Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
By senhull

Intervista a Keith Baker riguardo Exploring Eberron

Questo è il link all’evento andato in onda ieri.
Qui sotto trovate una breve sintesi per chi non avesse voglia/tempo di guardarsi tutta la registrazione.
Exploring Eberron
Il libro sarà pubblicato su DMs Guild sia come PDF sia in un'edizione cartacea su copertina rigida (ad oggi ancora senza data ufficiale), ma Keith ha detto più volte in tutto lo stream che ciò potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Stanno aspettando che le copie stampate ottengano il via libera poiché credo che il precedente processo di stampa fosse disallineato/con errori. Quindi dita incrociate per questo fine settimana e Keith ha ribadito che è ciò che spera. Il prezzo del libro non è stato menzionato nello stream. Si tratta di 248 pagine e ci saranno più parole che in Rising from the Last War.
Il libro mira a coprire temi che sono stati ignorati o solo brevemente menzionati nei precedenti libri canonici, tra i quali la cosmologia planare, gli oceani e i regni dei mostri (goblinoidi in primis).
C'è un intero capitolo dedicato alla cosmologia planare, che include una mappa splendidamente illustrata dei piani e ogni piano avrà tra 4-6 pagine che descrivono in dettaglio i concetti (per esempio come funziona Fernia, e quindi far passare il messaggio che non è solo il piano di fuoco). L’obiettivo è quello di permettere ai DM di predisporre con serenità e completezza tutto quel che necessario per sviluppare un'avventura planare, nonché definire come i piani potrebbero influenzare un'avventura anche se di viaggi planari non ne vuoi sentir parlare: praticamente come funzionano le zone di manifestazione. C'è anche una grande sezione dedicata ai goblinoidi Dhakaan in cui probabilmente verranno dati molti dettagli sulla storia del loro impero e di ciò che ci si deve aspettare esplorando le loro rovine.
Sottoclassi
Ci sono sei nuove sottoclassi. Due di loro sono "solo" per personaggi di razza goblinoide, anche se non è detto che siano vincoli razziali, ma trattandosi di Dhakaan…
Adepto della Forgia (Artefice) (Goblinoide)
Keith descrive questa classe come la tradizione di artefice Dhakaan (OT: su questo potrei aprire una bella discussione…), ed è una sorta di spin-off della sottoclasse del Battle Smith da Rising from the Last War. Laddove il Battle Smith si concentra sul costrutto/famiglio, l’Adepto della Forgia cercherà di creare un'arma perfetta e quindi migliorarla. Usa l'idea che i Dhakaani siano, per tradizione marziale, principalmente dediti alla forgiatura di armi e armature, quindi l’Adepto della Forgia è un esperto nella creazione di armi e armature e cerca di creare "l'arma perfetta". Questa è un'altra sottoclasse di artefici melee. Ovviamente l’arma perfetta ha anche un nome specifico in goblin che non vedo l’ora di leggere!
Collegio dei Cantori Funebri (Bardo) (Goblinoide)
Basandosi sul fatto che i Dhakaani tendenzialmente non amano la magia arcana e divina, molti dei loro leader spirituali erano Bardi (clan Kech Volaar, in primis). Lo descriverei come una sorta di comandante del campo di battaglia che ispira costantemente le truppe. Keith lo descrive dicendo "sto interpretando il mio ruolo attraverso i miei compagni, non ho bisogno di combattere; sto guidando gli altri". Sembra una sorta di sottoclasse.
Maverick (Artefice)
Questa sottoclasse si rifà all'infusione dell’artefice della 3.5 " Spell Storing Item” (Accumulatore di incantesimi). Keith la spiega così: "Farò la cosa di cui abbiamo bisogno, datemi un minuto". L'artefice è in grado di immagazzinare incantesimi negli oggetti (cura ferite portatili? Torrette fulminanti? Mine fireball?). Il Maverick è in grado di scegliere incantesimi destinati ad altre classi anche se in misura limitata, e con il consueto incremento man mano che si sale di livello. Sono anche in grado di cambiare i cantrip con un breve riposo.
Via dell’Arma Vivente (Monaco)
Questo attinge ad alcune classi di prestigio descritte nei manuali Eberron 3.5 come il Quori Nightmare e il Were-touch Master, e si concentra sul trasformare il tuo corpo in un'arma. Sebbene non siano bloccati dal punto di vista razziale, esistono apparentemente "percorsi" diversi che si amalgamano bene con razze come Forgiati, Morfici o Cangianti.
Circolo della Forgia (Druido) (Questo potrebbe essere razzialmente vincolato ai forgiati)
Parte di questa classe è in realtà frutto di una discussione che chi ha giocato ad Eberron un druido forgiato (in qualsiasi edizione) si sarà PER FORZA posto: "Ma un forgiato si trasforma in un animale in carne e ossa o in un Animale forgiato/costrutto? ". La risposta ufficiale è sempre stata quella di trasformarsi in un animale in carne e ossa. Questa sottoclasse ora ti consente di trasformarti in un animale forgiato (OT: ma quanto bella è questa idea…???). Apparentemente è simile al Cerchio della Luna in quanto è un druido guidato da una forma selvaggia, ma si concentra maggiormente sull'essere un costrutto. Todd ha anche menzionato cose come "Adamantine Hide", "Skin of Steel", "Elemental Fury", ma queste non sono state ampliate durante i discorsi, accendendo in me un interesse ancora più forte…
Dominio della Mente (Chierico)
Questa sembra essere la cosa più vicina ai poteri psionici, direi che è assolutamente perfetto per i Kalashtar visto che sfrutta per bene i poteri psionici, ma che devono essere per forza di allineamento buono. Si ottengono quindi incantesimi come Comando, Confusione, Dominare Persone e Telecinesi. Quando lanci un incantesimo che infligge danno radiante, puoi invece fargli infliggere danno psichico, quindi cose come la fiamma sacra ora possono avere il flavour di un'esplosione mentale.
Sottorazze
Rune Bound / Rune Born / Ruin Blood (?)
C'è una sottorazza (accennata, ma potrei aver inteso male) che il libro aggiunge, questa è la sottorazza di Rune Bound per il Nano e si rivolge ai Nani delle Rocche di Mror e più specificamente a coloro che giocano lo stregone. Mentre i nani “standard” combattono senza sosta contro i Daelkyr, il Rune Bound Dwarf nasce con un simbionte dentro di sé e con la capacità di usarlo. Il nano (figherrimo) sulla copertina di Exploring Eberron è uno di questi.
Marchi del Drago
Gli oggetti Focus dei Marchi del Drago hanno una nuova sezione, con molte più opzioni da esplorare.
I marchi del drago sono stati ampliati per includere ora i Marchi Siberys (finalmente!!!). Questa non è un talento, né un'aggiunta di sottorazza, un Marchio Siberys può essere acquisito solo tramite il DM che permette ad un giocatore di ottenerne uno, e dovrebbe richiedere una grande ragione narrativa dietro a tale concessione. Keith li definisce Doni Soprannaturali.
La classificazione è: se hai un marchio del drago (talento di Rising from the Last War) potete migliorarlo a Marchio Superiore. Se non avete un marchio e lo ottieni, ora avete un Marchio Siberys. Questo è stato fatto per provare a combinare i le due opzioni, semplificando. In definitiva, se non si desidera utilizzare i marchi Siberys, dipende dal DM.
Oggetti magici
C'è un bel pacchetto di nuovi oggetti magici.
Oggetti simbiotici come
Crawling Gauntlet (Guanto strisciante?) Hungry Weapon (Arma Affamata) Coat of Many Eyes (Manto dei molti occhi) Tongue Worm (Verme lingua?) Wandering Eye (occhio errante) Sono stati inseriti oggetti focus dei Marchi del Drago, per risolvere il problema di chi possiede il marchio ma non è un incantatore e quindi avrebbe delle difficoltà oggettive a lanciare il proprio incantesimo. Questi elementi dovrebbero risolverlo.
Varie ed Eventuali
Si parla poi di:
Oggetti magici Dhakaani Armi magiche d’assedio Altre cose C'è un capitolo chiamato Friends & Foes (Amici e Nemici), che dovrebbe contenere blocchi di statistiche sia per gli amici che per i nemici. Parte di questo capitolo parla di Valaara, la Regina Strisciante, una delle Sei Piaghe Daelkyr (fra l’altro tra gli spoiler che trovate sul blog di Keith). Un altro Quori e poi altre informazioni sulle razze acquatiche.
Non ci sono nuove informazioni sul Marchio della Morte, ma viene trattata la storia di Erandis, nonché una sezione sul Sangue di Vol e le altre fedi. Keith chiarisce alcune informazioni contrastanti di diversi autori, e ha specificato che tutte le informazioni nel libro rappresentano la SUA visione e di come aveva originariamente creato Eberron.
Si discute poi sul flavour dei personaggi psionici.
Ci sono alcuni nuovi talenti.
C'è una sezione sull'Ultima Guerra, su come è stata effettivamente combattuta e sui metodi usati, questo probabilmente includerà le armi magiche d'assedio.
Read more...

Curse of Strahd: è in arrivo la Revamped Edition

La Wizards of the Coast ha annunciato l'uscita per il 20 Ottobre 2020 di Curse of Strahd Revamped, una boxed edition della già pubblicata Avventura per D&D 5e Curse of Strahd (di cui potete trovare qua la recensione pubblicata su DL') ambientata nel tenebroso semipiano di Ravenloft. Questa Boxed Set, in arrivo al prezzo di 99,99 dollari, conterrà all'interno di una scatola a forma di bara:
Una versione aggiornata dell'Avventura, che integrerà gli Errata e molto probabilmente una revisione delle sezioni dedicate ai Vistani (come già preannunciato qualche tempo fa). Un breve manuale dei mostri chiamato Creatures of Horror (Creature dell'Orrore). Un poster contenente su un lato la mappa di Barovia e sull'altro quella di Castle Ravenloft. Un mazzo dei tarocchi e un opuscolo di 8 pagine. Una dozzina di "cartoline" da Barovia. Uno Schermo del DM IL sito IGN ha pubblicato un video in cui, insieme a Chris Perkins, viene mostrato il contenuto di questa boxed edtion:

Fonte: https://www.enworld.org/threads/curse-of-strahd-revamped-boxed-collectors-edition.673545/

Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/tabletop-games/rpg-products/curse-strahd-revamped
Read more...
Sign in to follow this  
Dark_Megres

Revisione Stregone 3.5

Recommended Posts

Per informazioni andare a leggere il post in discussioni generali "Discussione sullo stregone 3.5"

Comunque il discorso è che avevo aperto un topic che parlava dello stregone 3.5 e che secondo me era una classe malfatta. Ho notato che il dissenso è abbastanza condiviso e mi è venuto in mente di sviluppare un avanzamento migliore dello stregone che rifletta il modo in cui noi lo vediamo. Una volta definita la classe in maniera comune fare gameplay sarebbe più facile e veloce, considerando quanti siamo. Potremmo notare in breve le maggiori pecche e, in poco tempo, arrivare ad un buon risultato.

Che ne dite, lo rifacciamo questo stregone, stavolta in grazia di dio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ok, io sono dentro per questo progetto, lo stregone è l'altra mia classe favorita (dopo il bardo), e mi spiace che per vederla caratterizzata devo per forza intraprendere una classe di prestigio.....

Avendo appena letto il topic ho iniziato da due minuti a sprenere le meningi, tra non troppo posterò qualcosa, immagino..:rolleyes::confused::sleep:

Modifico così non posto troppo...

Dunque, ho pensato un po'e mi è venuto in mente pressapoco questo come beta per lo stregone 3.6:

Dado vita: d4

Tiri salvezza buoni: Volontà

Abilità di classe e punti abilità per livello:

Artigianato

Concentrazione

Conoscenze (arcane)

Diplomazia

Intimidire

Percepire Inganni

Professione

Raccogliere informazioni

Raggirare

Sapienza magica

4+INT punti per livello

Intimidire, raggirare, diplomazia,e percepire inganni perchè lo stregone infondo è un "uomo di mondo", viaggia e si trova in mezzo ad altre persone, non è chiuso in uno studio dove le capacità sociali si possono atrofizzare inutilizzate. Per il resto, bè, non le ho toccate...

L'avanzamento degli incantesimi rimane invariato, e così anche l'attacco base.

I livello__________Sintonia Arcana, Escludere Materiali

IV livello_________Individuazione del magico a volontà

VI livello_________Talento bonus , Incentesimi focalizzati

X livello__________Controincantesimo Migliorato, Talento Bonus

XII livello________Capacità magica

XV livello________Talento Bonus, RI CAR+10

XVII livello_______Capacità magica

XX livello________Talento Bonus

I talenti bonus, da considerarsi disponibili solamente se si rispettano i prerequisiti per poterli acquisire:

Arma Focalizzata (raggio), Arma focalizzata superiore (raggio), Competenza nelle armi da guerra, Competenza in arma esotica, Incantesimi Inarrestabili, Maestria, Abilità Focalizzata, Incantare in combattimento, Arma accurata, Iniziativa Migliorata, Tempra possente, Riflessi Fulminei, Volontà di Ferro, Autorità.

Sintonia arcana, +2 alle prove di Conoscenze arcane e Sapienza Magica

Individiazione del magico a volontà, In uno stregone scorre nelle vene la magia, dopo un po' di allenamento, con la sola concentrazione è capace di percepire le vibrazioni di energia arcana attorno a sè...un po'come il paladino percepisce le vibrazioni di energia negativa e malvagia...

Capacità magica, e perchè no? in fondo lo stregone ci si diverte pure con gli incantesimi, non li studia, lui li vive come parte di sè. Dopo lunga pratica lo stregone è in grado di scegliere un incantesimo di primo livello o inferiore che già conosce, e lo può usare un numero di volte al giorno pari al suo bonus CAR

RI 10+CAR Perchè lo stregone è sempre più in sintonia con le energie magiche attorno a lui, inizia a precepirle come semplici manifestazioni della volontà di altri incantatori e a resistervi con efficacia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, figata!

Queste sono le mie proposte, ma sono da rifinire, soprattutto la prima è in tutto e per tutto da definire!

Allora, a mio parere il problema principale dello stregone è il come lancia gli incantesimi, ovvero, nello stesso modo di un mago. Allo stregone la magia viene naturale... ma non gli è possibile "capirla", può solo scoprire ogni tanto che intraprendendo azioni particolarmente ridicole ("Alberigo, smettila di giocare con la cacca di pipistrello!") riesce a castare degli incantesimi.

In secondo luogo ci sono da cambiare le abilità di classe, conferendo allo stregone le principali abilità basate sul carisma come di classe (diplomazia, raccogliere informazioni, ecc...) dandogli finalmete la possibilità di interpretare il possibile ruolo di leader naturale con i numeri, oltre che con la fantasia.

Terza cosa, togliamogli quella baggianata della competenza nelle armi semplici per dargli qualcosa di serio, o comunque più utile a caratterizzarlo.

Il dado vita lo terrei a d4

I punti abilità potrebbero essere o 2 o 4 per livello

Il bonus d'attacco lo terrei a metà dei Dadi Vita

I tiri salvezza li terrei invariati

Secondo me c'è proprio da lavorare sui privilegi di classe e gli incantesimi (lanciati e appresi)

Per esempio:

(proposta che mi è frullata in mente ma che è da definire)

Lo stregone come classe non può specializzarsi, paradossalmente però uno stregone è più portato a specializzarsi di un mago. Poniamo il caso che ogni stregone sia particolarmente dotato, ma che abbia una profonda empatia con una scuola di magia in particolare. (quella più vicina al suo BG, al suo modo di essere, e alla sua personalità)

Ogni stregone al primo livello sceglie una scuola di magia che non può essere cambiata.

Lo stregone conosce un numero di incantesimi fisso +1 per livello di incantesimo. (come gli incantesimi conosciuti dal chierico, per intenderci)

Ora, lo stregone ha una lista di incantesimi fissa, TRANNE CHE PER QUELL'UNICO INCANTESIMO PER LIVELLO, che ogni giorno può prepare a sua scelta dalla lista di incantesimi del mago e dello stregone, posto il fatto che l'incantesimo preparato deve essere della scuola scelta dallo stregone al primo livello.

Questo incantesimo non è "preparato" dallo stregone come per un mago. Il concetto è che lo stregone si svegli la mattina e dica "voglio ottenere questo effetto manovrando la trama... come faccio?" e lo capisca come solo uno stregone può fare. Lo stregone lancia tale incantesimo normalmente, utilizzando gli slot come per castare gli altri incantesimi.

questo potrebbe dare una certa flessibilità allo stregone, e avvicinare il giocatore all'idea che lui "comprende" la magia in quanto tale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi con questa tua proposta però lo stregone avrebbe un lista incantesimi diversa e non sarà più "lista da Mago/stregone" ma sarà Lista da mago; lista da Stregone.....è che così però mi sa che divetna molto più forte.....bisognerebbe vedere quali sono gli incantesimi che avrebbe nella lista fissa

PS ah, fra i talenti bonus non ho incluso Autorità...me lo sono scordato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti! mi stavo interessando al topic perchè lo stregone è la mia classe preferita!! così ho deciso di postarvi la mia variante di stregone!! Allora in poche parole è il solito stregone con le seguenti abilità in più: diplomazia,intimidire e raccogliere informazioni

Poi ha un provilegio di classe fondamentale... può scegliere come talento bonus al primo livello uno dei seguenti talenti (Eredità Infernale,Eredità Draconica, Eredità Celestiale). Ogni 5 livelli (come il mago) ottiene un talento bonus di eredità, del tipo che ha scelto (infernale,draconico,celestiale) al 20 livello ottiene Apoteosi, che può diventare mezzo-immondo, mezzo-celestiale o mezzo-drago senza cambiare allineamento...

Lo so ques'ultima cosa è un pò sgravata ma ancora non sono arrivato ad utilizzarla... se noto ke è troppo forte la cambio...

dite cosa ne pensate

grazie a presto ragazzi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Gatto Bardo>

No, la lista di inacantesimi rimane uguale; Lui conosce un numero di incanesimi a seconda del livello che rimangono fissi (come funziona adesso, insomma) della lista del Mago\Stregone, sempre da quella lista ne sceglie 1 che per quel giorno conosce e può lanciare. Però se lui al primo livello ha scelto, per esempio, "necromanzia" come scuola l'incantesimo che potrà preparare liberamente dovrà essere per forza di necromanzia.

Forse prima mi sono spiegato male... la lista dalla quale vegono scelti gli incantesimi non è da cambiare, e sincerametne non penso che per un incantesimo al giorno che sceglie liberamente diventerebbe sgravato.

In generale> La tabella di avanzamento di Gatto sinceramente mi ispira di più, in primo luogo perchè da la possibilità al giocatore di personalizzare lo stregone in maniera più personale, in secondo luogo perchè quella offerta da CantorediLama è troppo rigida. Nel senso che alla fine dei venti livelli tutti gli stregoni hanno avuto esattamente gli stessi poteri, senza contare il fatto che se faccio uno stregone pixie difficilmente vorrò o potrò avere eredità immonda e se sono una stregona succube eredità celestiale mi darebbe fastidio assaie :-D

Dado vita: d4

Tiri salvezza buoni: Volontà

Abilità di classe e punti abilità per livello:

Artigianato

Concentrazione

Conoscenze (arcane)

Conoscenza (piani)

Diplomazia

Intimidire

Percepire Inganni

Professione

Raccogliere informazioni

Raggirare

Sapienza magica

2 o 4+INT punti per livello (ancora non lo so...)

Attacco base invariato.

Incantesimi al giorno: stesso numero

Incantesimi conosciuti: Lo stesso numero-1 + quel famoso incantesimo preparabile a piacere

1° livello_________Sintonia Arcana, Escludere Materiali, Scuola di spacializzazione

4° livello_________Individuazione del magico a volontà

6° livello_________Talento bonus

8° livello_________Incentesimi intensificati

10° livello________Controincantesimo Migliorato

12° livello_______ Talento Bonus

15° livello_______ Ri: 10+livello di stregone

17° livello_______ Talento Bonus

20° livello_______ Risveglio

Risveglio: Al ventesimo livello lo stregone ha risvegliato il suo sangue in tutto e per tutto, trascendendo la sua natura umana. D'ora in poi sarà considerato un esterno. (con le stesse conseguenze di perfezione interiore del monaco di 20°)

I talenti bonus, da considerarsi disponibili solamente se si rispettano i prerequisiti per poterli acquisire:

Arma Focalizzata (raggio), Arma focalizzata superiore (raggio), Incantesimi Focalizzati, Maestria, Abilità Focalizzata, Incantare in combattimento, Arma accurata, Iniziativa Migliorata, Tempra possente, Riflessi Fulminei, Volontà di Ferro, Autorità qualsiasi incantesimo di Metamagia

Le motivazioni di cambiamenti sono:

-Diplomazia dovrebbe uscire naturale a una personalità carismatica come lo stregone.

-Teoricamente lo stregone in un gruppo è il primo a trattare con gli altri, conoscene nobiltà e regalità lo aiuta in questa sua attitudine. (etichetta, saper distinguere un barone da un duca, ecc...)

-Al primo livello se gli incantesimi venissero appresi come ho proposto va scelta una scuola di specializzazione

-Incantesimi intensificati permette allo stregone di sfruttare incantesimi di basso livello utilizzando liberamente più energia magica, specializzarsi è una cosa che può scegliere di fare di suo ma che non è tenuto a fare

-La RI è un'ottima idea, ma tutte le classi che la ottengono la ottengono a 10+livello di classe. vedi il monaco

-Risveglio caratterizza il monaco a livello ideale nello stesso modo in cui lo fanno i talenti di discendenza (e comportano diversi vantaggi) ma è un cosa generale, che sta a raffigurare la forza arcana che scorre nel sangue dello stregone

- i talenti bonus che lo stegone sceglie dovrebbero comprendere i talenti di metamagia

che ne dite?

ps: ho tolto le capacità magiche non perchè non è una buona idea, secondo me vale più la pena alzare il tiro su capacità molto "solide", e lasciar castare allo stregone gli incantesimi come la wizard si aspettava che dovessero essere castati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se intervengo... non voglio addentrarmi troppo, ma... perché Conoscenze (nobiltà e regalità) e non conoscenze (piani)? ho capito che c'è il bonus di sinergia con Diplomazia, ma mi sembra una cosa messa lì a caso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora... in effetti potrebbe essere levata, il fatto è che io vedo lo stregone sempre come un potenziale diplomatico. Un personaggio abituato a trattare con gente che conta dovrebbe avere dimestichezza con l'araldica. La motivazione era questa.

anche se in effetti anche piani sarebbe appropriato.

comunque addentrati pure, ci serve gente con spirito critico... lo scopo non è quello di fare una power classe, ma una classe caratterizzata!

ps: ho cambiato l'avanzamento, correggendolo. Dite, dite!

Una cosa, guardando meglio mi accorgo che i talenti alla fine sono un po' troppi.

Ne ho tolto uno ma sono troppi lo stesso... alla fine sono 7 talenti di cui 3 liberi, oltre a quelli che ti prendi sono troppi a mio parere. su gatto, ricorreggi a tuo gusto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

quelle che proponete non sono modifiche allo stregone, ma potenziamenti. la resistenza alla magia la trovo veramente troppo alta.

imo lo stregone dovrebbe avere dei punti da gestire come crede, un po' come gli psionici. mettere o togliere qualche talento non lo cambia sostanzialmente, si limita a renderlo piu` forte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devo dissentire.

Cosa hanno fatto dalla 3 alla 3.5 con il ranger? gli hanno aggiunto potenziamenti?

No, gli hanno aggiunto capacità che riflettevano quello che il ranger doveva diventare, ovvero il cacciatore per eccellenza. (6 punti abilità per livello, nascondersi in piena vista, mimetismo, ecc ecc...)

Le capacità che qui sono state date allo stregone sono atte a caratterizzarlo, e sono messe in rapporto a quello che noi immaginiamo essere lo stregone.

La RI è troppo?

Guardati il monaco e vieni a ripetermelo:

arriva al ventesimo a muversi 27 metri a round, pieno di talenti con +4 intrinseco alla CA, tutti i tiri salvezza al massimo, immune ai veleni, capace di parlare con qualsiasi creatura vivente, capace di trasportarsi con porta dimensionale una volta al giorno, capace di ritirare ogni TS contro compulsioni, tira 5 sberle da 2d10 a +15+15+15+10+5 prende la RI e diventa un esterno, può diventare etereo per un round per livello, ha eludere ed eludere migliorato... vuoi che continui? sono più o meno a metà *_*

Dare capacità durante l'avanzamento CARATTERIZZA LA CLASSE IN MANIERA SOSTANZIALE. guarda infatti come sono cambiate le classi dala 3 alla 3.5 e come lo hanno fatto.

L'aquisizione dei talenti caratterizza per forza il pg, perchè gli da la possibilità di assumere capacità a scelta del giocatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cosa hanno fatto dalla 3 alla 3.5 con il ranger? gli hanno aggiunto potenziamenti?
si`, e hanno incentivato i giocatori a fare piu` livelli di ranger e a non biclassare, come hanno fatto con barbarian e paladino.

Le capacità che qui sono state date allo stregone sono atte a caratterizzarlo, e sono messe in rapporto a quello che noi immaginiamo essere lo stregone.
e di fatto lo potenziano

La RI è troppo?
si`

Guardati il monaco e vieni a ripetermelo:

arriva al ventesimo a muversi 27 metri a round, pieno di talenti con +4 intrinseco alla CA, tutti i tiri salvezza al massimo, immune ai veleni, capace di parlare con qualsiasi creatura vivente, capace di trasportarsi con porta dimensionale una volta al giorno, capace di ritirare ogni TS contro compulsioni, tira 5 sberle da 2d10 a +15+15+15+10+5 prende la RI e diventa un esterno, può diventare etereo per un round per livello, ha eludere ed eludere migliorato... vuoi che continui? sono più o meno a metà *_*

il monaco non lancia desiderio, sciame di meteore e urlo della banshee

Dare capacità durante l'avanzamento CARATTERIZZA LA CLASSE IN MANIERA SOSTANZIALE. guarda infatti come sono cambiate le classi dala 3 alla 3.5 e come lo hanno fatto.

L'aquisizione dei talenti caratterizza per forza il pg, perchè gli da la possibilità di assumere capacità a scelta del giocatore.

puo` essere, ma quello che piu` salta all'occhio e` un potenziamento. imo se vuoi caratterizzarlo di piu` devi cambiare il modo in cui lancia incantesimi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' vero, sostanzialmente le abilità che ho messo e l'avanzamento lo potenziano, e non poco, lo rendono veramente versatile finalmente! Comunque fai un paragone con le altre classi, non mi pare di aver esagerato dato che la lista incantesimi è piuttosto limitata e anche il numero di lanci giornalieri (in fondo ne tira uno solo in più di un mago specialista al dì). Forse i talenti bonus sono eccessivi, ma ho pensato ad una RI, così come il Barbaro ha una RD. Il lancio della capacità magica è molto forte, tuttavia sarà disponibile solo a livelli medi... Non mi spiace così tanto, e vorrei provarlo prima di dire che è troppo forte così come l'ho proposto...:-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo a Dunsdan>

Quello che ti stavo chiedendo è: Li hanno unicamente potenziati?

Risposta: No, li hanno potenziati, come hai detto tu, per incentivare i giocatori a non biclassarsi, hanno dato spessore alla classe.

Lo stregone è una classe piatta, che piatta è e piatta rimane, che allo stato attuale può essere caratterizzata solo prendendo una classe di prestigio, o biclassandosi. le capacità che lo potenziano hanno lo stesso scopo di quelle che sono state conferite al paladino e al renger, cosa c'è che non ti quadra in questo discorso, che lo stregone viene potenziato? ti do una notizia, LO STREGONE E' SOTTODIMENSIONATO!

è vero, il monaco non lancia sicame di meteore, ma lo schiva con eludere migliorato, urlo della banhsee se non lo passa con il TA che ha al massimo lo può evitare con la RI che ha di classe. (e che secondo te è per forza esagerata)

E io non ti sto dicendo che il monaco è troppo potente, ti sto dicendo che è lo stregone a esserlo troppo poco, perchè malfatto.

Se avessi letto quello che ho scritto nel mi primo post e nel topic che ho aperto su discussioni generali avresti visto che sono della tua stessa opinione sul fatto che andrebbe cambiato il come lo stregone lancia incantesimi, ma gli utenti mi hanno sconsigliato una modifica così radicale indirizzandomi invece su uno sviluppo diverso dei privilegi di classe.

Piccola modifica al post:

Vatti a vedere il terzo post di questo stesso topic, il mio primo commento qual'è stato?

"Allora, a mio parere il problema principale dello stregone è il come lancia gli incantesimi"

lo trovi, vero?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo a Dunsdan>

Quello che ti stavo chiedendo è: Li hanno unicamente potenziati?

no, ma non ne hanno cambiato il succo, come non lo cambiano le tue modifiche. trovo il monaco molto ben bilanciato e lo stregone un po' inutile. si noti bene: non debole, ma inutile. da noi non lo fa mai nessuno.

quello che sto cercando di dire e` che le tue modifiche non creano uno stregone nuovo, ma uno stregone piu` forte e dal tuo punto di vista piu` bilanciato, ma non lo caratterizza particolarmente.

Se avessi letto quello che ho scritto nel mi primo post e nel topic che ho aperto su discussioni generali avresti visto che sono della tua stessa opinione sul fatto di come lo stregone lancia incantesimi, ma gli utenti mi hanno sconsigliato una modifica così radicale indirizzandomi invece su uno sviluppo diverso dei privilegi di classe.
credo che quella sarebbe la strada da seguire, se vuoi fare qualcosa di nuovo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se posto il mio primo post fuori dall'area delle presentazioni.

Sono uno dei giocatori della campagna di Dark Megres, in particolare faccio il Mago per vocazione vitalizia.

Dusdan, nonostante io preferisca infinitamente il mago allo stregone (e quindi per lotta di classe dovrei avvallare le tue tesi), mi trovo pienamente d'accordo con Gatto e Megres. Di fatto non si sta potenziando lo stregone ma si sta allargando il suo ventaglio di possibilità.

Il monaco non lancia sciami di meteore, sarà anche vero, ma uno stregone non picchia un drago a mani nude.

Il mago lancia anche lui sciami di meteroe e palle di fuoco ma con il vantaggio che lo stregone sceglie un incantesimo O l'altro per la vita intera, mentre un mago compra una pergamena, perde otto ore e l'incantesimo è per sempre sul suo libro, disponibile ogni mattina.

O parliamo di un paladino che ha immunità a gogo, guarisce, punisce il male e lo individua negli altri?

Per non parlare degli psionici che hanno poteri che "crescono con loro" all'avanzare del livello. Uno stregone di 20° della maggior parte dei suoi incantesimi di primo e secondo non se ne fa più nulla, mentre uno psion li accresce come vuole...

Pensi davvero che lo stregone sia ora come ora una classe bilanciata solo perchè lancia sciami di meteore?

E in un dungeon? Che te ne fai? E contro una creatura immune al fuoco, di venti palle di fuoco che te ne fai?

Dici che il ranger e il paladino li hanno potenziati per non farli biclassare? Mah, a me non sembra. A me sembra soltanto che tutto il parco delle classi di DND 3.5 sia stato "ampliato" più che "potenziato".

Non cercare di interpretare le proposte fatte soltanto in virtù dei numeri: il valore numerico sulla scheda serve sempre a rappresentare una condizione del personaggio.

Se lo stregone ha il talento magico nel sangue, o nel dna o dove si voglia, deve (DEVE) avere capacità che riflettano questa sua disposizione.

Allora il discorso non è se lo stregone è o meno potente ma se una classe che ha la magia nel sangue sia adatta al gioco di DND 3.5...

Secondo me lo è eccome e la classe così com'è fatta non permette di rappresentare per bene uno stregone così come viene descritto a parole dal manuale stesso.

Sai qual'è il problema a parer mio? Che se prendi dieci schede di dieci stregoni di 20° livello, tutti giocati, scoprirai che sono incredibilmente simili. E perchè? Perchè durante l'avanzamento uno stregone può fare così poche cose che il giocatore non riesce a svincolarsi.

Se prendi due maghi di 20° ti sfido a trovarli uguali. Il mio mago, che gioco da quasi dieci anni è cresciuto come un mago di creazione oggetto, scegliendo i talenti appropriati. Ma potrei benissimo essere un Mago da Guerra del Cormyr e aver scelto solo talenti di modificazione metamagica.

O ancora essere un ricercatore di Waterdeep ed essermi focalizzato sugli incantesimi collaborativi e potenziati...

ecc, ecc, ecc.

Lo stregone simili possibilità non le da e tantomeno è adatto a riflettere il fatto che la magia lui non la impara, la DOMINA!

Da amante della magia in ogni sua forma trovo che la Wizard abbia fatto un pessimo lavoro con lo Stregone. Non so da quanto giochi a DND; io ho giocato anche la prima edizione e ho passato l'adolescenza dietro alla Advanced. Bene, ricordo i primi annunci della 3rd edition alla fine dei 90s. Quando annunciarono una classe che lanciava incantesimi senza studiarli mezzo mondo di DND si diede alla pazza gioia. Il mago non soddisfaceva nessuno al tempo e lo stregone era la classe più attesa.

E se ne sono usciti con questa specie di borioso scavezzacollo che gioca col guano di pipistrello?

Questo ovviamente IMHO e senza darti contro per partito preso, sia chiaro! L'importante è divertirsi. :)

Per Gatto, Megres e tutti quelli a cui piace l'idea: posterò le mie proposte in qualche istante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa Dusdan, ci siamo accavallati e ti ho scritto una filippica. Ecco un commento più morbido:

no, ma non ne hanno cambiato il succo, come non lo cambiano le tue modifiche. trovo il monaco molto ben bilanciato e lo stregone un po' inutile. si noti bene: non debole, ma inutile. da noi non lo fa mai nessuno.

E' proprio per questo che vogliamo cambiarlo. E' inutile così com'è!

Ma cosa lo rende utile?

Secondo me il solo fatto di poter scegliere specializzazioni, talenti bonus e quant'altro lo renderà più appetibile a chi vuole un personaggio "personale".

quello che sto cercando di dire e` che le tue modifiche non creano uno stregone nuovo, ma uno stregone piu` forte e dal tuo punto di vista piu` bilanciato, ma non lo caratterizza particolarmente.

credo che quella sarebbe la strada da seguire, se vuoi fare qualcosa di nuovo.

Mettere uno stregone a punti cambia il modo di lanciare incantesimi, non il modo in cui il personaggio cresce.

Se mi dici che lanciare incantesimi è tutto e solo ciò che uno stregone dovrebbe fare, sto con te. Ma allora avremmo due concetti di DND molto molto diversi.

A me piacerebbe che lo stregone fosse una classe "capace di lanciare incantesimi" e non "che lancia incantesimi".

Non so se riesco a spiegarmi... un personaggio io lo gioco facendolo crescere e dandogli una direzione personale, morale ed estetica, non aspettando di poter lanciare un incantesimo in più al giorno.

Il mio mago passa più tempo a elaborare strategie per i guerrieri del nostro gruppo che a lanciare incantesimi. Credo di non aver MAI esaurito i miei incantesimi giornalieri da quando gioco, ovvero da 11 livelli.

Dici che gioco male?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti nella mia animostità ho in parte dimenticato la cortesia ^_^

Logicamente i tuoi sono commenti validi, ma sarei ancora più contento se avanzassi delle proposte oltre che delle critiche (critiche costruttive, intendiamoci)

Tu avresti per caso qualche idea in proposito?

Scarta a priori i punti, non vanno bene, se mettessi a punti lo stregone dovresti mettere a punti chierico, druido, paladino e ranger, che non devono studiare incantesimi ma che li possiedono in merito al loro particolare rapporto con la natura o con il loro dio.

Considera anche una terza cosa, le modifiche devono essere sostanziali, ma non troppo radicali, in quanto chiunque giochi in un ambientazione che abbia un contesto storico (come faerun) si ritroverebbe a dover attuare una serie infinita di conversioni. Modificare radicalmente il modo di castare di uno stregone vorrebbe dire doversi rifare tutti i PNG stregoni del faerun. Secondo me ampliare e approfondire lo stregone per com'è è un buon compromesso.

Come hai visto abbiamo preferito mettergli "escudere materiali" al primo invece che il d6 di dado vita, l'intento di caratterizzarlo c'è.

Ma ti ripeto, se hai idee proponi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornando alle mie proposte, le idee uscite sul post di Dark Megres riprendono molto il modo in cui lo vedevo io.

Addirittura la mia idea era di creare delle liste personalizzate per ogni specializzazione ma in definitiva aggiungere solo un incantesimo bonus al giorno per pagina è molto meglio.

Dobbiamo anche tenere conto di una cosa importante nel ampliare lo stregone: tanto più rimane basato sulla classe attuale, estendendola, tanto meglio è per i master che si troveranno a dover convertire i PNG stregoni ufficiali o presenti nelle avventure già scritte.

In realtà credo che per un PNG, se estendessimo lo stregone nel modo descritto nei post precedenti, l'adattamento sarebbe spesso quasi inutile, soprattutto se si tratta di un PNG di contorno.

Ad ogni modo e per tornare a bomba, io riprenderei l'avanzamento dello stregone aggiungendo alcune cose e mettendo alcune opzioni, in modo da permettere una ulteriore specializzazione.

1° livello_________ Escludere Materiali, Affinità prodigiosa(1*)

2° livello_________

3° livello_________

4° livello_________Individuazione del magico a volontà

5° livello_________

6° livello_________Talento bonus

7° livello_________

8° livello_________Incentesimi intensificati oppure Sintonia Arcana (2*)

9° livello_________

10° livello________Controincantesimo Migliorato

11° livello________

12° livello_______ Talento Bonus

13° livello_______

14° livello_______

15° livello_______ Ri: 10+livello di stregone

16° livello_______

17° livello_______ Talento Bonus

18° livello_______

19° livello_______

20° livello_______ Risveglio

Ai talenti bonus selezionabili aggiungerei un talento che chiamerei Affinità prodigiosa, dato in omaggio al primo livello.

Con questo talento lo stregone può selezionare un'altra scuola di specializzazione da cui scegliere gli incantesimi che prepara in modo spontaneo. Può prendere questo talento più volte con più scuole diverse.

E' vero, è molto potente, ma costa un talento dove il mago avrebbe comunque un talento bonus.

Per bilanciare questo potere potremmo determinare un malus di -2 alla CD di tutti gli incantesimi delle scuole contrapposte a quelle scelte con questo talento (quindi anche al primo livello). Questo non nega la scuola contrapposta come ai maghi ma ridimensiona il poter lanciare un incantesimo in più! E' un cavolata? E' tirato per i capelli?

In ogni caso direi che "Conoscenze (piani)" è assai più appropriato di "Conoscenze (araldica)". Al max metterle entrambe non squilibra poi molto, ma credo che la prima sia più naturale e istintiva.

Ecco le note:

1*) Sposterei Sintonia Arcana più su (vedi anche motivi al pnt 2*) perchè lo stregone di primo ottiene automaticamente un incantesimo in più al giorno da tutta la lista completa della scuola che gli è affine: questo lo rende molto potente, soprattutto ai bassi livelli. Rendendo questa specializzazione un talento bilanciamo il mago che ha due talenti bonus al primo livello.

Inoltre parlerei di Affinità e non di Specializzazione. A lui viene per talento e non per concentrazione.

2*) All'8° livello uno stregone può scegliere di diventare un più potente MANEGGIATORE di forze magice o un più potente CONOSCITORE di forze magiche. In questo caso il giocatore può (o è quasi costretto a) scegliere una forte impronta di caratterizzazione. Mi rimane il dubbio che in questo modo lo stregone sarebbe l'unica classe ad avere nell'avanzamento due talenti regalati ma mutuamente esclusivi e per omogeneità magari non è un bene.

Al massimo si può darli entrambi a distanza, come riporto nella tabella d'avanzamento relativa in appendice.

Che ne dite voi del "comitato tabella di avanzamento"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cavoli, mi sono dimenticato un'altra cosa che volevo scrivere e anche l'appendice e ho fatto un po' di casino... :banghead:

La proposta che scrivo qui è molto probabilmente sovradimensionante. Andrebbe provata "in game" per capire se non rende davvero lo stregone troppo potente, ma non si sa mai che possa essere una buona idea.

Allora, modifichiamo il nome del talento Affinità prodigiosa in Affinità arcana.

Ora nella tabella d'avanzamento inseriamo le tre voci:

1° livello_________ Escludere Materiali, Affinità prodigiosa(1*)

2° livello_________

3° livello_________

4° livello_________Individuazione del magico a volontà

5° livello_________

6° livello_________Talento bonus

7° livello_________Affinità superiore

8° livello_________Incentesimi intensificati oppure Sintonia Arcana (2*)

9° livello_________

10° livello________Controincantesimo Migliorato

11° livello________

12° livello_______ Talento Bonus

13° livello_______Affinità prodigiosa

14° livello_______

15° livello_______ Ri: 10+livello di stregone

16° livello_______

17° livello_______ Talento Bonus

18° livello_______

19° livello_______Affinità innata

20° livello_______ Risveglio

Le tre capacità speciali che ampliano le affinità permettono ad uno stregone di tramutare un numero di incantesimi conosciuto pari al suo bonus di carisma in incantesimi di una delle scuole Affini. Affinità superiore permette di usare questa capacità sugli incantesimi di prima pagina (I livello), Affinità prodigiosa concede la seconda pagina mentre con Affinità Innata viene garantita la terza pagina.

Ho pensato questo perchè come detto, uno psion, che usa poteri innati, può potenziare un potere man mano che sale di livello. Però per farlo lo psion deve spendere più punti, mentre lo stregone l'avrebbe gratis.

L'unico possibile espediente che mi viene in mente per bilanciare questo vantaggio è questo:

se uno stregone decide di convertire uno o più degli incantesimi conosciuti al primo livello in incantesimi di una delle sue scuole conosciute, lo slot bonus garantito dalla sua Affinità Magica di livello più alto viene perduto.

Se converto uno o più incantesimi della seconda pagina, egli deve sacrificare i due slot più alti, mentre per convertire anche la terza egli perde i tre slot più alti.

Ad esempio, Ilir è uno stregone di 15° livello affine alla scuola di Necromanzia. Egli ha quindi garantito uno slot bonus al giorno fino alla settima pagina per lanciare necromanzie scelte a piacere dalla lista completa del manuale.

Prima di affrontare un esercito di non morti decide di sacrificare i suoi incantesimi conosciuti di secondo livello per concentrarsi sulla necromanzia nella speranza di vendere cara la pelle. Tre dei suoi incantesimi conosciuti di secondo livello sono quindi convertiti in altrettanti incantesimi di secondo livello scelti liberamente dall'intera lista riportata sul manuale.

Per lo sforzo cognitivo di padroneggiare così bene le forze magiche, però, egli perde gli slot bonus di sesta e settima pagina.

Se invece Ilir al 19° livello volesse anche preparare un incantesimo contro i non morti di terza pagina, sacrificando uno dei suoi incantesimi conosciuti, gli slot bonus di 9°, 8° e 7° livello se ne andrebbero a quel paese.

Bilancio: Ilir avrebbe più incantesimi di necromanzia diversi tra loro, ma tutti poco potenti, avendo sacrificato quelli bonus di alto livello.

Che ne dite?

Sento che anche così questa proposta è destabilizzante. Credo sia davvero troppo potente! Tutto sta a vedere se 4 incantesimi di terzo livello valgono più di uno di 7°, uno di 8° e uno di 9°. Forse no, al che il giocatore sarebbe portato a usare questo potere solo quando ne ha realmente l'esigenza!

Forse si potrebbe convertire queste Affinità eccezionali in talenti invece che lasciarli come capacità speciali in modo che per averle si debba sacrificare uno dei talenti bonus?

Boh!

Share this post


Link to post
Share on other sites

potremmo discutere all'infinito ma i due punti di vista permarrebbero: per me e` un potenziamento, per voi e` un ampliamento delle possibilita`. legittime opinioni, vi sarei solo grato se la smetteste di fare insinuazioni su come gioco, da quanto gioco etc. etc., non e` buttandola sul personale che si ottiene la ragione.

detto questo, quest'ultima versione che ho letto mi sembra decisamente troppo complicata. per farla semplice io metterei:

- qualche talento bonus (meno del mago)

- 3 o 4 capacita` magiche, una per livello, da usare 3 volte a giorno, o una volta per ogni punto di bonus carisma

- niente spell resistance

in piu` si potrebbe puntare un po' sul legame coi draghi, dandogli qualche talento correlato.

p.s.: non vedo perche` 2 sorcerer di 20esimo dovrebbero essere simili e due maghi no.l

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By aza
      In questo mese di agosto corre il 20° compleanno di D&D 3e.
      Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
      Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
      Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.

      View full article
    • By aza
      Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
      Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
      Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
    • By mugiwaranofede
      Ciao, siamo 4 giocatori e stiamo cercando un master per fare una campagna online su roll 20
    • By Tensazanghetsu
      salve il nostro master per motivi personali ha deciso di non masterare piu siamo un gruppo di 5 giocatori (4 e il master che ora gioca e basta con noi) ci serve un master, in caso si riadattano i pg alla 5 edizione
    • By Tensazanghetsu
      salve il nostro master per motivi personali ha deciso di non masterare piu siamo un gruppo di 5 giocatori (4 e il master che ora gioca e basta con noi) ci serve un master 
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.