Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Quattro nuove classi da testare per PF2

Articolo di Morrus del 06 Novembre
Sono ora disponibili da scaricare e testare le classi dell'investigatore, dell'oracolo, dell'intrepido e del fattucchiere, che saranno poi inserite nella Advanced Player's Guide prevista per Luglio prossimo. Questo playtest durerà per meno di un mese, fino al 02 Dicembre.

L'investigatore è un personaggio astuto e abile nel muoversi negli ambienti urbani, che si prende in carico dei casi per trovare indizi e risolvere misteri. Questa classe si lega a degli aspetti del gioco che non sono molto approfonditi nel Core Rulebook, quindi il playtest serve per vedere se il loro approccio alla risoluzione dei misteri risulta soddisfacente anche mantenendo le regole del gioco in generale flessibili.
L'oracolo controlla dei poteri divini incanalando dei concetti universali, lancia dei potenti incantesimi di rivelazione che hanno un costo per il suo corpo e agiscono come una maledizione nociva. Vogliamo assicurarci che gli effetti della maledizione siano divertenti e intriganti senza sbilanciare però la classe rispetto ad altri personaggi. Per questo playtest abbiamo reso disponibili solo alcuni misteri, ma ce ne saranno altri nella versione finale.
L'intrepido è l'agile e scattante maestro del campo di battaglia, che si muove con gesta acrobatiche tra i nemici e che può raggiungere uno stato di sensi acuiti utile per infliggere devastanti colpi letali. Vi faremo testare un sistema che incoraggia l'ottenere Eleganza, ovvero uno stato di abbagliante stile e agilità che consente agli intrepidi di usare capacità più potenti. La versione del playtest enfatizza alcune nuove regole specifiche per questa classe di modo che possano essere testate a fondo, ma la versione finale potrebbe ottenere alcuni dei talenti da arma del guerriero adatti ad uno stile da duellante.
Il fattucchiere serve una misteriosa entità che funge da patrono, lanciando incantesimi e fatture imparate grazie ad un potente famiglio. Si tratta della classe da incantatore più flessibile che abbiamo introdotto, dato che vi permette di costruire il vostro percorso non solo scegliendo dei talenti, ma anche le lezioni che si possono imparare dal proprio famiglio. Vogliamo assicurarci che queste opzioni funzionino al meglio sia meccanicamente che narrativamente in tutte e tre le tradizioni da incantatore a cui i fattucchieri hanno accesso.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/playtest-four-new-pathfinder-2e-classes.668402/
Read more...

Anteprima Eberron: Rising from the Last War #2: Il Sommario

NewbieDM sul suo account Twitter ha pubblicato l'immagine che ritrae il Sommario di Eberron: Rising from the Last War, il primo manuale cartaceo dedicato ad Eberron in uscita il 19 Novembre 2019 (potete trovare qui e qui maggiori informazioni sul supplemento). NewbieDM sul suo account Twitter ha rivelato anche numerose altre anteprime di Eberron: Rising from the Last War: se vi interessano, potete cercarle tra le immagini della sezione "Contenuti" della sua pagina Twitter (controllate a partire dalla data del 14 Novembre e proseguite la ricerca tra le immagini pubblicate nei giorni precedenti).
Qui di seguito, invece, potete trovare l'immagine del Sommario (per ingrandirla cliccate su di essa):

Read more...

I Draghi Gemmati stanno per arrivare in D&D 5e

In occasione della recente puntata di Spoiler & Swag, Natahn Stewart e Kate Welch della WotC hanno rivelato che il 21 Novembre verrà rilasciato un nuovo Set di Dadi speciale realizzato per festeggiare il 5° Anniversario dell'uscita di D&D 5e e il 45° Anniversario dall'uscita di D&D in generale. Questo set, che avrà un costo di 299,99 dollari (fra poco capirete perché) e sarà limitato a un massimo di 1974 copie, conterrà undici dadi in alluminio con i numeri colorati di blu, tra cui sarà presente un d20 con incastonato un piccolo zaffiro (questa gemma è stata scelta dalla WotC in quanto di solito essa è usata per commemorare il 5° e il 45° anniversario di un avvenimento). La vera sorpresa all'interno di questo set, però, è il fatto che esso contiene le statistiche del primo Drago Gemmato di D&D 5e, ovvero il Drago di Zaffiro.
Per chi tra voi non lo sapesse, i Draghi Gemmati costituiscono la terza categoria di draghi presenti in D&D, assieme ai Draghi Cromatici e ai Draghi Metallici. A differenza dei Draghi Cromatici (che sono malvagi) e di quelli Metallici (che sono buoni), i Draghi Gemmati sono neutrali.
La presentazione del Drago Zaffiro all'interno di questo set speciale, dunque, segna l'ingresso dei Draghi Gemmati nella 5a Edizione di D&D. Non sarà necessario, tuttavia, acquistare questo set di dadi per poter utilizzare il Drago Zaffiro nelle vostre campagne. Nathan Stewart, infatti, ha dichiarato che esso (e, chi lo sa, magari anche gli altri Draghi Cromatici, NdRedattore) sarà reso accessibile a tutti, ma si dovrà aspettare l'inizio del 2020.
E' possibile, quindi, che all'inizio del 2020 uscirà un nuovo supplemento in cui saranno presenti i Draghi Gemmati.
Voi che ne pensate? Ditecelo nei commenti.
 




Fonti:
https://www.enworld.org/threads/299-d-d-anniversary-sapphire-dice.668498/
https://www.enworld.org/threads/d-d-gem-dragons-are-officially-back.668530/
Read more...

Mettere in Piedi una Campagna nei Reami

Articolo di Ed Greenwood del 11 Ottobre 2019
Giocare ad avventure one shot, così come fare binge-watching di una bella mini-serie televisiva, può essere divertente, ma prima o poi qualsiasi giocatore di GDR vorrà provare una campagna, una serie di avventure interconnesse in cui la posta in gioco - e si spera anche le ricompense - possano essere più alti. Più tempo trascorso insieme agli amici, facendo di più e più a lungo. Molte campagne finiscono per esaurire il carburante e svanire, ma altre vanno avanti letteralmente per decenni costruendo, si spera, ricordi piacevoli (e cos'altro è la vita, se non una collezione di ricordi? Quindi cosa stiamo realmente facendo mentre viviamo le nostre vite? Stiamo costruendo una collezione di ricordi!) delle serate trascorse con gli amici attorno a un tavolo da gioco.

Il che, dato che il luogo dove realmente vivo sono i Reami, mi porta al come impostare e gestire una campagna nei Forgotten Realms.
Non esiste un modo giusto o un modo sbagliato di giocare a D&D o di fare il DM o di condurre una campagna, ma vi voglio illustrare come l'ho fatto io e, soprattutto, perché.
Primo, per risparmiare tempo e confusione, creavo dei personaggi pregenerati, comprensivi di background, i quali erano tutti giovani che cercavano la loro fortuna e lasciavano le loro case, tutte situate nella stessa comunità, per la prima volta nella vita. Questo ci permetteva di saltare i momenti confusionari in cui bisognava capire quali fossero tutte le capacità da scegliere, e soprattutto mi permetteva di costruire "abilità di vita quotidiana" e un passato per ogni personaggio. Lasciavo che i giocatori potessero scegliere tra il doppio del numero di personaggi necessari (per offrire loro maggiori scelte di classe, razza, genere e background), e spesso il gruppo di PG includeva un personaggio di riserva, gestito da me come DM fino a quando era necessario: ogni volta che un PG moriva o diventava incosciente, quel giocatore usava la riserva per il resto della sessione, invece di essere escluso dal gioco.
Ed il passato di quei personaggi dava ai giocatori situazioni problematiche per i loro personaggi (come la reputazione della famiglia, faide in corso e debiti) che potevano essere sfruttate o ignorate, a seconda di come andava il gioco.
(Man mano che il gioco andava avanti, alcuni giocatori sicuramente avrebbero voluto provare altre classi, ed io mi ero già preparato sin dal principio per mandare i PG iniziali in pensione invece di farli morire gloriosamente o altro. Molti PG in pensione potevano in caso uscire dal pensionamento per fungere da rinforzi temporanei oppure potevano mettere in piedi esercizi commerciali consolidati o creare una famiglia, dalle cui fila potevano poi essere selezionati i PG futuri.)
Secondo, avevo fornito loro un piccolo Compendio del Giocatore: un breve riassunto di ciò che sapevano riguardo ciò che li circondava, completo di mappe ridicolmente incomplete (ovvero una piccola area conosciuta circondata da frecce che indicavano cose come: "Thay molto lontano in questa direzione" e simili) dei Reami con tanto di Hic Sunt Dracones. Questa era la loro "conoscenza comune iniziale", e sì, avevamo una Sessione Zero in cui tutti potevano tranquillamente esporre le loro domande e trascrivere le mie risposte ai loro quesiti che sorgevano dalla lettura del Compendio. I loro personaggi avrebbero anche potuto essere dei ragazzi innocenti, ingenui e con gli occhi spalancati dalla meraviglia che si avventuravano in un mondo grande e spaventoso ... ma "sapevano quello che sapevano" e i giocatori potevano usarlo come solida base da cui iniziare.
Terzo, avevo incoraggiato i giocatori a parlare immedesimandosi nei loro personaggi, tranne quando si interagiva tra giocatore e giocatore: "Mi passi quel d12, per favore?" O "Passami le patatine" o tra giocatore e DM: "Ho vissuto qui tutti la mia vita; ho mai visto questa persona / quel distintivo prima d'ora? ”.E avevo fatto estendere la cosa, a partire dall'inizio della prima sessione di gioco, ai "consigli di guerra" , in cui i PG discutevano su dove sarebbero andati e cosa avrebbero cercato di fare rimanendo sempre nel personaggio. Volevo che prendessero l'abitudine di scegliere il loro destino, così come fanno degli eroi che cambiano il mondo rispetto a dei ragazzi che reagiscono solo a ciò che il mondo fa capitare loro.
Sì, questo significava che dovevo dettagliare il mondo in tutte le direzioni (nelle immediate vicinanze, almeno) e avere varie avventure pronte all'uso, indipendentemente dai luoghi e dalle attività che avrebbero scelto, ma avevo già questo mondo vasto e complesso, che doveva solo essere rifinito con dei dettagli locali. (Questo, oltre alla necessità di rispondere a tutte le domande dei miei giocatori per anni e anni, è il motivo per cui avete dei Reami così profondamente dettagliati.)
Eppure tutta quella mole di lavoro valeva la pena di essere fatta, perché i giocatori, attraverso i loro personaggi, avevano la possibilità di scegliere.
Anche nella campagna "casalinga" dei Reami, dopo decenni di gioco, ho sempre incoraggiato questi "consigli di guerra" fatti rimanendo nel personaggio, momenti in cui i PG discutevano su dove andare e cosa fare, in modo che si sentissero padroni dei loro destini, non tirapiedi che venivano spinti di qua e di là da un potente Dungeon Master divino (o, peggio ancora, da un DM che si comportava in modo tale da sembrare l'avversario dei giocatori).
La vita è una serie di scelte morali, in fondo lo sappiamo tutti; organizzate le cose intorno al vostro tavolo da gioco in modo da dare ai vostri giocatori scelte morali da compiere tramite i loro personaggi, e le avventure AVRANNO PIÙ IMPORTANZA per loro, e quindi saranno più significative, successi ben più importanti del semplice "ammazza il mostro, arraffa il tesoro, via col prossimo dungeon."
Quarto, mi assicuravo che i giocatori avessero una serie di avventure tra cui scegliere, tra cui qualche bel massacro per sfogare le frustrazioni della vita reale e un mistero o due (perché tutti amano i misteri; sono seducenti, possono davvero interessanti se il mistero non deve essere risolto per ottenere la sopravvivenza o la libertà). Comprese alcune scelte che sembrassero facili rispetto ad avventure tipo "combatti il Grande Signore Oscuro."
Per le mie mini-campagne da biblioteche (giocate nelle biblioteche pubbliche in cui lavoravo, gestendo dei programmi per adolescenti, un pomeriggio alla settimana per 13 settimane consecutive), non avevo il tempo per lasciare che i personaggi dei giocatori vagassero in giro e scegliessero la loro prima avventura, quindi ho risolto con l'idea dei contratti di avventura. Il gruppo di avventurieri avrebbe iniziato a giocare nel Cormyr, avendo appena ottenuto un atto reale, che imponeva loro una condizione per la concessione dello stesso, che era l'unico modo legale in cui i PG potevano andare in giro armati nel paese. Questa era una missione primaria quindi, prima di cercare avventure in modo indipendente per conto vostro, voi, la nascente Compagnia dell'Unicorno o la Spada Azzurra o la Lama Luminosa, dovete completare prima questa missione (eliminare quei fastidiosi briganti o guidare i goblin fuori dalle colline attorno a quella valle di confine). Un compito del genere costringeva il gruppo di PG ad esplorare caverne o una rovina che i loro bersagli stavano usando come tana, ed ecco che un'avventura per rompere il ghiaccio era in corso...e poteva essere impostata per mostrare chiaramente una via verso diverse altre avventure, dando ai giocatori le loro prime scelte reali.
E gli avventurieri di successo, nella vita reale e nel gioco, cosa fanno? Cercano di ottenere il meglio dalle loro scelte.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/getting-a-realms-campaign-up-and-running.667087/
Read more...

Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus è il prossimo manuale per D&D 5e in italiano

La Asmodee Italia ha aggiornato la pagina delle sue prossime uscite e ha rivelato quale sarà il prossimo manuale in arrivo per D&D 5e in lingua italiana: si tratta di Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus (Baldurs Gate: Descent into Avernus), l'avventura nella quale i giocatori non solo potranno visitare la famosa città di Baldur's Gate, ma anche intraprendere con i loro personaggi una discesa nel primo livello dei Nove Inferi, l'Avernus.
Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus, che è stato di recente protagonista di un evento ufficiale organizzato dalla WotC presso il Lucca Comics & Games 2019, è previsto per Gennaio 2020. E' importante tenere presente, tuttavia, che questa è al momento una data solo indicativa: in caso di imprevisti è possibile che la data possa slittare. Avremo maggiori informazioni sulla data di uscita definitiva quando saremo più vicini al momento della pubblicazione.
Se cercate maggiori informazioni su Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus, potete leggere la recensione del manuale, gli articoli di anteprima e quelli di approfondimento che abbiamo pubblicato negli ultimi mesi:
❚ Recensione di Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus
❚ Baldur's Gate: Descent into Avernus è la prossima avventura per D&D 5e
❚ Anteprima #1: Le stat della Infernal War Machine
❚ Anteprima #2: La mappa dell'Avernus e altre immagini
❚ Anteprima #3: Sommario e inizio Capitolo 1
❚ Diamo uno sguardo ai mostri dell'Averno
❚ Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus - Come vendere la propria anima guadagnandoci
❚ Baldur's Gate: Discesa nell'Avernus - I nostri Oggetti Magici infernali preferiti
Qui di seguito, invece, potete trovare la descrizione ufficiale pubblicata sul sito di Asmodee Italia:
Dungeons & Dragons - Discesa nell'Avernus
Benvenuti a Baldur’s Gate, una città dove l’ambizione, la corruzione e l’omicidio dilagano. Avete appena iniziato la vostra carriera da avventurieri, ma restate subito coinvolti in un complotto che vi condurrà dalle ombre di Baldur’s Gate alle prime linee della Guerra Sanguinosa! Avrete abbastanza fegato da ritorcere le macchine da guerra infernali e i nefandi contratti contro l’arcidiavolessa Zariel e le sue diaboliche legioni? Riuscirete a tornare a casa sani e salvi quando sul vostro cammino vi attendono le sterminate forze del male dei Nove Inferi?
Lingua: italiano
Data di uscita: gennaio 2020


Read more...
dalamar78

[Dalamar78] - Eroi, atto III - Mercenari

Recommended Posts

Dopo essere usciti dalla Waystation puntate dritti verso Hatherleigh; nonostante siate riusciti a far tornare nel suo piano di esistenza la giovane deva Satura, l'idea di aver dovuto cedere al ricatto di quei maghi oscuri vi rode non poco. Purtroppo però la vita di un avventuriero a volte è costellata anche di sconfitte e non vi resta altro che ingoiare il rospo, almeno per il momento, almeno fino a quando le vostre strade e quelle di quei maghi non si incroceranno di nuovo...

Il viaggio fino ad Hatherleigh dura sette giorni ma è privo di eventi significativi; giunti nella grande città vi sistemate nella locanda "Al Boleto Stridente" dove avete intenzione di fermarvi per qualche giorno.

Il giorno successivo al vostro arrivo Edward si scusa con voi ma prende congedo dalla compagnia: l'esperienza di essere giunto ad un passo dalla morte ha cambiato il giovane ed agile avventuriero, che preferisce andare per la sua strada.

Il terzo giorno di permanenza nella città di Hatherleigh avete un'altra visita inaspettata: due nani giungono alla locanda e chiedono di voi; uno di essi è il Bofur Stonespike, lo zio di Eberk, che vi aveva portato Shagrat, l'altro è uno dei guerrieri più "tosti" del clan del sacerdote di Moradin: Torgal Soulshield

Dopo un breve scambio di battute, il zio di Eberk riprende in custodia il mezzogre, saluta il nipote, e si allontana con il mezzogre al seguito

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eberk

Non piangerò certo la dipartita di quel puzzone, anche se sapeva picchiare quando serviva.

E tu quindi saresti il figlio di Erga Soulshield, la compagna d'armi di mia madre nella guerra della Cima Rossa?o di sua sorella? chiedo al nuovo venuto Oppure è un altro ramo della famiglia??

Sotto chi ti sei addestrato figliolo?

@ Torgal

Spoiler:  

Nomi completamente a caso per dare un senso di backstory comune

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ehm...scusate!

Dico dopo di Eberk senza lasciare il tempo al guerriero di rispondergli.

Non vorrei rovinare il vostro momento in famiglia, ma...

Il signor Stonespike sta ripartendo, è meglio che ti affretti o dovrai rincorrerli.

Dico alla nostra nuova conoscenza.

E non è bello vedere un nano correre per strada!

Ridacchio beffardamente, dando un paio di pacche sulle spalle di Eberk.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eberk

Tranquillo Gerbo, ho già salutato mio zio Bofur prima, e non ho certo intenzione di andare con lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dal momento in cui vedo Torgal, quello che a quanto pare sarà il nostro sostituto a Shagrat, in quanto è rimasto con noi invece che ripartire col mezzogre e l'altro nano, non gli stacco gli occhi di dosso, continuando a fissarlo con aria neutra e inespressiva.

L'unica cosa che faccio, di tanto in tanto, è accarezzare il mio famiglio, un piccolo elementale dell'aria che mi svolazza attorno.

-mi è sfuggita. l'avevo, e mi è sfuggita. devo riprenderla.- sono le uniche cose a cui penso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti compagni! saluta con entusiasmo il nano appena giunto, mollando ai propri parirazza una spallata oltre ad una vigorosa stretta di mano.

Esatto! Proprio lei! La conosci per caso? replica ad Eberk approfittandone per perdersi in inutili chiacchiere per almeno un quarto d'ora buono.

[...] E comunque, per farla breve, mi stavano cadendo tutti i peli della barba a forza di stare lì a fare la guardia a dei pezzi di ferro ingialliti... Il mio scudo non è fatto per proteggere oro, ma per portare gloria all'anima di un guerriero! esclama come avesse appena concluso un'arringa, sbattendo pesantemente il grosso scudo torre al suolo.

Per questo ho voluto unirmi a te e il gruppett che ti accompagna di cui ho sentito parlare.. Ci sarà tra di voi un qualche spara-spruzzi che avrà bisogno di qualcuno che gli copra le chiappe no? domanda passando ora in rassegna il resto del gruppo, cercando di farsi un'idea del ruolo di ognuno. Ma bando alle ciance.. Che si fa? Dove si va? Chi c'è da prendere a calci?

Il nano sembra piuttosto impaziente di partire all'avventura, facendo sferragliare ad ogni movimento il grosso mazzafrusto che pende dalla cintola e sbatte continuamente contro la pesante armatura.

Spoiler:  
122708_Warforged_Juggernaut_Path-new.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda giovanotto dice al mio nuovo compagno nanico all'inizio eravamo diretti a Radigast, sai la solita solfa, diventare famosi, far fortuna. In fondo cosa vuole un povero nano più che gloria in battaglia e un pò di oro giusto?

Poi abbiamo incontrato questa deva che abbiamo cercato di proteggere da gente che la voleva rapire e desiderava un certo artefatto. In un certo senso siamo anche riusciti nel nostro scopo, ma siamo anche stati pesantemente umiliati.

Quindi ora non so cosa vogliano fare gli altri, ma io dedicherò il prossimo decennio o giù di lì a dare la caccia a quei maledetti e a fargliela pagare, sulla tomba di mio padre e di mio nonno prima di lui io questo giuro.

Come primo passo pensavo di cominciare a cercare informazioni su di loro, ci sarà una qualche gilda di bardi o un tempio di un dio della conoscenza in questa città o in zona no?

@DM

Spoiler:  

Conoscenze varie e eventualmente raccogliere informazioni per gilde di bardi/ladri/templi di dei della conoscenza/grandi biblioteche insomma cose del genere

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ Eberk

Spoiler:  
Non sei della zona e, quindi, non hai idea se possano esserci o meno le gilde o i templi che stai cercando; chiedendo un pò in giro scopri che nella cittadina nella quale vi trovate adesso esiste una piccola biblioteca

Share this post


Link to post
Share on other sites

continuo a guardare intensamente il nuovo venuto, e al momento opportuno rispondo

-Mi è stata sottratta una pietra. Devo riaverla.-

non aggiungo altro, continuando ad accarezzare il mio famiglio, estraniandomi nei miei pensieri, ma senza staccare gli occhi dal nuovo venuto.

Dopo qualche minuto mi intrometto in qualsiasi argomento di cui stanno parlando per rivolgermi di nuovo a Torgal

-Tu sai chi sono? Li puoi sentire?- domando, stringendo le palpebre mentre continuo a fissare il nano, come se quello che dico fosse un importante test

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uh? UNa pietra? Ma certo certo! Chi meglio di un nano può aiutarti a riavere una pietra?! esclama gonfiando nuovamente il petto, Eh? Come dici? Li sento? Chi dovrei sentire? piuttosto confuso si guarda attorno Torgal, cercando nel resto del gruppo una qualche sorta di suggerimento.

Quindi affianca Eberk accompagnandolo verso la biblioteca e approfittandone per domandare qualcosa sul conto di Theogrin. Ehi ma ci sta tutto quello con la testa? chiede in un sussurro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eberk

Non era già del tutto a posto prima, ma da quando ha trovato e perso la pietra, che sarebbe poi l'artefatto di cui sopra che ci è stato sottratto, è fuori come un cammello in una grondaia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cammino per la città cercando di essere il meno appariscente possibile, mentre mi guardo intorno alla ricerca di persone a cui affidare un incarico molto importante.

Da sotto il grosso cappuccio che porto gli occhi saettano di qua e di là, esaminando, valutando, soppesando l'aspetto della gente che incontro, ma il più delle volte scartando chiunque.

Finalmente, dopo tanto vagabondare, un gruppetto di tizi, perlopiù nani, attira il mio sguardo.

Perfetti!

Mi avvicino quindi piano a loro, controllando che intorno non ci siano orecchie troppo indiscrete, e quando li raggiungo sussurro a bassa voce:

Anche voi afete preciudizi contro gli stranieri?

@Tutti:

Spoiler:  
Vedete ben poco, in realtà, della persona che avete davanti: una grossa tunica marrone copre tutto il corpo, che però si può intuire sia abbastanza asciutto e alto. il cappuccio lascia intravedere solo una barba riccia e un po' castana un po' biancastra. A prima vista, non porta con sè nessun equipaggiamento. Oltre alle parole dette, anche lo strano accento tradisce il fatto che le sue origini non siano di questo paese, almeno apparentemente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Shhhh! Appassa la foce! dico al nano mettendo l'indice di fronte alla mia bocca per rafforzare il concetto, mentre mi guardo intorno per controllare che nessuno sia stato attirato dalle parole della persona con cui sto parlando.

Gli uomini di quezto paese non amano gli ztranieri. Io foglio solo offrirvi una puona occasione di cuatagno. Semplice semplice, poco riskiosa. Ma non posso parlarfi qui, troppa cente, troppe orecchie che pozzono ascoltare. Questa sera fenite alla locanda ficina alla piazza principale: io sarò lì per cena, nel tafolo più defilato. Sarò lieto ti offrirfi manciare e bere, e di spiecare foi tutto quanto.

Dopo un'ultima occhiata furtiva ai dintorni, la misteriosa figura infila una mano all'interno della tunica e agita qualcosa che produce un tintinnio appena accennato ma inconfondibile: tintinnio di monete. Molte monete.

Come potete zentire non sto scherzanto. A stasera dico, per poi voltarmi con la chiara intenzione di allontanarmi.

@DM:

Spoiler:  
è quello che faccio, a meno che mi fermino ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eberk

Non ho voglia e tempo per indovinelli e stranieri misteriosi...

Mi spiace ma abbiamo già da fare, straniero.

O sei più chiaro o arrivederci.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Soffio col naso, infastidito dall'atteggiamento spocchioso del nano.

Testa dura...

Chieto scusa se vi ho rupato del tempo prezioso, messere! faccio, voltandomi appena.

Se questa sera sarete piú liperi e propenzi a parlare e manciare e bere gratis, sapete dove trofarmi. Fino at allora, addio! concludo prima di allontanarmi dai miei interlocutori.

@Dm:

Spoiler:  
Mi allontano lentamente, aguzzando l'udito per sentire eventuali commenti. Poi sai tutto; su come gestire la cosa mi rimetto alla tua decisione :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

Senza preoccuparvi per lo strano straniero che avete appena incrociato seguite tutti quanti Eberk; in poco tempo raggiungete un edificio interamente fatto di pietra ad un unico piano, con la porta aperta.

Entrando all'interno vedete che si tratta di una piccola ma ben tenuta biblioteca; un'anziana donna, che stava leggendo, vedendovi entrare, poggia il libro aperto davanti a se è vi sorride.

Buongiorno signori. Come posso aiutarvi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eberk

Buongiorno madama, avrei interesse a consultare alcuni tomi della vostra collezione se possibile.

Starei cercando in particolare informazioni sulla magia divinatoria ed illusoria se ne possedete.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'anziana donna sorride alle parole di Eberk

Questa è una piccola biblioteca, Mastro Nano ma qualcosa lo abbiamo.. dice spostandosi tra gli scaffali colmi di volumi Ecco qua!

Prende quindi un paio di tomi e li porge al nano

@ Eberk

Spoiler:  
Si tratta di semplici trattati che parlano di magia arcana, con accenni in particolare alle due scuole da te richieste; questo almeno ad un rapido esame

@ XX (Ilmena)

Spoiler:  
Lasci che il gruppetto di avventurieri da te "intercettato" si allontani di qualche decina di metri per poi iniziare a seguirli; puntano verso un basso edificio di pietra che scopri essere la biblioteca del paese

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.