Jump to content

Ecco la copertina del nuovo romanzo di Dragonlance


Pau_wolf

Recommended Posts

Andiamo a scoprire la copertina e il riassunto del prossimo romanzo di Dragonlance in uscita tra qualche mese.

La copertina e la sinossi di "Dragons of Fate" (I Draghi del Fato), secondo romanzo della nuova trilogia di romanzi di Dragonlance di Margaret Weis e Tracy Hickman, sono state rivelate su Amazon, con indicata una data di pubblicazione del 01 Agosto 2023.

large.2E4297CA-0EDA-458B-B5DC-4EC88613CA7B.jpeg.a16640048eee285c30b935f5f844c1ae.jpeg

Un'eroina coraggiosa intrappolata nel passato remoto è determinata a ritornare nella propria epoca - senza cambiare per sempre il mondo - mentre la serie best seller del New York Times "Dragonlance" prosegue nell'eccitante sequel di "Dragons of Deceit" (I Draghi dell''Inganno).

Uno scontro tra potenti forze magiche ha attiva la Gemma Grigia di Gargath, mandando Destina ed i suoi compagni ancora più indietro nel passato, rispetto al previsto - fino all' era di Huma Dragonsbane e della Terza Guerra dei Draghi. Ora, dopo la rottura del Congegno del Viaggio nel Tempo, devono trovare un modo per tornare alla propria epoca, prima che la Gemma Grigia alteri irrimediabilmente la storia e la Terza Guerra dei Draghi termini con la sconfitta delle forze del bene.

Mentre la battaglia infuria, Destina cerca disperatamente di fare ammenda ed evitare il disastro. Raistlin e Sturm incontrano i loro eroi, Huma e Magius, e devono riconciliare i miti con gli uomini. Nel frattempo, Tasslehoff - scioccato dal fatto che i Cavalieri di Solamnia non abbiano mai sentito parlare delle dragonlance - parte alla ricerca delle famose armi.

Ma, mentre le forze della Regina Oscura si avvicinano alla torre dell'Alto Chierico, il gruppo di Destina deve tornare tutto insieme alla propria linea temporale - o non tornare affatto.

Il primo libro della trilogia, I Draghi dell'Inganno, è uscito qualche mese fa.



Visualizza tutto articolo

Link to comment
Share on other sites

Sembra un pò posticcia, come se le figure fossero state copia incollate da diverse fonti. Sembra anche tutto un pò piatto. Le parti naturali (montagna sullo sfondo, erbetta davanti) sembrano fatte meglio delle figure viventi. Tranne i fiori, quelli che puntano verso l'osservatore sembrano pronti per essere stampati su un lenzuolo anni 70. Carini ma fuori posto.

C'è sotto una questione tecnica? Forse è un problema di qualità dell'immagine? Stanno citando qualche stile particolare che mi sono perso? Stanno facendo riferimento a qualche moda particolare?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Magari sapessi disegnare così!

A dover essere pignolo ad ogni costo e a cercare il pelo nell'uovo e stando non meno di 30 secondi ad osservare ogni dettaglio:

non mi convince il drago, non come è disegnato, ma che è troppo grande per starsene tranquillo dov'è senza far crollare lo sperone di roccia

e i due tizi dietro a quella presumo essere la protagonista... ma proprio su un ciglio di 10cm dovevano mettersi per la foto copertina? Poi si parla di incidenti in montagna!

poi forse il viso della tizia in rosso dovrebbe essere un po' più in ombra... a parte questo a chi devo vendere l'anima per poter disegnare così?

Link to comment
Share on other sites

Hanno voluto ricreare lo stile di Elmore, ma il risultato è piuttosto deludente. Avrebbero fatto molto meglio ad affidarsi ad Elmore direttamente oppure usare uno stile del tutto diverso.

Oltre quello, anche la trama mi sembra molto forzata, e venata di "wokismo" così di moda nel mercato dell'intrattenimento made in USA, con risultati che vanno dal pessimo al tremendamente pessimo (La ruota del tempo, gli anelli del potere, the witcher blood origin, willow giusto per citare serie a tema fantasy).

 

Sperem...

  • Like 1
  • Confused 1
Link to comment
Share on other sites

20 ore fa, Dracomilan ha scritto:

Se vuoi qui trovi la mia recensione del primo libro della trilogia:

https://alfeimur.com/dragonlance-la-nostra-recensione-de-i-draghi-dellinganno/

Grazie! Stasera la leggo.

17 ore fa, Icy Winter ha scritto:

Sarà che sono innamorato dello stile dei "vecchi artisti"che hanno illustrato tante opere di D&D come per esempio Elmore ma il disegno della copertina di questo libro non mi trasmette proprio niente!

Concordo. Una specie di copia senza anima. Un disegno tecnicamente ben realizzato ma... bho, non dice proprio niente ad un vecchietto (50 anni) che ha vissuto l'era d'oro degli illustratori fantasy, da Elmore a Frazetta, da Royo a Caldwell, passando per i draghi di Parkinson o i paesaggi di Easley giusto per citarne alcuni.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

22 minuti fa, firwood ha scritto:
20 ore fa, Dracomilan ha scritto:

Se vuoi qui trovi la mia recensione del primo libro della trilogia:

https://alfeimur.com/dragonlance-la-nostra-recensione-de-i-draghi-dellinganno/

Grazie! Stasera la leggo.

Non sono nemmeno riuscito a finire di leggere la recensione, per quanto mi ha fatto schifo... intendo il libro, ovviamente, non la recensione! 😅

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

21 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Non sono nemmeno riuscito a finire di leggere la recensione, per quanto mi ha fatto schifo... intendo il libro, ovviamente, non la recensione! 😅

Devo concordare.

Già il trucchetto del viaggio nel tempo mi lascia perplesso, poi il resto i sembra un'accozzaglia di mezze idee messe insieme giusto per acchiappare qualche nostalgico. Questa nuova saga rimarrà sugli scaffali di una libreria per quanto mi riguarda.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Il disegno di per se non è che è brutto...specie il paesaggio (che nella versione completa dell'illustrazione si apprezza maggiormente), pero' a me questi nuovi stili, che rappresentano le figure, come dei cartoni animati digitali o come dei manga, non mi piacciono...quantomeno non mi piacciono applicati al fantasy classico, magari su un racconto di fiabe orientali o altro lo apprezzerei...ma su Dragonlance no..
Non mi piaceva nemmeno Wayne Renolds sui manuali di Pathfinder che per carità a disegnare è un mostro...ma a me quello stile non evoca le atmosfere che cerco nel Fantasy alla D&D/Dragonlance ecc.
In parte penso che un 20-30% del successo di Dragonlance parliamoci chiaro...sia legato all'arte di Elmore (più Easley/Parkinson/Caldwell) io avrei cercato qualcosa di simile (per quanto sia impossibile replicare quel quartetto).
Poi magari io sono un nostalgico rompiballe...per dirvi a me infastidisce anche quando nei nuovi prodotti, invece dei magnifici stemmini di Dragonlance o ForgottenRealms,  in alto alla copertina o sulla costa del manuale, mettono la scritta normale rosso su sfondo nero...bah...diavolo usa il logo dell' ambientazione...

Ad ogni modo per il libro speriamo bene, perche il primo mi ha fatto abbastanza pena...



 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...