Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Anteprima Tasha's Cauldron of Everything #4 - Regole per creare gli Indovinelli

Ecco una nuova anteprima della prossima espansione meccanica di D&D 5e.

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Ghost Hunters, Stargate e Worlds Without Number

Venite a scoprire le ultime campagne nel campo dei GdR ora attive su Kickstarter.

Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 8: L'importanza delle Strutture Ordinate

Continuiamo con l'ottava parte della rubrica sulle strutture basilari dei nostri giochi preferiti parlando di come determinare una sequenza di decisioni.

Read more...

La Tirannia della Griglia di Battaglia

Dopo averci mostrato come giocare senza la griglia di battaglia Mike Shea di Sly Flourish ci spiega i motivi per cui è più divertente non usarla.

Read more...

Salvatore e Lockwood parteciperanno a un Seminario sui Forgotten Realms al Lucca Changes

Verso fine ottobre potrete seguire online, durante la fiera in streaming di Lucca, l'intervento di due mostri sacri che hanno contribuire a dare forma al mondo dei Reami Dimenticati.

Read more...

Recommended Posts


  • Replies 161
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ho due bambini piccoli, e si capiscono tante cose sugli incentivi e sul framing, cioé il creare la giusta "cornice concettuale" per interpretare la realtà. Se mio figlio non mangia la verdura, la cosa

@nolavocals , sono arrivato solo adesso e, lo ammetto, non ho letto tutta la discussione ma solo la prima e l'ultima pagina. Anche se fuori tempo massimo, mi permetto di aggiungere un mio piccolo

Certo, è vero. Anch' io ho cominciato con la 2a edizione e lì erano previste riduzioni di PE per chi si discostava dal proprio allineamento (non in generale per qualsiasi "sbaglio" nel role play: solo

Posted Images

  • Moderators - supermoderator
3 minuti fa, nolavocals ha scritto:

Come gestireste un pg che non segue i dogmi del proprio dio e/o quelli del proprio background?

Ma parliamo di un PG che ha un qualche motivo serio narrativo per seguire tali dogmi (vedi un chierico)? Quali sarebbero comunque i dogmi del proprio background?

Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
7 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Ma parliamo di un PG che ha un qualche motivo serio narrativo per seguire tali dogmi (vedi un chierico)?

si

Cita

Quali sarebbero comunque i dogmi del proprio background?

per background intendo Ideale, difetto, tratto, legame

Edited by nolavocals
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
3 minuti fa, nolavocals ha scritto:

si

per background intendo Ideale, difetto, tratto, legame

Intanto cercherei di capire se non li sta proprio seguendo, se invece magari li sta interpretando diversamente da come penso io (d'altronde quelle dei background sono sempre linee guida e comunque abbastanza intercambiabili) e in caso perché non li segue (distrazione del giocatore/incomprensioni varie ecc). Se poi salta fuori che è perché il concetto del personaggio che aveva in mente rispetto a divinità/ideali da venerare/background ha delle discrepanze ci lavorerei assieme per sistemare la cosa. Se poi andando ancora più a fondo salta fuori che non gli interessa quella parte del gioco si valuta tutti insieme al tavolo come gestire la cosa.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, nolavocals said:

per background intendo Ideale, difetto, tratto, legame

Digli di cambiarli (discutendone insieme) per renderli più vicini a come effettivamente si comporta: la personalità (che è nello stesso capitolo del background ma che è legato a questo solo come un esempio) serve a lui per avere dei vantaggi (l'ispirazione), se non la segue che la ha scritta a fare? Se ha scritto che il suo difetto è che è pacifista e invece è un crudele sanguinario e sadico, scrivete che è un crudele sanguinario e sadico e finisce lì. Se invece il problema è che un crudele sanguinario e sadico non va bene nella campagna, il problema è a monte e sicuramente va discusso. Ma se segue una personalità accettabile e semplicemente diversa da quella che ha scritto all'inizio, non c'è problema.

Per la questione dei dogmi degli Dei non si può rispondere in generale, dipende dall'ambientazione, dagli Dei.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
40 minuti fa, bobon123 ha scritto:

se non la segue che la ha scritta a fare?

domanda che mi pongo spesso, sembra che ora vada molto di moda fare il pg poi giocarlo senza nessuna linea da seguire.

 

40 minuti fa, bobon123 ha scritto:

Per la questione dei dogmi degli Dei non si può rispondere in generale, dipende dall'ambientazione, dagli Dei.

forgotten realms, dove le divinità sono come per gli dei dell'olimpo, contatto diretto con i suoi seguaci, prendono potere dalle preghiere. E direi che si offendono se non viene portato rispetto e ovviamente potrebbero portare aiuti a chi porta la loro parola. Credo sia importante che vengano seguiti e non amando molto le interpretazioni in 50 modi di una scritta utilizzo una lista chiara presa dai manuali.

Poi magari sono io che sbaglio, per questo chiedevo, esser privati dai poteri fino a espiazione potrebbe essere una idea?

P.s. trovo giusto che se uno, scelto il pg come vuole, debba seguirne gli aspetti gdr, altrimenti non contano nulla, come per l'allineamento, tanto vale non scrivere nulla e amen

Edited by nolavocals
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
9 minuti fa, nolavocals ha scritto:

domanda che mi pongo spesso, sembra che ora vada molto di moda fare il pg poi giocarlo senza nessuna linea da seguire.

Facci qualche esempio più pratico, in cosa sta deviando dalle linee guida prestabilite?

Era chiaro al giocatore cosa avrebbe comportato fare un PG del genere? Magari c'è stata una incomprensione di fondo. Non è che le tue aspettative di come si dovrebbe giocare un certo tipo di PG stanno influendo eccessivamente?

10 minuti fa, nolavocals ha scritto:

Poi magari sono io che sbaglio, per questo chiedevo, esser privati dai poteri fino a espiazione potrebbe essere una idea?

Ecco magari prima di arrivare a quegli estremi ci sono molte opzioni intermedie.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
5 minutes ago, nolavocals said:

domanda che mi pongo spesso, sembra che ora vada molto di moda fare il pg poi giocarlo senza nessuna linea da seguire.

Beh, dal punto di vista meccanico ci perdono e basta, l'ispirazione può essere molto utile. Se per te l'interpretazione di un personaggio con una morale diversa dal giocatore è una parte importante dell'esperienza di gioco e a lui interessa così poco giocare di ruolo che è disposto a perdere un bonus meccanico pur di non farlo, realisticamente è il caso che ne discutiate. E ti prego, evita di mettere in ogni post un riferimento a come ora sia così e prima non lo fosse. Negli anni '90 girava la peggio roba dal lato di interpretazione, viviamo in un'epoca d'oro dal lato della comprensione del gioco e della abilità di interpretare, anche per via di esempi positivi molto più diffusi e fruibili di prima.

Davvero, sembra di sentire i boomer che parlano di come il mondo sia diventato violento.

5 minutes ago, nolavocals said:

Poi magari sono io che sbaglio, per questo chiedevo, esser privati dai poteri fino a espiazione potrebbe essere una idea?

Per me è una pessima idea, a meno che non credi possa essere divertente per lui. Nessuno inizia a giocare di ruolo perché forzato, e non è comunque una dinamica sana imporsi da master se al giocatore non diverte fare qualcosa. Se volete fare cose diverse, parlaci e andate per strade diverse.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Facci qualche esempio più pratico, in cosa sta deviando dalle linee guida prestabilite?

esempio chierico di Tempus:

1) non avere paura

2) non ritirarti mai da un combattimento

3)obbedisci alle regole della guerra

3 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Era chiaro al giocatore cosa avrebbe comportato fare un PG del genere?

si, sempre avvisati, normalmente le risposte sono:"ok, capito" poi succede il solito 

3 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Magari c'è stata una incomprensione di fondo. Non è che le tue aspettative di come si dovrebbe giocare un certo tipo di PG stanno influendo eccessivamente?

possibile ma se ti dico, fai il pg e metti ideale, difetto ecc in poche parole non reinterpretabili di come lo vuoi e poi seguile, non credo ci siano dubbi

3 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Ecco magari prima di arrivare a quegli estremi ci sono molte opzioni intermedie.

il potere perso era un classico, il fatto di essere sempre di manica larga per molto tempo non ha portato effetti positivi se non un " tanto vale lasciare bianca mezza scheda"

Poi magari è capitato solo a me

Link to post
Share on other sites

Forse dovresti esporci la situazione contingente per capire di cosa si sta parlando, detta così sembra solo che tu stia cercando approvazione per la tua visione delle cose al fine di punire il giocatore con la coscienza pulita.

EDIT: Mi viene da dire semplicemente che i tuoi giocatori non siano interessati a giocare certe cose, se desiderano un gioco più "leggero" in cui i tratti della personalità vengono fuori solo raramente o anche mai non puoi obbligarli, è un gioco.

Edited by Drimos
  • Like 3
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
1 minuto fa, nolavocals ha scritto:

esempio chierico di Tempus:

1) non avere paura

2) non ritirarti mai da un combattimento

3)obbedisci alle regole della guerra

E in che modo ci sarebbe andato contro?

Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
11 minuti fa, bobon123 ha scritto:

Beh, dal punto di vista meccanico ci perdono e basta, l'ispirazione può essere molto utile. Se per te l'interpretazione di un personaggio con una morale diversa dal giocatore è una parte importante dell'esperienza di gioco e a lui interessa così poco giocare di ruolo che è disposto a perdere un bonus meccanico pur di non farlo, realisticamente è il caso che ne discutiate. E ti prego, evita di mettere in ogni post un riferimento a come ora sia così e prima non lo fosse. Negli anni '90 girava la peggio roba dal lato di interpretazione, viviamo in un'epoca d'oro dal lato della comprensione del gioco e della abilità di interpretare, anche per via di esempi positivi molto più diffusi e fruibili di prima.

mi spiace. ora è tutto diverso e i giochi si sono aggiornati, ma in pratica dici le mie stesse cose alla rovescio cioè: i gdr vecchi fanno schifo i nuovi sono molto meglio. idee, che ognuno ha e l'assoluta libertà di esprimersi. Anche perchè, diciamolo, scriverlo non uccide nessuno e se non piace amen. si può non leggere. 

Cita

Davvero, sembra di sentire i boomer che parlano di come il mondo sia diventato violento.

Per me è una pessima idea, a meno che non credi possa essere divertente per lui. Nessuno inizia a giocare di ruolo perché forzato, e non è comunque una dinamica sana imporsi da master se al giocatore non diverte fare qualcosa. Se volete fare cose diverse, parlaci e andate per strade diverse.

se uno non gioca di ruolo allora consigli di buttarsi sui boardgame

@Alonewolf87

ho messo un esempio. Di concreto è capitato che un pg del gruppo con un druido di chauntea ha dato fuoco ad una foresta ed all'albero "madre" e il druido non ha fatto nulla, se non sbattersene alla grande. 

@Drimos

capisco cosa dici, nessuna approvazione ci mancherebbe, ho già deciso cosa fare. 

Ma quindi anche tu consigli schede mezze vuote? tanto se non segui che scrivi a fare certe cose?

Edited by nolavocals
Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, nolavocals said:

se uno non gioca di ruolo allora consigli di buttarsi sui boardgame

Non capisco se stai chiedendo la nostra approvazione per un fatto che non hai spiegato, o se stai chiedendo un consiglio su come comportarti. Se è la seconda, sostanzialmente concordiamo: se a lui non interessa giocare come piace a te, non giocate insieme.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
9 minuti fa, nolavocals ha scritto:

ho messo un esempio.

Dove?Me lo devo essere perso...

9 minuti fa, nolavocals ha scritto:

Di concreto è capitato che un pg del gruppo con un druido di chauntea ha dato fuoco ad una foresta ed all'albero "madre" e il druido non ha fatto nulla, se non sbattersene alla grande. 

Perché ci hanno dato fuoco (anche perché Chauntea da divinità dell'agricoltura potrebbe avere tutta un suo apprezzamento su certi interventi antropici sulla natura) ? Cosa sarebbe "l'albero madre"?

Comunque faccio presente che il druido che "no non possiamo torcere un capello ad un singolo albero, filo d'erba o animaletto del campo" mi pare un'estremizzazione esagerata. Che poi magari ci sarebbe stato che un druido scegliesse l'opzione "incendiamo la foresta" solo come ultima ratio è un altro discorso

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, nolavocals ha scritto:

Ma quindi anche tu consigli schede mezze vuote? tanto se non segui che scrivi a fare certe cose?

Non ho assolutamente capito la tua seconda domanda, ma consiglio di far giocare ai giocatori quello che vogliono giocare, forzarli li porterà a farlo di malavoglia (quindi male e poco) o non farlo direttamente come sta capitando a te, semplicemente ignorandoti. Io ho avuto giocatori che avevano idee di gioco diverse dalla mia e altrettanto legittime, semplicemente ho smesso di giocare con loro a D&D e gioco ai giochi da tavolo. Mi diverto io, si divertono loro, nessuno si sente obbligato. Ho trovato altri gruppi.

Edited by Drimos
  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
9 minuti fa, nolavocals ha scritto:

capisco cosa dici, nessuna approvazione ci mancherebbe, ho già deciso cosa fare. 

Bello vedere che quindi questa discussione ha una grande utilità per te 😅

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
4 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Dove?Me lo devo essere perso...

mi riferivo ai dogmi di tempus per farti un esempio di come siano chiari

Cita

Perché ci hanno dato fuoco (anche perché Chauntea da divinità dell'agricoltura potrebbe avere tutta un suo apprezzamento su certi interventi antropici sulla natura) ? Cosa sarebbe "l'albero madre"?

il druido ha ricevuto richiesta di salvare l'albero ed il suo druido (albero madre, antico albero utilizzati dai druidi capo per gestire la natura) e andato con il suo gruppo trovano la zona infestata da ragni. uno dei giocatori attaccato da questi ultimi, decide di utilizzare mani brucianti sulle enormi quantità di ragnatele presenti, dando fuoco a tutto.  

@Drimos

dico solo che capisco cosa intendi ma se tu mi chiedi di giocare e ti dico che vanno seguiti i background e dogmi, se non ti piace non partecipi, più che farlo e poi non seguire le regole.

@Alonewolf87

cercavo di capire come agite voi, ma ho visto che le risposte in generale non sono nette ma solitamente: discutere e parlare. Ed anche se trovo corretta la cosa dopo averlo fatto per 2000 volte mi serve altre idee. Una delle quali, da quello che capisco è escludere il giocatore. 

Edited by nolavocals
Link to post
Share on other sites

Discuto con il giocatore dei miei dubbi sulla situazione. Gli spiego con dettaglio quali siano le conseguenza naturali della cosa, secondo me. E' importante la concretezza e la precisione.

Poi facciamo delle proposte per trovare la quadra. Si può modificare il PG (IG o OOG).

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, nolavocals ha scritto:

il druido ha ricevuto richiesta di salvare l'albero ed il suo druido (albero madre, antico albero utilizzati dai druidi capo per gestire la natura) e andato con il suo gruppo trovano la zona infestata da ragni. uno dei giocatori attaccato da questi ultimi, decide di utilizzare mani brucianti sulle enormi quantità di ragnatele presenti, dando fuoco a tutto.  

Secondo te come sarebbe dovuta andare? Avrebbe dovuto rimbrottare il suo compagno? Attaccarlo? Tramare vendetta? Digli che secondo te la situazione è un po' insensata e chiedigli se è dovuto al fatto che non ci avesse pensato oppure se sta giocando il druido solo perché gli piace la classe e magari vuole rivedere il concept del personaggio in modo che sia più preso.

Anche se potrebbe darsi che semplicemente non è interessato a giocare un personaggio attivo e gioca per vedere che succede, secondo me questo stile di gioco è molto diffuso e legittimo, a me non piace personalmente e infatti ho smesso di giocare con le persone di questo tipo, cercando giocatori più appassionati. Punire le persone per come giocano non le convincerà a giocare come vuoi, soprattutto se glie lo hai già detto e non hanno reagito, chiaramente non è ciò che desiderano fare.

Edited by Drimos
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
In questo momento, nolavocals ha scritto:

mi riferivo ai dogmi di tempus per farti un esempio di come siano chiari

Io ti chiedevo come li aveva infranti invece.

In questo momento, nolavocals ha scritto:

il druido ha ricevuto richiesta di salvare l'albero ed il suo druido (albero madre, antico albero utilizzati dai druidi capo per gestire la natura) e andato con il suo gruppo trovano la zona infestata da ragni. uno dei giocatori attaccato da questi ultimi, decide di utilizzare mani brucianti sulle enormi quantità di ragnatele presenti, dando fuoco a tutto.  

Ok quindi è stato incidentale durante un tentativo di salvarsi non premeditato, ci sarebbe potuto stare che il druido sia "stizzisse" e facesse la mega ramanzina a chi ha tirato mani brucianti. Se era chiaro questo concetto (ovvero un generale rispetto di un druido per la natura e gli altri druidi) al giocatore, ma non ha voluto interpretare la scena perché non l'ha voluto fare? Glielo hai chiesto?

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Vassallo del Regno
      Salve. Ho dei personaggi creati con D&D old (scatola rossa base expert etc) 
      vorrei usare delle avventure di altri D&D, Ad D&D, 3, 3,5, 4 e 5
      Ma un PG da scatola rossa è meno forte di uno creato con la 3.5, 4 e cosi via.
      Non hanno talenti, abilità, e via dicendo, quindi mostri che possono tenere testa a PG di sesto livello della 3.5,
      un PG di sesto livello dell'old lo spazzano via con pochi colpi.
      Non posso convertire i PG dall'old alle vari versioni, i player direbbero che cosi vengono travisati, non sarebbero più loro etc
      Non posso convertire i mostri delle varie avventure e tirare di nuovo per tutti i pf, danni e altro.
      Vorrei sapere come per ogni avventure equilibrare il numero di PG ai nemici incontrati,
      ad esempio avventura della 3.5 per 4 PG di 4 livello, quanti PG dell'old ci vogliono ? 8 di 4 livello ? 10 di 4 livello ? o livelli superiori tipo 6 o 8 PG di 6 livello ?
      La domanda è per i master ma anche giocatori, che giocando hanno visto la difficoltà avuta dai loro PG creati per quella versione.
      Ecco alcune avventure che si trovano su ebay facilmente, e che vorrei fare.
      Riflessi del Passato, Il circolo distrutto, La Spada delle Valli, Ululato nella notte, Luci nella palude, La cittadella senza sole, La pietra eretta, Ombre dell'ultima guerra, Fortezza sulla coltre oscura, e le recenti della 5.
      Grazie a tutti per l'aiuto.
    • By Percio
      Premessa: non sono qui per difendere a spada tratta Paizo o WotC. Le domande che pongo sono "ingenue", senza secondi fini. Vi chiedo anche di soprassedere sui sistemi per cui queste saghe sono state realizzate; quello che mi interessa è il tipo di avventura che sono state sviluppate dalle due case editrici a supporto dell'uno e dell'altro.
      Leggiucchiando gli Adventure Path della Paizo per Pathfinder 1e e quelli della WotC per D&D 5 e ho avuto l'impressione che i primi siano più "dritti" (ad eccezione di Alba dei re) mentre i secondi un po' più "aperti", con vari momenti in cui i PG potenzialmente potrebbero trovarsi con più spunti contemporaneamente (come nell'avventura dello starter set, o nell'ultima Icewind Dale). Quelli Paizo sembrano essere una catena precisa di scene (scena A, poi B, poi C, ecc) mentre in quelli WotC si alternano momenti simili con altri in cui il gruppo può fare A o B o C o due o tre lettere insieme. È solo una mia impressione? Internet sembra sostenere che dietro le saghe WotC in realtà si celino dei percorsi altrettanto dritti, con la sola differenza che lasciano al master l'arduo compito di collegare i diversi capitoli. Cosa ne pensate?
      E ancora: mi sembra che quelli Paizo siano un po' tutti uguali nel loro canovaccio di base, forse a causa del "genere" (nuovi eroi nascono e salvano il mondo), anche se ogni saga ha ovviamente le sue peculiarità (alcune iniziano col botto altre in modo più classico; quasi tutte hanno delle "scene" particolari e originali, ecc). Pensate che quelle WotC siano più variegate?
      E già che ci siamo: quale gruppo vi piace di più? Perché? Quale Adventure Path del gruppo rivale pensate sia fatto bene? Perché? 
    • By Vassallo del Regno
      Salve a tutti.
      Vorrei chiedere informazioni su alcune riviste vecchie sui GDR.
      Inizio con Ferro & Fuoco.
      Mi servirebbe sapere cosa contenevano i  vari numeri,
      e ancora meglio se qualcuno ha foto delle copertine cosi da poter vedere i contenuti,
      che in alcune riviste erano riportati in copertina.
      Poi inserirò le altre appena concluso con le prime.
      Grazie a tutti.
    • By NooB4EveR125
      Ragazzi, innanzitutto buon pomeriggio/sera a tutti voi del forum.
      Volevo sapere alcuni vostri pensieri (esposti in maniera educata e più chiara possibile) sulle scelte dei master di usare uno dei due manuali di gioco.
      Io ed un mio gruppo, stiamo giocando attualmente con la 5e (da gennaio 2020). Ho dato una letta al manuale, è rispetto alla 3.5 è molto più semplificata, ma tralascia TANTE cose, ed altre sono a libera decisione del master.
      Notato anche che i personaggio arrivati al lv20, rimangono "comuni", nel senso che su pathfinder molti definiscono il raggiungimento del lv20 come EROI, e che i mostri di basso livello, non sono più una minaccia al contrario della 5e.
      Leggendo invece pathfinder (mi ricorda tantissimo la 3.5) ho notato che le subclass, sono assenti, al contrario della 5e. Però ho anche notato che hai leggermente più libertà nella personalizzazione del personaggio. Anche se come manuale può essere leggermente più macchinoso.

      Potreste darmi una delucida su queste due fazioni LETTERALMENTE separate?
      Mi sembrano interessanti entrambi i manuali, la 5e più semplice è lascia narrativa al master
      Pathfinder mi pare di capire che alla lunga il master deve mettere draghi antichi o tarrasque per rendere uno scontro equilibrato, erro?
      Spiegatemi perpiacere
    • By Hero81
      Ho creato un piccolo gioco fantasy minimale: poche regole, pochi punti ferita e magia improvvisata.
      Ho notato che i giocatori che interpretano un mago si divertono assai nell'inventare effetti sempre nuovi.
      I non maghi fanno sempre le stesse cose: alla lunga super noioso.
      Il gioco inoltre ha poco crunch: quattro skill in croce.
      Per cui guerrieri e ladri si assomigliano tutti.
      Che posso fare per dare varietà e aggiungere divertimento per i mundane?
      Un sistema di stunt in combattimento improvvisati ben fatto dove lo trovo?
       

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.