Jump to content

Mostri caratteristici dei dungeon


Uomo Del Monte
 Share

Recommended Posts

Quando pensate al classico dungeon, quali mostri vi vengono in mente?

Davo per scontato che fossero goblin, orchi e cubi gelatinosi ma interrogando alcuni del mio gruppo mi son dovuto ricredere. La cosa mi ha sorpreso perchè avendo avuto gli stessi riferimenti fantasy (insomma giochiamo da 10 anni insieme :lol: ) credevo la pensassimo allo stesso modo su cosa caratterizza cosa.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 9
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Oltre a quanto detto sopra aggiungerei che a me e al mio gruppo piacciono solitamente i dungeon popolati da creature che vivono in gruppo. Ad esempio Drow,Trogloditi,Non Morti (zombie,scheletri,ghoul,ecc...),Gnoll,Goblin ecc..inoltre,mettiamo dei seguaci a queste creature come ad esempio worg e lupi crudeli per i goblin o maghi specializzati in necromanzia con i non morti. Il mio consiglio è quello di creare dungeon tematici e che possibilmente hanno a che fare con qualche quest. Oltretutto se basi i dungeon sul tema della storia ti risulterà anche più facile crearli e popolarli :yes:

Link to comment
Share on other sites

Dipende...

C'è dungeon e dungeon, se è una serie di grotte naturali ci sarà la maggioranza di creature selvatiche, che avranno creato una specie di ecosistema, per esempio funghi, ragni, pipistrelli fino ad arrivare alle creature più grandi. Se invece è stato costruito di proposito sarà difficile trovare molte creature di questo tipo, che dovrebbero preferire ambienti "meno civilizzati". in questo caso sarà più facile trovare delle comunità (più o meno grandi a seconda della dimensione del dungeon) quasi autosufficienti (come orchi, goblin e coboldi, ma anche nani, drow o altre razze che abitano il sottosuolo, come i mindflier o i beholder se vuoi qualcosa di più impegnativo). I non morti sono una possibilità sempre valida ma, secondo me, delle comunità organizzate cercheranno di eliminarli se intendono stabilirsi nel dungeon. Se non sono in grado di sbarazzarsene cercheranno di isolarli ma difficilmente condivideranno lo stesso spazio volontariamente, piuttosto abbandoneranno il dungeon non appena ne avranno la possibilità. Erano usciti il manuale dungeonscape della wizards e dungeoncraft (molto più adatto alla tua domanda) della fantasy flight che trattavano appunto la struttura dei dungeon e delle creature che li popolano.

Link to comment
Share on other sites

Concordo con majin76. Non esiste un "tipico mostro da dungeon", esistono solo mostri più indicati per un certo dungeon.

Ad esempio, nel mia campagna ho messo pochi dungeon, e ognuno aveva una sua ecologia:

1) Una nave volante schiantatasi su una montagna. Un dungeon davvero atipico. Essendo una "nave scientifica" che trasportava mostri era piena di creature bizzarre tra cui belve distorcenti, un cacciatore invisibile, un ogre magi, dei girallon e dei pegasi. Ovviamente non tutte per forza ostili.

2) Una miniera abbandonata che portava ad un tempio nascosto: mostri quasi assenti, eccezion fatta per uno scavatore che si faceva i fatti suoi, un saccheggiatore etereo che aveva fatto la sua tana, qualche sciame e una bestia del caos nella sala delle torture del tempio. Il resto erano trappole, e nel caverna erano naturali (grisù, pavimenti di muscovite ecc...)

3) Un centro di ricerca di una civilità scomparsa milleni prima, ma con un livello tecnologico altissimo (in stile cyberpunk): oltre all'ambiente surreale, sconosciuto e pieno di sorprese per i personaggi, gli unici "mostri", erano le difese automatiche della struttura, comprese torrette laser e robot con teaser, laser e raggi disintegratori.

4) Una caverna scavata da un clan di nani rinnegati e malvagi. Oltre alle numerossime trappole, ingegnose e spettacolari, oltre che spesso letali, i "mostri" in questo caso erano i nani stessi che difendevano la loro casa, pur senza affrontare a viso aperto i nemici (se non dopo averli studiati per bene). Gli unici altro nemici erano un gigante del gelo alleato dei nani con la sua cavalcatura (un remorhaz), e un non morto incorporeo che abitava una tomba adiacente alla casa dei nani (e scavata prima).

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Avventurarsi nel Dungeon ed imbattersi in un Dragon! IT direi goblin, qualche vermone viscido, ooze...anche un delver se dovessero avventurarsi in profondità oppure naga et similia per un dungeon acquatco! In sostanza (ambiente permettendo) i pg sono capaci di avventurarsi in un dungeon qualsiasi e trovare tutte quelle creature che possono abitare un dungeon senza un motivo preciso, oltre a quello di trovarcisi bene!

Link to comment
Share on other sites

Io sono fan di incontri nei dungeon che terrorizzino\inquietino gli avventurieri.

Ad esempio, un verme purpureo, da giocare come se fosse un tremors. geloni garantiti (se poi lavori anche sul sonoro, crei una bella atmosfera).

Un altro che mi piace è il Mimic. Il carissimo Mimic. Trasformalo in un sarcofago e fai raggelare il sangue anche al giocatore più navigato.

Oppure il Balhannoth (MM IV). un enorme mostro che gli arriva dalle loro teste....insomma, ci sono molti mostri che si rifanno all'archetipo dungeon=incontro del terrore.

Link to comment
Share on other sites

in genere quasi tutte le aberrazioni dovrebbero andar bene, poi c'è da considerare quelle capacità che arricchiscono l'aria tetra di un dungeon , ad esempio per le cripte vedrei molto bene gli Allip , per un dungeon/labirinto l'ideale è il Minotauro (per la sua relazione con i labirinti), naturalmente non dimentichiamo Ghaut e Beholder

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.