Airon

Circolo degli Antichi
  • Conteggio contenuto

    3.139
  • Registrato

  • Ultima attività

  • Giorni vinti

    23

Airon ha vinto il 15 Aprile 2012

I contenuti di Airon hanno ricevuto più mi piace di tutti!

Informazioni su Airon

  • Rango
    La luna è un coniglio
  • Compleanno 17/01/1987

Informazioni Profilo

  • Località
    Barasso (VA)
  • GdR preferiti
    Mutants & Masterminds; FATE e derivati
  1. DnD 5e

    Corretto grazie, ero rimasto indietro di un aggiornamento Adobe. Double thumbs up alle schede, apprezzo moltissimo quella in formato solo 2 pagine per gioco a bassi livelli.
  2. DnD 5e

    La scheda è ottima, grazie mille! Sono informaticamente disabile io, o non è possibile salvare il pdf editato e devo per forza stamparlo? Mi farebbe comodo poter salvare la scheda mezza riempita e poi editarla in seguito, dato che sto preparando PG pregenerati e sono tutti un work in progress.
  3. Tutti Gli insetti non sembrano disturbati dai ripetuti incantesimi di Iago: sono un po' agitati e ronzano insistentemente, ma non si disperdono da sopra il pozzo. Iago Spoiler: Conoscenze natura 18: gli sciami di insetti non sono sensibili a incantesimi che colpiscono un solo componente, come i raggi - nè agli attacchi fisici come armi o pugni. Sono invece estremamente suscettibili agli attacchi ad area. Questi insetti in particolare sono una specie di zanzara tropicale piuttoto pericolosa, nota per portare la malaria.
  4. Tutti Mentre il mezzogiorno si avvicina ed il sole si alza, i due incantatori riprendono colore. Nel frattempo il mango offerto da Ewoomi ha esaurito il suo effetto e aprite gli zaini per mangiare un po’ dalle vostre razioni di viaggio. È un bene che ve le siate portate dietro – nonostante la Gobba sorga in mezzo alla foresta lussureggiante, la putredine qui intorno non ispira fiducia, né attira animali. Succede poco, in queste ore. Sciami di insetti continuano a ronzare attorno al pozzo, i gabbiani volano alti sopra il mare, e la foresta resta placida nel caldo sempre più umido. Nessuna attività viene dal Forte. Finalmente, nel primo pomeriggio, Rebecca e Iago si riprendono. Spoiler: Riporto la Mappa. Siete a circa 150 m di distanza, appena sotto una roccia che vi fa ombra. Tutt'intorno al forte non c'è vegetazione alta abbastanza da offrirvi copertura - solo qualche arbusto qua e là che vi arriva fino alla vita.
  5. Giovanni Spoiler: Sia dal pozzo che dal Forte radia una lieve aura di male.
  6. Tutti Proseguire in mezzo alla putredine, per quanto sgradevole, almeno vi consente di non perdere la strada. Marciate per circa un’ora – un’ora che vi sembra durare un giorno e più mentre i vostri stivali affondano sempre più nel sottobosco in decomposizione, gli insetti si fanno più feroci e insistenti, e l’odore vi impedisce di respirare adeguatamente. La strada si fa in salita mentre vi inerpicate lungo il fianco della Gobba – e quando finalmente vedete a pochi minuti le rovine del forte e potete allontanarvi dal fiume, siete conciati come stracci. Tutti siete stravolti, ma il fisico di Giovanni reagisce meglio di quello dei due incantatori: Rebecca e Iago sono pallidi e sul punto di vomitare, con lo stomaco in subbuglio e coperti di un irritante prurito. Adesso, allontanativi dal corso d’acqua, respirate un po’ meglio, ma siete sempre deboli. Per l’ultimo pezzo di strada non serve seguire il fiume: vedete la fine della Gobba sopra di voi, circa cinque minuti di camminata. L’intero fianco della collina che ospita il fiume sembra caduto in preda del marciume – per fortuna trovate un sentiero praticabile dal lato opposto. La spianata in cima alla collina su cui si trova il forte sembra priva di marciume – la sorgente è evidentemente appena sotto la cima. Dal pianoro in cui siete sbucati vedete l’intera estensione dell’isola – la foresta verde e lussureggiante, con una striscia marrone di putredine che la attraversa come un cicatrice, e poi come puntini le capanne del villaggio di Cala Palamita in basso, a ridosso della costa. Vedete ormeggiata la Verde Calipso, piccola come un giocattolo. Il forte sorge al centro della spianata, in grado di dominare tutto il circondario. La spianata reca evidenti segni di disboscamento risalente ad anni prima: ora la vegetazione sta pian piano tornando a circondare le mura. Il Forte di Verro stesso è un muro circolare di circa 30 metri di diametro, alto 4 o 5 metri. Al centro di questo cerchio si erge una torre, di circa 12 metri di diametro, alta il doppio delle mura. Lungo il cerchio delle mura esterne, in diversi stadi di degrado e semi-ricoperte di rampicanti, ci sono quattro torrette di avvistamento. A fianco del forte, appena fuori dalle mura, c’è un pozzo di pietra che sta cedendo all’azione erosiva del tempo – sopra il quale ronza un grosso sciame di insetti. Spoiler: Ho tirato i TS su Fortitude: Giovanni è ok, Rebecca e Iago sono sickened. Questa condizione potrebbe passare con un altro TS dopo qualche ora di riposo... vedete voi.
  7. Iago & Rebecca Ewoomi sembra un po’ seccata dalla richiesta del mago di riparare la balestra quando ha molto da fare per purificare l’acqua. La piccola gnoma guarda in tralice Rebecca, scambiando un cenno d’intesa come a dire “che razza di gente ti porti dietro”. Tuttavia Duardo interviene «Andate a rischiare la vita per noi. Il minimo che possiamo fare è aiutarvi.» ciò detto prende la balestra, se la posa in grembo ed esegue l’incantesimo. Ci vogliono diversi minuti, ma la corda riacquista fibrosità e l’arco si raddrizza e rinforza: non è un capolavoro, ma è perfettamente funzionante. Tutti Vi è difficile tenere il fiume sottocchio mentre salite: man mano che vi avvicinate alla sorgente la marcescenza è sempre peggio, fino a che arrivate ad un punto dove è quasi insopportabile. Non solo l’odore nauseabondo, ma anche gli insetti inferociti che lasciano grossi segni sulla pelle, e la sensazione di nausea che vi attanaglia assieme al caldo umido: proseguire vicino alla marcescenza potrebbe crearvi problemi – ma allontanandovi rischiate di perdere la via nella foresta. Spoiler: Dovete scegliere ragazzi – non c’è via di mezzo…
  8. Tutti Duardo ed Ewoomi vi guardano mentre decidete «Vorrei poter fare di più» dice druido «Ma non posso condannare Cala Palamita ad essere bagnata da queste acque. Anche con Ewoomi a darmi il cambio, avrò a malapena il tempo di chiudere occhio. Posso solo augurarvi buona fortuna - se riuscirete a ridare pace alla mia isola, essa vi saprà ricompensare generosamente.» fa un piccolo inchino. Il fiume che scende dal forte è nera e puzzolente, e la vegetazione attorno dà la malsana impressione di marciume e malattia. Stare a ridosso del fiume di certo eliminerebbe le possibilità di perdersi, ma camminare anche solo per un'ora dentro in quella porzione fetida di isola non sembra molto raccomandabile. Rebecca Spoiler: Spellcraft --> ho tirato 18 di dado, non guardo neanche il tuo modificatore Le bacche sono 6 goodberries, la tisana è una pozione di lesser restoration aromatizzata alla menta
  9. Tutti «È iniziato tutto un paio di mesi fa, ma questo devono avervelo già detto, al villaggio.» Duardo si passa una mano sugli occhi, cercando di restare sveglio. «Persone hanno iniziato a sparire, e tutti hanno dato la colpa ad un Cornorotto più temerario del solito. Ma questo…» indica il fiume imputridito «Questa non è una cosa naturale. La gente del posto ha lavorato per costruirsi questa comunità, e Cala Palamita non può esistere senza le Acquestorte. Sta a me far sì che il villaggio non faccia la fine di quelle piante a monte.» «Purtroppo non posso fare molto per aiutarvi – tutte le mie energie sono concentrate sulla purificazione del fiume.» vi offre un sacchetto «Prendete queste bacche – ognuna di esse equivale ad un pasto abbondante e vi daranno un po’ di energia. E questa, immagino» vi porge anche una fiasca «una tisana ottima contro le afflizioni negromantiche - vi servirà, se quello che succede al fiume è indicativo». «Non so onestamente dove consigliarvi di andare. Seguire la traccia di Cornorotto nel bosco è impresa pressoché impossibile – e questo anche prima che sull’isola apparissero i morti. Comunque, l’ultimo posto in cui è stato avvistato da Francesca è stato due giorni fa, quando il povero Valente è stato rapito.» indica alle sue spalle «circa mezzora a nord di qui – seguite le tacche sulla corteccia per non perdere il sentiero, e dovreste arrivare alla radura – dove troverete i resti della pira su cui Francesca ha bruciato i corpi degli zombie.» «Per andare al Forte, invece, la strada è semplice: seguite il fiume – stando attenti alla putredine e alla marcescenza della vegetazione attorno. Il Forte è stato eretto in cima alla Gobba, molto vicino alla sorgente…»
  10. Tutti Duardo alza a malapena lo sguardo dal suo lavoro quando vi rivolgete a lui. Dice due parole in una lingua a voi sconosciuta e subito Ewoomi è al suo fianco, e prende le incantazioni al suo posto. Duardo, stremato, stramazza su un masso poco lontano, passandosi le mani sulla faccia. «Io, al contrario, non posso dire di avere alcuna idea di chi siate voi.» dice, un po’ seccato. Poi beve un sorso da una fiasca che porta alla cintura. «Dovete perdonarmi – non chiudo occhio da giorni.» si spruzza un po’ di acqua della fiasca in faccia. «La mia isola è ferita, non mi permette di riposare adeguatamente…» sbatte continuamente gli occhi arrossati «da quando Ewoomi è salpata per cercarvi non ho praticamente mai smesso di lavorare alle Aquestorte. Il villaggio non può sopravvivere senza acqua dolce – e questo fiume è l’unica fonte, a parte qualche saltuario temporale estivo.» Tende una mano nerboruta e dalla pelle dura come il cuoio «Sono Duardo, maestro di Ewoomi e guardiano dell'isola. Non attento a sufficienza, temo.» accenna ad uno stanco sorriso. Spoiler: Iago: conoscenze arcane 20, conoscenze natura 17 le stesse influenze negromantiche che, nelle zone prossime ai naufragi, portano alla creazione degli zombie grondanti acqua che avete affrontato questa mattina, possono aver provocato un avvizzimento della vegetazione che si abbevera alle acque del fiume. per la balestra: Ewoomi si riferisce all’incantesimo “mending” che hai sul tuo libro
  11. Tutti Ewoomi guarda Iago in tralice, stranita. «Pensavo tu bravo mago» dice perplessa la gnoma «penso che mago può riparare balestra. Incanto semplice. Anche io conosce!» fa l’occhiolino a Rebecca «Poco minuti, lunga formula, e balestra di nuovo pronta! Se no porta da Ludovico – lui bravo con legno – ma Ludovico sempre tanto lavoro.» si stringe nelle spalle. Vi incamminate con Ewoomi. Il sentiero è poco più che una strisciolina di terra priva di erbacce, a malapena segnata, che costeggia il rigagnolo delle Acquestorte risalendo controcorrente. Camminate per appena cinque minuti quando sentite un forte rumore di acqua scrosciante, poco in linea con il misero corso del fiumiciattolo. «Ci siamo!» dice Ewoomi. Vi lascia indietro e corre lungo il fiume, oltre i cespugli «Maestro!» chiama allegra la piccola «Portato eroi!». Vi fate largo tra i cespugli in cui è scomparsa la gnoma e il panorama cambia drasticamente. Davanti a voi c’è una grossa pozza d’acqua nera e dall’odore fetido, di almeno una decina di metri di diametro. Riceve alimentazione da un fiumiciattolo più a monte rispetto a voi, verso la Gobba e il Forte di Verro, dall’aspetto ugualmente sinistro. Tutta la vegetazione che circonda la pozza e che costeggia il fiume a monte è marcescente. La base della pozza è chiusa con una rozza diga di legno e sassi, da cui fuoriesce solo il debole rigagnolo che avete visto risalendo. Inginocchiato presso la diga sta un uomo basso e magrissimo. La pelle è tirata e abbronzata, i capelli radi, la barba lunga e poco curata. Una ragnatela di rughe si accalca attorno ai suoi occhi, le cui profonde occhiaie rivelano un certo debito di sonno. Ritmicamente, come un automa, l’uomo lancia un semplice incanto sul rigagnolo che esce dalla diga – il quale perde la colorazione nerastra, diventa limpido e riprende a scorrere a valle verso il villaggio. L’uomo è talmente stanco e concentrato che non sembra neppure aver notato il vostro arrivo. Tutti Spoiler: Spellcraft DC 10: l’uomo sta usando l’incantesimo Purificare acqua/cibo, a ripetizione
  12. Tutti Uscite e finalmente respirate aria fresca, dopo esservi sottoposti all'odore spiacevole del Magazzino. Il villaggio è piena attività lavorativa - coloro che vi vedono passare vi rivolgono solo un cenno con la testa e proseguono con i loro mestieri. Ewoomi vi aspetta in piazza, seduta a gambe incorciate con Raki, il suo albatro, appollaiato maleducatamente sulla statua di Verro. Agita la manina quando vi vede «Ecco voi pronti!» dice tradendo un pizzico di impazienza «Io porta voi da Duardo ora, sì?» Rovista nella sua borsa, e ne estrae tre frutti di mango arancioni e succosi che vi porge «Ecco, colazione mentre camminiamo! Su!» Rebecca Ad una analisi più approfondita, riconosci in mezzo al fascio di frecce che hai comprato tre frecce in ferro freddo +1.
  13. Giovanni Ludovico ti guarda corrucciato «Questa è casa nostra, l’abbiamo costruita con le nostre mani. Convincere Francesca non sarà la cosa più difficile… le famiglie di pescatori faranno ben più resistenza: l’orgoglio del mare è forse più forte dell’istinto di sopravvivenza.» Tutti Huruga si gratta la testa sotto la massa di capelli unti «Mmm… qui tirate a fregarmi, voi bei damerini di città! Ma non sono mica nata ieri io!» guarda la mercanzia sul tavolo «Se io vi svendo le armi e voi non tornate, poi magari viene un eroe serio che ce la fa ad accoppare Cornorotto, ed io non ho niente da vendergli. Ah! Quello si che sarebbe da ridere.» il ghigno di Huruga è sgradevole come il resto della sua persona «35 monete adesso, e il resto, assieme al maglio, quando tornate. Ultima offerta!» Spoiler: Diplomazia: Iago 13+0=13 Giovanni 6+9=15
  14. Serie TV

    La scena finale dell'episodio 4 è la mia preferita nei libri e le hanno reso abbastanza giustizia. Lo scorso episodio nel complesso mi era piaciuto di più, ma questo non è male. Dovevano introdurre le voci su Dondarrion fin dall'inizio della stagione però... nessuno dei non-lettori si ricorderà di lui.
  15. Buondì. Ormai per me Pathfinder ha definitivamente scalzato la 3.5 (lo so di essere una minoranza). Tuttavia, per quanto successo abbia avuto Pathfinder, non riesco a capire quanto sia apprezzata l'ambientazione ufficiale Paizo. Io ho sempre amato Eberron, snobbato Faerun e guardato con simpatia ma mai giocato le ambientazioni con più carattere, come Ravenloft, Planescape, Dark Sun, etc... Golarion mi sembra un mischione molto simile ai FR, tuttavia portato a dei livelli talmente anarchici che è quasi sempre possibile ritagliarsi un angolo in cui è bello ambientare un'avventura. Non ha un carattere ben preciso e sentito, ma mi sembra accettabile. Quindi, come da titolo, cosa ne pensate? Chi la usa? Chi la usa lo fa con gli Adventure Paths/moduli Paizo o con avventure homemade?