Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Recensione: Tasha's Cauldron of Everything

Con colpevole ritardo pubblichiamo la recensione del penultimo manuale uscito per D&D 5E: Tasha's Cauldron of Everything.

Read more...

Quando un lupo non è un lupo? - Parte 2

Oggi Goblin Punch vi parlerà di una possibile e viscida variante per i vampiri per le vostre avventure.

Read more...

La WotC prende il controllo della localizzazione in Italia di D&D 5E

Un comunicato stampa appena rilasciato dalla Asmodee annuncia una importante novità per il futuro di D&D 5E in Italia.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild XI - Il Genio dell'Illusione

Il Genio dell'Illusione è un’avventura Gdr in stile Fantasy/Medievale scritta ed illustrata da Matteo Valenti.

Read more...

I Racconti di Arthaleorn

Andiamo a scoprire una serie di romanzi fantasy italiani intimamente intrecciati con il mondo dei GdR.

Read more...

Casco dala finestra... sono Batman, tanto, non mi faccio nulla...


Recommended Posts

Ehilà, salve a tutti.

Volevo chiedere pareri su come "gestire la caduta da un tetto, mi spiego meglio: Il pg sta inseguendo dei cattivi su per i tetti e inciampa. Casca giù dal tetto, magari da un palazzo con sei piani. Deve per forza tirare per ogni finestra che incontra per appendersi e salvarsi? Voi come fate in caso qualcuno caschi in un burrone, è già spacciato o cosa?

Perché non vorrei incentrare tutto su il tiro singolo di destrezza (sei Gastone salti sei Paperino caschi giù e muori) ma nemmeno dar troppe possibilità di salvezza (finestra uno, mancata, due, mancata, tre, mancata, quattro, mancata, cinque, mancata, sei, presa, e mi riarrampico su per il muro.

E anche l'arrampicata voi come la gestite? (Tipo su per un muro di un palazzo con finestre oppure su per un muro di roccia)

Grazie!!!

Link to post
Share on other sites

  • Replies 8
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Popular Days

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Prima considerazione. Inciampa? È un evento importante cadere dal tetto, assicurati non sia un evento randomico e non dipendente da una scelta precisa, conscia del rischio. "Il nemico salta sul t

Ma la possibilitá di salvarsi c’è. È data dal ts. Potresti mettere delle opportunità (massimo una imho) in mezzo, ma lo farei solo per cadute molto alte. Ad esempio una casa di tre piani non darei opp

però il salto è uno solo. Al limite puoi dare un bonus se stava correndo.  Non puoi nemmeno far si che qualsiasi cosa sia possibile e sicuramente con successo. Se il pg in armatura pesante (+equipaggi

45 minuti fa, Azog il Profanatore ha scritto:

Perché non vorrei incentrare tutto su il tiro singolo di destrezza

però il salto è uno solo. Al limite puoi dare un bonus se stava correndo.  Non puoi nemmeno far si che qualsiasi cosa sia possibile e sicuramente con successo. Se il pg in armatura pesante (+equipaggiamento) vuole provare a saltare 12 metri di distanza... è più automatico l'insuccesso che il successo.

47 minuti fa, Azog il Profanatore ha scritto:

finestra uno, mancata, due, mancata, tre, mancata, quattro, mancata, cinque, mancata, sei, presa, e mi riarrampico su per il muro

Considerando che ha mancato il salto... sicuramente è troppo lontano dalle fienestre del palazzo di partenza, per quelle di arrivo potrebbe provare con le ultime (semplificando molto il tutto), gli fai fare 2 tiri su destrezza.

Se ce la fa, buon per lui.

Se manca... calcoli i danni.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, Azog il Profanatore ha scritto:

Ok grazie mille.

I danni sono 1d6 per ogni tre metri?

Sinceramente mi sfugge un attimo😅

Sì, max 20D6.

Comunque io farei un tiro DES per vedere se riesce a "rallentare" la caduta e prendere danni dimezzati. Se fa 21 o più riesce a tenersi aggrappato al bordo, e può spendere un movimento per riposizionarsi sul tetto (?).

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Azog il Profanatore said:

Volevo chiedere pareri su come "gestire la caduta da un tetto, mi spiego meglio: Il pg sta inseguendo dei cattivi su per i tetti e inciampa.

Prima considerazione. Inciampa? È un evento importante cadere dal tetto, assicurati non sia un evento randomico e non dipendente da una scelta precisa, conscia del rischio.

"Il nemico salta sul tetto accanto. Hai il dubbio che tu possa farcela, ha piovuto e il tetto è pieno di muschio, viscido. Ti sembra un salto difficile" <- Dai un preciso suggerimento su una CD. "Hai pochi secondi per decidere se fermarti o saltare. Vedi una strada più lunga e più sicura, ma probabilmente lo perdi".

Il personaggio ha chiaro che tirerà il dado e avrà una certa probabilità di cadere e una certa probabilità di farcela: una sua scelta, che crea tensione nel momento del tiro. Se riesce nel salto, non aggiungere troppi tiri ulteriori: riesce a saltare, ora il nemico scende dai tetti e prova un'altra strada. Farlo tirare N volte finché non cade vìola la premessa che se il tiro riesce superi quest'ostacolo. Quello che era un tiro emozionante diventa una noiosa sequenza di tiri uguali.

Senza questi elementi, senza la spiegazione palese del fatto che un tiro sarà necessario per superare l'ostacolo e quanto probabile, la stessa scena sarebbe vista invece come un tentativo di railroad da parte del master: farlo cadere aggiungendo tiri per evitare che il nemico venga catturato.

1 hour ago, Azog il Profanatore said:

Casca giù dal tetto, magari da un palazzo con sei piani. Deve per forza tirare per ogni finestra che incontra per appendersi e salvarsi? Voi come fate in caso qualcuno caschi in un burrone, è già spacciato o cosa?

Assolutamente non fargli tirare a tutte le finestre. Cadere da un burrone o da un tetto deve essere un evento emozionante e rapido, non una sequenza di tiri. Così come non ha senso farti tirare mentre corri tra i tetti fin quando non cadi, non ha senso farti tirare mentre cadi fin quando non ti aggrappi. Ogni tiro deve avere chiare conseguenze positive e negative, una posta in gioco.

Hai fallito il tiro e sei caduto. Il nemico scappa <- effetto negativo immediato, come promesso. Due possibilità: cadi e ti fai male, o riesci ad aggrapparti a qualcosa. Tiri un'ulteriore volta: se riesci ad aggrapparti a qualcosa non subisci danni se non nell'onore. Come dice @Bellerofonte puoi anche decidere due CD diverse, una per dimezzare i danni e una per salvarsi completamente. In ogni caso questo è un tiro che stai regalando al PG che è caduto, puoi quindi decidere liberamente. Non c'è da fare una scelta informata da parte del giocatore, ma lo avvertirei comunque delle CD prima di farlo tirare: dà al giocatore l'idea che non si sta decidendo la CD dopo aver visto il tiro, e crea più tensione quando tira.

Eviterei a questo punto tiri ulteriori. Potresti avere la tentazione ad esempio di far tirare il PG che si è appeso per arrampicarsi in salvo (metà danni se fallisce e cade), ma evita: il nemico è scappato, la scena è finita. Tiri quando non c'è più posta in palio rallentano solo il ritmo.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Per me la gestione è semplice. Una volta fatto il tiro (o innescato l'evento) e il pg cade prende i danni da caduta relativi, con una possibilitá di ridurre di 1d6 i danni con un prova di acrobazia effettuata con successo. Se cadi ti fai male. A meno che la caduta non sia stata da una altezza relativamente bassa. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti. 

E secondo voi sarebbe interessante fare così:

il pg cade, e può tirare. Se tira e supera il CD si appende, altrimenti se non lo supera cade e magari sbatte pure la faccia sul davanzale, prendendo tot danni (in modo da rendere una scelta... azzardata ... tiri e hai il 50% di possibilità di farti male e il 50% d riuscire nell'intento.) se fallisci prendi i danni da caduta fino al davanzale ma ti appendi, se scegli di non tirare per appenderti tiri per riuscire a cadere "con stile" e magari dimezzi i danni totali. Per avere una scelta, in modo che non tutti decidano di tirare. Se lo fallisci miseramente (facendo un 1 sul dado) oltre a sbattere cadi anche giù, e il danno diventa più alto.

Ci può stare secondo voi?

1 minuto fa, Lord Danarc ha scritto:

Per me la gestione è semplice. Una volta fatto il tiro (o innescato l'evento) e il pg cade prende i danni da caduta relativi, con una possibilitá di ridurre di 1d6 i danni con un prova di acrobazia effettuata con successo. Se cadi ti fai male. A meno che la caduta non sia stata da una altezza relativamente bassa. 

Più che altro vorrei dare la possibilità di salvarsi, ma, come ho scritto, dev'essere a rischio e pericolo. Ovvio che uno che si arrampica su di un tetto deve comprendere anche il rischio. Però metti che quello è un tiro particolarmente sfortunato, e rischi di perdere tanta vita (che magari ti servirà nel combattimento) troppo facilmente. 

Io sono il tipo di master che rende la vita difficile dei pg, che punisce le scelte fatte senza usare la testa (tipo lanciarsi in un posso buio perché magari c'è una moneta d'oro). Però non voglio nemmeno fare una cosa impossibile.

Link to post
Share on other sites

Ma la possibilitá di salvarsi c’è. È data dal ts. Potresti mettere delle opportunità (massimo una imho) in mezzo, ma lo farei solo per cadute molto alte. Ad esempio una casa di tre piani non darei opportunità del genere, mentre cadere da una montagna si, potrebbe aggrapparsi a una roccia che si protende nel vuoto. 

EDIT, mi sono scordato di specificare una cosa importante, a volte è la conformazione del luogo che permetterebbe la seconda prova, tipo (appunto) la roccia prominente o un pennone di una bandiera sul lato di un palazzo o roba simile. Molto interessante dal punto di vista del gioco, ma da non banalizzare. Se ogni salto comporta una situazione in cui il PG può non avere conseguenze si riduce tutto a una macchietta quando invece la decisione sofferta che paga, o che quantomeno non uccide il PG può essere un momento centrale in una storia.

Edited by Lord Danarc
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Dulotio
      Buongiorno a tutti.
      Nel mio party c'è un Warlock di lv. 6 e alcune sue meccaniche mi stanno creando più di qualche problema. Ogni volta che credo di aver trovato una soluzione, do un'occhiata al manuale (Perfetto Arcanista) e vengo nuovamente assalito dai dubbi. Fondamentalmente il mio problema è la possibilità di legare la deflagrazione alle invocazioni nello stesso round. Ma per essere certo di avere tutte le soluzioni sotto controllo preferire fare un elenco di situazioni e capire cosa è legit e cosa no. Trovo anche molto problematico il talento "Capacità Massimizzata" (Cadv)
      Scenario 1
      È il round del warlock. Decide di lanciare una deflagrazione mistica unita all'invocazione sulfurea. 3d6 della deflagrazione (che diventato danni da fuoco grazie all'invocazione) + 2d6 della sulfurea se fallisce il TS Riflessi. Il mio dubbio è: ma lanciare una invocazione (Deflagrazione sulfurea) non è un'azione standard (pg. 11 Cadv)? Può farlo nello stesso round? Non sarebbe più corretto usare l'invocazione nel primo round e scagliare la deflagrazione nel secondo? 
      Scenario 2
      Il warlock decide di fare la medesima cosa dello scenario 1, ossia applicare l'invocazione "Deflagrazione mistica" ma vuole utilizzare anche il talento Capacità massimizzata. 3d6 massimizzati sono 18 danni. Ma si massimizzano anche i 2d6 aggiuntivi derivanti dalla sulfurea in caso di fallimento del TS?
      Scenario 3
      Il warlock oltre alla deflagrazione sulfurea vuole utilizzare l'invocazione "Catena mistica" (Cadv pg.131). A livello di regolamento non c'è problema, poiché Deflagrazione sulfurea è una invocazione a Essenza Mistica mentre Catena mistica è un'invocazione Modifica Deflagrazione e il manuale specifica proprio che è possibile applicare ad una deflagrazione questi due tipi di invocazioni. Io mi chiedo quanti round servano. Perché ok il warlock può lanciare le invocazioni a volontà ma una invocazione è un'azione standard. Il mio giocatore sostiene che possa fare tutto nello stesso round, ma secondo me ne servono almeno 3: 1 round invocazione deflagrazione sulfurea; 2 round Invocazione Catena mistica; 3 round lanci la deflagrazione
      Scenario 4
      Il warlock decide di utilizzare l'invocazione "Colpo orrendo" (Cadv pg.132). La descrizione dell'invocazione dice che con un'azione standard puoi effettuare un'attacco in mischia e l'avversario è come se fosse stato colpito da una deflagrazione, considerando anche le modifiche della deflagrazione. Ma se il giocatore volesse usare anche la deflagrazione sulfurea può farlo nello stesso round? o deve aspettarne 2: 1 round invocazione sulfurea (è un'azione standrd); 2 round Colpo orrendo con la mazza leggera = 1d6 (mazza)+3d6 (deflagrazione) +2d6 se fallisce il TS (sulfurea)
    • By Grimorio
      Il testo di Aggirare altre creature recita:
      Puoi attraversare lo spazio di una creatura non ostile. Al contrario, puoi attraversare lo spazio di una creatura ostile solo se la creatura è almeno due taglie più grande o più piccola di te. Ricordati che per te, lo spazio di un’altra creatura è considerato terreno difficile.
      Che la creatura sia amica o nemica, non puoi terminare volontariamente il movimento nel suo spazio.
      Se ti allontani dalla portata di una creatura ostile durante il movimento, provochi un attacco di opportunità, come spiegato più avanti in questo capitolo.
      Il mio dubbio è su questo passaggio:  Che la creatura sia amica o nemica, non puoi terminare volontariamente il movimento nel suo spazio.
      Vale anche per i corpi dei caduti? Un combattente potrebbe terminare il movimento nello spazio occupato dal corpo di un compagno o un avversario che è stato ucciso? Soprattutto in uno spazio ristretto dove non è possibile posizionarsi altrove per attaccare in mischia.
    • By Azog il Profanatore
      Salve a tutti,
      ieri è nata una questione tra me e il master della mia campagna attuale. Stavamo (io e gli altri pg) camminando in un corridoio sotterraneo di una base dei nani, ricca di trappole e trabocchetti. Allora, un pg Nano è avanzato nel corridoio con una lanterna ed è finito tranciato in due da un'ascia-trappola.
      Ma la percezione avremo potuto usarla o eravamo "destinati" a morire, senza dover dire guardo muro, pavimento e tetto?
      Grazie in anticipo
    • By Azog il Profanatore
      Immaginatevi la scena: l'uomo mascherato si avvicina all'accampamento dei predoni, una guardia, una patetica guardia che crede di poter fermare l'avanzata dell'uomo, un uomo tutt'uno con la notte, un uomo invisibile. L'uomo scivola alle spalle della guardia, prepara il pugnale sottile, e lo infila tra le costole del predone... che si gira e stacca la testa del sicario "provetto" con l'ascia, poi se ne ritorna a fare la guardia come nulla fosse, mentre il mago pg amico del sicario (era il protagonista, sì) dice. "Mannaggia, glielo avevo detto" sbattendo il pugno sul sasso che gli offre nascondiglio...
      Sarebbe stato meglio se il mago uscisse ed evocasse chissà quale creatura o incantesimo e polverizzasse il povero predone? E il povero silenzioso amico? Che ruolo ha in questo gioco?
      Allora, forse l'avrete già capito, ma vorrei un consiglio su un possibile attacco silenzioso, che so, magari un doppio danno, oppure un +2 nel danno e un vantaggio nel colpire. Voi cosa ne dite?
      P.S. da esperto di forum, ho già utilizzato la funzione cerca, mi immaginavo già gli insulti dei poveri moderatori 😂. Il problema è che sì, ho trovato risultati, ma volevo, come dire, svecchiare lo show, se mi concedete il termine. Ho già fatto il master, e di solito faccio un +mod. stealth nel colpire e doppio danno nel caso, inoltre la guardia non riesce a girarsi in tempo, beccandosi un altro attacco "normale".
      Ciao a tutti e grazie in anticipo,
      Azog

    • By Darione
      Premetto che ho provato a cercare ed ho trovato discussioni sugli attacchi naturali e colpo senz'armi, ma la mia domanda è leggermente diversa e volevo una conferma.

      Se io monaco/guerriero che uso una spadone a due mani faccio l'attacco completo, posso aggiungere un colpo senz'armi alla fine?
      Quindi per esempio con bab8 e for+4 attacco completo:
      spadone +12/+7 e colpo senz'armi +7
      in pratica due fendenti e una testata
      è corretto? se ho sbagliato mi potete citare le regole che chiariscono la situazione (anche ING)?
      mi si stanno un po accavallando le regole nella mente

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.