Jump to content

Manuali 3.0 uguali a 3.5?


Gilead89
 Share

Recommended Posts

Scrivo questo post per chiedere la domanda presente nel titolo, abbiamo da poco cominciato a giocare a d&d 3.5 e vorrei procurarmi i manuali (per ora purtroppo ho usato quelli in PDF , gli unici che ho trovato) . Purtroppo quelli della 3.5 sono pochi e molto costosi, al contrario quelli della 3.0 sono più accessibili, per questo vorrei sapere se ci sono sostanziali differenze e se al contrario sono interscambiabili ?

(Considerate che faccio anche il DM quindi spese x2) xD

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 18
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ci sono sostanziali differenze in pressochè ogni cosa... I manuali 3.5 presentano in parte il materiale 3.0 riadattato, quindi sono più aggiornati e recenti ed è per questo che costano di più...

Comunque, potreste prendere in considerazione Pathfinder, che è una versione aggiornata della 3.5 ed è ancora supportato... Ne esiste anche la versione tradotta...

Link to comment
Share on other sites

Le differenze ci sono, ma soprattutto riguardano gli incantesimi (in genere nella 3.5 durano meno e sono meno potenti) e la costruzione delle classi (nella 3.5 ogni classe cerca di farti guadagnare qualcosa a ogni livello, per evitare livelli vuoti - alcune classi, come il ranger, sono riscritte da zero). Qualcuno direbbe che questo è il 90% del gioco...

Detto questo, a me la 3.0 è sempre piaciuta di più della 3.5 e ci ho giocato benissimo per anni. Se trovi quei manuali a poco comincia pure con loro. Saranno comunque compatibili con tutto quello che troverai in giro (anche le avventure per la 3.5).

Se invece vuoi partire con l'edizione più nuova, tieni presente che l'intera 3.5 è disponibile online come SRD (contenuto gratuito dietro licenza ogl).

Infine... Ma di solito non si colletta per l'acquisto dei manuali per il master? :D

Ps: ad agosto arriverà D&D 5a edizione, e dal playtest sembra interessante. Per acquistare il nuovo attenderei quella.

Link to comment
Share on other sites

Io ti direi di provare a farti imprestare i manuali se conosci qualcuno che li ha, per farti un'idea più specifica delle differenze in modo da poter scegliere.

Online puoi trovare tutto ciò che ti è necessario. A pagamento e in modo legale, ovvio eh :lol:

Per la questione colletta, imho, ma anche no! Con quello che costano, bisogna anche considerare quanto valgono. Siamo in 5 a giocare, facciamo colletta per i manuali, 2 persone provano e dopo due mesi non giocano più: che si fa, si chiedono i soldi (per restituirglieli) ai nuovi giocatori che entreranno e via così sempre finché dopo tot anni il DM non li rivende e divide il ricavato per gli ultimi rimasti? :sorry: Non so, io adoro i miei manuali. Ho messo da parte i soldini e ora sono miei, non devo dividerli con nessuno e posso giocarci quando voglio con chi voglio. Boh.

Comunque sul sito ufficiale della Wizard (in inglese sì) trovi in liberissimo download alcuni manualetti utili alla conversione 3.0-3.5, ma si basano per lo più sui manuali che non sono stati aggiornati (deities and demigods o comesichiama ad esempio).

Link to comment
Share on other sites

Per la questione colletta, imho, ma anche no!

Noi ci siamo regolati così per anni: ognuno si compra il Manuale del Giocatore. Il master si compra il Manuale dei Mostri. Si colletta per la Guida del DM, che diventa del DM (non si rendono soldi ecc.) come ricompensa del lavoro svolto. Ma considera che gioco con quasi le stesse persone da decenni.

Negli ultimi anni poi le disponibilità economiche date dalla maturità hanno reso la questione irrilevante (i manuali Essentials me li sono presi tutti io perchè volevo provarlo)...

Link to comment
Share on other sites

Noi ci siamo regolati così per anni: ognuno si compra il Manuale del Giocatore. Il master si compra il Manuale dei Mostri. Si colletta per la Guida del DM, che diventa del DM (non si rendono soldi ecc.) come ricompensa del lavoro svolto. Ma considera che gioco con quasi le stesse persone da decenni.

Negli ultimi anni poi le disponibilità economiche date dalla maturità hanno reso la questione irrilevante (i manuali Essentials me li sono presi tutti io perchè volevo provarlo)...

A parte che di manuale del giocatore (visti appunto i costi attuali) non è necessario per ogni player ma ne basta 1 a tavolo (soprattutto se usufruiscono anche di copia digitale!).

Se un gruppo di 5 quindicenni (esempio) inizia a giocare non vedo perché collettare per i manuali vari se poi rimangono al DM. Soprattutto se non sanno ancora se continueranno a giocare per molto tempo alla stessa edizione. Non è per fare i tirchi, ma si tratta a conti fatti di chiedere un 20€ minimo a testa solo per regalare al master qualche manuale.

"Per il lavoro"? Io faccio il DM perché mi diverto a farlo, non è un lavoro (Se non organizzo tipo "tornei" e quest complesse con interazione tra gruppi diversi ad eventi particolari...) e non mi sento di dover essere pagata se non con patatine e birra (ma quello non è come "DM", è come "Si gioca sempre a casa mia, ogni tanto portate delle vivande pure voi", tutto OT).

Le disponibilità economiche date dalla maturità ?! :eek: Vuoi dirmi che sono l'unica che riusciva a permettersi più spese "inutili" prima della maturità, con regali di compleanno e quant'altro che non dovevano pagare le bollette? Ahahah!!

Comunque, considera sia da stipendio o da paghetta che non è una spesa così incredibile, fatta un po' per volta o comprando manuali usati "in blocco". Almeno i core che senza il cartaceo si vive ma personalmente mi troverei male a giocare... e conta che se mai ti stuferai di D&D (o vorrai passare all'edizione settordici.0) potrai sempre rivenderli a qualche appassionato/collezionista, e oserei supporre che varranno sempre di più.

Link to comment
Share on other sites

Nani, a ogni gruppo le sue abitudini. Troppo spesso l'unico che compra tutti i manuali è il DM... quello che poi deve sopportare col sorriso la macchia di birra a pag. 119 dello Spell Compendium. Se si gioca in gruppo, qualcosa si deve pagare in gruppo. Su tre manuali core, condividerne uno non è un disastro. Sarà che ho ho visto troppe edizioni per sobbarcarmi tutta la spesa a ogni .5 evolutivo.

Uhm. A meno che non sia una mia personale scelta (leggi wh40k) e non la volontà del tavolo.

Link to comment
Share on other sites

Grazie mille per le dritte, credo comunque che aspetterò fino all'estate per vedere la 5 edizione e se è bella probabilmente comprerò quella, nel frattempo ci arrangeremo con i PDF.

In ogni caso, grazie per i suggerimenti ,e comunque è vero che il DM lo fa per divertirsi, però a differenza dei PG il suo è un lavoro ,specie se inventa da zero le storie!!! xD

Link to comment
Share on other sites

Nani, a ogni gruppo le sue abitudini. Troppo spesso l'unico che compra tutti i manuali è il DM... quello che poi deve sopportare col sorriso la macchia di birra a pag. 119 dello Spell Compendium. Se si gioca in gruppo, qualcosa si deve pagare in gruppo. Su tre manuali core, condividerne uno non è un disastro. Sarà che ho ho visto troppe edizioni per sobbarcarmi tutta la spesa a ogni .5 evolutivo.

Uhm. A meno che non sia una mia personale scelta (leggi wh40k) e non la volontà del tavolo.

Ma certo! era per dire a Gilead che non tutti i gruppi hanno quest'abitudine, io preferisco comprarmeli (anche per "collezionismo") e - nel caso- rivendermeli (probabilmente mai). Ovviamente al tavolo il gruppo sa che sto generosamente prestando i miei manuali per la consultazione, per buon senso se mi battezzano a birra un manuale un qualche risarcimento è d'obbligo... se lo annegano lo ricomprano eh XD

Io faccio il DM spesso, quasi sempre, e mi invento sempre le storie (spesso anche le ambientazioni) ma non lo vedo come un lavoro e non mi sognerei di chiedere qualcosa in cambio che non sia una bella campagna e un sacco di serate in compagnia...

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Grazie mille per i commenti e i punti di vista.

In ogni caso sono riuscito a comprare parecchi manuali ad un ottimo prezzo, e anche se quello del DM è parecchio malridotto e quello del Pg ha la copertina danneggiata , gli altri sono praticamente nuovi.

Se in futuro volessi cambiare versione magari li rivendo e ci guadagno quanto ho speso.

Ma per chi ha provato la versione 5, com'è? Insomma , sarei curioso di conoscere i vostri pareri.

Link to comment
Share on other sites

Per ora sa troppo di old style.

Se prendevano più da pathfinder e meno da altri sistemi sarebbe stato meglio. E poi il sistema a gioco base: costo x ; se vuoi le regole "serie" costo =x+y, non mi piace.

Molto più serio PF, che ingloba tutto e di più, in pochi manuali.

Ps.

Desiderio di collezione a parte, noi si stampavano. Capisco che la 3.0 non costi molto, ma è anche davvero poco ben fatta con dei strafalcioni al bilanciamento assurdi. Mi viene un gran mal di testa solo a pensarci.

Certo che se le classi non vi interessano gurps è meglio.

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Non so se hai giocato ai playtest, ma per ora non mi sembra Old School per nulla: l'Old School era un sistema

a. Focalizzato: era fatto per esplorare dungeon e per il combattimento tattico

b. Assente: in molti punti - tutto quello che non è il combattimento o le trappole - l'unica regola è la decisione del master

Next punta a essere un sistema

a. Flessibile: dovrebbe poter gestire avventure di ogni tipo - tattiche, investigative, esplorative, interpretative - senza difficoltà

b. Presente: il sistema è leggero, ma proprio per questo dovrebbe coprire molte situazioni rimanendo all'interno delle regole scritte

Di Old School ha solamente un certo feeling, in quanto sistema meno meccanico di una 3.5 (flessibile, ma con molti numeri) o di una 4e (solo numeri con pochissima flessibilità).

Ad esempio introdurre i mostri con una breve storia che li dovrebbe legare all'ecologia delle altre creature è una cosa molto Old School (all'origine della confusione che certa gente ancora fa fra crunch e fuffa).

A parte questo, però, il sistema non è Old School per nulla.

EDIT: comunque fra 3.5 e Pathfinder, scegli Pathfinder.

Puoi giocarci sull'SRD fino ad Agosto, vedere com'è Next e poi decidere di quale comprare i manuali.

Link to comment
Share on other sites

Ti consiglio anche io Pathfinder per svariati motivi:

- E' un gioco che rispecchia il sistema 3.0/3.5 e supporta molto materiale del vecchio Dungeons&Dragons

- Se non puoi permetterti i manuali puoi giocare gratis utilizzando le varie reference online che ti ho linkato sotto

- E' ancora supportato ed esce continuamente nuovo materiale

LINK ITALIANI

http://prd.5clone.com/

http://golarion.altervista.org/wiki/Pagina_principale

LINK INGLESI

http://paizo.com/prd/

http://www.d20pfsrd.com/

Link to comment
Share on other sites

Ormai da quello che ho letto ha fatto :D

Da parte mia ho ricevuto in regalo i manuali della 3.5 e non mi sono mai posto domande su Pathfinder, ma da quello che ho letto sulla rete è così simile da essere indistinguibile, solo più 'potente' come PG

Link to comment
Share on other sites

Ormai da quello che ho letto ha fatto :D

Da parte mia ho ricevuto in regalo i manuali della 3.5 e non mi sono mai posto domande su Pathfinder, ma da quello che ho letto sulla rete è così simile da essere indistinguibile, solo più 'potente' come PG

L'intero materiale di Pathfinder è innanzitutto disponibile gratuitamente sul sito http://www.d20pfsrd.com ed è in continua espansione. Un bel vantaggio. I creatori di Pathfinder hanno usato le regole dell'SRD alla base di D&D 3.X per il loro gioco, per questo sono così simili. Di diverso tra i due c'è che Pathfinder ha potenziato alcune delle classi che in gioco potevano apparire più deboli, ha modificato alcune regole come quelle per lottare, sbilanciare, ecc., semplificandole, e ha spostato il focus della personalizzazione del personaggio sugli archetipi di classe base piuttosto che sulle classi di prestigio, ponendo l'accento sul completare la propria classe senza multiclassare o quasi (ogni classe ha una capstone dai benefici importanti a livello 20).

Link to comment
Share on other sites

Ormai da quello che ho letto ha fatto :D

Da parte mia ho ricevuto in regalo i manuali della 3.5 e non mi sono mai posto domande su Pathfinder, ma da quello che ho letto sulla rete è così simile da essere indistinguibile, solo più 'potente' come PG

Ma sai che non avevo letto la data del post? :P

Comunque non è proprio vero, Pathfinder ha delle dinamiche molto simili, ma con delle differenze sostanziali che rendono il gioco molto più giocabile. Ad esempio il fatto che non esiste la "corsa" alle 3 classi di prestigio sgrave, ma che anche restando con 20 livelli in una classe base hai un personaggio competitivo. Andremmo OT però, quindi meglio che mi fermi qui :)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.