Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

I romanzi, i videogame e i manuali precedenti alla 5a Edizione non sono considerati canonici per D&D 5E

Jeremy Crawford, lead designer e responsabile della 5a Edizione di D&D, ha dichiarato che tutto il materiale legato alle passate edizioni non è considerato canonico ai fini della 5E.

Read more...

Alfeimur: Uscite per il 2021

Scopriamo assieme le novità per il 2021 della linea di Alfeimur Quinta Edizione.

Read more...
By Lucane

Humble Bundle: 13th Age

Un nuovo Humble Bundle, questa volta a tema 13th Age, è stato reso disponibile in collaborazione con la Pelgrane Press.

Read more...

Strixhaven: A Curriculum of Chaos uscirà a Novembre

La Wizard of the Coast ha rilasciato nuovi dettagli sul prossimo manuale di crossover tra Magic: The Gathering e D&D 5E

Read more...

Pausa Estiva degli Articoli

L'estate è arrivata anche per noi dello Staff Dragons' Lair, quindi gli articoli vi salutano fino a Settembre.

Read more...

Corta Campagna Militare [D&D 3.5]


Arglist
 Share

Recommended Posts

Ciao ragazzi! Son qua per chiedere a voi consiglio sull'organizzazione e sulla creazione di una corta campagna militare. Mi serve aiuto sul materiale, sulle regole, varianti, classi da concedere e manuali, mostri utilizzabili, stile e, infine, vostri pareri. Insomma, non vi sto chiedendo la luna, ma quasi. 

L'ambientazione è di mia creazione. Il post verrà arricchito passo passo, in modo da evitare di mettere troppa carne al fuoco.

Qui la prefazione

Spoiler

La guerra tra due fazioni sembra essere giunta al termine. Le truppe ordinarie di invasione hanno sbaragliato i difensori ed ora marciano verso la capitale della regione invasa, in una formazione a punta di lancia invincibile. Le regioni a Nord della nazione che sta per essere sconfitta, però, restano fedeli alla corona e rifiutano di arrendersi.

Il re invasore invia quindi delle compagnie mercenarie per fare saccheggio e piegare queste regioni al suo volere, con le buone o con le cattive. I pg faranno parte di una di queste compagnie.

Qui sotto trovate un paio di spoiler con la riunione dei vari dubbi, spunti e pensieri.

Durata Complessiva, Stile della Campagna, Limitazioni dei PG

Spoiler

La campagna sarà auto-conclusiva. La durata, in game, della campagna, sarà circoscritta a 60 giorni circa. I giorni di tempo coincidono con quelli, in sostanza, che mancano alla vera vittoria dell'esercito invasore su quello difensore. I quattro castelli dovranno giurare fedeltà, in un modo o nell'altro, alla corona prima dello scadere di questo tempo limite.

La campagna sarà prettamente militare, una sorta di campagna di invasione stile Napoleone Bonaparte in Campagna D'Italia. I pg, di livello basso, penso 3 o 4. saranno tutti umani (fu una guerra combattuta, almeno in quelle regioni, tra umani e umani) e tutti combattenti (inteso come classi senza incantesimi). Ad ogni personaggio sarà affidato un pugno di uomini od un ruolo all'interno della stessa banda, con un personaggio come "leader" e gli altri come "capitani di un determinato numero di uomini".

Dubbi

Il primo dubbio riguarda la durata della campagna, e qua mi servirebbe un po' di brainstorming sull'assedio di castelli. Quanto durava, in media un castello? Esempi celebri di assedi durati poco/molto? Ha senso, secondo voi, utilizzare come tempo limite la vittoria dell'esercito invasore su quello difensore, oppure dovrei lasciarlo libero? Da una parte vorrei evitare che i pg, a guerra vinta, si chiedessero "beh, han vinto, che facciano loro" ma, d'altra parte, vorrei che si impegnassero a convincere i nobili a giurare fedeltà alla corona, e non che si limitassero a dire "avete già perso, ogni resistenza è inutile".

Il secondo dubbio riguarda il livello dei personaggi. So che più un personaggio è di livello alto più sarà facile per questo sopravvivere, ma vorrei dare uno stile realistico alla campagna, senza per forza far rifare il personaggio ai giocatori trenta volte durante lo stesso assedio. Pensavo, in questo caso, di far fare ai giocatori più di un pg, in modo da avere un sostituto nel qual caso le cose andassero male. Essendo, oltretutto, una campagna No-Magic non ci saranno pozioni, armi magiche né guarigioni miracolose. Come potrò far sopravvivere i pg, allora?

Il terzo dubbio riguarda quali manuali concedere e quali evitare. Eviterei il Tome of Battle per mia scarsa conoscenza, in molti ne parlano come un manuale che fa fare cose da Anime ai guerrieri...ed io vorrei evitare tutto ciò. Il manuale Heroes of Battle è sicuramente ottimo, per poi parlare del perfetto Combattente (anche se alcuni talenti sarebbero da bloccare) e il perfetto avventuriero, il manuale del giocatore, le varie Razze e così via. Consigli?

Regole e Varianti

Spoiler

Per quanto riguarda le regole, pensavo di inserire le regole per l'Onore e la Reputazione (Arcani Rivelati), inserire il talento Autorità come base, diciamo, della campagna, utilizzare il movimento realistico. Sto guardando il manuale Heroes of Battle ma, a parte aver constatato che le battaglie vengono svolte esattamente come Warhammer, devo ancora trovare un sistema convincente. Non sarà un problema gestire, per me, turno per turno la battaglia, e sono disponibile anche a creare enormi modellini dei castelli assediati, degli uomini e così via.

Dubbi

Sinceramente non mi interessa inserire cose in più, in realtà mi piacerebbe rendere il gioco complesso e, se vogliamo metterla così, anche lento, ma mi rendo conto anche io che più il gioco è lento più diventerà difficile gestirlo. Per quanto riguarda gli assedi pensavo di costruire io il modellino del castello da assediare, le torri, i trabucchi e così via (non è un problema, ho fatto 6 anni di modellistica). I problema sono le regole da inserire, quali evitare.

Ho deciso di fare a meno della mappa e, non avendo pg che volano, non è un problema. Ci sono alcune precauzioni che dovrei prendere a riguardo?

Suggerimenti? Consigli? 

 

Edited by Arglist
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Provo a rispondere per la parte su limitazioni e durata, forse potresti concedere le varianti di paladino e ranger senza incantesimi, anche per dare varietà ar giocatori, tanto più se vuoi che ognuno abbia dei soldati agli ordini. Per la durata degli assedi, un castello in una buona posizione, con mura solide e scorte sufficienti può resistere anche molto più di 60 giorni, anche un anno intero se hanno cibo ed acqua a sufficienza.

potresti quindi impostare alcune missioni proprio sul privare i castelli di queste risorse, con i pg membri della cavalleria che devono prendere un villaggio da cui partono i rifornimenti o attaccano un convoglio. Oppure devono prendere prigionieri alcuni famigliari del nobile del castello che non hanno raggiunto in tempo la fortezza.

durante l'assedio puoi fargli guidare un assalto alle mura, oppure devono trovare un passaggio segreto ed infiltrarsi con delle truppe scelte.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 23/9/2016 alle 11:07, Arglist ha scritto:

Il primo dubbio riguarda la durata della campagna, e qua mi servirebbe un po' di brainstorming sull'assedio di castelli. Quanto durava, in media un castello? Esempi celebri di assedi durati poco/molto? Ha senso, secondo voi, utilizzare come tempo limite la vittoria dell'esercito invasore su quello difensore, oppure dovrei lasciarlo libero? Da una parte vorrei evitare che i pg, a guerra vinta, si chiedessero "beh, han vinto, che facciano loro" ma, d'altra parte, vorrei che si impegnassero a convincere i nobili a giurare fedeltà alla corona, e non che si limitassero a dire "avete già perso, ogni resistenza è inutile".

Gli assedi potevano durare molto poco o parecchio, 2 mesi sono generalmente poco. Almeno 3 o 4 mesi duravano (a volte anche 1 o più anni), dipende poi sempre come si risolveva l'assedio: prendendo i difensori per fame, con la forza, o un traditore che aprisse le porte.
Per dare un po' di pepe alla cosa, potresti fare che questi castelli del nord stiano preparando un'arma segreta per ribaltare le sorti della guerra, il che significherebbe che i PG devono trovare un modo per fermarli prima che la mettano in atto.
Altrimenti i PG potrebbero dover essere il male minore: se non si arrendono entro 60 giorni, arriveranno degli squadroni della morte con l'ordine di massacrare dal primo all'ultimo abitante del castello come monito per il futuro. I PG quindi anche per il "bene dei nemici" dovranno cercare di portarli all'evidenza che meglio una resa ora che un massacro dopo.

Il 23/9/2016 alle 11:07, Arglist ha scritto:

Il secondo dubbio riguarda il livello dei personaggi. So che più un personaggio è di livello alto più sarà facile per questo sopravvivere, ma vorrei dare uno stile realistico alla campagna, senza per forza far rifare il personaggio ai giocatori trenta volte durante lo stesso assedio. Pensavo, in questo caso, di far fare ai giocatori più di un pg, in modo da avere un sostituto nel qual caso le cose andassero male. Essendo, oltretutto, una campagna No-Magic non ci saranno pozioni, armi magiche né guarigioni miracolose. Come potrò far sopravvivere i pg, allora?

Secondo me, vista la mancanza di magia, dovresti fare i PG di livello medio, almeno intorno al 10° per dire. In questo modo sapranno dire la loro contro molti nemici, ma comunque non potrebbero fare tutto da soli.
Se non ti piace l'idea che abbiamo troppi pf e quindi possano resistere a ennemila ferite, potresti usare una qualche variante: ricordo che qualcuno ne parlava qui sul forum qualche mese fa. Si potrebbe per esempio fare in modo che i pf sono dimezzati, ma hanno un bonus alla CA pari al BAB (o la metà del BAB, da valutare).

Il 23/9/2016 alle 11:07, Arglist ha scritto:

Il terzo dubbio riguarda quali manuali concedere e quali evitare. Eviterei il Tome of Battle per mia scarsa conoscenza, in molti ne parlano come un manuale che fa fare cose da Anime ai guerrieri...ed io vorrei evitare tutto ciò. Il manuale Heroes of Battle è sicuramente ottimo, per poi parlare del perfetto Combattente (anche se alcuni talenti sarebbero da bloccare) e il perfetto avventuriero, il manuale del giocatore, le varie Razze e così via. Consigli?

Questo dipende dal tuo stile di gioco. A me le manovre del ToB sanno di shonen, ma troverai sicuramente chi ti dice il contrario.
Di base potresti concedere più o meno tutti i manuali visto che tanto parliamo di combattenti, con la postilla di evitare il PP spinto (no ubercharger e simili).

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Grazie per le risposte, faccio un attimo una panoramica su tutte le idee messe in campo sia da me, che da altri utenti, sia dagli stessi giocatori.

Il 23/9/2016 alle 12:03, Voignar ha scritto:

Provo a rispondere per la parte su limitazioni e durata, forse potresti concedere le varianti di paladino e ranger senza incantesimi, anche per dare varietà ai giocatori, tanto più se vuoi che ognuno abbia dei soldati agli ordini. Per la durata degli assedi, un castello in una buona posizione, con mura solide e scorte sufficienti può resistere anche molto più di 60 giorni, anche un anno intero se hanno cibo ed acqua a sufficienza.

Potresti quindi impostare alcune missioni proprio sul privare i castelli di queste risorse, con i pg membri della cavalleria che devono prendere un villaggio da cui partono i rifornimenti o attaccano un convoglio. Oppure devono prendere prigionieri alcuni famigliari del nobile del castello che non hanno raggiunto in tempo la fortezza.

Durante l'assedio puoi fargli guidare un assalto alle mura, oppure devono trovare un passaggio segreto ed infiltrarsi con delle truppe scelte.

Corretto, per ora le classi che ho permesso, prendendo spunto dal manuale del giocatore e dai vari perfetti, sono:

Esploratore, Barbaro, Guerriero, Ladro, Paladino senza Incantesimi, Ranger senza Incantesimi, Maresciallo. Non essendoci armate dallo stile "orientale" ho evitato Ninja e Samurai e, tagliando via la magia, le uniche classi prettamente "corpo a corpo" sono queste. 

Per quanto riguarda la durata degli assedi, mi sono un po' informato e, effettivamente, duravano parecchio. Vedrò di aggiustare un po' le cose, dando ai personaggi, come suggerisce qua sotto qualcuno, un motivo per stringere i tempi. Non sono ancora convinto del dare, a questo punto, quel limite di tempo, ma penso che qualcosa, in ogni caso, mi verrà in mente.

Per quanto riguarda le missioni collegate, prendendo spunto da alcuni assedi avvenuti in Italia nel quattrocento sono arrivato a stendere un paio di dozzine di missioni, tutte ovviamente abbastanza complesse. Per quanto riguarda gli assedi, sto costruendo a suon di cartoncino e colla i castelli veri e propri, da usare in mappa esagonale. Che bello, eh?

Il 24/9/2016 alle 13:35, KlunK ha scritto:

Gli assedi potevano durare molto poco o parecchio, 2 mesi sono generalmente poco. Almeno 3 o 4 mesi duravano (a volte anche 1 o più anni), dipende poi sempre come si risolveva l'assedio: prendendo i difensori per fame, con la forza, o un traditore che aprisse le porte.
Per dare un po' di pepe alla cosa, potresti fare che questi castelli del nord stiano preparando un'arma segreta per ribaltare le sorti della guerra, il che significherebbe che i PG devono trovare un modo per fermarli prima che la mettano in atto.
Altrimenti i PG potrebbero dover essere il male minore: se non si arrendono entro 60 giorni, arriveranno degli squadroni della morte con l'ordine di massacrare dal primo all'ultimo abitante del castello come monito per il futuro. I PG quindi anche per il "bene dei nemici" dovranno cercare di portarli all'evidenza che meglio una resa ora che un massacro dopo.

Secondo me, vista la mancanza di magia, dovresti fare i PG di livello medio, almeno intorno al 10° per dire. In questo modo sapranno dire la loro contro molti nemici, ma comunque non potrebbero fare tutto da soli.
Se non ti piace l'idea che abbiamo troppi pf e quindi possano resistere a ennemila ferite, potresti usare una qualche variante: ricordo che qualcuno ne parlava qui sul forum qualche mese fa. Si potrebbe per esempio fare in modo che i pf sono dimezzati, ma hanno un bonus alla CA pari al BAB (o la metà del BAB, da valutare).

Questo dipende dal tuo stile di gioco. A me le manovre del ToB sanno di shonen, ma troverai sicuramente chi ti dice il contrario.
Di base potresti concedere più o meno tutti i manuali visto che tanto parliamo di combattenti, con la postilla di evitare il PP spinto (no ubercharger e simili).

Come ho già risposto sopra, concordo e apprezzo che tutti voi siate ben informati sugli assedi e così via. Informandomi ho scoperto che erano davvero brigosi, tra rifornimenti, disertori, assedi lanciati più di una volta, feriti, malattie, sortite e così via. Quindi sì, ci sarà da preparare ogni assedio con parecchia grazia, e cautela.

Per quanto riguarda i pg, proprio per evitare che si gettano in mezzo alla mischia senza troppo pensare a ciò che potrebbe succedere, pensavo di farli partire da livello 3, senza farli livellare, oppure facendoli livellare solo 2 volte, fino ad un massimo di 5°. So che, per una campagna della durata di alcune decine di settimane (in gioco) è poco, ma apprezzo troppo il lato realistico di questa campagna per spezzarlo con un sistema come D&D 3.5 e, in mancanza di altro, aggiusto così.

Vedrò cosa lasciar passare in base a ciò che i giocatori mi chiederanno, senza privar alcun manuale, ma facendo ricerca e blocco per ogni personaggio.

Il 25/9/2016 alle 10:05, savaborg ha scritto:

Se trovi una copia tradotta del Debello gallico che non è molto voluminoso troverai spunti a piene mani.

Moltissimi romanzi con battaglie ben riuscite degli ultimi decenni prendono spunto da lì.

L'ho aggiunto ai prossimi libri da comprare! Grazie!

Ora, veniamo al punto.

In quanto vorrei utilizzare il sistema guerresco di D&D per quanto riguarda la composizione dell'esercito, e assodato che ogni giocatore vorrà il suo personale esercito/banda, con quante persone pensate sia corretto partire? Un minimo di 10, fino ad un massimo di 30 uomini cadauno, potrebbe andare? Questo aiuterebbe, sicuramente, a fare in modo che si uniscano negli assedi, pur rimanendo gestibili dal punto di vista "singolo". 

Sistemi di rifornimenti e faq per sistemare i valori di mercato completamente sballati di D&D se ne trovano in giro, oppure devo riguardarmi tutto io? Sarebbe un bel caos (ma d'altronde ci sto perdendo la testa, quindi XD

Link to comment
Share on other sites

Ti consiglierei di guardare Heroes of Battle, è solo in inglese ma non è difficile da comprendere, e presenta alcuni eserciti d'esempio. Per il numero, in genere personaggi di livello 3 sono usati come sergenti, quindi credo tu possa dargli 10-20 uomini senza problemi, magari scali la classe, se c'è un guerriero gli dai dei combattenti, ad un ranger esploratori è così via, non credo sia troppo difficile gestirli. Al massimo fai che i personaggi danno gli ordini e poi li gestisci tu.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Arglist ha scritto:

Per quanto riguarda i pg, proprio per evitare che si gettano in mezzo alla mischia senza troppo pensare a ciò che potrebbe succedere, pensavo di farli partire da livello 3, senza farli livellare, oppure facendoli livellare solo 2 volte, fino ad un massimo di 5°. So che, per una campagna della durata di alcune decine di settimane (in gioco) è poco, ma apprezzo troppo il lato realistico di questa campagna per spezzarlo con un sistema come D&D 3.5 e, in mancanza di altro, aggiusto così.

Ma anche se fossero di livello 10 non possono risolvere da soli la mischia. Cioé 100 guerrieri di 1° contro uno di 10° vincono comunque.

 

1 ora fa, Arglist ha scritto:

In quanto vorrei utilizzare il sistema guerresco di D&D per quanto riguarda la composizione dell'esercito, e assodato che ogni giocatore vorrà il suo personale esercito/banda, con quante persone pensate sia corretto partire? Un minimo di 10, fino ad un massimo di 30 uomini cadauno, potrebbe andare? Questo aiuterebbe, sicuramente, a fare in modo che si uniscano negli assedi, pur rimanendo gestibili dal punto di vista "singolo". 

Dipende dal loro grado, solitamente un sottotenente o un tenente comanda un plotone che sono 20-50 uomini. A sua volta è composta da squadre di 7-11 uomini comandante da un copralmaggiore o sergente.
Per darti l'equivalente delle legioni romane, erano presenti decurie formate da 10 cavalieri e comandate da un decurione. Tre decurie formavano una turma comandata da uno dei tre decurioni.
Decidi quindi il loro ruolo e di conseguenza cosa dovrebbero comandare. Per esempio se sono comandanti di singole compagnie del battaglione mandato ad assediare dovrebbero comandare molti più uomini (100-200 a testa). Se sono parte di una squadra di infiltratori magari saranno invece poche decine)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

20 ore fa, KlunK ha scritto:

Ma anche se fossero di livello 10 non possono risolvere da soli la mischia. Cioè 100 guerrieri di 1° contro uno di 10° vincono comunque.

Dipende dal loro grado, solitamente un sottotenente o un tenente comanda un plotone che sono 20-50 uomini. A sua volta è composta da squadre di 7-11 uomini comandante da un coporal-maggiore o sergente.
Per darti l'equivalente delle legioni romane, erano presenti decurie formate da 10 cavalieri e comandate da un decurione. Tre decurie formavano una turma comandata da uno dei tre decurioni.
Decidi quindi il loro ruolo e di conseguenza cosa dovrebbero comandare. Per esempio se sono comandanti di singole compagnie del battaglione mandato ad assediare dovrebbero comandare molti più uomini (100-200 a testa). Se sono parte di una squadra di infiltratori magari saranno invece poche decine)

Per quanto riguarda il livello, verissimo quanto hai detto, ma un guerriero di decimo mi sembra davvero molto imponente per gestire una guerra senza doversi preoccupare di ferite e quant'altro. Vista anche la qualità dei soldati a loro assegnati (perlopiù combattenti di 1°, o guerrieri di 1° se si pensa ai cavalieri ben pagati) volevo evitare che svettassero come mostri dai cento punti ferita, capaci di tagliare a metà uomini come se fosse burro, o di tirare quattro frecce per turno, o fare altre cose palesemente epiche che D&d, in quanto sistema, porta a fare. Anche considerato che il livello massimo, in ambientazione, è il 13°, assegnare ad una banda mercenaria un capo di decimo livello risulterebbe decisamente fuori luogo, anche vista l'importanza storica di questa battaglia.

Per quanto riguarda le bande da guerra, a questo punto, consegnare cento uomini a testa potrebbe essere ideale, ma...cavolo, cento uomini da gestire sono parecchi...

Vedrò come fare.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Arglist ha scritto:

Anche considerato che il livello massimo, in ambientazione, è il 13°, assegnare ad una banda mercenaria un capo di decimo livello risulterebbe decisamente fuori luogo, anche vista l'importanza storica di questa battaglia.

Beh non avendo dati mi sono basato su una media. Se effettivamente sono queste le caratteristiche li farei al 6°, massimo 8°

4 ore fa, Arglist ha scritto:

Per quanto riguarda le bande da guerra, a questo punto, consegnare cento uomini a testa potrebbe essere ideale, ma...cavolo, cento uomini da gestire sono parecchi...

Non devono ovviamente comandarli singolarmente, loro daranno ordine a comandanti dei 2 o 3 plotoni che compongono la loro banda e poi a catena gli ordini vengono passati.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Tiro su questo thread perchè mi interessa, ho visto poco tempo fa la serie di documentari "Attacco al castello" e confermo che gli assedi spesso si concludevano dopo mesi scavando tunnel sotto i punti deboli delle mura, farle crollare e assaltare nella breccia

L'aiuto che posso darti @Arglist è sugli spunti che ho preso da questi documentari (guardali anche tu, sono ottimi) per eventuali assalti

1. le mura, soprattutto di castelli secondari, spesso erano non del tutto in pietra e spesso non troppo alte, quindi assalti con scale e arieti coperti (un po' come l'episodio della battaglia delle acque nere di GOT) possono essere spunti per i PG

2. le vie di fuga sono anche vie d'entrata: scarichi fognari, acquedotti, sotterranei vari (un castello potrebbe sorgere su una collina che ha sepolto una vecchia miniera nanica, per esempio)

3. i sotterfugi: spie, contrabbandieri di merci per l'assedio, contatti con le fazioni vassalle di questi lord ma ribelli con uomini e macchine d'assedio in più

4. la diplomazia, in epoca cavalleresca si potevano trattare i termini della resa in modo anche pacifico, offrendo promesse che poi puoi anche con mantenere una volta entrato in casa loro (vedi l'ingresso di Tywin ad Approdo del Re durante la Ribellione di Robert)

-------------

Ti consiglio di fargli vivere un assalto a Dover, soprattutto la parte del barbacane sarà pericolosa, questa è la mappa tratta da quei documentari

24b6m9f.jpg

-------------

Come livelli io ti direi intorno al 10. Magari può essere interessante proporre un solo PG incantatore (anche solo stregone o chierico) ma partendo da due livelli dietro, almeno introduci varietà nel party visto che dicevi volevi dargli diverse cariche all'interno di questa divisione. Gli altri sergenti PNG saranno di livelli variabili tra il 3 e il 5, il resto della truppa livelli 1 o solo combattenti.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Ciao Yonas e grazie per l'approfondimento, me lo gusterò appena avrò alcune ore disponibili. Per quanto riguarda gli assedi e altro sono preparato, con tutto questo materiale, quasi a dovere. Spero di avere la voglia di costruire modellini in scala 1:qualcosa, in modo da offrire un cartonato abbastanza bello ai miei giocatori. Devo ancora capire come fare a rendere i "danni strutturali", ma va bene lo stesso. 

7 ore fa, Yonas ha scritto:

Come livelli io ti direi intorno al 10. Magari può essere interessante proporre un solo PG incantatore (anche solo stregone o chierico) ma partendo da due livelli dietro, almeno introduci varietà nel party visto che dicevi volevi dargli diverse cariche all'interno di questa divisione. Gli altri sergenti PNG saranno di livelli variabili tra il 3 e il 5, il resto della truppa livelli 1 o solo combattenti.

Per quanto riguarda i livelli, ho preso in considerazione il tutto; non pensi che a livello 10 tendano ad essere troppo potenti? Personaggi di quel livello possono resistere tranquillamente a colpi di balista pesante, cosa che uccide parecchio il realismo (e so che il realismo non è il pezzo forte di D&D) per questo avrei ipotizzato un livello di potere più bassino.

In ogni caso ho virato da D&D a Rolemaster, che mi è sembrato più tranquillo come sistema. Un'altra idea sarebbe quella di farne un vero e proprio gioco da tavolo stile Warhammer, ma sono ancora molto indeciso. 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Arglist ha scritto:

Ciao Yonas e grazie per l'approfondimento, me lo gusterò appena avrò alcune ore disponibili. Per quanto riguarda gli assedi e altro sono preparato, con tutto questo materiale, quasi a dovere. Spero di avere la voglia di costruire modellini in scala 1:qualcosa, in modo da offrire un cartonato abbastanza bello ai miei giocatori. Devo ancora capire come fare a rendere i "danni strutturali", ma va bene lo stesso. 

Per quanto riguarda i livelli, ho preso in considerazione il tutto; non pensi che a livello 10 tendano ad essere troppo potenti? Personaggi di quel livello possono resistere tranquillamente a colpi di balista pesante, cosa che uccide parecchio il realismo (e so che il realismo non è il pezzo forte di D&D) per questo avrei ipotizzato un livello di potere più bassino.

In ogni caso ho virato da D&D a Rolemaster, che mi è sembrato più tranquillo come sistema. Un'altra idea sarebbe quella di farne un vero e proprio gioco da tavolo stile Warhammer, ma sono ancora molto indeciso. 

Di sicuro un PG di decimo livello è un personaggio forte e indipendente ma solo in situazioni "survival", diciamo, robe alla Walking Dead cioè che sei in ambiente aperto senza particolari obiettivi; quando si tratta di eserciti o divisioni contro postazioni protette come castelli anche nella realtà a gestire il tutto venivano mandate figure esperte, prendi ad esempio la campagna africana dell'esercito tedesco nella WWII, non vorrai mica dire che Rommel sarebbe stato un PG inferiore al decimo livello (si fa per scherzare ovviamente)?

Ad ogni modo in bocca al lupo per tutto e facci sapere ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Anthaldin94
      Ragazzi diverbio con giocatore.
      Il mio npg ha un elmo che gli concede resistenza al fuoco.
      Il giocatore ha adepto elementale quindi ignora la resistenza.
      Ma se l npg usa l incantesimo assorbire elementi quindi 2 resistenza al fuoco. Si prende tutti i danni o metà? Usando l incatensimo assorbire elementi. Grazie mille 
    • By Arglist
      Ehilà
      Sono inciampato per puro caso in questo articolo (ma anche questo) riguardante i livelli di potere raggiunti dalle campagne. Oltre a notare (con estrema tristezza) quanto la cosiddetta oversemplificata D&D 5E piegata al politically correct non sia riuscita a rendersi giocabile nemmeno questa volta i livelli più alti (e penso ne sia una prova fattuale la completa inesistenza di materiale ufficiale riguardante il Tier 4), ho notato quanto i miei tempi non coincidano affatto con quelli dati dall'internet in generale.
      Quindi:
      - vittima anche dell'ultimo abbandono (ormai anni fa) di una campagna 5E - DiA - citando il narratore "questa campagna in un anno voglio finirla", con conseguente scambio di sguardi tra i partecipanti alla "ma è del settore questo?"
      - complice anche un sano esame di coscienza, con una campagna (unica rimasta) all'attivo da ormai 5 anni di Rise of Tiamat ed altre incompiute della durata di svariati anni
      -  risultante da confronti con altri possenti narratori emiliani che mi han confermato che prima dei 365 giorni canonici una campagna 1-7 ( (elevati a multipli di 2 per range 1-15 e 1-20 homemade) non l'abbiano mai finita
      - Tenendo conto che esce un AP l'anno, e che sempre nello stesso anno esce un AL ambientato in luoghi differenti, motivo che mi fa pensare che alla WOTC considerino normale terminare i moduli nell'anno?
      Mi chiedo: siamo noi italiani eccessivamente prolissi o sono i colleghi della perfida Albione e d'oltreoceano ad esser troppo frettolosi? E, se si, perché?
    • By supremenerd88
      Buongiorno a tutti,
      sto per iniziare una nuova campagna con degli amici di vecchia data con cui giocavo a D&D 3.5 e 4. Scegliendo tra D&D 3.5, 4, 5, Pathfinder 1e e Pathfinder 2e (dovendo comunque acquistare alcuni manuli avendone persi molti della 3.5 e 4 e non ci siamo dati limiti di budget e nemmeno di edizioni del gioco) saremmo propensi a iniziare la campagna con Pathfinder 1e per poter sfruttare le campagne precostruite che, dopo un'occhiata veloce su alcuni PDF che ho trovato mi sembrano veramente ben costruite (molto di più delle avventure di D&D per intenderci, che non ho mai apprezzato).
      A tal proposito ho visto che la prima campagna dell'Adventure Path che era uscita era "Rise of the Runelord" e, dato che farò il master, ho letto un po' di info qua e la e mi sembra molto interessante. il discorso però è questo: nella prima parte della campagna viene sensibilizzato il master a far conoscere la città di Sandpoint ai giocatori, descritta in una quindicina di pagine sul primo manuale dell'avventura. ho visto però che poi è uscito il manuale dedicato proprio a Sandpoint (https://pathfinderwiki.com/wiki/Sandpoint,_Light_of_the_Lost_Coast) nel 2018 (molto dopo l'uscita dell'avventura) al che mi chiedo: vale la pena acquistare il manuale in questione su Sandpoint per migliorare le prime sessioni di gioco oppure no? ma soprattutto: il manuale è "ambientato" prima dell'avventura di "Rise of the Runelord" oppure dopo? vorrei evitare di acquistarlo per poi scoprire che è per gestire Sandpoint al di fuori di questa campagna e dopo che un gruppo di avveturieri ha salvato la città dai signori delle rune...
      Grazie mille.
      P.s. non riesco a trovare l'elenco dei manuali di PF 1e in italiano (su pathfinderwiki ci sono i riferimenti dei manuali usciti in inglese ma dubito fortemente che siano stati tutti tradotti...). Esiste una lista dei manuali usciti in italiano e magari i link di dove acquistarli? PDF o cartacei non mi fa differenza, ma se esistono preferisco in italiano rispetto che inglese per velocizzare il tutto.
      Modificato 3 minuti fa da supremenerd88
    • By Topolino88
      Salve a tutti, sono un master, dopo la scorsa sessione io ed il mio party di giocatori ci siamo accorti che ci sono una marea di cose lasciate in sospeso, incarichi accettati ma mai completati, missioni fatte a metà o rimaste inconcluse. Mi è venuto il dubbio di aver creato troppe sottotrame e missioni forse trascurabili, posso dire con certezza che sono tutte legate alla trama principale, però vista la quantità non ho idea di come gestirle perchè sono veramente tante. La maggior parte si potrebbero riassumere come i player hanno scoperto una cosa e dovrebbero recarsi da personaggio x per saperne di più e da lì farei partire una serie di cose che porta i player a scoprire segreti o informazioni utili per le missioni principali, moltiplicate questa cosa per 20, spero di aver dato l'idea. Voi cosa fareste?
    • By Topolino88
      Salve a tutti, sono un master, ormai mancano 2 sessioni alla pausa estiva e diciamo che non mi sono organizzato benissimo, infatti i players si trovano molto più indietro nella campagna di quanto programmato, volevo quindi concludere con 2 sessioni molto interessanti per dare ancora più voglia di tornare a giocare a settembre, i players ora si trovano in una situazione in cui possono fare letteralmente quello che vogliono, inoltre hanno moltissime questioni in sospeso (sub quest), il problema è che in 2 sessioni non riuscirebbero a concludere nulla. Ho pensato come prossima sessione di farli catapultare in un sogno in cui poter far accadere cose risolvibili in queste 2 sessioni, magari in questo sogno potrei mostrare dei possibili futuri, avete mai ambientato sessioni in sogni? sono difficili da gestire? come decido quando si svegliano?  meglio cambiare idea? ringrazio in anticipo
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.