Jump to content

Piccolo aiuto su come strutturare la prossima giocata


ithilden
 Share

Recommended Posts

Salve ragazzi, mi servirebbe qualche consiglio su come strutturare la prossima giocata che, rispetto a quelle che ho fatto finora, sarà parecchio differente.

Praticamente due personaggi dovranno fare un viaggio tra i ricordi di una persona, andando praticamente a rivivere il passato per scoprire alcune parti molto importanti della trama principale legata ai loro bg. Potranno compiere le azioni che vorranno, ma se modificheranno eccessivamente quello che accadde eccessivamente, il ricordo torna indietro di qualche minuto prima della loro interferenza (più o meno come quello che accade ad Assassin's creed).

Ora, la mia domanda è: come faccio a farli giocare? Ho paura che praticamente quello che accadrà sarò io che racconto le cose e loro che seguono il flusso dei ricordi senza effettivamente giocare, cosa che vorrei evitare a tutti i costi. Pensavo di mettere qualche enigma per avere la possibilità di andare avanti con i ricordi, ma non mi vengono molte altre idee.

Qualcuno sa darmi qualche consiglio?

Link to comment
Share on other sites


Anzitutto i ricordi sono di una persona, quindi nel ricordo ci sarà la persona al centro di un'ambiente ben circoscritto. Se i PG si allontanano troppo dalla persona, finirebbero in una specie di zona d'ombra: quell'ambiente non c'è nel ricordo, quindi i PG se saranno lì troveranno per l'appunto il nulla. Se i PG finiscono in questo nulla direi che balzeranno a un altro ricordo. 

Considera che una persona non ricorda tutto quanto, quindi è possibile che, finito il frammento di memoria che stanno esplorando, passeranno a quello immediatamente successivo (che magari riguarda una situazione di un anno dopo il ricordo precedente).

Possono imbattersi in ricordi più o meno volutamente alterati (non so se conosci i fenomeni di rimozione che si evidenziano nella psicoanalisi); questa modificazione dovrebbe essere evidenziata in qualche modo.

La cosa importante è che nel ricordo i PG troveranno sempre il PNG da qualche parte nella scena, quindi approfondisci abbastanza bene la psiche del PNG, visto che sarà uno degli attori principali.

Questo è quello che mi viene in mente in assenza di informazioni più particolari.

Alla fine la memoria del tizio viene modificata o si tratta di un semplice "surf" da parte dei PG che non gli altera sostanzialmente la mente?

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Mi sono spiegato male, probabilmente perché andavo parecchio di fretta e ho scritto il testo di corsa XD

Il mio problema non è come strutturare o interpretare i ricordi, ma come far giocare i giocatori e quindi cosa far fare ai personaggi. L'avventura tra i ricordi dovrebbe durare almeno una giocata sana, quindi non voglio che sia semplicemente un racconto da parte mia di quello che successe, altrimenti loro si annoiano (e io mi sgolo). Vorrei che avessero la possibilità di giocare e interagire, e quello che mi serve è qualche idea su come fare che ciò accada. 

L'unica idea che mi era venuta in mente era far sì che loro potessero accedere a ricordi successivi passando delle prove, però mi pare poco. Sicuramente loro potranno in qualche modo interagire con i png memorie.

Per farvi capire più o meno il contesto (senza raccontarvi tutto, altrimenti ci metto sei secoli), due personaggi (una maga e un'alchimista) sono una specie di reincarnazione del primo mago e del primo alchimista, coloro che insegnarono le proprie arti agli uomini, e in quanto tali dovranno scoprire che, in futuro, quando la magia verrà minacciata e quasi distrutta, avranno la possibilità di sacrificarsi per permettere che essa rinasca.

Loro riusciranno a rivivere i ricordi di una persona (è proprio lei a usare un incantesimo per far loro rivivere i propri ricordi) che era viva nel periodo in cui erano vivi il primo mago e il primo alchimista.

Non so proprio cosa far fare loro, voglio evitare di raccontare la storia e basta, senza farle giocare XD

Link to comment
Share on other sites

Inserisci un pericolo.

Qualcuno non vuole che questi ricordi siano scovati (magari il PNG stesso per un qualche motivo). Dunque i Personaggi non sono gli unici a trovarsi nei ricordi, ma anzi ci sono altri PNG/Mostri che intendono fermarli. O peggio, distruggere questi ricordi.

Ogni scena potrebbe essere anche un incontro (o ogni due scene, dipende dal numero) tra i Personaggi e chi cerca di distruggere i ricordi. Oltre a scontri classici, puoi inserire scontri a tempo con X turni prima che il ricordo venga distrutto, oppure una specie di "cattura la bandiera" dove un oggetto focus per il ricordo successivo deve essere protetto (come nel gioco To the Moon, se lo hai mai giocato). 

Alla fine segnati il punteggio da qualche parte, e se hanno salvato un numero minimo di ricordi possono accedere a quello più importante. Altrimenti hanno perso la possibilità di farlo e il PNG ha dimenticato definitivamente la cosa. Alla fine, ci deve pur essere il rischio di fallimento. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Potresti far rivivere ai PG anche dei ricordi negativi, ponendoli in pericolo ma con il punto cardine di non aiutare il protagonista del ricordo. Esempio: il PNG ha rischiato di affogare in passato. Anche i PG si troveranno in un lago in cui rischieranno di finire a fondo, con varie prove di abilità da superare per riuscire (per esempio Acrobazia per nuotare sfruttando le correnti, Sopravvivenza per trovare luoghi relativamente tranquilli,... Ovviamente fai in modo di usare skill a cui i tuoi PG potrebbero avere accesso e cerca di premiare sempre le soluzioni alternative che presentano). E, magari, se ti piace l'idea di Pippomaster, potresti fare in modo che questi eventi siano stati causati proprio da questo misterioso rivale, per rallentare i PG.

Un'alternativa dell'idea precedente potrebbe essere quella di fargli affrontare le incarnazioni delle fobie dell'uomo (usando mostri adatti tematicamente, come un elementale del fuoco per una pirofobia, un ombra per la paura del buio,...). Ovviamente queste creature si riformerebbero dopo un tot dalla loro morte. 

Link to comment
Share on other sites

Secondo me viene meglio se invece dei ricordi li fai accedere all'inconscio.

Nell'inconscio potrebbero esserci:

1) ricordi: in cui semplicemente racconti cosa accadde.

2) sogni e desideri: che potrebbero essere parti più interattive in cui li fai partecipare.

Le due possibilità dovrebbero inframezzarsi.

Ad esempio:

1. ricordo: il mio primo giorno di scuola da bambina.

2. sogno: l'uomo che a scuola mi faceva paura e da cui immaginavo di scappare. (i pg devono scappare scegliendo tra vari bivi e superando ostacoli mentre qualcosa di enorme e minacciso so gli va dietro)

3. ricordo: il mio più grande esperimento da mago.

4. sogno: il mio incubo ricorrente di quei tempi...che mi rubassero il grimorio. (i pg devono inseguire e mazzuolare i ladri)

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Non so se serve più, ma ormai dico la mia.

Di recente ho giocato ad un videogioco che si basava sullo sbloccare le memorie di una persona per rivivere tutta la sua storia. 

Il gioco si svolge nel luogo in cui questa persona ha vissuto 50 anni prima, e si tratta di ricreare alcune condizioni sensoriali o ritrovare punti di vista esatti, riscrivere lettere e reinterpetare col senno di poi dei fatti subiti.

L'idea che mi viene in base a quest'esperienza è l'immergere i PG in ricordi "incompleti", lasciando a loro degli indizi perché trovino il modo di ricostruire i ricordi, colmando alcune lacune e dando il via alla "scena". Per esempio se accade qualcosa di cui il PNG ha visto solo gli effetti, ma non ricorda le cause, i PG dovrebbero trovare le cause più plausibili e scatenare l'evento (magari le cause possono essere più di una, ma per esempio, se c'è un ticchettio d'acqua regolare, sarà la situazione a determinare se sia più plausibile il gocciolio di un alambicco, al pari di una clessidra ad acqua, o piuttosto un cadavere che si dissangua lentamente appeso per i piedi). Il trucco del gioco era dare indizi abbastanza chiari, in modo da rendere l'interazione necessaria, ma non difficoltosa, erano enigmi facili perché lo scopo non era bloccare il giocatore, ma coinvolgerlo nella narrazione.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.