Jump to content

Monoteismo contro politeismo


Recommended Posts

Piccola idea che mi venuta ieri notte, nel dormi-veglia, e che ho sviluppato oggi in circa 10-20 minuti (quindi prendetela per quello che è):

In principio esisteva un'unica divinità, Unus.

Unus crea il mondo, e tutti gli esseri viventi non senzienti; all'inizio esiste solo il piano materiale, i piani elementali, i piani dell'energia positiva e negativa, e il piano etereo che racchiude tuti gli altri.

Poi Unus crea i primi mortali (razza originaria ormai scomparsa), e gli dei per governarli in sua vece; il problema è che la maggior parte dei mortali continua a venerare solo Unus, fregandosene degli altri dei e delle loro direttive; questo fà si che gli altri dei si arrabbino, e decidano di detronizzare loro padre.

Gli dei si dividono in gruppi, ed ogni gruppo prende e modifica alcuni mortali, plasmandoli a propria immagine (sia fisica che mentale); nascono così le razze attuali.

Scoppia una tremenda guerra tra Unus e i propri figli, mentre le nuove razze combattono contro quella originaria (la "Guerra degli Dei"); alla fine Unus viene sconfitto, e la razza orgiginaria totalmente sterminata; Unus, vivo ma privato di quasi tutti i propri poteri, viene rinchiuso in una prigione in un'apposito piano, accessibile solo a tutte le divinità riunite (quelle sopravvissute).

Sorge però un problema: il sangue versato dagli dei ha dato origine alla magia arcana (prima non esisteva), mentre dai cadaveri di quelli caduti sorgono mostri mai visti prima (aberrazioni, bestie magiche e umanoidi mostruosi; dai brandelli di carne di Unus, invece, sorgono draghi e folletti).

Peggio ancora alcuni mortali sono tornati ad adorare Unus, e a causa dell'influenza di loro padre gli dei hanno un limitato potere d'azione nel mondo materiale.

Modifiche alla cosmologia standard di D&D:

  1. le divinità sono divise in gruppi, uno per razza.
  2. ogni gruppo è comandato da uno (padre o madre) o due (coppia) dei maggiori (grado divino 16-20).
  3. ogni gruppo contiene dei di diversi allineamenti, che vivono tutti nello stesso piano esterno; all'interno di un gruppo, gli dei possono tramare e bisticciare l'un l'altro, ma mai combattere apertamente.
  4. ogni piano esterno contiene sia il paradiso che l'inferno, per i membri di una determinata razza; i mezzosangue non possono scegliere in quel paradiso o inferno andare, la scelta spetta agli dei.
  5. se due gruppi di dei intrattengono buoni rapporti, in linea di massima vale lo stesso per i loro due popoli; in tal caso i beati (anime di mortali che risiedono in paradiso) di un pantheon possono entrare abbastanza liberamente nel piano esterno di un pantheon alleato.
  6. all'interno del piano astrale ci sono due oggetti: il piano etereo, che contiene i piani interni (materiale, elementali, positivo e negativo), e il piano spirituale, che contiene i piani esterni; in piano spirituale è composto dai piani dei diversi pantheon, disposti a guscio attorno alla prigione di Unus; gli dei non possono agire direttamente (quindi nemmeno entrare fisicamente) nel piano etereo, gli esterni si; i mortali possono entrare nei piani esterni (esclusa la prigione di Unus) solo dopo morti.
  7. dai piani interni non si può accedere direttamente al piano astrale, bisogna passare prima per quello etereo.
  8. in nessun pantheon esistono dei della magia, l'unico è Unus; gli dei della musica e della natura sono sempre NN.
  9. un seguace di Unus, quando muore, viene assorbito da Unus, diventando un tutt'uno con lui e ridandogli parte del suo potere; per questo motivo i seguaci di Unus non possono essere riportati in vita o trasformati in non-morti.
  10. alla fine della "Guerra degli Dei" alcune divinità si sono trovate senza razza da comandare, così hanno "adottato" le razze (tra cui alcune aberrazioni e umanoidi mostruosi) che si sono trovate senza divinità.

Modifiche alle regole standard di D&D:

  1. gli incantatori arcani vengono visti (a torto o ragione non ha importanza) come seguaci di Unus, e quindi perseguitati come eretici.
  2. gli incantatori arcani possono multiclassare con gli incantatori divini solo se questi ultimi sono devoti ad Unus, e solo gli incantatori divini devoti ad Unus possono multiclassare con gli incantatori arcani.
  3. i paladini non possono mai essere devoti ad Unus, druidi e ranger si.
  4. i bardi diventano incantatori divini (devoti o al dio della musica, o alla musica intesa come idea astratta), per il resto non cambia nulla (non devono seguire nessu codice di condotta).
  5. la fedeltà alla razza è considerata superiore a quella all'allineamento (ma dipende anche dai rapporti tra le razze); per esempio, se umani ed elfi fossero in lotta l'uno con l'altro, un paladino umano LB si troverà più a suo agio (e di fiderà di più) con un'assassino umano CM che con un paladino elfo LB.
  6. a seconda del rapporto tra le due razze di base, i mezzosangue possono essere considerati mostri da sopprimere alla nascita, o mediatori perfetti
  7. gli esterni di un pantheon possono accoppiarsi solo con i mortali che li venerano, col risultato che mezzi-celestiali e mezzi-immondi (ma anche aasimar e tiefling) vengono considerati entrambi un dono degli dei.
  8. mezzi-elementali e genasi vengono considerati una bizzarra curiosità; in linea di massima, il giudizio su ognuno di loro viene sospeso fichè non dimostra di essere utile opericoloso.
  9. mezzi-aberrazioni, mezzi-draghi e mezzi-folletti sono considerati pericolose mostruosità.
  10. i non-morti senzienti hanno avuto origine dalla razza originaria, i cui spiriti furono maledetti dagli dei a non potersi più ricongiungere con Unus; mentre i sacerdoti di quasi tutte le divinità reputano i non-morti i mostri peggiori di tutti, alcuni li vedono come un metodo per raggiungere l'immortalità e la divinità; i sacerdoti di Unus li vedono come spiriti sofferenti che vanno "curati", liberandoli dal loro stato.

Unus

Grado: divinità suprema (grado divino prima della "Guerra degli Dei" 21+; grado divino attuale sconosciuto, ma almeno 16; non può essere comunque ucciso dagli altri dei, nemmeno se unissero tutti i loro poteri).

Allineamento: NN.

Domini: tutti, tranne quelli di allineamento e quelli razziali; i suoi sacerdoti non possono avere allineamenti estremi (LB, CB, LM, CM).

Ci sono quindi una serie di religioni politeiste mono-razziali e pubbliche, contrapposte ad una religione monoteista multi-razziale e nascosta; nessuna di queste religioni è intrinsecamente buona o malvagia.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.