Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Hexcrawl : Parte 7 - Scheda del DM

Un'utile scheda per i DM realizzata per aiutarli a tenere traccia degli esagoni da percorrere, degli incontri e di molti altri elementi importante durante un hexcrawl.

Read more...

Spunti di trama "Serpentini": Fazioni Ribelli - Parte 2

Continuiamo la nostra serie di agganci di trama basati sulle fazioni di Eversink.

Read more...

Death Metal

I metalli sono sempre stati estremamente preziosi per ogni civiltà, ma da dove hanno avuto origine?

Read more...
By Lucane

L'Arte della Legenda: Parte 2 - La Legenda Essenziale

Dal blog The Alexandrian eccovi la seconda parte di una guida rapida alla creazione di una legenda per le nostre avventure. 

Read more...

Tracy e Laura Hickman annunciano la loro nuova ambientazione per D&D 5E: Skyraiders of Abarax

Tracy e Laura Hickman hanno annunciato la loro nuova e inedita ambientazione per le regole di D&D 5a Edizione.

Read more...

La Mezzaluna Argentea


Recommended Posts

 

Buonasera a tutti,

vi scrivo in merito al fatto che non ho molte idee su come strutturare l'ambientazione e gli enigmi del Dungeon che presto i miei pg affronteranno nel corso della nostra campagna.

Premetto che non giochiamo di ruolo in modo convenzionale poichè, pur conservando alcune meccaniche di D&D, mi è stato chiaro sin da subito quanto l'adattare il gioco al gusto dei miei pg e del sottoscritto, abbia inevitabilmente portato ad una personalizzazione del nostro giocare.

Tanto per intenderci non utilizzo avventure precostruite così come ambientazioni, nemici e personaggi che per quanto mi consenta la fantasia cerco sempre di creare da zero. 

Ho inventato classi, armi, incantesimi ecc...

So che possa risultare ostico creare ex novo tutto ciò che concerne il mondo di gioco, ma il risultato finale è quello di dar vita ad un avventura molto singolare.

Premetto inoltre che su Dragon's Lair ho potuto apprezzare consigli ed idee che in seguito ho riadattato ai canoni del mio mondo di gioco, e sono estremamente grato agli utenti che mi hanno prestato aiuto.

Pertanto fatte le dovute premesse sarei davvero grato se qualcuno di voi potesse suggerirmi spunti o idee su questa nuova fase dell'avventura.

I miei pg sono al momento alle prese con un intricato labirinto in una landa preistorica e penso quindi che giungeranno al luogo che vado a descrivervi non prima di un paio di mesi, considerando la nostra frequenza di gioco.

In parole povere, la Mezzaluna Argentea del titolo non è altro che un veicolo spaziale dalla forma simil-disco volante incastonato per metà nella superficie terrestre, il raggio del velivolo è di circa 50-60 metri ed esso si sviluppa in stanze concentriche che vanno a confluire nel nucleo della navicella. 

Purtroppo sono abbastanza incerto su cosa inserire in questa fase esplorativa: quali nemici, quali enigmi, quali artefatti.

La Mezzaluna è rimasta sigillata per decenni, ed i pg potranno accedervi solo grazie ad una componente scovata nel labirinto entro il quale stanno ancora esplorando.

Non masterizzo in modo eccessivamente "tunneloso" o "a rotaia", ma il tutto fa parte di una main-quest che i pg stanno affrontando con coinvolgimento e quindi sono quasi certo che si dirigeranno alla Mezzaluna.

Oltre queste premesse di base sto cercando di contestualizzare la presenza della suddetta, di crearne una storia efficace, o una popolazione che potrebbe essere sopravvissuta al suo interno pur in numero esiguo, ma non ho ancora delineato nulla di preciso.

Il fatto è che vorrei astenermi dal rifarmi troppo ad altri gdr come "Call of Cthulu" per evitare simiglianze eccessive, anche se le atsmosfere potrebbero ispirarsi ad esso come ad alcuni celebri film fantascientifici.

Inoltre è un mio personale chiodo fisso quello di inserire enigmi gravitazionali, portali, interni al velivolo, per altri mondi, e prove di hacking (sì, avete capito bene, un mio pg infatti sta sviluppando la seconda classe come hacker).

Mi piacerebbe inoltre tributare qualcosa al tema della clonazione, degli androidi o dell'isolamento nello spazio profondo (il mezzo potrebbe inavvertitamente decollare con i pg al suo interno ecc...).

Ho un sacco di buoni propositi per rendere l'esplorazione interessante per i pg, ma poche idee concrete, vi sarei immensamente grato per qualsiasi trovata, ispirazione o lume in tal senso.

grazie in anticipo per l'attenzione.

Disalbatro

Edited by Disalbatro
Link to comment
Share on other sites


Una navetta precipitata  e chiusa da decenni. Di 50-60 metri di diametro. Credo che l'unica popolazione interna plausibile sia quella di droidi che da anni cercano di riparare la nave, e farla ripartire, spaesati per la morte dell'equipaggio "biologico" e in attesa di ordini.

Le quest interne credo che siano più che altro trovare pezzi, riattivare componeenti/droidi/computer di bordo e il modo di aprire porte sigillate che richiedono una presenza biologica per aprirle (il tutto per avere una certa plausibilità, all'interno di una nave enigmi strambi non ce li vedo molto)

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Grazie mille Albedo,

si la questione dei droidi-androidi ancora attivi è la più plausibile, tuttavia potrei svilupparli come asserviti ad una razza aliena che si trova in stato letargico, ad esempio racchiusa in enormi bozzoli, una razza ostile che i droidi tentano di risvegliare, ma di cui, per loro stessa natura, ignorano gli scopi e le inclinazioni, potrei addirittura far sì che i droidi cerchino aiuto dai pg per poter porre le condizioni di risveglio della razza aliena, se i pg dovessero appoggiarli nello scopo si ritroverebbero in un luogo davvero ostile perchè sconosciuto in primis, e assoggettato al volere alieno che ora vanta il dominio della nave e degli stessi droidi come combattenti.

Più che enigmi strambi, hai fatto centro su ciò che vorrei proporre, appunto riattivazione di porte e meccanismi, un involontaria sequenza di decollo attivata, o appunto stanze in cui sfruttare la gravità invertita o la sua totale assenza per risolvere enigmi.

Vorrei inserire potenti calcolatori dipolari (ho preso a mani basse da Stephen King nella sua "Torre Nera") che abbiano volontà propria, che provino ad ingannare i Pg, a plagiarli, che magari decenni prima si ribellarono alla stessa razza aliena che li costruì.

Inserire enigmi con rudimenti di chimica o fisica non mi dispiacerebbe inoltre.

 

 

 

Edited by Disalbatro
Link to comment
Share on other sites

53 minuti fa, MattoMatteo ha scritto:

Mutanti causati da infinitesimale perdite del reattore, troppo piccole per danneggiare i pg, ma sul lungo periodo (parlo di generazioni) abbastanza potenti da mutare gli animali caricati come "campioni biologici".

Anch'esso un buonissimo spunto, grazie davvero, la questione scorie nucleari tra l'altro fa parte dell'intera campagna, quindi mi sembra più che appropriata da inserire anche qui. :)

Link to comment
Share on other sites

Sto facendo anche io una ambientazione (sempre per AD&D) traendo spunto da diverse parti con razze aliene inventate e quindi anche incantesimi particolari e abilità. Non so se ti possa interessare il file pdf che sto facendo, se vuoi te lo mando via mail.

In generale le idee possono venire da diverse fonti, ma anche e soprattutto dalle nuove abilità che hai creato. Cioè "cosa può fare un hacker evoluto"? Oppure forme di magia particolari le hai inventate?

Ti possono interessare questi link?

https://docmanhattan.blogspot.com/2011/01/jayce-il-cavaliere-dello-spazio-contro.html

https://en.wikipedia.org/wiki/Dino-Riders

https://it.wikipedia.org/wiki/Robotech

 Potrebber odarti spunti su cosa mettere di tecnologico a livello alieno in un velivolo.

 

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Dr. Randazzo ha scritto:

Sto facendo anche io una ambientazione (sempre per AD&D) traendo spunto da diverse parti con razze aliene inventate e quindi anche incantesimi particolari e abilità. Non so se ti possa interessare il file pdf che sto facendo, se vuoi te lo mando via mail.

In generale le idee possono venire da diverse fonti, ma anche e soprattutto dalle nuove abilità che hai creato. Cioè "cosa può fare un hacker evoluto"? Oppure forme di magia particolari le hai inventate?

Ti possono interessare questi link?

https://docmanhattan.blogspot.com/2011/01/jayce-il-cavaliere-dello-spazio-contro.html

https://en.wikipedia.org/wiki/Dino-Riders

https://it.wikipedia.org/wiki/Robotech

 Potrebber odarti spunti su cosa mettere di tecnologico a livello alieno in un velivolo.

 

Grazie mille Dr. Randazzo, appena ho tempo guarderò i link che hai postato, la mail te l'ho inviata tramite messaggio.

Per quanto riguarda la classe hacker, essenzialmente si sviluppa salendo di livello come le altre classi, per le prime interazioni, abbastanza basilari, consente di ottenere informazioni, oltrepassare alcuni meccanismi di sorveglianza o di dominare macchinari minori, ad esempio torrette mitragliatrici (non so se tu abbia mai giocato a Bioshock). Ovviamente le abilità aumenteranno con l'avanzare di livello, ad esempio andando a controllare androidi o veicoli da guerra ecc...

Mi piacerebbe anche inserire qualche elemento alla Matrix, il poter generare impulsi elettromagnetici ecc..

Onestamente sto ancora lavorando su questa classe dato che è la classe secondaria del pg in questione e che ne appena venuto in possesso.

Grazie ancora per la disponibilità.

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

leggendo la tua premessa sull'astronave, la prima cosa che mi è venuta in mente è di "popolarla" solo da un numero preciso di cloni nati sempre dalla stessa matrice biologica (passami i termini pseudo scientifici :D ).

La storia alla base è che all'interno della navicella è installato un laboratorio totalmente automatico con l'unico scopo di rimpiazzare i cloni in caso di incidente o morte. Nel corso degli anni, qualcosa è andato storto nella sequenza, causando delle anomalie tra un clone e l'altro. Questo ti permette di piazzare nemici apparentemente simili ma con diverse capacità.

I cloni, anche se possiedono libero arbitrio, vengono generati con delle limitazioni comportamentali a favore della sopravvivenza dell'AI che controlla l'astronave. In tal modo dai una spiegazione sul perché non abbiano mai abbandonato il velivolo spaziale, rimanendo volontariamente confinati al suo interno per occuparsi della manutenzione. Tutt'al più, dato che hai parlato di portali, potrebbero essercene attivi che si affacciano su mondi selvaggi, usati esclusivamente per raccogliere materie prime utili al sostentamento dei cloni e ad alimentare tecnologie simili alle nostrane stampanti 3d.

Una soluzione simile ti solleverebbe dal solito binomio astronave abbandonata = droidi impazziti.

Link to comment
Share on other sites

Posso sapere come hai inquadrato la meccanica della classe Hacker? Perchè ho affrontato diversamente il concetto di "tecnologia" nelle mie ambientazioni. Più in generale riassumo brevemente: Magia Vanciana degli Esperti di Magia con nuova scuola Tecnomanzia, nuova Disciplina Psichica: Psicotecnologia, Abilità specifiche di un kit di Ladro con meccanica equivalente alle abilità del Ladro ufficiale e cioè abilità con percentuali migliorabili ad ogni passaggio di livello.

Il file dell'ambientazione preistorica di cui ti parlavo è in costruzione, ma sono a buon punto. l'altro, quello che riguarda altre ambientazioni (con tecnologia avanzata) invece è finito.

Comunque mi sono convinto a creare nuove abilità specifiche (quindi diverse) per le razze aliene rispetto a quelle umane/tradizionali e perfino sfere sacerdotali apposite. Questo eprchè provenendo da culture diverse, avevo immaginato a sviluppi diversi delle classi: non esistono Esperti di Magia alieni.

Link to comment
Share on other sites

In D&D il concetto di coscienza che esiste staccata dal corpo è ben stabilito. È molto platonico e cartesiano: anima/mente/spirito sono poco dipendenti dal corpo fisico e si possono staccare senza cambiamenti significativi.

I tuoi alieni della mezzaluna possono allora essersi uploadati nel sistema dell’astronave e i loro corpi sono morti. Magari lo hanno fatto come misura estrema dopo il crash, perché i corpi fisici erano troppo danneggiati. Meglio ancora, il processo non è stato volontario. Magari stavano in upload per gestire l’astronave mentre i corpi erano in stasi ma i sarcofagi criogenici hanno fatto la schermata blu, oppure c’è stato un virus che li ha staccati dal corpo mentre erano interfacciati ai sistemi di controllo.

Ora sono moooolto desiderosi di acquisire dei nuovi corpi, chissà di chi saranno questi nuovi corpaccioni? O magari solo alcuni vogliono rubare corpi nuovi, poi c’è un’altra fazione più eticamente sostenibile che li avversa. I PG potrebbero entrare nel sistema per qualche motivo, vivendo in un mondo virtuale con diverse regole per questa parte dell’avventura. Ci sono molti motivi per tentarlo. E visto che ci piace il romanticismo, perché non creare una situazione in cui un PG possa eventualmente innamorarsi di un’entità aliena, prima di capire che essa ha un’esistenza virtuale? Magari non è nemmeno possibile che queste coscienze virtuali si trasferiscano davvero in un corpo fisico, nonostante la convinzione... tragedy ensues! O magari possono farlo davvero - e allora come procurare un corpo alla nostra dolce principessa intrappolata nel sistema? Senza rubarlo a qualcun altro.

Per la clonazione: nei racconti dell’Eriophora di Peter Watts, c’è un’astronave che perorre l’universo per miliardi di anni, e i suoi occupanti vivono per brevi periodi separati da centinaia di milioni di anni in stasi. A un certo punto il sistema di controllo dell’astronave, un’AI soprannominata “the chimp” (non è molto sveglia), genera un nuovo membro dell’equipaggio con il materiale genetico apposito; ma nonostante la spessa schermatura della nave di basalto, nei miliardi di anni la minima quantit`a di radiazioni penetrata ha corrotto leggermente i geni, e il nuovo membro è meno che perfetto. Ecco, magari le nostre coscienze uploadate hanno provato a generare nuovi corpi ma i geni erano corrotti, così hanno la scelta tra restare in upload in attesa di corpi buoni da possedere, o downloadarsi in questi organismi mutati. Mostruosi, ovvio, bisogna decidere se lo siano in modo evidente o siano solo corrotti internamente (con tutte le conseguenze neuroetiche del caso).

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Renis
      Da questo link potete scaricare gratuitamente la Quick Start Guide 2.0 La Notte Eterna per download gratuito.

      Questa piccola guida vi fornirà gli elementi essenziali per iniziare le vostre avventure ne "La Notte Eterna", ambientazione epic-fantasy per 5e. All'interno della QSG troverai il link per scaricare: Scheda del Giocatore 1 Battle Map a colori. Segui la pagina Facebook della Notte Eterna per scoprire le ultime novità e partecipare al Kickstarter. Vuoi giocare in anteprima alla Notte Eterna? Stiamo cercando beta tester per delle sessioni live sui nostri canali social. Se ti interessa invia pure la tua candidatura, clicca qui.
    • By supremenerd88
      Un saluto a tutti.
      Ho letto diversi anni fa (più di quanti vorrei ammettere), alcuni libri legati alle ambientazioni di D&D Dragonlance e Forgotten Realms. Chiedendomi "avranno mai fatto dei libri ambientati a Golarion?" mi sono imbattuto in una collana chiamata "Pathfinder Tales" che credo appunto risponda alla mia domanda.
      https://paizo.com/store/pathfinder/fiction/tales/novels
      Questi libri però non li trovo tradotti in lingua italiana e da qui la domanda: sono stati tradotti? Se si, dove si possono acquistare?
      In italiano ho trovato solo:
      https://www.amazon.it/Signore-delle-Rune-Pathfinder-Tales/dp/8867023217/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-1
      https://www.amazon.it/Lisola-del-traditore-Pathfinder-tales/dp/8867023306/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-2
      Grazie.
    • By Renis
      Sono trascorsi 161 anni dal giorno in cui la Guerra Celeste ebbe inizio. Un conflitto che vede schierate le divinità e le loro immense armate in una lotta di supremazia che finora non ha decretato né vincitori né vinti.
      Quando nel cielo si levò il primo grido di battaglia, potente e terribile come un tuono, le tenebre di un cosmo avido e crudele inghiottirono il sole. Esso si perse in un manto di gelide stelle senza lasciar traccia; rubato, si dice, da un dio cieco e crudele.
      Consultate l’erudito, parlate pure con il volgo, chiedete loro il nome di questo buio perenne che ha ottenebrato il cielo ed i cuori degli uomini: “Quest’epoca oscura, di sangue e di lacrime" vi risponderanno, "è la Notte Eterna”.    
      Le genti di questo mondo affranto, di Neir, hanno dimenticato la calda carezza del sole, che nella loro stoltezza relegano al mito di una religione morente. Essi non possono sapere che il dio della luce, straziato ma ancora vivo, ha donato parte della sua essenza alla Luna come ultimo sacrificio agli ingrati mortali.
      Astro beffardo, enigmatico, libero da ogni giogo divino e infine vivo di luce propria, la Luna. I giorni e le stagioni sono scanditi dalle sue fasi e le vite di milioni ne seguono il corso "luna dopo luna".
      Neir è un mondo freddo e inospitale, dove la vita resiste solo grazie agli influssi benefici della magia. Senza di essa, il gelo sarebbe insopportabile e ogni cosa viva morrebbe.
      Le specie animali e vegetali di un tempo si sono estinte o perlopiù ridotte drasticamente di numero. Esse sono state soppiantate da nuove specie, provenienti dai vastissimi territori sotterranei, in grado di vivere e prosperare a temperature più basse e senza luce solare.
      Allo stesso modo, nuove razze di conquistatori hanno compiuto la loro ascesa al mondo di superficie: gli Oscuri, popolo di mercanti e schiavisti, governato da un imperatore spietato e fedele di un dio crudele; e gli Hjilaki, vampiri di sangue puro, che all’avvento della Notte Eterna sorsero dalle loro cripte per mettere a ferro e fuoco le nazioni mortali.
      Durante questi 161 anni, lunghissime pagine di dolore sono state scritte, spesso con il sangue. In questo caos imperituro vigono nuovi ordini e laddove gli antichi regni sono caduti altri lottano quotidianamente per sopravvivere alla marea di morte che ogni cosa vuole travolgere.
      A Neir, il pericolo si annida ovunque: in templi dedicati a dei innominabili, in antiche rovine infestate da creature blasfeme, in territori selvaggi abitati da mostri, persino nella nostra deliziosa città, nel languido sorriso di una cortigiana, nel rassicurante cipiglio di una guardia…
      Chi oserà incamminarsi per questo sentiero di desolazione? Chi è l’eroe che brandirà la sua spada in aiuto degli indifesi?
      Dopo aver instillato la paura nei vostri giovani cuori, a coloro fra voi che nonostante tutto desiderano affrontare le insidie del mondo pur di acquisire fama come cantori, io dico: seguite le orme dell’eroe e cantate le sue gesta, perché tale è il sentiero che conduce all'immortalità.   - Daris Rylan, Gran Musico della Casa dei Musici e delle Belle Arti di Azkabel nel suo discorso inaugurale ai nuovi iscritti   La Notte Eterna è un'ambientazione epic-fantasy per Dungeons&Dragons 5ED. A novembre lanceremo il Kickstarter esclusivo al pubblico italiano: una scommessa su cui stiamo puntando stretch goal, manuali e oggettistica che vanno dal classico schermo del Dungeon Master a vere e proprie chicche... Se ti va di saperne di più visita il nostro blog, pagina facebook e canale twitch (o scrivi qui, se l'ambientazione ti incuriosisce).  
    • By Republic
      Salve, non sapevo dove mettere questa discussione.
      Ho cercato a lungo su internet e su questo forum ma non ho trovato quello che cercavo.
      Cè qualcuno che ha una mappa del mulhorand in cui magari viene indicato (ad esempio) dovè la valle fertile? 
       
       
    • By Pippomaster92
      Long story short: da un annetto sto procedendo con la creazione di un'ambientazione. Non è la prima volta che lo faccio, non sarà l'ultima (temo). 
      Ho cominciato dal medio-piccolo: un continente un po' più piccolo dell'Europa. Clima mitteleuropeo con un nord gelido e un sud mediterraneo. Tutto tranquillo. 
      Ora però sto espandendomi oltre al continente conosciuto per cominciare a tirare le fila del resto del mondo. Ho stabilito che
      Si tratta di un pianeta-geoide pressappoco della stessa dimensione della Terra. Orbita attorno ad una stella molto simile al nostro sole. Impiega 360 giorni esatti a compiere una rivoluzione attorno al sole. La durata del giorno è di 24 ore esatte.  Ha una luna un poco più grande della nostra ma un poco più distante (cifre irrisorie). Il mese lunare è esattamente di 36 giorni, e dunque ci sono 10 mesi. Le esamane sono appunto di sei giorni.  La luna è abitata e ha una sua atmosfera, ma per ora non ci riguarda. 
      Stavo passando oltre e cominciando a disegnare una bozza di mappa del globo, quando sono stato fulminato da questo video.
      E mi sono detto... Perché no? Perché il nostro bel mondo non dovrebbe avere un'inclinazione dell'asse superiore ai 54°?
      Dato che la sanità mentale mi è uscita dalle orecchie molto tempo fa, invece di accantonare l'idea come una cavolata ho deciso di fare un tentativo. 
      Ora, la mia idea è che il continente che per ora ho tratteggiato (e dove giocano i miei giocatori, tra l'altro, da sei mesi) non sia effettivamente "al posto dell'Europa" sopra l'equivalente del tropico di quel mondo. No, si trova sotto l'equatore, ed è per questo che il freddo è comunque al nord: perché l'asse, inclinato di 54°, fa sì che l'equatore sia congelata per buona parte dell'anno, e che un polo sia un deserto torrido per metà anno e un deserto gelido per l'altro. Nel mezzo, però, c'è sicuramente abbastanza spazio per metterci delle terre temperate.
      Specialmente se con un oculata gestione delle correnti oceaniche riesco a smorzare il contrasto di temperature. 
      Ovviamente ci sono dei problemi, che devo capire come risolvere. Ho molto più interessi che competenze nel campo scientifico...
      Per ora ho alcuni dubbi:
      Per avere una zona abitabile non polare (e per polare intendo a livello di irradiamento solare, non temperature), quanto deve essere inclinato l'asse, e quanto deve essere grande il pianeta? Le stagioni come vengono stravolte? Per ora ho gestito il passaggio delle stagioni come qualcosa di molto preciso, e vorrei mantenerlo. Posso sempre dire che sono gli dei a mantenere tutto in ordine, e perché no: è il loro ruolo. Ma vorrei restare abbastanza verosimile. Vorrei evitare di chiamare in causa la magia per giustificare ogni cosa.  A livello di alba e tramonto, come vengono percepiti da chi si trova su un pianeta così inclinato? Sostanzialmente ho difficoltà a figurarmi in senso pratico tutte queste caratteristiche quotidiane. Se poi il tutto diventa assolutamente inconciliabile con un mondo simil-terra abbandonerò l'idea. Ma se mi dovesse riuscire di incastrare questa peculiarità nel mio mondo... sarebbe fantastico. 
      C'è qualche anima pia che conosce abbastanza l'astronomia da darmi una mano?
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.