Jump to content

Capitolo 5. Gracklstugh


AndreaP

Recommended Posts

Dopo altri tre giorni di cammino il gruppo arrivò alla vista di Gracklstugh: questa era costruita in una serie di caverne che si affacciavano su DRaklake

Per entrarci avrebbero dovuto attraversare un tunnel che dal percorso che stano percorrendo avrebbe portato alla città

Jimjar fermò il gruppo "Ma ce l'abbiamo una bella scusa per entrare? Qui rendono schiavi quelli che pensano non dovrebbero esserci" disse
 

Link to comment
Share on other sites


Damocle

Ma che è, il passatempo della zona schiavizzare gente a caso?

Sbotto.

Comunque mercenari magari? Anche se siamo un po' male in arnese, possiamo sempre dire che l'ultimo giro è andato male raccontando un po' quello che è successo alla città dei pesci e tralasciando qualche dettaglio qua e là.

Link to comment
Share on other sites

Derren Hawkwood

Sospiro alla frase di Jimjar. Mercenari mi pare una buona idea. Annuisco poi a Damocle mentre per un istante ripenso alla mia Compagnia...di ormai una vita fa... Immagino avranno fabbri o empori: potremmo essere di passaggio e voler sistemare il nostro equipaggiamento. In fondo abbiamo appena recuperato qualche moneta, no?

Link to comment
Share on other sites

Damocle

Quindi tipo che eravamo dai pesci che erano ai ferri corti tra loro e avevano assunto dei mercenari, tra cui noi, ma che ad un certo punto è arrivata quella calamità sotto forma di demone e ce la siamo data a gambe ma abbiamo perso la maggior parte delle nostre cose? In fondo è sostanzialmente vero, se non fosse che non avevamo un granché neppure prima e che non è che ci avessero proprio assunto...

Link to comment
Share on other sites

36° giorno di prigionia - sera

Seguendo il sentiero i compagni si infilarono in uno dei tunnel che portavano alla città

Dopo un tratto non troppo lungo il terreno ai loro piedi iniziò a divenire più liscio e piatto, una gradita tregua dai passaggi irregolari a cui si erano stancamente abituati. 
Alla fine, le piastrelle di pietra divennero più evidenti, trasformando il percorso in una vera e propria strada. Si possono intravvedere delle luci in lontananza, bianco-azzurre e posizionate troppo regolarmente per essere funghi fosforescenti.
Le luci risultarono essere vere e proprie lampade che fiancheggiavano due massicci cancelli di pietra che bloccavano il tunnel. 

Prima che i compagni avessero la possibilità di esaminare le intricate incisioni sulla superficie dei cancelli, una voce aspra sibilò da una fessura sulla parete della caverna che prima non avevano notato.
"Dichiarate i vostri nomi e affari!" ordinò la voce in Nanico. 
Altre fessure simili si aprirono, rivelando le punte di una dozzina di dardi di balestra. alle spalle dei compagni, un baccano metallico annunciò l'arrivo di un gruppo di sei nani pesantemente corazzati che parvero apparire dal nulla, le loro spade puntate sui compagni da dietro robusti scudi di metallo.

Link to comment
Share on other sites

Damocle

Mentre cerco di ammirare i cancelli, appena ci avviciniamo subito mezzo esercito di sentinelle ci sbarra il passo.

Tenendo le mani bene in vista e rispondendo nella medesima lingua

Salve, io sono Damocle, siamo un gruppo di mercenari in cerca di lavoro.

Spoiler

Deception +4 se dovesse servire.

Nel frattempo prego che Fenton non faccia nulla di troppo strano proprio ora.

Edited by Alabaster
Link to comment
Share on other sites

Derren Hawkwood

I primi segni di civiltà mi fanno tirare un sospiro di sollievo...i dardi da balestra e i nani corazzati un po' meno.

Non so cosa ci abbiano detto esattamente, ma capisco l'antifona e seguo l'esempio di Damocle tenendo le mani lontano dalle armi. Poi attendo e prego Helm che ci aiuti.

Link to comment
Share on other sites

Tre dita

Questa città puzza di nani, eppure è la cosa migliore che ci potesse capitare, incazzato guardo torvo qualsiasi sguardo che Incrocio. 

Senza troppa grazia mi appoggio alla mia grossa arma che è in verticale che sale da terra su verso il mio fianco. 

Link to comment
Share on other sites

36° giorno di prigionia - sera

La guardia osservò con attenzione Damocle poi annuì e disse "fateli entrare" mentre gli altri abbassavano le armi e facevano un segnale per far aprire i cancelli

Ma improvvisamente lungo la parete del tunnel una porta segreta, simile a quella da cui erano uscite le altre guardie, si aprì.
Al di là bi era un Duergar pesantemente armato: era chiaramente una Stone Guard, uno dei guerrieri veterani che serviva il Re delle Profondità come truppa di élite e polizia segreta.

"Bene, bene." intervenne guardando il mezzelfo. Il duergar si tolse l'elmo, rivelando la pelle grigia della sua specie. Si arruffò la barba bianca mentre si avvicina, passando al Comune mentre abbassa la voce. C'era un luccichio sconcertante nei suoi occhi e nel suo sorriso. "Stai chiaramente mentendo. Dovrei semplicemente mandarti nei recinti degli schiavi, ma... tu mi diverti. Cos'hai che vale la tua libertà?"
Il duergar aspettava la sua risposta, il suo sguardo toccava ognuno dei compagni a turno mentre sorrideva in attesa.
Jimjar sottovoce disse all'orecchio di Damocle: "Ho sentito parlare di lui: si chiama Gorglak ed è noto per essere un corrotto. Scommetto che aspetta solo di guadagnarci"

@all

Spoiler

Potete farmi un check di insight

 

Link to comment
Share on other sites

Tre Dita

non conosceva quella lingua, ma non era uno stupido. Avrebbe rotto il naso a quel nano ma non era la scelta migliore, toccava pagare per passare oltre. Anche il mezzorco si avvicinò a Damocle ricordandogli quanto avevano raccolto dal corpo drow. 

Spoiler

Balestra ad una mano 75gp 

Spada corta 10gp

Veleno paralizzante costerà almeno 150gp, il veleno normale costa 100gp. 

 

Link to comment
Share on other sites

Derren Hawkwood

Vedendo spuntare la Stone Guard mi irrigidisco. Il rischio che la cosa finisca male è molto alto e dobbiamo essere molto attenti ora.

Per il momento scelgo di non intervenire, ma sostengo lo sguardo del duergar cercando di capire meglio le sue intenzioni.

 

 

Link to comment
Share on other sites


36° giorno di prigionia - sera

Fenton, Damocle e Derren si guardarono un momento: il duergar stava osservando, con un'insistenza maniacale ed uno sguardo paranoico le armi dei compagni, passando da una all'altra come le stesse soppesando

"Allora? Sto aspettando" disse Gorglak stizzito

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator

Fenton

Nel corso degli ultimi giorni mi sono riempito le tasche di vari sassi di forme e colori particolari, che hanno attirato la mia attenzione. Avendo intuito che il duergar vuole qualcosa da noi ficco le mani in tasca, prendo tutte le pietre che riesco e gliele metto in mano Le pietre parlano a volte lo sai, queste due in particolare sembrano amici che non si incontrano da tempo e che si ritrovano per caso, se le lasci a vicino non la smettono un attimo di dire cose strane, parlando di gemme sepolte... gli spiego indicando due pietre che non hanno nulla di apparentemente diverso da quelle che si trovano per terra. Mentre gli dico questo tengo gli occhi completamente sgranati e fissi su quelli del duergar.

@AndreaP

Spoiler

vorrei usare Illusione Minore per far davvero credere che quelle pietre stiano sussurrando qualcosa.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Derren Hawkwood

Fenton anticipa tutti e si avvicina vaneggiando al duergar. Il cuore salta un battito e mi scambio uno sguardo preoccupato con gli altri. Qua finisce male. Possiamo vedere se qualcosa che abbiamo recuperato nel nostro viaggio fino a qua può interessarti. Tento di mettere una pezza rivolgendomi in comune a Gorglak e facendo un cenno a Damocle e Tre Dita per tirar fuori il bottino preso dai drow.

Link to comment
Share on other sites

Damocle

Sorrido affabile allo Stone Guard anche se nervoso (in nanico)

Si si, è davvero un'ottima arma, molto più adatta ad un guerriero del vostro calibro che a noi.

Riferendomi alla balestra.

@AndreaP

Spoiler

Ho Deception se potesse servire

 

Edited by Alabaster
Link to comment
Share on other sites

36° giorno di prigionia - sera

La stone guard osservò i compagni fissando dapprima Fenton e le sue pietre parlanti e poi l'arma proposta da tre dita

"Un inutile coppia di pietre e una balestra drow. Siete dei pezzenti!" disse quasi irato

Poi prese le balestra e aggiunse "Consegnate le pietre a Werz Satltbaron ai moli: passerò da lui più tardi e controllerò che gliele abbiate date! Se non lo avrete fatto vi farò arrestare"

Poi indicò due duegar e ordinò "accompagnateli al distretto dei moli!"     

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...