Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Avatar Legends

Andiamo ad approfondire i dettagli di questo Kickstarter di grande successo, di cui avevamo già parlato in anticipo su questo forum. 

Read more...

Un annuncio ufficiale riguardo il canone di Dungeons & Dragons 5E

Dopo le dichiarazioni di Jeremy Crawford sul canone di Dungeons & Dragons i D&D Studios hanno rilasciato un post pubblicato sul loro blog in merito a ciò che viene considerato canonico per il gioco.

Read more...

I romanzi, i videogame e i manuali precedenti alla 5a Edizione non sono considerati canonici per D&D 5E

Jeremy Crawford, lead designer e responsabile della 5a Edizione di D&D, ha dichiarato che tutto il materiale legato alle passate edizioni non è considerato canonico ai fini della 5E.

Read more...

Alfeimur: Uscite per il 2021

Scopriamo assieme le novità per il 2021 della linea di Alfeimur Quinta Edizione.

Read more...
By Lucane

Humble Bundle: 13th Age

Un nuovo Humble Bundle, questa volta a tema 13th Age, è stato reso disponibile in collaborazione con la Pelgrane Press.

Read more...

Componenti V, S, M per incantori divini


MadLuke
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

una riflessione estemporanea: gli incantatori arcani per evocare i poteri della Trama, piegarla al loro volere, ecc. hanno bisogno di rivolgersi ad essa usando le giuste parole, la giusta intonazione, accompagnando le parole con i gesti e magari unendo qualche materiale per condire il tutto. Perfetto, non fa una piega.

Ma gli incantatori divini? Loro non piegano evocano proprio nulla, si limitano a chiamare il loro superiore e chiedere lui di manipolarla per loro "Scusa Dio, mi fai una colonna di fuoco lì poco più avanti per piacere? Grazie."

Il Dio, a seconda di quanto ha in simpatia il suo devoto (livello dell'incantatore divino e si suppone abbia tradito i suoi dettami) si presta alla sua richiesta manipolando la trama come gli ha chiesto, oppure no. Bene.

Ma allora perché se un chierico si trova le mani legate, oppure gli hanno tappato la bocca, o è a corto di guano di pipistrello, al pari di un incantatore arcano non può più lanciare incantesimi, manco dovesse manipolarla davvero lui la trama?

Che forse lui a mente chiede "Dio sono un po' nei problemi, mi mandi una colonna di fuoco?" e lui (mentalmente) risponde "Cavoli tuoi, se non trovi prima un po' di guano di pipistrello io non ti aiuto caro mio!"?

Bah!!

Ciao, MadLuke.

Link to comment
Share on other sites


Ciao a tutti,

una riflessione estemporanea: gli incantatori arcani per evocare i poteri della Trama, piegarla al loro volere, ecc. hanno bisogno di rivolgersi ad essa usando le giuste parole, la giusta intonazione, accompagnando le parole con i gesti e magari unendo qualche materiale per condire il tutto. Perfetto, non fa una piega.

Ma gli incantatori divini? Loro non piegano evocano proprio nulla, si limitano a chiamare il loro superiore e chiedere lui di manipolarla per loro "Scusa Dio, mi fai una colonna di fuoco lì poco più avanti per piacere? Grazie."

Il Dio, a seconda di quanto ha in simpatia il suo devoto (livello dell'incantatore divino e si suppone abbia tradito i suoi dettami) si presta alla sua richiesta manipolando la trama come gli ha chiesto, oppure no. Bene.

Ma allora perché se un chierico si trova le mani legate, oppure gli hanno tappato la bocca, o è a corto di guano di pipistrello, al pari di un incantatore arcano non può più lanciare incantesimi, manco dovesse manipolarla davvero lui la trama?

Che forse lui a mente chiede "Dio sono un po' nei problemi, mi mandi una colonna di fuoco?" e lui (mentalmente) risponde "Cavoli tuoi, se non trovi prima un po' di guano di pipistrello io non ti aiuto caro mio!"?

Bah!!

Ciao, MadLuke.

perchè il problema fondamentale di D&D è far combaciare la logica realistica delle descrizioni con il fattore regolistico del gioco...

si può fare lo stesso discorso per lo stregone, che viene descritto come un manipolatore naturale e spontaneo della magia e che, sin da bambino, esternava i suoi poteri involontariamente creando strani effetti... e che è, a meno di 1 anno già giocava con guano di pipistrello e zampette di locuste??

ed è per questo che (almeno io e quelli con cui gioco) diamo per scontato che un incantatore spontaneo abbia Escludere Materiali... :)

Link to comment
Share on other sites

noi invcece giochiamo senza materiali per nessuno e facciamo prima... li teniamo in considerazione solo quando c'è dispendio di px o di oggetti costosi altrimenti diamo per scontato che ogni incantatore abbia la sua sacchetta piena di cianfrusaglie e cose schifose che gli servono per gli incantesimi.

anche per evitare ogni volta di stare li a guardare che componenti servono e in che quantità e se finiscono dove li trovo e se il ragnetto muore e se la polvere d'oro quando piove dove va a finire e bla bla bla.... tagliamo la testa al toro: i componenti non esistono o quasi ;)

Link to comment
Share on other sites

bè, allora sarebbe strano che un chierico molto amato dal dio, ma di livello 5 non possa chiedere l'effetto di "giusto potere"...no?

si può pensare che il dio conceda la possibilità di manipolare in un certo modo il mondo (e questa gli viene concessa al momento della preghiera, e non al momento del lancio), puchè siano rispettate certe condizioni (es, il guano di pipistrello)

Link to comment
Share on other sites

Basta un poco di fantasia ;)

Invece di pensare al guano di pipistrello (tra l'altro non credo che nessun incantesimo divino richieda questa specifica componente materiale, basta leggere i vari incantesimi :)) si può pensare a delle gocce di acqua santa, delle ceneri sacre o a dell'incenso ^^

Link to comment
Share on other sites

Semplicemente, un mago ha da eseguire precisi gesti atti a convogliare le energie mistiche nel risultato che vuole lui, un chierico ha da eseguire un preciso rituale liturgico senza il quale non è possibile contattare la divinità per richiederle l'effetto desiderato.

Link to comment
Share on other sites

bè, allora sarebbe strano che un chierico molto amato dal dio, ma di livello 5 non possa chiedere l'effetto di "giusto potere"...no?

si può pensare che il dio conceda la possibilità di manipolare in un certo modo il mondo (e questa gli viene concessa al momento della preghiera, e non al momento del lancio), puchè siano rispettate certe condizioni (es, il guano di pipistrello)

Ma questo non avrebbe senso dal punto di vista di un dio, perché il dio dovrebbe mettere questa condizione? Per dispetto? E' un dio, può sicuramente far funzionare un incantesimo senza bisogno di guano di pipistrello.

Per quanto riguarda il livello... direi che il discorso si sviluppa intorno al problema dell'incanalamento: il dio concederebbe ad ogni suo fedele tutto il potere che possiede, ma molti(livello basso) non sono in grado di gestirlo e verrebbero "sovraccaricati": ci sono persino individui che non sono in grado di gestire il minimo potere divino(senza livelli da chierico o simili). Si potrebbe replicare che il dio potrebbe intervenire direttamente e senza dover condere il potere al fedele che sarà poi lui a gestirlo(perché è per i canoni di d&d quello che accade, il dio non interviene, concede potere perché il fedele intervenga poi); le divinità di d&d non sono però onnipotenti, e non sono onnipresenti! Non possono intervenire all'istante sulla vita di ogni fedele: sarebbe troppo anche per loro.

Sembrerà che io sia andato un poco fuori tema... in realtà ritorno al punto: è plausibile che i mortali nei secoli abbiano escogitato metodi per incanalare più potere senza essere individui dotati di capacità personali particolari, e cioè tramite i componenti materiali(con capacità personali particolari intendo alto livello e alta saggezza).

Ci si potrebbe chiedere perché questi siano uguali ai componenti usati dai maghi(per quanto riguarda gli incantesimi che hanno in comune), per quanto riguarda la risposta ho un paio di idee plausibili, che però non scrivo perché mi prendo un attimo di più per pensarci e per non tediarvi(scusate se sono stato un po' lungo!)

Link to comment
Share on other sites

Ma gli incantatori divini? Loro non piegano evocano proprio nulla, si limitano a chiamare il loro superiore e chiedere lui di manipolarla per loro "Scusa Dio, mi fai una colonna di fuoco lì poco più avanti per piacere? Grazie."

Il Dio, a seconda di quanto ha in simpatia il suo devoto (livello dell'incantatore divino e si suppone abbia tradito i suoi dettami) si presta alla sua richiesta manipolando la trama come gli ha chiesto, oppure no. Bene.

Purtroppo c'è parecchia confusione in giro su come funziona la magia divina.

La magia divina non equivale a una preghiera rivolta al tuo dio che interviene direttamente (oppure no, a seconda di come gli gira). Se fosse così che bisogno ci sarebbe per i chierici di guadagnare livelli? Tanto non serve saper fare nulla per chiedere a qualcuno di risolvere i problemi per conto tuo.

Come dice Dei&Semidei, "è l'allenamento, l'abilità e la dedizione dell'incantatore che rendono la preparazione e il lancio degli incantesimi [divini] possibili". La divinità fornisce semplicemente la magia, l'energia grezza. Il resto, ce lo mette tutto il chierico.

Tanto è vero che, sempre come scritto in D&S, persino le divinità hanno bisogno di livelli da chierico o da druido per poter incanalare il proprio potere divino nella forma di incantesimi divini. Diversamente, sapranno solo usare le capacità magiche che il loro status gli conferisce.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Mi trovo perfettamente d'accordo con tutto quello che ha scritto Fenice, la ritengo una solida interpretazione della magia divina, aggiungo solo di buttare via buona parte di tutto il resto di Deities & Demigods, perché (nonostante le idee alla base siano buone) alcune cose creano più problemi di quanti ne risolvano (questo discorso è molto IMHO e da prendere "con le pinze").

In my humble opinion, il punto cruciale è però questo:

perchè il problema fondamentale di D&D è far combaciare la logica realistica delle descrizioni con il fattore regolistico del gioco...

si può fare lo stesso discorso per lo stregone, che viene descritto come un manipolatore naturale e spontaneo della magia e che, sin da bambino, esternava i suoi poteri involontariamente creando strani effetti... e che è, a meno di 1 anno già giocava con guano di pipistrello e zampette di locuste??

ed è per questo che (almeno io e quelli con cui gioco) diamo per scontato che un incantatore spontaneo abbia Escludere Materiali... :)

E qui non c'è manuale che tenga. Non posso che essere d'accordo con l'introdurre Escludere Materiali come talento bonus al 1° livello per lo Stregone (e per gli incantatori spontanei in genere, mi limito allo Stregone per semplicità). IMHO, si tratta di una HR semplice ed efficace. Non è definitiva, chiaramente, né ha la pretesa di esserlo, però (IMHO) è un passo avanti che elimina "senza sforzo" alcune situazioni un po' antipatiche.

Link to comment
Share on other sites

Semplicemente, un mago ha da eseguire precisi gesti atti a convogliare le energie mistiche nel risultato che vuole lui, un chierico ha da eseguire un preciso rituale liturgico senza il quale non è possibile contattare la divinità per richiederle l'effetto desiderato.

Questo, oppure possiamo intendere che l'incantatore si mette in contatto con la divinità durante l'ora di meditazione. Durante questo tempo, all'incantatore divino vengono concessi i poteri che poi dovrà usare da solo per mezzo di tutte le componenti.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By supremenerd88
      Parto con una doverosa premessa: sono assolutamente convinto che "in un gioco di ruolo le regole sono fatte per essere adattate alla situazione per rendere il tutto più divertente".
      Detto questo, le regole "base" di un gioco vanno capite per poter essere adattate altrimenti si rischia di far scadere nella banalità il tutto.
      Arrivo quindi alla domanda: Che differenza c'è tra l'incantesimo "comprensione dei linguaggi" (pagin 215 e 216 del manuale del giocatore 1 versione italiana) e "linguaggi" (pagina 253 del manuale del giocatore 1 versione italiana)? da quello che sta scritto mi sembra che l'incantesimo "comprensione dei linguaggi" serva appunto solo per comprendere il linguaggio scritto o orale, ma non di esprimersi nella lingua compresa (a meno che non ne sia in possesso e quindi mi chiedo per quale diavolo di motivo ha lanciato l'incantesimo...), mentre "linguaggi" dice "Questo incantesimo conferisce alla creatura toccata la capacità di parlare e di comprendere il linguaggio di una qualsiasi creatura intelligente, che si tratti della lingua di una razza o di un dialetto regionale. Naturalmente il soggetto è in grado di parlare un solo linguaggio alla volta, anche se è in grado di capirne diversi. Linguaggi non consente al soggetto di parlare con creature che non sanno parlare. Il soggetto può farsi capire fino a dove arriva la sua voce. L'incantesimo non predispone in alcun modo le creature apostrofate nei confronti del soggetto".
      A parte l'ultima frase che proprio non mi dice nulla (le creature "apostrofate" nei confronti del soggetto???), per il resto il testo di "linguaggi" sembra che dia la possibilità di parlare una certa lingua e di capire la lingua parlata da un altro soggetto, non viene menzionato quindi il comprendere il testo scritto.
      A livello di regole "standard" possiamo quindi affermare che, se volessi far leggere un rituale in una lingua che il soggetto non conosce e recitarlo con la giusta lingua, deve prima lanciare l'incantesimo "comprensione dei linguaggi" e poi "linguaggi" (oltre a fare le prove necessarie per lanciare il rituale)?
      Grazie.
    • By korhil
      Buongiorno. Spiegatemi se ho capito bene, ho cercato nel forum e ho capito quasi tutto ma mi manca un pezzo.
      Lancio l incantesimo,
      per far effettuare il ts agli avversari, il muro devo crearglielo sopra o basta crearlo entro 10 feet?
      Quando lancio il muro non circolare,  deve essere dritto o posso creare un muro della forma che voglio?
    • By Xenor
      Ho dei dubbi riguardo l incantesimo dissolvi magie. Prima di tutto quando viene lanciato questo incantesimo (dopo aver compiuto tutti i tiri ecc) quando toccherà all avversario, nel caso dovesse lanciare un incantesimo deve superare una CD per evitare di perdere l'incantesimo lanciato oppure può farlo liberamente senza vincoli? 
    • By Gmon
      Ciao a tutti.
      Ho un mago in gruppo che vorrebbe poter preparare piu' incantesimi per cercare di avere la soluzione pronta a molte piu' situazioni. Ho guardato sui manuali ma non mi sembra di aver visto oggetti magici che lo facciano, anche gli oggetti che alzano l'INT sono molto rari ed il guadagno e' poco. Mi pare di aver capito che la quinta edizione sia poco portata a dare questa possibilita'. Sbaglio?
      Secondo voi come dovrei comportarmi? E come la gestireste?
      Grazie.
    • By skeletorn
      Dubbio su animare i morti. Siamo tornati alla 3.5 dopo un pò di tempo. Se si usa l'incantesimo animare i morti per animare uno scheletro dal corpo di un umano, quali sono le caratteristiche del non morto animato? Si anima un non morto standard di taglia media come da manuale dei mostri oppure influisce in qualche modo le capacità, caratteristiche, ecc... che aveva il personaggio quando era in vita?
      Io ero convinto che si animava un non morto standard di taglia media indipendentemente da tutto, ma non ne sono sicuro.
      Grazie
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.