Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Hexcrawl : Parte 12 - Al Tavolo

Justin Alexander ci offre un resoconto di come arbitra una delle sue partite di hexcrawl

Read more...

Morte da checklist!

Oggi Gareth Ryder-Hanrahan parla di come sfruttare le abilità di GUMSHOE e dei GdR basati su questo sistema per aiutare i DM a creare nuove avventure. 

Read more...

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Brancalonia - L’Impero Randella Ancora

Brancate la nuova espansione di Brancalonia e difendete il Regno dalla calata alemanna!

Read more...

Sondaggio su Viaggiatori del Multiverso

La WotC ha reso disponibile il sondaggio riguardante l'ultimo Arcani Rivelati, dedicato al Multiverso.

Read more...

La Terra dei Fiori #4: Nalta

Continuiamo a scoprire altri luoghi di Centerra, il mondo veramente particolare inventato da GoblinPunch.

Read more...

Of Orcs and Men - TdG IV


Pippomaster92
 Share

Recommended Posts

Siete saliti tutti sul grande guscio di legno, e avete cominciato a ripulirlo dal sangue e dai cadaveri. 
La barca è grande, e la parte di clan che avete portato con voi ci sta abbastanza bene sopra, senza stringersi troppo. Nella stiva c'è anche molto legname, e gettandolo in mare guadagnate ancora più spazio. 

Manovrare la barca non è affatto facile, però: è molto ingombrante e praticamente la può muovere solo il vento. Con l'aiuto dello sciamano potete piegare gli spiriti dell'aria al vostro servizio... ma per poco tempo. E anche così è difficile dirigere il guscio dove si vuole. Molti orchi soffrono di mal di mare, altri sono comunque nervosi per l'attuale situazione, perché stare su un pezzo di legno che galleggia li impensierisce parecchio. 

Ma il recente massacro, quanto meno, li ha soddisfatti. Ora però è il momento di muoversi: avete passato un intero giorno a prendere la mano con il guscio, ma non è saggio restare qui ancora a lungo...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Wurrzag

L euforia della vittoria fa si che la giornata passata a dondolare sul grande guscio di legno passi con meno lamentele del previsto.

Cio' nonostante, vedo inquietudine negli occhi dei miei guerrieri e, nonostante gli spiriti dell acqua e dell aria si mostrino benevoli, non siamo in grado di domare il grande guscio di legno e farlo cavalcare le onde.

Al calar del sole, stanco e frustrato ordino al clan di scendere a terra ed iniziare a raccogliere le nostre cose.

"Avventurarci con il grande guscio e' un suicidio, se ne incontrassimo uno manovrato dagli umani non impiegherebbero molto a tirarci a picco"

commento con i membri del consiglio

"Il Colosso parlava di umani in fuga dai villaggi sulla costa nella direzione dove il sole si corica"

proseguo

"Se seguiamo la costa potremmo attaccare le forze in movimento di due obbiettivi, il villaggio costiero o quello dal quale abbiamo liberato i nostri fratelli dalla prigionia. Che siano soldati o vettovaglie"

Concludo attendendo un commento

- tutti

Spoiler

Ho caricato in immagini anche la mappa aggiornata mettendo una X sui villaggi/campi conquistati ed aggiungendo i due villaggi appena scoperti e la stella che sta ad indicare il porto.

Wurrzag si riferisce ai villaggi indicati qui

 

campi.JPG

Edited by Pentolino
Link to comment
Share on other sites

Tayyip

Disinteressato alle lamentele dei compagni, la cui pelle appare ancor più verde del solito a causa del mal d'acqua, trascorro sbuona parte del tempo ad esplorare il grande guscio, carpirne i segreti e il funzionamento. Maledetti umani, credo che rispetto a noi abbiano un enorme vantaggio: immaginazione. Anche solo riuscire a pensare di costruire un affare del genere va al di là della più fervida fantasia di uno zannuto. Figuriamoci realizzarlo davvero.

Potremmo fare degli schiavi umani che, almeno per i primi tempi, portino il guscio per noi. Non mi fiderei a lasciarglielo guidare durante uno scontro, ma per gli spostamenti vicini alla costa si potrebbe provare. A questo punto conviene attaccare un altro villaggio costiero. Non si aspetteranno di vederci arrivare dall'acqua, e se vestiamo da umani gli uomini che restano in vista sul guscio, realizzeranno l'errore solo all'ultimo.

DM

Spoiler

Tayyip ha professione marinaio +4 se servisse!

 

Link to comment
Share on other sites

Argor Mangiaroccia

Era stato difficile portare Azog a bordo, fortunatamente i cavalli sembravano essere più avvezzi a questo tipo di trasporto. Ancor più difficile è sopportare i flutti della grande distesa d'acqua, tuttavia ritengo sia una prova ulteriore alla quale gli spiriti mi sottopongono ed è giusto così.

Accostato al parapetto sempre sul punto di rigettare l'ultimo pasto ascolto i discorsi tra il capo e Tayyip "Non dimentichiamo la nostra missione, non dimentichiamo dove dobbiamo dirottare i pellechiara, sappiamo dove caleranno con forza i nostri fratelli. Continuiamo a fare quel che dobbiamo fare."

Link to comment
Share on other sites

Arkail

Ho goduto del massacro, non posso negarlo. Ho goduto anche della conquista della nave...ma solo perché non sapevo a cosa stavo andando incontro. Appena il guscio di legno inizia a muoversi sul pelo dell'acqua ecco che cominciano i problemi. Equilibrio, innanzitutto...e nausea, maledettissima nausea. Mi trascino per il ponte come uno spettro e mi attacco più volte alla balaustra per rigettare in mare il liquame delle mie viscere. Quando Wurrzag ci chiama devo presentarmi con un secchio sottobraccio per non vomitargli addosso anche l anima. In volto sono più bianco che verde. ha poca importanza. Commento le parole di Argor cercando un appiglio. Se noi...infilo la testa nel secchio e svuoto le mie budella. Cazz.o pulisco le zanne con l avambraccio. Facciamone fuori il più possibile. Distruggiamo un altro villaggio. Più ne ammazziamo meno dovrà affrontarne l orda. Un'onda più alta delle altre mi sballotta più del dovuto. La testa è come una trottola. Questo dannato guscio di legno! Sbrighiamoci a rimettere i piedi a terra. Rischio di far uscire anche lo spirito dal mio corpo...

Link to comment
Share on other sites

Scania

"Si potrebbe sfruttare la nostra cavaaleria per distrarli quando arriviamo alla costa con il grosso guscio. Così magari abbiamo ancora meno resistenza quando scendiamo." L'obiezione di Argor è valida ma non toglie che possiamo ucciderne comunque un bel po' anche prima dell'arrivo dei nostri fratelli orchi. "Bisogna vedere se Arkail e gli altri come lui che soffrono a stare sul guscio sono in grado di combattere quando scendono a terra o se vanno avanti a vomitare."

Link to comment
Share on other sites

Tra i pochi a non soffrire affatto il mal di mare c'è proprio Tanya, che ascolta i discorsi del capo assieme ad altri orchi. Visto che tutto sommato nessuno sembra intenzionato a picchiarla (non in queste condizioni di terreno instabile) si azzarda a dire la sua "Il villaggio costiero a ovest non dovrebbe essere molto grande. Non ci sono mai stata, ma più ci allontaniamo dalla punta ad est più piccole sono le comunità. Forse ci sono delle barche più piccole di questa, più facili da usare..." suggerisce. 

Molti orchi, solo per partito preso, si trovano improvvisamente interessatissimi alla città nell'entroterra. Bisogna "punire chi ha imprigionato i nostri fratelli" e cose simili. 

Link to comment
Share on other sites

Wurrzag

Ascolto con attenzione i commenti dei mie capoguerra, come sempre molto diversi tra loro e che per questo evidenziano il bene ed il male sotto diversi punti di vista.

"Un villaggio costiero vuol dire umani in grado di cavalcare il grande guscio..."

commento grattandomi il capo cercando la necessaria concentrazione

"Scania ha avuto una buona idea, se come dice Tania il villaggio e' piccolo, attaccarlo su due fronti, terra con i cavaalieri e mare arrivando col grande guscio, dovrebbe farlo cadere velocemente"

proseguo

"In questo modo, spingeremo l attenzione lontano da dove calera' l orda"

Guardo Argor

"E cattureremo umani in grado di insegnarci come usare il grande guscio in modo piu efficace. Spostarci velocemente sulla grande acqua ci dara' un vantaggio strategico notevole"

concludo per poi guardare T'kava

"E tu...non hai niente da aggiungere?"

Link to comment
Share on other sites

T'kava non sembra molto a suo agio sulla nave, è tra gli orchi ad aver vomitato più di frequente. E dopo qualche tempo ha scoperto che stare seduta vicino all'albero maestro la fa stare un po' meglio. Così ora ha ripreso un colorito più sano, ma è ancora indebolita e stanca. 
Alle parole di Wurrzag risponde con sorprendente docilità "Se hai già soppesato il piano e ti sembra buono, va bene. Mi sta bene"

Link to comment
Share on other sites

Wurrzag

 

Resto sorpreso dalla risposta di T'kava, troppo remissiva ed accomodante. Rimango un attimo in silenzio soppesando quelle parole nel tentativo di capire se ho finalemnte gudagnato la sua fiducia o sta pensando ad un nuovo modo per mettermelo dove non batte il sole

 

"Bene"

 

rompo gli indugi

 

"Se non ci sono altri commenti, direi che abbiamo un piano e molto lavoro da fare. Iniziamo a prepararci, partiremo al tramonto"

 

- Tutti

Spoiler

Fammi sapere se hai bisogno che ci si occupi attivamente di tenere adeguate le scorte di acqua e viveri e possiamo pensare che lo si faccia in background

 

Link to comment
Share on other sites

Arkail

Grugnisco alle parole di Scania. Certo che sono in grado di combattere. Con un braccio continuo a tenere il secchio. Per quando scenderemo non avrò più niente nello stomaco da vomitare, dannazione. Poi ascolto Wurrzag. Hey un attimo. Hai parlato di cavaaleria...significa che io dovrò rimanere sulla nave e scendere successivamente? Abbasso il capo sconsolato. Datemi da bere, dannazione. Almeno ho qualcosa da vomitare. Non voglio dover tirare fuori il mio spirito. Sembra che T'kava stia meglio vicino l albero maestro, motivo per cui mi avvicino a lei e mi siedo poco distante, sperando che la nausea mi abbandoni in fretta.

 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Taayip

Mi gratto il mento pensieroso, togliendo le pulci dalla peluria ispida.

La verità Wurrzag è che i gusci per noi sono un'opportunità, ma anche un grande rischio. Significa combattere i sacchi di pelle dove loro hanno molte più risorse, esperienza e familiarità. Proviamoci, ma è un azzardo che ci frutterà un vantaggio una, due volte al massimo. Poi sarà bene tornare con le zampe per terra.

Concludo la reprimenda con uno scatarro sul legno consunto del ponte.

Link to comment
Share on other sites

Scania

"Beh, se la nave non sarà più un vantaggio possiamo sempre provare a convincere gli spiriti dell'acqua che la portino dentro ad un porto umano per poi farle fare BOOM! Non c'è un sacco di quella roba di fuoco di sotto?"

Link to comment
Share on other sites

Wurrzag

"Per il momento a me interessa sopravvivere fino a domani e trovare un modo nuovo di sorprendere a far fuori gli umani"

rispondo a Tayyip

"Non mi aspetto di diventare un orco dell acqua ma nessuno puo' sapere cosa ci riserva il destino. Per ora pensiamo a portare questo guscio vicino al prossimo vilalggio umano ed infliggere un altro colpo al morale ed alle riserve umane...sperando che l orda prima o poi decida di muovere il cuxo ed iniziare l invasione!"

Il ritardo dell offensiva inizia a minare le mie certezze sulla buona riuscita della nostra missione

Link to comment
Share on other sites

Gli ordini di Wurrzag vengono obbediti prontamente... per gli standard orcheschi, almeno. E tenendo conto del profondo disagio che il mare provoca a buona parte dell'equipaggio.

Impiegate due giorni per raggiungere la zona designata, ci avreste messo meno se tutto il cordame della nave non fosse stato così difficile da gestire. Un paio di guerrieri ci si sono quasi strangolati, e Tanya ammette di non avere la più pallida idea di come debba essere sistemato. 

Solo Tayyip pare avere qualche idea in merito, e con i suoi consigli riuscite quanto meno a spiegare le vele. 
Approdare per far scendere i cavaalieri, Azog e Argor è un'altra bella impresa. Perché non ci sono porti o banchine, qui. Alla fine trovate una zona di costa abbastanza bassa, e usando un guscio più piccolo portate gli animali e gli orchi sulla spiaggia. Ci vuole quasi tutto il pomeriggio, perché se gli orchi sono scontenti della situazione, potete immaginare come lo siano le bestie!

Da questo punto in poi la situazione procede molto più speditamente. Arrivate in vista del villaggio umano e avete modo di osservarlo con tutto l'agio del mondo. Ha un ordine di mura, in legno, ma come già per l'altro villaggio costiero nel nord le mura si fermano quando arrivano al mare. C'è anche un molo di legno, e alcune piccole barche a vela sono all'ancora. Il villaggio conta un centinaio di case e ha diversi campi coltivati tutti attorno. Oltre a molti edifici in legno ne vedete una mezza dozzina di pietra. Uno in particolare è molto grosso e alto, con una torre. Attaccare questa cittadina solo da terra sarebbe stato decisamente difficile. 

T'kava, che in questi giorni si è un po' ripresa, aguzza la vista e osserva le difese "Quello è un fortino. Ne ho visto uno vicino a dove mi tenevano prigioniera... mi ci hanno fatto passare davanti in catene. Pietra, è come una montagna scavata. Ma non ci sono tante sentinelle sulle mura. Sono stupidi o sono molto sicuri di loro"

Link to comment
Share on other sites

Argor Mangiaroccia

L'idea di Wurrzag trova in parte il mio appoggio, se non altro perché a terra avremo tempo di riprenderci ed essere lucidi a sufficienza per la battaglia che si prospetta. Il problema è che non abbiamo alcun punto di riferimento e una volta separati comunicare tra noi sarà impossibile, a quel punto farò di testa mia e proverò a dar modo a chi arriva dall'acqua di fare più danni possibile.

Durante le difficili operazioni di sbarco faccio presente il problema e cerco di capire se qualcuno ha modo di richiamare spiriti per inviare messaggi veloci "Wuurzag se non sarà possibile attaccare a tenaglia come detto, proverò a portare fuori i guerrieri pellerosa."

-------------

Una volta a terra mando avanti due esploratori per non avere brutte sorprese, tutto fila liscio fino al villaggio. La zona fuori le mura son campi coltivati e case di legno che gli umani evidentemente usano per riposare dopo il lavoro o allevare le bestie. Se non sarà possibile attaccare subito il villaggio razzieremo campi e recinti per portare fuori i guerrieri.

Link to comment
Share on other sites

Arkail

Scuoto la testa. non si tratta di stupidità. Si tratta del fatto che la maggior parte degli orchi non va oltre il fuoco. E quello...indico il fortino. ...scommetto che non brucia. Grugnisco. Ma noi abbiamo il capo. È sveglio, pensa quasi come loro. Ed oggi questo villaggio cadrà. mostro le zanne in un mezzo sorriso. A questo punto aspetto solo che il Wurrzag dia l ordine di attaccare. Scenderò dalla nave mulinando il maglio e ucciderò così tanti di quei bastardi che avranno gli incubi anche nel mondo degli spiriti.

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Tayyip

Penso che il primo attacco spetti ad Argor, magari affiancato dagli archi e frecce infuocate, che fanno poco contro la pietra ma abbastanza contro le altre strutture: bersagliamo i tetti di legno e paglia degli edifici del villaggio. Argor e i suoi non possono sfondare, ma darà agli umani un grattacapo e al tempo stesso un falso senso di sicurezza di potr gestire la situazione. Certo noteranno il guscio avvicinarsi, ma distratti sarà meno probabile che realizzino l'inganno, e anzi pensino a rinforzi, mentre nel frattempo avranno spostato buona parte delle difese verso la minaccia fuori dalle loro mura.

Link to comment
Share on other sites

Wurrzag

"Sono tutte buone idee ma vorrei aggiungerci l elemento sorpresa"

rispondo a Tayyip e Scania

"Sbarcheremo i nostri cavaalieri guidati da Argor e T'kava e , come detto, attireranno gli umani verso l entroterra. Bersagliateli con con tutto quello che avete , create confusione."

poi mi volto verso Scania ed Arkail

"Un gruppo dei vostri, utilizzando l aiuto degli spiriti dell acqua e dell aria, scenderanno in acqua e seguiranno il guscio da vicino."

mi volto verso Tania

"Tu sarei sulla punta del guscio, con alcuni dei nostri camuffati da umani, non ci hanno mai visto utilizzare un grande guscio, se siamo fortunati penseranno che siete in fuga dal gruppo di cavalieri"

poi concludo

"Quando il guscio arrivera' sulla sponda del villaggio, Arkail e Scania sbucherete dall acqua mentre gli orchi rimasti a bordo utilizzeranno il grande arco per bersagliare la capanna di pietra"

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.