Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: CY_BORG, Il Mulino e il Gigante, New Edo

Andiamo a scoprire assieme le novità in campo GdR attive in questi giorni su Kickstarter.

Read more...

Una Breve Storia dei Blocchi delle Statistiche dei Mostri

In questo articolo vengono analizzate le principali variazioni che i blocchi delle statistiche dei mostri di D&D hanno subito nel tempo.

Read more...

Ragionando sui Viaggi nelle Terre Selvagge - Parte 2

In questa seconda parte vedremo come aggiungere maggiore complessità ai nostri itinerari.

Read more...

La casa degli orrori

Gareth Ryder-Hanrahan ci presenta una breve idea per una serie di nuovi nemici di Fear Itself legati ad una casa degli orrori fin troppo reale...

Read more...

Le terre selvagge di Dembraava - Parte 1

GoblinPunch ci fa intravedere un altro squarcio nel suo mondo peculiare e bizzarro.

Read more...

Punizione Divina del Paladino


Grimorio
 Share

Recommended Posts

Si è creata una diatriba tra il nostro master e il giocatore che ha un paladino.

Secondo quanto leggo dalle regole Punizione Divina dovrebbe far parte dell'azione d'attacco del Paladino, permettendogli quindi di usare un incantesimo Punizione come azione bonus.

Invece il nostro master sostiene che Punizione Divina sia già di per se un'azione bonus, anche se non ho trovato questa spiegazione da nessuna parte.

Chi ha ragione?

C'è per caso un'errata da qualche parte da consultare?

Link to comment
Share on other sites


  • Moderators - supermoderator
7 minuti fa, Grimorio ha scritto:

Secondo quanto leggo dalle regole Punizione Divina dovrebbe far parte dell'azione d'attacco del Paladino, permettendogli quindi di usare un incantesimo Punizione come azione bonus.

Invece il nostro master sostiene che Punizione Divina sia già di per se un'azione bonus, anche se non ho trovato questa spiegazione da nessuna parte.

Puoi usare sia Divine Smite che uno degli incantesimi "XXXX smite" sullo stesso attacco.

https://www.sageadvice.eu/2016/04/15/can-you-stack-a-paladin-smite-spell-with-divine-smite/

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, Fezza ha scritto:

Ma.. è un problema di DM che pensa che questa cosa sia sproporzionata rispetto agli altri personaggi.. oppure crede che le regole siano scritte male?
Se la prima, ok, ognuno ha le sue vedute.
Se la seconda, insomma.. 

Penso entrambe le cose 😕

La prima porta come conseguenza la seconda, ovvero: "il paladino non può essere così potente con un colpo ergo la regola è scritta male"

Edited by Grimorio
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
39 minuti fa, Grimorio ha scritto:

ti ringrazio, ma neppure Jeremy Crawford ha convinto il master, ormai va così 😕

Se nemmeno Crawford lo convince qualsiasi cosa possiamo dire noi a livello di regole non servirà ad un fico secco temo.

Evidentemente pensa che a livello di output di danno il paladino sia sbilanciato, nonostante 5 anni di 5e abbiano chiarito che il bilanciamento c'è e regge bene. Parlatene off game e fagli presente che sarebbe un nerf non necessario di base, poi se vuole comunque attuarlo che ne sia consapevole.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Grimorio ha scritto:

Penso entrambe le cose 😕

La prima porta come conseguenza la seconda, ovvero: "il paladino non può essere così potente con un colpo ergo la regola è scritta male"

Prova a fargli presente che è una capacità che il paladino ha a disposizione un numero limitato di volte al giorno.
Altre classe marziali hanno invece un output di danni più basso ma che non consumano risorse nel farlo (o comunque possono farlo più spesso).

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Grimorio ha scritto:

ti ringrazio, ma neppure Jeremy Crawford ha convinto il master, ormai va così

In che senso non lo ha convinto? Chiedigli chi, allora, potrebbe convincerlo, perché se non lo convince Crawford, non vedo chi possa farlo. Allora non pensa che la regola sia scritta male, ma solo che la regola sia esagerata a favore del paladino. Sinceramente, non vedo come possa essere vero.

Link to comment
Share on other sites

@Grimorio Fai presente al tuo DM, inoltre, che la 5e è stata appositamente scritta in modo tale che i PG facciano più danno, considerando che i mostri hanno in genere una quantità di HP maggiore rispetto alle precedenti edizioni. Nella 5e i designer hanno preferito tenere basso il punteggio della CA (per via della Bounded Accuracy), alzando piuttosto gli HP. L'idea, insomma, è che sia più facile colpire i bersagli, ma più difficile mandarli a 0 HP. 

Ridurre l'output di danno del Paladino, dunque, significa solo diminuire la sua probabilità di sopravvivere alla minaccia standard dei mostri di D&D 5e.

Per dargli una prova concreta di quello che sto dicendo, fagli fare il confronto tra la Palla di Fuoco della 5e con quella delle precedenti edizioni. Palla di Fuoco è uno degli incantesimi più iconici di D&D ed è oramai famoso per il suo tradizionale output di danno pari a 1d6 per livello che, essendo Palla di fuoco tradizionalmente un incantesimo di 3° livello (dunque ottenuto al 5° livello del PG), equivale ai famosi 5d6 danni base. Questo, però, è valso fino alla 3a edizione.....
Nella 5e, infatti, Palla di Fuoco (come Fulmine, l'altro incantesimo di danno iconico) fa 8d6 danni base. L'incantesimo, dunque, fa 3d6 di danni in più già solo nella sua versione più debole. Perché? Per il fatto che i nemici hanno più HP.

Se il tuo DM si ostina a depotenziare le capacità del Paladino, rischierà di farlo ammazzare e di fare arrabbiare il suo giocatore (o chiunque altro tra voi, se a rimatterci sarà uno dei vostri altri PG). Se vuole giocare senza problemi è meglio che si fidi di chi il gioco l'ha creato (Jeremy Crawford). Altrimenti voi giocatori siete legittimati a lamentarvi.

Bene che non si debba fare i Rule Lawyer, ma il DM non deve nemmeno rovinare il divertimento dei giocatori per un puntiglio personale che non ha alcuna ragione di esistere.

Edited by SilentWolf
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Parlare della regola o del bilanciamento ha poco senso IMO. Questo è un problema personale del DM, non una questione di cosa sia corretto: cosa è corretto è ovvio. Per quel che ho visto io negli anni di gioco, questi casi sono i casi in cui il DM si esprime a caldo senza conoscere le regole bene, poi dopo averle lette non vuole dire di aver sbagliato. Capita. Magari ad una prima rilettura gli rimane il dubbio, ma decide che no, aveva ragione lui, la regola è confusa. Ma più insiste che ha ragione, e più è difficile tornare sui propri passi.

La cosa migliore è cercare di far passare la regola senza che lui debba ammettere in modo troppo esplicito che aveva torto. Ammettete che la regola sia scritta in modo confuso, che è normale la confusione ma proprio per questo Crawford ha chiarito. Fate il possibile per facilitargli il passaggio.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, bobon123 ha scritto:

Parlare della regola o del bilanciamento ha poco senso IMO. Questo è un problema personale del DM, non una questione di cosa sia corretto: cosa è corretto è ovvio. Per quel che ho visto io negli anni di gioco, questi casi sono i casi in cui il DM si esprime a caldo senza conoscere le regole bene, poi dopo averle lette non vuole dire di aver sbagliato. Capita. Magari ad una prima rilettura gli rimane il dubbio, ma decide che no, aveva ragione lui, la regola è confusa. Ma più insiste che ha ragione, e più è difficile tornare sui propri passi.

La cosa migliore è cercare di far passare la regola senza che lui debba ammettere in modo troppo esplicito che aveva torto. Ammettete che la regola sia scritta in modo confuso, che è normale la confusione ma proprio per questo Crawford ha chiarito. Fate il possibile per facilitargli il passaggio.

Onestamente nel 2019 dove su internet si possono trovare tutte le conferme o smentite del mondo, addirittura dagli autori del gioco, non lo trovo un comportamento giustificabile, mi sembra veramente un atteggiamento infantile, soprattutto visto che parliamo di un tavolo da gioco interamente composto da quarantenni.
Un conto è l'interpretazione della regola di un giocatore contro quella del DM, lì per me il DM ha sempre l'ultima parola, ma quando si presentano fatti e prove (come il link a SageAdvice) allora carta canta e uno dovrebbe avere l'onesta di ammettere di essersi sbagliato.

Comunque a giustificazione del DM devo dire che la richiesta di interpretazione della regola viene da un giocatore che assilla giornalmente il DM (giuro) con richieste  e comportamenti del suo personaggio assurdi perché gli piace essere sempre overpowered e stare sempre al centro della scena, facendo esaurire il DM (giuro) e quindi anche quella singola volta che ha ragione lui il vaso è talmente pieno dalle rotture di scatole precedenti che il master gli dice di no a priori.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Grimorio ha scritto:

difatti i problemi sono nati da quando siamo passati alla quinta

Io suggerirei di parlare con questo giocatore e fargli mettere l'anima in pace: la quinta edizione è molto equilibrata, almeno per esperienza mia e di quelli di cui ho sentito l'opinione finora, potrà comunque creare personaggi forti, ma non saranno mai sbroccati, non brillerà mettendo in ombra gli altri. 

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, ithilden ha scritto:

Io suggerirei di parlare con questo giocatore e fargli mettere l'anima in pace: la quinta edizione è molto equilibrata, almeno per esperienza mia e di quelli di cui ho sentito l'opinione finora, potrà comunque creare personaggi forti, ma non saranno mai sbroccati, non brillerà mettendo in ombra gli altri. 

Non è solo a livello di regole, non riesce a giocare in gruppo e facendo il paladino si sente ancora più giustificato ad andare per conto suo se il resto del gruppo è in disaccordo con quello che vuole fare lui, perchè lo gioca come la brutta copia di Sturm Brightblade di Dragonlance.

Sarebbe dovuto crepare alla prima partita ma il nostro è un master buono che cerca sempre di salvarci i personaggi anche quando fanno cappellate colossali.

Link to comment
Share on other sites

Passati i 40 succede, è demenza senile.

Comunque, a parte gli scherzi, l’unica è parlare perché non avete un problema di regole. Noi ci passiamo ciclicamente attraverso questi problemi, se giocate da tanto e siete sempre gli stessi alla fine si risolverà.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By korhil
      Buon pomeriggio. Avendo da poco iniziato la 5ed vi chiedo:
      Se con uno stregone preparo un azione di attacco con un incantesimo. Nel momento in cui scatta l azione preparata, posso applicare la metamagia? Per esempio inc raddoppiati?
      Grazie
    • By Daya
      Ciao a tutti! 
      Ho un dubbio. Sto ruolando un pg ladro con archetipo assassino a livello 5 attualmente. Allora, ho il talento "combattere con due armi" che quindi mi permette di avere un'azione bonus per un secondo attacco anche con armi non leggere. La prima domanda è : essendo un'azione bonus devo fare anche per questo attacco un txc o se colpisce il primo lo faccio in automatico? L'altra domanda, quella che mi interessa di più, é: ho azione scaltra, che mi permette di svolgere un'azione bonus solo per disimpegno/ nascondermi ecc, posso utilizzare entrambe le azioni bonus nello stesso turno derivando da un talento e un privilegio di classe o se uso una non posso usare l'altra? (es. Se mi nascondo posso fare un attacco, poi l'altro attacco con azione bonus, poi il furtivo e poi usare l'azione bonus del privilegio di classe per nascondermi e fare un altro furtivo il turno seguente?) Grazie mille ragazzi! 
    • By Azog il Profanatore
      Ehilà, salve a tutti.
      Volevo chiedere pareri su come "gestire la caduta da un tetto, mi spiego meglio: Il pg sta inseguendo dei cattivi su per i tetti e inciampa. Casca giù dal tetto, magari da un palazzo con sei piani. Deve per forza tirare per ogni finestra che incontra per appendersi e salvarsi? Voi come fate in caso qualcuno caschi in un burrone, è già spacciato o cosa?
      Perché non vorrei incentrare tutto su il tiro singolo di destrezza (sei Gastone salti sei Paperino caschi giù e muori) ma nemmeno dar troppe possibilità di salvezza (finestra uno, mancata, due, mancata, tre, mancata, quattro, mancata, cinque, mancata, sei, presa, e mi riarrampico su per il muro.
      E anche l'arrampicata voi come la gestite? (Tipo su per un muro di un palazzo con finestre oppure su per un muro di roccia)
      Grazie!!!
    • By Dulotio
      Buongiorno a tutti.
      Nel mio party c'è un Warlock di lv. 6 e alcune sue meccaniche mi stanno creando più di qualche problema. Ogni volta che credo di aver trovato una soluzione, do un'occhiata al manuale (Perfetto Arcanista) e vengo nuovamente assalito dai dubbi. Fondamentalmente il mio problema è la possibilità di legare la deflagrazione alle invocazioni nello stesso round. Ma per essere certo di avere tutte le soluzioni sotto controllo preferire fare un elenco di situazioni e capire cosa è legit e cosa no. Trovo anche molto problematico il talento "Capacità Massimizzata" (Cadv)
      Scenario 1
      È il round del warlock. Decide di lanciare una deflagrazione mistica unita all'invocazione sulfurea. 3d6 della deflagrazione (che diventato danni da fuoco grazie all'invocazione) + 2d6 della sulfurea se fallisce il TS Riflessi. Il mio dubbio è: ma lanciare una invocazione (Deflagrazione sulfurea) non è un'azione standard (pg. 11 Cadv)? Può farlo nello stesso round? Non sarebbe più corretto usare l'invocazione nel primo round e scagliare la deflagrazione nel secondo? 
      Scenario 2
      Il warlock decide di fare la medesima cosa dello scenario 1, ossia applicare l'invocazione "Deflagrazione mistica" ma vuole utilizzare anche il talento Capacità massimizzata. 3d6 massimizzati sono 18 danni. Ma si massimizzano anche i 2d6 aggiuntivi derivanti dalla sulfurea in caso di fallimento del TS?
      Scenario 3
      Il warlock oltre alla deflagrazione sulfurea vuole utilizzare l'invocazione "Catena mistica" (Cadv pg.131). A livello di regolamento non c'è problema, poiché Deflagrazione sulfurea è una invocazione a Essenza Mistica mentre Catena mistica è un'invocazione Modifica Deflagrazione e il manuale specifica proprio che è possibile applicare ad una deflagrazione questi due tipi di invocazioni. Io mi chiedo quanti round servano. Perché ok il warlock può lanciare le invocazioni a volontà ma una invocazione è un'azione standard. Il mio giocatore sostiene che possa fare tutto nello stesso round, ma secondo me ne servono almeno 3: 1 round invocazione deflagrazione sulfurea; 2 round Invocazione Catena mistica; 3 round lanci la deflagrazione
      Scenario 4
      Il warlock decide di utilizzare l'invocazione "Colpo orrendo" (Cadv pg.132). La descrizione dell'invocazione dice che con un'azione standard puoi effettuare un'attacco in mischia e l'avversario è come se fosse stato colpito da una deflagrazione, considerando anche le modifiche della deflagrazione. Ma se il giocatore volesse usare anche la deflagrazione sulfurea può farlo nello stesso round? o deve aspettarne 2: 1 round invocazione sulfurea (è un'azione standrd); 2 round Colpo orrendo con la mazza leggera = 1d6 (mazza)+3d6 (deflagrazione) +2d6 se fallisce il TS (sulfurea)
    • By Grimorio
      Il testo di Aggirare altre creature recita:
      Puoi attraversare lo spazio di una creatura non ostile. Al contrario, puoi attraversare lo spazio di una creatura ostile solo se la creatura è almeno due taglie più grande o più piccola di te. Ricordati che per te, lo spazio di un’altra creatura è considerato terreno difficile.
      Che la creatura sia amica o nemica, non puoi terminare volontariamente il movimento nel suo spazio.
      Se ti allontani dalla portata di una creatura ostile durante il movimento, provochi un attacco di opportunità, come spiegato più avanti in questo capitolo.
      Il mio dubbio è su questo passaggio:  Che la creatura sia amica o nemica, non puoi terminare volontariamente il movimento nel suo spazio.
      Vale anche per i corpi dei caduti? Un combattente potrebbe terminare il movimento nello spazio occupato dal corpo di un compagno o un avversario che è stato ucciso? Soprattutto in uno spazio ristretto dove non è possibile posizionarsi altrove per attaccare in mischia.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.