Il Signore dei Sogni

Circolo degli Antichi
  • Conteggio contenuto

    681
  • Registrato

  • Ultima attività

Informazioni su Il Signore dei Sogni

  • Rango
    Prescelto
  • Compleanno 14/09/1998

Visitatori recenti del profilo

1.098 visualizzazioni del profilo
  1. Confronto

    Non sono d'accordo molto. Anzitutto la distinzione "realismo vs verosimiglianza" a mio avviso è fallace: un mondo fantasy per definizione non può essere realistico (a meno che non si elimini completamente l'elemento improbabile alla base dell'ambientazione, ma a quel punto sarebbe più che altro un'ucronia) in quanto la definizione di mondo fantasy è: "mondo organizzato intorno a una premessa improbabile" (es. esistono persone che, grazie a una particolare qualità interiore innata, possono viaggiare tra i piani). Pertanto l'unica cosa che importa è la verosimiglianza, o meglio la logicità/coerenza (es. l'ambientazione di Mondo Disco non è certo simile a quella reale, ma comunque tutti gli elementi sono coerenti tra di loro). Detto questo Attento, perché secondo me stai confondendoti tra due livelli diversi. Un conto è il DM che fa la propria ambientazione homemade, un conto è il romanziere che crea il suo mondo per il romanzo. Nel primo caso il DM può glissare allegramente su cose come la botanica: visto che il suo obiettivo è il divertimento, si preferisce indagare altri aspetti della realtà che entrano più in ballo nella meccanica della campagna. Il romanziere deve creare tutto un mondo, coerente e interessante, e presentarlo bene: qualcuno diceva che il mondo di un romanzo è come un iceberg: per un decimo che si vede, nove decimi sono sommersi, sono nascosti. Quindi il fatto che Martin non abbia fatto spiegoni interminabili per descrivere tutto il funzionamento di Westeros rientra semplicemente nelle regole di buona scrittura (tutto quello che non è strettamente necessario alla storia può essere tralasciato - il non-esempio supremo è Eragon), non ne pregiudica il grado di realismo. Per il DM è: "Tutto quello che non serve al gioco tralascialo", per il romanziere è "Tutto quello che non serve alla storia non farlo vedere, ma crealo". Questo perché da spunti "sommersi" possono derivare una quantità di elementi "visibili". Se un monaco deve essere ucciso affogandolo nel sangue di maiale, questo può accadere solo quando è disponibile il sangue di maiale, ovvero in inverno. Quindi il romanziere ambienterà la vicenda in inverno, mentre non ti spiegherà come si prepara il sanguinaccio.
  2. Film

    @Lord Karsus Lo avevo riconosciuto dallo stile Peccato che non ti possa dare una carrellata di Mi Piace per la firma! Sei la sola altra persona che conosco che apprezza i Faust
  3. Film

    @Lord Karsus Scaruffi?
  4. Musica

    E' un album commovente per quanto è fatto bene, uno dei pochi capolavori del Ventesimo secolo.
  5. Ambientazione

    Magari possono convivere, ma in fazioni diverse. Gli stati che hanno investito molto nella magia non vorranno cambiare gli armamenti (anche perché dopotutto la magia non è tanto inferiore alle armi da fuoco, è solo padroneggiabile da meno persone), mentre gli stati più piccoli e "indipendenti" proveranno a investire nella polvere da sparo, sicché gli scontri saranno tra armati di magia vs armati con le armi da fuoco. Ognuno ha i suoi punti di forza e le sue debolezze.
  6. Film

    Io boicotterei SW 3.0 anche solo se SW VIII fosse la replica de "L'impero colpisce ancora"
  7. DnD 3e

    Dopo il risveglio traumatico, Airees rotola di lato e schiva l'artigliata, poi si rimette in piedi e scappa lontano dallo scontro. Come un cane inferocito, il ghul sta per gettarsi al (facile) inseguimento, ma viene accalappiato da Amayara. Prima si butta di pancia su di lui, poi con due rapidi movimenti gli blocca il petto e le estremità artigliute con un braccio, il bacino con l'altra. Alla testa viene lasciata la libertà di voltarsi e di vedere la lama di Shiabi che pone fine alla sua esistenza. La testa compie un'elegante parabola, andando a rotolare sul giaciglio del padrone Airees, dopodiché termina la sua corsa urtando il padron Jhyarazad. Nel cammino si disfà progressivamente, spargendo cenere tutt'intorno secondo l'uso dei geni (solo più nera del solito). Il trionfo sul volto di Amayara ben presto viene cancellata dalla tensione: dov'è finito Airees? Se venisse fatto fuori, malgrado l'aiuto che effettivamente ha prestato, sarebbe una gioia ben maggiore! Ma deve, comunque, seguire il contratto fino alla fine, e si volta a cercare Airees con lo sguardo. Airees si era lasciato alle spalle la lotta. Si era allontanato abbastanza da sentire la pressione sulle orecchie svanire, poi, fermatosi per estrarre la verga e per schiarire le idee, alza lo sguardo al cielo. Sospeso in aria, davanti alla luna, il Ghul ricambia il suo sguardo. Poi, una cannonata in pieno petto, la sabbia negli occhi e il ritorno del Silenzio, l'orrida sensazione di sentirsi sfilettato e mangiato, il caldo sangue che bagna i calzoni, e, in lontananza, i Div che si voltano sconcertati... Tiri Iniziativa Mappa
  8. Film

    Io non lo ho ancora visto, però segnalo questa maxi-recensione (16000 parole, ho impiegato un'ora per finirla) http://www.steamfantasy.it/blog/2016/12/21/rogue-one-quella-sporca-dozzina-non-incontra-star-wars
  9. DnD 3e

    @New One @sani100
  10. DnD 3e

    Mappa
  11. DnD 3e

    @dalamar78
  12. DnD 3e

    Amayara, Shiabi E la notte, ultimo momento per Airees di una vita fortunata, illude, con un sogno ingannevole, il suo sonno inquieto. Pervaso da trionfo, davanti a una folla festante stavi affilando un pugnale, sotto una luna piena appannata da una nuvola sottile, e lo usi per tagliare l'occhio di una donna. Improvvisamente, pur se non si sentivano suoni allarmanti nelle tenebre, un'entità ruvida e fredda ti dà un colpo. Tutto si scioglie acquosamente, ma dal taglio che percorre tutto il tuo braccio destro sembrano uscire insetti, mentre ti senti sepolto nella sabbia. E' questa la realtà? O è solo fantasia? Travolto da una specie di frana, alzi lo sguardo al cielo e vedi. Tra te e la luna piena, appannata da una nuvola sottile, credi di scorgere la sagoma spaventosa di un essere orribilmente sottile, munito di coda, corna e con un moncherino al posto di una mano artigliuta. E Amayara si lascia sfuggire un'entità simile, che si invola anche lei. Nessun rumore si è prodotto, ma non ti sorprende: conosci troppo bene i sintomi di un'incanto di Silenzio. Una goccia dell'icore maligno cade sulla sabbia, raggrumandosi. Ha un buon odore, un'intenso mughetto che rende più onirica la scena. Tiri @sani100 Iniziativa
  13. DnD 3e

    @Amayara, Shiabi
  14. DnD 3e

    Amayara, Shiabi
  15. DnD 3e

    @Shiabi, Amayara