Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Guerriero, Ranger, Ladro e un nuovo Sondaggio

Articolo di Ben Petrisor, Dan Dillon e Jeremy Crawford, con F. Wesley Schneider - 17 Ottobre 2019
Nota del Traduttore: le traduzioni italiane dei nomi delle Sottoclassi presentate in questo articolo non sono ufficiali.
 
Questa settimana tre Classi ricevono una nuova opzione da playtestare. Il Guerriero riceve un nuovo Archetipo Marziale: il Cavaliere delle Rune (Rune Knight). Il Ranger ottiene un nuovo Archetipo Ranger: il Custode degli Sciami (Swarmkeeper). E il Ladro ottiene un nuovo Archetipo Ladresco: il Rianimato (Revived). Vi invitiamo a dare una lettura a queste Sottoclassi, a provarle in gioco e a farci sapere cosa ne pensate nel Sondaggio prossimamente in arrivo sul sito ufficiale di D&D.
Il Sondaggio
E' ora anche disponibile un Sondaggio riguardante il precedente Arcani Rivelati, che presentava il Dominio del Crepuscolo (Twilight Domain) per il Chierico, il Circolo dell'Incendio (Circle of Wildfire) per il Druido e l'Onomanzia (Onomancy) per il Mago. Per favore, seguite il link del Sondaggio per farci sapere cosa ne pensate.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: guerriero, ranger e ladro
sondaggio: chierico, Druido e mago
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/fighter-ranger-rogue
Read more...

Avventure Positive

Articolo di J.R. Zambrano del 07 Ottobre
Una artista che ha lavorato su ogni genere di prodotto, da Dragon Age a Nel paese dei mostri selvaggi, ha avuto la geniale idea di reinventare le classiche avventure che ormai conosciamo alla perfezione. Sono state battezzate Avventure di D&D con una Carica Positiva e porteranno nuova vita in qualunque impresa i vostri eroi stiano affrontando. Vi mostreranno quanta creatività sia possibile inserire all'interno di un'avventura. Se volete dare una scarica di adrenalina alla vostra prossima sessione, date un'occhiata a queste idee.
Da Twitter
L'artista di cui parliamo è Delaney King, che ha lavorato su videogame e film di cui avrete certamente sentito parlare. Ha introdotto i Custodi Grigi al mondo...

E ora lasciamole introdurre un po' di positività ai vostri tavoli. Tutti questi spunti sono delle perle di moralità che vi faranno pensare di essere sul Piano dell'Energia Positiva.
Il cliché dei goblin nella miniera è stato presente in svariati giochi e partite. Che siate intenti a giocare qualcosa sullo stile della Miniera Perduta di Phandelver al tavolo con i vostri amici o siate carichi di Cinture Spezza Ossa (Crushbone Belts, NdT) nelle selvagge terre di Kaladim (e se state giocando a Everquest nel 2019 avete la mia più profonda stima... anche se vi consiglio di togliervi tutte quelle cinture), i goblin che abitano un complesso di caverne sono in giro da sempre. Ma quante volte gli avete dovuto portare dell'acqua pulita?

Ma quella non è certo la migliore delle sue proposte. Di seguito vi presentiamo alcune delle scelte più interessanti.
Alcune di queste sono delle avventure "classiche" guardate da un diverso punto di vista, altre sono una riflessione su quello che succederebbe a vivere non in un generico mondo fantasy, ma su uno che ruota precisamente attorno alle meccaniche di D&D.
Ecco una prospettiva differente sul classico cacciatore di mostri contro il branco di mannari:
E man mano che scorrerete il thread (che contiene dozzine di avventure, se non degli spunti per intere campagne) troverete dei veri gioielli di creatività.
E non dimentichiamoci di apprezzare il fatto che ciò che è veramente malvagio in questo caso sono le manovre economiche degli Ogre.
Certe idee sono davvero tenere:
Altre sono Shakespeariane:
Ma qualunque sia la vostra idea, queste proposte ci ricordano che la vera avventura sono gli amici che incontriamo sulla strada.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/10/dd-adventures-straight-out-of-the-positive-energy-plane.html
Read more...

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Scavenger

Traduzione del testo della pagina Kickstarter di Scavenger, creato da Alexandru Negoita e Marquis Harris.
Esplorate il mondo in rovina di Akara e lo strano mondo di Torn in questo manuale pieno di storie avvincenti, arditi personaggi, illustrazioni fantastiche e nuove regole per la Quinta Edizione del gioco di ruolo più famoso del mondo.
Scavenger è un libro che raccoglie immagini, storie e informazioni che vi permetteranno di creare avventure ambientate su Akara, un mondo morente e che cerca disperatamente di sopravvivere. In questo tomo di circa 175 pagine scoprirete le culture in rovina di Akara, lo strano mondo inesplorato di Torn e i Raccoglitori (Scavenger, traduzione non ufficiale) che dovrebbero essere la salvezza dell'umanità.

I Raccoglitori sono esploratori, viandanti, cacciatori di tesori o razziatori, tutti quanti attirati da un mondo antico ed alieno. Alcuni cercano conoscenze e altri la salvezza. Una ricerca spirituale per l'illuminazione o l'accumulare ricchezze? Quali sono le vostre ambizioni e speranze?
Scavenger è ambientato nel mondo devastato di Akara, dove l'unica speranza di sopravvivenza è un antico portale chiamato il Monolite. Esso conduce al misterioso mondo di Torn (World Torn Apart, il Mondo Lacerato, NdT), ma nessuno sa da dove viene o come funzioni. Da Torn sono state recuperate delle Scheggie di Sangue (Sanguine Shardstone, traduzione non ufficiale), pietre che permettono a chi le studia di modificare la realtà in strani modi e, se non fosse stato per la Grande Morìa (Great Dying) Akara sarebbe stata rivoluzionata. Purtroppo la Grande Morìa è in atto, una serie di disastri naturali su scala enorme, un vero e proprio evento di estinzione di massa apparentemente senza causa e senza fine.

Le speranze dell'umanità sono riposte nei Raccoglitori, che sono i disperati, i dannati, i fuggiaschi delle città-stato cadute e delle tribù distrutte. Man mano che Akara viene colpita da una catastrofe dietro l'altro questi individui senza più legami attraversano il Monolite, sperando di poter trovare qualcosa che permetta loro di poter salvare i propri cari, le proprie case e i loro stessi futuri. Man mano che affrontano le bizzarre distese di Torn sono a loro volta trasformati in qualcosa di non più umano. Molti Raccoglitori si domandano se sia valsa la pena di patire ciò che hanno dovuto passare per ottenere una qualche speranza.
Akara è un mondo molto diverso dalla nostra Terra. Le culture sono varie e ciascuna ha un ruolo da svolgere per salvare l'umanità. Oltre agli abitanti nativi di Akara ci sono i morg a quattro braccia e i misteriosi kith. Questo manuale non solo descrive nel dettaglio queste due specie ma esplora le ultime città stato rimanenti: Bataar con i suoi assassini, Mur ricca e xenofoba, Kanuma con i suoi razziatori assetati di sangue e Tarnak il rifugio cosmopolita degli ultimi rifugiati.

Mappa del mondo di Akara
Esistono mappe accurate di Akara ma ci sono comunque delle zone che i Raccoglitori possono esplorare. Praticamente ogni giorno una qualche tribù viene scacciata da un qualche disastro o un'intera città viene inghiottita da un terribile terremoto. Man mano che i Raccoglitori esplorano il loro mondo in rovina potranno ottenere accesso a Torn, un luogo inesplorato che promette segreti senza fine e avventure bizzarre.
Le Meccaniche
Scavenger è perfettamente compatibile con la Quinta Edizione del gioco di ruolo più famoso al mondo. Per evocare l'atmosfera esoterica dei mondi di Akara e Torn sono state ideate una serie di meccaniche specifiche per Scavenger. Questi cambiamenti alle regole sono stati testati per più di un anno e hanno avuto varie iterazioni. Continueranno ad essere testate e migliorate mentre completeremo il manuale grazie al Kickstarter.

Per avere un'anteprima di queste regole potete cliccare nel link sottostante e scaricare il documento di esempio. Tenete presente che si tratta di un documento minimalista e ridotto all'osso, che non riflette la formattazione e le illustrazioni del manuale effettivo.
Ecco quello che potete trovare nel nostro pacchetto di playtest:
Informazioni basilari sui mondi di Akara e Torn, oltre a più di 10 spunti di avventure. Le attuali modifiche alle regole per la 5E. I Paradigmi dei Raccoglitori (Scavenger Paradigms), un modo nuovo ed intuitivo per approcciarsi alle classi base della 5E nell'ambientazione di Scavenger.
 
Grazie a @Grimorio per la segnalazione.
 
Link al Kickstarter: https://www.kickstarter.com/projects/scavenger/scavenger-0/description?fbclid=IwAR3PKXL-mj4rtTkR_K921lP-qdopRag0pnZ-bctIl8x0wDQXutzGp1KWSZ8
Read more...

Agganci per i Malviventi

Articolo di J.R. Zambrano del 09 Ottobre 2019
Dicono che il crimine non paghi, ma speriamo di poter dimostrare che ciò non è affatto vero grazie ad alcune missioni secondarie adatte a riempire di monete la borsa degli avventurieri più criminali. Dopotutto, se il ladro o il bardo o il chierico o chiunque altro del gruppo insiste nel commettere dei crimini ovunque vada, potete anche tenerne conto nella preparazione dell'avventura. Quindi abbiamo stilato un elenco di agganci d’avventura a tema “criminale” per i vostri malviventi. Laddove possibile, questi agganci tendono verso il buonismo, ma in ogni caso cosa è davvero il bene? Questo è un dilemma che solo i filosofi, o l'incantesimo "individua allineamento", possono risolvere.
Agli Atti

Un nuovo e ricco nobile, Arnshad Gillis, si è presentato in città mentre i PG erano lontani per una lunga avventura, sostenendo di possedere l'atto di una Locanda famosa del luogo, che sembra proprio essere quella in cui i PG risiedono abitualmente mentre sono in città. Grazie al sigillo ufficiale di un magistrato della zona la sua pretesa sembra inattaccabile e il nobile inizia a cercare di trasformare la locanda in un nuovo maniero/villa.
Gli ex proprietari potrebbero essere disposti ad arrendersi al nobile, ma uno degli ex avventori sospetta che vi sia in atto una truffa. I giocatori dovranno intrufolarsi nella Locanda in cui sono stati precedentemente (ora sotto una nuova gestione) e rubare l'atto ufficiale, per riportare le cose come erano un tempo.
Arnshad Gillis usa il blocco di statistiche del Mastro Ladro [Master Thief] ed è disposto a combattere fino a quando non viene ridotto al di sotto dei 30 punti ferita, dopodichè si arrende o cerca di scappare.
Mani sull’Idolo

Uno stupendo idolo coperto di gioielli è stato recuperato da delle rovine e messo in mostra in un tempio importante. Il sacerdote del posto afferma che si tratta di una reliquia sacra, e la utilizza come scusa per riscuotere decime extra dai villici. Più tardi in quella stessa sera, un amareggiato studioso di storia/saggio che beve alla locanda, lascia intendere che la "sacra reliquia" sia in realtà semplicemente un vecchio calice estremamente prezioso, ma che non ha nulla a che fare con la religione del Tempio. Vale molto per l'acquirente giusto, ma anche i sacerdoti sembrano saperlo e lo tengono sotto stretto controllo. 
Sono state assunte quattro guardie (usate il blocco di statistiche relativo) per sorvegliare il tempio in ogni momento.
Sono Solo Affari

Un nuovo commerciante è giunto in città e ha utilizzato le maniere forti sugli imprenditori locali presso il mercato. Mettendo in atto tattiche sgradevoli come rubare l'attenzione dei clienti, seminare voci e assumere criminali per distruggere gli oggetti esposti/mettere a soqquadro i negozi rivali, questo commerciante è pronto a conquistare la piazza e finora ha accumulato una piccola fortuna.
Sarebbe un vero peccato se dovesse succedere qualcosa a quella piccola fortuna, specialmente se i personaggi dei giocatori fossero in grado di affrontare il gruppo di 1d6+2 banditi, un Capitano dei Banditi e un Berserker che sono stati ingaggiati dal commerciante per proteggere i suoi interessi.
Lanciare i Dadi

Uno dei contatti in città dei PG ha perso ingenti somme nel covo della malavita locale e pensa di essere stato ingannato da un truffatore. I PG devono trovare un modo per recuperare ciò che gli è stato rubato. L'unico problema è che l'imbroglione in questione è uno stravagante giocatore d’azzardo che passa la maggior parte del tempo a giocare. Se i PG vogliono mettere le mani su quei guadagni ottenuti in modo scorretto, dovranno riuscire a truffare il truffatore.
Indorare la Pillola

La gilda dei ladri locale sta passando un momento difficile. Non ha avuto molta fortuna ultimamente: tutti i suoi migliori membri sono stati assoldati da una gilda di ladri rivale proveniente da un'altra città. Adesso un'ondata di criminalità ha travolto la città, e tutta la colpa viene addossata all’originaria gilda dei ladri, ma senza che quest’ultima ne stia ricavando nulla. Forse i PG possono sistemare la cosa... 
Buone Avventure!   
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/10/dd-hooks-for-crooks.html
Read more...

Il Mago Statisticamente Perfetto

Articolo di J.R Zambrano del 08 Ottobre 2019
Com'è il Mago Perfetto? Apparentemente è tre maghi in uno. Diamo uno sguardo alla perfezione statistica di questi maghi platonici.
Chierici, Druidi e Maghi sono stati al centro dell'attenzione dell'ultimo Arcani Rivelati. Abbiamo una nuova scuola di magia che sta spingendo tutti a discutere sui Veri Nomi e cosa questo significhi, quindi è il momento giusto per dare uno sguardo a quello che sarebbe il Mago statisticamente perfetto. Come vi chiederete? Dando uno sguardo ai dati degli utilizzatori raccolti da D&D Beyond e applicandoli con leggerezza alle tabelle generatrici casuali della Xanathar's Guide to Everything. Il risultato finale DOVREBBE ESSERE un Mago generato automaticamente che rispecchi le decisioni collettive dei giocatori di D&D.
A quanto pare il mago perfetto in realtà sono tre maghi.
Dati da D&D Beyond
Innanzitutto dando uno sguardo ai dati di D&D Beyond scopriamo che i Maghi non sono necessariamente così popolari come un tempo: si attestano intorno al 6° posto della classifica. Tuttavia appaiono comunemente nei gruppi di ridotte dimensioni, come potete vedere da qui:

Man mano che i gruppi si allargano la composizione degli stessi diventa strana e i maghi sembrano sparire. Ma questo non implica che non siano comunque una parte iconica del gioco e, dato che possiedono alcune delle capacità più potenti, non sorprende che siano così resistenti. Ora il nostro mago perfetto è in realtà tre maghi, dato che abbiamo un pareggio a tre in termini di sottoclassi.

In questo il mago si distingue dalle altre classi, dove c'è un'opzione chiaramente preferita rispetto alle altre o, al massimo, ce ne sono due chiaramente superiori alle altre come utilizzo. Ma i maghi sono unici in quanto c'è un pareggio tra le tre scelte predominanti. Quindi il mago perfetto è tre maghi ed è questo che andremo a creare.
Ora a mio avviso è interessante come le scelte predominanti per i Maghi siano estremamente incentrate sul combattimento. Il Cantore della Lama (Bladesinging) in particolare è una scelta interessante, dato che è una strana commistione di potere arcano e prodezza marziale simile al Cavaliere Arcano solo che ci arriva dall'altro lato. Secondo lo sviluppatore capo della 5E, Jeremy Crawford, i Cantori della Lama sono anche "intriganti" (juicy):
Il Cantore della Lama e il Mago da Guerra (War Wizard), se non ne avete familiarità, sono essenzialmente i migliori maghi combattenti possibili. Detto brevemente il Cantore della Lama può spendere un'azione bonus per iniziare un Canto della Lama che dura un minuto, ottenendo il proprio modificatore di Intelligenza alla CA e ai tiri salvezza sulla Concentrazione, 3 metri di aumento del movimento, vantaggio alle prove di Acrobazia; inoltre hanno un'opzione di Attacco Extra e possono spendere incantesimi per assorbire i danni o non essere colpiti. Si tratta di una sottoclasse strana ma tant'è.
Il Mago da Guerra, invece, si incentra sul mischiare Invocazione e Abiurazione; può usare la sua magia (e la reazione) per ottenere un bonus alla CA o a un tiro salvezza, e a livelli più alti quando usa Dissolvi Magie o Controincantesimo ottiene dei picchi di energia che possono permettergli di infliggere danni extra quando lancia incantesimi. In generale sono bravi a mantenere la concentrazione su un incantesimo e ad avere un'alta CA.

La scuola di Invocazione si basa sul fare esplodere le cose e ha il pregio di essere l'esempio gratuito inserito nelle regole base. Ma è stata una scuola popolare in tutte le edizioni, anche perché è quella dove troviamo Palla di Fuoco, oltre a varie altre cose.
Con questo in mente lasciamo che i dati costruiscano per noi questi tre maghi

Ed è qui che le cose si fanno interessanti. Secondo i dati la razza più popolare sono gli umani, ma i Cantori della Lama sono solo elfi o mezzelfi - il che copre le due razze più comuni. Questo ci lascia i nani e improvvisamente tutte quelle immagini sui Maghi Nani hanno un senso. Non lasceremo certo che cose come la simmetria delle statistiche ci metta i bastoni tra le ruote. Questo è quello che dicono i numeri e quello che ci danno i numeri:

Siamo tutti dei gran pigroni qui, quindi useremo la stringa standard per i nostri tre maghi (I Miei Tre Maghi sembra il titolo di una sitcom di successo su D&D). Il nostro umano, come già dicevamo nell'articolo precedente, userà il +1 a tutte le statistiche visto che i membri del team di D&D hanno affermato pubblicamente che molti giocatori non usano i talenti:
Il che implica che il nostro primo figlio mago ha 16, 15, 14, 13, 11 e 9 da assegnare come meglio crede. Invece la nostra figlia mezz'elfa ha più liberta di scelta visto che ha un +1 a Carisma e due +1 a sua discrezione. Probabilmente Intelligenza e Destrezza. Invece il nostro piccolo Nano ha una scelta importante da fare. I Nani delle Colline sono una scelta popolare, che fornisce +2 alla Costituzione, +1 alla Saggezza e un punto ferita extra per livello. Tutti e tre i nostri maghetti saranno decisamente tosti da affrontare in combattimento a quanto pare.
Quindi abbiamo un Mezzelfo Cantore della Lama, un Umano Mago da Guerra e un Nano Invocatore. Praticamente un gruppo completo già solo con loro. I maghi scelgono la loro sottoclasse, la Tradizione Arcana, a livello 2. Quindi avremo un po' di incantesimi extra con cui partire. Diamo uno sguardo agli incantesimi da mago più popolari.

Ognuno dei nostri maghi ha otto incantesimi nel proprio libro. Dando uno sguardo agli incantesimi più popolari rende alquanto facile scegliere quali usare. Non abbiamo facile accesso agli incantesimi più popolari per D&D con queste opzioni, ma ognuno dei nostri maghi sarà ben preparato ad usare le proprie capacità di classe puntando ai primi otto incantesimi sui dieci della lista. Per quanto riguarda i trucchetti, invece di rendere i nostri maghi tutti uguali ciascuno prenderà i primi tre disponibili nella lista non già scelti dagli altri.
Quindi il Cantore della Lama avrà Prestidigitazione, Raggio di Gelo e Illusione Minore. Il Mago da Guerra sceglierà Messaggio, Luce e Tocco Gelido, mentre il nostro Evocatore rivelerà la frode del fatto che questi 10 trucchetti più comuni sono in realtà solo 8 e prenderà Riparare, Stretta Folgorante e un altro, diciamo Dardo di Fuoco visto che è comunque uno dei trucchetti più popolari in generale.
Ora ci rivolgiamo alla Xanathar's Guide e lasciamo che siano i dadi a prendere delle decisioni per noi. Se avete a casa una copia del manuale potete aprirlo a pagina 61 e dare uno sguardo alla sezione Questa è La Vostra Vita (This Is Your Life, NdT).
Andremo con una distribuzione leggermente più ampia (il risultato medio più un punto sopra e uno sotto) per tenere conto del fatto che i nostri tre maghi hanno avuto infanzie leggermente diverse. Ma cercheremo comunque di trovare delle opzioni che siano nel complesso nella media. E per i nostri bei maghetti significa che sanno chi sono i loro genitori. Il nostro mezz'elfo ha un genitore elfo e uno umano, in maniera molto tradizionale. Guardando ai tre tiri più comuni il nostro Cantore della Lama è nato in casa, il Mago da Guerra nella famiglia di un amico e il nostro nano ci dimostra come la società nanica sia avanzata, essendo nato nella dimora di una levatrice. Stiamo già scoprendo chi sono.
Ognuno dei nostri maghi ha in media 1d4+1 fratelli o sorelle ed è probabilmente il più grande, anche se il nano si dimostra differente ed è il più giovane. Dando uno sguardo a Famiglia e Amici (Family and Friends, NdT) il tiro medio implica che il Mago è stato allevato da un solo genitore, che sia un padre o una madre. Alcune convenzioni del fantasy sono davvero universali e i nostri eroi non se ne possono esimere. Il genitore assente è stato o rapito o ha abbandonato la sua prole, il che è un vero peccato visto come sono interessanti. Possiamo ottenere alcuni altri dettagli, come la casa natia e le prime memorie...

Dando uno sguardo alla tabella della casa natia possiamo vedere che i nostri Maghi perfetti hanno vissuto un'infanzia normale. Potete continuare a tirare per scoprire cose come perché è diventato un Mago, con i risultati medi che ci forniscono tre possibili storie:
Uno ha sentito storie di grandi maghi ed è andato ad uno scuola di magia Uno è un mago di carriera E uno ha scoperto un libro di incantesimi mentre esplorava un'antica tomba Ma il vero divertimento arriva con la tabella Eventi della Vita (Life Events) in cui il tiro medio è anche il più noioso: avere un lavoro fisso. Ed è questo che fanno il Mago della Guerra e il Cantore della Lama, mentre il nostro nano continua a dimostrarsi particolare, il che ha senso. Ha stretto amicizia con un avventuriero e questo implica che possiamo scoprire i fantastici compagni di avventura che risultano da una serie di tiri sulla media:

Apparentemente il nostro Nano Mago è amico di un Monaco Elfo che lavora come pastore o agricoltore, ancora in vita e in salute. Ecco questo merita decisamente. I risultati possono variare ma questi sono i tre maghi più idealizzati dell'intero reame degli avventurieri.
Buone avventure
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/10/dd-the-ultimate-wizard-by-the-numbers.html
Read more...
Sign in to follow this  
Dark_Megres

DnD 3e Il futuro dei Livelli Infimi

La prossima edizione dei Livelli Infimi dovrebbe essere...  

56 members have voted

  1. 1. La prossima edizione dei Livelli Infimi dovrebbe essere...

    • In 4° Edizione, in Italiano
    • In 4° Edizione, in Italiano e Inglese
    • Una riedizione 3.5 corretta e estesa, in Italiano
    • Una riedizione 3.5 corretta e estesa, in Italiano e Inglese
    • Una riedizione estesa e aggiornata alla 3.75, in Italiano
    • Una riedizione estesa e aggiornata alla 3.75, in Italiano e Inglese
    • Una errata del manuale esistente, con creazione di materiale aggiuntivo a parte
    • Una traduzione in inglese del manuale esistente
    • Non ha senso di esistere
    • Altro (specificare cosa)


Recommended Posts

Prego tutti di leggere il post (lo so, è lungo

:-p) prima di votare.

Salve a tutti, fratelli della Tana.

Vi interpello per un argomento che mi sta molto a cuore, e su cui ho avuto modo di riflettere in questo ultimo periodo, curiosando un po' in rete. Appunto, quello che è stato considerato un felice parto di mamma DL, i Livelli Infimi.

RICAPITOLANDO

Prima di tutto, vorrei fare un minimo di riassunto su alcuni fatti che riguardano la storia dei Livelli Infimi, per chiarire il mio punto di vista e come si è evoluta la situazione:

Dopo l'uscita dei Livelli Infimi 3.5, ho ricevuto moltissimi feedback positivi, e sull'onda di questo successo ho sviluppato una rete di contatti sufficiente ad assicurare alla futura edizione dei livelli infimi una pubblicazione garantita, anche all'estero.

Preso dalla febbre della pubblicazione, e galvanizzato dall'idea di poter diffondere il manuale anche oltrealpi, ho contattato Aza, comunicandogli la mia volontà di pubblicare i Livelli Infimi 4°edizione presso un editore, e non in seno alla DL.

Gentilissimo, lui mi ha comunicato che non c'era alcun problema, e tutti gli sviluppatori che hanno partecipato alla stesura del manuale in maniera sostanziosa (uno su tutti Submuloc) mi hanno, molto gentilmente, riconosciuto piena libertà nell'utilizzo del materiale del manuale 3.5 (anche il materiale che non avevo steso o ideato in prima persona).

Insomma... c'era l'editore, c'erano i traduttori, c'erano i disegnatori e c'erano le idee per un manuale dei Livelli Infimi 4° universale... c'erano tutti i presupposti. Ma, per una serie di motivi, alcuni più trascurabili (una grande mole di lavoro che abbruttiva me e occupava le mie giornate) altri più seri e tristemente noti a tutti, ho deciso di allontanarmi dal mondo dello sviluppo. Sia dai miei impegni con le case editrici, sia dai progetti che stavo portando avanti di mia sponte.

I livelli infimi, tra tutti, era un progetto che non volevo dare alla luce in un periodo sbagliato della mia vita. Non volevo gettarlo ai pesci per pubblicarlo "a tutti i costi".

A capodanno (al Cungidanno) ho colto l'occasione per scusarmi con i DLlini presenti per il mio atteggiamento arrivista e ingordo, anche per quanto rigaurda i Livelli Infimi, che sono nati così belli non tanto per mia capacità, ma per il grande spirito di partecipazione e per il talento e l'entusiasmo di tutti coloro che hanno collaborato. Nonostate io abbia avuto il piacere di partecipare alla produzione di manuali pubblicati addirittura da Mongoose, non ho dubbi sul fatto che i Livelli Infimi sono il migliore manuale in cui ho messo del mio.

Dopo essermi preso una lunga pausa dallo sviluppo, aver cambiato posto di lavoro, e aver ripreso a giocare e a masterizzare abbastanza da ritrovare l'entusiasmo, mi sono ritrovato a dirmi che la prossima incarnazione dei LI non sarebbe nata per una mia scelta aprioristica.

IL TEMA DEL SONDAGGIO E INFORMAZIONI

Quando decisi di stendere una nuova edizione dei LI la 4°edizione era un gioco molto giovane e una grande novità. Ora, invece, la situazione è lievemente cambiata. Alcuni giocatori si sono dimostrati contenti della nuova edizione, altri meno. Alcune case, come la Paizo, hanno addirittura deciso di portare a nuova vita la 3.5, dandogli una nuova identità e una bella risistemata.

Ecco che l'ovvia scelta di portare i LI in 4° non è più così ovvia. Qui entrate in gioco voi... ditemi la vostra.

Sappiate che:

  • I livelli infimi 4°edizione hanno una struttura regolistica già definita alle fondamenta. Ne verrebbe fuori un manuale universalmente riconducibile a tutte le classi. Un manuale per tutti i manuali che usciranno. Coprirebbe il livello di potere dagli attuali livelli infimi fino al 3° livello 3.5.
  • Rinnovare il manuale 3.5, in qualsiasi modo, potrebbe dar vita ad una riedizione corposa e più bilanciata "Matura", per così dire, dei commenti già fatti e probabilmente più voluminosa e importante. Si riferirebbe inoltre ad un edizione ferma, possibile quindi da osservare nel complesso.
  • Rinnovare il manuale adattandolo alla 3.75 potrebbe dargli un futuro, magari anche in seno a Paizo (se in inglese).

PER LO STAFF

Colgo l'occasione anche per sottoporre allo staff DL la questione così per come si presenta.

I livelli infimi sono nostri, non miei, ho decisamente sbagliato ad arrogarmi il diritto di considerarli tali. In questo momento della mia vita sento distintamente che la prospettiva di una pubblicazione non mi ingolosisce assolutamente, e non sarebbe una forza propulsiva sufficiente per portarmi a creare dei LI degni di questo nome. E' in un iniziativa di community che penso di poter trovare quello che mi serve, e che serve ai LI per nascere a nuova vita.

Sarei molto felice di contribuire ad un nuovo manuale targato DL, frutto del lavoro coeso dello staff.

DL sarebbe disposta a tornare a lavorare sui LI?

Ringrazio chiunque vorrà scrivere la sua in merito, e mi scuso nuovamente (questa volta con tutti) per aver preso qualcosa che ha dato tanto a tutti, rischiando di ridurla ad una pacchiana ed autocelebrativa s*******a.

Dark_Megres

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho votato "Altro" non perchè credo che i LI debbano essere sviluppati in maniera avulsa da DnD, bensì poichè credo che il discorso non si possa ridurre ad una scelta esclusiva pescando da un elenco.

Almeno, non senza delle considerazioni preventive. Soprattutto credo che la scelta sia strettamente vincolata al futuro che i LI avrebbero dentro e fuori DL.

Non voglio scatenare un flame a riguardo quindi prendete tutto come un'opinione personale, ma ritengo che i LI non abbiano avuto il trattamento (e la fiducia) che meritavano, una volta sviluppati e terminati.

La scelta legata al loro futuro dipenderà molto, a mio avviso, dalle mire che ci si prefiggerà. Ho partecipato assieme a molti di noi alla stesura dell'edizione 3.5 del manuale e personalmente trovo che un porting alla 4th edition potrebbe essere interessante. Beninteso, a me la 4e fa pena (scusate la schiettezza); cionondimeno è il presente e portare i LI nel "nuovo mondo" sarebbe una sfida, un gran divertimento... e un bell'investimento.

Non parlo di investimento economico ma concettuale... questo però solo se DL, oltre che patrocinare lo sviluppo, ne sostenesse anche la diffusione, in maniera attiva e partecipe e non con una recensione autovergata ed un passivo link sul portale.

Altrimenti credo che la parla di D_M dovrebbe comunque essere l'ultima. E' lui l'ideatore, lui l'artefice e lui il coordinatore del progetto. Ergo, credo che nonostante ogni buona intenzione, abbia ogni diritto di muovere il passo nella direzione che più gli piace.

Spero che la mia sintesi non sia presa storta.

Nell'attesa di poter rimettere le mani in pasta, buona strada.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispetto l'opinione di Hiade, e la comprendo soprattutto per la sua visibilità della questione, ma sottolineo che per alcuni versi la DL non ha spinto i Livelli Infimi anche per lasciare a me una libertà d'azione maggiore. Non escludo assolutamente che la mia intraprendenza nel portare avanti i livell infimi sia suonato come un "faccio io, faccio io" e la DL, per rispetto nei miei confronti, non si sia mossa per non pestarmi i piedi.

I nuovi LI, se nascessero sotto DL, sarebbero manifestatamente cosa nostra (meenghia) e non idea mia, progetto DL. Questo potrebbe aiutare molto.

In ogni caso, finché ognuno non ha espresso il suo parere su che tipo di LI vorrebbe prego tutti di NON cominciare una discussione sull'argomento "cosa poteva essere dei LI se...", che qui non è in questione.

Mi sta molto a cuore che tutti dicano serenamente la loro in base a ciò che desiderano.

Chiedo poi a coloro che hanno votato, se ne hanno voglia, di argomentare le loro scelte. Potrebbe essre molto utile ^_^

MODIFICO

Dus> è comunemente definito 3.75 il regolamento su cui si basa Pathfinder. Un regolamento edito da Paizo che è in pratita una rinfrescata\omogeneizzata del materiale 3.5 preso nel suo complesso. E' possibile scaricare gratuitamente un PDF completamente impaginato di 450 pagine con tutto il regolamento Core 3.5 rivisitato, direttamente dal distrubitore. La beta è molto avanti, rimane beta perché la Paizo prima di ufficializzare il manualone vuole avere ulteriori feedback e consigli dagli utenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me sinceramente piacerebbe molto vedere una versione dei livelli infimi in 4e, dato che sto giocado molto alla nuova edizione e vorrei vedere l'idea trasportata con le nuove regole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sarebbe affatto male un'edizione per d&d 4.0, in modo che si possa godere del bel manuale a prescindere da che sistema di regole si usi. :bye:

Capisco che a molti il nuovo regolamento non piaccia e gradirebbero una rivisitazione del precedente perchè continuano a giocare 3.5 ma obiettivamente c'è una schiera di nuove leve (ipotizzo, penso realisticamente) che ha iniziato direttamente con la quarta e non tornerà certo indietro.

Le vecchie edizioni non moriranno mai del tutto (io gioco ancora ad&d quando riusciamo a trovarci) ma bisogna guardare avanti secondo me :bye:

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate se voto anche io ma vorrei poter dire la mia..

Che il manuale dei LI per la 3ed vada bene non vuol dire che non possa rinascere sotto nuove edizioni..

A questo punto mi viene da chiedere: quanto la 3.75 sta prendendo piede? la 4ed dei LI cosa potrebbe portare di buono e sostanziale nell'attuale edizione?

e mi spiace dirlo, perchè non vuole essere un concetto arrivistico o complottistico, ma cosa conviene? quali sono gli "obiettivi" per i LI?

personalmente, poter esportare il manuale all'estero dovrebbe essere la prima scelta perchè il mercato oltre le nostre Alpi è decisamente più prolifico ma non so questo come si potrebbe tradurre in costi o similari...

è anche vero che la 4ed è appena nata, direi di aspettare che questa prenda ancora più piede (non penso che siano così folli da far uscire una 4.5 fra 3 anni) per capire cosa potrebbe dar di più i LI..

di fondo, ovviamente, ci dovrebbe essere la passione. io sono praticamente estraneo a tutto ciò che implica una edizione di un manuale ma ipotizzo che la mole di lavoro sia veramente grande.

cosa vi prometteste quando avete iniziato i LI? quale era la vostra linea di tiro? forse la risposta giusta è non cambiare filosofia..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sarebbe affatto male un'edizione per d&d 4.0, in modo che si possa godere del bel manuale a prescindere da che sistema di regole si usi. :bye:

Capisco che a molti il nuovo regolamento non piaccia e gradirebbero una rivisitazione del precedente perchè continuano a giocare 3.5 ma obiettivamente c'è una schiera di nuove leve (ipotizzo, penso realisticamente) che ha iniziato direttamente con la quarta e non tornerà certo indietro.

Le vecchie edizioni non moriranno mai del tutto (io gioco ancora ad&d quando riusciamo a trovarci) ma bisogna guardare avanti secondo me :bye:

Uno dei dubbi che mi sono stati fatti saltare agli occhi è che tutto sommato i livelli infimi in 4°ed potrebbero non interessare dato che molti fans della 4° hanno visto molto di buon occhio (anche a ragione da molti punti di vista) l'innalzamento della potenza iniziale dei pg.

Da un altro punto di vista magari i LI4° potrebbero rivalutare alcuni aspetti della 4° in una chiave particolare... boh, io di riflessioni ne ho fatte parecchie.

Sono curiosissimo di sentire le vostre ^_^

scusate se voto anche io ma vorrei poter dire la mia..

Che il manuale dei LI per la 3ed vada bene non vuol dire che non possa rinascere sotto nuove edizioni..

A questo punto mi viene da chiedere: quanto la 3.75 sta prendendo piede? la 4ed dei LI cosa potrebbe portare di buono e sostanziale nell'attuale edizione?

Tutti interrogativi interessanti, e ritengo tutti da prendere in considerazione per fare delle scelte.

Al primo interrogativo penso di poter tranquillamente rispondere che Pathfinder avrà un seguito sostanzioso, anche se decisamete imparagonabile (salvo imprevisti) a quello della 4°ed.

Al secondo... beh, in realtà tutto quello che i LI hanno portato di buono nella 3.5 (non mi perdo in un interminabile elenco), più la possibilità di vivere quel livello di potere dal 1° al 3° livello della 3.5, che molti amavano vivere. Diciamo che in un contesto molto cinematografico, i LI porterebbero nella 4°ed quel sapore estremamente Goonies... dopotutto è sempre cinema ;-)

e mi spiace dirlo, perchè non vuole essere un concetto arrivistico o complottistico, ma cosa conviene? quali sono gli "obiettivi" per i LI?

A mio avviso fare qualcosa di bello e di cui esser fieri, e che sia uno strumento in più per divertirsi e sognare. Altrimeni, come detto sopra, stringevo i denti e mi facevo pubblicare di volata.

personalmente, poter esportare il manuale all'estero dovrebbe essere la prima scelta perchè il mercato oltre le nostre Alpi è decisamente più prolifico ma non so questo come si potrebbe tradurre in costi o similari...

I costi si tradurrebbero in duro lavoro e impegno, ma non ci sarebbero risvolti economici. I traduttori c'erano prima, li abbiamo anche adesso in tutta probabilità.

è anche vero che la 4ed è appena nata, direi di aspettare che questa prenda ancora più piede (non penso che siano così folli da far uscire una 4.5 fra 3 anni) per capire cosa potrebbe dar di più i LI..

di fondo, ovviamente, ci dovrebbe essere la passione. io sono praticamente estraneo a tutto ciò che implica una edizione di un manuale ma ipotizzo che la mole di lavoro sia veramente grande.

Attendere è una prospettiva interessante... ma in ogni caso penso sia giusto sondare il terreno. Riflettendo in termini stretti, penso che una volta consci dei pareri degli utenti si possa cominciare a lavorare a quella parte del manuale che è completamente estranea al sistema di regole, e già quello richiederà del tempo.

Chi ha tempo non aspetti tempo ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho votato "4ed inglese e italiano". Più che altro perchè il lavoro fatto in 3.5 mi sembra completo e il mercato per questa edizione ormai "esaurito"(o quasi) a differenza di quello della 4ed, giovane e in crescita (a mio avviso) e potrebbe essere gradito a quei giocatori che non vogliono solo giocare supereroi. In pratica avrebbe più successo commerciale e maggiore visibilità

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho votato "4ed inglese e italiano". Più che altro perchè il lavoro fatto in 3.5 mi sembra completo e il mercato per questa edizione ormai "esaurito"(o quasi) a differenza di quello della 4ed, giovane e in crescita (a mio avviso) e potrebbe essere gradito a quei giocatori che non vogliono solo giocare supereroi. In pratica avrebbe più successo commerciale e maggiore visibilità

e tu personalmente cosa vorresti?

cioè, aldilà delle riflessioni sul mercato o sulla sua visibilità... il tuo desiderio ricadrebbe su che tipo di manuale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

io gioco(e conituerò a giocare) 3.5, quindi mi farebbe comodo una eventuale revisione adatta a tale sistema. Oddio di falle/errori nell'edizione 3.5 dei "livelli infimi"non ne ho trovati, forse anche perchè non ho mai avuto modo di sfruttaree testare intesamente il materiale pubblicato, quindi non vedo la revisione/riedizione come una necessità

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema, d'origine semplice, è più complesso di quanto pensassi, proprio per scelte tue, DM.

Dal momento in cui tu decidi che non è più un "tuo" progetto, ma di un gruppo di persone, allora è ovvio che non sei più tu, o un altra persona, a potere decidere di dove andranno i Livelli Infimi. In questo senso, il sondaggio ha un senso.

Ma devo ammettere che ho difficoltà a seguirti nel tuo ragionamento e nel tuo post.

Se dovessi fare una sintesi del tuo post, sarebbe: “mi è tornata la voglia di lavorare sui livelli infimi, ma non come padrino, quindi chiedo se DL – staff e utenti – sono interessati a riprendere il lavoro, e se si, su quale edizione. Se si, io parteciperò.”

Giusto ?

Il problema però inevitabile che vedo in questa domanda è che io, come utente, vedo il sondaggio e posso anche risponderci. Ma questo non implica che io ci lavorerei, alla nuova stesura.

Quello che voglio dire è che è possibile che diciamo ci sia una maggioranza di voti sulla scelta A, ma che poi, andando a spulciare, solo i pochi voti della scelta B includano gente che sa, e che vuole, lavorare sui Livelli Infimi. Capisci a questo punto che mentre TU non avresti problemi a lavorarci, sulla scelta A, magari gli altri avrebbero dei problemi a passare dalla B alla A.

La mia risposta, prima di leggere il tuo post, al sondaggio, sarebbe stata “Altro”.

Che, sviluppata, implicherebbe “qualsiasi edizione e lavoro TU voglia fare” (e con TU implico te, DM).

Leggendo il post, però, non saprei cosa rispondere.

Dovrei fare una scelta egoistica.

A questo punto ti direi ancora “Altro” e ti direi “fai i Livelli Infimi in 2ed”.

Come dissi allora (se non sbaglio), i Livelli Infimi non mi interessano. Li considero un OTTIMO prodotto, uno dei più geniali mai visti fino ad ora, ma non rientrano nelle mie priorità, per problemi di tempo: non ci giocherei nel breve periodo, per mancanza di tempo (gioco ad altre campagne, e preferisco continuare queste che ricominciarne una da capo con questo materiale), e il tempo, come ben tu sai, più passano gli anni, più è limitato. Questo, a prescindere del sistema (direi la stessa cosa se i Livelli Infimi fossero di 2ed).

Mi interesserebbero i Livelli Infimi soltanto in un lontano futuro, quando avrò dato fine ad altre campagne.

Per il sondaggio in se, può essere un buon spunto per capire dove tira il vento, cioè, gli utenti del forum e di D&D in generale, ma imho la risposta non sarà comunque illustrativa.

Mi spiego: la 3.75 è ancora agli inizi. Quindi qui non la conosce (quasi) nessuno.

La 4ed comincia appena ora a macinare utenti (ma quanti, sarà da definire).

La 3.5, beh, avete già i Livelli Infimi in 3.5.

Insomma, mentre ti direi, se il progetto fosse tuo e rimanesse tale, “vai dove ti porta il vento” e cioè “fai come ti pare, perché è la volontà che è importante, altrimenti non si lavora bene”, beh, leggendo il post, ti direi piuttosto di aspettare. Al limite scegliere il minor lavoro, cioè, forse, rifare la 3.5.

Finisco solo con un pensiero: io, come te, ho creato nella mia vita vari progetti. Magari diversi, e che non si vedono qui.

Alla fine, l’importante è appunto capire fin dove uno vuole arrivare, con il proprio lavoro.

A me personalmente non interessa, e mai mi è interessato, sviluppare materiale per la comunità, entrare in contatto con case editrici, ecc.

Quello che sviluppo, lo faccio per me. Che poi questo materiale sia usato, dopo, dalla comunità, benissimo, non ho problemi, anzi, mi fa piacere.

E’ secondo me la via migliore.

Ma è un caso specifico.

Se tu vuoi, o proponi, una cosa più ampia, e cioè, che diventi anche ufficiale (4ed, 3.5, o 3.75), allora la migliore cosa non è tanto la scelta del sistema, ma cominciare appunto da qualcosa.

La cosa più logica per me, considerando la natura e la provenienza del progetto, sarebbe prima rifarlo in 3.5, poi in 3.75. In futuro, poi, in 4ed.

E’ solo un mio parere spassionato: la 4ed è troppo recente e avrai poco campo su questo imho. La 3.5 è già stata fatta e quindi la molle di lavoro sarà minore. Mentre la 3.75 è nuova, ma molto attinente al progetto per come è stata ideata, quindi c’è molto campo su questa possibilità.

Ti auguro tutto il bene del mondo. E al progetto in se, dovunque vada.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Voto la 4a in italiano. Perché la quarta edizione ha delle lacune sul versante ruolistico e quindi rimane un'opzione dove andare a mettere il plus dei livelli infimi. Per di più la quarta ha introdotto un sistema che tende a favorire l'azione di gruppo e a sfavorire l'utilizzo di combo e/o personaggi ridicolmente (nel senso di capodoglio assassino ninja mutante e così via) multiclasse. Perchè in inglese è un po' presto per fare i primi passi. Brima bisogna avere una versione decente in italiano e dopo trovare un madrelingua ed una squadra di volenterosi traduttori (non dico che non si possa, ma prima di avere il gatto bisogna avercelo nel sacco).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Imo la versione inglese o la si fa subito o non la si fa piu`, inoltre se si vuole un po' di visibilita` e` una scelta necessaria.

Piccolo OT per fare i miei complimenti ad Elayne per l'italiano del suo post, che non ha neanche una sbavatura (a parte "in se" al posto di "in se`", ma in un post cosi` lungo ci sta) :clap:

Share this post


Link to post
Share on other sites

io purtroppo non ho avuto modo di avere il manuale sotto mano, son riuscito solo a dargli una letta veloce.

Quel che penso sia cercare di non tradirsi.

a questo punto penso che se si lavorasse per la 3.5 o 3.75 mi chiedo se non si può stilare un appendice per la conversione alle varie edizioni..

che possa essere una 3.75-4 ed.

penso che nei manuali alla fine le cose più interessanti non sono le regole ma tutte quelle frasi che possono essere da spunto o mi fanno risparmiare tempo e ingegno.

Se il primo LI è per la 3.5 un'appendice per la conversione non penso sia troppo elaborioso.. o no?

per la 4, beh forse le cose son un pò più difficili ipotizzo..

io forse su questo genere di cose son troppo materialista ma quanto tempo si avrebbe?

se si deve pensare alla ripubblicazione è anche vero che bisogna pensare che non bisogna andare troppo in là, altrimenti si rischia anche la 4.5!!

io una cosa che non ho mai capito è la pubblicazione di centinaia di manuali in D&D quando forse poche regole di conversione possono essere molto più utili..mi ricordo che quando uscì la 3.0 la wizards pubblicò online il kit di conversione dalla 2...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema, d'origine semplice, è più complesso di quanto pensassi, proprio per scelte tue, DM.

Dal momento in cui tu decidi che non è più un "tuo" progetto, ma di un gruppo di persone, allora è ovvio che non sei più tu, o un altra persona, a potere decidere di dove andranno i Livelli Infimi. In questo senso, il sondaggio ha un senso.

Ma devo ammettere che ho difficoltà a seguirti nel tuo ragionamento e nel tuo post.

Se dovessi fare una sintesi del tuo post, sarebbe: “mi è tornata la voglia di lavorare sui livelli infimi, ma non come padrino, quindi chiedo se DL – staff e utenti – sono interessati a riprendere il lavoro, e se si, su quale edizione. Se si, io parteciperò.”

Giusto ?

Il problema però inevitabile che vedo in questa domanda è che io, come utente, vedo il sondaggio e posso anche risponderci. Ma questo non implica che io ci lavorerei, alla nuova stesura.

Quello che voglio dire è che è possibile che diciamo ci sia una maggioranza di voti sulla scelta A, ma che poi, andando a spulciare, solo i pochi voti della scelta B includano gente che sa, e che vuole, lavorare sui Livelli Infimi. Capisci a questo punto che mentre TU non avresti problemi a lavorarci, sulla scelta A, magari gli altri avrebbero dei problemi a passare dalla B alla A.

Hai assolutamente ragione, non sono stato chiaro su di un punto.

Questo post va ad indagare quale consenso potrebbe trovare una riedizione dei livelli infimi, e quale desiderio c'è di vederli trasposti in questa\quell'altra edizione.

Votare il sondaggio non costituisce un adesione di nessun genere riguardo al lavorare al progetto. La domanda avrebbe dovuto essere "Io vorrei una nuova edizione dei livelli infimi in..."

In questo topic ho voluto chiarire la mia attuale condizione, e ho volouto sondare il terreno. Le scelte operative, una volta sondato il desiderio degli utenti, saranno da portare avanti assieme allo staff (se c'è interesse, ovviamente).

Vi prego di non rispondere in base a cosa vorreste realizzare tramite i livelli infimi, ma a cosa vorreste veder realizzato. Io stesso voterò seduta stante e farò proprio così, non ragionerò da artefice, ma da fruitore.

La mia risposta, prima di leggere il tuo post, al sondaggio, sarebbe stata “Altro”.

Che, sviluppata, implicherebbe “qualsiasi edizione e lavoro TU voglia fare” (e con TU implico te, DM).

Leggendo il post, però, non saprei cosa rispondere.

Dovrei fare una scelta egoistica.

A questo punto ti direi ancora “Altro” e ti direi “fai i Livelli Infimi in 2ed”.

Come dissi allora (se non sbaglio), i Livelli Infimi non mi interessano. Li considero un OTTIMO prodotto, uno dei più geniali mai visti fino ad ora, ma non rientrano nelle mie priorità, per problemi di tempo: non ci giocherei nel breve periodo, per mancanza di tempo (gioco ad altre campagne, e preferisco continuare queste che ricominciarne una da capo con questo materiale), e il tempo, come ben tu sai, più passano gli anni, più è limitato. Questo, a prescindere del sistema (direi la stessa cosa se i Livelli Infimi fossero di 2ed).

Mi interesserebbero i Livelli Infimi soltanto in un lontano futuro, quando avrò dato fine ad altre campagne.

Per il sondaggio in se, può essere un buon spunto per capire dove tira il vento, cioè, gli utenti del forum e di D&D in generale, ma imho la risposta non sarà comunque illustrativa.

Mi spiego: la 3.75 è ancora agli inizi. Quindi qui non la conosce (quasi) nessuno.

La 4ed comincia appena ora a macinare utenti (ma quanti, sarà da definire).

La 3.5, beh, avete già i Livelli Infimi in 3.5.

Insomma, mentre ti direi, se il progetto fosse tuo e rimanesse tale, “vai dove ti porta il vento” e cioè “fai come ti pare, perché è la volontà che è importante, altrimenti non si lavora bene”, beh, leggendo il post, ti direi piuttosto di aspettare. Al limite scegliere il minor lavoro, cioè, forse, rifare la 3.5.

Finisco solo con un pensiero: io, come te, ho creato nella mia vita vari progetti. Magari diversi, e che non si vedono qui.

Alla fine, l’importante è appunto capire fin dove uno vuole arrivare, con il proprio lavoro.

A me personalmente non interessa, e mai mi è interessato, sviluppare materiale per la comunità, entrare in contatto con case editrici, ecc.

Quello che sviluppo, lo faccio per me. Che poi questo materiale sia usato, dopo, dalla comunità, benissimo, non ho problemi, anzi, mi fa piacere.

E’ secondo me la via migliore.

Ma è un caso specifico.

Se tu vuoi, o proponi, una cosa più ampia, e cioè, che diventi anche ufficiale (4ed, 3.5, o 3.75), allora la migliore cosa non è tanto la scelta del sistema, ma cominciare appunto da qualcosa.

La cosa più logica per me, considerando la natura e la provenienza del progetto, sarebbe prima rifarlo in 3.5, poi in 3.75. In futuro, poi, in 4ed.

E’ solo un mio parere spassionato: la 4ed è troppo recente e avrai poco campo su questo imho. La 3.5 è già stata fatta e quindi la molle di lavoro sarà minore. Mentre la 3.75 è nuova, ma molto attinente al progetto per come è stata ideata, quindi c’è molto campo su questa possibilità.

Ti auguro tutto il bene del mondo. E al progetto in se, dovunque vada.

Grazie a te, sei stato davvero prezioso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io purtroppo non ho avuto modo di avere il manuale sotto mano, son riuscito solo a dargli una letta veloce.

Quel che penso sia cercare di non tradirsi.

a questo punto penso che se si lavorasse per la 3.5 o 3.75 mi chiedo se non si può stilare un appendice per la conversione alle varie edizioni..

che possa essere una 3.75-4 ed.

penso che nei manuali alla fine le cose più interessanti non sono le regole ma tutte quelle frasi che possono essere da spunto o mi fanno risparmiare tempo e ingegno.

Se il primo LI è per la 3.5 un'appendice per la conversione non penso sia troppo elaborioso.. o no?

per la 4, beh forse le cose son un pò più difficili ipotizzo..

io forse su questo genere di cose son troppo materialista ma quanto tempo si avrebbe?

se si deve pensare alla ripubblicazione è anche vero che bisogna pensare che non bisogna andare troppo in là, altrimenti si rischia anche la 4.5!!

io una cosa che non ho mai capito è la pubblicazione di centinaia di manuali in D&D quando forse poche regole di conversione possono essere molto più utili..mi ricordo che quando uscì la 3.0 la wizards pubblicò online il kit di conversione dalla 2...

In linea generale condivido il tuo parere, ma è indubbio che i manuali accessori con un corpo debbano essere riferiti al gioco cui si ispirano. Il manuale dei livelli infimi ha senso in D&D, non ne ha in CoC.

Quello 3.5 è un tipo di manuale decisamente differente da un compendio generalista... i livelli infimi descrivono un modo per approfondire nello specifico alcune tematiche nel D&D, non trattano di un argomento avulso da un contesto.

Nulla osta tuttavia al fatto che potrebbero diventare qualcosa di più ampio. Ogni commento è prezioso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maledetto... nonostante abbia 0 tempo non ho potuto non leggere questo topic per cercare di darti una mano ^^

In realtà mi risulta davvero difficile votare, al momento mi astengo ma attendo un tuo suggerimento dopo aver letto questo mio post (probabilmente dovrei votare Altro... boh).

Parto dicendo che non credo dovresti porgere le tue scuse ad alcuno... il progetto è partito da te e, nonostante molti ci abbiano messo mano, sei sempre stato tu il cuore e il motore dei LI. E' normale quindi che quando ne hai avuto la possibilità tu ti sia "arrogato" il diritto di pubblicare... quello che secondo me era già tuo :-p

Non ho delle considerazioni particolarmente originali da fare, poichè anche altri le hanno scritte prima di me. Fondamentalmente i punti sono due:

  • Con che spirito riprendi in mano il progetto?
  • Che futuro vuoi che abbiano i LI?

Ad entrambe le domande credo tu abbia già risposto rispondendo ad altri utenti qui sopra.

A quanto ho capito, quindi, non ti interessa "sfondare" ma fare un lavoro di cui vai fiero. E allora la strada non può che essere la 3.75, se proprio vuoi rimetterti all'opera.

Altrimenti si può lasciare tutto così com'è in 3.5, farne un'errata e una traduzione per l'inglese e chissà... magari qualche espansione (e l'espansione può essere anche un adattamento alla 3.75, può essere quello che vuoi tu! ;-)).

Insomma, io credo che questo progetto sia nato col cuore e continui col cuore. Conviene mantenere la stessa linea. Secondo me potrebbe anche andare bene tutto così com'è, magari con delle errata e FAQ se le ritieni necessarie. Al più si può pensare ad una traduzione in inglese. E se proprio hai "tempo da perdere" :-D o delle idee fresche allora tanto vale produrre qualche tipo di espansione a mo di fascicoletto...

Insomma, non so se mi sono spiegato, ma il concetto è che può andare bene così la situazione, ma se hai delle proposte da qualcuno o delle idee... allora le strade sono comunque 3.5/3.75

E' naturale che entrambe queste strade non ti porteranno da nessuna parte a livello economico e di fama, poichè la 3.5 va verso morte certa (ed è normale che sia così) e Pathfinder sarà sempre e solo di nicchia in confronto alla 4E (l'hai detto anche tu sopra...).

La 4E per me snatura il concetto dei LI, e anche qui sto ripetendo quanto tu stesso hai detto sopra. La gestione del livello e del "potere" (o la forza) dei personaggi in 4E è cambiata molto, che piaccia o meno. E secondo la visione 4E i LI c'entrano come i cavoli a merenda, IMHO.

Per cui, è inutile che apri questi topic, ti sei già risposto da solo :mrgreen:. Se avessi voluto pubblicare in fretta per "sfondare" l'avresti fatto, ma non l'hai fatto. Se avessi voluto fare qualcosa da solo per qualche casa l'avresti fatto, ma non l'hai fatto. Sai già quello che devi fare, segui lo spirito che ti ha diretto per LI 3.5 e vedrai che la strada non potrà mai essere sbagliata.

Buona fortuna carissimo ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, a questo punto, visto la risposta, ribadisco il concetto espresso da me, in maniera perfettamente (ma giustamente) egoistica (non nel senso peggiorativo del termine, però).

Ho votato "Altro" perché mi interesserebbe vedere il materiale in versione 2ed.

O almeno, diciamo, in un edizione compatibile (facilmente) con la 2ed.

In realtà, suppongo che potrei farlo anch'io (converto materiale dalla 3.5 alla 2ed facilmente), quindi non avrei problemi a farlo con qualsiasi edizione si scelga.

Quindi alla fine, è sempre "Altro". In questo caso "qualsiasi scelta per me va bene".

(anche perché realisticamente parlando, è una follia vera e propria trasformare i LI in 2ed. Al limite potrei farlo io, a tempo perso)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come tu stesso hai chiesto, ho risposto in maniera egoistica, ovvero

Una riedizione 3.5 corretta e estesa, in Italiano e Inglese

perché, cosa facilmente intuibile, gioco e giocherò ancora alla 3.5 (le poche volte che tornerò a giocare a D&D).

Nel caso tu stessi cercando una "linea guida" (e probabilmente hai già chiarito questo punto, ma ho letto la discussione al volo e non ricordo), allora non posso che essere in accordo con quanto detto da Azar Pinkur: lavora sui LI con lo stesso spirito che ti ha accompagnato finora e non potrai fallire.

In bocca al lupo per il progetto e per tutto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.