Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Manticore Games offre 20.000 $ per un'Avventura di D&D creata con la piattaforma Core

La software house Manticore Games ha di recente ricevuto dalla WotC l'autorizzazione per l'organizzazione di un concorso intitolato D&D Design-a-Dungeon contest e dedicato alla creazione dell'avventura videoludica definitiva in stile D&D. Manticore Games, infatti, è proprietaria di una piattaforma per la creazione di videogiochi online per PC, il Core, progettata appositamente per consentire a chiunque di creare un proprio videogioco online senza essere per forza un programmatore esperto, e ha deciso di mettere alla prova i giocatori di tutto il mondo per vedere cosa questi ultimi sono in grado di creare con il suo software. I creatori delle avventure migliori potranno vincere premi per un ammontare totale di 20.000 dollari.

Il concorso D&D Design-a-Dungeon, che durerà fino al 6 Settembre, richiede che i partecipanti realizzino con il software Core un'Avventura appartenente a una delle seguenti 4 Categorie:
Dungeon, Caverne e Catacombe Le Terre Selvagge Fortezze e Torri Piani Elementali Per partecipare al concorso basterà creare un gioco in Core e incluedere '[DnD]' nel titolo o nella descrizione di quest'ultimo.
Il materiale inserito per il concorso dovrà assumere la forma di una vera e propria avventura di D&D e sarà giudicato non solo per l'estetica del mondo digitale creato dagli autori, ma anche in base al livello narrativo e d'interazione dell'avventura. Il materiale inviato, dunque, dovrà avere la forma di un vero e proprio videogioco, e non essere semplicemente una serie di scenari da esplorare con il proprio avatar virtuale. All'interno del software Core i partecipanti troveranno tutto ciò che gli servirà per creare l'avventura. Per aiutare i meno esperti nell'uso di Core, tuttavia, Manticore Games ha creato un framework scaricabile qui e pensato per fornire agli utenti un tutorial edelle linee guida su come usare il programma per creare i propri giochi. Non è obbligatorio scaricare e usare il framework per partecipare al concorso.

I 20.000 dollari messi in palio saranno utilizzati per premiare i lavori migliori. 5000 dollari in gift card di Amazon saranno assegnati al lavoro migliore di tutti, a prescindere dalla categoria. Il denaro restante, invece, sarà assegnato ai migliori 2 lavori per ognuna delle categorie: 2500 dollari in gift card di Amazon per il 1° posto e 1250 dollari per il 2° posto. Oltre ai premi in denaro i vincitori riceveranno altri premi in base alla qualità del loro lavoro, come spiegato sul sito ufficiale del concorso.
Per ogni nuovo candidato iscritto al concorso, inoltre, Manticore Games donerà alla raccolta fondi Extra Life 100 dollari, fino a un massimo di 10.000 dollari.
Tutti i giochi creati durante il concorso saranno svelati e resi disponibili in occasione di un evento speciale organizzato durante il PAX Online, la fiera dedicata al gioco che si terrà a settembre e che quest'anno sarà online a causa del COVID-19. Durante questo evento speciale, alcuni degli avventurieri e dei Dungeon Master più celebri - come Jerry Holkins (Acquisition Incorporated) e Deborah Ann Woll (Deredevil, Relics & Rarities) - saranno presenti per annunciare i vincitori del concorso e per giocare alle avventure da loro realizzate.
Per maggiori informazioni sul Core e sul Concorso D&D Design-a-Dungeon potete visitare la pagina ufficiale del concorso e seguire l'account twitter ufficiale di Manticore Games @CoreGames.
Grazie a @Muso per la segnalazione.
Fonte: https://dndcontest.coregames.com/
Read more...

Sottoclassi, Parte 4

Articolo di Ben Petrisor, con Jeremy Crawford, Dan Dillon e Taymoor Rehman - 5 Agosto 2020
Due spettrali Sottoclassi si manifestano negli Arcani Rivelati di oggi: il College degli Spiriti (College of Spirits) per il Bardo e il Patrono Non Morto (Undead Patron) per il Warlock. Potete trovare questi talenti nel PDF disponibile più in basso, mentre rilasceremo presto un sondaggio per sapere cosa ne pensate di loro.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: sottoclassi, parte 4
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/subclasses-part-4
Read more...

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
Sign in to follow this  
Ermenegildo2

Classi di prestigio

Recommended Posts

Non mi ricordo più se in questa edizioni saranno presenti le classi di prestigio.

Ho dei vaghi ricordi di dichiarazioni durante la fase di playtest in cui si diceva che non ci sarebbero state, se questi ricordi fossero giusti vi ricordate se ci fossero state delle dichiarazioni su che strumenti avrebbero messo a disposizione per ottenere una flssibilità nella fase di personalizzazione del personaggio pari a quella che davano le cdp?

Se tali dichiarazioni non ci fossero state secondo voi punteranno ad ottenere un livello analogo di personalizzazione?

Secondo me ci proveranno usando i talenti, e per quanto visto fin ora la cosa potrebbe pure funzionare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le classi di prestigio non torneranno. Ci sono le sottoclassi che fanno il lavoro di personalizzazione, ci sono i talenti, ma creare le classi di prestigio offre al netto una personalizzazione interpretativa minore aprendo la via a numerose sbroccature regolistiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sbaglio io o Mearls aveva accennato a qualcosa riguardo le classi di prestigio come titoli di appartenenza a una fazione all' interno di un' ambientazione, molto slegati dalla "meccanicità" delle classi standard?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ammetto di non ricordare bene. Comunque, se - per dire - Cavaliere di Solamnia è un titolo e non una dubbia CdP è tanto di guadagnato. Più che altro, a cavallo della stessa 3.0 il concetto di classe di prestigio si è snaturato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inizialmente avevano preso in considerazione la cosa, poi si sono accorti che le Sottoclassi funzionano bene già loro da sole.

Le Classi di Prestigio non sono state del tutto cestinate, ma i designer si riservano di valutare più avanti se alla fine portarle all'interno della 5a Edizione o meno. Insomma, al momento non sono in programma, ma se in futuro i designer dovessero decidere che possono funzionare, potrebbero pensare di riutilizzarle.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il sistema delle sottoclassi non è un pò troppo rigido per replicare il pieno le potenzialità delle cdp per la personalizzazione delle capacità del personaggio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

D&D è un gioco archetipico. Funziona fino a che ne fa un punto di forza. Nel momento in cui "intacca" il suo essere archetipico con le ennemila varianti si sta dando la zappa sui piedi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il sistema delle sottoclassi non è un pò troppo rigido per replicare il pieno le potenzialità delle cdp per la personalizzazione delle capacità del personaggio?

Forse, ma perchè farle se le sottoclassi permettono di fare qualsiasi tipo di personaggio senza problemi? Tra quelle e i talenti si può avere più o meno tutto. Non vedo perchè bisognerebbe avere maggiore personalizzazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il sistema delle sottoclassi non è un pò troppo rigido per replicare il pieno le potenzialità delle cdp per la personalizzazione delle capacità del personaggio?

Pathfinder funziona perfettamente anche solo con gli archetipi, che in pratica sono le sottoclassi, e il multiclasse.

La presenza di CdP in Pathfinder, che comunque rimane decisamente marginale, in 5e è controbilanciata dai talenti, molto più incisivi di quelli di Path.

La componente "sociale" delle CdP, infine, è facilissima da rendere tramite background personalizzati, magari da acquisire a metà carriera.

Nonostante tutto le build risultano meno variegate rispetto a quanto non fossero in 3.5 (dove incastrare livelli e requisiti faceva parte del gioco), ma è una cosa voluta, visto che oltre un certo punto più che alla personalizzazione, la presenza di CdP è finalizzata quasi completamente all'ottimizzazione (e non ci c'è niente di male in questo, semplicemente è un aspetto che alla 5e non interessa).

Personalmente comunque sono felice di non vedere le CdP, visto quanto materiale scadente hanno contribuito a creare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente trovo le Sottoclassi migliori delle CdP.

Le CdP partono dall'idea di avere almeno tot livellid i Classe come prerequisito. Questo portava i PG a dover essere di livello medio-alto per poter permettere a un giocatore di godere minimamente del aspetto narrativo e/o meccanico della CdP.

Con le Sottoclassi finalmente si riesce a raggiungere una specializzazione senza dover aspettare 5 o 10 livelli. Finalmente il PG anche ai bassi livelli inizia a distinguersi dallo stereotipo della Classe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono felice che non hanno fatto apparire le cdp in questa edizione così non dovrò sorbirmi la strammaggioranza di esse che vanno all'inutile al dubbio gusto ed incasinano non poco il world buildg delle ambientazioni....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo.

Le Sottoclassi permettono delle build più controllate e più controllabili, visto che sono interne alla Classe (quindi devono rimanere strettamente coerenti con essa). Ho paura invece che, se reintroducessero le CdP, finisca con il ripartire la delirante corsa verso le build più assurde del mondo....

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto!!!

Peraltro, la concezione di sottoclasse é un po' la sublimazione dei vari concerti visti nelle varie edizioni in termini di personalizzazione, perché di fatto consentono di fondere classe e specializzazione, al punto anche da allontanarsi dal concept di base senza però scadere nella "porchetta".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come aggiunge The Story, inoltre, i feat fanno il loro bel lavoro, senza contare che persino la struttura degli incrementi di caratteristica possono diventare un'arma, se si considerano anche eventuali cambi di rotta narrativi che possono sfociare nel multiclasse.

Sui multiclasse mica tanto visto che tende ha scoraggiarlo in questa edizione ed poi sarebbe anche ridondante con certe sotto classi come del mistificatore arcano ed del cavaliere mistico nato appunto come cdp nella 3.X per "aiutare" rendere giocabili quei multiclassamenti....

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Vorsen & SilentWolf

In realtà i cosiddetti problemi narrativi delle CdP nel 99% dei casi esistono solamente perché sono i giocatori a crearli.

Basta decidere che non devi essere un Mago Rosso X° per far parte dei maghi rossi, e che non devi far parte dei maghi rossi per essere un Mago Rosso X° per risolvere quasi tutti i problemi del genere.

Idem per la "delirante corsa verso le build più assurde del mondo", che è un problema solo dei giocatori.

Ho fatto diverse campagne in 3.5 e Pathfinder, e praticamente sempre è bastato dire "limitate le build" o "buildate a questo livello di ottimizzazione" per non avere il minimo problema. Basta avere giocatori e master consapevoli (ma questo è normale il un sistema basato sulla system mastery).

Questo solamente per evitare che si faccia di tutta l'erba un fascio e che si scada a ragionare per stereotipi dicendo "nell'edizione X si giocava così" quando non è vero.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Condivido l'ultimo post di the stroy, le cdp non creano problemi narrativi o di bilanciamento più di quanti non ne creino le altre meccaniche se sottoposte a un playtest inadeguato.

Personalmente non sono un grandissimo fan delle classi di prestigio e accolsi a suo tempo con grande favore l'articolo in cui si diceva che le capacità del personaggio fossero modificabili, pesantemente, tramite i talenti (http://www.dragonslair.it/forum/threads/58201-Articolo-La-spia-che-mi-prese-a-palle-di-fuoco).

Però per quanto vedo ora le sotto classi sono un pò troppo rigide per replicare l'effetto "supermercato delle capacità di classe" che contradistingueva le cdp, spero quindi che gli sviluppatori puntino molto più sui talenti che sulle sottoclassi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peraltro, le CdP sono *nate* per essere narrative e non pacchetti di capacità. Così come, in D&D che funzioni in quanto D&D (archetipico), le classi non sono pacchetti di capacità ma qualcosa che definisce il personaggio anche ad altri livelli.

Il problema si è avuto col proliferare di classi di prestigio e non, però, perché alla fine ne son saltate fuori così tante che risultava anche poco intuitivo giocare facendo avere a ciascuna il suo peso narrativo nell'ambientazione.

La 5^ recupera molto di quello che in origine si era perso, anche solo in base a una considerazione: un sistema a classi e livelli che voglia essere archetipico è coerente con se stesso e, per quanto semplificato, intrigante; un sistema a classi e livelli non archetipico invece è solo limitante e a seconda dei punti di vista pure molto brutto.

Per questo motivo le classi non sono più sottoinsiemi di capacità, ma hanno anche un peso narrativo. Mitigato ovviamente dal fatto che ci siano pure i background, per cui un ranger accolito sarà diverso da un ranger mercante, ma per come sono intese ora in 5^ le classi non indicano più solo cosa sai fare, ma anche perché lo sai fare così e come hai imparato a farlo.

Ovviamente tutto funziona fino a che le classi sono in numero plausibilmente limitato: nel momento in cui iniziassero a saltar fuori una classe per i guerrieri che sono stati addestrati da una gilda di ladri, una per i guerrieri che le armature leggere non le sanno usare, una per gli stregoni che hanno anche studiato qualcosa, una per i paladini che a scuola arrivavano sempre tardi e così via si perderebbe la centralità della classe, ritornando a una situazione "a la 3.5" in cui per evitare di implodere il sistema deve perdere il suo carattere archetipico. Diventando però un sistema brutto.

Riuscirà la WotC a non cedere alla tentazione di riempirci di splatbook? Spero di sì, ma si vedrà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono pro classi di prestigio, ovviamente fatte con un certo criterio, che magari ti chiedano dei requisiti ruolistici particolari, che rappresentino fazioni o organizzazioni all'interno dell'ambientazione. Di certo Mearls & company sono i primi a non voler vedere la proliferazione nata in 3.x. Spero che le sottoclassi che creeranno in futuro non faranno la fine delle cdp 3.5 come dice anche FeaPi sopra. e cmq il problema non è tanto la proliferazione, è la qualità delle stesse, se nono tutte giocabili ed "equilibrate" (per lo meno non sgrave) ne possono fare anche 1000 per quanto mi riguarda

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un problema dell'equilibrio è che però aumentando le opzioni aumenta anche i possibili squilibri, e ti costringe a considerare mille combinazioni possibili. Per questo, limitando il numero delle opzioni disponibili in contemporanea come nel caso degli incantesimi, hanno optato per risolvere il problema "a monte". Tanto altrimenti non lo risolvi se non con ban vari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By Steeve24
      Ladro arcano
      I maghi che seguono questa tradizione sono abili nell'imbrigliare la magia altrui per usarla a loro vantaggio,questi maghi sono letali per altri maghi o per creature con abilità magiche , visto che hanno studiato come rimabalzare e rubare i poteri magici altrui
      Liv 2: Competenze bonus:
      Il mago diventa competente nelle prove di rapidità di mano  inoltre quando raggiungi il livello 3 impari l'incantesimo scassinare che è sempre preparato e non conta al fine di determinare il numero di spell che hai preparato
      Liv 2: Ladro di incantesimi:
      A partire dal livello 2 questi magi diventano abili nel rubare le conoscenze arcane del nemico,quando il mago vede una creatura lanciare un incantesimo può tentare di assimilarlo: per farlo deve superare una cd 10+ il lovello dell incantesimo di arcana, se supera questa cd fino alla fine del suo prossimo riposo lungo può l'anciare l'incantesimo che a rubato che per lui conta come incantesimo da mago e non conta ai fini di determinare il numero degli spell preparati, se il mago riutilizza nuovamente questo privilegio l'incantesimo rubato diventa quello nuovo, il mago può lanciare solo un incantesimo rubato ogni riposo lungo
      Liv 6: Respongere incantesimi:
      Al livello 6 il mago impara a respingere gli incantesimi che blocca, quando il mago usa counterspell e annulla un incantesimo con successo può scegliere se come parye della stessa reazione lanciare l'incantesimo che ha annullato al suo livello più basso, il mago puo usare questa meccanica un numero di volte pari al suo mod di int e recupera gli usi spesi dopo un riposo lungo
      Liv 10:Ladro di incantesimi migliorato: 
      A partire dal livello 10 l'abilità del mago di rinare incantesimi è superiore, quindi ha vantaggio ai tiri di arcana per rubare incantesimi di un livello inferiore al suo mod di int,inoltre può lanciare due incantesimi rubati al giorno e può aggiungere il suo bonus di int ai danni degli incantesimi rubati di un livello inferiore al suo mod di int
      Liv 14: Ladro di potere arcano
      A partire dal livello 14 il mago impara a rubare il potere arcano delle altre creature: quando il mago tocca una creatuta morta con abilita magiche recupero un numero di slot ,il mago in questo modo può recuperare un numero di slot pari al suo mod di int di un livello a sua scelta il numero degli slot viene determinato dal livellp ad esempio un mago con +5 in int può recuperare 5 slot di 1, 1 slot di 5 oppure può recuperare unk slot di 4 e 1 di primo e cosi via 
      Ditemi cosa ne pensate
      -Steeve24
    • By SilentWolf
      La Software House ha deciso di organizzare un concorso per la creazione dell'avventura videoludica di D&D definitiva.
      La software house Manticore Games ha di recente ricevuto dalla WotC l'autorizzazione per l'organizzazione di un concorso intitolato D&D Design-a-Dungeon contest e dedicato alla creazione dell'avventura videoludica definitiva in stile D&D. Manticore Games, infatti, è proprietaria di una piattaforma per la creazione di videogiochi online per PC, il Core, progettata appositamente per consentire a chiunque di creare un proprio videogioco online senza essere per forza un programmatore esperto, e ha deciso di mettere alla prova i giocatori di tutto il mondo per vedere cosa questi ultimi sono in grado di creare con il suo software. I creatori delle avventure migliori potranno vincere premi per un ammontare totale di 20.000 dollari.

      Il concorso D&D Design-a-Dungeon, che durerà fino al 6 Settembre, richiede che i partecipanti realizzino con il software Core un'Avventura appartenente a una delle seguenti 4 Categorie:
      Dungeon, Caverne e Catacombe Le Terre Selvagge Fortezze e Torri Piani Elementali Per partecipare al concorso basterà creare un gioco in Core e incluedere '[DnD]' nel titolo o nella descrizione di quest'ultimo.
      Il materiale inserito per il concorso dovrà assumere la forma di una vera e propria avventura di D&D e sarà giudicato non solo per l'estetica del mondo digitale creato dagli autori, ma anche in base al livello narrativo e d'interazione dell'avventura. Il materiale inviato, dunque, dovrà avere la forma di un vero e proprio videogioco, e non essere semplicemente una serie di scenari da esplorare con il proprio avatar virtuale. All'interno del software Core i partecipanti troveranno tutto ciò che gli servirà per creare l'avventura. Per aiutare i meno esperti nell'uso di Core, tuttavia, Manticore Games ha creato un framework scaricabile qui e pensato per fornire agli utenti un tutorial edelle linee guida su come usare il programma per creare i propri giochi. Non è obbligatorio scaricare e usare il framework per partecipare al concorso.

      I 20.000 dollari messi in palio saranno utilizzati per premiare i lavori migliori. 5000 dollari in gift card di Amazon saranno assegnati al lavoro migliore di tutti, a prescindere dalla categoria. Il denaro restante, invece, sarà assegnato ai migliori 2 lavori per ognuna delle categorie: 2500 dollari in gift card di Amazon per il 1° posto e 1250 dollari per il 2° posto. Oltre ai premi in denaro i vincitori riceveranno altri premi in base alla qualità del loro lavoro, come spiegato sul sito ufficiale del concorso.
      Per ogni nuovo candidato iscritto al concorso, inoltre, Manticore Games donerà alla raccolta fondi Extra Life 100 dollari, fino a un massimo di 10.000 dollari.
      Tutti i giochi creati durante il concorso saranno svelati e resi disponibili in occasione di un evento speciale organizzato durante il PAX Online, la fiera dedicata al gioco che si terrà a settembre e che quest'anno sarà online a causa del COVID-19. Durante questo evento speciale, alcuni degli avventurieri e dei Dungeon Master più celebri - come Jerry Holkins (Acquisition Incorporated) e Deborah Ann Woll (Deredevil, Relics & Rarities) - saranno presenti per annunciare i vincitori del concorso e per giocare alle avventure da loro realizzate.
      Per maggiori informazioni sul Core e sul Concorso D&D Design-a-Dungeon potete visitare la pagina ufficiale del concorso e seguire l'account twitter ufficiale di Manticore Games @CoreGames.
      Grazie a @Muso per la segnalazione.
      Fonte: https://dndcontest.coregames.com/
      Visualizza articolo completo
    • By SilentWolf
      La software house Manticore Games ha di recente ricevuto dalla WotC l'autorizzazione per l'organizzazione di un concorso intitolato D&D Design-a-Dungeon contest e dedicato alla creazione dell'avventura videoludica definitiva in stile D&D. Manticore Games, infatti, è proprietaria di una piattaforma per la creazione di videogiochi online per PC, il Core, progettata appositamente per consentire a chiunque di creare un proprio videogioco online senza essere per forza un programmatore esperto, e ha deciso di mettere alla prova i giocatori di tutto il mondo per vedere cosa questi ultimi sono in grado di creare con il suo software. I creatori delle avventure migliori potranno vincere premi per un ammontare totale di 20.000 dollari.

      Il concorso D&D Design-a-Dungeon, che durerà fino al 6 Settembre, richiede che i partecipanti realizzino con il software Core un'Avventura appartenente a una delle seguenti 4 Categorie:
      Dungeon, Caverne e Catacombe Le Terre Selvagge Fortezze e Torri Piani Elementali Per partecipare al concorso basterà creare un gioco in Core e incluedere '[DnD]' nel titolo o nella descrizione di quest'ultimo.
      Il materiale inserito per il concorso dovrà assumere la forma di una vera e propria avventura di D&D e sarà giudicato non solo per l'estetica del mondo digitale creato dagli autori, ma anche in base al livello narrativo e d'interazione dell'avventura. Il materiale inviato, dunque, dovrà avere la forma di un vero e proprio videogioco, e non essere semplicemente una serie di scenari da esplorare con il proprio avatar virtuale. All'interno del software Core i partecipanti troveranno tutto ciò che gli servirà per creare l'avventura. Per aiutare i meno esperti nell'uso di Core, tuttavia, Manticore Games ha creato un framework scaricabile qui e pensato per fornire agli utenti un tutorial edelle linee guida su come usare il programma per creare i propri giochi. Non è obbligatorio scaricare e usare il framework per partecipare al concorso.

      I 20.000 dollari messi in palio saranno utilizzati per premiare i lavori migliori. 5000 dollari in gift card di Amazon saranno assegnati al lavoro migliore di tutti, a prescindere dalla categoria. Il denaro restante, invece, sarà assegnato ai migliori 2 lavori per ognuna delle categorie: 2500 dollari in gift card di Amazon per il 1° posto e 1250 dollari per il 2° posto. Oltre ai premi in denaro i vincitori riceveranno altri premi in base alla qualità del loro lavoro, come spiegato sul sito ufficiale del concorso.
      Per ogni nuovo candidato iscritto al concorso, inoltre, Manticore Games donerà alla raccolta fondi Extra Life 100 dollari, fino a un massimo di 10.000 dollari.
      Tutti i giochi creati durante il concorso saranno svelati e resi disponibili in occasione di un evento speciale organizzato durante il PAX Online, la fiera dedicata al gioco che si terrà a settembre e che quest'anno sarà online a causa del COVID-19. Durante questo evento speciale, alcuni degli avventurieri e dei Dungeon Master più celebri - come Jerry Holkins (Acquisition Incorporated) e Deborah Ann Woll (Deredevil, Relics & Rarities) - saranno presenti per annunciare i vincitori del concorso e per giocare alle avventure da loro realizzate.
      Per maggiori informazioni sul Core e sul Concorso D&D Design-a-Dungeon potete visitare la pagina ufficiale del concorso e seguire l'account twitter ufficiale di Manticore Games @CoreGames.
      Grazie a @Muso per la segnalazione.
      Fonte: https://dndcontest.coregames.com/
    • By jchrist21
      Ciaaaaaao a tutti.
      Premessa, se sbaglio qualcosa vi prego di non uccidermi o lapidarmi.
       
      Vorrei iniziare un po' ad entrare nel mondo di d&d, come giocatore (rigorosamente mago). Però brancolo un pochino nel buio. Ho visto che su questo forum ci sono anche delle campagne e per me che lavoro sempre davanti ad un pc sarebbe una cosa fighissima..
      Quindi la mia domandaaaaaa.. Secondo voi come dovrei muovermi per imparare un po' e provare a, se possibile, giocare anche qui?
      Riempitemi di info e link se volete :3
       
      Spero veramente di non aver sbagliato nulla, nel caso chiedo umilmente perdono.
    • By Jael
      Ciao a tutti,
      Sono Jael di Carimate. Cerco un gruppo per giocare dal vivo, a DnD 5e.
      Non sono un veterano, ma neanche troppo novellino.
      Grazie in anticipo per le risposte!
       
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.