Jump to content

Recommended Posts

Salve, scrivo questo post per cercare un confronto, per la voglia di ampliare le conoscenze nonchè cambiare un pochino dal proprio punto di vista.

Volevo chiedervi di scrivermi qui sotto qualunque cosa vi venga in mente a livello di stratagemma scaltro per superare una qualche avversità, ambientazione particolarmente accattivante od originale, personaggi con peculiarità innovative e una psicologia ben curata, incipit o spunti per campagne, trappole particolarmente dettagliate o elaborate, dungeon divertenti e complessi, citazione eroiche, enigmi e rompicapo degni di una sfinge.

Spero questa discussione sia seguita e la voglia di mettersi in gioco sia condivisa da molti!

Edited by fullempty
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


5 minuti fa, Umabel ha scritto:

Mmmh, davvero molto generico, potresti fare un piccolo esempio tu? 

Certamente, il primo esempio che mi viene in mente è una situazione in cui ho fatto incappare i miei giocatori qualche settimana fa, all'interno di un dedalo di strade e corridoi giungono ad una stanza molto ampia, nella metà esatta della stanza scorre una cascata molto sottile, oltrepassata la cascata il il mondo è al contrario (io avevo fatto parlare i personaggi normalmente ma se scrivevano lo facevano al contrario, li facevo camminare sul soffitto, modificavo altri dettagli etc) in modo che poi proseguendo senza accorgersene (ovviamente davo qualche indizio perché loro capissero il tranello), sarebbero rimasti intrappolati per chissà quanto tempo all'interno del dungeon stesso con la possibilità di rimanerci invischiati e magari, sotto pressione, di fare scelte che li avrebbero portati a morte certa.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Ahahahahah, ricorda un pò alice dietro lo specchio... Poveri i tuoi Player! 

Comunque un mio amico master stà facendo la stessa cosa con il tempo, fà viaggiare i propri giocatori avanti e indietro nel tempo come se fossero in un labirinto temporale per così dire, ma non conosco bene i dettagli... 

Link to comment
Share on other sites

mi piace come idea, l'anno scorso ho fatto fare salti temporali ai miei player, nessuno se ne rese conto per quanto avessi abbondato appositamente di dettagli (stile Esecuzione dell'ippogrifo su Harry Potter per intenderci), per poco non si fecero vedere dal proprio IO del passato mandando a quel paese tutti gli sforzi di un povero cristo di PNG che li stava aiutando.

Edited by fullempty
Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Umabel ha scritto:

Comunque come ambientazione magari riuscire a fare un D&D futuristico, tipo astronavi e magia... 

avevo già visto sul forum qualcuno che ne avesse già accennato, purtroppo sono tornato da poco dopo un'assenza di più di un anno, quindi non mi ricordo dove lo trovai, però ci avevano fatto una lunga discussione dietro, tra le altre cose mi pareva che addirittura avessero iniziato un'avventura sul forum con quell'ambientazione.

Link to comment
Share on other sites

In teoria Numenera dovrebbe essere proprio così, in un futuro molto lontano con una ambientazione post apocalittica che ha fatto regredire l'umanità in una epoca medioevale, alcuni riescono a controllare le nanomacchine sparse in giro, così riescono a creare "magie" 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Ah sii, ne avevo sentito parlare, io però prediligo ambientazioni solo di medioevo e magia, come nell'ultima campagna nella quale ho riprodotto le "Escherian Stairwell" , ogni tanto credo di essere troppo cattivo... però poi mi ricordo che è la complessità a rendere bello ed intrigante un gioco.... la cosa divertente è che in un dungeon 3D con questo sistema puoi far andare un corridoio ovunque e da nessuna parte allo stesso tempo, dipende dal punto di vita!!!
Senza contare le 6 ore di lavoro che ci ho messo per pensare e provare a disegnare il tutto in 4 sezioni ad incastro!

Link to comment
Share on other sites

Non so se può interessare ma penso sia simpatica!:grimace::grin:

Pensavo a un mondo diciamo dei giorni nostri pseudo post apocalittico. Ma non c'è stata nessuna guerra nucleare, non è un ambientazione come quella di ken dove c'è solo deserto e pochi centri abitati, con case devastate. Ma è un mondo urbanizzato ma trasandato, con questi palazzoni freddi e malconci e baracche. Un posto sporco, violento e per niente sicuro. Dove l'aria non è limpida ma nera come se fosse cenere, un aria tossica e densa, (mi viene in mente per la densità tipo la Londra nei film di jack lo squartatore, densa e lugubre) e abitato da esseri umani devono affrontare un pericolo in più: gli stregoni. Questi ultimi vivono in un mondo parallelo, ma sono in grado di creare delle porte dove e quando vogliono,cosi possono saltare in una dimensione al altra. Il mondo degli uomini è diventato un immenso territorio di caccia per gli stregoni , e lo usano  far pratica dei loro poteri, usano gli esseri umani come cavie siccome sono molto più deboli , creando dei veri e propri mostri se riescono a sopravvivere ( per esempio un uomo con una gamba e le braccia da scarafaggio, o completamente il corpo da insetto e la testa umana).il mondo degli stregoni non è come quello umano tenuto in quello stato proprio a causa della loro presenza, che lo depredano per arricchire il loro, ma è bello e non si vive con la paura. Mi piaceva l'idea che gli stregoni, non tutti hanno degli attrezzi, che al apparenza non valgono nulla ma sono la dimora di creature tipo geni che hanno enormi poteri, se è adoperato dallo stregone esce questa creatura nella sua forma, ma se è un umano che lo sta usando la creatura gli trasmette il suo potere.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Fra.pi ha scritto:

Non so se può interessare ma penso sia simpatica!:grimace::grin:

Pensavo a un mondo diciamo dei giorni nostri pseudo post apocalittico. Ma non c'è stata nessuna guerra nucleare, non è un ambientazione come quella di ken dove c'è solo deserto e pochi centri abitati, con case devastate. Ma è un mondo urbanizzato ma trasandato, con questi palazzoni freddi e malconci e baracche. Un posto sporco, violento e per niente sicuro. Dove l'aria non è limpida ma nera come se fosse cenere, un aria tossica e densa, (mi viene in mente per la densità tipo la Londra nei film di jack lo squartatore, densa e lugubre) e abitato da esseri umani devono affrontare un pericolo in più: gli stregoni. Questi ultimi vivono in un mondo parallelo, ma sono in grado di creare delle porte dove e quando vogliono,cosi possono saltare in una dimensione al altra. Il mondo degli uomini è diventato un immenso territorio di caccia per gli stregoni , e lo usano  far pratica dei loro poteri, usano gli esseri umani come cavie siccome sono molto più deboli , creando dei veri e propri mostri se riescono a sopravvivere ( per esempio un uomo con una gamba e le braccia da scarafaggio, o completamente il corpo da insetto e la testa umana).il mondo degli stregoni non è come quello umano tenuto in quello stato proprio a causa della loro presenza, che lo depredano per arricchire il loro, ma è bello e non si vive con la paura. Mi piaceva l'idea che gli stregoni, non tutti hanno degli attrezzi, che al apparenza non valgono nulla ma sono la dimora di creature tipo geni che hanno enormi poteri, se è adoperato dallo stregone esce questa creatura nella sua forma, ma se è un umano che lo sta usando la creatura gli trasmette il suo potere.

Una sorta di fantasy in cui, come al solito, gli umanoidi sono delle pedine quasi insignificanti finché non scoprono di poter ottenere un qualche sorta di potere!
l'idea in generale è bella, ricorda tanto il concetto di piani in Dungeon & Dragons, in cui il piano materiale di esistenza viene continuamente tormentato da entità extraplanari, creature come demoni o diavoli provenenti dall'abisso o dall'inferno si divertono a portare morte, distruzione e scompiglio fra le razze del mondo materiale (normalmente più deboli e impreparate).
L'idea del territorio di caccia mi ricorda tanto un cliché: una piazza enorme ed aperta, una statua in rovina di qualche condottiero del passato, tutto attorno palazzi molto alti e su di esso un cecchino che prende di mira chiunque osi uscire allo scoperto nelle ore diurne. Nonostante ciò l'idea è buona, bisogna solo lavorarci un po' su, potrebbe uscirci qualcosa di veramente interessante ed originale!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Eh si gli umani sono un po sempre sfigati. Ovviamente sono deboli, ma anche quelli forti contro poteri soprannaturali falliscono. Infatti pochi umanoidi possono adoperare di questi attrezzi, come se proprio questi oggetti cercano il prescelto. Magari in base dalla determinazione che ci mette per realizzare il suo  sogno, o un cuore puro che vole la pace, oppure le gesta eroiche di una persona che vuole cambiare il mondo., o anche dalla malvagità di un individuo. Non è detto che tutti gli uomini sono buoni. Penso che in quei casi la gran parte si vende per una sicurezza che non è mai certa.

Più che una piazza, avevo in mente un area enorme, ma piena di edifici immensi, le strade strette che sembrano infinite . Un posto dove sei circondato da questi palazzoni, non vedi il cielo, c'è un aria pesante e ti senti soffocare. uscire di giorno o di notte non fa differenza perché gli stregoni vanno e vengono a loro piacimento

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Sisi certo, era solo che la mia mente stava già vagando per creare un'ambientazione che potessi utilizzare per i miei scopi :-D 

In ogni caso mi sembra un'idea valida, magari farla a livello di città sotto terra, con dei pilastroni enormi... sai, giusto per restare in tema Medioevo e universo D&D, però non mi sembra affatto male come incipit per qualcosa di serio e divertente.

Oppure in una foresta oscura, con alberi immensi e vicini, che proiettano la loro ombra cupa e lugubre al suolo, magari infestata di creature e animali non proprio amichevoli.

Mi piace ricevere questi spunti, sento proprio la mente che si attiva per andare a creare il mio prossimo scenario, il prossimo atto di una campagna, il prossimo crescendo di eventi.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, Fra.pi ha scritto:

Non so se può interessare ma penso sia simpatica!:grimace::grin:

Pensavo a un mondo diciamo dei giorni nostri pseudo post apocalittico. Ma non c'è stata nessuna guerra nucleare, non è un ambientazione come quella di ken dove c'è solo deserto e pochi centri abitati, con case devastate. Ma è un mondo urbanizzato ma trasandato, con questi palazzoni freddi e malconci e baracche. Un posto sporco, violento e per niente sicuro. Dove l'aria non è limpida ma nera come se fosse cenere, un aria tossica e densa, (mi viene in mente per la densità tipo la Londra nei film di jack lo squartatore, densa e lugubre) e abitato da esseri umani devono affrontare un pericolo in più: gli stregoni. Questi ultimi vivono in un mondo parallelo, ma sono in grado di creare delle porte dove e quando vogliono,cosi possono saltare in una dimensione al altra. Il mondo degli uomini è diventato un immenso territorio di caccia per gli stregoni , e lo usano  far pratica dei loro poteri, usano gli esseri umani come cavie siccome sono molto più deboli , creando dei veri e propri mostri se riescono a sopravvivere ( per esempio un uomo con una gamba e le braccia da scarafaggio, o completamente il corpo da insetto e la testa umana).il mondo degli stregoni non è come quello umano tenuto in quello stato proprio a causa della loro presenza, che lo depredano per arricchire il loro, ma è bello e non si vive con la paura. Mi piaceva l'idea che gli stregoni, non tutti hanno degli attrezzi, che al apparenza non valgono nulla ma sono la dimora di creature tipo geni che hanno enormi poteri, se è adoperato dallo stregone esce questa creatura nella sua forma, ma se è un umano che lo sta usando la creatura gli trasmette il suo potere.

Tipo Dorohedoro.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, fullempty ha scritto:

Figurati, beh dipende, la foresta può essere tetra e sinistra, ma sotto terra potrebbe essere buio pesto, quindi comunque peggio!

Sì si è verissimo, entrambi i posti non sono tanto carini per fare una scampagnata. :D

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Pippomaster92 ha scritto:

Tipo Dorohedoro.

Si hai azzeccato, è un manga che adoro e mi fa impazzire l'ambientazione, anche la storia e i disegni, sono sublimi. Mi piacerebbe prendere spunto o usarla come scenografia per un avventura.:wink:

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, Fra.pi ha scritto:

Non so se può interessare ma penso sia simpatica!:grimace::grin:

Pensavo a un mondo diciamo dei giorni nostri pseudo post apocalittico. Ma non c'è stata nessuna guerra nucleare, non è un ambientazione come quella di ken dove c'è solo deserto e pochi centri abitati, con case devastate. Ma è un mondo urbanizzato ma trasandato, con questi palazzoni freddi e malconci e baracche. Un posto sporco, violento e per niente sicuro. Dove l'aria non è limpida ma nera come se fosse cenere, un aria tossica e densa, (mi viene in mente per la densità tipo la Londra nei film di jack lo squartatore, densa e lugubre) e abitato da esseri umani devono affrontare un pericolo in più: gli stregoni. Questi ultimi vivono in un mondo parallelo, ma sono in grado di creare delle porte dove e quando vogliono,cosi possono saltare in una dimensione al altra. Il mondo degli uomini è diventato un immenso territorio di caccia per gli stregoni , e lo usano  far pratica dei loro poteri, usano gli esseri umani come cavie siccome sono molto più deboli , creando dei veri e propri mostri se riescono a sopravvivere ( per esempio un uomo con una gamba e le braccia da scarafaggio, o completamente il corpo da insetto e la testa umana).il mondo degli stregoni non è come quello umano tenuto in quello stato proprio a causa della loro presenza, che lo depredano per arricchire il loro, ma è bello e non si vive con la paura. Mi piaceva l'idea che gli stregoni, non tutti hanno degli attrezzi, che al apparenza non valgono nulla ma sono la dimora di creature tipo geni che hanno enormi poteri, se è adoperato dallo stregone esce questa creatura nella sua forma, ma se è un umano che lo sta usando la creatura gli trasmette il suo potere.

A me sembra molto una ambientazione cyberpunk con la magia.. In quel caso gli uomini potrebbero combattere con la tecnologia, tipo cyborg contro stregoni.. 

@fullempty a proposito di ambienti in 3D ho visto su kickstarter un gioco con le miniature magnetiche che si chiama zero gravity (sono italiani tra l'altro)  purtroppo a causa del fatto che non ho internet a casa non ho visto il video, ma pare interessante. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.