Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: CY_BORG, Il Mulino e il Gigante, New Edo

Andiamo a scoprire assieme le novità in campo GdR attive in questi giorni su Kickstarter.

Read more...

Una Breve Storia dei Blocchi delle Statistiche dei Mostri

In questo articolo vengono analizzate le principali variazioni che i blocchi delle statistiche dei mostri di D&D hanno subito nel tempo.

Read more...

Ragionando sui Viaggi nelle Terre Selvagge - Parte 2

In questa seconda parte vedremo come aggiungere maggiore complessità ai nostri itinerari.

Read more...

La casa degli orrori

Gareth Ryder-Hanrahan ci presenta una breve idea per una serie di nuovi nemici di Fear Itself legati ad una casa degli orrori fin troppo reale...

Read more...

Le terre selvagge di Dembraava - Parte 1

GoblinPunch ci fa intravedere un altro squarcio nel suo mondo peculiare e bizzarro.

Read more...

Ravenloft: Topi da laboratorio (Topic di gioco)


Guest

Recommended Posts

@Dardan

Spoiler:  
Se i tuoi calcoli sono corretti, sono circa due giorni che prosegui ininterrottamente per questo cunicolo. Sembra non finire mai. Ma d’altra parte qualcuno dovrà pure controllarlo. Cammini da solo verso uno degli anfratti più reconditi e profondi della Grande Crepa, un luogo dal nome evocativo: il Crepaccio Infido. Da lì potrebbero provenire creature pericolose e terribili e deve essere ispezionato periodicamente. Le porte di Mithral che passi ad intervalli regolari sono in buone condizioni. Le usi come stazioni di posta prima di aprirle e richiudertele alle spalle, proseguendo nell’oscurità insieme a Nunc, il tuo compagno animale.

Finalmente sei arrivato a destinazione. L’ultima porta si apre su di un breve tunnel che conduce ad una terrazza naturale che dà sull’abisso. Una crepa naturale larga alcune decine di metri e talmente profonda da perdersi nell’oscurità più totale. Sembra tutto in ordine, nessuna creatura ha toccato le trappole e le difese lasciate da chi ti ha preceduto due decadi fa. Concludi in fretta il tuo lavoro e ti prepari a muoverti nuovamente verso casa quando ti rendi conto che Nunc ti sta segnalando che c’è qualcosa di strano. Alzi lo sguardo e ti rendi conto che una strana nebbia sta risalendo il Crepaccio Infido ed è appena arrivata alla terrazza su cui ti trovi. Non dai molto peso al fenomeno, se non fosse che la nebbia ha qualcosa di stano, di innaturale. Ci sono dei piccoli vortici che sembrano abbracciarti per poi lasciarti con un brivido. Inquietato volti le spalle al Crepaccio e riprendi il cunicolo verso casa. Fra pochi metri dovrebbe esserci la prima porta, ma in mezzo a questa dannata nebbia non riesci a vedere niente… cammini in avanti, con le pareti del cunicolo che ti circondano… cammini ancora chiedendoti dove diavolo si trova la dannata porta… il cunicolo sembra proseguire in avanti… forse in mezzo alla nebbia le distanza sembrano diverse… eppure avresti già dovuto passare la porta e sei sicuro di essertela chiusa alle spalle. Sempre più inquieto prosegui il tuo percorso fino a quando non ti rendi conto di essere in una caverna più ampia… che non dovrebbe esserci… una caverna piena di stalattiti e stalagmiti antiche e maestose affacciate su un lago sotterraneo. Non capisci, sicuramente tutto questo non dovrebbe essere qui… stupito avanzi verso un cunicolo che sembra portare all’esterno… l’aria fresca che proviene da quella direzione non lascia dubbi. E infatti, dopo poche centinaia di metri esci in un bosco di querce e castagni. Sembra essere una notte di autunno. Le foglie cadute ricoprono il sottobosco insieme ai ricci. La nebbia è ovunque, con i suoi vortici e, ma forse è solo un’impressione dovuta alla tensione nervosa, con i suoi tentacoli di fumo. Ti rendi conto di non avere la più pallida idea di dove si trovi questo luogo. L’unico suono è il vento fra i rami, il gocciolare delle foglie e un ululato in lontananza.

@Elayne

Spoiler:  
Notte. La strada che riporta a Greyhawk è illuminata dalla luce della luna e tu cavalchi sicuro e veloce nella fresca brezza del primo autunno. La missione che ti ha portato lontano per qualche giorno non era nulla di complesso e tutto sommato non ti ha dispiaciuto lasciare la città per un breve periodo. Attraversi un ponte di legno su un piccolo ruscello e prosegui verso una macchia di alberi, la strada si tuffa in mezzo a questi e tu rallenti leggermente il passo a causa della visibilità più scarsa. Visibilità che cala ulteriormente in poco tempo a causa di un inaspettato banco di nebbia. La cosa ti sorprende leggermente, è ancora presto per la stagione delle nebbie e questo è inequivocabilmente un banco di nebbia molto fitta… quasi inquietante. I tuoi sensi si destano improvvisamente mentre attorno a te cala il silenzio. Tutti i suoni sono ovattati nella nebbia, senti solo il rumore degli zoccoli del tuo cavallo e poco altro. Riesci a distinguere solo la strada, bianca nel bosco che ora sembra nero come la pece.

Prosegui, inoltrandoti nella nebbia più lentamente di prima e sperando di oltrepassare velocemente questo inconveniente atmosferico quando ti rendi conto che c’è qualcosa di strano. Ci sono dei vortici nella nebbia, a volte sembra di scorgere dei piccoli tentacoli di fumo che vengono ad accarezzarti il viso per poi scomparire subito dopo. Ora fai fatica a continuare, la visibilità è quasi nulla. Decidi quindi di tornare indietro e di accamparti vicino al ruscello con il ponte. Inverti la marcia e segui di nuovo la strada a ritroso. La segui per un tempo che sembra interminabile e questo bosco sembra non finire mai. Ti dici fiducioso che il tempo si dilata nella nebbia e che a breve uscirai nuovamente alla luce della luna. Prosegui per un tempo che non riesci più a calcolare, in mezzo ad una nebbia che si fa sempre più fitta. La strada ad un certo punto curva a sinistra… strano, non ricordo curve… e poi a destra per aggirare un enorme macigno che sei sicuro di non aver passato… prosegui, ormai convinto di aver sbagliato qualcosa, di non aver visto un incrocio, quando ad un certo punto ti rendi conto che la luce sta aumentando. Si sta avvicinando l’alba e le prime luci mostrano un bosco di querce e castagne in pieno autunno. “Strano”, ti dici, “non siamo all’inizio dell’autunno? Che posto è questo?”. Le foglie ricoprono il sotto bosco insieme a molti ricci caduti dai rami dei castagni. L’atmosfera è umida e opprimente, la nebbia continua ad accompagnarti. Il bosco sembra non finire mai…

@Lollinus

Spoiler:  
Terre selvagge. Notte. Le stelle brillano sopra la tua testa. Le conosci bene e sai come leggerle per orientarti. La tua meta questa notte è ancora lontana, ma ti muovi velocemente nella pianura cercando di raggiungere velocemente l’accampamento di goblin che ti hanno segnalato. Devi verificarne la presenza e tornare a riferire senza che le creature se ne rendano conto. Ti muovi veloce e con passo sicuro, la notte è fresca ma non ti dà fastidio. Più che altro non capisci da dove venga questa nebbia che sta salendo lentamente, non ci sono corsi d’acqua o laghi nei dintorni e la stagione delle nebbie invernali è ancora lontana. Perplesso continui a camminare, convinto che si tratti di un banco isolato. La luce della luna permette di vedere il terreno e anche se non vedi più bene le stelle sai in che direzione ti stai muovendo. Che strana però questa nebbia, sembra che ci siano dei piccoli vortici all’interno e ora senti chiaramente freddo, freddo fino alle ossa. Continui a camminare cercando di scaldarti… niente da fare… ora non si vede quasi più niente… l’unica soluzione è muoversi sperando di uscire al più presto dalla nebbia. Ci sono come dei tentacoli di fumo che cercano di prenderti e che ti fanno rabbrividire ogni volta che ti toccano. Ora sei completamente bagnato tanta è l’umidità. Preso da uno strano senso di paura inizi a correre e finalmente la nebbia si dirada. Vedi delle colline illuminate dal chiaro di luna, vedi nuovamente le stelle… e poi ti fermi. Prima sei perplesso, poi agghiacciato: “un momento…” – pensi - “dove sono le costellazioni tanto care? Perché la luna si trova dal lato opposto del cielo rispetto a dove stava prima? Perché non vedo più le montagne in lontananza?”. Guardi e riguardi. Il muro di nebbia alle tue spalle è immobile e quasi minaccioso. Tutte le indicazioni che riesci a raccogliere guardandoti intorno ti dicono che non sei dove dovresti essere…

@EXTREME DM

Spoiler:  
Notte. Le stelle brillano sopra la tua testa. Le conosci bene e sai come leggerle per orientarti. La tua meta questa notte è ancora lontana, ma ti muovi velocemente nella pianura cercando di raggiungere velocemente l’accampamento di una tribù avversaria che alcuni scout hanno segnalato. Devi verificarne la presenza e tornare a riferire prima che la tribù nemica abbia l’occasione di sapere dove siete voi. Ti muovi veloce e con passo sicuro, la notte è fresca ma non ti dà fastidio. Più che altro non capisci da dove venga questa nebbia che sta salendo lentamente, non ci sono corsi d’acqua o laghi nei dintorni e la stagione delle nebbie invernali è ancora lontana. Perplesso continui a camminare, convinto che si tratti di un banco isolato. La luce della luna permette di vedere il terreno e anche se non vedi più bene le stelle sai in che direzione ti stai muovendo. Che strana però questa nebbia, sembra che ci siano dei piccoli vortici all’interno e ora senti chiaramente freddo, freddo fino alle ossa. Continui a camminare cercando di scaldarti… niente da fare… ora non si vede quasi più niente… l’unica soluzione è muoversi sperando di uscire al più presto dalla nebbia. Ci sono come dei tentacoli di fumo che cercano di prenderti e che ti fanno rabbrividire ogni volta che ti toccano. Ora sei completamente bagnato tanta è l’umidità. Preso da uno strano senso di paura inizi a correre e finalmente la nebbia si dirada. Vedi delle colline illuminate dal chiaro di luna, vedi nuovamente le stelle… e poi ti fermi. Prima sei perplesso, poi agghiacciato: “un momento…” – pensi - “dove sono le costellazioni tanto care? Perché la luna si trova dal lato opposto del cielo rispetto a dove stava prima? Perché non vedo più le montagne in lontananza?”. Guardi e riguardi. Il muro di nebbia alle tue spalle è immobile e quasi minaccioso. Tutte le indicazioni che riesci a raccogliere guardandoti intorno ti dicono che non sei dove dovresti essere…
Link to comment
Share on other sites


  • Replies 200
  • Created
  • Last Reply

@ DM

Spoiler:  
Ma cosa diamine è successo , stramaledetta nebbia , non ci sono boschi nelle vicinanze della Grande Crepa ....tutto è cominciato con questa nebbia che Marthammor Duin la strafulmini....mentre penso questo accarezzo la testa di Nunc....amico mio , in che situazione ci siamo messi questa volta è?....gli do un attimo un arruffata al pelo della schiena e poi comincio a guardarmi intorno nel tentativo di farmi un idea più precisa di ciò che mi circonda.

@ DM

Spoiler:  
Uso Sopravvivenza +9 , e la mia conoscenza Natura +5 , per per rendermi conto dell'ambiente che mi circonda.
Link to comment
Share on other sites

@ DM

Spoiler:  
Che sortilegio è mai questo? dico a fior di labbra, tanta è la mia apprensione. Mi guardo intorno incessantemente, cercando di riconoscere qualcosa di familiare.

@ DM

Spoiler:  
Se la flora intorno (a prima vista) mi sembra completamente nuova, prova di Osservare (+5), se la riconosco prova di Conoscenze:Natura (+1)
Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
*ma che diamine ...*

Rimango fermo, per un attimo, cercando di fare mente locale su questo strano evento.

*un allucinazione ?*

Scendo da cavallo, e, chiudendo gli occhi, tolgo il guanto d'arme, e tocco un albero, l'erba, e alcuni ricci.

Redendomi conto che sembrano proprio reali, tendo l'orecchio in questo strano silenzio, mentre mi concentro per percepire presenze oscure nei dintorni.

*tutto questo non ha senso ...*

Link to comment
Share on other sites

@Tutti: info fuori gioco

Non scrivete il nome del personaggio nel titolo del messaggio, please.

@Dardan

Spoiler:  
Sei in una bella foresta, una foresta antica e maestosa. Il sottobosco ricoperto di foglie morte e ricci ma è abbastanza libero da cespugli e si riesce a camminare agevolmente fra gli alberi. Ti rendi conto ti essere su di un leggerissimo pendio e di stare guardando verso valle. L'imboccatura della caverna da cui sei uscito sembra suggerire che poco sotto il terreno ci sia uno strato di roccia calcarea. A parte poche tracce di piccoli animali sembra che nessun essere vivente abbia messo piede nel luogo in cui ti trovi da parecchio tempo.

@Lollinus

Spoiler:  
Ti guardi attorno nella notte. La pianura erbosa si stende ai tuoi piedi. Ti rendi conto di essere sulla sommità di una piccola collinetta. A giudicare dalla posizione della luna stai guardando in direzione est mentre la nebbia forma un muro alle tue spalle in direzione ovest. Sembra che non ci sia anima viva in tutto il raggio che riesci ad osservare davanti a te.

@EXTREME DM

Spoiler:  
Espandi al massimo i tuoi sensi. Il vento porta odori, che non sono malvagi ma sono leggermente diversi da quelli che conosci. L'aria ha una fragranza diversa ma siamo sicuramente in autunno. L'erba è la stessa di sempre. A parte il rumore del vento non senti nessun suono. La pianura in cui ti trovi è grande, molto grande. Ti rendi conto di stare guardando verso est dal pendio di una bassa collina. Dietro di te c'è solo il muro di nebbia. Non sembra esserci nessuno.

@Elayne

Spoiler:  
La foresta è antica e silenziosa. La nebbia lentamente sembra diradarsi, spostandosi per creare lo strano effetto di un muro dietro di te. Davanti a te c'è un sentiero dove la nebbia sembra meno fitta. La foresta non sembra essere popolata da presenze malvagie, ma improvvisamente ti rendi conto che c'è qualcosa che non va nel tuo intimo più profondo. Ci metti un po' a capire cos'è, come se una sensazione di calma e tepore intimamente sepolti nel tuo essere fossero venuti improvvisamente meno. E finalmente lo capisci. La presenza di St. Cuthbert nel tuo cuore, severa ma chiaramente avvertita da più tempo di quanto tu riesca a ricordare, è "lontana". Il tuo Dio è sempre nel tuo cuore, ma è come se non riuscissi bene a parlare con lui, come se ci fosse un velo. Un brivido corre lungo la tua spina dorsale tanto forte da farti tremare come una foglia... non pensavi si potesse sperimentare un simile senso di inquietudine, è come se ti avessero tolto qualcosa...
Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
*che diavolo di posto è questo …*

Preoccupato, rimango impietrito, a piedi, per qualche istante, prima di riprendermi.

Guardo il mio cavallo, cercando un conforto nella sua imponente presenza, e cercando di capire se anche lui prova un chiaro disagio nell’essere in queste strane terre.

Monto a questo punto di nuovo sul destriero, e, sguainando la spada, sprono il cavallo a procedere al passo, lungo il sentiero.

*magia, forse … ma chi potrebbe mai avere il potere tale, tra i nemici della chiesa, ad architettare una tale trappola per un semplice suo cavaliere in missione ?*

Non trovando facili risposte a questo enigma, mi concentro nuovamente sui miei dintorni, i sensi all’erta, per non essere sorpreso da chissà quale imboscata.

Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
Bene Nunc , direi che è ora di capire bene dove siamo e fatto questo sul come tornascerne a casa.....detto questo con estrema circospezione mi sposto verso valle , facendo attenzione ad evitare le piste fatte dagli animali , ma se trovo un sentiero su cui sono passati degli esseri che non sono animali lo seguo....il posto mi pare piacevole , ma ci sono arrivato in maniera decisamente inusuale , perciò concentrati Thedrim , occhi aperti.....

@ DM

Spoiler:  
(Ora sono a lavoro e non ho la scheda sottomano) Utilizzo sopravivvenza e conoscenza natura per agevolarmi nella ricerca di un sentiero e per non cadere in eventuali trappole naturali o meno, poi sto attento ai suoni del bosco per percepire eventuali pericoli.
Link to comment
Share on other sites

@Elayne

Spoiler:  
Il sentiero prosegue per alcuni chilometri. La luce aumenta sempre di più man mano che il sole si alza in cielo. Ad intervalli regolari vedi dei sentieri minori, forse tracciati da animali, lasciare la traccia principale. Decidi di rimanere sulla strada principale e proseguire. Finalmente, dopo un periodo di tempo che sembra interminabile, gli alberi iniziano a diradarsi e inizi a vedere stralci sempre più ampi di cielo. E' una bella giornata autunnale e, orientandoti con il sole, capisci che stai andando in direzione ovest. Se non ti trovassi in una situazione così strana ed inquietante forse riusciresti anche a goderti la cavalcata nel bosco.

Finalmente gli alberi si diradano e arrivi al limitare della foresta. C'è una staccionata con un ampio cancello che taglia in due il sentiero proprio al limitare del bosco. Dopo di che la strada prosegue in una verde pianura intervallata da dolci colline e spazzata dal vento.

@Dardan

Spoiler:  
Ti muovi con circospezione verso valle. Dopo poche centinaia di metri incontri una pista, probabilmente lasciata da qualche animale. La imbocchi e la segui sempre verso valle. Nunc ti segue come sempre, anche se ti sembra di scorgere uno strano senso di inquietudine nel tuo fido compagno. Dopo un paio di ore di cammino la pista sfocia in un sentiero più ampio, sempre nel mezzo di questa rigogliosa foresta in cui sei capitato. La piccola pista che hai seguito fino ad ora prosegue tagliando il sentiero grande. Sul sentiero grande vedi chiaramente le impronte di un cavallo che si dirige verso la tua sinistra, in direzione ovest.
@Lollinus
Spoiler:  
La situazione così strana ti aveva fatto momentaneamente dimenticare il tuo fido lupo. Ti giri di soprassalto e lo trovi dietro di te, come sempre. Vylia è però stranamente silenzioso, come se avvertisse qualche pericolo che tu non riesci ad avvertire. Ti avvicini al tuo fido compagno, lo accarezzi e lo rassicuri cercando al contempo di rassicurare te stesso. Il caldo contatto con l'animale come sempre ti tranquillizza e ti permette di pensare più lucidamente. Il senso di inquietudine ti abbandona lentamente.

Raccogli le tue cose e ti avvii verso est, scendendo lungo la collinetta. La nebbia rimane alle tue spalle. Prosegui senza intoppi con il tuo fido compagno per qualche ora. Vedi sorgere il sole nella direzione del tuo cammino, una stupenda alba dai colori sgargianti. Non hai ancora incontrato anima viva, con l'eccezione di alcuni corvi e poiane nel cielo e qualche piccola bestia della prateria.

@EXTREME DM
Spoiler:  
Giri le spalle alla pianura e ti immergi nuovamente nella nebbia. I vortici di vapore di avvolgono nuovamente, facendoti rabbrividire. Strani tentacoli grigiastri fatti di nebbia ti accarezzano le gambe e il tronco. Ben presto perdi completamente ogni cognizione del luogo in cui ti trovi. Sei nuovamente da solo nell'umida oscurità di questa strana e inquietante nebbia. Ben presto inizi a preoccuparti, non hai più punti di riferimento, nessun suono, nessun odore, niente di niente solo la nebbia e il terreno sotto i tuoi piedi... che ora sembra più fangoso.

Prosegui per alcune ore senza mai cambiare direzione. Finalmente la luce sembra aumentare un poco. La nebbia sembra diradarsi e torni a vedere qualcosa... ... la stessa identica vallata erbosa che avevi visto alla luce della luna... hai girato in tondo nella nebbia per ore e sei tornato al punto di partenza... le tue stesse impronte lasciate nell'erba lo confermano senza ombra di dubbio. Il muro di nebbia dietro di te è immutato e sembra prendersi gioco della tua persona. Davanti una vasta pianura intervallata da dolci colline erbose...

Link to comment
Share on other sites

@DM

Spoiler:  
Humm... ma che razza di posto è questo? Non capisco nemmeno dove mi trovo... non ho punti di riferimento...

mi fermo un attimo ed osservo la zona circostante, cercando di orientarmi meglio per capire dove sono...

Spoiler:  
prova di conoscenze (geografia) per capire dove sono finito (ovviamente non sospetto il viaggio planare). prova di conoscenze (natura) per capire il tipo di clima, che bestie potrebbero celarsi nei dintorni e nelle vicinanze potrebbero esserci centri abitati...
Link to comment
Share on other sites

@ DM

Spoiler:  

*Finalmente fuori. È però chiaro che non sono più nelle vicinanze di Greyhawk.*

Mi dirigo verso il cancello, e li mi fermo un attimo ad osservare le lande circostanti e questa barriera.

*Dove potrei essere ? Forse in un posto di Oerth più nordico, nel quale l’autunno è arrivato più presto ?*

Scrollando le spalle, e contento di essere fuori dal bosco, proseguo per il sentiero, rifoderando la spada, ma tenendo sempre saldo lo scudo in mano.

Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
Cosa c'è amico mio che ti inquieta?...mi fermo e gli accarezzo un pò la testa ....so che non è casa nostra ma per ora pare tutto tranquillo......noi siamo dei duri vero piccolo...dico mentre gli arruffo il pelo.....su ora continuiamo e facciamo vedere a questo posto di che pasta siamo fatti......detto questo ricomincio a camminare seguendo le impronte del cavallo verso ovest , tenendo tutti i sensi all'erta.....

@ DM

Spoiler:  
Acoltare +4 e osservare +5 per controllare ciò che mi circonda mentre avanziamo . cercando di fare meno rumore possibile avanzando , muoversi silenziosamente +2.
Link to comment
Share on other sites

@Elayne

Spoiler:  
Il cancello di legno si apre facilmente. Nel momento in cui lo oltrepassi senti chiaramente che qualcosa è diverso. Ci metti un po' a capire cosa è questo qualcosa, poi ti rendi conto che è l'odore dell'aria. Il vento porta una leggerissima fragranza di spezie, quasi impercettibile ma comunque presente.

Prosegui agevolmente lungo il sentiero che ora si dipana fra collinette di erba bassa e secca intervallata qua e là da piccoli ruscelli. Dopo alcune ore di cavalcata sali sulla cime di una collinetta, da lì vedi che nella vallata sottostante c'è un paese situato alla confluenza di due fiumi. Si direbbe un grosso paese di contadini, a giudicare anche dalle varie fattorie che costellano la vallata, con qualche velleità commerciale; infatti un piccolo porto ospita due navi da carico fluviali che stanno venendo scaricate. Il paese non ha mura e le case sono composte da costruzioni ad un piano solo con i tetti verdi ed i muri intonacati di bianco.

@Dardan

Spoiler:  
Il sentiero prosegue per alcuni chilometri. Segui le orme del cavallo che continuano ad essere l'unica serie di tracce sul sentiero. Ad intervalli regolari vedi dei sentieri minori, come quello da cui sei spuntato tu, lasciare la traccia principale. Decidi di rimanere sulla strada principale e proseguire. Finalmente, dopo un periodo di tempo che sembra interminabile, gli alberi iniziano a diradarsi e inizi a vedere stralci sempre più ampi di cielo. E' il pomeriggio inoltrato di una bella giornata autunnale e, orientandoti con il sole, capisci che stai andando in direzione ovest. Se non ti trovassi in una situazione così strana ed inquietante forse riusciresti anche a goderti la passeggiata nel bosco.

Finalmente gli alberi si diradano e arrivi al limitare della foresta. C'è una staccionata con un ampio cancello che taglia in due il sentiero proprio al limitare del bosco. Dopo di che la strada prosegue in una verde pianura intervallata da dolci colline e spazzata dal vento.

@Lollinus

Spoiler:  
La fauna e la flora sembrano più che normali. Noti che man mano che prosegui l'erba che ricopre le colline cambia leggermente, diventa un po' più secca e di una specie leggermente diversa. A parte questo sembra tutto normale. C'è un odore leggero nell'aria, come di spezie. Ogni tanto, in anfratti un po' più riparati dal vento, incontri dei cespugli di fiori che sembrano papaveri, ma con il fiore leggermente diverso.

Prosegui per qualche altra ora, ormai è quasi sera, ed incontri un fiume che scorre sul fondo di una vallata. Verso nord ti sembra di intravedere il fumo di un villaggio o di un paese.

Link to comment
Share on other sites

@ DM

Spoiler:  
La prima rapida occhiata, da lontano, al villaggio, è un ulteriore conferma di non essere vicino alla capitale.

Mi ritiro, con il cavallo, per non essere visto in lontananza, di qualche metro.

Un dubbio atroce inizia ad attanagliarmi.

*e se fosse una trappola ?

Rifletti, tutto questo è molto strano. Il paese è diverso, ma non ci sono state imboscate.

Davanti a te, c’è un villaggio.

Che significa ?*

Rimango pensoso per un attimo, non arrivando ad alcuna conclusione.

*se è un mago o sacerdote il responsabile di tutto questo, non vedo per ora un altro significato che quello di impedire le forze del bene di Greyhawk di tornare in città, il che implicherebbe che la capitale sta per essere sotto attacco, a breve. Ma a questo punto, non correrei pericoli: in fondo, più che mandare tutti quelli di ritorno in un altro posto, questo nemico non avrebbe molto da fare. E una volta fatto, non si interesserebbe sicuramente della nostra sorte.*

Come ipotesi non era male. Spiegava anche la ragione per la quale era stato lui stesso colpito, che non era di certo una personalità importante di St Cuthbert. Una magia che ha colpito tutti, indiscriminatamente. In questo caso, avrei dovuto sbrigarmi per tornare a casa il più brevemente possibile.

*la ragione potrebbe essere diversa, però. E in questo caso, farei meglio ad essere attento. O potrebbe essere un semplice caso, una magia selvaggia o naturale che mi ha portato in queste terre.*

Infastidito da non avere altre informazioni al riguardo, decido di attivare il Cappello del Camuffamento per ottenere l’apparenza di un viaggiatore, sulla quarantina, con abiti resistenti ma vissuti, capelli marrone corti e un po’ mossi, con una leggera barba e baffi. La corporatura è di tutto rispetto, per sottolineare il fatto che l’uomo ne ha viste tante, con alcune cicatrici sulle braccia scoperte dal gomito in poi. A completare il tutto, la statura, chiaramente imponente, di quasi 2 metri.

In spalla, l’arco con la faretra.

*Va bene, andiamo, ora, e vediamo di capire in che razza di posto sono finito.*

Cosi vestito, mi muovo verso il villaggio, al passo.

Link to comment
Share on other sites

@Dm

Spoiler:  

Humm... forse abbiamo trovato un villaggio Vylia... Eppure questo posto mi sembra strano... queste lande... questi fiori... strano...

quindi mi dirigo verso al fumo, stando però più allerta visto il calare delle tenebre... l'arco sempre in mano, pronto a colpire...

Link to comment
Share on other sites

@DM

Spoiler:  
Un cancello nel bel mezzo del bosco.....e niente case in vista...ma che diamine succede in questo posto......mi guardo bene in torno , e vedo se il cancello è aperto....sempre controllando che non ci siano pericoli imminenti e controllando come Nunc reagisce alla cosa....

@ DM

Spoiler:  
Se il cancello è aperto lo attraverso e continuo il mio viaggio seguendo il sentiero.
Link to comment
Share on other sites

@Elayne

Spoiler:  
Così camuffato sproni il cavallo e scendi verso la vallata. Mentre cavalchi continui ad osservare il paese. Effettivamente non hai mai visto case costruite con questa foggia particolare, devi essere finito proprio lontano da casa.

Sei quasi giunto alla base della collina quando vedi distintamente un convoglio formato da tre carri uscire dal paese e dirigersi nella tua direzione. Sembrerebbe una carovana di mercanti molto ben protetta, a giudicare dai carri coperti e dalle due guardie che cavalcano a fianco di ogni carro. Dalla distanza a cui ti trovi (circa 500 metri) riesci a distinguere poco, l'unica cosa che ti colpisce è una figura che si trova di fianco al guidatore del primo carro. Veste con un gilè senza maniche e un'ampia gonna purpurea, per il resto è completamente rasato e ha tutte le parti visibili del corpo ricoperte di tatuaggi di forma imprecisata.

@Lollinus

Spoiler:  
Prosegui verso nord. A parte qualche uccello e qualche piccolo animale non vedi anima viva per alcuni chilometri mentre cammini sulla riva sinistra del fiume. Noti che la ti stai muovendo in direzione opposta rispetto alla corrente del fiume. Ad un certo punto incroci una strada che viene dalla tua sinistra e prosegue verso nord, la imbocchi e continui verso il villaggio. Inizi ad incontrare alcuni campi coltivati, arati e pronti per la semina, e vedi un casolare poco lontano sulla tua sinistra. Il paese che hai visto è sempre a nord, diresti a circa dieci chilometri, e sta calando il sole.
@Dardan

Spoiler:  
Il cancello di legno si apre facilmente. Nel momento in cui lo oltrepassi senti chiaramente che qualcosa è diverso. Cerchi di capire cosa sia effettivamente cambiato ma non riesci a venire a capo di questa sensazione. Con una scrollata di spalle prosegui agevolmente lungo il sentiero che ora si dipana fra collinette di erba bassa e secca intervallata qua e là da piccoli ruscelli. La notte cala proprio mentre sei per strada.
@EXTREME DM

Spoiler:  
Il vento non ti porta alcun suono in risposta ai tuoi richiami... anzi, solo ora ti accorgi che nonostante ci sia una leggera ma costante brezza, il banco di nebbia alle tue spalle non si muove di un centimetro... la situazione si fa sempre più strana ed inquietante.
Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.