Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Eberron sarà l'ambientazione pubblicata nel 2019 per la 5e

Alla conclusione dell'evento Streaming "The Descent", durante il quale è stata annunciata l'uscita di prodotti quali Baldur's Gate: Descent into Avernus, l'Essentials Kit e lo Starter Set dedicato a Rick e Morty, Nathan Stewart della WotC ha rivelato quale ambientazione riceverà il proprio manuale cartaceo nel 2019: si tratta di Eberron.
Purtroppo non sono stati rivelati dettagli su contenuto, prezzo e data di uscita (anche se, visto quanto fatto negli anni scorsi, è molto probabile un'uscita tra Ottobre e Dicembre 2019, dopo che i designer avranno ultimato il playtest di alcune regole, come l'Artefice, Ndr). Ciò che è sicuro è che questo manuale cartaceo non sarà identico a Wayfarer's Guide to Eberron, il PDF rilasciato l'anno scorso sulla GMs Guild. Come già precisato da tempo dai designer della WotC, infatti, i due prodotti saranno completamente indipendenti l'uno dall'altro e chi avrà acquistato Wayfarer's Guide to Eberron non sarà costretto a comprarsi anche la versione cartacea dell'ambientazione. Wayfarer's Guide to Eberron continuerà ad essere aggiornato, in modo da contenere tutte le regole necessarie per giocare a Eberron. I due manuali, dunque, condivideranno le stesse meccaniche, ma con molta probabilità esploreranno regioni diverse del mondo di Eberron. Al momento, tuttavia, non ci sono ancora informazioni definitive sul contenuto del manuale cartaceo, motivo per cui dovremo aspettare ancora un poco per sapere in che maniera si differenzierà esattamente dalla versione in PDF.
Read more...

Statistiche di Utilizzo di Fantasy Grounds dal Q1 2018 al Q1 2019

Articolo di Morrus del 14 Maggio 2019
Sono stati rilasciati i più recenti dati statistici sull’utilizzo di Fantasy Grounds… e D&D ha continuato a crescere nei dati aggiornati che vanno dal primo trimestre del 2018 al primo trimestre del 2019, ottenendo un impressionante 69% del mercato rispetto alle statistiche del Q1 2018! Pathfinder invece cala dal 12% dello scorso anno al 9% (potenzialmente forse a causa del cambio di edizione che avverrà a breve) e Savage Worlds cala arrivando vicino al 2%.

 
Regolamento
Giochi Totale
Percentuale sul totale
5E
619,071
68.97%
PFRPG
84,214
9.38%
SavageWorlds
38,958
4.34%
SFRPG
21,654
2.41%
3.5E
18,550
2.07%
MoreCore
15,435
1.72%
CoreRPG
13,774
1.53%
Call Of Cthulhu
13,465
1.50%
4E
9,440
1.05%
Star Wars
8,163
0.91%
PFRPG2
7,979
0.89%
GURPS
6,883
0.77%
AD&D
6,344
0.71%
Castles and Crusades
4,817
0.54%
WFRP
4,397
0.49%
DSA
3,679
0.41%
RolemasterClassic
3,476
0.39%
Cypher System
3,287
0.37%
Fate Core
2,869
0.32%
VtM
2,412
0.27%
WH40K
2,285
0.25%
Numenera
2,000
0.22%
DCCRPG
1,644
0.18%
Mongoose Traveller 1E
1,577
0.18%
Shadowrun
1,197
0.13%
Totale Complessivo
897,570
100.00%
 
“CorePG” è il modulo “generale” utilizzato da Fantasy Grounds quando non è presente un sistema maggiormente specifico.
I cambiamenti rispetto al primo trimestre del 2018 (arrotondati all’intero più vicino) sono i seguenti. Tenete conto però che la fetta di mercato di un gioco può ridursi nonostante al contempo il numero totale di partite allo stesso aumenta, questo in virtù dell’aumento del numero di giocatori. Dunque una riduzione in termini di mercato non si traduce necessariamente in una riduzione delle vendite, delle partite giocate, del profitto derivato dallo stesso o altre cose di quel tipo.
D&D 5E +4% Pathfinder -2,6% Savage Worlds -1,7% D&D 3.5 +1% Star Wars - 0,1% Starfinder + 1,4% Call of Chtulhu - 0,5% Link all’articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6299-Fantasy-Grounds-Usage-Stats-Through-Q1-2019-D-D-Up-Pathfinder-Down
Read more...

Anteprima Baldur's Gate: Descent into Avernus #1: le stat della Infernal War Machine

Come vi avevamo accennato un paio di giorni fa, la prossima Storyline di D&D prenderà la forma dell'avventura infernale Baldur's Gate: Descent into Avernus, in uscita il 17 Settembre 2019, che permetterà ai PG di visitare la celebre Baldur's Gate e li spingerà ad affrontare un pericoloso viaggio all'interno del primo livello dei Nove Inferi, l'Avernus.
Durante l'evento streaming "The Descent" (che potete continuare a seguire attraverso il canale Twitch ufficiale di D&D) la WotC ha organizzato una serie di campagne dal vivo per far provare ai visitatori il contenuto della nuova avventura. Per l'occasione, dunque, ha reso disponibile su un foglio le statistiche delle Macchine da Guerra Infernali (Infernal War Machines), micidiali veicoli utilizzati dagli abitanti dell'Avernus per partecipare a quelle che sembrano essere una sorta di micidiali gare automobilistiche alla Mad Max. I personaggi, ovviamente, potranno pure loro decidere di utilizzare simili macchine e partecipare a questa sorta di "scontri su strada", motivo per cui l'avventura conterrà una propria versione delle regole sui veicoli già presenti in Ghosts of Saltmarsh.
Come già ricordato nell'articolo su Baldur's Gate: Descent into Avernus, la WizKid renderà disponibile una miniatura delle Infernal War Machine al costo di 69,99 dollari. La stessa miniatura potrà essere trovata all'interno della versione platinum dell'avventura venduta dalla Beadle & Grimm al costo di 499 dollari, il cui numero di copie sarà limitato a 1000.
Per ingrandire le immagini seguenti, cliccate su di esse.




Fonte: http://www.enworld.org/forum/content.php?6320-Full-Stats-for-Infernal-War-Machine
Read more...

Iniziate la settimana con 100.000 Metri Quadrati di Dungeon

Articolo di J.R. Zambrano del 10 Maggio 2019
Non avete abbastanza dungeon? Non preoccupatevi. Un cartografo ha speso due settimane per creare le mappe di un dungeon interconnesso di 100.000 metri quadrati, pronto per essere esplorato.
Il segreto del successo in Dungeons and Dragons è l’avere il giusto rapporto tra dungeon e draghi. Chiedetelo a chiunque. E grazie al duro lavoro dell’utente di reddit Zatnikotel, non sarete mai a corto di dungeon da popolare con draghi. Dopo una sfida di due settimane (che è un tempo incredibilmente breve per la creazione di mappe dettagliate come quelle che vedrete), Zatnikotel ha creato 100.000 metri quadrati di dungeon su mappe pronti per essere utilizzati per i combattimenti. Si tratta di una risorsa incredibile ed è a vostra disposizione. Ecco un piccolo assaggio di ciò che troverete al suo interno.
Via Reddit

Ci sono 16 differenti mappe 50" x 50" pensate per essere utilizzate nei Tavoli da Gioco Virtuali, con la conversione base 1" = 1,5 metri in gioco, per cui è realmente facile trasporle anche se non state usando un TGV. Le mappe sono disponibili sia con che senza griglia, per coloro tra voi che volessero un riferimento visivo per affrontare i combattimenti nel teatro della mente. Ecco una spiegazione del tutto:

Lasciate che la passione di Zatnikotel per il gioco e per la creazione delle mappe vi sia d’ispirazione. Abbiamo incluso alcune mappe esemplificative (nello specifico le mappe per A4, B3, C3 e D3) ma dovreste davvero dare un’occhiata all’intero progetto sulla sua pagina di deviant art linkata più in basso.

Come potete vedere, queste mappe sono uniche, sono state pensate per essere usate insieme, e potete percepire un tema comune, ma appaiono anche abbastanza diverse da potervi permettere di determinare chi o cosa abita ciascun segmento. E potete sicuramente notare quando vi spostate da una sezione all’altra. Queste mappe sono vaste e lo è altrettanto l’ispirazione che portano.

Date un'occhiata al 'Centomila' Megadungeon di Zatnikotel
Divertitevi ad andare all’avventura!
Link all’articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/05/dd-start-your-weekend-with-a-million-square-feet-of-dungeons.html
Read more...

In arrivo due nuovi Starter Set per D&D 5e

Questo articolo verrà aggiornato quando la WotC renderà disponibile la descrizione ufficiale dei due prodotti sul suo sito.
Durante l'evento streaming "The Descent" la WotC ha rivelato quelli che saranno alcuni dei prodotti prossimamente in uscita per la 5a edizione di D&D. La star dell'evento è stato, ovviamente, Baldur's Gate: Descent into Avernus (di cui vi abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo), l'avventura permetterà ai PG di visitare la celebre Baldur's Gate e di iniziare un pericoloso viaggio verso il primo livello dei Nove Inferi, l'Avernus. Durante l'evento streaming, tuttavia, sono stati rivelati anche alcuni dettagli di due nuovi Starter Set in arrivo per la 5e: l'Essential Kit e Dungeons & Dragons vs. Rick and Morty.
L'Essential Kit, in arrivo negli USA il 24 Giugno e in qualsiasi altro posto il 3 settembre al costo di 24,99 dollari, è una scatola contenente una nuova avventura per PG di livello 1-6, le regole base di D&D 5e, le regole per aiutare i giocatori novizi a costruirsi i propri PG, e le regole per giocare all'avventura con 1 solo giocatore (che utilizzano le regole dei Sidekick descritte in un recente Arcani Rivelati). Dungeons & Dragons vs. Rick and Morty, invece, di cui si sa ancora poco, contiene un'avventura per PG di livello 1-3 ambientata nel mondo di Rick e Morty, un celebre cartone animato che già in passato è stato collegato a D&D. Prezzo e data di uscita di questo secondo Starter Set non sono ancora stati resi noti.
D&D Essentials Kit
Il sito D&D Beyond ha postato la seguente descrizione di questo Starter Set:
Durante l'evento streaming "The Descent" sono stati rivelati anche i seguenti dettagli:
L'Essentials Kit presenta dadi rossi, una nuova avventura, carte per PNG e moltro altro, tra cui in particolare regole per la creazione dei PG. I dadi includono due d20 (per il vantaggio/Svantaggio) e 4d6 (per la generazione casuale delle Caratteristiche dei PG). L'avventura può essere collegata a Le Miniere Perdute di Phandelver (Lost Mines of Phandelver), l'avventura appartenente allo Starter Set originale, prima o dopo l'avventura di questo nuovo boxed set, anche se entrambi sono per personaggi che vanno dal livello 1 al livello 4 o 6 (a seconda di quello che i giocatori fanno).


 
Dungeons & Dragons vs. Rick and Morty
Il sito D&D beyond ha postato la seguente descrizione di questo particolare Starter Set:
Durante l'evento streaming "The Descent", invece, sono stati aggiunti i seguenti dettagli:
Non solo ci sarà uno Starter Set dedicato a Rick e Morty, ma ci sarà anche una nuova serie a fumetti sul viaggio a "Painscape" (traducibile come "Veduta del dolore" o "Paesaggio del dolore", ovviamente un gioco di parole con Planescape, NdTraduttore). Sezione dei commenti (di En World), scatenatevi su come questo si collegherà all'annuncio che sarà fatto Domenica (19 Maggio). "Rick non è una vera e proprio entità. Ho dovuto combattere Rick su questo prodotto", ha detto Kate Welch mentre il manuale è stato presentato come una versione nel-personaggio di Rick (probabilmente s'intende "dal punto di vista del personaggio di Rick", NdTRaduttore) per D&D 5e.
Fonte: http://www.enworld.org/forum/content.php?6316-The-New-Dungeons-Dragons-Storyline-for-2019-Leaked-Ahead-of-Live-Stream
Read more...

Chi tira dove?  

17 members have voted

  1. 1. Dove tira te i dadi?

    • Dietro lo schermo
      3
    • Davanti ai PG
      10
    • Dietro lo schermo solo per determinati tiri (es. prove passive)
      4


Recommended Posts

Siccome è stato un argomento molto discusso meglio capire.

Se possibile giustificate la vostra risposta.

(chiedo umilmente scusa per l'errore nella domanda del sondaggio)

Edited by DMichele
Svista corretta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho smesso di usare lo schermo da 2-3 anni e onestamente non tornerei più indietro.

Vorrei dire che lo ho fatto per i motivi espressi qua, ma in realtà lo ho fatto perchè in 5ed non mi serve più avere mille tabelle a portata di mano e quindi non ho bisogno di un supporto verticale ^ ^

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dietro lo schermo solo per il 99% dei tiri. Parlo di giochi come D&D e GURPS - nei giochi che dicono espressamente di tirare allo scoperto seguo le regole.

L'1% dei tiri, quelli fatti allo scoperto, è la lotteria del pathos. Quei tiri tipo "oh raga, se viene 14 o più crepi. Faccio il tiro qua davanti a tutti." Rulli di tamburi, fiato sospeso, e il destino che cala come una mannaia.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davanti ai pg tranne quando non mi va di alzarmi per pigrizia e sono tiri che non interessano a nessuno.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, tamriel ha scritto:

Ho smesso di usare lo schermo da 2-3 anni

E come fai a nascondere i  tuoi appunti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, Ji ji ha scritto:

Dietro lo schermo solo per il 99% dei tiri. Parlo di giochi come D&D e GURPS - nei giochi che dicono espressamente di tirare allo scoperto seguo le regole.

L'1% dei tiri, quelli fatti allo scoperto, è la lotteria del pathos. Quei tiri tipo "oh raga, se viene 14 o più crepi. Faccio il tiro qua davanti a tutti." Rulli di tamburi, fiato sospeso, e il destino che cala come una mannaia.

 

Faccio esattamente come Ji ji. Il motivo principale è evitare l'involontario calcolo dei PG nel metagaming
"allora ha fatto 10 di dado quindi ha +10 a colpire, mi ha fatto 15 danni tirando 7 con 2d6, quindi ha For 18 e arma specializzata, dunque ha BAB +6 ergo è un guerriero di 6°, perciò avrà TS base sulla volontà +2, Sag 10 o 12 e al massimo Volontà di ferro, quindi ha massimo +5 sulla volontà, perciò se gli lancio dominare persone con CD 20 ho almeno un 75% di possibilità di riuscire e...." potrei continuare all'infinito.
Oppure fuori dal combattimento, sempre nel metagaming:
"Allora ha tirato 1 su raggirare e io ho fatto 25 in totale con percepire intenzioni, quindi sicuramente sta dicendo la verità perché non avrà più di +20 a raggirare"

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, DMichele ha scritto:

E come fai a nascondere i  tuoi appunti?

Personalmente è una combinazione di pessima calligrafia (mia), pessima vista (dei giocatori) e del fatto che rispetto a loro gli appunti sono a testa in giù.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma e i manuali? 

Se giri pagina per cercare i mostri con cui si batteranno si rovineranno la sorpresa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, DMichele ha scritto:

Ma e i manuali? 

Se giri pagina per cercare i mostri con cui si batteranno si rovineranno la sorpresa.

Basta scriversi preventivamente su un pezzo di carta le informazioni basilari necessarie per gestirsi il mostro (CA, pf, tpc e danni, incantesimi e capacità), tirando fuori il manuale magari solo per fare vedere l'illustrazione

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io di solito mi segno le cose in un blocchetto che tengo chiuso o che apro in "verticale" quando mi serve. In ogni caso, i giocatori hanno più di 5 anni quindi se vogliono la sorpresa non guardano, se non la vogliono vuol dire che per loro non è importante e quindi non mi interessa nemmeno fargliela avere.

  • Like 3
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

I manuali a sessione non li porto, ho tutte le stat e informazioni essenziali su fogli word che mi faccio io. Da lontano sono quasi indistinguibili fra loro.

Per le illustrazioni uso Pinterest sul cellulare.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io utilizzo il master screen anche per vedere rapidamente cose come condizioni, costo dei viveri… (il master screen della 5e è fantastico anche se purtroppo in inglese).

Inoltre secondo me lo screen crea più mistero. I tiri li faccio comunque davanti ai PG. Crea meno problemi secondo me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, smite4life said:

Io di solito mi segno le cose in un blocchetto che tengo chiuso o che apro in "verticale" quando mi serve. In ogni caso, i giocatori hanno più di 5 anni quindi se vogliono la sorpresa non guardano, se non la vogliono vuol dire che per loro non è importante e quindi non mi interessa nemmeno fargliela avere.

A meno che il tavolo di gioco non sia lungo dodici metri la vedo dura ignorare un manuale spalancato alla pagina dell'Aboleth 😄

Mi sembra di leggere in questa recente serie di discussioni un certo undertone per cui i tiri dietro lo schermo, gli appunti dietro lo schermo e il concetto stesso di "dietro lo schermo" siano presentati come gioco immaturo e roba disfunzionale. Lo schermo in sé non è un male, è uno strumento necessario o meno a seconda del sistema di gioco.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 23/2/2019 alle 14:03, DMichele ha scritto:

E come fai a nascondere i  tuoi appunti?

Uso un "foglio magno" nel quale mi appunto le cose essenziali (diciamo che lo uso principalmente per tenere traccia dell'iniziativa).

Per quanto riguarda il discorso mostri è un problema che non si è mai posto. Perchè le statistiche del mostro non mi occorrono finchè non si tira l'iniziativa, e a quel punto lo scontro è dichiarato (se so che nella stanza X ci sta il mostro Y non mi serve sapere altro finchè non inizia il combattimento, avere il manuale aperto non mi serve a nulla), quindi che abbia aperto o no il manuale non fa nessuna differenza a livello di gioco/metagame.

@Ji ji onestamente non ho mai visto nello schermo un problema, lo ho utilizzato finchè mi faceva comodo avere tabelle/statistiche a portata di mano. Per quanto riguarda il discorso metagame involontario detto da Klunk è una cosa che al mio tavolo per fortuna non è mai stato un problema, nel senso che ce ne freghiamo abbastanza e nonostante faccia i tiri allo scoperto non ho i giocatori che stanno a guardare come falchi il risultato dei tiri che faccio, mettendosi a fare le statistiche per capire quanto hanno al ts su carisma per poter castare banishment con successo ^ ^

Edited by tamriel

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi trovo anche io con le metodologie di Ji ji, tiro dietro e davanti per suspance. Ma va detto che il numero di tiri davanti è aumentato col tempo, mentre infatti in 3e facevo praticamente tiri solo dietro lo schermo, con 3.p e 5e sono appunto aumentati vertiginosamente. 

Per il resto io da pathfinder in poi uso il tablet per consultare i manuali e le statistiche dei mostri. Ho i manuali cartacei perché mi piace e per la consultazione a casa, ma per cose rapide durante il gioco non c'è niente di meglio del supporto digitale. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 23/2/2019 alle 19:23, Ji ji ha scritto:

A meno che il tavolo di gioco non sia lungo dodici metri la vedo dura ignorare un manuale spalancato alla pagina dell'Aboleth 😄

Beh si, ma come dice tam le statistiche dell'aboleth mica mi servono fino a che i pg non ci devono combattere! 😄

Comunque, da quando gioco a giochi più "leggeri" in termini di statistiche (5E prima e 13th Age dopo) dei mostri, mi basta quando preparo la sessione segnarmi nel blocco le statistiche essenziali, quindi il manuale non lo apro proprio e quello che i giocatori dovrebbero sbirciare è un blocco per appunti con la mia grafia (auguri) al contrario! 🤣

Il 23/2/2019 alle 19:23, Ji ji ha scritto:

 Mi sembra di leggere in questa recente serie di discussioni un certo undertone per cui i tiri dietro lo schermo, gli appunti dietro lo schermo e il concetto stesso di "dietro lo schermo" siano presentati come gioco immaturo e roba disfunzionale. Lo schermo in sé non è un male, è uno strumento necessario o meno a seconda del sistema di gioco. 

No no, chiaro! Per me è una cosa negativa perché, per i giochi a cui gioco, è solo un orpello scomodo che da più scomodità che vantaggi: i tiri li faccio fare tutti ai giocatori, le statistiche dei mostri me le appunto su un blocco e occupano 1-2 righe ciascuna, non ho particolari esigenze di ricordare costi o altre cose out-of-combat perché tendo a gestire le cose in modo rapido e "narrativo" (vedi ad esempio il documento role with proficency di @The Stroy).

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 23/2/2019 alle 19:23, Ji ji ha scritto:

Mi sembra di leggere in questa recente serie di discussioni un certo undertone per cui i tiri dietro lo schermo, gli appunti dietro lo schermo e il concetto stesso di "dietro lo schermo" siano presentati come gioco immaturo e roba disfunzionale. Lo schermo in sé non è un male, è uno strumento necessario o meno a seconda del sistema di gioco.

Anche se sono generalmente contrario ai tiri nascosti e molto spesso mi trovo a pensare che le motivazioni per implementarli siano immature o disfunzionali (non è assolutamente il tuo caso), contro lo schermo in sé non ho nulla. Non lo uso perché non mi piace avere una barriera fisica fra me e i giocatori, tutto qua, ma questo vale anche per le bottiglie e i sacchetti di patatine, quindi non credo si possa definire una questione di stile di gioco. In passato l'ho usato, vuoi per nascondere i manuali, vuoi per avere spazio verticale per regole o appunti.

Edited by The Stroy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tiro quasi sempre davanti ai giocatori, ma per certi tiri preferisco farlo dietro la mano o al pc (che uso avendo sopra tutta l'avventura, le tabelle, la musica e le immagini).

I tiri che faccio in modo coperto sono:

  • Percezioni/intuizioni contro mostri e png. Quando i miei giocatori saranno più maturi (alla fine giochiamo da due anni o poco meno) tirerò anche questi davanti a loro. 
  • Tiri da varie tabelle fisse, come incontri casuali, magia selvaggia o simili. Più che altro perché così resta il mistero fino all'ultimo e perché le tabelle non sono infinite: se un giocatore capisce che 23 sugli incontri casuali sono i ragni giganti invisibili, allora se vede comparire 23 si aspetta i ragni giganti invisibili...il che rende i ragni giganti invisibili un po' meno una sorpresa. 
  • Alcuni tiri di cui i giocatori non devono essere a conoscenza: per quelli uso un dice roller per evitare che se ne accorgano. Si tratta di tiri contro maledizioni/malattie/magie/effetti ambientali e simili che non sono percepibili dai personaggi nemmeno in caso di fallimento del tiro. Per esempio di recente alcuni zombie hanno attaccato i giocatori. Subire un morso significava dover tirare contro una malattia con un'insorgenza di qualche ora. Invece che far tirare ai giocatori la Costituzione, ho tirato io in segreto e quando i sintomi si sono fatti sentire l'ho comunicato ai giocatori. Come per il primo punto, probabilmente quando saranno più maturi metterò tutto in vista anche in questo caso. 
  • I tiri finti, che faccio in determinate situazioni per mettere un po' di tensione. 
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.