Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

La DC Comics pubblicherà un supplemento per D&D 5E

The Last God è il nuovissimo fumetto fantasy della DC Comics, pubblicato in USA sotto la divisione Black Label, etichetta che ha sostituito la Vertigo per le pubblicazioni con contenuti maturi. Scritto da Phillip Kennedy Johnson (Adventure time), illustrato dal nostrano Riccardo Federici (Aquaman) e con le copertine di Kai Carpenter (Books of Magic), questo fumetto ci parla di due generazioni di eroi, una che ha condannato il mondo, e l'altra che dovrà salvarlo.

Eccone la sinossi:
La DC Comics ha annunciato che rilascerà un supplemento per la 5a Edizione di Dungeons & Dragons dedicato a The Last God chiamato The Last God: Tales from the Book of Ages

The Last God: Tales from the Book of Ages sarà un supplemento di 40 pagine che verrà pubblicato in USA ad Aprile e renderà nel dettaglio la ricca storia di popoli, luoghi, scuole di magia e mostri di Cain Anuun, l'ambientazione di The Last God. Il libro conterrà razze giocabili, sottoclassi, oggetti magici e mostri realizzati da Dan Telfer, DM di Nerd Poker, assieme alle mappe realizzate dal cartografo Jared Blando.

Per una sua eventuale localizzazione in italiano dovremo aspettare la decisione di Panini, il nuovo editore della DC Comics in Italia.
Link agli articoli originali:
https://www.enworld.org/threads/dc-comics-publishing-dungeons-dragons-sourcebook.669725/
https://www.dccomics.com/comics/the-last-god-2019/the-last-god-1
Read more...

5 Avversari non Malvagi

Articolo di J.R. Zambrano del 09 Gennaio
I migliori antagonisti sono quelli inaspettati. Possono essere amici fidati o fratelli d'arme che vi tradiscono nel momento peggiore. Oppure qualcuno che è rimasto coinvolto in una grante tragedia e che ha deciso che nessuno dovrà soffrire qualcosa del genere, trovando come unica soluzione alla questione il diventare i dominatori del mondo.

Ma a volte i migliori cattivi di una storia non sono nemmeno dei cattivi, sono delle persone che sono nominalmente nello schieramento opposto a quello degli eroi, oppure che vogliono ottenere ciò che anche gli eroi cercano ma per delle ragioni non malvagie ma differenti. Potrebbero essere dei cacciatori di tesori che sono alla ricerca dello stesso bottino dei PG, oppure un potente druido che non permette agli umanoidi di entrare nella sua foresta, o ancora un paladino convinto che i PG siano fonte di distruzione e deciso a fermarli e a proteggere chi finirà in mezzo.
Ecco per voi cinque antagonisti non malvagi, ma comunque ottimi per contrastare degli "eroi" di ogni allineamento.
Il Paladino Protettore

Vir Othric è un paladino di un ordine dedito a difendere le persone più sfortunate del mondo. Solitamente i vari membri di questo ordine si dedicano a proteggere un singolo villaggio o città, e quando vi arrivano degli avventurieri tendono a tenerli d'occhio. Gli avventurieri spesso portano pericoli con sé per via delle loro azioni avventate. E, se i PG ignoreranno gli avvertimenti dati loro di lasciare in pace le rovine dove è sigillato un antico male, Othric potrebbe prendere provvedimenti contro di loro, per impedire loro di scatenare inavvertitamente un grande male sul villaggio.
Se Othirc combatte contro i giocatori cerca di farli svenire, non di ucciderli.
Il Difensore della Natura

Un'altra opzione è quella di un druido che protegge un boschetto di una bellezza ultraterrena. Lo fa tenendo lontana ogni traccia di civiltà e lasciando che la magia pura e grezza ne prenda possesso. Questo processo viene incoraggiato e protetto da Kethran Durillin, un druido del Circolo della Terra. Egli non permette agli umanoidi di mettere piede nel suo boschetto sacro e combatterà per proteggere gli animali della zona dalle azioni dei PG. Cose come fuochi non sorvegliati o uccidere gli animali del luogo attireranno l'ira di Durillin. La stessa cosa succederà se gli avventurieri si porranno in opposizione agli spiriti della natura.
Il Conquistatore

Bartholomeus Kel è un'eroe di grande fama di un'altra terra. Questo barbaro ha vagato per il mondo alla ricerca di fama, gloria e fortuna. E gli avventurieri hanno messo gli occhi su un tesoro a cui anche Bartholomeus è interessato (potrebbe essere una statua, un gioiello o un artefatto) nascosto in un profondo ed oscuro dungeon. Bartholomeous apparirà nei momenti meno opportuni per ostacolare i PG e ottenere lui il tesoro.
Il Ladro

Non c'è nulla che Lo Spettro non possa rubare. Dai gioielli della corona della regina, alla gemma dal maggior valore sentimentale del tesoro di un drago, Lo Spettro ha rubato tesori di ogni genere e forma, tutto per cercare di dimostrarsi il ladro più bravo del mondo. E quando gli avventurieri entrano in possesso di un oggetto che anche Lo Spettro desidera, la caccia ha inizio.
Il Duellante

Kilv vuole solo essere il più grande spadaccino del mondo. Kilv è alla costante ricerca di avversari di grande abilità e fama da affrontare per decidere chi è il migliore. Fino ad ora Kilv non ha mai perso uno scontro e, quando vede i PG portare a termine una grande impresa, sa che ha trovato la sua prossima sfida.
Provate ad usare uno di questi avversari la prossima volta che volete un'antagonista che non sia necessariamente malvagio, ma che abbia comunque le sue ragioni per osteggiare il gruppo.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/01/dd-five-villains-that-arent-evil.html
Read more...

Agganci per le Avventure: Buttarsi tra i Libri

Articolo di J.R. Zambrano del 07 Gennaio
I libri sono una parte importante del Fantasy. Che si parli di tomi antichi e voluminosi pieni di segreti proibiti, nefasti grimori che ospitano magie dimenticate, ornati volumi di conoscenza che descrivono i processi per creare potenti pozioni ed incantamenti esotici, o uno dei libri di Waughin Jarth, sono un elemento che rende qualsiasi ambientazione fantasy davvero viva.
Un libro dopo tutto è una rappresentazione fisica della conoscenza, come un libro degli incantesimi usato da un enigmatico mago, ma suggeriscono anche l'esistenza di una storia del mondo che va oltre la piccola finestra sulla quale i PG si affacciano. Guardate per esempio a come The Elder Scrolls usa le varie Biografie di Barenziah per mostrare che quello è un mondo con una storia da raccontare. Persino se non avete mai letto i libri nel gioco, cliccandoli via appena vi siete accorti che non aumentavano le vostre statistiche, essi trasmettono comunque l'idea di un mondo più ampio. La sola esistenza di qualche libro pesantemente rilegato è di grande aiuto per portare i giocatori dentro un altro mondo.

Ma piuttosto che lasciarli in background, abbiamo preparato un po' di agganci per avventure in modo da allettare qualsiasi avventuriero con sete di conoscenza, o che al massimo conosce un bibliotecario. Eccole qui!
Andare in biblioteca

È stata recentemente scoperta la biblioteca magica di un antico regno famoso per i suoi arcimaghi e le dicerie sui poteri nascosti al suo interno abbondano. Sta a voi decidere se i giocatori la raggiungeranno dopo un lungo ed arduo viaggio attraverso un deserto ostile o se ci finiranno attraverso un portale magico che li risucchia al suo interno quando aprono un libro misterioso. In ogni caso, si ritrovano dentro una biblioteca magica che sembra esistere al di fuori del tempo.
Quando entrano dentro la biblioteca il mondo intorno a loro cambia. Il paesaggio non è quello delle rovine del presente ma piuttosto un'immagine del passato. Anche se nessuna delle porte che conducono fuori dalla biblioteca sembra aprirsi, i giocatori possono viaggiare in altri mondi attraverso i libri, dato che alcuni di essi contengono portali magici verso semipiani isolati o spazi extradimensionali che mandano i giocatori in differenti parti della biblioteca labirinto...ma altri fanno comparire mostri che erano intrappolati al loro interno. I vostri giocatori riusciranno a trovare l'uscita della biblioteca? O finiranno (ri)legati ad essa per l'eternità come i libri sugli scaffali?
Il libro fatto della materia di cui sono fatti i sogni

L'assistente di un libraio si avvicina agli eroi, chiedendo la loro protezione. La libreria è appena entrata in possesso di un tomo incredibilmente raro che è detto conferisca un potere immenso alla persona che riesca a padroneggiare i suoi segreti. Quando i giocatori si recano sul posto, lo trovano messo a soqquadro e il proprietario li indirizza verso una cabala di cacciatori di tesori che hanno cercato il libro in ogni parte del mondo.
Questo libro è davvero il favoleggiato tesoro?...o è solo un'abile contraffazione? Sta a voi e ai vostri avventurieri scoprirlo.
Il Libro delle Ombre

Quando un Warlock perde il suo Libro delle Ombre, in città cominciano a succedere cose strane. L'avventura inizia quando le sedie della locanda prendono vita e cominciano ad attaccare gli avventori. Alcune prove di utilizzo di magia infernale spingono i giocatori a dare la caccia a un warlock, ma quando quest'ultimo viene messo alle strette spiega che il suo Libro delle Ombre è andato perduto e che non accetterà l'umiliazione di chiederne un altro al suo patrono infernale.
Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere a causa di un tomo di Magia Infernale a piede libero dentro una città? Se i giocatori non vogliono scoprirlo dovranno rintracciare il libro mentre passa di mano sfortunata in mano sfortunata, lasciando una scia di caos magico attraverso la città.
Questo significa guai

Per il proprio compleanno uno degli avventurieri riceve un regalo misterioso! Un libro di storie e poemi che chiaramente contiene qualche tipo di conoscenza segreta. Nessuna delle persone legate all'avventuriero, familiari o amici, ha fatto quel regalo, eppure, se i PG riusciranno a decifrare gli indizi nel libro, si troveranno sempre più coinvolti in un viaggio incentrato sulla scoperta di un mistero che qualcuno sembra avergli recapitato.
Quale misterioso potere si sta avvicinando loro tramite questo regalo? Quali segreti troveranno alla fine di questo cammino? Scopritelo in questo libro.
La scuola è finita

La locale Accademia di Magia si è vista rubare i suoi libri di testo magici, e la scuola non può iniziare fino a quando non saranno ritrovati. Mentre non sono necessariamente pericolosi di per sé, la loro mancanza terrà un sacco di maghi e streghe lontano dagli studi, la qual cosa porterà a delle bacchette in ozio, una cosa peggiore degli strumenti del diavolo stesso.
Per far ripartire le lezioni gli avventurieri dovranno trovare i libri mancanti o cominciare loro stessi ad insegnare a queste giovani menti avide di conoscenza.
Fateci sapere se userete qualcuno di questi agganci, e buone avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/01/dd-adventure-hooks-hitting-the-books.html
Read more...

Il 2020 è l'anno giusto per sconfiggere il mostro della pianificazione

Articolo di J.R. Zambrano del 03 Gennaio
Quando ho iniziato a giocare il problema più complesso da affrontare era trovare le persone con cui giocare. All'epoca D&D non era ancora questo fenomeno di massa. La TSR era in declino e per giocare bisognava fare affidamento sul trovare un gruppo nella propria zona. Se volevate giocare dovevate letteralmente trovare dei giocatori. Così funzionava all'epoca.

Svariati anni ed edizioni dopo il problema da risolvere è trovare il tempo per giocare. Cosa che ha senso. La vita facile dei bambini, con la sua mancanza di responsabilità ed abbondanza di tempo libero, o persino i periodi strettamente impostati a livello di impegni delle superiori o dell'università permettevano di giocare facilmente. Si era in mezzo ad un gruppo di persone con cui stare a stretto contatto. Ti piacciono i GdR? Sei più per D&D, Vampiri, Shadowrun o che altro? Bene giochiamo assieme.
Ma questi momenti vengono man mano meno con le nuove pressanti responsabilità (lavoro, figli) e viene quasi voglia di dire che l'essere adulti non si sposa con il voler giocare. Eppure alcuni di questi problemi non paiono legati necessariamente a questioni di maturità o di essere adulti. Il mondo del lavoro si fa più pesante, con le persone che devono essere sempre pronte a mettersi sotto. I lavori part-time e a chiamata implicano che si è occupati in orari strani e variabili. Gli amici che conoscevate possono doversi trasferire (o magari tocca a voi) oppure la nascita di un nuovo amore potrebbe togliervi il tempo necessario. E tutto questo ci sta. Non è certo un malvagio piano dell'Uomo Calendario per rubarvi del tempo...

.....vero?
Ma questo non implica che l'obiettivo principale del nuovo anno per molti giocatori là fuori non sia proprio il mettersi a giocare di più. Voi volete giocare di più, io voglio giocare di più, quindi prendiamo esempio da Robin e sconfiggiamo assieme l'Uomo Calendario. No davvero, Robin ha sconfitto da solo l'Uomo Calendario quando quest'ultimo ha cercato di rapirlo per tendere una trappola a Batman. L'Uomo Calendario è un farabutto (anche nella versione reboot alla Hannibal degli anni '90) ed è giunto il momento di fargli vedere chi comanda qui. Come?
Trovate il vostro gruppo

Questa è probabilmente la cosa più difficile da portare a termine. Ma dovete trovare le persone giuste assieme a cui volete giocare. Potrebbero essere degli amici che conoscete da anni, potrebbero essere persone incontrate al negozio di giochi locale oppure online su una community di Discord. Perché aspettare. Siamo nel 2020 e viviamo in un'epoca in cui è più semplice che mai trovare delle persone con cui giocare. Chiedete alle persone con cui pensate di trovarvi bene riguardo al giocare assieme. Probabilmente avranno sentito anche solo parlare di D&D e, anche se così non fosse, oggi come oggi è più facile che mai spiegare a qualcuno cos'è il gioco di ruolo. Includete nel vostro gruppo qualche neofita.
Conoscere i propri impegni

Non vuole essere qualcosa di impertinente. Non dovrebbe essere difficile mantenere attiva una sessione settimanale, ma viviamo in un'epoca di bieco capitalismo e questo implica che il tempo è una delle risorse più preziose a nostra disposizione. E questo implica che dovete cercare di trovare la giusta soluzione per le vostre esigenze. Non impegnatevi con l'idea di una sessione a settimana quando quasi sempre appena arriva il Lunedì vi trovate sommersi di impegni. Per molte persone, me incluso, è già difficile gestire una sessione mensile. Ma diciamo che volete migliorare questo ritmo, puntare ad una sessione settimanale? Allora dovete impegnarvici. Cosa che ci porta al prossimo punto.
Conoscere il proprio obiettivo

Una volta che avete trovato le persone giuste e messo da parte il tempo necessario, dovete darvi un obiettivo. Magari può essere qualcosa di nebuloso come "gestire una campagna che va da livello 1 al 20, una saga epica", ma può sembrare difficile da portare a termine. Datevi degli obiettivi più piccoli e a breve termine. Magari semplicemente trovarsi con gli amici e giocare ad un'avventura già fatta. Qualcosa da portare a termine con poco sforzo, ma che non sia al di fuori delle possibilità immediate. Perché una volta che lo avrete fatto, una volta che avrete portato a termine questo primo obiettivo, potrete darvene un altro.
"Okay, siamo arrivati a livello 5, potremmo continuare a giocare con questo nuovo scenario"
Risulta facile calibrare le vostre necessità ed obiettivi di gruppo una volta che avete giocato un po'. Non posso sottolineare abbastanza quanto sia importante mantenere una comunicazione chiara e diretta con gli altri partecipanti. Ed ecco un altro consiglio: se volete mantenere le energie necessarie per mantenere attiva la sessione settimanale per un po', dovete abbassare le pressioni.
Sotto Pressione

Si tratta di un confine sottile da non superare. Se la pressione di fare le cose perfette è eccessiva è probabile che abbandonerete il progetto al primo ostacolo, come scusa per non dovervi più impegnare tanto. Ed è così che l'Uomo Calendario vince. Quindi non fatevi troppa pressione da soli, nessuno è perfetto. Neanche voi lo sarete. Ci saranno momenti in cui non sarete in forma o sarete davvero troppo impegnati perché la vostra vita sarà un inferno. Accettate la cosa, fatela vostra. Non pensate che sia un fallimento, ma una parte di un piano in atto. Tornerete in carreggiata la settimana successiva. Le abitudini sono legate alla ripetizione delle attività.
Impegnatevi ad Esserci

Essenzialmente siate presenti per giocare il più possibile. Pare semplice a dirsi, ma se lo fosse davvero staremmo tutti giocando a campagne decennali e i personaggi di alto livello sarebbero decisamente più comuni. Semplicemente impegnatevi ad esserci ogni settimana (o altro intervallo che usate). Se non potete esserci non è un grosso problema, ma cercate di farcela. E se anche il gruppo non riesce a riunirsi cercate di pensare a cosa potete fare comunque.
Nel mio gruppo di gioco giochiamo la sessione anche se mancano uno o due personaggi. Non ha sempre molto senso, ma, se non sapete bene cosa fare quando manca qualche giocatore, siate flessibili. Magari potete giocare ad una one-shot, magari ambientata in qualche altra parte del mondo. Potete giocare con dei PG diversi o provare dei giochi diversi come Ironsworn o iHunt. Oppure guardarvi dei film con gli amici, un ottimo modo per ricordare a tutti che se vi state trovando assieme è perché vi piacete e state bene assieme.
Nel migliore dei casi inizierete a giocare ad una campagna degna di storie e canzoni. Nel peggiore dei casi starete almeno in compagnia di amici con cui vi divertite. In entrambi i casi cercate di lasciarvi più spazio per voi stessi quest'anno. Spendiamo già una così gran parte della nostra vita a fare le cose che dobbiamo che spero che questo articolo possa aiutarvi almeno un po' a fare le cose che volete fare.
Buone avventure e buona fortuna per il 2020.
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/01/dd-2020-is-the-year-we-defeat-the-scheduling-monster.html
Read more...

Sottoclassi, Parte 1

Articolo di Ben Petrisor, Dan Dillon, Bill Benham, Jeremy Crawford e F. Wesley Schneider - 14 Gennaio 2020
Nota del Traduttore: le traduzioni italiane dei nomi delle Sottoclassi presentate in questo articolo non sono ufficiali.
 
Gli Arcani Rivelati fanno un salto nel 2020 con quattro sottoclassi per voi da provare: Il Cammino della Bestia (Path of the Beast) per il Barbaro, la Via della Misericordia (Way of Mercy) per il Monaco, il Giuramento dei Guardiani (Oath of the Watchers) per il Paladino e il Genio Nobile (Noble Genie) per il Warlock.
E' disponibile anche un Sondaggio riguardante il precedente Arcani Rivelati, il quale presentava il Guerriero Psichico (Psychic Warrior) per il Guerriero, lo Spadaccino Spirituale (Soulknife) per il Ladro e la Tradizione del Potere Psionico (Tradition of Psionics) per il Mago, assieme a nuovi incantesimi e a nuovi talenti. Per favore, seguite il link del Sondaggio per farci sapere cosa ne pensate.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: sottoclassi, parte 1
Sondaggio: psionici per guerrieri, maghi e ladri
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/subclasses1
Read more...
Sign in to follow this  
Enry

Ricordare Gideon Rowhan

Recommended Posts

Che tristezza, ma forse dovrei dire più che altro, che delusione! Come accade sempre i buoni propositi e lo slancio iniziale, in questi frangenti, si spengono con il tempo che passa, e la cosa per me è orribile.

si', purtroppo sono d'accordo e non sono molto soddisfatto di me stesso

Non credo sia necessario scrivere un articolo "concordato" in questo thread, ma forse è più sensato che si raccolgano innanzitutto le informazioni necessarie per la stesura di una biografia accettabile per wikipedia.

Ad esempio -> Case editrici con cui ha collaborato in qualche modo ( che io sappia ): Asterion Press ( credo su vari manuali ); Wyrd Edizioni ( ho alcuni numeri di WyzardQuest in cui ci sono sue illustrazioni n.3 n.4 ); R'Dice ( quindi credo che si faccia capo alla Raven come distributore, ma posso sbagliare ); credo abbia fatto anche illustrazioni per Sine Requie...aggiungete voi le cose che mancano.

Le case editrici con cui aveva collaborato erano gia' state elencate nella voce, ma non e' sufficiente per una bibliografia. Se hai delle riviste con sue illustrazioni, potresti fornire tutti i dati (tipo: WyzardQuest 1, Wyrd Edizioni, mese? (se mensile), anno?)? Ovvio che possiamo contattare gli editori se necessario, ma speravo che qualcuno sul forum avesse i dati di questi prodotti (o almeno quelli DL).

Share this post


Link to post
Share on other sites

si', purtroppo sono d'accordo e non sono molto soddisfatto di me stesso

Le case editrici con cui aveva collaborato erano gia' state elencate nella voce, ma non e' sufficiente per una bibliografia. Se hai delle riveste con sue illustrazioni, potresti fornire tutti i dati (tipo: WyzardQuest 1, Wyrd Edizioni, mese? (se mensile), anno?)? Ovvio che possiamo contattare gli editori se necessario, ma speravo che qualcuno sul forum avesse i dati di questi prodotti (o almeno quelli DL).

Io ho un po' di dati, ma rischiano di essere troppo incompleti. Consiglio di contattare direttamente Bianchini per l'Asterion e Fabio Passamonti (Celya qui sul forum) per la R'Dice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho un po' di dati, ma rischiano di essere troppo incompleti. Consiglio di contattare direttamente Bianchini per l'Asterion e Fabio Passamonti (Celya qui sul forum) per la R'Dice.

Grazie delle informazioni. Potrebbe essere anche utile (al fine di fornire riferimenti oggettivi) l'indicare i numeri del Messaggero Veneto dove la notizia della morte e' stata riportata con un certo risalto. Qualcuno di voi ha questi dati?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Segnalo che la voce su Claudio di wikipedia e' stata cancellata. Colpa nostra (non scherzo) che non abbiamo fornito sufficienti prove del valore enciclopedico della voce. Credo sarebbe anche solo bastato inserire i dati (titolo, editore, anno di pubblicazione) delle opere a cui ha contribuito. Prego chi ha accesso a questi dati (ad esempio, i manuali DL sono pubblicazioni con tutti i crismi? credo di si') di fornirli, cosi' che possiamo o recuperare la pagina com'era (se possibile) e aggiungere tali dati, o crearla da zero con i dati.

No, non è colpa nostra. Su wikipedia sono notevolmente intolleranti. Non è la prima volta che me lo dimostrano. E quando prendono delle decisioni non hanno nemmeno il coraggio di assumersene delle responsabilità, tipo Ponzio Pilato.

L'articolo sul Messaggero Veneto data il 4 giugno 2008, in prima pagina

http://messaggeroveneto.gelocal.it/dettaglio/artista-udinese-ucciso-da-un-malore-33-anni/1472524

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, non è colpa nostra. Su wikipedia sono notevolmente intolleranti. Non è la prima volta che me lo dimostrano. E quando prendono delle decisioni non hanno nemmeno il coraggio di assumersene delle responsabilità, tipo Ponzio Pilato.

Capisco la rabbia, ma hanno un metodo (giusto o sbagliato che sia) che non deve essere influenzato dal dolore personale. Se il criterio è quello dell'enciclopedicità...

Comunque non toglie che ci sia la possibilità e il modo di correggere gli "errori" del primo "tentativo".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capisco la rabbia, ma hanno un metodo (giusto o sbagliato che sia) che non deve essere influenzato dal dolore personale. Se il criterio è quello dell'enciclopedicità...

Comunque non toglie che ci sia la possibilità e il modo di correggere gli "errori" del primo "tentativo".

No, no, sbagli. Nessuna rabbia. Ho già avuto a che fare con loro (sono pure iscritto) e danno una forte impressione di personalismo. Se hanno interessi personali si fanno in quattro per difendere una posizione, altrimenti preferiscono sempre essere molto pilateschi. In pratica rappresentano un muro di gomma (almeno pwer quanto mi è stato modo di avere a che fare con loro). Questo vuol semplicemente dire che basterà seppellirli sotto tonnellate di dati etc.. e dovranno arrendersi all'evidenza. Forse servirebbe proprio stendere un documentino ben fatto e reinserirlo, con tutti i link etc di rimando.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi voglio anche io aiutarvi in qualche modo, qualsiasi cosa, basta che chiedete e vendo anche l'anima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me il problema è uno, fondamentalmente: la produzione "documentata" è (o sembra essere) poca. Questo, se non bilanciato da una grande capacità organizzativa/propositiva, rende effettivamente la voce di dubbia "utilità" per loro.

Io dico: serve per forza passare da Wikipedia, o comunque iniziare da lì? Chi l'ha detto?

Proporre di fare quanto possibile perché il ricordo in noi non si perda, è superfluo: tutti noi che l'abbiamo conosciuto lo ricordiamo, chi più chi meno, e non sarà certo Wikipedia a cambiare la cosa. Rimane l'altro impulso che tutti abbiamo avuto, la rabbia, la rabbia per una vita finita troppo presto che si riflette in un'altra rabbia minore "di facciata", quella che si fa parola nel pensiero a noi comune, quello che ci fa dire "Lui si che ci sapeva fare, avesse potuto continuare sarebbe stato riconosciuto come un Grande da tutti."

Io propongo ora una cosa "rischiosa", che dovrei dire in altra sede e che mi rigira nella testa da un po': perché non organizzare come Associazione qualcosa di concreto, qualcosa che aiuti a far dire a tutti gli stron+etti lì fuori "Ma chi era questo? Aspetta che vado a dare un'occhiata..."? Per dirne una banale, ma forse abbastanza "logica", perché non cercare uno sponsor (anche regionale) e organizzare come memorial un bel concorso di illustrazione? Non dico una robetta inter nos, intendo una cosa fatta bene che attiri molti partecipanti. Poi sì ci sarà la "scusa" per permanere Wikipedia.

Capite che voglio dire? Come amici non abbiamo certo bisogno di Wikipedia per ricordare, se vogliamo che anche altri "tramandino" occorre un approccio concreto, occorre attivarsi in modo deciso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarebbe davvero una bella cosa da organizzare, faticosa, ma veramente bella. Però come si organizza una cosa del genere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innanzitutto penso che possa essere possibile mettersi d'accordo con l'Asterion per vedere se sia possibile fare una mostra delle opere di Claudio a Lucca 2009. se non altro è opportuno vedere se, contattando alcuni con cui Claudio abbia collaborato, sia possibile organizzare un piccolo spazio espositivo in fiera.

Edit: se Lucca fosse un'occasione troppo pubblicitaria si potrebbe provare alla Vercon o alla naoniscon prima per vedere se la cosa riesce.

@Aerys: aggiungi tu nel documento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se con poca esperienza in campo, ritengo che fare una mostra a Lucca non comporti troppi problemi, ma si potrebbe organizzare un concorso lì?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intervengo brevemente sulla questione del concorso dedicato a Claudio, perché sto studiando e sono solo in pausa :banghead:.

Direi prima di tutto che bisogna essere fermi in un punto: si deve fare una cosa seria!

Non credo sia onorevole cimentarsi in concorsini dilettanteschi che alla fine risultano patetici e non onorerebbero Claudio e la sua opera. Credo invece che si debba strutturare il concorso meditando sulla modalità di partecipazione, sulle tempistiche e sulla piattaforma dove svilupparlo.

Per essere più chiaro: supponiamo che si voglia fare il Concorso sul portale della DragonsLair, quindi per via telematica. In Questo caso sarebbe opportuno pensare ad "internazionalizzare" l'evento per richiamare un numero consistente di artisti. Suddividerei poi in due gruppi i partecipanti, dilettanti e professionisti. Il tema, a carattere fantasy, dovrà essere deciso dalla giuria. Quest'ultima sarebbe meglio fosse composta da membri seri e ben scelti, per rendere il Concorso appetibile. Credo sia ovvio che ci si dovrebbe anche muovere, per cercare degli sponsor per dare dei premi gradevoli.

P.s. scusate il reply frettoloso ma appena posso cercherò di essere meno vago :bye:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi, io darei volentieri una mano mettendo la mia competenza a disposizione.

Molto in breve, di lavoro faccio siti web. Sono in condizione di strutturarne uno completamete aggiornabile attraverso aera amministrativa in breve, utilizzando tecnologie con cui lavoro giornalmente.

Dovremmo mantenere uno spazio web dedicato, e probabilmente non avrei il tempo di tenerlo aggiornato o fare il data entry in prima persona, ma se qualcuno è disposto a collaborare possiamo tirar su un sito, e in breve tempo, anche. Potrebbe essere un collettore di redazionali, pensieri e iniziative legate alla sua figura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Colgo la palla al balzo, visto che Aerys sa come lanciarla...

Già da parecchio mi ronza in testa un pensiero, che poi è quello che ha manifestato Aerys (che conosce le mie idee), anche se ha alcune deviazioni. Giustamente qualcuno ricorda che è necessario fare le cose seriamente e proporzionalmente in grande, il che richiede tempo, fatica e una struttura adeguata che faccia da "contenitore".

Per questi ultimi punti bisognerà aspettare, come richiamato da Strike.

In realtà si era già parlicchiato della cosa, ma poi è andata come è andata.

Se Aerys lancia il sasso nel documento, ci aggiungeremo i nostri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intervengo brevemente sulla questione del concorso dedicato a Claudio, perché sto studiando e sono solo in pausa :banghead:.

Direi prima di tutto che bisogna essere fermi in un punto: si deve fare una cosa seria!

Non credo sia onorevole cimentarsi in concorsini dilettanteschi che alla fine risultano patetici e non onorerebbero Claudio e la sua opera. Credo invece che si debba strutturare il concorso meditando sulla modalità di partecipazione, sulle tempistiche e sulla piattaforma dove svilupparlo.

Per essere più chiaro: supponiamo che si voglia fare il Concorso sul portale della DragonsLair, quindi per via telematica. In Questo caso sarebbe opportuno pensare ad "internazionalizzare" l'evento per richiamare un numero consistente di artisti. Suddividerei poi in due gruppi i partecipanti, dilettanti e professionisti. Il tema, a carattere fantasy, dovrà essere deciso dalla giuria. Quest'ultima sarebbe meglio fosse composta da membri seri e ben scelti, per rendere il Concorso appetibile. Credo sia ovvio che ci si dovrebbe anche muovere, per cercare degli sponsor per dare dei premi gradevoli.

P.s. scusate il reply frettoloso ma appena posso cercherò di essere meno vago :bye:

Sono d'accordo con te, in tutto quanto.

Non so come potrei aiutare attivamente, ma se mi si da l'ok la mattina dopo sono già al telefono in cerca di sponsor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

0) Sono anche io per iniziative per divulgare l'opera di Claudio (che siano wikipedia, sito web, mostra...), e cercherò di dare il mio contributo, in un modo o nell'altro.

1) Non ho idea se la DL stia già organizzando qualcosa.

2) Per quanto riguarda il concorso, non ho idea se renda le cose davvero più semplici -- e quindi in linea di principio più vicine a diventare concrete -- ma tenterei prima di organizzarne uno nazionale. C'è sempre tempo per farlo diventare internazionale.

3) Penso che sia possibiile già ora fare una pagina per wikipedia di argomentato valore enciclopedico. Inoltre, il realizzarla sarebbe un buon punto di partenza per dimostrare che siamo in grado (cioè abbiamo l'abilità e la costanza) di concretizzare la nostra volontà di preservare e divulgare la memoria di chi è stato Claudio e cosa ha fatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) Non ho idea se la DL stia già organizzando qualcosa.

Eh, io nemmeno...

2) Per quanto riguarda il concorso, non ho idea se renda le cose davvero più semplici -- e quindi in linea di principio più vicine a diventare concrete -- ma tenterei prima di organizzarne uno nazionale. C'è sempre tempo per farlo diventare internazionale.

Quotissimo, partire in piena è uno dei modi più semplici di far naufragare il tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.