Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Pausa Estiva degli Articoli

Vi annunciamo che visto l'arrivo dell'estate le rubriche regolari di articoli e news che vi vengono presentati dalla D'L saranno sospesi fino a Settembre, così da dare allo Staff possibilità di godersi delle meritate vacanze.
Una buona estate e buon gioco a tutti quanti.
Lo Staff D'L.
Read more...

Una Estate in Città - Lankhmar, la Città dell'Avventura

Articolo di J.R. Zambrano del 04 Luglio 2019
Volgiamo lo sguardo verso il passato e verso una delle più grandi e vivaci città di D&D. Se siete affamati di avventure urbane, date un’occhiata a Lankhmar, la Città dell'Avventura.
Ogni eroe proviene da un qualche luogo. Nascosta nelle profondità del regno di Nehwon, troverete una delle città più interessanti di sempre. Potete dire che è interessante perché dei borseggiatori vi attendono per derubarvi del vostro oro, è piena di distretti, trame, intrighi e risse, e sicuramente si tratta di una delle più influenti ambientazioni di D&D, ma non per la ragione alla quale state pensando.
Possiamo affermare con tranquillità che, anche se non avete mai letto nessuno dei racconti di Fritz Leiber su Fafhrd e il Gray Mouser, ne siete comunque stati influenzati. Come nota a margine, se non li avete letti dovreste comunque concedere una possibilità alla prima raccolta: sfogliarla e leggerla dopo aver giocato a D&D è un'esperienza affascinante. È qualcosa di similare al tornare indietro e vedere Robin Hood: Il Principe dei Ladri, ma solamente dopo aver visto Robin Hood: Un Uomo in Calzamaglia. Inizierete a vedere le radici storiche e tutti i piccoli riferimenti presenti nel gioco.

Anche solo l’idea stessa di “avventuriero”: Fafhrd e il Gray Mouser venivano spesso assunti e non erano schizzinosi sul chi lo faceva. Di fatto erano sovvenzionati da una coppia di arcanisti: Ningauble dai Sette [di solito sei] Occhi e Sheelba dal Volto Senza Occhi (tra i due ottenete un numero di occhi leggermente più normale della media, ma comunque entro parametri accettabili). Ma molto di ciò che pensiamo in relazione ai personaggi di D&D proviene da questa coppia: Fafhrd, un alto Barbaro che è abile nell’arte della spada e con le canzoni, e il Gray Mouser, un agile ladro che conosce sia l’arte della spada che quella della magia. La loro amicizia è leggendaria. Se volete, potete considerarli i primi murder-hobo.
E la città che chiamano casa può essere definita un personaggio tanto quanto loro due: profondamente corrotta, questa città marittima è la dimora di briganti e banditi nascosti dietro giusto un velo di apparenza sociale. Lankhmar di facciata è governata da un Sovrano e dalla nobiltà che lo segue, ma ci sono anche una potente Gilda dei Ladri, della quale i nostri (anti?)eroi fanno parte, una città sotterranea popolata da magici ratti senzienti e nomi evocativi che invitano ad esplorarla ulteriormente: Via del Buon Mercato, Vicolo delle Ossa (oppure l’incrocio tra Vicolo dell’Omicidio e Vicolo della Morte).
Se avete mai vissuto un’avventura urbana in D&D, è in larga parte per merito di Lankmar (che ha anche dato ad Ankh-Morpork un po’ di vita). Dunque fate attenzione ai lacci delle vostre borse E all’odore, e addentriamoci nella città di Lankhmar.
Nehwon

Posta nel mondo di Nehwon (oppure Nowhen per quelli di voi che non pronunciano compulsivamente nomi bizzarri al contrario per vedere se sono degli indizi)* Lankhmar è, come dicevamo, una città marittima, segnata come (40) nella porzione più a nord del continente isola centrale, che si chiama a sua volta Lankhmar, così chiamato proprio in virtù della sua più grande e celebre città.
Gran parte del mondo di Nehwon è sottomarino. I mari sono vasti e hanno inghiottito gran parte della terra, lasciando solo una ridotta parte del mondo da esplorare. E sebbene i personaggi possano immergersi al di sotto delle acque con l’aiuto della magia, finirebbero solamente per imbattersi nel Re dei Mari, che è tanto capriccioso quanto potente, per cui le visite di lunga durata non sono consigliabili.
Esplorando la superficie di Nehwon troverete un’ampia varietà di continenti che sembra stiano solo aspettando degli avventurieri che li deprivino dei loro tesori (il che, dato che il mondo esisteva affinché Fafhrd e il Gray Mouser potessero vivere della avventure nello stesso, ha senso). Che si tratti della perduta e arcana Simorgya, che affondò, come Atlantide, al di sotto delle onde, lasciando in vita solo sopravvissuti amareggiati per la loro antica gloria; degli imponenti picchi della Rampa delle Stelle, una gigantesca montagna che si dice sia la casa di un certo numero di creature invisibili con strane abilità magiche (o di cinque maghi dotati di un dubbio senso dell’umorismo) o della città di Ool Hrusp (una delle Otto Grandi Città, ora governate da un tiranno folle a cui piacciono tutti i tipi di combattimento gladiatorio), troverete sicuramente qualcosa per il quale vale la pena avventurarsi nel mondo.
Lankhmar
Ma nessun luogo è migliore di Lankhmar, la Città della Toga Nera (non chiedete). Diamo un’occhiata:

Diamine, c’è davvero di tutto. Osservando la città dall’alto, potete vedere come è decisamente piena di strade principali e di svariati vicoli ciechi, capolinea e zone affollate. Proviamo a farci un’idea di alcuni di questi luoghi spostandoci di distretto in distretto. Per prima cosa esaminiamo il Distretto del Parco
Distretto del Parco

Così chiamato per l’infame Parco del Piacere, un luogo trascurato e trasandato che ha la funzione di centro per incontri sotto banco e attività illegali. Gode della reputazione di “territorio neutrale” per gli incontri del mondo malavitoso e al contempo della reputazione, legata al proprio nome, di luogo perfetto per gli incontri degli amanti, leciti od illeciti che siano.
Il distretto del Parco attira così tante attenzioni illecite perché è anche la sede di tutte le gilde in città, il che include la Gilda dei Gioiellieri, la Gilda dei Carpentieri, la Gilda dei Sarti con la sua illustre storia e rituali, i Carrai e i Granai. Se può essere d’aiuto al funzionamento della città, lo trovate in questo luogo. E proprio per questo ci sono anche i ladri.
Distretto delle Feste

Aha, adesso si ragiona. Un intero distretto dedicato alle Feste e, diversamente dagli altri distretti dove si prova a nascondere con nomi bizzarri il fatto che ci siano vari tipi di attività illegali in ballo, il Distretto dei Festival è esattamente ciò che viene affermato nel nome. In questo distretto potete sempre trovare una qualche celebrazione che si sta svolgendo. Solitamente ben illuminato e adornato con molti alberi, il Distretto delle Festa è la casa di arbusti in fiore, gruppi di statue e di tutti gli altri elementi cardine che potreste desiderare per una "scena di inseguimento".
Altri luoghi degni di nota in questo distretto includono il Forno di Yun, un’attività nota per l’eccellente qualità dei prodotti sfornati e per la generosità (non è però noto il fatto che i suoi proprietari sono seguaci del Dio Ratto e agenti dei ratti della Lankhmar di Sotto che un giorno potrebbero insorgere per vedere la città cadere), la Lontra Allegra, una locanda che fa da casa ai viaggiatori ed è curata da uno staff paziente e adattabile, che è abituato a cambiare approccio per adattarsi alla celebrazione del giorno.
Distretto della Palude

Poi viene il Distretto della Palude, il più piccolo e povero tra i distretti di Lankhmar. Qui tutto è in rovina. Trattandosi di una versione fantasy dei bassifondi, gli edifici del Distretto della Palude si trovano in vari stati di degrado e alcuni hanno spesso anche grossi buchi nei muri oppure sono privi di parti del tetto. L’odore di vegetazione marcescente riempie l’aria, eccetto nei momenti in cui si leva lo Smog Notturno, che costituisce una temporanea e asfissiante tregua dall’odore di cavolfiore marcio.
Poiché è decisamente povero, le Guardie di Lankmar preferiscono starne alla larga, lasciando le varie bande a gestirsi da sole. Cosa che in gran parte effettivamente fanno. Nel Distretto della Palude chiunque è un potenziale nemico (o alleato). La necessità è madre dell'ingegno, ma porta anche ad avere strani compagni di letto.
Distretto della Piazza

Casa della Piazza delle Delizie Tenebrose, questo distretto ospita anche il mercato che gli dà il nome, così come molte gilde minori, santuari, maghi elusivi, ladri e un Magistrato molto ricco e corrotto. Questo distretto è decisamente cosmopolita per gli standard di Lankhmar. Di giorno, il luogo di mercato che dà il nome al distretto è una normale piazza piena di umani, anche se si dice che sia il più grande dei mercati di Lankhmar.
Ma di notte, la Piazza delle Delizie Tenebrose tiene fede al proprio nome. Nuovi venditori prendono posto alle bancarelle e una luce rossa soffusa illumina i volti mascherati e velati di avventori che passeggiano per il mercato, facendo acquisti illeciti e cercando la necessaria privacy. La versione notturna della Piazza presenta ogni tipo e forma di bevanda e alcolico, insieme a strane, ma potenti pozioni, fini polveri e oggetti incantati. La Piazza vanta la fama di essere in grado di trovare qualcosa per tutti, non importa quanto siano oscuri oppure… ecco… particolari… i loro gusti.
Distretto del Contante

Tutti in questo distretto camminano sul filo del rasoio…
Anche in questo caso sono all'opera le care vecchie convenzioni onomastiche proprie di Lankhmar e dei suoi abitanti. Questo distretto è infatti quello finanziario. Qui vi sono banche, prestatori di denaro (quando non sono visitati da spiriti passati, presenti e futuri), cambiavalute, ricettatori, usurai, banchi dei pegni. Di base se è coinvolto del denaro, ci sono buone probabilità che stiate negoziando con qualche nel Distretto del Contante.
Punti di interesse comprendono la Gilda dei Finanziatori, un opulento edificio su quattro piani che è protetto da elaborati lucchetti, trappole, bestie e guardie armate che si trovano lì per fornire un’elevata e non necessaria sicurezza ai già scarsi contenuti del caveau dell’edificio - ovvero gli incassi della gilda. Questo è anche il luogo più sicuro per le guardie, che in questo distretto hanno ben poco da fare oltre che godersi il ricco paesaggio e ripulire l’occasionale intrigo andato male.
Meno male, abbiamo a stento terminato i primi distretti e le cose sono già andate per le lunghe. Dunque per ora la chiuderemo qui. Ci rivediamo la prossima settimana per la seconda parte di questo articolo. Scaveremo un po’ più a fondo tra i distretti e parleremo un po’ di più di alcuni dei racconti di Fafhrd e del Gray Mouser che hanno aiutato ad ispirare Dungeons and Dragons.
Per saperne di più su Lankhmar
Nel frattempo, mi chiedo cosa potrebbe celarsi nel distretto del Filetto?
*Guardate che semplicemente non volevo essere fregato da Dracula, questo è tutto, e sì, sto guardando te Alucard.
Link all’articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/dd-summer-in-the-city-lankhmar-city-of-adventure.html
Read more...

I Migliori Moduli per la 1E

Articolo di J.R. Zambrano del 10 Luglio 2019
Torniamo indietro nel tempo, ai giorni dorati in cui è ambientato Stranger Things 3, quando tutto ciò che si voleva fare era giocare a D&D e vedere Joe Keery essere la miglior persona possibile. Negli ingenui anni '80, quando si pensava che le riforme economiche di Reagan avrebbero funzionato e quando le spalline erano così grandi da poterci far atterrare degli elicotteri, D&D 1E stava prendendo piede. C'erano avventure sperimentali pensate per i tornei, avventure più vecchie ereditate dai primi anni dell'edizione e alcune avventure che mostravano accenni di ciò che sarebbe stata la 2E. Delle moltissime avventure per D&D in giro per il mondo una parte sostanziale sono del periodo della 1E. Oggi daremo uno sguardo al passato e a queste prime avventura, scegliendo cinque tra le migliori.
Quindi appendete al muro le vostre luci natalizie, mettendoci vicine delle lettere e tenetevi pronti.
Il Tempio del Male Elementale (The Temple of Elemental Evil)

Cominciamo con un grande classico, uno che si è ripetuto per un motivo. Si tratta di uno dei dungeon più iconici di sempre. Se avete giocato a D&D è facile che abbiate sentito parlare del Tempio del Male Elementale. Esso riassume perfettamente l'esperienza da 1E, con i giocatori che passano da essere avventurieri di basso livello "deboli, provati e praticamente senza soldi" fino a diventare abbastanza potenti da poter sfidare la demone Zuggtmoy.
Non si può essere più 1E di così. L'avventura comprende una cittadina dove gli avventurieri possono recuperare scorte e provviste e un dungeon multilivello pieno di mostri, trappole e pericoli che diventano sempre più grandi man mano che si scende.
Il Sinistro Segreto di Saltmarsh (The Sinister Secret of Saltmarsh)

Non è certo un segreto, sinistro o meno, che io adori la serie di Saltmarsh. Se Il Tempio del Male Elementale racchiude il concetto base dell'esperienza con la 1E, allora Saltmarsh rappresenta un distaccarsi da essa, avventurandosi in un mondo narrativo più vasto.
Invece di essere concentrati su un singolo dungeon, i giocatori si trovano immischiati nei problemi di una piccola cittadina e devono investigare misteri, organizzare alleanze con dei Lucertoloidi, combattere orde di Sahuagin e molto altro, mentre fanno crescere la propria reputazione e sono liberi di scegliere le proprie azioni e perseguire i loro scopi. Avventure come queste sono ciò che rende D&D così popolare al giorno d'oggi.
Ravenloft

Se Saltmarsh era un passo verso le avventure narrative, allora Ravenloft è stato un salto a piè pari verso gli abissi di quel genere e le storie basate sui personaggi. Si tratta di un modulo che ha cambiato il corso della storia di D&D. Tracy Hickman e Laura Curtis, marito e moglie, già all'epoca creatori di alcune delle migliori avventure di D&D, decisero di affrontare la sfida di creare una storia basata sui miti e sugli archetipi legati ai vampiri, senza far diventare il tutto un banale cliché.
Da allora Ravenloft ha dato vita ad una propria ambientazione, è stato riadattato in Curse of Strahd e continua ad essere uno dei punti di riferimento per i GdR gothic horror, cosa che fa capire quanto fosse di qualità tale modulo, dove è anche apparso per la prima volta nella storia di D&D Strahd von Zarovich.
Quando Cade una Stella (When a Star Falls)

Questo potrebbe essere uno dei moduli meno conosciuti di questa lista, ma è davvero una della migliori avventure in circolazione. Scritta dalla TSR UK, When a Star Falls è un avventura piena di sorprese e colpi di scena, che vede i giocatori alla ricerca di una stella caduta con l'intento di riportarla ai suoi veri proprietari. Questa avventura porta i personaggi in territori leggendari, catturando un senso di fantastico e di fiabesco in un'avventura che lascia il segno.
Regina dei Ragni (Queen of the Spiders)

Questo è il primo "supermodulo" di avventure, che racchiude al suo interno sette differenti avventure, cominciando con Steading of the Hill Giant Chief (ovvero la prima parte di Against the Giants) per finire con La Regina della Fossa delle Ragnetele Demoniache (Queen of the Demonweb Pits). I giocatori parteciperanno ad una di quelle avventure high fantasy che rendono D&D così divertente, sfidando giganti, scendendo nel Sottosuolo per combattere Drow, Derro e Kuo-toa per finire nell'Abisso dove affronteranno Lolth in persona (anche se solo nella forma di semi-dea).
Si tratta della prima avventura davvero epica della storia D&D e si nota.
Quali moduli pensiate siano i migliori della storia di D&D? Come si raffrontano con la nostra lista? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/dd-the-best-1st-edition-modules.html
Read more...

Gli Artefatti di Ravnica sulla DMs Guild

Artefatti di Ravnica, scritto da Luca Maffia e ora disponibile sulla DMs Guild, introduce 10 Oggetti Magici appartenenti al mondo di Magic the Gathering, riadattati per essere utilizzati in Dungeons & Dragons. Inoltre, in questo compendio completamente illustrato, sono descritti altri 26 Oggetti Magici originali ispirati al piano di Ravnica, tra cui:
10 Armi da Fuoco Magiche. 2 Oggetti Meravigliosi per potenziare le evocazioni dei personaggi. 3 set di Oggetti Magici che donano proprietà aggiuntive se indossati al completo. Nuove pozioni da portare nelle vostre avventure. Artefatti di Ravnica è disponibile in lingua italiana.

Read more...

Scopriamo gli Old School Essentials e Dolmenwood

Articolo di Charles Dunwoody del 04 Luglio
Garvin Norman ha fondato la Necrotic Gnome per produrre regole, avventure e ambientazioni per D&D Basic/Expert. Ha iniziato a giocare a D&D da bambino negli anni '80 ed è tornato a giocare da adulto con D&D 4E e Pathfinder. Dato che D&D Basic non ha regole per ogni cosa, richiede delle discussioni tra i giocatori e il DM, cosa che Gavin apprezza. Invece di tirare per cercare le trappole i giocatori descrivono cosa e dove stiano cercando, un altro aspetto che gradisce. Ha quindi deciso che vuole tornare a giocare con un sistema più semplice e più "aperto".

Anche se Gavin usa le regole basilari di Basic D&D così come sono scritte, adora creare classi, oggetti magici, incantesimi e mostri. Il suo primo lavoro pubblicato, il The Complete Vivimancer, è una classe che modifica i corpi per i propri fini. La sua passione per la creazione lo ha portato al suo primo Kickstarter, dove offre le regole di Basic/Expert non solo come un manuale rilegato, ma anche in cinque volumi separati. Mano a mano che la Necrotic Gnome pubblicherà altro materiale, le classi potranno essere scambiate con quelle vecchie o mischiate insieme. Le altre regole possono essere tranquillamente tolte od aggiunte. La modularità degli Old-School Essentials è fondamentale per il suo continuo sviluppo.
Gli Old-School Essentials, sviluppati e discussi con impegno nel blog della Necrotic Gnome, sono stati creati partendo dai B/X Essentials, una diretta riproduzione delle regole originali del 1981. Old-School Essentials include varie coppie di pagine con regole correlate, così che il manuale possa essere aperto e messo sul tavolo dando al DM tutto ciò di cui avrà bisogno.
Altri nuovi manuali sono già in fase di sviluppo, con classi e incantesimi da Advanced D&D 1E che stanno venendo convertite agli Old-School Essentials e altre regole in cantiere. Inoltre, Gavin ha creato un'ambientazione chiamata Dolmenwood in una serie di riviste.
Un eccitante novità è che Dolmenwood verrà rilasciata sia per gli Old-School Essentials che per D&D 5E. Il suo secondo Kickstarter riguarderà un manuale sull'ambientazione, con dettagli sulla storia e sul background e con 184 "esagoni" descritti (probabilmente espansi in un secondo libro). Un manuale del giocatore e uno dei mostri verranno pubblicati di lì a breve. Dolmenwood può anche essere inserita come luogo in un'ambientazione già esistente.
Un mondo composto da varie fiabe frammentate e mischiate, Dolmenwood unisce il raccapricciante, il bizzarro e lo psichedelico in una sorta di pozione stregata che viene rovesciata su una foresta piena di miti. Questo strano bosco arcano è la casa di signori ultraterreni degli elfi, di animali parlanti e di streghe volanti dotate di magie in grado di catturare i viandanti innocenti che passano nella foresta.
Dolmenwood è stata descritta solo in delle riviste ed avventure fino ad ora, ma il futuro manuale riceverà il "trattamento deluxe". Gavin si è posto come obiettivo di avere delle illustrazioni a colori per ogni mostro che sarà presentato nell'eventuale bestiario.
Galvin ha pianificato di sviluppare parallelamente le nuove regole per gli Old-School Essentials mentre lavora su Dolmenwood. Sta lavorando a delle regole post-apocalittiche, su mostri avanzati e tesori, su delle avventure e si sta mettendo d'accordo con i produttori di terze parti per il loro sviluppo. 
Gavin ha detto che tutte le edizioni di D&D hanno il loro fascino, i loro pro e le loro particolarità. Vale la pena provarle tutte, facendo tesoro delle differenti esperienze che possono offrire all'interno del mondo dei giochi di ruolo fantasy. E spera che i giocatori delle nuove edizioni di D&D provino le atmosfere delle origini con gli Old-School Essentials.
Gavin consiglia questo prodotto proprio ai giocatori di D&D 5E e Pathfinder, per capire come fosse giocare con le prime edizioni del gioco, pur mantenendo un aspetto moderno e un lavoro attento di editing. Ha un forte rispetto per le nuove edizioni di D&D, ma non per questo ignora quelle più vecchie. Vuole incoraggiare i giocatori a provare uno stile più rilassato e a parlare e disquisire con i propri DM, mentre il mondo viene esplorato con l'improvvisazione e le descrizioni.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/forum/content.php?6305-Gavin-Norman-Necrotic-Gnome-Talks-Old-School-Essentials-and-D-D-5E-Dolmenwood
Read more...
AndreaP

Altro GdR [TdG] Dark Heresy - Calixis Sector (Chapter IV) - The Black Sepulchre

Recommended Posts


3 426 861.m41

@due decimane prima

Spoiler

 

Gli uffici del Judge Regia erano situati in una zona periferica della fortezza all’interno di quella che un tempo sarebbe stata definita una torre. Una falsa finestra posta sulla parete circolare mostrava Scintilla in lontananza. Il centro dell’ambiente era occupato da una grossa scrivania in alabastro dietro la quale la donna,bionda con occhi neri molto penetranti, sedeva.

I quattro accoliti, due diretti subordinati dell’ascesa dell’Inquisitore Vaarak, due a riporto dell’Inquisitore Skane, erano stati raggiunti da un quinto membro che doveva aver sostituito Kardotrus, richiamato ad altri compiti dallo Hyerophante Carsum.

Victor Montoya era un arbitrator agli ordini della stessa Regia.

Bene” disse la donna “le indagini su quanto accaduto sono proseguite in questo periodo. Abbiamo scoperto che quello che avete chiamato nei vostri rapporti ‘il traditore’, il sergente Forden, era anch’esso affiliato al gruppo eretico dei Logician, che già più volte alcuni di voi hanno incontrato sulla loro strada. 

Questa setta, diffusa in tutto il settore e nel vicino settore Ixaniad, basa le sue teorie su un tomo chiamato ‘In Difesa del Futuro: Un discorso Logico’. Loro aspirano al ritorno ai mitici poteri dell’Età Oscura della Tecnologia, e per far questo non esitano a voler scardinare i saggi vincoli posti dall’Adeptus Mechanicus e a commerciare con gli Xeno

Come sapete già in passato hanno provato ad introdurre una tecnologia Xeno su Scintilla, sia nel Coscarla Sector dove provavano a mutare gli esseri umani, sia nel Coro Gioioso dove identificavano gli psyker latenti per poi usarli nei loro subdoli rituali per ricavare la droga Farcosia con cui finanziarsi. Ora questo Forden pare volesse appropriarsi del Liber Demonica per avere un mezzo di scambio con gli Eldar e così ottenere nuovo potere.

Il vostro intervento è stato fondamentale. 
Stiamo ora perseguendo una nuovo traccia che dovrebbe condurci ad un nuovo passo verso la comprensione di questo mistero. Nostri informatori ci hanno segnalato l’esistenza di un ‘Museo dell’Apostasia, dove vengono raccolti oggetti di provenienza Xeno o comunque Eretica

Vi chiedo di tenervi pronti per la partire in ogni momento” aveva concluso

 


Gli ordini della Judge Regia erano arrivati inaspettati due ore prima. Gli accoliti avevano fatto a tempo a giungere alla spazio porto di Bastion Serpentis per essere raccolti da una scialuppa e portati a bordo della nave da Assalto Valkyrie

Qui gli era stato fornito l’equipaggiamento per la missione e quindi erano stati inquadrati all’interno dei ranghi del battaglione Imperiale. La nave frattanto si era già messa in viaggio raggiungendo l’orbita di Scintilla, la capitale del settore.

I motori della nave da assalto ruggivano mentre le rampe posteriori si aprivano. Il vento penetrò all’interno della stiva, assordante. I soldati sedevano ai fianchi degli accoliti controllando le proprie armi e, dopo un saluto al compagno affianco abbassando i propri visori. Le spire dell’Hive Sibellus erano visibili sotto di loro, un migliaia di case nobiliari che si contendevano lo spazio in una foresta di stendardi.

@all

Spoiler

 

Inizio nel vivo dell’azione

Qui trovate gli ordini della Judge Regia
https://drive.google.com/file/d/0B6WhRefTA9oON00tZk5aNFpVbkk/view?usp=sharing

A bordo della Valkyrie l’equipaggiamento trovato è (a testa)
Una las carabine o un pump action shotgun
3 las packs o 20 shotgun shells
1 frag e 1 krack grenade
1 knife
1 flak jacket

Prendete quello che volete. Segnatevi con un ** il fatto che venga da qui: a fine missione dovete ridarlo

In relazione ai vostri oggetti per ricaricarli dovete spendere della vostra paga (salvo Judith che può ricaricare le armi gratis)

Le ferite sono tutte guarite (sistemate le schede pf)


 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Omar

Scusami baby avevo soltanto detto a Lady D soltanto due ore prima mentre balzavo fuori dalle lenzuola, quando gli ordini dell'inquisizione erano arrivato nel momento meno opportuno possibile. Giusto il tempo di una doccia, rimettersi pantaloni e impermeabile, recuperare i ferri del mestiere e via, ci si ritrova su una Valkyrie d'assalto. Le familiari spire di un hive attendevano di sotto, brulicare di vita in cui sguazzare a piacimento, molto meglio degli spazio vuoti ed alieni di un relitto vagante nello spazio.
La squadra è cambiata ancora e un certo Victor occhieggia da sotto la visiera. Non pare un novellino, vedremo se è altrettanto noioso come Kardotrus. Spero proprio di no.
Andiamo a prendere questo Bulagor? dico facendo scattare il meccanismo di ricarica del fucile a pompa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Victor Montoya

Victor si era limitato a salutare i suoi compagni di missione. Era la sua prima azione sul campo come vero e proprio Accolito, operativamente distaccato dall'Adeptus, e sentiva tutta la pressione dell'aspettativa, assieme alla totale mancanza di certezze su quanto avrebbe dovuto affrontare.

Studiò gli altri, mentre ricevevano gli ordini e mentre si imbarcavano sul Valkyrie. Non aveva un passato comune con loro e non conosceva i molti dettagli della questione, al contrario dei suoi nuovi compagni, come lasciavano trasparire i loro cenni d'intesa alle parole della Giudice e le parole della Giudice stessa.

Indossò la tuta antiproiettile e arricchì le sue dotazioni d'arma, mentre continuava a scrutare gli altri. Rimase particolarmente colpito dalla presenza di una Sororitas in armatura potenziata... ci sarebbe stata decisamente poca azione in incognito, quel giorno.

A quel pensiero, giocherellò istintivamente con l'impugnatura della sua pistola... l'inseparabile compagna di un Metallicano. Tutti gli ipno-condizionamenti della galassia non potevano cancellare abitudini acquisite ed innate.

Guardò verso Omar, quando pose quella domanda, evidentemente retorica.

"Chiunque lui sia", rispose Victor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solomon XI

Passo il tempo prima dello sbarco a controllare in modo quasi maniacale il mio equipaggiamento, in particolare le due pistole che tengo al fianco e il fucile di precisione che tengo a tracolla. Pugnale nello stivale e spada sulla schiena, ho lasciato da parte il fucile a pompa per questione di praticità.

L'idea di piombare su un gruppo di eretici però mi fornisce sollievo. Specialmente se si considera che sono gli stessi cui apparteneva Forden.
 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Judith

Come sempre, ad inizio missione, lei era silenziosa. Il tono gioviale di Omar andava sempre a infrangersi già semplicemente sullo sguardo dell'Adepta. Loro erano il braccio armato dell'Ecclesiarchia, il braccio religioso del Governo Imperiale. La collaborazione con l'Ordo Hereticus era solo stato un passo successivo.
Nei giorni precedenti si era fatta inviare il necessario per la successiva missione. Nonostante ciò osservò attentamente l'equipaggiamento messo a loro disposizione prima dell'assalto. Senza esitazione afferrò le granate e le agganciò alla cintura della power armor, poi prese anche il coltello.

Guardò i compagni, vecchi e nuovi. Piantò pesantemente gli occhi sul nuovo, non per giudicarlo o inquadrarlo ma perché lui si era mostrato incuriosito. Forse l'armatura... d'altronde stavano per assaltare un edificio facendo fuoco con una Valkyrie. I soldati che avrebbero iniziato l'assalto prendendo posizione e permettendo loro di entrare, il loro obiettivo era chiaro e seppur quella missione non richiedeva l'urgenza della precedente, il rischio di rinforzi nemici era alto.
Abbassò la visiera dell'elmo sigillandolo. I respiratori non erano attivi, così come i filtri, per risparmiare la poca quantità di ossigeno presente.
Da dietro quel casco la voce era ovattata "Per l'Imperatore. Credete in lui e torneremo vittoriosi."

Imbracciava già il GodWyn-De'az.

Share this post


Link to post
Share on other sites

3 426 861.m41

La missione era chiara. Bulagor Thrungg era l’ultimo di una fiera casata. Aveva sperperato l’importanza della sua dinastia per il suo desiderio personale, aveva guardato all’eresia come un divertimento. Da qualche parte della sua dimora vi era un Museo dell’Apostasia che gli accoliti doveva trovare ed investigare. L’uomo era accusato di posso di libri ed artefatti proibiti. L’uomo, senza ritegno, aveva parlato liberamente della sua collezione ad altri nobili, attirando l’attenzione dell’Inquisizione su di lui.

Il Protettorato di Scintilla, su ordini dell’Inquisizione, stava tentando di prendere Trhungg vivo, se possibile, per interrogarlo.

La Valkyria si abbassò lentamente nell’atmosfera verso Casa Thrungg. Le mura della tenuta racchiudevano un palazzo con un’ala interamente ricoperta di vetro mente il resto dell’edificio era marcato da mostruosità gotiche. File di tombe ricoprivano i giardini che circondavano l’edificio.

Le truppe di difesa della tenuta, piccoli granelli, da quell’altezza, correvano lungo le mura e attraverso il prato.

“Uomini del Protettorato” urlò il Capitano Scipio in piedi in mezzo alla cabina tenendosi con la mano ad una delle sbarre di sicurezza che ne percorrevano il soffitto “Ci lanceremo fra trenta secondi. Scendete sparando verificata con precisione i vostri obiettivi.”

Poi si avvicinò agli accoliti con un viso duro “E voi. Voi scenderete nella falsa cappella. Non ci aspettiamo difese lì e mentre noi ripuliremo il resto della casa voi aspetterete senza mettervi nei guai. Trovate le prove che dovete e provate a non farvi uccidere” aggiunse per poi controllare con un gesto della mano la chiusura degli scivoli gravitazionali che ciascuno di loro indossava.

La Valkyria intanto era scesa a cinquanta metri da terra. Le guardie della residenza sparano proiettili e laser contro la navetta del Protettorato mentre i soldati rispondevano dal portellone posteriore. Al primo passaggio una squadra si lanciò dopo il getto di alcune granate.

Con un abile mossa il pilota riallineò la navetta sorvolando la zona ricoperta da vetri. 
La porta laterale della Valkyria si aprì subito con un suono secco. Un paio di Guardsmen usarono i loro bolter per distruggere i vetri del lucernario della Cappella creando un punto dove poter scendere.

“Forza tocca a voi” disse Scipio rivolto agli accoliti  “non perdiamo tempo. Veloci.”

Edited by AndreaP
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Judith

Non disse nulla, seppur avrebbe voluto commentare l'affermazione del Capitano Scipio. Era quasi convinta avrebbero trovato difese e qualcuno pronto ad accoglierli. Posò lo sguardo su Ludovicus, Solomon e Omar, seppur il casco nascondeva l'espressione, loro avrebbero certo capito cosa intendesse dire loro "Ottimo lavoro Capitano."
Si alzò e fulminea scattò in avanti percorrendo la passerella calata della Valkyrie, il bolter puntato in avanti pronto a far fuoco contro nemici o ostacoli materiali. In caso di necessità si sarebbe messa a correre a zigzag per non dare un bersaglio facile.
"Andiamo andiamo andiamo!" gridò tre volte sopra il rumore dei laser e dei bolter e invitando gli altri raggiungere l'ingresso della cappella.
 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solomon

Estraendo in modo fluido entrambe le pistole laser seguo immediatamente la Sorella, pronto a sparare contro possibili ostacoli o a individuare punti di tiro da dove possono piovere proiettili o laser sulle nostre fila.
La concentrazione che tengo durante lo sbarco non mi impedisce di pregare: nulla può farlo.
Una mente aperta è come una fortezza sguarnita.
Temi l'eretico, uccidi l'eretico.
Una mente aperta è come un soldato disarmato.
Temi l'eretico, brucia l'eretico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Victor Montoya

Victor guardò i suoi compagni un attimo, studiando le loro vesti ed il loro equipaggiamento. A parte la Sororitas, i loro ruoli non erano così facilmente comprensibili.

Probabilmente uno di loro era un "Sapiente", uno studioso o qualcosa del genere. Non poteva chiudere la fila. Ma gli altri? 

Uno era un... pistolero? Un mercenario? Era lo stesso che aveva aperto bocca prima del Capitano... sembrava di tutt'altra "caratura" rispetto alla rigidità e compostezza della Sorella Guerriera, più spigliato, informale.

Poi, c'era quell'altro tizio, che pareva non avere ancora aperto bocca. Cupo ed ombroso, con addosso, apparentemente, una montagna di armi. E quella tuta nera, che adesso era nascosta sotto la tenuta antiproiettile... lui non era certo uno studioso... un mercenario anche lui? Un... killer? Benchè non fosse di formazione strettamente militare, Victor non aveva mai sentito parlare di soldati di prima linea che se andavano in giro con addosso una sorta di muta nera... Tuttavia, si era subito posto dietro l'Adepta...

L'Arbitrator scosse la testa. Lui stesso, per primo, non era un soldato "da prima linea". Al contrario di molti suoi commilitoni.

Fece le sue valutazioni. Se la Sororitas apriva la fila e, con quella straordinaria armatura potenziata a proteggerla, poteva davvero essere uno scudo per tutti loro (per non parlare dell'assurda potenza di fuoco che brandiva, capace di renderla anche un terribile ariete da sfondamento...) e se il tizio nero era in grado di darle man forte, come appariva probabile, Victor doveva decidere dove posizionarsi in modo da risultare il più efficace possibile.

Fece quindi cenno allo studioso di porsi in mezzo, seguendo il "killer" e si rivolse al "mercenario": "Chiudo io la fila". Nel parlare, fece scattare l'astina del fucile, innescando il meccanismo di riarmo, con quell'inconfondibile rumore sordo che tanto gli era familiare.

Gettò uno sguardo all'ufficiale delle forze del Protettorato di Scintilla: "Non aspettarsi resistenze o guai è un gran bel modo di morire, Capitano. Non esistono missioni facili, nè sicure.

Buona fortuna".

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

3 426 861.m41

La prima a lanciarsi fu Judith. Fatti due passi sullo scivolo la Battle Sister lasciò la sicurezza della navetta per trovarsi a metà aria.

Le informazioni ricevute parevano corrette e nel punto dove erano non vi era resistenza nemica. Il combattimento in quel momento si stava concentrando verso il luogo dove la prima squadra era scesa

Gli scivoli gravitazionali fecero il loro lavoro e la sorella si vide scendere lentamente verso il buco nei vetri del lucernario della cappella per accedervi.

Solomon fu subito dietro di lei.

@Solomon e Judith

Spoiler

 

Superata la copertura vitrea i due compagni subito si resero conto dell’ambiente. 
Di pianta rettangolare con un abside sul fondo presentava due file di panche di ferro con schienali imbottiti. Davanti all’abside vi era una predella di pietra, probabilmente usata per leggere sermoni con un altare in pietra.

Una porta laterale, una più piccola sul fondo e una vetrata nell’abside con il simbolismo del culto del Dio Imperatore completavano l’ambiente

Ma i due accoliti non fecero a tempo a rendersi conto di tutto. Un gun-servitor, una macchina di carne e metallo con un cervello umano all’interno prodotta del Mechanicus, era piazzato a metà della navata e subito sparò una raffica verso i due. I colpi volarono nell’aria colpendo e frantumando altri pezzi del lucernario ma i due accoliti erano illesi

La battle sister tuttavia si trovò sbilanciata e atterrò rotolando a terra rovinosamente. Solomon invece atterrò sui suoi piedi, nella pioggia dei vetri che cadevano

Vicino all’abside vi erano tre troopers in abiti marroni con giubba blu chiusa da fermagli dorati era: in mano avevano shotgun

 

@Omar, Ludovicus e Victor

Spoiler

 

Rumore di colpi di arma riempirono l’aria provenendo dalla cappella in cui erano appena entrati i due altri accoliti. Altri pezzi del lucernario andarono in pezzi

Scipio urlò “Forza scendete anche voi. Dobbiamo andare!”

 

@Landar e Pippomaster

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Judith

Cappella

Spoiler

Come volevasi dimostrare. Ovviamente trovarono qualcuno a guardia e anche piuttosto ostico "Solomon gun-servitor prima. Se riesci mira a quello che rimane del cervello umano." puntò il bolter di fronte a se.
Sfruttando la posizione di vantaggio, seppur non voluta, Judith cercò di avere una buona visuale da sotto le panche e fece fuoco mirando alle gambe del servente, quantomeno per fargli perdere l'equilibrio.

AdG

Spoiler

se possibile Judith spara da sdraiata, da sotto le panche [se non sono piene] usandole quindi anche come copertura.  Altrimenti rotola o si sposta di lato per affacciarsi, facendo capolino dal corridoio centrale. Rimane sdraiata per aumentare la difficoltà a colpirla.
Se non ho bisogno di spostarmi per avere visuale faccio semi-auto 38+10 danni 1d10+5 reliable, tearing
Se devo spostarmi sparo un colpo 38, danni uguali.
Non penso di poter considerare il servente un eretico, se sì, aggiungi 10 al tiro per colpire

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solomon

Cappella

Spoiler

Sperando che le panche offrano protezione sufficiente per il tempo che impiego a prendere la mira, sparo con entrambe le pistole in direzione del servitore. Probabilmente è l'unica creatura davvero innocente qui dentro, per quanto nessuno sia innocente in modo completo...ma è un pericolo e deve essere eliminato.

Spoiler

Due attacchi con le pistole, dovrebbero dunque essere 25/25 1d10+5

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

3 426 861.m41

@Cappella

Spoiler

 

I trooper, armati di Shotgun, iniziarono a sparare contro i due accoliti. La maggior parte dei colpi prese le panche fermandosi con un forte rumore metallico ma uno di questi colpì di striscio al volto Solomon. Questi sparò frattanto 2 colpi contro il servant-gun: uno andò a segno ma il proiettile non riuscì a penetrare la corazza

Non potendo sparare da sotto le panche anche Judith si era mossa leggermente cercando la linea di tiro verso il Servente. Questi quasi in contemporanea all’agire della Battle Sister sparò contro di lei ma i colpi di Autogun andarono a vuoto. Il colpo di Judith invece andò a segno ma i proiettili rimbalzarono sul costrutto

 

@Omar, Ludovicus e Victor

Spoiler

 

L’adepto fu preso da un momento di panico quando toccò lui a scendere. Senza dire nulla tornò a sedersi al suo posto coprendo il viso con le mani “Che fai?” urlò Scipio “Maledizione questa non ci voleva. Voi due iniziate a scendere” aggiunse indicando Omar e Victor “non possiamo stare fermi più a lungo, siamo un bersaglio troppo semplice. Una volta sbarcati voi due faremo un’altro giro e scaricheremo anche lui

Poi si mosse verso Ludovicus lasciando ai suoi uomini l’onere di far scendere i due

 

@Ludovicus

Spoiler

Il capitano si avvicinò all’adepto “Ragazzo è normale sentirsi come ti senti ora” disse con tono paterno “non è comune lanciarsi da un’areonave in mezzo al fuoco nemico. Ci si deve abituare. Riprendi fiato e fra un momento andrai anche tu”

@Pippomaster

Spoiler

Solomon subisce 1W
Ho scritto sulla scheda 2 volte distinte la pistola per gestire i due caricatori

@all

Spoiler

Visto che @ocram è incasinato per lavoro in questi giorni tengo Ludovicus un momento sulla navetta

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Omar

Spoiler

Facendo affidamento sull'equipaggiamento, mi calo finalmente verso la cappella dove i rumori del combattimento ci dicono quanto già i piani di battaglia preparati siano andati a farsi fottere. Complimenti per le informazioni eccellenti...
Sputo a terra e poi via, a spargere un po' di piombo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solomon

Cappella

Spoiler

"Sorella Judith, il mio attuale equipaggiamento mi rende superfluo contro il servitore. Mi occupo dei fanti" informo con calma la donna, mentre punto entrambe le armi contro i tre uomini e apro di nuovo il fuoco, incurante della mia posizione.
Se io sono un bersaglio evidente, Judith ha modo di abbattere il servitore senza destare troppe attenzioni. Almeno per qualche altro istante.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Victor Montoya

Dal Valkyrie con amore

Spoiler

"Come volevasi dimostrare...", si limitò a dire l'Arbitrator, mentre già era all'inizio del tuffo controllato, il fucile stretto al petto.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Judith

Cappella

Spoiler

"Ricevuto. Elimina quegli eretici." lei rimase in posizione supina per continuare ad avere maggiore copertura, questa volta però non lesinò munizioni e sparò una violenta raffica contro il servente, durissimo ma con alcuni punti deboli.

 

AdG

Spoiler

semi-auto contro il servente, rimane supina 36+10 [ulteriori +10 se considerabile eretico] danni come prima

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

3 426 861.m41

@Cappella

Spoiler

 

Con un rumore di vetro che si rompeva anche Omar e Viktor superarono la copertura vitrea accendono al tempio

@Omar e Viktor

Spoiler

Di pianta rettangolare con un abside sul fondo presentava due file di panche di ferro con schienali imbottiti. Davanti all’abside vi era una predella di pietra, probabilmente usata per leggere sermoni con un altare in pietra.
Una porta laterale, una più piccola sul fondo e una vetrata nell’abside con il simbolismo del culto del Dio Imperatore completavano l’ambiente

Subito i due accoliti videro che Judith, sdraiata a terra al riparo di una panca, e Solomon, appostato con le sue pistole dietro ad un’altra, erano impegnati in un combattimento con un gun-servitor, una macchina di carne e metallo con un cervello umano all’interno prodotta del Mechanicus piazzata a metà della navata e tre troopers in abiti marroni con giubba blu chiusa da fermagli dorati era, piazzati vicino all’abside con in mano avevano shotgun

Di nuovo l’assassino sparò contro le guardie con le sue due pistole. Due colpi precisi alla testa: il primo colpo distrusse l’orecchio della guardia, mentre il secondo fece esplodere il cranio facendo prendere fuoco al corpo che vagando per qualche metro cadde a terra bruciando come una pira.

Osservando con orrore il loro compagno bruciare gli altri due trooper lasciarono cadere le armi e sollevarono le mani.

La battle sister concentrò invece una raffica verso il gun servitor. I colpi colpirono l’essere che lentamente si muoveva in avanti. Il primo rimbalzò sulla corazza mentre il secondo la penetrò. Il servente avanzando verso di lei, rispose al fuoco di Judith colpendola: l’autogun che usava tuttavia non riuscì a penetrare l’armatura.

Senza difficoltà intanto Omar e Viktor toccarono terra.

 

@PippoMaster

Spoiler

Spero di aver fatto bene a farti sparare

 

@all

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Omar

Atterro agilmente e d'istinto prendo a mia volta copertura accanto alla Sorella.
Beh l'avevano detto che sarebbe stato un inizio in grande stile... commento sarcastico prima di puntare lo shotgun verso il gun-servitor e scaricare il primo colpo. Per fortuna le altre guardie se la sono già fatta sotto.

DM

Spoiler

Prendo copertura, poi sparo 1 colpo (BS40).

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.