Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Immagini di Anteprima della Van Richten's Guide to Ravenloft #2

Ecco a voi altre immagini in anteprima dal prossimo manuale per D&D 5E: Van Richten's Guide to Ravenloft.

Read more...

E' uscita la seconda edizione di World Wide Wrestling

E' ora disponibile la seconda edizione di questo particolare PbtA basato sul mondo del wrestling.

Read more...

Recensione: Candlekeep Mysteries

Recensiamo oggi per voi la nuova antologia di avventure per D&D 5E, che spaziano in ogni genere.

Read more...

Revolver Elfici

Non volete permettere l'uso delle armi da fuoco nella vostra campagna per questioni di bilanciamento, ma l'estetica delle pistole vi piace comunque? GoblinPunch ha una soluzione per voi.

Read more...

Su Youtube apre L'Angolo del GdR

L'Angolo del GdR è un canale Youtube da me aperto di recente, in cui condivido consigli ed esperienze per gli appassionati di D&D e altri GdR.

Read more...

[TdG] La guerra dei Lord [TdG 2]


Recommended Posts

Link al topic precedente:

http://www.dragonslair.it/forums/topic/43110-tdg-la-guerra-dei-lord/

Il pasto fu ottimo e abbondante, l'acqua del bagno piacevolmente fresca e profumata e le camere pulite e con le finestre non esposte al sole. Quando di ridestarono era quasi sera, da lontano si sentiva ancora l'eco della musica della festa di matrimonio, sembrava che non dovesse avere mai fine.

Il sole stava calando all'orizzonte e una fresca brezza muoveva le tende e le foglie della palme. La genasi li accolse con un sorriso, la sala comune era più animata del pomeriggio. Metà dei tavoli era occupata da artigiani e lavoratori che concludevano la giornata con un tè alla menta e qualche frutto, parlando sommessamente dei loro affari. L'arrivo degli avventurieri fu salutato da alcune brevi occhiate curiose, poi ognuno tornò alle proprie discussioni.

Edited by smite4life
Link to post
Share on other sites

  • Replies 1.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

In pochi attimi lo scontro si fece feroce. I lemuri continuavano ad ammassarsi e a spingere nelle aperture offerte dalla nave, in una cieca carica che sembrava senza senso. Senza un lamento, le creatu

Cadfael Llewelyn DM Aspetto che la porta si chiuda alle mie spalle, prima di rispondere all'uomo steso in terra, senza mai allentare la pressione della mia lama sulla sua gola.  Avven

Cadfael Llewelyn Il torrente di fiamme mi avvolge ma, forte dell'assistenza di Torm, riesco a limitare i danni e le lingue di fuoco lambisco solo alcune zone di pelle scoperta. Fanno comunque un

Posted Images

Lucian Talvathar

Un riposo disturbato, sogni rossi, e caldi.
Mi sveglio imperlato di sudore. Porto una mano al collo, il talismano di Bastone Nero mi assicura che quelle immagini erano solo incubi.
Per ora..

Stiamo scappando. Nessuno lo vuole ammettere, certamente non l'orgoglioso guerriero che ancora ci vede come i predatori.
Non abbiamo mai smesso di scappare. E come potrebbe essere altrimenti, dopotutto?
Non abbiamo la forza per affrontare i nostri nemici in uno scontro diretto, nè le conoscenze per sfruttarne le debolezze. Brancoliamo nel buio attaccandoci all'esile filo della fortuna.

Per i nove..
Mi porto una stanca mano in volto, stropicciandomi gli occhi. Il mio sguardo vaga per qualche istante verso l'esterno portandosi dietro una mente assente.
Non abbiamo scelta. Ci servono più informazioni o presto ci sarà un altro Halbarad, un'altra Hawke...

Cerco di allontanare gli oscuri pensieri calandomi nei consueti riti arcani.
Dopo circa un'oretta scendo nella sala comune. A quanto pare non sono il solo a non aver trovato il riposo sperato.

Ioxana. il tono suona deciso e rassegnato al tempo stesso.
Andiamo dalla strega.

Link to post
Share on other sites

Devon

La sera arriva, e mi sento abbastanza riposato. Prego il mio Signore come abitualmente faccio nei momenti di tranquillità e mi dirigo nella sala per incontrare gli altri. E' lo stregone a prendere parola e io non posso fare altro che annuire ma Geralt è più propenso a mettere qualcosa sotto i denti prima. Sta bene anche a me. Concordo con il guerriero.

Spoiler

ops, letto di fretta e furia. Editato

 

Edited by Karsh
Link to post
Share on other sites

Geralt di Mirabar

Dopo essersi rifocillato e rinfrescato cadde in un sonno profondo, il suo russare non disturbò i compagni che a quanto pare erano esageratamente stanchi. Fu un grido di un ragazzo all'esterno a ridestarlo, corse alla finestra notando la festa ancora in piena attività e quel giovane stava ridendo, nessun pericolo.
Gli altri ancora riposavano ma era ormai giunta l'ora di cena e lui non se la sarebbe persa per nulla al mondo, necessitava di energie e liquidi.
Evitò di indossare le piastre ma si vestì col gambeson e i gli spessi pantaloni, incredibilmente si erano asciugati dal sudore anche se certamente non profumavano di fiorellini da campo.

Udì un sussultò, poi delle parole, era Lucian "Stregone, prima dobbiamo mangiare."

@tutti

Spoiler

non mi risulta sia passata la notte, è stato un pisolino pomeridiano credo.

 

Link to post
Share on other sites

Cadfael Llewelyn

Il riposo, assieme al pasto ed alle pezze di cotone intrise d'acqua fresca e menta, rinvigorisce il corpo e l'anima. Prima di coricarmi, elevo un ringraziamento a Torm per il suo aiuto nel affrontare il diavolo ed una richiesta di sostegno e aiuto costante nei giorni a venire. 

Dopo essermi rivestito, scendo nella sala comune e ricambio il sorriso della genasi, prima di sedermi assieme ai miei compagni. Saluto con un cenno chi è già arrivato e con un piccolo inchino Alianorah, prima di accomodarmi. Il morale è basso, le espressioni lugubri e, nonostante la mia fede, non posso fare a meno di condividere l'umore degli altri.

Abbiamo un compito da portare a termine, prima di poterci presentare nuovamente dalla strega. Ricordo ai presenti. La prima tappa è il porto.

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

La genasi portò altra birra ghiacciata, frutta e pane con miele.

Se volete fare un giro per Calimport siete fortunati disse sorridendo si è alzata la brezza dal mare e la serata sarà fresca. Se posso fare altro per voi, non esitate a chiedere.

Rimasero soli a mangiare la frugale ma fresca cena. Alianorah non aveva toccato cibo e non aveva proferito parola, rispondendo a malapena ai saluti degli avventurieri. La donna era chiaramente turbata da qualcosa.

Link to post
Share on other sites

Lucian Talvathar

Povera ragazza, catapultata in un inferno senza apparente via d'uscita. regalo uno sguardo gentile alla gracile creatura prima di rivolgermi alla genasi.
La strada più breve per arrivare al porto e un altro dei vostri graziosi sorrisi.
Il viso una maschera di spensieratezza a coprire un tumulto interiore in continua crescita.

Link to post
Share on other sites

Geralt di Mirabar


Ancora una volta non si fece pregare per bere e mangiare. Indossò l'armatura, finalmente i panni e il gambeson erano asciutti.
"Buon per noi..." disse alla genasi senza aggiungere altro mentre la sua attenzione veniva lentamente rapita dall'atteggiamento della ragazza.

"Sì e a parte i sorrisi dicci cosa è che ti turba." la fissò negli occhi "Non mi stupirei se dopo l'accaduto si fosse risvegliato in te qualche strano potere. Non voglio spventarti ma se hai perplessità o dubbi o intuizioni anche credo tu debba condividerli. Ormai si è deciso di stare insieme, non ci priveremo dei consigli di nessuno." il tono al solito era schietto e diretto, senza fronzoli. Non voleva metterla a disagio, tutto l'opposto.

Link to post
Share on other sites

Il porto? disse la genasi E' quasi un'ora a piedi da qui, forse anche di più. Vi conviene andare in carrozza, è più rapido e sicuro, soprattutto di notte. Posso chiamare un mio amico, è onesto e non vi farà fare giri strani.

Sahasha si allontanò per fare tempo agli avventurieri di discutere il da farsi. Alianorah sollevò lo sguardo e guardò Geralt, indecisa se parlare o meno. Poi, lentamente, prese la parola.

Ho sognato di nuovo... quelle donne. Ero come un fantasma che rimbalzava da un posto all'altro senza sosta, senza controllo. Poi ho rivisto la donna con i vestiti di queste parti... ho cercato di fermarmi, di aggrapparmi ai mobili, alle finestre. Sentivo come una forza che mi risucchiava via, come se fossi dentro una grande corrente marina. Ma per un attimo sono riuscita a fermarmi... c'era una finestra nella stanza, con delle sbarre. Fuori si vedeva un palazzo, molto alto, con le pareti gialle... aveva delle grande finestra ad arco, decorate con delle foglie dipinte tutto attorno. E mi è sembrato di sentire un forte odore di sapone...

Link to post
Share on other sites

Devon

Sogni alquanto strani, potrebbero essere delle premonizioni? Uno scorcio del nostro futuro? Da quando questa storia è iniziata non mi stupisco più di nulla. Dico con un tono quasi sconsolato. Va bene, direi di accettare l'aiuto di questa persona di fiducia della genasi e dirigersi al porto.

Link to post
Share on other sites

Geralt di Mirabar

"Io credo siano fatti presenti, non futuri. Questo è un motivo in più per muoverci." si alzò dalla sedia mandando giù tutta la birra gelata rimasta e mettendosi in bocca un altro dolce e succoso frutto. Masticando e con ancora il succo che colava dalla bocca guardò Alianorah "Stai serena e non avere timori. Passeranno sul mio cadavere prima che ti accada qualcosa di simile e prometto che faremo l'impossibile per salvarle tutte." ovviamente nella sua testa c'era una delle ragazze che aveva la priorità ma questo contava poco. Iniziare e sfilargliele dalle mani una dopo l'altra li avrebbe resi meno arroganti, forse però più suscettibili.

"Ho intenzione di chiedere al cocchiere se conosce quel luogo che hai descritto. Magari siamo fortunati e si trova qui, ma non penso. Tentare però non nuoce." quindi col pensiero dell'odore di sapone raggiunse di nuovo Sahasha per chiederle di far chiamare l'amico.

Link to post
Share on other sites

Cadfael Llewelyn

Credo che Geralt abbia ragione. Se una magia o un destino comune lega queste dodici ragazze, ha senso che possano percepire quel che accade a ciascuna di loro, mentre accade o nel periodo immediatamente successivo. 

Rimango per alcuni istanti pensieroso, soppesando le parole di Alianorah. 

A questo punto, dobbiamo supporre che, catturarle vive o morte, non faccia differenza per i nostri avversari. Una prospettiva inquietante, come minimo.

Tengo i miei pensieri per me, per evitare di caricare un ulteriore fardello di preoccupazioni e paura sulle spalle di Alianorah. Concluso il pasto, controllo di aver tutto il mio equipaggiamento, prima di seguire gli altri verso la carrozza. 

Vediamo di risolvere questo incarico alla svelta. Prima otteniamo altre informazioni da Ioxana, meglio è.

Link to post
Share on other sites

Dopo circa una mezz'ora, la genasi si avvicinò al tavolo degli avventurieri accompagnata da un uomo sulla cinquantina, con una folta capigliatura bianca e un viso abbronzato e rugoso. 

Questo è Jafar disse la donna possiede una carrozza abbastanza grande per tutti voi ed è abbastanza onesto con i prezzi.

L'uomo sorrise facendo un leggero inchino con il capo.

Link to post
Share on other sites

Lucian Talvathar

Salve Jafar -saluto con un breve inchino- abbiamo appuntamento con un nostro amico presso un palazzo della vostra amabile cittadina.
Ci è stato descritto come un palazzo molto alto dalle pareti gialle, con delle grandi finestre ad arco decorate con foglie dipinte tutto attorno.

Dovrebbe trovarsi nei pressi di una lavanderia -aggiungo dopo un attimo, mostrando un volto pensieroso- ci ha detto di non fare caso al forte odore di sapone.

Link to post
Share on other sites

Geralt di Mirabar

A suo modo Lucian chiese quello che avrebe cheisto in maniera ben diversa il Mastino. Quetso si limitò a posare, pesantemente una mano sulla spalla del cocchiere e allungare l'altra per stringerla in segno di saluto.
Rimase in silenzio attendendo la risposta e nel caso la risposta fosse stata poco soddisfacente lo avrebbero dirottato verso il porto.

Link to post
Share on other sites

Jafar, nonostante la stazza vistosamente inferiore rispetto a Geralt, rispose con vigore alla stretta del guerriero, poi si mise a riflettere sulle parole di Lucian.

Mmmh, mi pare di conoscere il palazzo di cui parlate, è nel quartiere dei mercanti ma non mi pare ci siano lavanderie in zona... forse la vostra amica voleva indicare il grande bagno pubblico di El-Sulayman?

Link to post
Share on other sites

Geralt di Mirabar

"E bravo Jafar!" si girò prendendo la via della porta "Andiamo al quartiere dei mercanti, senza perdere tempo."
Non si fermò nemmeno un attimo a pensare se Alianorah se la sentisse, tanto non l'avrebbero lasciata sola considerando che i nemeci in città sembravano essere più presenti del dovuto. Inoltre doveva darci la certezza che il palazzo visto in sogno fosse quello.
Giunto all'ingresso, se necessario, a suo modo invitò gli altri ad accelerare il passo.

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • Similar Content

    • By Alonewolf87
      Ecco a voi altre immagini in anteprima dal prossimo manuale per D&D 5E: Van Richten's Guide to Ravenloft.
      Il nuovo manuale per D&D 5E, la Van Richten's Guide to Ravenloft, è previsto in uscita martedì prossimo 18 Maggio. Sono state rivelate ulteriori immagini di anteprima che raffigurano due dei PNG iconici dell'ambientazione: Rudolph van Richten, l'eponimo cacciatore di vampiri, e Harkon Lukas, Signore Oscuro di Kartakass

      "Rudolph Van Richten si prepara per la sua prossima spedizione, aiutato dallo spirito di suo figlio Erasmus."

      "Abile mentitore e mutaforma, Harkon Lukas orchestra complessi intrighi e manipolazioni.
      Viene raramente visto senza il suo capello a tesa larga, il suo ciondolo di dente di lupo e il suo violino, che chiama Cuore Sanguinante."

      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      Il nuovo manuale per D&D 5E, la Van Richten's Guide to Ravenloft, è previsto in uscita martedì prossimo 18 Maggio. Sono state rivelate ulteriori immagini di anteprima che raffigurano due dei PNG iconici dell'ambientazione: Rudolph van Richten, l'eponimo cacciatore di vampiri, e Harkon Lukas, Signore Oscuro di Kartakass

      "Rudolph Van Richten si prepara per la sua prossima spedizione, aiutato dallo spirito di suo figlio Erasmus."

      "Abile mentitore e mutaforma, Harkon Lukas orchestra complessi intrighi e manipolazioni.
      Viene raramente visto senza il suo capello a tesa larga, il suo ciondolo di dente di lupo e il suo violino, che chiama Cuore Sanguinante."
    • By Alonewolf87
      Recensiamo oggi per voi la nuova antologia di avventure per D&D 5E, che spaziano in ogni genere.
      Candlekeep Mysteries, uscito il mese scorso, è un manuale di 224 pagine per D&D 5E, che riprende un modello già visto in passato con Tales from the Yawning Portal: un'antologia di avventure adatte a vari livelli.
      Nel caso di Candleekeep Mysteries parliamo di ben 17 avventure differenti, adatte per i livelli dal 1° al 16° e che possono essere unite a formare una campagna interconnessa, aggiunte come brevi diramazioni di una campagna già avviata oppure essere giocate singolarmente come one-shot separate.

      La copertina base del manuale
      Come è stato il caso per molti dei precedenti volumi per D&D 5E anche in questo caso è disponibile una copertina variante, realizzata da Simen Meyer, in bordeaux e oro. Questa copertina include al centro il simbolo di Candlekeep e mostra varie creature come parte delle decorazioni, dando quasi l'idea che sia un libro che si potrebbe davvero trovare all'interno della cittadella.

      La copertina variante del manuale
      Il filo di Arianna che unisce le avventure di questo manuale è l'eponima fortezza-libreria, Candlekeep, o meglio i libri custoditi all'interno di essa. A fornire l'aggancio per i PG ad imbarcarsi nelle varie avventure saranno infatti dei libri da loro reperiti nella grande cittadella, a cui è riservata una sezione di undici pagine all'inizio del manuale. Candlekeep viene lì descritta nel dettaglio dall’organizzazione della città, alla composizione dell’ordine monastico che la sovraintende, a tutti gli incantesimi che la preservano dagli invasori ma anche dal fuoco e dagli insetti nocivi per i volumi. Uno dei motivi che la rendono la biblioteca più ricca dei Forgotten Realms è che ogni visitatore, per potervi accedere, deve donare un tomo, pergamena, o uno scritto di vario tipo che non sia ancora presente nella biblioteca o che abbia un particolare interesse. Ad accompagnare tutto troviamo una pregevole mappa pieghevole della cittadella.
      Vengono fornite anche idee e consigli su come trasporre il materiale di questo libro in altre ambientazioni, per esempio usando la Grande Libreria di Greyhawk o la Libreria di Korranberg di Eberron.

      Ognuna delle diciassette avventure sarà quindi collegata ad un volume (di svariata natura) che i PG potranno aver trovato sugli scaffali di questa gigantesca biblioteca. Ognuno di questi volumi ha un titolo, una descrizione ed un'illustrazione dedicata e funge appunto da incipit per le avventure, dando informazioni ai PG oppure portandoli ad incontrare vari PNG. Ciascuna delle avventure è estremamente varia in toni, luoghi, storie e situazioni che i PG potranno affrontare e ho apprezzato molto il fatto che sono praticamente sempre presenti delle soluzioni non violente agli eventi, cosa resa più facile dall'approfondimento dato ai PNG chiave, sia nelle loro personalità che nelle loro motivazioni e debolezze.

      Al centro di ogni avventura ci sarà comunque un mistero su cui investigare, dei segreti da svelare, con astuzia e con tutti i mezzi a disposizione. Uno degli aspetti che trovo possa essere sia un punto di forza che una debolezza di questa antologia è che ogni avventura offre al DM i dettagli generali e le informazioni fondamentali, lasciandogli la libertà di definire i dettagli di contorno o di modificare alcuni aspetti. Più che quindi una raccolta di avventure completamente e totalmente dettagliate, può essere vista come una raccolta di semi di idee, con oggetti, storie e PNG interessanti da cui prendere spunto e da rifinire. Può quindi risultare uno strumento molto prezioso ed utile, ma non è adatto a chi si aspetta di avere delle avventure già perfettamente pronte e su cui fare poco o niente lavoro.
      Un altro possibile punto di forza e debolezza al contempo è che ciascuno di queste avventure è per sua natura abbastanza breve e autoconclusiva. Questo da un lato può risultare soddisfacente per molti gruppi, che magari non hanno molte occasioni per giocare oppure che preferiscono di base delle storielle più brevi rispetto a delle campagne di lungo corso. Inoltre la soddisfazione data dalla risoluzione "veloce" e mai scontata di queste linee narrative non è un aspetto da sottovalutare, così come il fatto che le "ricompense" non sono quasi mai limitate a semplici oggetti di valore. D'altro canto questo approccio episodico può mal sposarsi con i giocatori e gruppi più interessati alle lunghe campagne e linee narrative complesse, anche se persino in quel caso l'uso sporadico di queste mini-avventure può a mio avviso essere utile per spezzare un pò il ritmo e creare un contrasto interessante tra le normali sessioni e le occasionali situazioni peculiari.

      Un aspetto che vale la pena sottolineare per bene è che c'è davvero una enorme diversità nella tipologia di storie, eventi e PNG che ci vengono presentate in questo manuale, cosa anche legata al fatto che ciascuna di queste avventure è scritta da un autore diverso. Tra gli autori troviamo Graeme Barber, Kelly Lynne D’angelo, Alison Huang, Mark Hulmes, Jennifer Kretchmer, Daniel Kwan, Adam Lee, Ari Levitch, Sarah Madsen, Christopher Perkins, Michael Polkinghorn, Taymoor Rehman, Derek Ruiz, Kienna Shaw, Brandes Stoddard, Amy Vorpahl, e Toni Winslow-Brill.
      Per quanto riguarda le avventure si passa da un dungeon completamente accessibile a personaggi in sedia a rotelle a storie che approfondiscono in maniera non stereotipata le mitologie arabe e cinesi. I PG passeranno dal dover affrontare un culto misterico che vuole letteralmente lanciare la torre principale di Candlekeep nello spazio come se fosse un razzo missile al debellare una terribile epidemia fungina che sta dilagando per il mondo a viaggi in reami fatati racchiusi in un libro.

      Ad accompagnare tutto questo troviamo mappe semplice e di facile utilizzo, assieme ad illustrazioni di grande effetto che trasmettono molto bene la varietà di luoghi e personaggi che i PG potranno incontrare ed ammirare. Il fatto che ciascuna avventura abbia uno scrittore ed un artista dedicati ha aiutato molto a mio avviso a rendere davvero efficaci e di grande effetto le varie storie.
      Detto questo forse il numero di illustrazioni interne è un pò carente e la qualità delle storie non è sempre consistente, con degli inevitabili alti e bassi. Per dire l'avventura Book of the Raven scritta da Chris Perkin in persona per personaggi di 3° livello e che porta i personaggi nella Coltre Oscura ha dei PNG decisamente interessanti, ma è poco più che una scusa per fornire un aggancio per un'avventura su Ravenloft (forse un omaggio alla Van Richten's Guide to Ravenloft presto in arrivo?) e non offre molto di stimolante da fare ai PG. Dall'altro canto rimanendo sempre in tema dark/horror Shemshime's Bedtime Rhyme e A Deep and Creeping Darkness (entrambe per PG di 4° livello e scritte rispettivamente da Sarah Madsen e Ari Levitch) sono degli eccellenti esempi di come riuscire a portare l'horror nelle sessioni di D&D. In particolare A Deep and Creeping Darkness offre al DM degli ottimi consigli su come gestire i PNG, consigli da cui un DM neofita può imparare molto in generale su come dare forma ad un PNG tridimensionale e che susciti l'interesse dei giocatori.



      In definitiva trovo questo manuale molto interessante e utile, probabilmente non adatto a tutti i gruppi, ma pensato e strutturato con un occhio di riguardo alle esigenze ed interessi di molti dei nuovi gruppi di giocatori formatisi negli ultimi anni, in particolari quelli siti negli USA (cosa che d'altronde vale per buona parte dei manuali per D&D 5). Nonostante questo trovo che possa fornire qualcosa di interessante a giocatori di ogni età ed interessi e per quanto mi riguarda lo reputo un acquisto decisamente valido.

      Visualizza articolo completo
    • By Kable991
      Ciao, 
      cerco gruppo e DM che possa giocare su Discord, via chat o in chiamata che sia. 

      Lascio la massima disponibilità al master di scegliere il sistema che gli è più nelle sue corde.

      Al momento ho giocato a d&d3,5 - 5e / Ultima Torcia / 7th sea / Brancalonia / Pathfinder / Vampire v5. 
      Sono disponibile anche per provare cose nuove. 

      L'importante è ruolare!
    • By Alonewolf87
      Diamo uno sguardo al funzionamento interno del Team D&D della WotC tramite le parole di uno dei suoi membri.
      A fine Aprile di quest'anno la WotC ha aperto, nella sezione del proprio sito dedicata a Dungeons & Dragons, un blog gestito da Brandy Camel (NdT, Community Lead per Dungeons & Dragons) e Ray Winninger, dove gli sviluppatori e creatori di D&D possono comunicare con i fan e rendere noti i loro pensieri, processi creativi e molto altro.
      Nel primo articolo di questo blog Ray Winninger ha fornito ai lettori uno sguardo dietro le quinte sui processi creativi interni dei prodotti per D&D, con alcuni dettagli di particolare interesse che vi riportiamo qui sotto:
      Quanto ci vuole per creare un prodotto per D&D 5E?
      Come si sceglie di creare un prodotto per D&D 5E?
      Cos'altro uscirà nel 2021?
      Link al blog: https://dnd.wizards.com/dndstudio_blog1
      Visualizza articolo completo

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.