Jump to content

illurama

Circolo degli Antichi
  • Posts

    455
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by illurama

  1. Jveng [Nessuno] Io direi di cominciare ad imbottire di veleno i due agnelli sacrificali. Visto che ci siamo, piazzerei pure addosso a loro 'qualcosa per accendere il fuoco'... dovresti averle tu le altre Atahualpa... Immagino sia complicato attirare la bestia in mezzo all'erba alta se l'unico motivo per cui scende a terra è mangiare i suoi sacrifici. Questo renderà le cose complicate per noi tiratori. Dobbiamo essere abbastanza vicini per colpirla dove fa più male, ma ciò vuol dire essere esposti e non avere particolare copertura. La cosa che mi turba più di tutte è questo miasma velenoso. Anche aggredendola da più direzioni, prima o poi qualcuno se lo beccherà. Dovrei avere dell'antitossina con me, ma non basterà per tutti. Prendo una delle fialette dallo zaino e l'osservo scuotendola per vedere se è ancora intatta. E non sono neanche certo che funzioni contro questo miasma velenoso. Ma tanto vale... Gli alchimisti delle mie parti dubito abbiano mai visto una bestia come questa. Tiro fuori anche le altre due fialette. Qualcuno gradisce? Io ho bisogno di trovare una zona abbastanza in ombra nelle vicinanze dell'altare. Al tramonto, questo non dovrebbe essere un problema. Guardo il cielo per capire in che direzione tramonterà il sole. @dm
  2. Jveng [Nessuno] Eh, immaginavo... Mhm Penso tra me e me quando Amara fa riferimento ai suoi prodigi. "E' un piacere conoscervi Amara e Telesia" rispondo, facendo uno dei miei soliti sorrisoni. "Spero mangeremo carne e berremo sangue di drago insieme questa notte" "Il piano è semplice, abbiamo conservato qualche facciadiiena che sia in grado di urlare perché pare che alla bestia piaccia così. Li imbottiremo di veleno, lei verrà giù per papparseli e sperando che il veleno sia celere proveremo ad abbatterla quando è per terra." "Siamo ben attrezzati dalla distanza, ma il cattivo lì preferisce un contatto più diretto. C'è n'è per tutti insomma. Avete qualche altra idea? Sapete dirci qualcosa di più su questo drago? Qualcosa che dovremmo sapere ma che probabilmente non sappiamo? Ehi, parlo anche con te Atahualpa. Ora è il momento di vuotare il sacco!"
  3. Jveng [Nessuno] "Ah quindi si giusto, perché la Madre... quindi siete sorelle... tutto chiaro. Va bè, anche te se vuoi puoi parlare eh? Cioè non è che ora molli tua sorella così da sola in queste discussioni" Mi rivolgo alla tipa verde sperando di aver capito bene, abbassando anche il suo bavaglio. "Qualcosa per accendere il fuoco... per qualche motivo trovo questa tua vaga affermazione particolarmene interessante... Lascia spazio all'immaginazione, ecco. Potrei rispondere così se mai dovessero chiederlo a me" rido divertito alla mia stessa affermazione. "Comunque, lungi da me voler aprire missive non destinate a me. L'ultima volta ho scoperto che... vabè, insomma, avete capito... concordo con te insomma. Quanto alla tua domanda, che guarda caso la coincidenza, è proprio quella che ti avevo fatto io prima, grazie per avermela posta. In effetti ci sarebbe qualcosa che potete fare." "In pratica, per farla breve, dobbiamo abbattere la bestia sotto il lago. Non so se si fosse capito. Penso che questa cosa gioverebbe tutti quanti. La madre, le figlie, le lucertole. Almeno ci si può concentrare sull'argomento tenebre senza dover pure stare a gestire un rettile volante a tre teste che viene a mangiarti ecco. Dateci una mano, e poi andiamo tutti insieme dalle lucertole. Tanto è di strada per noi." "Io comunque sono Jveng. Tanto abbiamo fatto che mi sono dimenticato le buone maniere. Con chi ho il piacere di parlare?"
  4. Jveng [Nessuno] @dm Torno verso gli altri con le sacche e il bastone, e resto molto sorpreso dal non vedere Atahualpa. "Atahualpa, cosa hai trovato? Torna indietro dai, non mi sembra saggio stare lì vicino al lago..." Una volta raggiunti gli altri, pianto il bastone per terra come fosse un palo da tenda, e porgo le due sacche ad Ubert, per poi piegarmi sulle gambe per poterle guardare nuovamente in faccia... "Siete delle creature interessanti, e sicuramente nascondete più di quello che mostrate... Ora la situazione è questa, c'è la guardia cattiva lì che vi vuole fare secche, e questo lo sappiamo. Poi c'è la guardia brutta che non ha ancora deciso che vuole fare di voi, ma mi sa che la state facendo innervosire. E poi ci sono io, la guardia buona. Ora, diciamo che io sono una pagina bianca, possiamo partire da zero, e se ce la giochiamo bene, possiamo ancora convincere gli altri due a darsi una calmata. Però voi collaborate ok?" "Io, al contrario del brutto, se posso risponderò alle vostre domande. Dobbiamo solo instaurare una relazione di, come dire, mutua fiducia, d'accordo?" "Dunque, mi interesserebbe molto sapere cos'è che il brutto troverà in quelle sacche. Inoltre, quel bastone ha sicuramente catturato il mio interesse. Non ho motivo di ritenere che sia di vostra proprietà, ma mi interesserebbe molto la vostra opinione sul metallo di cui è ricoperto. Cos'ha di particolare? E quelle pietre verdi incastonate, hanno qualche proprietà particolare che voi sappiate? Vedete, come avrete intuito, io ed il brutto non siamo di queste parti" "Infine, come giustamente chiedeva il mio amico, come possiamo fare a fidarci di voi?" @dm
  5. Jveng [Nessuno] "Eeeeh addirittura, suvvia stiamo calmi dai!" dico quando vedo la reazione di Atahualpa, ma resto dove sono quando vedo che già Ubert si sta occupando della situazione. Per tutto il tempo in cui le creature parlano, continuo a scrutarle con ancor più attenzione di prima e ad ascoltarle. "Ma poi, queste tenebre, come pensate di eliminarle? Vado e torno eh, vi do il tempo di pensarci." Poi vado a recuperare le loro sacche dalla capanna che mi ha indicato Ubert. @dm
  6. Jveng [Nessuno] Torno dagli altri con le mani piene della refurtiva, porto con me cinque faretre con poco più che un'ottantina di frecce e una ventina di razioni di cibo, e li ammucchio per terra lì vicino. Mentre torno faccio giusto in tempo a sentire le ultime parole di Atahualpa... Aaaah, allora lo stiamo a fare questo falò! Avevo capito che ti serviva viva! Che ti ha detto? E' stata utile almeno? Studio bene le due creature, le fisso anche avvicinandomi e guardandone bene tutti i particolari. Destano in me un'immensa curiosità, quasi un fascino... Quindi queste qui sono amiche della leonessa? Mi chiedo come mai fossero prigioniere allora. Che hanno da dire a loro discolpa? E soprattutto, qualcuna di queste parla normale? Dico indicando ognuna delle tre creature. Trovato niente di interessante nelle altre capanne? Chiedo ad Ubert. @dm
  7. Jveng [Nessuno] "Fiuuu... che sudata ragazzi... Tutto bene qui, solo non ho avuto il tempo di controllare tutte le capanne." "Prigionieri dici? Potrebbero essercene altri... Mi sembra che qui abbiate la situazione sotto controllo." Mentre Ubert e Atahualpa si occupano della leonessa, vado a controllare le capanne dal mio lato in cerca di altri prigionieri o di altre cose che potrei considerare interessanti. "Poi dovremmo assicurarci che quei cosi non si risveglino stanotte... E che ci siano tutti" faccio, indicando il cadavere più vicino a me mentre mi dirigo verso le capanne sul lato est. Resto sempre guardingo verso il lago. Cosa diavolo ribolliva là dentro?
  8. Jveng [Nessuno] E dai no, chi fa partire una festa del genere quando il sole è ancora alto?!? Cerco di sdrammatizzare tra me e me, ma ho il sospetto che la situazione stia per volgere al peggio. Se Ubert fa fatica a beccarla, io ne farò di più. C'è bisono di una distrazione così che si possa liberare di quel furetto. Piccola mia, mi dispiace lasciarti. Spero solo di riavere le altre... Rintraccio nella mia sacca l'ultima boccetta di fuoco alchemico che mi rimane, mentre di soppiatto mi avvicino alla leonessa restando basso tra l'erba. Quando sono abbastanza vicino, gliela scaglio addosso. Mi verrebbe da insultarla e schernirla, ma forse questa volta passerò. BRUCIAAAA! @dm
  9. Jveng [Nessuno] Strabuzzo gli occhi quando vedo la pioggia di frecce di Ubert infrangersi contro lo scudo della leonessa. Dannazione! Poi però il mio sguardo viene catturato dal facciadiiena che se la sta dando a gambe verso il lago. Ma anche no! Non vorrai mica svegliare il mostriciattolo prima della festa... Tiro verso il facciadiiena la mia prima freccia e, se non riesco ad abbatterlo, anche la seconda. Mentre seguo lo svolgersi della situazione davanti alla capanna grande, se vedo questo ulteriore mostriciattolo peloso che spunta da una capanna se la mia freccia prima ha abbattuto il facciadiiena, tiro una freccia infuocata verso il mostriciattolo peloso. E poi restando spalle all'albero dove sono, o muovendomi verso l'albero più lontano che posso raggiungere verso la capanna grande in maniera comunque da restare nascosto tra l'erba alta, lancio un grido. ATAHUALPA, CHE DICI? L'ACCENDIAMO?
  10. Jveng [Nessuno] La scelta è molto difficile, e sono molto tentato di appiccare il fuoco alla signora quadrupede pelosa. Ma obiettivamente, sono troppo vicino a questi facciadiiena perché se ne occupi qualcun altro. E qualcuno ci deve pure pensare... D'altronde, sono già ferite, non ci vorrà molto... Avendo linea di visuale su almeno uno o due facciadiiena, ne scelgo una facendo a tocco, e inizio a scagliare le mie frecce. Cerco di restare nascosto e basso nell'erba, con un occhio sempre a ciò che sta succedendo vicino alla capanna grande. @dm
  11. Jveng [Nessuno] A giudicare dalle azioni dei tre facciadiiena, deduco che non abbiano idea di dove si trovi Ubert. Bene! Beh, un piano è un piano... Ed io voglio provare quest'affare! Non avendo una visuale libera verso i tre facciadiiena, devo necessariamente avvicinarmi. Tiro fuori una delle frecce incendiarie che mi ha dato Ubert e miro alla capanna da cui è uscito il facciadibue. Un'espressione di divertita sorpresa si stampa sul mio volto quando vedo la pioggia di frecce arrivare sul bestione. Senza demordere dal mio intento, tiro la freccia incendiaria sul tetto di paglia della capanna. Eh, quei rumori così mica si fanno da soli. Parte numero due: stanare le prede. A proposito... Dove diavolo è Atahualpa? Detto ciò mi muovo furtivo dietro il prossimo albero tra me e i tre facciadiiena, rimanendo basso tra l'erba alta. @dm
  12. Per me non ci sono problemi con la frequenza di 1 post ogni 2 gg, concordo con quanto detto da @Lucane. Non ho capito una cosa @Dardan (non che mi cambi nulla :), figurati ) ci sarà anche un quarto PG? Comunque si, concordo sul fatto che magari sarebbe meglio concludere questo combattimento prima.
  13. Jveng [Nessuno] Che la festa abbia inizio! Tiro frecce verso il facciadiiena intento a spegnere il fuoco davanti alla capanna finché non lo abbatto. Dopo di che mi guardo intorno per capire il risultato del grido emanato dal facciadiiena arrostito. Cerco Ubert e Atahualpa più o meno nell'ultima direzione in cui li ho visti. Nel frattempo cerco di capire se qualcun altro è stato allarmato dal verso della iena. Se dopo un po' nessuno si è fatto vivo, mi avvicino di soppiatto alla prossima capanna, restando basso tra l'erba. @dm
  14. Jveng [Nessuno] Ravano dentro la mia sacca e recupero una delle fiale di fuoco alchemico rimanenti. Muovendomi furtivamente la posiziono esattamente davanti all'ingresso in maniera che sia probabilmente calpestabile da una creatura che si muova attraverso la porta. E' necessario? Direi di no. E' divertente? Un sorriso si stampa sul mio volto. Busso sulla capanna e faccio qualche strano rumore gorgogliante. Mi dirigo poi verso l'albero di fronte alla capanna alla cui ombra mi nascondo, preprandomi allo spettacolo. Non appena un faccia di iena viene fuori, se oltrepassa il punto in cui ho piantato la fiala di fuoco alchemico, gli sparo le due frecce. Se prende fuoco e ho ad un certo punto a tiro l'altro facciadiiena, tiro su quella. Faccio tutto questo restando nascosto nell'ombra dell'albero. @dm
  15. Jveng [Nessuno] Faccio la stessa cosa con l'ultimo facciadiiena in vista. Mi avvicino furtivo, e gli sparo due frecce. Nel caso riesca ad abbattere anche lui, faccio il giro da dietro la capanna e furtivo cerco prima di sentire un qualche rumore al suo interno. Poi cerco di sbirciare attraverso la stuoia. @dm
  16. Jveng [Nessuno] Il terreno è particolarmente vantaggioso. Facile nascondersi, e quando qualcuno viene abbattuto cade al di sotto dell'erba alta ed è difficile da vedere... Perfetto! Mi prendo il tempo necessario per raggiungere furtivo il retro della capanna di fronte a me. Voglio essere certo di essere abbastanza vicino da colpire il prossimo facciadiiena in maniera letale. @dm
  17. Jveng [Nessuno] Faccio un cenno di assenso verso Ubert e mi preparo a mia volta. Mi avvicino furtivo e mi posiziono alle spalle dell'albero vicino al facciadidiena più vicino e resto lì nascosto fino al segnale di Ubert. A quel punto m sporgo prima da un lato e poi dall'altro per tirare verso i due facciadiiena iene più vicini a me. Resto poi nascosto tra le ombre sotto l'albero mentre assisto alla scena dall'altra parte del villaggio. Se la seconda iena è troppo lontana e abbatto la prima in un colpo, mi avvicino di nascosto dietro la capanna in mezzo a noi. @dm
  18. Jveng [Nessuno] Continuo a camminare alzando il pollice in su in risposta ad Ubert...
  19. Jveng [Nessuno] "Non sono riusciti a trovarmi..." rispondo ad Ubert, con un sorriso soddisfatto. "Ottimo!" rispondo ad Atahualpa, senza specificare a cosa mi stia riferendo con esattezza... Sistemo le mie frecce nelle diverse faretre come fa Ubert, e controllo di avere tutto quello che mi serve. Dopo di che mi incammino verso il villaggio.
  20. Jveng [Nessuno] "Guerra contro chi?" "Questa sacerdotessa ha dei poteri speciali? Cosa la rende così forte?" "Cosa gradisce la bestia per cena di solito?" "Comunque, il sangue di questi cosi è disgustoso... non è come il nostro... E' nero, denso... troppo denso... Guardate là..." Indico le chiazze lasciate dai due che abbiamo abbattuto. Nel mentre che riverso queste domande su Atahualpa, sto facendo dei conti con le mani, ma ad un certo punto sento l'esigenza di esternare il mio pensiero. "Tredici! Venti, meno la sacerdotessa e i due facciadibue, diciassette, meno questi quattro, tredici. Se in effetti sono tutti della stessa pasta di questi qui, potremmo riuscire a liberarcene a distanza ben prima che se ne rendano davvero conto. Ma dopo la prima raffica di frecce, a meno che non siano degli idioti, cercheranno riparo, e probabilmente da lì a poco tutti gli altri saranno avvertiti..." Mi gratto il mento, come sono solito fare... "Prima raffica, plausibilmente una decina di frecce. Se arrivano da due direzioni opposte potrebbero ritenere ragionevole che siamo più di quanti siamo effettivamente... Inoltre, se li approcciamo da direzioni diverse faranno più fatica a trovare riparo..." "Seconda raffica, qualche freccia infuocata sulle capanne". Gesticolo per aria, i miei occhi stanno chiaramente vedendo qualcosa che gli altri non vedono. "Qui fa il suo ingresso in scena Atahualpa. Il suo obbiettivo è far si che tutti vengano allo scoperto. "Terza raffica, facciamo secchi quelli che abbiamo stanato. E poi dobbiamo vedercela con i facciadibue e zampadileone" Che ne dite? Ah e questi qui li tramortiamo, e li leghiamo da qualche parte lì vicino
  21. Jveng [Nessuno] "Pensateci voi..." dico ad Ubert e Atahualpa, mentre porgo a Ubert una decina di frecce e mi aggancio alla gamba uno dei pugnali lunghi che trovo. Prendo anche una delle faretre, dato che la mia è già stracolma. Tanto queste finiranno presto "Torno subito, vado a fare una cosa. Vorrei evitare che stanotte questi così facciano la fine del nostro amico sulla barca... ma non voglio che quelli mi vedano... al limite che immaginino..." Il mio sorriso è tetro, da far rabbrividire i bambini. Uno alla volta, trascinandoli da una gamba, porto i due cadaveri oltre le boscaglie, dietro qualche albero in un posto appartato. Prendo qualche precauzione per evitare di sporcarmi. Tiro fuori la scimitarra e decapito le due facciediiena. Poi con un calcio, lascio rotolare le loro teste il più lontano possibile. Poi torno dagli altri come se nulla fosse e mi aggiungo alla conversazione nel caso in cui non fosse ancora finita... "Si ma questa bestia... avrà una tana, no? E' percaso sotto il lago?" Una tana piena di trofei, presumo...
  22. Jveng [Nessuno] "Che dirti Atahualpa, avevi ragione!" gli sorrido di gusto. "Comunque, dubito assolutamente che abbiano capito qualcosa di quello che ho detto... Ma il concetto è arrivato" mi faccio una risata di gusto. Mi gratto il mento pensoso, in quanto riscontro un'apparente falla nel nostro piano. "Dunque, Atahualpa, per caso tu parli la lingua di questi facciadiiena? Perché in caso contrario, non c'è molto che potremmo fare perr tirargli fuori qualche informazione" "In tal caso direi di non indugiare oltre, e andare ad occuparci degli altri. Temo che dovremo venire meno alla promessa fatta a questi galantuomini che non hanno posato le armi ma bensì sono fuggiti. Non mi va di sprecare frecce per loro. E vivi ci possono servire di più, così non dobbiamo recuperarne altri vivi da offrire alla nostra amica..." Mi reco verso il cadavere del facciadiiena grosso, e guardo un po' il suo equipaggiamento. Se ha qualche borsa ci guardo dentro per vedere se ha qualcosa di utile. Poi faccio la stessa cosa anche con gli altri. Se trovo cose interessanti, le metto in un mucchio così che gli altri possano prendere ciò di cui hanno bisogno. Se ci sono frecce ne prendo un po' dividendole con gli altri. Se trovo delle corde, evito di usare la mia, e comincio a legare ben strette le loro mani. I loro piedi a una distanza tale che possano solo camminare ma non correre. Se c'è un arco, mi rivolgo ad Atahualpa "Questo dovresti prenderlo tu! Sai usarlo? Se attacchiamo da lontano, potremmo decimarli prima che si accorgano di noi"
  23. Jveng [Nessuno] "Mi sembra un'ottima idea" rispondo, facendo cenno ad Atahualpa di andare verso il retro delle truppe come ha suggerito Ubert. Rimango nella boscaglia finché Ubert non ha scagliato la sua pioggia di frecce. Dopodiché scaglio anche io una freccia verso il capobanda se è ancora in piedi. Alternativamente, miro a chi è in piedi immediatamente dietro di lui. Se almeno il capo è stato abbattuto, dopo aver scagliato la mia freccia mi muovo di fronte ai facciadiiena restanti e mento loro spudoratamente, come solo io so fare! "Ah! Ah! Ah... cosa abbiamo qua? Qualcuno è stato molto fortunato oggi, vedo. Mettete giù le armi, suvvia... Non vorrete mica fare quella brutta fine no?" dico, indicando il cadavere o i cadaveri. "Vogliamo solo sapere alcune cose. Fate come vi dico, e VI PROMETTO che non vi torceremo un pelo... Va da se, ma vale la pena specificarlo: fate diversamente e farete quella brutta fine!" indico di nuovo il cadavere o i cadaveri. Poi li guardo con un sorriso palesemente intimidatorio. Se invece il capo è ancora in piedi dopo la mia prima freccia, scaglio anche la seconda freccia contro di lui cercando di restare nascosto.@dm
  24. Jveng [Nessuno] "Bene così allora!" dico ad Ubert, per poi rivolgermi ad entrambi "mi sembra un piano ben congegnato." "Sbarazziamoci di questo gruppetto di facciadiiena, raccattiamo informazioni, poi facciamo fuori le altre iene e i due facciadibue, e la sacerdotessa la tramortiamo solamente perché ci deve raccontare due fatti. Poi prendiamo le due facciadiiena che ci hanno spifferato tutto, le imbottiamo di veleno, le svegliamo e lasciamo che la bestia se ne nutra tra le loro urla. Dopo di che, abbattiamo la bestia!" "Facile!" Euh "Andiamo!"
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.