Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Waterdeep: il Furto dei Dragoni. Remix - Parte 1C: Fazioni dei Personaggi

Proseguiamo nel remix proposto da The Alexandrian dell'avventura Waterdeep: Il Furto dei Dragoni, finendo di parlare delle fazioni presenti a Waterdeep.

Read more...

In arrivo la Guida di Van Richten a Ravenloft, la Guida Omnicomprensiva di Xanathar e lo Schermo del Dungeon Master Reincarnato

Sono stati annunciati ufficialmente dalla WotC tre nuove localizzazioni italiane di prodotti per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #13: Le Quattro Fasi della Magia - Parte 3

Lew Pulsipher ci propone una serie di domande circa la diffusione della magia nel mondo di gioco, offrendo spunti di riflessione sui quali costruire campagne e ambientazioni più interessanti. 

Read more...

Classe Armatura in Dungeons & Dragons 5E

In questo articolo analizziamo i maggiori cambiamenti alla Classe Armatura nella Quinta Edizione di Dungeons & Dragons.

Read more...

Personaggi di Classe #2 - Collegio Bardico: Collegio del Metal

Nel secondo appuntamento con HicksHomebrew conosceremo un collegio bardico che insegna a cantare in growling e a realizzare potenti assoli. Preparatevi a pogare!

Read more...

HR: specializzazione del mago


Fenice
 Share

Recommended Posts

La specializzazione in una scuola di magia è stato uno dei meccanismi che è più cambiato nel corso della storia di D&D. Praticamente non esiste una versione che abbia mantenuto anche solo vagamente le stesse scelte della precedente.

In 1ª edizione, esisteva una sola specializzazione possibile per il mago: l'illusionista. Mago e illusionista lanciavano incantesimi da due liste di incantesimi completamente differenti.

In 2ª edizione, il sistema si fa più simile a quello attuale, con le otto scuole di magia. Ogni scuola di magia è opposta a un'altra, e un mago che decida di specializzarsi in una deve necessariamente rinunciare a lanciare incantesimi di quella opposta. L'unica eccezione sono gli incantesimi inferiori di divinazione, che possono essere lanciati da tutti.

Le opposizioni erano: abiurazione-trasmutazione, ammaliamento-invocazione, divinazione-evocazione, e illusione-necromanzia.

In 3.0, le scuole vengono divise in tre gruppi, a seconda della presunta potenza.

Gruppo 1: Evocazione, invocazione e trasmutazione.

Gruppo 2: Abiurazione, ammaliamento e illusione.

Gruppo 3: Divinazione e necromanzia.

Per specializzarsi in una scuola del gruppo 1, bisogna rinunciare a: un'altra scuola del gruppo 1, oppure due scuole del gruppo 2, oppure tre scuole qualsiasi.

Per specializzarsi in una scuola del gruppo 2, bisogna rinunciare a: un'altra scuola dei gruppi 1 o 2, oppure in entrambe quelle del gruppo 3.

Per specializzarsi in una scuola del gruppo 3, bisogna rinunciare a: un'altra scuola qualsiasi.

In 3.5, qualsiasi specialista deve scegliere due scuole qualsiasi tranne divinazione come scuole proibite, tranne il divinatore che ne deve scegliere una sola. In più, il Complete Mage introduce il focused specialist, che può rinunciare a un'ulteriore scuola in cambio di ancora più incantesimi al giorno della scuola preferita.

Eppure anche il sistema della 3.5, come discusso più volte, non è equilibrato, visto che le scuole di magia non sono equilibrate tra loro.

Vorrei quindi qualche consiglio su una HR. Quale sarebbe un buon modo per modificare le regole sulla specializzazione del mago, rispettando le due condizioni seguenti?

1) Non cambiare la scuola degli incantesimi (che è probabilmente la scelta migliore, ma richiede un lavoro più certosino).

2) Mantenere quest'opzione (certo, eliminandola si risolve il problema alla radice).

La mia idea è che il metodo della 3.0 sia il miglior punto di partenza, ovvero prendere in considerazione il diverso potere tra le scuole.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 13
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Secondo me non c'è bisogno di nessuna HR. E' pur vero che qualche scuola di magia si meglio di qualcun'altra, ma se uno vuole fare un ammaliatore o un necromante, lo fa anche se magari ci sono scuole migliori in cui specializzarsi. E' come uno che si lamenta che il guerriero è più debole del mago agli alti livelli...grazie hai scoperto l'acqua calda, ma se vuoi fare un guerriero lo fai lo stesso.

Certo, se poi tutti fanno il mago evocatore focused specialist e che ovviamente all'8° DEVONO prendere vuoto mentale facendo diventare tutti i maghi uguali, peggio per loro. Evidentemente gli interessa solo la potenza del PG, e non la bellezza di giocare un oscuro necromante o carismatico ammaliatore. L'ho già ripetuto diverse volte, io gioco anche un coboldo cieco se la cosa mi diverte.

Link to comment
Share on other sites

Se vuoi usa il metodo di Pathfinder, in cui le scuole proibite, non sono realmente proibite, solo piu' difficile in quanto hai dedicato meno tempo, di conseguenza se vuoi prendere una magia di quella scuola la pagherai il doppio degli slot.

Es. sei un illusionista di lvl 1 e hai scelto come scuole proibite ammaliamento ed invocazione, prepari quindi i tuoi soliti 3 incantesimi + 1 di specializzazione, ma quel giorno vuoi prendere uno "charme" (ammaliamento), sprechi 2 dei tuoi slot e puoi ancora prenderti 1 incantesimo di qualsiasi scuola a te non proibita e 1 di illusione perche' sei specializzato.

Spero sia chiaro cosa ho scritto :)

Link to comment
Share on other sites

@KlunK

Il mio obiettivo non è potenziare ammaliatori e necromanti, ma depotenziare evocatori e trasmutatori.

Se vuoi usa il metodo di Pathfinder, in cui le scuole proibite, non sono realmente proibite, solo piu' difficile in quanto hai dedicato meno tempo, di conseguenza se vuoi prendere una magia di quella scuola la pagherai il doppio degli slot.

Sì, ma questo potenzia ulteriormente il mago specialista. Non è certo un buono modo per riequilibrarlo.

Link to comment
Share on other sites

Questo metodo riequilibra le varie scuole, che poi alcune scuole sian piu' forti di altre... e' come se mi chiedessi di avere un pugnale piu' forte di uno spadone...

Il tuo discorso di depotenziare... non credo cmq di capirlo, perche' per me non ha senso.

Evocatori e trasmutatori sono potenti, lo sappiamo tutti!

Pensi che togliendogli altre scuole cambi qualcosa? assolutamente no! Perche' se hanno scelto quelle scuole i giocatori che gli togli un'altra scuola o anche altre 2 non cambia niente! sempre da quelle sceglieranno! L'unica e' potenziare gli altri se pensi che possa servire a riequilibrare.

Vuoi depotenziarli? diminuisci la potenza delle varie magie, ma e' un lavoraccio assurdo e rischi solo di stravolgere tutto quanto!

Evocatori e trasmutatori alla fine con metodo di Pathfinder non giovano troppo a differenza delle altre specializzazioni.

Link to comment
Share on other sites

Questo metodo riequilibra le varie scuole, che poi alcune scuole sian piu' forti di altre...

Ma io non voglio equilibrare gli specialisti tra loro e basta, ignorando tutto il resto. Altrimenti diciamo che non si rinuncia a niente, così ognuno si specializza in quello che gli pare. Peccato che si sta potenziando la classe più forte di D&D.

Il tuo discorso di depotenziare... non credo cmq di capirlo, perche' per me non ha senso.

Evocatori e trasmutatori sono potenti, lo sappiamo tutti!

Pensi che togliendogli altre scuole cambi qualcosa? assolutamente no! Perche' se hanno scelto quelle scuole i giocatori che gli togli un'altra scuola o anche altre 2 non cambia niente! sempre da quelle sceglieranno!

Sei sicuro che fare un evocatore rinunciando a quattro scuole sia così conveniente, tanto per fare un esempio? Io non penso proprio. Non ci lasciamo trascinare...

E poi non ho specificato che per specializzarsi si debba comunque rinunciare ad altre scuole.

L'unica e' potenziare gli altri se pensi che possa servire a riequilibrare.

I maghi sono già troppo potenti. Non intendo fare lo stesso errore di Pathfinder e potenziarli ulteriormente. Il mio obiettivo è evitare che la classe più potente del gioco possa aumentare ulteriormente la sua potenza in cambio di sacrifici risibili.

Link to comment
Share on other sites

I maghi sono già troppo potenti. Non intendo fare lo stesso errore di Pathfinder e potenziarli ulteriormente. Il mio obiettivo è evitare che la classe più potente del gioco possa aumentare ulteriormente la sua potenza in cambio di sacrifici risibili.

Per una cosa del genere basterebbe fare che per il master specialist con trasmutazione o evocazione si sacrificano 2 ulteriori scuole invece che una,oppure che per la specializzazione semplice in trasmutazione o evocazione costi 3 scuole,oppure tutti e 2

Link to comment
Share on other sites

@KlunK

Il mio obiettivo non è potenziare ammaliatori e necromanti, ma depotenziare evocatori e trasmutatori.

Secondo me è una fatica inutile. Sta alla maturità del giocatore capire che in certe campagne non c'è bisogno del mago supercombizzato. Se poi lui si diverte così e tutti i maghi che fa sono supercombizzati che hanno ammaliamento come scuola proibita, allora il problema è del giocatore, non della classe.

Inoltre, la differenza tra i maghi specializzati è molto inferiore rispetto a quella tra maghi e guerrieri. Insomma, è come quella volta che i deputati si sono lamentati che le brioches erano aumentate di prezzo, quando il loro stipendio e i loro privilegi sono ridicolarmente superiore a quelli dell'italiano medio.

P.S. La regola di Pathfinder mi sembra pessima, potenzia solo gli specialisti.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator

Secondo me non vanno depotenziati Evocatori e Trasmutatori. Se il problema è il disquilibrio tra gli specialisti, la soluzione andrebbe ricercata nell'utilità intrinseca delle singole scuole, quindi potenzialmente aggiungendo e modificando alcuni incantesimi.

A mio avviso, l'unica modifica quasi sensata nella direzione da te proposta potrebbe essere ridurre le scuole proibite di Ammaliamento, da 2 a 1. Le altre scuole, pur non essendo paragonabili alle due in questione in materia di versatilità, hanno sicuramente più motivo di essere scelte da uno specialista.

Per il resto, andrebbe fornito qualche beneficio effettivo ai maghi generalisti; ad esempio si potrebbe provare a concedergli slot bonus giornalieri, uno per ogni livello di incantesimo minore dei due livelli più alti che è in grado di lanciare (ad esempio un generalista di 17 ottiene slot bonus dall'1° al 7° livello di incantesimo), imponendo che non sia possibile preparare due incantesimi della stessa scuola allo stesso tempo in tali slot (devono essere tutti di scuole diverse).

Link to comment
Share on other sites

4 scuole in meno? no, non penso di esagerare, mediamente un mago non attinge a piu' di 3-4 scuole, soprattutto se specialista!

Se un giocatore e' bravo riesce ad utilizzare il suo pg anche con solo 2 o 3 scuole!

Le altre le usa solo per completare o perfezionarsi, ma non per reale utilita'!

Ovviamente questi discorsi sono validi se parliamo di gente che vuole usare Powerplayer, allora in quel caso, non ci puoi far niente!

Se uno caratterizza il personaggio in base alla storia, eventi, al personaggio e non solo al potere allora hai un vero giocatore e non ti devi veder costretto a porti il tuo problema... viceversa... non puoi realmente fare nulla!

Vieta certe magie, certe classi, crea ambientazioni prive di magia e ti risolvi il problema!

Il discorso che quelle 2 scuole siano potenti... non lo risolvi, non vuoi cmq potenziare le altre scuole, non vuoi togliere scuole a queste 2... cosa vorresti fare dunque?

Crea un metodo per affaticare i maghi quando lanciano magie, richiedi che si ricerchino tutti i componenti, non solo andare nei negozi e comprare i reagenti cosi' facilmente, fai che abbiano le dosi e i materiali che gli servono, che si creino tutto il necessario per i focus e altro!

Vedrai che cmq quando dovranno conservarsi 30 ali di pipistrello, 20 piume di gufo, 2 chili di sterco di minotauro o qualsiasi altra cosa che ti venga in mente o scritta sul manuale, vedrai che ti ritrovi una bella limitazione per i maghi!

(ovviamente devi vietare pero' il talento "escludere materiali")

Link to comment
Share on other sites

Inoltre, la differenza tra i maghi specializzati è molto inferiore rispetto a quella tra maghi e guerrieri.

Ma infatti io mi muovo anche in quel senso. Il fatto che in questo topic io chieda una cosa specifica non vuol dire che non pensi al resto. XD

4 scuole in meno? no, non penso di esagerare, mediamente un mago non attinge a piu' di 3-4 scuole, soprattutto se specialista!

Se un giocatore e' bravo riesce ad utilizzare il suo pg anche con solo 2 o 3 scuole!

Ma certo che si può! Si può anche usare una scuola sola volendo, se questa è abbastanza versatile.

Il punto è che questo richiede un sacrificio effettivo. Sacrificare due scuole, quando quelle due sono ammaliamento e invocazione, è un sacrificio che non si percepisce nemmeno.

Comunque grazie a tutti per gli interventi. Quando avrò ricevuto abbastanza consigli, arrischierò una regola.:-)

Link to comment
Share on other sites

Se il tuo scopo è quello di abbassare la potenza di evocatori e trasmutatori per portarla al livello delle altre scuole (chiedo per sapere se ho capito giusto) il mio consiglio è questo: lascia inalterate tutte le scuole a parte:

-ammaliamento: la specializzazione costa una sola scuola;

-evocazione e trasmutazione: la specializzazione costa tre scuole, di cui una deve essere neecromanzia o invocazione (per evocazione) o illusione/ abiurazione (per trasmutazione); le ho scelte in base al senso, più che alle meccaniche, quindi probabilmente è una castroneria; in alternativa chi si specializzi in una delle due, deve rinunciare all'altra e a una seconda scuola, ma questo è molto debilitante;

L'unico altro metodo che mi viene in mente sarebbe alterare in qualche modo gli incantesimi stessi, ma qui secondo me si va un po' fuori bersaglio...

Per quel che riguarda lo squilibrio fra maghi e guerrieri, posso solo suggerirti di giocare a DV massimizzati, un minimo compensa, oltre a rendere un minimo più lunghi gli scontri e utili i guaritori. La "variante" c'è piaciuta, tanto che dagli epici noi abbiamo i DV addirittura raddoppiati (anche perché se no gli scontri durano un round)!

Link to comment
Share on other sites

Non sono convinto, dopotutto molti non si fanno problemi a rinunciare a tre scuole per avere un focused specialist in evocazione/trasmutazione. E il focused specialist in evocazione/trasmutazione che rinuncia a tre scuole è palesemente esagerato, uno specialista normale potrebbe essere più equilibrato forse.

E comunque, pensavo di diversificare le scuole in base alla loro potenza, come succedeva nella 3.0. Ad esempio, se per specializzarsi in evocazione si può rinunciare anche solo a un'unica scuola, ma quella scuola fosse trasmutazione il risultato sarebbe abbastanza equilibrato. Per dire, per specializzarsi in evocazione potrebbe essere richiesto rinunciare a trasmutazione oppure ad altre tre scuole qualsiasi.

Da ricordare poi che l'evocatore ha una variante sgravissiva su Arcani Rivelati, quindi indipendentemente dagli slot extra, specializzarsi in evocazione credo che rimanga una scelta allettante.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.