Jump to content

Un racconto tra le nevi


darteo
 Share

Recommended Posts

Ian si stiracchiò la schiena e contemplò il manoscritto di fronte a se.
La luce del sole penetrava da un’alta finestra e illuminava la camera. Tutto, come sempre, era in disordine. I mobili erano sommersi da libri e pergamene ingiallite.
C’erano dei fogli anche sul pavimento. A Ian piaceva quel disordine.
A parer suo, quel soqquadro rendeva accogliente quella camera.
Un’elfa dai capelli castani entrò nella camera. Era di bell’aspetto e questo a Ian non dispiaceva.
Lo hai finito? Chiede la giovane mentre si sedette su uno sgabello.
Ian annuì e stirò un accenno di sorriso. Si sentì fiero di se.

L’elfa si alzò per poter leggere il titolo del manoscritto: "Un racconto tra le nevi"… credi sia un titolo appropriato?
Si, rispose semplicemente Ian.
A chi vorrai farlo leggere?
Non saprei… è pieno di scene violente.
Ma anche d’amore?!
Si, diciamo che sono voluto restare fedele alla storia.
Potrei leggerlo?
Oh, no.
Ti vergogni?
Sono sensibile quando si parla della mia arte.
Allora leggimelo tu.
Ecco… non saprei.
Ti prego. Dovrai farlo vedere prima o poi a qualcuno. Non hai detto che questa sarà la tua ultima opera?
Si, desidero passare i giorni che mi sono rimasti in pace, riassaporando i vecchi ricordi. Non ho più le forze per scrivere un'altra storia.
Allora non è meglio che lo leggi prima a me e poi a tutti gli altri?
Ehhh… in effetti non hai tutti i torti. E fa sparire quel sorriso dalla faccia. Allora cominciamo…

 

Un racconto tra le nevi


Ha smesso da poco di nevicare e il cielo si è aperto lasciando penetrare la luce del sole su una valle di Valang. I raggi scendono sull’armata composta da cinquemila uomini.
Sono soldati ben addestrati, a cavallo e con delle armature pesanti.
Il loro nemico, un’armata del re di Valang, si è radunata sul versante nord-est.
Tra le fila dei cinquemila cavalieri si trova Kala.
E’ su un destriero bianco e siede su una speciale sella disegnata apposta per lei. L’unicorna indossa un’armatura bianca e un elmo che le permette di tenere libero il corno.
E’ diventato il doppio più lungo da quando Kala aveva otto anni.
Ora ne ha sedici.
Un vento si solleva da sud e questo le fa agitare i capelli e il mantello.
Tutti i cinquemila uomini aspettano il suo ordine. Kala infatti è il comandante di questi soldati. La ragazza ha voluto rispettare la tradizione axiriana e per questo ha cambiato il suo nome il Kala Sal-Legasia Biancaspina.

Lei è pensierosa e si accorge solo ora dei cinquemila sguardi rivolti sulla sua persona.
Afferra così dal suo fianco la sua haresiana.
Si tratta di un elsa dal pregiato manico d’avorio. Sacrificando una goccia del suo sangue, pungendosi il pollice con un piccolo ago posto su quell’elsa, Kala evoca la lama della sua arma.
Si forma da un getto di sangue che poi va a solidificarsi e a trasformarsi in metallo.
Appare così la lama lucente della sua spada del bianco e del nero.
E’ un’arma che desta meraviglia a tutti i presenti. Kala la tiene prima in orizzontale, per poi sollevarla di fronte a se e spronare il suo cavallo.
Quello è il segno della carica.
I soldati sguainano le armi e urlano all’unisono mentre iniziano a galoppare contro il nemico.

Anche i soldati del re partono alla carica.
I due schieramenti si scontrano poi nel cuore della vallata. Le lance si incrociano, i cavalli urtano e i cavalieri vengono trafitti, disarcionati e travolti.
Tutto si trasforma in un bagno di sangue. In quel mare di metallo scuro e sangue spicca la bianca figura di Kala.
In sella al suo cavallo, Biancaspina balza oltre le prime file dei nemici.
I suoi uomini la seguono e questo gli permette di aprire un varco tra gli avversari. La spada di Kala urta l’asta di un mazzafrusto e la donna perde la presa con l’arma... proprio quando era riuscita a vedere il comandate dell’armata nemica.
La giovane non si perde d’animo e assume la posizione dell'arciere.
Un arco di energia blu, fluente come acqua, appare tra le sue mani. Scocca una freccia magica e il dardo penetra nell’elmo del comandante, trafiggendogli un occhio e raggiungendo il cervello.
L’uomo inclina di scatto la testa all’indietro. Il sangue gli scorre sul volto e sul collo per poi uscire attraverso gli anelli della gorgiera. Il comandante cade a terra mentre è ancora vivo.
L’armata nemica ha perso la sua guida e ora non sa come coordinarsi.

Dopo mezz’ora l'esercito nemico è stato sconfitto.
Kala e alcuni suoi fedeli cavalcano fino a raggiungere un colle. Da lì, guardando verso nord-est, si può vedere la citta di Avidhar, tenuta in schiavitù dai soldati del re Valang.
Biancaspina si volta verso un uomo e gli rivolge un cenno del capo.
Quest’ultimo si rivolge subito a un messaggero: vai e informa il grosso dell’esercito del nostro successo. Lord Herlan non avrà più il fianco sinistro scoperto e potrà partire alla conquista di Avidhar.

 

Edited by darteo
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Cita

Biancaspina si volta verso un uomo e gli rivolge un cenno del capo.
Quest’ultimo si rivolge subito a un messaggero: vai e informa il grosso dell’esercito del nostro successo. Lord Herlan non avrà più il fianco sinistro scoperto e potrà partire alla conquista di Avidhar.

Il messaggero agguanta un arco e balza su un cavallo per poi galoppare verso est.
Raggiunge la sommità del colle per poi scoccare una freccia infuocata contro il cielo.

Il dardo infuocato viene avvistato da Ian.
L’uomo si trova da solo nel cuore di una vallata. Aspettava quel segnale.
Sfila dalla cinta una piccola balestra, la mette in bocca per poi trafiggersi il cervello. Il suo corpo senza vita crolla a terra e il suo sangue discioglie la neve rivelando la presenza di piccoli germogli e fili d’erba. Dall’occhio dell’uomo fuoriesce una sfera dorata che si deposita lentamente al suolo e si fonde con esso.

-.-.-.-.-.-
-.-.-.-.-.-

Una luce dorata fuoriesce dalle crepe tra la corteccia di una quercia vicino all’armata di Herlan.
Il tronco dell’albero si apre momentaneamente e Ian esce fuori da esso.

Spoiler

 

Ian è un bardo swoliano che ha scoperto di avere un dono unico al mondo: non può morire.
Ogni volta che perde la vita si rigenera dal tronco di un albero.
Nel corso degli anni è riuscito a controllare la sua rigenerazione riuscendo a scegliere l’albero da dove apparirà (con diversi limiti e condizioni).

Il suo primo decesso avvenne diversi anni fa quando gli swoliani lo giustiziarono con l’accusa di cospirare contro la nazione a favore dei vitriani. Con il tempo, l’uomo scoprì che il suo potere deriva dalla benedizione di un ent che gli trasferì la sua magia poco prima di essere bruciato.

Si avvicinò a Herlan dopo aver appreso delle imprese sue e del suo gruppo.
Il suo obiettivo era quello di poter scrivere delle ballate in onore di eroi… ma con il tempo si innamorò della causa di Herlan di poter riconquistare Valang e ora Ian offre a lui la sua furbizia e la sua immortalità.

 

L’armata di Herlan sta attendendo da ore, in un bosco l’arrivo, di Ian.
Il bardo si avvicina subito a lord Drognodar.
Quest’ultimo è  a cavallo ed è circondato dai suoi migliori soldati. Ian non perde altro tempo: lord Herlan, la Biancaspina ha spezzato l’avamposto nemico. Siamo pronti per partire.

Un avamposto a difesa della città avrebbe dovuto sorprendere l’armata di Herlan su un fianco ma i falchi di Rei-Ka li hanno avvistati diversi giorni fa. Ora che Kala Legasia ha eliminato questo problema, Herlan può procedere con il suo assedio.

Avidhar è una città sorta in una pianura. Ha solide mura alte circa quindici metri.
L’ostacolo più grande però rappresenta un grande fossato che circonda l’esterno della città. La porta più grande si trova sulla facciata meridionale. L'armata di Herlan è vicina a quell'entrata.

Dobbiamo trovare un modo per far abbassare il ponte levatoio! Propone un soldato vicino a Herlan. Sono giorni che ripete sempre la solita frase.
Un secondo campione dice: possiamo usare quello scoiattolo per farlo apparire in città.
Un terzo uomo si aggiunge: oppure sfondiamo le porte con il drago e creiamo con la magia un ponte.
Ponte magico che può essere fatto svanire.

Link to comment
Share on other sites

Spoiler

Rei-Ka = si tratta di uno dei pochissimi indesiderati in grado di combattere.
E’ una donna-aquila esperta sia di armi sia di molte specie alate (grifoni, falchi, draghi…) e l’armata di Herlan sfrutta i suoi falchi come “strumenti di ricognizione”.

---------------

Ratatoskr = è un altro indesiderato che si trova tra nell’armata di Herlan Drognodar e ricopre un ruolo molto particolare.

Tempo fa, con la liberazione di Eltheria, Swoliss ha occupato tale nazione ottenendo un grande potere e risorse per ampliare il suo esercito. Bastran non è in grado di contrastare una possibile avanzata di Swoliss verso Vitra… perciò la Draxia si sente minacciata dalle armate delle nazioni occidentali.
Per questo motivo il re di Draxia ha chiesto di un aiuto al re Jotna, signore di Valang.

Re Jotna ha proposto alla Draxia tutta la produzione che desidera a patto che questo stato torni a far parte di Valang. Tra le varie richieste del re, la Draxia deve tornare a venerare unicamente il Dio Falisaar.
Sheya si è fermamente opposta a questa richiesta e il suo rifiuto ha offeso profondamente il signore dei chierici di Falisaar (il primo alleato di re Jotna) che ora pretende la testa di Sheya.
La minaccia di Valang agli indesiderati ha spinto Sheya ad allearsi con Herlan.

Ratatoskr quindi non solo è un valido soldato di Herlan ma anche il rappresentate e il portavoce degli indesiderati per questa campagna.

----------------------

Kala Sal-Legasia Biancaspina: = E’ uno dei capitani di Herlan e comanda (almeno per questo attacco) cinquemila soldati.

Il resto dell’armata è composta da quarantacinquemila guerrieri, per un totale di cinquanta mila (35mila vitriani e 15mila valanghi che si sono arruolati volontariamente alla causa di Herlan).

 

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Ascolto ciò che viene proposto ad Herlan e rifletto su cosa si possa fare realmente per far aprire le porte alla città. Mi gratto l'orecchio sinistro a cui manca la punta in seguito ad uno sfortunato scontro. 

Non mi piace affatto ma è il modo più rapido...

Mi rivolgo ad Herlan in modo formale 

Mio signore, io ho la possibilità di entrare all'interno delle mura ma non posso portare rinforzi, dunque io da solo posso fare solo una di queste due cose, la prima è soggiogare le guardie all'interno e aprire il ponte. Soluzione rapida ma rischiosa, la seconda sarebbe quella di bruciare le loro provviste o avvelenare i pozzi d'acqua, ci vorrà più tempo ma saranno costretti ad aprire.

una volta esposto il mio piano attendo gli ordini con calma. 

Link to comment
Share on other sites

Herlan

3 ore fa, darteo ha scritto:

lord Herlan, la Biancaspina ha spezzato l’avamposto nemico. Siamo pronti per partire.

fisso le mura delle città valutando quale potrebbe essere il modo migliore per assaltarlo senza subire troppe perdite. Ian mi informa della vittoria di Kala Bene ....possiamo procedere alla conquista della città teneveti pronti .

31 minuti fa, Kuma ha scritto:

Mio signore, io ho la possibilità di entrare all'interno delle mura ma non posso portare rinforzi, dunque io da solo posso fare solo una di queste due cose, la prima è soggiogare le guardie all'interno e aprire il ponte. Soluzione rapida ma rischiosa, la seconda sarebbe quella di bruciare le loro provviste o avvelenare i pozzi d'acqua, ci vorrà più tempo ma saranno costretti ad aprire.

So che sei abile nell'agire senza passare inosservato, il problema è che dentro ci sono soldati pronti a ricevere un assedio non so se da solo riesci in questa impresa e non potrei far attendere in miei soldati davanti le mura sarebbero bersagli facili per le loro difese potresti anche non farcela e mi porterebbe a lasciare esposto per troppo tempo il mio esercito e subire infenti perdite .Per quanto riguarda i viveri non se ne parla siamo qui per liberare i cittadini che abitano questa citta morirebbero anche loro .

tengo conto che anche Am'lith e Macaria sentono quello che dico le soluzioni sono 2 o infiltrarci e in questo caso la scelta sta a Ratatosk o Assaltare direttamente la citta.

Ratatosk, dovrai entrare da solo infiltrarti tra le file nemiche e riuscire ad aprire le porte nel frattempo noi resisteremo fuori le mura e ciò vuol dire che avrai poco tempo, non posso rischire di subire perdite inutilmente .Potresti uccidere un soldato e vestirti con le sua armatura questo potrebbe aiutarti. Altrimenti non ci aspetta che assaltare frontalmente distruggendo il portone e creando un ponte di magia considerando ogni pericolo che ne consegue . A tal proposito ho un 'idea , non sanno di Aurline (il drago) Am'lith può assumere il comando della carica e mentre i nostri uomini si avvicinano al fossato i nostri nemici prepareranno gli archi e le balestre per colpirvi io prima che voi raggiungiete il fossato e prima che i nemici colpiscono potrei coglierli di sorpresa dall' alto con Aurline. Lei soffiera sulle mura precisamente sopra il portone basta un soffio per spazzare e bloccare le difese sopra di esso, saremo rapidi cosi le altre balestre non avranno tempo per poterla mirare   poi scenderemo e sfonderemo il portone in quel caso voi arriverete ed avete modo di creare  quel ponte ed entrare io ritornerò alla guida dell' esercito per combattere via terra .Aurline volerà via tenendo occupati gli arcieri e balestireri intorno le mura cosi non scoccheranno dall' alto non voglio che rischi troppo potrebbe tenersi anche lontana dalla loro portata cosi facendo i soldati sopra le mura dovranno decidere se mirare a noi e tenrsi scoperti dal drago o viceversa. Ratatosk queste sono le 2 possibilità hannoi loro rischi ma nel caso non voglio ordinarti di entrare ma devi essere tu a decidere.

Edited by MaxEaster93
Link to comment
Share on other sites

Annuisco con serietà. Resto silenzioso per qualche minuto 

Ah Herlan, sempre nobile d'animo, uno di questi giorni la tua bontà costerà la vita a qualcuno, per ora spero solo non sarò io oggi a lasciarci la coda.

Alzo la testa e sorrido spavaldo e allegro

Beh, dopo tutto ho sempre amato le sfide.

Mi sembra un'ottima strategia mio signore, ma vi consiglio di tenerla come piano di riserva in caso non dovessi tornare. Sarò pronto in pochi minuti. 

Link to comment
Share on other sites

Herlan 

Fisso negli occhi Ratatosk e mi rivolgo a lui in Axiriano hai preso la tua decisione .... Mi raccomando.... Dalla mia espressione capisce che sono preoccupato ah un'ultima cosa oramai siamo compagni da anni posso capire tutta questa formalità davanti le truppe per quanto fastidioso sia.... ma in privato tu come ogni Nunk potete tranquillamente chiamarmi Herlan. Non appena il ponte iniziera ad abbassarsi muoverò le truppe purtroppo in quel lasso di tempo sei solo.. Buona fortuna amico mio... 

Ordino ai miei soldati di prepararsi all'assalto. 

Edited by MaxEaster93
Link to comment
Share on other sites

Vitra (ad eccezione del corpo dei cacciatori del Buio) non ha mai accettato l’idea che la donna fosse alla pari dell’uomo. Per questo motivo i campioni vitriani che circondano Herlan sono contrariati nel vedere Macaria, Rei-Ka e Am’Lith raggiungere lord Drognodar.

Macaria stringe delicatamente tra le mani una grande foglia di un albero.
Su quella foglia si trova una lumaca. Non è incredibile che questi esserini riescano a vivere in una nazione tanto a nord? Dice la strega anche se non è in grado di vedere l’animaletto (ricordo che Macaria è cieca).
Un soldato di Vitra la indica con la mano e dice: noi stiamo pianificando una guerra e questa donna se ne va in giro come una bambina a caccia di lumache, farfalle o lucertole?
Macaria non cambia umore e cercando il guscio della lumaca con il dito indice dice: con una lumachina nelle mie mani posso convogliare tutte le divinazioni, che il nemico ha rivolto verso di noi, nella testa di questo piccoletto.
Se esistono degli stregoni ad Avidhar che sanno parlare il linguaggio delle lumache… a questo punto il nemico crederà che stiamo pensando solo a mangiare lattuga.

Rei preferisce ignorare le parole di Macaria e avanza di un passo per prendere la parola: non sappiamo se re Jotna ha deciso di inviare dei rinforzi per Avdhar, perciò non possiamo permetterci una situazione di stallo. La città deve cadere… e deve cadere il prima possibile.
Stavamo giusto parlando del problema del fossato, cara! Risponde Ian incredibilmente calmo.

Am’Lith raccoglie da terra un bastoncino scansando un mantello che le copriva il braccio destro.
Inizia a disegnare sulla deve una cartina della città.
Dice: sono stata ad Avidhar molte volte. Il ponte levatoio è trattenuto da un argano che si trova sopra il portone. E’ una grande e solida struttura formata da due ruote, il tutto nascosto in una nicchia delle mura. E’ protetto dalla magia quindi non possiamo scassinarlo o distruggerlo con un incanto.
Non è possibile per Ratatoskr raggiungere l’argano quindi dovrà romperlo a distanza.

Come? Chiede un vitriano.
Con le meraviglie dell’alchimia! Risponde Ian.
Lady Lith ha detto che le magie non possono essere usate.
Il bardo immortale sorride: adoro voi vitriani… l’alchimia non è magia.
Am’Lith torna a parlare: Ratatoskr sarà munito di speciali frecce esplosive ma c’è un problema. L’esplosivo rende i dardi molto pesanti quindi lo scoiattolo dovrà avvicinarsi di molto all’argano per poter scoccare i dardi.
Quanto vicino?
Diciamo che mastro Toskr sentirà le sopracciglia in fiamme.
Ma non è questo il vero problema per Ratatoskr. Una volta rotto l’argano, il ponte levatoio può essere sempre trattenuto manualmente bloccando le catene del contrappeso della porta. Immaginiamo che lo scoiattolo ha rotto l’argano, il ponte inizia a scendere ma i soldati agguantano le catene del contrappeso. Ratatoskr dovrà scoccare un secondo dardo esplosivo verso quegli uomini per far aprire completamente il ponte… ma a quel punto il nunk sarà già stato avvistato.

VCixKFc.jpg

Link to comment
Share on other sites

Herlan 

Sentire i miei campioni lamentarsi delle 3 donne mi innervosisce riprendo loro con tono calmo. Vi assicuro che queste tre donne sono estremamente abili e competenti e la loro presenza in questa guerra è molto utile vi invito quindi a mantenere un comportamento adeguato nei confronti di chi scelgo per combattere la mia guerra.... per non parlare del fatto che mi piace vederle qui.. Dopo tutto sono un uomo no? 

Ritornando a noi Ratatosk dice di potercela fare è pronto può infiltrarsi ed agire armatelo con questi dardi noi nel frattempo ci prepareremo ad avanzare e al minimo spostamento del ponte correreremo  verso l entrata... Conquisteremo quella città oggi stesso!

Link to comment
Share on other sites

sembra anche più dura del previsto...

Ascolto attentamente come funziona il ponte e mi viene un'idea 

Potrei provare a tagliare la catena del contrappeso per prima, se non è protetta dalla magia, basterebbe allentare un anello e il peso del ponte farebbe il resto, in questo modo appena scocco la freccia sull'argano posso fuggire in tempo prima che arrivino le guardie... 

 

Link to comment
Share on other sites

Am'Lith dice: non mi hai capito... è tutto protetto dalla magia. Non potrai avvicinarti alla struttura.

A Rataoskr viene dato un arco e cinque frecce esplosive.
Il nunk saluta poi la sua Helpica per poi addentrarsi nel bosco alla ricerca di un albero adatto ai suoi viaggi magici. La gazza lo accompagna per un po'.
La donna vede il suo scoiattolo sparire tra la vegetazione.
Am’Lith è al suo fianco ma Helpica cerca di non incontrare il suo sguardo. Tamburella sulla sua corazza.
E’ rarissimo vedere la gazza che indossa un’armatura.
Si rivolge ad Am’Lith: lo state mandando a morire.
La strega non si aspettava un simile commento e non sa come rispondere ma si sforza per dire qualcosa: Ratatoskr conosce i rischi e tutti noi sappiamo che è la strategia migliore per…
Per cosa?... l’interrompe Helpica …per risparmiare più vite possibile di qualche vitriano? O per evitare qualche buco nelle ali del drago?
Vitriano, valango, axiriano… siamo tutti sotto la stessa bandiera.
Ti avverto, strega, Rata è il mio mondo… se gli dovesse succedere qualcosa allora brucerò il tuo di mondo!

Ratatoskr appare in città in un albero di una piccola piazza.
Non c’è nessuno vicino al nunk. Le nuvole si accalcano nel cielo e rendono tetra questa mattinata.
In lontananza si sente un tuono e questo, in qualche modo, spinge lo scoiattolo a correre verso la porta meridionale della città. In quella zona non ci sono solo soldati in armature ma anche arcieri e semplici uomini pronti a dare una mano ai guerrieri.
Sono scudieri e maniscalchi ma ci sono anche i costruttori delle mura.
Nessuno va caso al nunk.

rTwyOwc.jpg

Link to comment
Share on other sites

Dall'angolo in cui sono nascosto osservo per qualche minuto come si muovono le persone davanti al portone, cerco di vedere chi si allontana. Un piano si forma osservando l'andirivieni di persone 

Devo creare un diversivo, almeno non mi troverò addosso l'intera armata della città. 

Mi allontano dal mio posto verso l'interno del vicolo, al seguente angolo che da verso le mura scelgo una zona dove ci sono chiari segni di zoccoli o carrozze e senza farmi notare lascio una freccia a terra.

Velocemente ma sempre senza farmi notare, torno al punto di partenza e mi confondo tra la gente (assicurandomi di avere le orecchie nascoste) aspettando l'esposizione. 

@Dm

Spoiler

M. Silenziosamente 28

Nascondersi 28

Cerco sempre di stare vicino ad un punto di copertura,  un carretto, un barile un mucchio alto di mattoni o quant'altro.

 

Edited by Kuma
Link to comment
Share on other sites

@Ratatoskr

Appoggi una freccia in una strada. Delle pozzanghere nascondo il dardo.
Torni nel tuo nascondiglio e attendi.
Dopo moltissimi minuti scorgi un uomo trasportare un carretto pieno di oggetti coperti da un telo. Svolta verso la strada in cui si trova la tua trappola e avviene l’esplosione.
Dalla tua postazione hai solo visto carne e una manciata di budella volare via. Segue poi un enorme massa di fumo nero sollevarsi verso il cielo (sempre più nuvoloso).

Si scatena un pandemonio non solo nella piazza della porta ma in tutta la città.
Le campane suonano un allarme che presto porterà la maggior parte delle difese di Avidhar in questa zona. Un gruppo di soldati corrono verso il luogo dell’esplosione mentre altri iniziano a perlustrare l’area circostante. Le catapulte sulle mura vengono caricate.
L’argano però non viene lasciato incustodito.
 

@Herlan

Ci sta mettendo troppo tempo! Commenta Am’Lith riferendosi a Ratatoskr. La strega sta fissando le mura meridionali della città, nascosta nel bosco insieme al resto dell’armata.
Si stropiccia il colletto della maglia per scacciare il nervosismo. Lei e tutti i tuoi uomini attendono l’esplosione e l’apertura del portone.

Un’esplosione arriva… è improvvisa e violenta …ma non coinvolge il portone.
Del fumo nero si alza da una zona dietro il muro. Le campane della città suonano l’allarme.
I tuoi uomini iniziano ad allarmarsi.
Qualcosa è andato storto! Commenta spaventata Am’Lith.
Helpica sgomita tra le fila dei soldati per poi superarvi. La strega valanga agguanta la gazza da un braccio e la costringe a restare nascosta nella foresta.
Si rivolge poi a te: non possiamo più aspettare!

Link to comment
Share on other sites

Herlan

Sono ore che rimango immobile a contemplare quel portone, l'esplosione mi distrae fisso il fumo nero preoccupandomi per Ratatosk .Guardo la reazione di Helpica e stringo i denti Helpica !! mantieni la calma agiremo..oggi festeggeremo tutti una vittoria!! Preparatevi attacchiamo ora. Strattono il mio cavallo e mi dirigo nella direzione opposta alla citta,mentre i miei uomini si scanzano per fare spazio alla mia corsa urlo loro di prepararsi all'attacco imminente, raggiungo in fine Aurline. Poggio una mano su di lei Dobbiamo agire subito, non possiamo vincere senza il tuo aiuto mi raccomando stai attenta io sarò con te . Salgo sul drago e spicco il volo e distruggo il portone uccidendo con un soffio gli arcieri sopra di esso .

 

 

@Dm

Spoiler

Pf= 197

Ca=18

txc= +34+29+24+19

danni=2d6+17 19-20 x2

velocita= 9m

tiri salvezza:

te=25

ri=13

vo=24

Incantesimi:

1 lv=protezione bene/male/caos/legge-favore divino-scudo

2 lv=forza del toro-saggezza del gufo- zona di verità

3 lv=guarigione cavalcatura-dissolvi magie-eroismo

4=metamorfosi- spada sacra- cura ferite gravi

 

Link to comment
Share on other sites

Approfittando della confusione e la distrazione causati dall'esplosione non aspetto che si riprendano dalla sorpresa, dopo pochi secondi mentre tutti gridano e corrono da dietro un barile dell'acqua a pochi metri dalla porta il mio arco è teso e le frecce volano senza esitazione verso l'argano e poi il contrappeso 

@Dm

Spoiler

Praticamente mi sono nascosto "in piena vista" dietro un barile, appena parte la "mina" aspetto solo che la gente inizi a correre e poi scocco mentre ancora nessuno si guarda intorno. 

Txc arco

24 19 14

 

Link to comment
Share on other sites

Ratatoskr scocca una freccia contro l’argano che esplode in una nuvola di fuoco, fumo e detriti.
Le fiamme vengono poi spazzate da una raffica gelida e violenta.
E’ stato il dragone a soffiare contro le mura e il portone colpito da Ratatoskr.
Herlan è il sul dorso del drago e lo guida in questo attacco.

Aurline prende quota per poi sferrare un secondo attacco ma questa volta soffia lungo le mura, congelando le catapulte e i soldati che si trovavano in quel luogo.
Gli uomini e le mura vengono imprigionati all’istante nel ghiaccio.
Il drago ruggisce e spaventa i guerrieri nemici che si trovavano oltre le mura, mettendoli in fuga.

Il ponte levatoio si è abbassato e Am’Lith, rimasta alla testa dell’esercito, solleva una mano al cielo.
Ian comprende il comando e ordina la carica.
I guerrieri dell’armata del Drognodar sguainano le armi e iniziano a cavalcare verso Avidhar.
Quei soldati si raccolgono sul ponte per poi iniziare ad invadere la città.

Il nemico tenta di rispondere all’avanza serrando i ranghi e scoccando delle frecce.
L’armata (prevalentemente) vitriana però continua a caricare e sfonda le linee degli scudi avversari.
Herlan smonta dal drago e scende in piazza per unirsi agli scontri.
Si genera il caos e le due armate iniziano a mescolarsi tra di loro.

1yCDg5r.jpg

Spoiler

Herlan = viola
Rata = arancione
Alleati = rosso
Nemico = nero

 

Link to comment
Share on other sites

Herlan

Oggi segneremo la nostra prima vittoria !!! Urlo ai miei soldati mentre sguaino Bufera portandola verso l' alto . Mi metto in posizione di combattimento e mi preparo ad uccidere i miei nemici 

@DM

Spoiler

uso ispirare coraggio azione standard

+8 txc+8 danni

Pf= 197

Ca=18

txc= +34+29+24+19

danni=2d6+17 19-20 x2

velocita= 9m

tiri salvezza:

te=25

ri=13

vo=24

Incantesimi:

1 lv=protezione bene/male/caos/legge-favore divino-scudo

2 lv=forza del toro-saggezza del gufo- zona di verità

3 lv=guarigione cavalcatura-dissolvi magie-eroismo

4=metamorfosi- spada sacra- cura ferite gravi

 

Edited by MaxEaster93
Link to comment
Share on other sites

Dannazione Herlan, dovevi aspettare solo un minuto in più...

@DM

Spoiler

Mi sposto in B3 e attacco (non so se abbiamo vinto l'iniziativa quindi se non ho il furtivo uso il fintare per il primo attacco)

 

txc

Due armi +23 +23 +18 +18 +13
Danni: 1d6 19-20x2
furtivo 11d6+21 / 11d8+21 se il nemico è malvagio
 

 

Link to comment
Share on other sites

Herlan si mescola tra i suoi uomini e parte alla carica.
La sua audacia è un esempio per tutti. I vitriani si uniscono alla sua avanzata e, come un sol uomo, sfondano le difese erette in questa piazza.
Herlan rotea su stesso per evitare un affondo di lancia, per poi decapitare il lanciere e avventarsi su  un secondo guerriero… uccidendolo poco dopo.
Un secondo dopo Drognodar viene colpito al fianco da un altro lanciere… che viene ucciso immediatamente da un vitriano a cavallo.

Helpica sale sulla scalinata di pietra che conduce alla sommità delle mura per poter cercare Ratatoskr.
Riesce a vederlo: lo scoiattolo ha appena sgozzato un nemico con uno dei suoi coltelli, avanza di un passo per pugnalare al cuore altri due nemici contemporaneaemnte.
Uccide un quarto uomo affondandogli una lama nell’occhio.
Helpica lo chiama e Rata alza la testa verso di lei… notando che alle spalle della gazza si trova una catapulta risparmiata da Aurline e posta su una piattaforma rotante.
Un nemico prova a sorprendere lo scoiattolo ma il nunk è più veloce e gli pianta un coltello della gola.

Il nemico si ritira dalla piazza ma non prima di aver scagliato una raffica di frecce e diverse magie.
Una seconda ondata di cavalieri si sta radunando di fronte a voi e già stanno formando le prime fila di scudi e lance.

Spoiler

 

Herlan
TxC
34+3
29+13
24+10
19+20 -> TxC 19+12 = critico confermato
Danni (per i primi tre attacchi)  6d6+51 = 69 morto
Danni (2d6+17)*2 = 56 morto

Ratatoskr
TxC
23+15
23+16
18+10
18+18
13+12
Danni (ne calcolo uno per tutti)
12d6+21 = 62 -> cinque morti

Nemico
Carica Herlan
TxC 20+2+13 = 35 colpito
Danni 1d010+12 = 22

Frecce contro Ratatoskr
TxC
10+6
10+6
10+16 = 26 colpito
Danni 1d8+4 = 8

Magia contro Herlan e Ratatoskr
TS
Rata 24+19 -> eludere (danni evitati)
Herlan 13+17 -> danni dimezzati -> (10d6)/2 = 16 ---danni totali-> 38

 

 

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.