Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Seven Sinners: i Sette Peccati Capitali per D&D 5E e AD&D 1E

Cosa succederebbe se i Sette Peccati Capitali fossero entità viventi che possono minacciare il vostro mondo di gioco?

Read more...

Uno Sguardo a Dungeon Crawl Classics Edizione Italiana

Dungeon Crawl Classics offre un ritorno alla Old School e alla pura Sword & Sorcery in un mondo di magie oscure dove la morte è sempre dietro l'angolo...del corridoio di un dungeon.

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #9: Programmazione ad Incontri

Eccovi il nono articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

Hexcrawl : Parte 7 - Scheda del DM

Un'utile scheda per i DM realizzata per aiutarli a tenere traccia degli esagoni da percorrere, degli incontri e di molti altri elementi importante durante un hexcrawl.

Read more...

Spunti di trama "Serpentini": Fazioni Ribelli - Parte 2

Continuiamo la nostra serie di agganci di trama basati sulle fazioni di Eversink.

Read more...

I gusti di voi (noi) player


starchy
 Share

Recommended Posts

Ciao ragazzi! Volevo farvi un paio di domandine relative ai vostri gusti in fatto di "manuali" e non solo..ringrazio in anticipo coloro i quali risponderanno.

1 Comprereste mai libri (cartacei o pdf) di una ventina di pagine riguardanti un ambientazione? (Quindi piuttosto piccolini)

2 Il fatto che questi libri siano graficamente curati aumenterebbe il vostro interesse o meno? 

3 domanda più importante: che tipo di ambientazione comprereste? (Gotico, dark fantasy, medievale, fantasy, cyberpunk ecc. Ecc.)

4 cosa non dovrebbe assolutamente mancare in questo libro? 

Grazie mille.

Link to comment
Share on other sites


7 ore fa, starchy ha scritto:

Ciao ragazzi! Volevo farvi un paio di domandine relative ai vostri gusti in fatto di "manuali" e non solo..ringrazio in anticipo coloro i quali risponderanno.

1 Comprereste mai libri (cartacei o pdf) di una ventina di pagine riguardanti un ambientazione? (Quindi piuttosto piccolini)

2 Il fatto che questi libri siano graficamente curati aumenterebbe il vostro interesse o meno? 

3 domanda più importante: che tipo di ambientazione comprereste? (Gotico, dark fantasy, medievale, fantasy, cyberpunk ecc. Ecc.)

4 cosa non dovrebbe assolutamente mancare in questo libro? 

Grazie mille.

1. Potrebbe essere un deterrente, soprattutto se il prezzo è sopra i cinque euro.

2. Sicuramente. Anzi per un libretto così piccolo mi farebbe solo piacere un buon supporto grafico, magari illustrazione a tutta pagina che si intersecano con lo scritto. Non parlo di temi di impaginazione, ma veri e propri disegni di mappe, paesaggi, scene di guerra o anatomia delle razze.

3. Fantasy o post-apocalittica.

4. Spunti e agganci per delle avventure. Di base è quello che cerco in un'ambientazione, oltre ad un'ispirazione generale del tema che intende fare il suo cavallo di battaglia.

Edited by Jareth
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 12/9/2017 alle 13:53, starchy ha scritto:

Ciao ragazzi! Volevo farvi un paio di domandine relative ai vostri gusti in fatto di "manuali" e non solo..ringrazio in anticipo coloro i quali risponderanno.

1 Comprereste mai libri (cartacei o pdf) di una ventina di pagine riguardanti un ambientazione? (Quindi piuttosto piccolini)

2 Il fatto che questi libri siano graficamente curati aumenterebbe il vostro interesse o meno? 

3 domanda più importante: che tipo di ambientazione comprereste? (Gotico, dark fantasy, medievale, fantasy, cyberpunk ecc. Ecc.)

4 cosa non dovrebbe assolutamente mancare in questo libro? 

Grazie mille.

1) In linea di principio si.
2) Certo. Non è un problema, per me, un libro con poche illustrazioni (o anche davvero poche), ma deve essere ben curato. Scrittura leggibile, ben impaginato. Un indice, un ordine interno comprensibile, specchietti dove necessario...altrimenti è difficile o faticoso ritrovare quello che serve. O anche solo leggere.
3) Io sono abbastanza di bocca buona. Comunque personalmente non mi interesserei troppo a qualcosa di medievale o fantasy "classico".
4) Una serie di elementi tipici del gioco-ambientazione che spingano il lettore a voler giocare. Esempi di personaggi, una piccola avventura introduttiva...queste cose qui. Se si tratta di un'espansione per un sistema di gioco già presente (esempi, D&D o GURPS), dovrebbero esserci elementi personalizzati, come una nuova classe o una nuova razza. 

Link to comment
Share on other sites

Il 12/9/2017 alle 13:53, starchy ha scritto:

Ciao ragazzi! Volevo farvi un paio di domandine relative ai vostri gusti in fatto di "manuali" e non solo..ringrazio in anticipo coloro i quali risponderanno.

1 Comprereste mai libri (cartacei o pdf) di una ventina di pagine riguardanti un ambientazione? (Quindi piuttosto piccolini)

2 Il fatto che questi libri siano graficamente curati aumenterebbe il vostro interesse o meno? 

3 domanda più importante: che tipo di ambientazione comprereste? (Gotico, dark fantasy, medievale, fantasy, cyberpunk ecc. Ecc.)

4 cosa non dovrebbe assolutamente mancare in questo libro? 

Grazie mille.

Ciao. :)

1) Sì, ma dipende dal prezzo che mi viene proposto. Più corto è il manuale, più contenuto dev'essere il prezzo.

2) Sicuramente, anche se in linea di principio non dovrebbe (ciò che vale davvero sono le regole, non la grafica). Una buona grafica non solo attira l'attenzione, ma può rendere maggiormente gradevole la lettura di un manuale (per capire la differenza, basta provare a leggere le regole su un PDF graficamente editato e poi altre scritte su un semplice file Word). Naturalmente è bene non credere che una buona grafica sia tutto. Ciò che la gente davvero vuole comprare sono le regole fatte bene. Troppo spesso mi è capitato di trovare manualetti creati da designer alle prime armi o troppo svogliati (tra cui, a volte, anche designer conosciuti) che si sono accontentati di pubblicare regole raffazzonate, difettose o addirittura mal progettate, nascondendosi dietro una bella grafica. Se le regole pubblicate non sono buone, la gente s'arrabbia...a prescindere da quanto bello sia l'aspetto del manuale.

3) In partgicolare di recente ho iniziato a spaziare molto con i generi. Ho passato così tanti anni a giocare il Fantasy classico che ora non lo sopporto praticamente più e sento il bisogno di spaziare. Personalmente sono interessato ai seguenti generi: Gotico, Horror, Storico Vittoriano (ambientazione '800esca, in Europa o negli USA), Storico Medievale (tra cui l'ambientazione Vichinga), Fantasy Storico Medievale (ambientazione nell'Europa medievale, solo che il soprannaturale esiste davvero), Fantasy Contemporaneo (il fantasy nel mondo di oggi), Fiabesco Dark (conosciuto in inglese come "Grimm Dark", ovvero un fantasy legato allo stile delle fiabe, meraviglioso e inquietante, con tinte un po' cupe), Science Fantasy (mix tra Fantasy e Fantascienza...insomma maghi, elfi, spade laser e astronavi), Steampunk, Cyberpunk, Fantascienza (in particolare se sullo stile del telefilm Firefly) e Post Apocalittico (tipo The Walking Dead o Mad Max).

4) Dipende molto dal tipo di libro che vuoi pubblicare. Se si vuol pubblicare, ad esempio, un supplemento che vuole esplorare un genere preciso, è necessario che non manchino regole per i personaggi, nuovi sistemi meccanici adatti a quel tipo di genere (ad esempio, per un'ambientazione Fantascientifica non possono mancare regole sulle astronavi e sul viaggio spaziale, in un'ambientazione Post Apocalittica non possono mancare regole per lo scavenging - ovvero la ricerca di materiale utile tra le rovine -, ecc.), informazioni sulle caratteristiche del genere trattato e spunti per aiutare il Master a creare campagne interessanti. In sostanza, un manuale è sempre bene che fornisca strumenti utili sia ai giocatori che ai Master, per aiutare tutti a migliorare la propria esperienza di gioco.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Eccomi qua:

1) Non parli di un GdR in particolare, vero? Indicativamente no, piuttosto lo leggerei, ma non comprare. al limite la faccio io.

2) Da un punto di vista di "gradevolezza" della lettura, conta anche il tipo di carattere che usi per scrivere il manualetto oltre che alle immagini fantasy che ci devono essere.

3) Questa è una domanda a cui non saprei rispondere: dipende dal momento, da cosa voglinoo farer i player del party almeno in maggioranza.

4) L'Indice.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

A me in questo momento interesserebbero di più AP con conseguenze all'interno del mondo, come per esempio Crimson Throne in Pathfinder.

O ambientazioni dettagliate di zone non ancora descritte in determinati GDR

Poi sono sempre alla ricerca di romanzi in stile D&D, quindi no storie d'amore e solite vendette, ma sogni da avventuriero.

Ovviamente only fantasy. Magari ambientato in Italia, sarebbe figo che ci fosse un progetto profondo. Ma ovviamente costa tempo e risorse.

Link to comment
Share on other sites

Il 12/09/2017 alle 13:53, starchy ha scritto:

Ciao ragazzi! Volevo farvi un paio di domandine relative ai vostri gusti in fatto di "manuali" e non solo..ringrazio in anticipo coloro i quali risponderanno.

1 Comprereste mai libri (cartacei o pdf) di una ventina di pagine riguardanti un ambientazione? (Quindi piuttosto piccolini)

2 Il fatto che questi libri siano graficamente curati aumenterebbe il vostro interesse o meno? 

3 domanda più importante: che tipo di ambientazione comprereste? (Gotico, dark fantasy, medievale, fantasy, cyberpunk ecc. Ecc.)

4 cosa non dovrebbe assolutamente mancare in questo libro? 

Grazie mille.

1) se fosse una specie di atlante geo/politico fantasy di un mondo immaginario, assolutamente no, del gdr mi piacciono i giochi;
2) sicuramente, un libro graficamente curato è sicuramente fonte di maggiore attrattiva, anche solo per la qualità delle immagini, ci sono case editrici, in Italia, che ne hanno fatto un criterio (asterion su tutte);
3) vedi punto 1, uno dei giochi che oggi preferisco ha un "ambietazione" a cui non avrei dato nemmeno un penny;
4) non applicabile :P

Ciao

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Renis
      Da questo link potete scaricare gratuitamente la Quick Start Guide 2.0 La Notte Eterna per download gratuito.

      Questa piccola guida vi fornirà gli elementi essenziali per iniziare le vostre avventure ne "La Notte Eterna", ambientazione epic-fantasy per 5e. All'interno della QSG troverai il link per scaricare: Scheda del Giocatore 1 Battle Map a colori. Segui la pagina Facebook della Notte Eterna per scoprire le ultime novità e partecipare al Kickstarter. Vuoi giocare in anteprima alla Notte Eterna? Stiamo cercando beta tester per delle sessioni live sui nostri canali social. Se ti interessa invia pure la tua candidatura, clicca qui.
    • By supremenerd88
      Un saluto a tutti.
      Ho letto diversi anni fa (più di quanti vorrei ammettere), alcuni libri legati alle ambientazioni di D&D Dragonlance e Forgotten Realms. Chiedendomi "avranno mai fatto dei libri ambientati a Golarion?" mi sono imbattuto in una collana chiamata "Pathfinder Tales" che credo appunto risponda alla mia domanda.
      https://paizo.com/store/pathfinder/fiction/tales/novels
      Questi libri però non li trovo tradotti in lingua italiana e da qui la domanda: sono stati tradotti? Se si, dove si possono acquistare?
      In italiano ho trovato solo:
      https://www.amazon.it/Signore-delle-Rune-Pathfinder-Tales/dp/8867023217/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-1
      https://www.amazon.it/Lisola-del-traditore-Pathfinder-tales/dp/8867023306/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-2
      Grazie.
    • By Renis
      Sono trascorsi 161 anni dal giorno in cui la Guerra Celeste ebbe inizio. Un conflitto che vede schierate le divinità e le loro immense armate in una lotta di supremazia che finora non ha decretato né vincitori né vinti.
      Quando nel cielo si levò il primo grido di battaglia, potente e terribile come un tuono, le tenebre di un cosmo avido e crudele inghiottirono il sole. Esso si perse in un manto di gelide stelle senza lasciar traccia; rubato, si dice, da un dio cieco e crudele.
      Consultate l’erudito, parlate pure con il volgo, chiedete loro il nome di questo buio perenne che ha ottenebrato il cielo ed i cuori degli uomini: “Quest’epoca oscura, di sangue e di lacrime" vi risponderanno, "è la Notte Eterna”.    
      Le genti di questo mondo affranto, di Neir, hanno dimenticato la calda carezza del sole, che nella loro stoltezza relegano al mito di una religione morente. Essi non possono sapere che il dio della luce, straziato ma ancora vivo, ha donato parte della sua essenza alla Luna come ultimo sacrificio agli ingrati mortali.
      Astro beffardo, enigmatico, libero da ogni giogo divino e infine vivo di luce propria, la Luna. I giorni e le stagioni sono scanditi dalle sue fasi e le vite di milioni ne seguono il corso "luna dopo luna".
      Neir è un mondo freddo e inospitale, dove la vita resiste solo grazie agli influssi benefici della magia. Senza di essa, il gelo sarebbe insopportabile e ogni cosa viva morrebbe.
      Le specie animali e vegetali di un tempo si sono estinte o perlopiù ridotte drasticamente di numero. Esse sono state soppiantate da nuove specie, provenienti dai vastissimi territori sotterranei, in grado di vivere e prosperare a temperature più basse e senza luce solare.
      Allo stesso modo, nuove razze di conquistatori hanno compiuto la loro ascesa al mondo di superficie: gli Oscuri, popolo di mercanti e schiavisti, governato da un imperatore spietato e fedele di un dio crudele; e gli Hjilaki, vampiri di sangue puro, che all’avvento della Notte Eterna sorsero dalle loro cripte per mettere a ferro e fuoco le nazioni mortali.
      Durante questi 161 anni, lunghissime pagine di dolore sono state scritte, spesso con il sangue. In questo caos imperituro vigono nuovi ordini e laddove gli antichi regni sono caduti altri lottano quotidianamente per sopravvivere alla marea di morte che ogni cosa vuole travolgere.
      A Neir, il pericolo si annida ovunque: in templi dedicati a dei innominabili, in antiche rovine infestate da creature blasfeme, in territori selvaggi abitati da mostri, persino nella nostra deliziosa città, nel languido sorriso di una cortigiana, nel rassicurante cipiglio di una guardia…
      Chi oserà incamminarsi per questo sentiero di desolazione? Chi è l’eroe che brandirà la sua spada in aiuto degli indifesi?
      Dopo aver instillato la paura nei vostri giovani cuori, a coloro fra voi che nonostante tutto desiderano affrontare le insidie del mondo pur di acquisire fama come cantori, io dico: seguite le orme dell’eroe e cantate le sue gesta, perché tale è il sentiero che conduce all'immortalità.   - Daris Rylan, Gran Musico della Casa dei Musici e delle Belle Arti di Azkabel nel suo discorso inaugurale ai nuovi iscritti   La Notte Eterna è un'ambientazione epic-fantasy per Dungeons&Dragons 5ED. A novembre lanceremo il Kickstarter esclusivo al pubblico italiano: una scommessa su cui stiamo puntando stretch goal, manuali e oggettistica che vanno dal classico schermo del Dungeon Master a vere e proprie chicche... Se ti va di saperne di più visita il nostro blog, pagina facebook e canale twitch (o scrivi qui, se l'ambientazione ti incuriosisce).  
    • By MasterX
      Ok bois credo che sia meglio aprire un qualcosa di separato non vorrei gonfiare la sessione organizzazione. allora per il mondo di gioco pensavo ad un qualcosa piuttosto vecchio avrà tipo 12 miliardi di anni. che ha avuto un periodo di formazione durato 15-20 anni (grazie agli dei), prevalentemente pianeggiante (con delle zona montagnose e poche zone collinari) , con un'aria bella grossa aria desertica (stile deserto del gobi/area ex vulcanica) Chiamato i terreni Cinerei tutt'ora ancora fumanti. per il livello di acqua pensavo un 60%/70%  o qualcosina in più come la terra. (il pianeta è grande come saturno circa qualcosina in più) , il livello di tecnologia è verso il 1600 ma solo alcune zone predilette possiedono una tecnologia simile , il resto e praticamente medievale o rimasto all'età della pietra/bronzo. passatemi i termini non nascondo che ci potrebbero essere cose (passatemi il termine) Sandalpunk , Stonepunk e Swordpunk. per la mappa del mondo di solito uso un generatore casuale. ma se volete o conoscete un'qualcosa di migliore posso provare a costruire qualcosa ad ok. appena posso posterò dei messaggi dedicati alle razze e alle divinità. per qualsiasi idee/spunti per il mondo di gioco scrivete qui e vediamo un pò. 
    • By Republic
      Salve, non sapevo dove mettere questa discussione.
      Ho cercato a lungo su internet e su questo forum ma non ho trovato quello che cercavo.
      Cè qualcuno che ha una mappa del mulhorand in cui magari viene indicato (ad esempio) dovè la valle fertile? 
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.