Vai al contenuto

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Nuove informazioni su Guildmaster's Guide to Ravnica

Come vi avevamo già accennato qualche tempo fa, Guildmaster's Guide to Ravnica sarà il primo supplemento ufficiale di D&D 5e dedicato a una ambientazione di Magic, ovvero Ravnica. Contrariamente ad altre conversioni, infatti, rilasciate solamente in versione PDF (in questo nostro articolo potete trovare i link a tutti i PDF di Magic rilasciati fin ora), Guildmaster's Guide to Ravnica sarà pubblicato in versione cartacea il 20 Novembre 2018.
Grazie al sito EN World, che ha raccolto le informazioni rilasciate dalla WotC attraverso interviste, podcast e video su Youtube, possiamo conoscere qualche dettaglio in più sul contenuto del manuale.
Guildmaster's Guide to Ravnica è fino in fondo un manuale di D&D per giocatori di D&D. In particolare, mentre Magic: the Gathering è celebre per usare i 5 colori rosso, verde, blu, bianco e nero all'interno del suo metagioco (anche se il testo nelle carte non parla mai di loro in maniera diretta), essi non avranno alcuna rilevanza in Guildmaster's Guide to Ravnica. Le Gilde di Ravnica, infatti, sono definite in base alla loro filosofia, non in base al colore. L'ambientazione si focalizzerà sugli avventurieri, non sul gioco di Magic: the Gathering.
(NdSilentWolf: se proprio desiderate introdurre un sistema di magia che ricorda il Mana di Magic, tuttavia, vi posso proporre queste mie linee guida del tutto non ufficiali, inserite qui di seguito sotto spoiler)
  Le Gilde di Ravnica servono sia come forma di governo, che come organizzazione volontaria. Esse si scontrano tra loro a causa delle differenti filosofie e dei differenti obbiettivi, spesso in totale contrasto fra loro. Il tradizionale potere magico in grado di mantenere la pace è il Patto delle Gilde (Guildpact). Attualmente il Patto delle Gilde esiste grazie a un uomo il quale, tuttavia, si trova spesso su altri piani, lasciando Ravnica in balia degli intrighi delle Gilde e di conflitti pieni di tensione.
  La Gilda è la lente attraverso la quale i personaggi osservano il mondo. Un giocatore può selezionare una Gilda al posto di un Background. Le Gilde hanno maggiormente a che fare con l'esplorazione e con l'interazione sociale, più che con il combattimento. Esse garantiscono Abilità, capacità speciali e contatti con alcuni PNG. Il DM guarda alle Gilde dei PG e crea una campagna riguardante le Gilde oppositrici. I consigli presenti nel manuale riguardano cose come utilizzare le Gilde buone come avversari, complotti per ostacolare i personaggi, PNG e mostri tipici da usare, e quali luoghi si adatterebbero alla campagna. Le scelte messe a disposizione dei giocatori riguardo alle Gilde e i consigli per il DM forniscono assieme una solida direzione verso cui condurre una campagna.
  James Wyatt ha fornito una breve descrizione delle Gilde. La Legione di Boros (The Boros Legion) è composta da paladini, maghi in armatura che brandiscono il fuoco e da forze militari. Lo Sciame Golari (The Golari Swarm) è composto da elfi che abitano nelle fogne e che vivono nell'oscurità, utilizzando insetti e brandendo la necromanzia. La Conclave di Selesnya (The Selesnya Conclave) è un culto che parla con una voce e che prova a convertire gli altri. La Casata Dimir (Dimir House) è composta da spie e assassini. Il Sindacato Orzhov (The Orzhov Sydicate) è una combinazione tra crimine organizzato, una banca e una chiesa. La Lega Izzet (The Izzet League) è la casa degli inventori e conduce grandi esperimenti. Il Clan Gruul (The Gruul Clans) combina ardenti emozioni con una connessione al mondo naturale espressa attraverso clan barbarici. Il Senato Azorius (The Azorius Senate) governa Ravnica e fa rispettare la legge. Il Culto Rakdos (The Cult of Rakdos) è un circo basato su un culto demoniaco. L'Alleanza Simic (The Simic Combine) padroneggia la scienza della vita, ed è profondamente interessata alla modificazione del corpo e alla creazione di creature ibride.
  I giocatori di D&D beneficeranno di una pletora di nuovi contenuti e di nuove regole. Il numero di nuovi mostri eguaglia quasi quello di Mordenkainen's Tome of Foes. Alcune regole playtestate negli Arcani Rivelati fanno il loro debutto in Guildmaster's Guide to Ravnica, comprese alcune razze (centauri, minotauri, loxodon, Simic hybrids, vedalken e viashino), il Dominio dell'Ordine per il Chierico e il Circolo delle Spore per il Druido. Il design della città di Ravnica fornisce descrizioni locali e informazioni a livello delle strade, piuttosto che fare descrizioni quartiere per quartiere. Le mappe sono isometriche e hanno un aspetto dipinto.
  I Mostri di Ravnica possono essere facilmente riutilizzati in altri mondi di D&D. Il circo di Waterdeep che troviamo in Dragon Heist può essere riempito con mostri provenienti da Ravnica. E il Culto Rakdos potrebbe in realtà essere quel circo. Le regole dell'inseguimento descritte in Dragon Heist potrebbero essere usate in Ravnica. Fonte
Articolo di EN World "New D&D Monsters and more in Guildmaster's Guide to Ravnica
Leggi tutto...

Sondaggio sui Marchi del Drago

L'ultima volta gli Arcani Rivelati hanno esplorato il modo in cui creare un personaggio che reca su di sé un Marchio del Drago, un sigillo mistico che appare sulla pelle. Questa è la vostra opportunità per aiutarci a determinare la loro forma finale! Ora che avete avuto la possibilità di leggere e di riflettere su queste regole, siamo pronti per conoscere la vostra opinione su di esse nel seguente Sondaggio. Il Sondaggio rimarrà aperto per circa tre settimane.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
Arcani rivelati: marchi del drago
sondaggio: marchi del drago
Link all'articolo originale:
http://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/survey-dragonmarks
Leggi tutto...

Sondaggi sulle Ascendenze e sulle Classi

Creare un processo di playtest per un gioco complicato quanto Pathfinder è stata una sfida in sé e per sé. Sebbene sapessimo che avevamo bisogno di dati di gioco consistenti da tutti voi, il che ha assunto la forma di L’Alba del Giorno del Destino, volevamo anche raccogliere il più ampio insieme possibile di feedback basati non solamente sulla vostra esperienza al tavolo, ma anche sul tempo che avete trascorso leggendo il manuale, creando i personaggi e sognando nuove avventure.
Dunque oggi lanceremo i nostri primi Sondaggi di Feedback sul Gioco, iniziando con il Sondaggio sulle Ascendenze e sui Background e con l’enorme Sondaggio sulle Classi. Ma prima che accorriate a svolgere questi sondaggi, ci sono alcune cose che dovreste sapere.
Per prima cosa, dovreste sapere che potete compilare ciascuno di questi sondaggi una sola volta, anche se potete scegliere di uscire da uno di essi e poi tornare a completarlo successivamente (fino a quando non chiuderemo i sondaggi alla fine del playtest). Ciò potrebbe risultare particolarmente utile per il Sondaggio sulle classi, che è abbastanza lungo e potrebbe risultare difficoltoso da terminare in un’unica sessione, e che risulta anche diviso in sezioni per ciascuna classe.
In secondo luogo, non siete obbligati a rispondere a ciascuna delle domande di questi sondaggi. Il Sondaggio sulle Classi vi chiede se desiderate lasciare un feedback su una classe prima di mostrarvi le domande correlate alla stessa, permettendovi di saltare totalmente delle classi se pensate di non avere alcun feedback da rilasciare sul loro tema oppure sulle loro meccaniche. Potete anche saltare quelle domande che pensate non siano rilevanti in relazione alla vostra esperienza (nonostante abbiamo provato a fornire opzioni di risposta che vi permettano di chiarire anche questo).
Infine, sebbene non dobbiate rispondere ad ogni domanda, risulta comunque importante che arriviate fino alla fine del sondaggio, poiché ci sono molte domande importanti che vengono poste solo in un momento successivo.
Dunque, se pensate di essere pronti, procedete pure e iniziate a compilare i sondaggi utilizzando i seguenti link! Non vediamo l’ora di sentire cosa pensate!
Sondaggio sulle Ascendenze e sui Background | Sondaggio sulle Classi
Se avete dei commenti maggiormente aperti oppure dei feedback, potete compilare i seguenti sondaggi per fornirci dei commenti più dettagliati sulle regole.
Sondaggio a Risposta Aperta sulle Ascendenze e sui Background | Sondaggio a Risposta Aperta sulle Classi
Continuate a seguirci nelle prossime settimane durante le quali aggiungeremo ancora altri sondaggi a quelli già rilasciati, che vi chiederanno la vostra opinione su varie meccaniche di gioco e sul design dei mostri!
Una Nota sui Playtest
Giusto per ricapitolare alcune delle cose di cui abbiamo parlato durante lo stream della Paizo su Twitch lo scorso venerdì, voglio spendere un momento per parlare del playtest inteso come processo. Alcuni di voi hanno iniziato ad accorgersi che l’avventura L’Alba del Giorno del Destino risulta differente da quelle alle quali siete abituati. Ciò è intenzionale poiché ciascuna delle parti della stessa è pensata specificamente per mettere alla prova uno o più degli aspetti del gioco. Ciò significa che potreste notare degli incontri con un medesimo tema che vengono ripetuti più volte a diversi livelli di sfida oppure che ciascuno degli incontri in una delle parti dell’avventura potrebbe condividere un elemento comune. Ciò potrebbe anche significare che alcuni combattimenti sono ben oltre un normale grado di sfida.
Creare la miglior versione di Pathfinder che possiamo significa trovare i punti in cui l’attuale sistema si può rompere. In alcuni casi, abbiamo bisogno che siate voi a farlo, così che a noi sia possibile determinare dove si pone quella linea. Ma risulta egualmente importante al fine del processo di raccolta dei dati che i partecipanti al playtest non sappiano quali siano questi obiettivi fino a quando il test non è finito, poiché farlo significherebbe falsare i risultati.
Il team di design offre i suoi più sinceri ringraziamenti a tutti coloro che ci aiuteranno in questo processo rigoroso. Promettiamo che pagheremo le resurrezioni e le sessioni di terapia dei vostri poveri PG una volta che tutto questo sarà terminato.
Jason Bulmahn,
Direttore del Game Design
Unitevi ai designer del Playtest di Pathfinder ogni venerdì durante il periodo di playtest sul nostro Canale Twitch per ascoltare l’intero processo e chattare direttamente con il team.
Link all’articolo originale: http://paizo.com/community/blog/v5748dyo6sg9c?Ancestry-and-Class-Surveys
Leggi tutto...

Il Kickstarter per Lex Arcana 2E è iniziato!

Il celebre GdR italiano ambientato ai tempi dell'Impero Romano tra mostri mitologici, divinatori ed aruspici è ora su Kickstarter dove sta venendo finanziata una campagna per una seconda edizione del gioco. Questa nuova edizione, il cui goal base è stato ampiamente raggiunti nel corso delle prime 2 ore dall'apertura del Kickstarter e che è ora in piena corsa per il raggiungimento dei goal aggiuntivi, fornirà delle regole aggiornate, un nuovo comparto grafico e moltissimi altri contenuti per gli appassionati.

Cosa aspettate, andate anche voi ad unirvi alla Cohors Auxiliaria Arcana!
Leggi tutto...

Waterdeep Dragon Heist: Una Recensione

Di J.R. Zambrano
10 Settebre 2018
L'avventura Waterdeep: Dragon Heist mette gli avventurieri sulle tracce di mezzo milione di monete d'oro, sfidando uno di quattro possibili avversari, il tutto nel mezzo di Waterdeep, la Città degli Splendori. Ma come se la cava come avventura? Leggete oltre per scoprirlo.
Le avventure urbane sono uno strano affare. Rispetto ai primi moduli di D&D sovvertono gli assunti fondamentali. Laddove i primi moduli usavano le città come luogo per gli avventurieri dove rifornirsi nuovamente prima di dirigersi verso un dungeon nelle vicinanze, magari dando adito ad un incontro casuale o due, le avventure urbane - come si può capire dal nome - fanno svolgere l'azione in una città e nei suoi dintorni. Poi può trattarsi di una città come di un villaggio, o di un paese o di un insediamento. Le strade e i magazzini nascosti diventano luoghi dove gli eroi affrontano gilde di ladri e cultisti. Le guardie ficcano il naso dove non dovrebbero. E in tutto questo c'è sempre la possibilità costante di giocare di ruolo, fosse anche solo nel comprare l'ennesima partita di pozioni di cura dal negozio di oggetti magici.

Waterdeep: Dragon Heist è uno dei migliori esempi di avventura urbana che si possono trovare. Al suo cuore si trova una trama che da una prima occhiata potrebbe sembrare troppo instradata ma, quando la studiate meglio, scoprirete che spezza molte convenzioni, fornendo ai giocatori e ai DM decisamente più libertà. Invece di fornire una storia che porta strettamente dal punto A al punto B al punto C, questo manuale presenta una serie di pezzi mobili e, quando l'evento A avviene, potete potenzialmente far attivare l'evento B o il C o qualcos'altro ancora. Ha un approccio da sandbox, nonostante ci sia del gioco strutturato dentro tale sandbox. E la ragione per questo approccio è che Waterdeep: Dragon Heist vuole sperimentare con il modo in cui consideriamo i gruppi di livello basso, gli avventurieri di livello basso e D&D ai livelli bassi in generale.

Per molti di noi i livelli bassi di Dungeons & Dragons sono una normale, seppur noiosa e faticosa, parte della vita. Quasi ogni campagna inizia nell'area dei livelli 1-3, dove i giocatori devono racimolare ogni moneta d'oro, strappandola a gran fatica dagli hobgoblin e gnoll che le possiedono. Non deve essere necessariamente così, afferma Waterdeep: Dragon Heist. Solo perché i vostri personaggi sono di 1° livello non significa che non possano godersi la vita. Non significa che non possono affrontare i pezzi grossi del mondo. Al contrario. Waterdeep: Dragon Heist vuole che puntiate in alto, anche troppo. Vuole che affrontiate lo Xanathar e riusciate a sfuggirli per il rotto della cuffia.

E in generale Waterdeep: Dragon Heist vi permette di farlo. O quanto meno vi fornisce gli strumenti per farlo e poi vi dice "Buona fortuna!". E adoro questa cosa. Potete vedere questa ideologia nel mondo in cui viene strutturato il manuale. Il Capitolo 1 è un avventura in città. Il Capitolo 2 sono essenzialmente opportunità di ruolo all'interno di Waterdeep, con poche occasioni per far avanzare la trama - ma è probabilmente uno dei capitoli più interessanti. Il Capitolo 2 introduce la zona di Trollskull Alley. Potreste giocare questo capitolo in una singola sessione oppure farlo durare per delle settimane, a seconda di cosa preferite.
Come dicevo, qui non succede nulla che fa progredire la trama, ma è proprio questa libertà che fa risaltare il capitolo. Ha moltissima personalità e un carattere tutto suo. Trollskull Alley sembra viva ed è il modo perfetto per fare sì che i personaggi si interessino alle varie fazioni di Waterdeep (forse affrontando delle missioni secondarie) oltre a fornire ai personaggi una base operativa, il che rappresenta un passo importante per come viene percepita la ricchezza in D&D ed è forse uno degli aspetti più sottovalutati del manuale.

Essenzialmente l'avventura fornisce ai personaggi delle proprietà immobiliari. Alla fine del Capitolo 1, se hanno completato con successo la missione, niente meno che Volothamp Geddarm dona loro l'atto di proprietà del Maniero Trollskull, una locanda malmessa e infestata da fantasmi a Waterdeep. Questo è fantastico. Fornisce ai giocatori un interesse diretto nel mondo che li circonda. E questo già a livello 2 per altro. Quindi, prima ancora che molte classi debbano scegliere una sottoclasse, siete proprietari di una taverna in disuso. Si tratta di questo oggetto reale e concreto nel mondo di gioco ed è vostro. Potete studiarne la mappa, decidere di trovare delle belle sedie da mettere nella sala principale e poi disegnarcele. E voilà. L'avete fatto. Avete cambiato il mondo intorno a voi. E questa attitudine, l'idea che potete cambiare il mondo che vi circonda e renderlo vostro, è qualcosa che rende molto più viva una partita.
Al 2° livello, quando i giocatori stanno cercando di decidere quale sarà il loro stile di combattimento, Dragon Heist chiede loro in cosa vogliono investire. Mostrando loro che le loro scelte ed azioni hanno delle conseguenze e fornendo loro qualcosa a cui aspirare. E, cosa più importante, qualcosa in cui investire il proprio denaro. Senza voler essere troppo distratti dagli altri capitoli, Waterdeep: Dragon Heist ha uno dei migliori atteggiamenti verso i tesori di ogni avventura di D&D. Detto semplicemente, un tesoro non è qualcosa che deve essere accuratamente accumulato e nascosto. Viene usato al meglio quando i giocatori sono immersi nel proprio mondo. Il che è una ventata di aria fresca rispetto al modo in cui solitamente le avventure di D&D trattano i tesori. I giocatori potrebbero anche trovarsi proprietari di un mezzo milione di monete d'oro alla fine dell'avventura - e la cosa all'avventura sta perfettamente bene. Ancora meglio, vi dice "Bene ora avete 500,000 monete d'oro...la vera avventura può avere inizio" e vi fornisce delle linee guida su cosa potete fare ora che siete ricchi oltre ogni vostra immaginazione.

Il Capitolo 3 rimette in moto nuovamente la trama, facendo affrontare ai personaggi un incidente basilare che funge da sistema di riferimento su come il vostro gruppo gestirà aspetti come le investigazioni urbane, il rintracciare bersagli e l'interazione con la città. Ad ogni passo lungo la storia avranno la possibilità di far sapere alle guardie o agli agenti dei Lord di Waterdeep (o ai loro nemici) della ricerca del tesoro. Il che potrebbe essere una cosa buona dato che, se vorrete sopravvivere all'incontro con uno degli avversari principali, avrete bisogno della protezione (o della promessa di protezione) di qualcuno di altrettanto potente per salvarvi la pelle. Ci sono molte buone idee sugli intrighi politici in questo manuale, quindi se state cercando una guida su come gestire gli intrighi di corte quest'ultimo non è per nulla un cattivo punto di partenza, sorprendentemente.

Il Capitolo 4 è il climax dell'avventura. In esso troviamo i personaggi all'attiva ricerca dell'obiettivo dell'avventura e impegnati ad affrontare una serie di incontri che cambiano in base a quale avversario è stato scelto. Il che, in caso non lo sappiate già, è un altro degli aspetti sperimentali di questa avventura, ovvero il poter scegliere il vostro avversario tra quattro possibili scelte. E ciascuno di essi ha i propri obiettivi, le proprie motivazioni, i propri servitori ed eventi speciali. Nei capitoli 5-8 troverete le descrizioni di ciascun avversario, tra cui i vari set specifici di incontri speciali che potrebbero avvenire, tra cui alcuni che cambiano la storia "ufficiale" di ciò che sta avvenendo a Waterdeep.

Ed eccoci qui, 8 capitoli di avventura e 25 pagine di guida alla città che fanno apparire Waterdeep davvero viva. Non posso lodare a sufficienza questo manuale, è molto diverso dalle solite avventure di D&D, ma lo adoro. Quali che siano le motivazioni degli avversari (e alcune si possono davvero comprendere ed apprezzare) o il modo in cui cerca di aiutare i DM a rendere propria l'avventura, questo manuale ha introdotto molte idee importanti. E, come ogni buon manuale di GdR, mi fa venire voglia di sedermi ad un tavolo e di giocare a D&D.
Questo manuale è altamente raccomandato, buon divertimento!
Link all'articolo originale:
http://www.belloflostsouls.net/2018/09/dd-waterdeep-dragon-heist-the-bols-review.html  
Leggi tutto...
Sir. Soccio

DnD 3e I Venti Gelidi del Nord

Messaggio consigliato

Senzanome.thumb.png.d4b5655934545c43431e6271cc7a8361.png

 

Ezas eshna gech ahilee. Il mondo è mutato. Han mathon ne nen. Lo sussurrano i venti che soffiano dal Nord, ora più impetuosi che mai. Anha vazhak yeraan thirat. Lo cantano i bardi, da troppo tempo in attesa di un eroe. A han noston ned 'wilith. Lo gorgogliano le profondità degli abissi, dimora di creature arse dall’odio. Molto di ciò che era si è corrotto, come la lama più tagliente abbandonata in uno stagno, perché tutti coloro che ne portavano memoria ora sono morti.

Un altro mondo. Un altra epoca. Entrambi scomparsi come i nobili guerrieri e sovrani che li forgiarono nell’assordante fragore delle spade e delle lance spezzate in mille battaglie. Il mondo di Thum è andato avanti, specchio di un continente ormai decaduto, fantasma di ciò che era. Eppure i Lord, con i loro corpi ormai rigidi e deformi, divorati dalle loro volontà dispotiche e malefiche, si danno battaglia anche oggi pur di regnare sulle ceneri, su un ricordo ciò che siamo stati ed avremmo potuto essere ancora. Ora sono rimasti solo in sei. Una civiltà morente retta da casate morenti, sei prigionieri di loro stessi in una terra morente. Tuttavia il Tempo s’avvicina, le notti si fanno più lunghe, le tempeste più violente ed i venti del Nord ululano insieme ai lupi, intonando incomprendibili melodie, delle cacofonie, in attesa che il Palazzo d’Ebano si riveli finalmente a Thum e a tutti i suoi abitanti."

Dal tomo “Cronache di Thum e delle sue nobili casate” dello storico Petyr Arrow; Capitolo conclusivo XXI “Il Palazzo d’Ebano”; Pagina 1427.

 

Introduzione alla Campagna - L'Ultimo Raggio

Settembre 1468 - E’ un giorno come molti altri a Graad, crocevia della Contea Est chiamata Moray, il sole non da pace ai numerosi avventori che, affannosamente, camminano lungo le strade in cerca di un riparo dalla calura o qualche emporio dove spendere la sudata paga.

Tuttavia la ressa è appena percepita, attraverso le finestre de “L’Ultimo Raggio”, la taverna in cui vi siete “rifiugiati” ancora una volta. L’angusto salotto, dubbiamente arredato con alcune pellicce di bestie (orsi, bisonti e volpi), ormai rare nell’arida contea, sulle pareti i pietra bianca, ospita ad occhio una decina di tavoli composti da botti e sedie sgangherate ed un camino che si direbbe spento da decenni, con ancora il cadavere di un ceppo. L’oste, il fiero cacciatore di circa 40 anni Swee Hanson, compie pochi passi da suo bancone per porgervi “la solita” (una schiumeggiane pinta di bionda),  mostrando, forse inavvertitamente, le cicatrci su mani e braccia, trofei di giorni spesi nelle foreste a cacciare anni orsono.

La monotonia della giornata diventa più insostenibile minuto dopo minuto e il gusto dolciastro di una birra calda, la luce soffusa e rossastra per via delle due finistre composte da vetri color rubino, mischiata all’aroma di uno nano che sta fumando la pipa con un trinciato troppo corposo, vi spingono a pensare quanto il nome della taverna, L’ultimo raggio, si stia facendo beffe di voi, in una città dove il sole non accenna a mollare la presa. Forse tutti vi stranno prendendo in giro: l’oste, la famiglia, lo stesso Lord Brandall, così decantato dai bardi e dagli strilloni, vi sta dannatamente prendendo in giro! La mente si spinge più in là e scivola via: lasciare la città, ma quando? Per andare dove? E se questo Nemico Estraneo fosse reale? Un cenno d’assenso, una risata appena accennata non turbano la quiete della taverna, mentre fuori l’ennesima zuffa tra un nano ed un elfo scuro, con tanto di tifoseria improvvisata e scommettitori, è appena scoppiata e vi si presenta deformata dai vetri delle finestre maldestramente assemblati

Non c’è nessun’altro eccetto voi, l’oste Sween e questo nano solitario, perso nei suoi malanni mentre, ancora una volta, aspira avidamente dalla sua pipa a pannocchia per rilasciare l’ennesima vampata nell’aria ormai irrespirabile.

La quite si spezza improvvisamente ed un fascio di luce vi innonda, stagliando l’ombra di uomo in piedi sull’uscio della taverna.Tutte le voci, gli schiamazzi ed il chiasso invadono la stanza mentre l’uomo, che indossa una divisa marrone logora, sporca di sabbia, non pronuncia una parola, non compie alcun movimento se non uno impercettibile con lo sguardo nello scrutare i presenti. Nell’elsa una spada lunga che tiene con la mano sinistra.

Vi fissa con i suoi occhi severi color nocciola senza battere ciglio. L’espressione grave, resa ancor più dura dallo sporco e dal sudore che sembrano dipinti sul suo volto come fossero fatti apposta per spaventare, di chi sa che ha un compito ben preciso da svolgere. Lo riconoscete immediatamente: è Ebrik Baltus, luogotenente della guardia cittadina. 

 

Note sulla Mappa

Come ben vedrete, ho allegato la mappa del continente di Thum (a cui ho cambiato il nome, non essendo convinto appieno da Volantis). Essendo un appassionato della Scozia, non potevo che sceglierla come ambientazione. La stella rossa indica il punto in cui vi trovate, Graad, e verrà aggiornata (la mappa) durante la campagna. Avendo la Scozia, ovviamente, nomi diversi da quelli che vi ho fornito, mi è venuto alla mente uno stratagemma narrativo: i nomi che conoscete voi sono quelli "internazionali", ma ogni contea ha un proprio dialetto con il quale si riferisce alle città interne. Nulla di ché, sarà allo stesso facile orientarsi e così sembrerà tutto più verosimile.

ThumI.jpeg

Senzanome.png

Modificato da Sir. Soccio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cesar De Landas

Un buon libro, una "solita", il fresco della parete di pietra.. cosa può volere di più un uomo dalla vita?

Sul piano di una botte in un angolo della taverna.. logoro e usurato dal tempo, ci sono una marea di carte: mappe, appunti sparsi, due tomi, un pennino ed una boccetta di inchiostro. Tutto sembra sparso alla rinfusa e senza un ordine sensato. Dietro di essa una sedia, e seduto sopra, appoggiato con la schiena alla parete della locanda, ci sono io, Cesar, cliente abituale.

Sono' intento a sfogliare le pagine di quello che può sembrare un manuale di qualche tipo con lo sguardo fisso sul di esso e sembra non interessarmi null'altro. Sto fumando una sorta di pipa di legno, o meglio.. sto tenendo in bocca quello che pare essere una pipa dato che di fumo non ne esce affatto. Per terra ci sono altri fogli, sicuramente caduti dalla piano della botte ma non me ne curo se non quando, improvvisamente, vengono spinti lontano da una flebile corrente creata dall'apertura della porta.

Istintivamente alzo lo sguardo avendo perduto la concentrazione..osservando l'avventore qualche secondo Ebrik.. sporco di sabbia. Non può che essere giunto dal Deserto Viola. Sarà venuto a prendersi da bere per dare sollievo alla gola riarsa.

Luogotenente gli faccio.. di ritorno dal Viola? Mentre finisco la frase mi ricompongo dalla posizione ciondolante che avevo prima e riordino le carte velocemente, ricavando uno spazio sul piano della botte e sposto una sedia di lato vicino a me, rivolta verso Ebrik, con fare accomodante Quali nuove?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Genevieve Bathory

Uff.. Caldo e sole, caldo e sole... Non se ne può più.. Pure la birra diventa calda in 5 minuti...

Penso infastidita e annoiata.

E siamo alla fine di un'altra lunga e noiosa giornata di lavoro.. Se penso a com'era la mia vita fino a poco tempo fa... Adesso mi starei facendo un bagno rinfrescante, una serva mi starebbe sistemando i capelli e tra poco sarei stata chiamata per la cena.. Che rispetto alle mie cene odierne, sarebbe stata un banchetto..

Con occhi tristi e annoiati, il mio sguardo si perde nel fissare il nulla, mentre bevo con flemma la mia birra.

Ad un certo punto nella locanda irrompe una figura e i miei occhi ritornano vispi e vivaci, la loro attenzione catturata dall'evento che ha rotto l'incantesimo di nulla, che permeava l'atmosfera.

Baltus??? Penso scocciata, dopo aver realizzato che l' evento, non è niente che solletichi la mia curiosità.

Se il comandante della guardia cittadina è qui, sicuramente non sarà per organizzare una festa...

Soffio con uno sbuffo i capelli, che mi scendono sugli occhi.

Riprendo a guardare il vuoto con indifferenza, ma tengo i sensi bene all'erta, per seguire l'evolversi della situazione.

Speriamo che non ci siano guai in arrivo.. Ho già i miei problemi... Penso piccata.

Bevo un sorso, prima che la birra diventi ancora più calda, aspettando che succeda qualcosa.

Modificato da Thorgar

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Zanben Waveharp


Una giornata più afosa del solito a Graad, ma comunque noiosa come al solito.
Zanben ha deciso di staccare da lavoro per rinfrescarsi alla taverna, e mentre assapora un bicchiere di vino di dubbia qualità, ricontrolla gli ordini da che ha ancora da completare.
Quattro tizzoni ardenti per Graster li dovrei avere in magazzino, quindi mi manca solo un fuoco dell'alchimista per Arya.
Pensa mentre cancella via l'ordine solo da consegnare da un fogliaccio.
Dalla tasca tira fuori un pezzo di metallo talmente lucido da essere riflettente.

Il trucco regge bene nonostante il caldo; meno male, non avevo voglia di tornare a casa. Pensa toccandosi il labbro inferiore, sentendo con il dito la deformazione invisibile ad un occhio non attento. Con la mano sistema un ciuffo di capelli in modo da coprire parzialmente la faccia, ma specialmente il lato della bocca.
Un brivido di disgusto gli attraversa la schiena, e vuoi il caso, vuoi il destino, proprio in quel momento entra il pomposo luogotenente della cittadina.
Zanben immediatamente abbassa la testa e torna alle sue scartoffie, non che abbia altro da fare, ma semplicemente non voleva averci a che fare. 

Tornare al lavoro ora non pare così brutto. Pensa facendo ossigenare il vinaccio.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Vedo che sai ancora usare i tuoi occhi, viaggiatore." risponde Baltus rimanendo impassibile. Compie qualche passo con un'andatura sicura verso le vostri botti, spostando la mano sinistra sulla cinghia come se questa avesse bisogno di un sostegno per non scivolargli dalla vita. Il tacco metallico dei suoi stivali contro il legno del pavimento risuona solitario nella taverna e della sabbia cade da alcune pieghe dell'armatura con un fruscio.

Avvicinatosi, si ferma e, prima di proferire parola, passa la mano destra, totalmente annerita, sulla fronte portando un ciuffo di capelli, ormai unto dalla calura, indietro. Sembra che ci sia un problema con il vostro ultimo versamento. Chi di voi straccioni non ha pagato il prezzo del fuoco?” chiede continuando ad accarezzare le sua chioma ribelle.

Spoiler

Una tassa che ammonta a 10 MO da versare mensilmente. Da quanto ricordate, l'avete tutti pagata.

 

 

Modificato da Sir. Soccio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Genevieve Bathory

Ah è per questo che sei qua... Vecchio spocchioso bastardo.

Se questo piccolo verme privo di grazia avesse perso un minuto di vita, per ogni volta che l'ho maledetto, sarebbe morto prima di nascere...

Bofonchio dentro di me, con acidità. Giochicchio con una ciocca, arricciandomela sull'indice della mano sinistra. Continuo a guardare fissa di fronte a me, come se non fossi coinvolta dalla situazione. Speriamo che questa sceneggiata di machismo di bassa lega finisca in fretta... Secondo me Baltus è il classico bastardo codardo, che se non fosse il capo delle guardie, se qualcuno lo incontrasse in un vicolo oscuro la notte da solo e gli puntasse una lama alla gola, si metterebbe a frignare come un bambino, chiedendo di non ucciderlo, bagnandosi le mutande.. Bisogna avere le palle, per trattare male i deboli e gli indifesi... Un moto di disgusto mi pervade, ma non lo lascio assolutamente trasparire. I miei occhi continuano a rimanere limpidi, tristi e assenti. 

Bevo un altro sorso, aspettandomi che la situazione degenererà a breve.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cesar De Landas

L'avevo pagata? Si mi pare di si.. anzi no, sono certo di averlo fatto. Se non sbaglio ero con Padre Gobinus, ma si certo.

Uff, avoglia se l'ho pagata. Ero con Padre Gobinus, uno degli scriba della Chiesa di Boccob. Ci siamo recati entrambi al solito posto e abbiamo versato le solite 10 monete. Mi metto a cercare qualcosa dentro lo zaino mentre parlo ancora con la pipa in mano e poi tiro fuori un tomo che pongo sul piano del barile ed inizio a sfogliare le pagine con entrambe le mani

Dunque vediamo.. ecco qua. "Fuoco pagato lunedì 2 settembre 1468" ..c'è la mia firma e la controfirma del responsabile a vece di Lord Brandall. Mi ripongo tranquillo sulla sedia lasciando il diario aperto cosicchè se volesse controllare troverà già la pagina.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Zanben Waveharp

Alla richiesta della tassa, l'alchimista tira un evidente sospiro di sollievo.
Meno male, pensavo mi cercasse. Sono solo paranoico.
Zenben prende tempo, respira a pieni polmoni, e si prepara uno smagliante sorriso.
Le dieci monete d'oro sono già state versate questo mese, signore. Poi conscio di essere nel giusto, aggiunge. Spero che siano state utili per vincere qualsiasi cosa si stia combattendo.

Forse ho esagerato, ma per una volta che ho ragione, me la voglio godere. AH.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Genevieve Bathory

Al sentire gli altri rispondere, controvoglia prendo parola anch'io. Anche io ho già pagato. Dico sbrigativamente ma gentilmente, con un sorriso di finta cortesia degno dei miei anni passati ai balli di aristocratici, circondata da persone imbattibili nell'arte del fingere. Vorrei dire due parole in più, ma questo lacchè mi disgusta.

Sono ancora la contessa di Bathory... Ogni parola che emetto, per rispondere a questa caricatura di essere umano, è uno spreco del mio nobile fiato..

Comunque, ogni tanto le vecchie abitudini tornano utili...

Speriamo che si levi di torno in fretta... Era meglio la noia alla sua presenza...

Bevo un altro sorso, continuando a giochicchiare con il ciuffo che mi svolazza di fronte agli occhi.

Modificato da Thorgar

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rivolgendo lo sguardo verso Cesar "Sarà contraffatta!" esclama non volgendo nemmeno un'occhiata al tomo adagiato sul tavolo. "Con voi vagabondi scribacchini non c’è da fidarsi”.

Ognuno contribuisce alla guerra come può, giovane Waveharp” afferma con un sorrisetto beffardo “chi versando sangue sul glorioso campo di battaglia, e chi pagando le tasse.”

Squadra con i suoi occhi tutti voi, per affermare con tono solenne: “In ogni caso, il contabile non sbaglia mai. Se fosse per me, per questa insolenza ed una tentata... frode, dieci frustate non ve le leva nessuno. Tuttavia il Lord ha cambiato idea, abolendo alcuni compiti delle guardie” conclude con un tono quasi di sconforto.

Siete tutti convocati al Braccio Secolare, il nuovo tribunale, fra due ore esatte. Lo troverete facilmente, è alla fine del corso, dove c’era quell'inutile emporio di pergamene.” Gira i tacchi e s’avvia verso la porta lasciandosi scappare un ultimo commento “Siete fortunati. Forse”.

Modificato da Sir. Soccio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Zanben Waveharp

Un sorriso sarcastico si disegna sul viso di Zanben.
Incredibile. Anche quando non faccio niente di male riescono a fracassare i co*****i.
Ovviamente...
Una sola parola lascia trasparire tutti i dubbi che sorgono nella mente dell'alchimista.
Che sia un metodo come un altro per spillare un po' più di soldi? Mah strano. Forse si sono sbagliati davvero.
Con uno sbuffo e un'alzata di spalla torna ai suoi ordini.
Se vogliono altre monete dovrò completare quest'ordine il prima possibile. Che scocciatura!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cesar De Landas

Appena il luogotenente specifica che il nuovo tribunale è al posto dell'emporio di pergamene sussulto. Cosa? Ma perchè? Ci ero affezionato, ci ho passato un sacco di tempo lì dentro.. Una maschera di tristezza ora mi ricopre il volto e tra l'altro non c'è altro soluzione se non recarci dove ci ha indicato per non passare guai seri.

Ancora non capisco il perchè abbia detto "tutti". E' entrato qui dentro, non ha salutato nessuno e ha detto quello che ha detto. Non ci sto capendo molto Durante il mio ragionamento mi metto a riordinare le mie carte, ponendole con attenzione dentro i portapergamene e poi dentro lo zaino, così come i tomi che saltuariamente mi porto dietro questi poi dovrò restituirli alla biblioteca..

Una volta finito, prendo lo zaino e me lo carico in spalle. Pago la solita e mi dirigo verso la porta ..ma perchè proprio noi? I pensieri mi si aggrovigliano in testa e decido di cambiare direzione all'ultimo. Devio leggermente e mi avvicino al ragazzo e alla ragazza, in una posizione intermedia tra loro. Voi avete capito il perchè? Faccio con tono interrogativo e piuttosto sconsolato

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Zanben Waveharp

Zanben pare sorpreso che Cesar, il topo di biblioteca, abbia cercato un approccio.
Non lo facevo così estroverso.
Mah, ci sono due casi, a mio parere: o hanno sbagliato, quindi un errore burocratico, oppure stanno cercando di prendere tasse doppie questo mese.
Bisbiglia mentre ripone i suoi fogli nel cilindro per le pergamene.
E sinceramente non mi stupirebbe nessuno dei due casi.
Una volta pronto, svuota il vino rimanente, paga al locandiere quanto gli spetta e si rivolge ai due malcapitati compagni.
Se non avete altro da fare, io vorrei sbrigarmela il prima possibile.

Non si arrabbieranno mica se ci presentiamo in anticipo? Via il dente, via il dolore.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Siete nei guai, eh giovanotti?chiede il nano (quello seduto ad una botte) mostrando un sorriso sotto la folta barba castana e lanciandovi uno sguardo di comprensione. I suoi occhi nocciola, incastonati come piccole gemme in un solco rugoso come la terra, esprimono un sentimento di sincera compassione per voi. Con la mano tiene una pipa fumante.

"Ti ringrazio." si intromette Sween, ringraziandoti per la moneta, "Quel porco di Baltus. Ancora un po' ed avrei appeso la sua di testa sulla parete!" Sia l'oste che il nano si lasciano ad una fragorosa risata. L'atmosfera, almeno per un momento, s'alleggerisce, ritornando a quei tempi in cui le taverne erano affollate e canti e boccali s'innalzavano senza sosta.

Modificato da Sir. Soccio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Genevieve Bathory

Benissimo... ci mancava solo questa.. Qualcosa non mi torna.. Dannazione, dannazione, dannazione!!!

Con fare scocciato ma gentile, prendo la parola.

Secondo me c'è sotto qualcosa.. Guardo timidamente ma con fermezza, il giovane Zanben e Cesar.

Quel forse racchiudeva molto più, di quanto pensiamo. Vedrete che oggi non è la nostra giornata fortunata.

Sbuffo con convinzione. Una smorfia da bambina scocciata mi si dipinge in volto, mentre batto indispettita i pugni sul tavolo. Da come mi comporto, sembra che ho ancora 5 anni.

Concordo con te, Zanben. Pima ci sbrighiamo e meglio è. Affermo seccamente.

Ne ho viste abbastanza, da fiutare una fregatura a dieci miglia di distanza e qui c'è in ballo una fregatura bella grossa.

Per fortuna che verrò con voi. Esclamo dolcemente. L'idea di andare incontro a questa faccenda da sola, mi avrebbe turbato un po'. Affermo, con tono insicuro.

Mentre parlo inclino la testa di lato come un cucciolo, sgranando i miei occhi vivaci e luminosi. Mi alzo, porto le braccia dietro la schiena e inclino lievemente le gambe verso l'interno, ciondolandomi un attimo.

In realtà dentro sono un fuoco nero di odio. Ma nulla traspare.

Un giorno Baltus ti strapperò gli occhi.. Ti strapperò gli occhi, ti taglierò le mani e butterò tutto in una ciotola, da dove mangerai a quattro zampe sui tuoi monconi ancora sanguinanti. Ti metterò un piede in testa e ti terrò la faccia nei tuoi resti mozzati, mentre ti ritroverai a mangiarli con le mie risate di compiacimento di sottofondo. Striscerai come il verme che sei.

Quando volete compagni, direi di andare.. Affermo delicatamente.

Allungo un piede facendolo scivolare sul pavimento, poi l'altro con lo stesso gesto, continuando a tenere le braccia dietro la schiena e dondolandomi in maniera aggraziata, quasi i miei movimenti siano una specie di danza fanciullesca.

Un paio di passi e mi giro per aspettarli, facendo una veloce piroetta, sfoggiando un dolce sorriso da bambola.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cesar De Landas

Quando il nano chiede se siamo in difficoltà non so se sentirmi compreso dato che non ho l'età degli altri due, anche se riflettendoci un attimo su, qualunque umano normale é più giovane di un nano. 

Non sono più così giovane come loro, e a dirla tutta non so se siamo in difficoltà. Comunque ha detto tutti, quindi credo non solo noi tre faccio al nano sorridendogli.

 Comunque non so voi, ma io non ho tutta sta fretta di andare in questo tribunale, dove tra l'altro pensavo ci fosse un emporio che conoscevo. Capiamoci..so che non abbiamo tanta scelta ma almeno capirne qualcosa..é stata chiesto ad altri la stessa cosa? Chiedo all'oste

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Stassir

Si, sono finito per l'ennesima volta sotto il bancone dell' Ultimo Raggio, ma posso farci poco: di ritorno da un lavoretto con troppe monete e tanta necessità di alleggerire il borsello. A tirarmi fuori dal mio bellissimo sonno alcolico ci pensano gli unici altri avventori della bettola, insieme al capitano delle guardie, ovvio. Come lo riconosco, ho ancora abbastanza presenza di spirito per tornare sotto il tavolo a far finta di stare svenuto; come volevasi dimostrare, al caro Baltus mancano delle monetine dalle tasse del mese, se le sarà bevute e adesso non sa più da dove tirarle fuori. Ci da appuntamento al Tribunale, nuovo di demolizione pare, tra due ore.

Il resto degli avventori prova pure a dimostrare d'aver pagato, e vabbé, mi alzo dal pavimento, mentre oste e nano si divertono Gente, io non dico nulla, ma a quelli mancano i soldi dal mese, nient'altro. Abbiamo due ore, scoliamoci quello che possiamo e andiamo a sentire che vogliono. Ci faranno chissà che partaccia, ci metteranno un po' di paura e ci tireranno fuori i soldi con gli interessi. mi alzo e mi metto seduto ad un tavolo, cercando di darmi un contegno a me un'altra birra, chi mi segue? Mastro nano? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Non saprei", afferma Sween continuando a pulire un boccale di birra, "Questo tribunale è la prima volta che lo sento. Una cosa però la so: se avevi guai con le guardie, ti portavano nel 'Vicoli dei Porci' e pochi ne hanno fatto ritorno. A proposito, qualche merda ha tentato di farmi pagare venti monete anziché dieci" prosegue abbassando lo sguardo sul boccale "dicevano che avrebbero bruciato la taverna, ma ci vuole di più per spaventare un cacciatore. Ed ora sono ancora qua, vivo e con la baracca."

Ti guarda severo, negli occhi la freddezza tipica di chi sta aspettando che la preda per avventarsi. Allunga una mano sotto il bancone e la ritira impugnando una piccola ascia dall'impugnatura in legno con inciso il suo nome. "Prendo le mie precauzioni", dopodiché la rimette a posto.

Il nano, rizzando la schiena sulla sedia, risponde con tono perplesso sgranando gli occhi "Non era mia intenzione offenderti. Si da il caso che il sottoscritto" iniziando a volteggiare il suo dito grassoccio nell'aria con una espressione compiaciuta "non è un cittadino di Graad, ergo non sono tenuto a pagare alcuna... Birra? Ovviamente! Una buona pinta è ciò che ci vuole prima di rimettersi in cammino!" conclude imboccando nuovamente la pipa, accorgendosi con uno sbuffo che è si ormai spenta.

Modificato da Sir. Soccio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Genevieve Bathory

Mah.. Se fosse stata solo una questione di denaro, non siamo proprio le persone più azzeccate.. Posso capire me, ma Zanben non mi sembra stia così bene economicamente..

Cesar.. Cesar è uno studioso, ma non mi sembra così remunerativa la sua attività..

Guardo per terra. E poi c'è Stassir.. Maledizione, come si fa a vivere senza dignità così.. Tornando alla questione, anche Stassir non mi sembra pieno di soldi.. Non li conosco bene, ma c'erano prede più appetibili, per reclamare del denaro..

Mentre faccio questi pensieri, noto che nessuno mi ha ascoltato ne calcolato.

La cosa mi irrita abbastanza e una smorfia imbronciata mi appare sul volto. Mi guardo il viso riflesso nelle vetrate.

Mi sembra tutto a posto.. Non ho nulla in faccia..

Guardo un attimo in basso il mio generoso decolletè. Anche qui va tutto bene.. Mmmm.

Aspetta, ora ci sono!! Non me ne ero mai accorta, ma questa locanda è il più grande ritrovo di omosessuali di tutta Graad!! Dannazione, solitamente non mi sfugge molto, come ho fatto a metterci così tanto a capirlo.. Che cose tenera!!!  Ecco perché Cesar esce con tutte quelle donne, ma nessuna dura più di due giorni!! Era tutta una copertura!!  E perché Zanben è così dedito alla danza!!

Guardo con espressione dolce e di approvazione gli altri.

Non vi preoccupate ragazzi, il vostro segreto con me sarà al sicuro!! Penso affettuosamente. Mi sarebbe sempre piaciuto, avere delle sorelle maggiori!!

Però potevate almeno degnarmi di una risposta, maleducati.

Continuo a tenere un po' il broncio e visto che nessuno mi considera, torno al tavolo a finire la mia birra. Saltello lievemente, facendo sventolare le pieghe dell'abito.

Non voglio andarci da sola... Continuo a pensare che non sarà per qualche moneta, che ci hanno convocati..

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cesar De Landas

Va beh, nessuno sa niente mi pare di capire. Non sono avvezzo alle novità così repentine ma non ho scelta

Raccolgo la pazienza, visto il buco nell'acqua appena fatto e raggiungo il ragazzo alla porta anche per me possiamo andare..solo non ricordo il tuo nome

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

×

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.