale di West Ortan. Ma il vuoto di potere lasciato dagli elfi ha attirato l'attenzione di un drago, che ha ucciso il capo della ribellione e si è metamorfizzato in lui. Adesso man mano sta prendendo e restaurando un nuovo regime.

C'è stata una secessione tra i rivoluzionari. Juko è quello che non condivide più il punto di vista del drago. Cacciato, esiliato e costretto a cambiar nome, vaga per le terre selvagge in cerca di un qualcosa che lo spinga ad appassionarsi nuovamente ad una causa comune. Ma sogna sempre di ritornare a West Ortan.

Ecco perché dico: largo alla fantasia!!!

P.S.: il warblade ha diplomazia e intimidire. cosa cercare di più?! :D

Link to comment
Share on other sites

Juko è nato in una di quelle città in cui apparentemente gli elfi e gli umani convivono.

La sua vita è stata spesa nel vizio, nell'uso di droghe e nei bagordi grazie al denaro della sua famiglia, circondato da amici falsi all'interno di una vita falsa.

Di bell'aspetto e portato a socializzare, non nasconde la sua natura virile frequentando bordelli e illudendo giovani fanciulle.

Ricco, bello e bugiardo, se sua madre non fosse stata un magistrato tutto d'un pezzo, si direbbe che è figlio di qualche altra donna elfa.

La stessa vita è condotta da suo padre con moderazione, il quale si distingue per un innato talento per gli affari.

Viaggiando molto non segue più di tanto la famiglia, composta da Juko, sua sorella maggiore Elerinne e suo fratelli minore Jailor.

DI fatto sua sorella fa da madre ai due senza tuttavia avere successo e l'esempio paterno non la aiuta.

Dopo 30 anni di questa vita viziosa, in cui si è preso anche qualche malattia, ed è divenuto padre di sette figli (mezz'elfi) non riconosciuti, desideroso di provare ancora più emozioni, Juko annoiato dalla sua vuota esistenza decide di mettere in palio la sua vita nei duelli clandestini.

Camuffato per nascondere il suo retaggio, sfida gli avversari al primo sangue ed in alcuni casi estremi anche all'ultimo (quest'ultimi duelli sono considerati illegali).

L'ebrezza di mettere in palio la propria vita è per lui l'orgasmo più grande e di poco a poco ha iniziato a disputare solo duelli illegali.

Alcuni di questi vengono disputati sotto l'effetto di potenti allucinogeni.

Durante uno di questi duelli Juko trafigge a morte l'avversario (com'è giusto che sia) e si bagna del suo sangue.

Solo l'indomani apprenderà che l'avversario era suo fratello Jailor.

Preso dal rimorso, ma soprattutto dalla paura, Juko fugge...lontano dalla città, lontano dal paese, lontano da chi lo conosce con la sola paura di dover affrontare lo sguardo di suo padre.

Bello e dannato, bugiardo ed irresponsabile, codardo, questo è juko, l'ennesima anima in cerca di un buco di mondo dove nascondersi...

Ecco penso che sia un buon inizio differente dai soliti, per le mani hai un poco di buono, il cui scopo primario è nascondersi e farsi gli affari suoi lontano dalle responsabilità.

Se troverà redenzione o altro dipenderà da come lo giocherai.

ciao :)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Che te ne pare? lanciata al volo!

Juko è figlio di elfi.

Juko è sempre stato bravo come fratello e come padre.

Juko in fondo non ha mai voluto la vita che si è ritrovato a fare. Inquadrato dalla sua società ha imparato a fare quello che gli chiedevano. Nessuno si è mai curato troppo di lui e a lui andava bene così.

Juko è oggi il peggiore farabutto che la costa ovest possa ricordare. Perché? Chiedetelo a suo figlio, venduto per un debito di gioco o a sua moglie che se l'è filata appena ha visto dove finivano tutti i soldi lasciandolo con il povero figlio.

Tutto è iniziato qualche anno prima alla locanda fuori paese.. Un cavolo di nano si presenta con uno scrigno e inizia ad offrire a tutti da bere. Nello scrigno, quel tappo, aveva tanti di quei soldi che neanche se ci fosse stata tutta la cittadinanza sarebbero riusciti a contarli! In quel momento Juko ha capito quanto miserevole fosse la sua vita, con la mogliettina e il figlio che non sapevano fare altro che lamentarsi dell'inverno e a lui invece toccava fare stupidi turni di guardia alla porta di notte..

Da quel giorno Juko ha iniziato a cercare di fare quanti più soldi poteva. Tanti soldi voleva dire tanto potere (anche potersi non curare a chi dare da bere è una forma di potere volendo)....

Provò a fare due lavori, ma il risultato era che si spaccava la schiena e non otteneva niente. Ha provato a rubare e l'hanno chiuso in prigione per un paio di notti. Ha provato a fare l'unica cosa che gli avevano insegnato: combattere.

E per un poco c'è riuscito ma alla fine il denaro era sempre troppo poco.. rimase solo il gioco d'azzardo e ora ha debiti da ricoprire d'oro la torre del paese...

E cosa rimane allora? Uccidere. E così ha ucciso i cinque compagni di gioco a cui doveva veramente tanti soldi..

Il rimorso l'ha distrutto abbastanza e adesso l'unica cosa che si sa è che Juko se l'è filata, con una casa data alle fiamme e una taglia sulla testa.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

...se come concept dico che da dove vengo io gli halfilng son al potere, e gli orchi sono i più eminenti maghi, bè, è così.

Perfetto: perchè non un mitomane, allora? Juko trova proprio che la verità sia troppo banale, perche valga la pena di essere raccontata; e, se proprio si deve raccontarla, che almeno la si esageri un bel po! A forza di "colorire" i fatti, Juko è diventato talmente bravo ad imbastire storie verosimili, che se non lo conosceste bene, riuscirebbe quasi a convincervi che DAVVERO sia il re del suo paese, fuggito ad un complotto per assassinarlo e costretto a vivere in esilio come avventuriero, o che abbia sconfitto da solo due draghi rossi in un colpo solo.

fai un PG furtiveggiante basato su raggirare: utile sia in combattimento che in sociale.....che in caratterizzazione. :-)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.