Jump to content

Maiden

Circolo degli Antichi
  • Posts

    1.2k
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Maiden

  1. Secondo me questo manuale doveva uscire sulla DMGuild. Mi sembra proprio la formula giusta per quel tipo di palco e non avrebbe stonato. Invece così, con i presupposti di cui siamo a conoscenza, credo che sarà uno dei manuali ufficiali meno interessanti della storia della quinta edizione.
  2. Delusione totale. Peggio di un nuovo modulo, lo scenario peggiore per me. Forse si salvano quelle 10 pagine che parlano di Candlekeep. Forse.
  3. Purtroppo ci ho pensato anche io e la cosa significa che la strada scelta per le ambientazioni è a mio avviso pessima per chi sperava in un revamp delle vecchie glorie, che magari ci sarà comunque ma che vedrà la luce sempre più tardi del previsto. Parliamoci chiaro, le ambientazioni vendono poco e hanno provato a fare il gioco del modulo con pezzi di ambientazione ma la verità è che a me sembra proprio che manchi un core dei Forgotten Realms (metto il Forgotten Realms perché è solamente il più celebre). Il modulo plus (con l'ambientazione aggiuntiva, come Storm King's Thunder) avrebbe funzionato sicuramente meglio se fosse stato conseguente ad un bel core, proprio per approfondire tante cose spesso descritte in modo approssimato. Poi ad espandere quello che trattava il core si era sempre in tempo con manuali aggiuntivi, se proprio il bisogno è varcare l'inesplorato, anche se dalle scelte fatte fino ad ora in questa edizione, non mi sembra che vogliano uscire dal seminato, proprio no, almeno per le ambientazioni.
  4. Avremo dunque qualcosa di Dragonlance, in un modo o in un altro. Dobbiamo solo attendere per vedere come sarà.
  5. Beh il richiamo di Medievil non può che far piacere... Non è facile gestire sessioni commedia che non finiscano nel trash improponibile, saper fare ridere e usare la satira sono un business serio!
  6. Manca solo una cosa... Un paio di Play by Forum inerenti! 🙂
  7. Mi piace! Proprio il necessario per cominciare a dare uno sguardo a questa ambientazione... Aspettavo il manuale di quinta ma a quanto pare se continuiamo così non arriva più.
  8. Ho letto l'avventura spinto dall'ambientazione pensando che potesse essere un buon lavoro per poi ricredermi ad ogni capitolo letto. Ho guardato anche io il video dei D20 Nation con Zoltar e niente, purtroppo qualcosa nel processo evolutivo è venuto meno, secondo me. Sempre più penso che le avventure siano dei buoni spunti ma niente al di là di questo. Il mio primo grande esperimento in questo senso fu la campagna della Tirannia dei Draghi, che ho adattato nelle Marche d'Argento nel 1372CV, con un buon risultato, tutto sommato. Ma in pratica ho preso la storia base, diversi PNG e poi ho stravolto molto. Ed in questo caso anche questa avventura non mi sembra tanto diversa, nel senso che se prendi pezzi e la costruisci come preferisci, allora forse qualcosa di buono può venirne fuori ma l'impegno e la voglia del Dungeon Master devono comunque essere grandi. Spero che nessuno faccia l'errore di credere che le avventure della Wizards of the Coast siano plug and play, perché potrebbe rivelarsi un errore da dover correggere mentre si gioca e causerebbe sicuramente qualche grattacapo.
  9. Allora, che possedere un libro fisico abbia il suo fascino è innegabile ma le mie considerazioni credo che meritino un minuto in più di riflessione. E' un discorso morale e di praticità ed il guadagno prodotto dalla sostituzione dal cartaceo al digitale è oggettivamente molto grande e credo che sia sotto gli occhi di tutti. Meno impatto sulle aree verdi naturali - niente carta Uscite dei manuali più veloci - non c'è altro che la casa di produzione ed il team di traduzione Aggiornamenti tempestivi - errori nei manuali o grossi aggiornamenti possibili senza ristampe Consultazione pari o migliorata - direi migliorata ma capisco che possa non piacere o ci si debba abituare Non occupa spazio ne richiede trasporto fisico - è tutto digitale, sta nel vostro smartphone quanto nel vostro PC Poi nello specifico stiamo parlando di D&D Beyond e che potrebbe ricevere la revoca (da vedere i termini di contratto che non credo nessuno di noi conosca) ma se questo è veramente il problema si aggira facilmente con altri sistemi sempre digitali, come la divulgazione di PDF ad personam - per esempio. Certo, andrebbe costruito un certo sistema per permettere questo ma sul lungo è un grosso risparmio per l'azienda che produce e allo stesso tempo è la cosa, per me, giusta da fare per tutti. PS. Possiedo tutto sia in digitale che cartaceo, sto solo cercando di fare valutazioni con voi del possibile cambiamento. 🙂
  10. Sì ma comunque qualcuno continuerà a tradurre, in un modo o nell'altro. Per me se traducessero tutto dnd beyond sarei già contento invece di continuare sulla carta. Tanto è un qualcosa che dovrà essere fatto e prima lo facciamo e prima ci abitueremo tutti.
  11. Speriamo di vedere sempre più creatori italiani nella DMGuild!
  12. C'è qualcuno che conosce questa ambientazione e le sue meccaniche per capirne le potenzialità?
  13. È una beta, un prodotto ancora immaturo. Ne riparliamo fra un anno. Direi che quelli di D&D: Beyond potrebbero alzare l'asticella non appena si decidono a fare ufficialmente il proprio.
  14. Beh sono contento che sia nelle loro mani. Spero che il lavoro sia buono.
  15. Ma pienamente logico, purtroppo. Sarebbe il colpo di grazia sulle vecchie ambientazioni in favore delle nuove, in modo da trarre più profitti che dal solo gioco di ruolo cartaceo... È una strategia che non vedo troppo lontana dalla realtà visto come stanno andando le cose. La scusa del Dungeons and Dragons potrebbe tranquillamente essere solo un richiamo, visto che è una cosa che aleggia ben presente nella cultura pop odierna. Pessimista? Sicuramente. Ma la Hasbro non è che mi abbia portato in questi anni a credere in qualcosa di meglio. PS. L'alternativa è slegare tutto ad una ambientazione libera, da formare proprio attorno alla serie.
  16. Per me l'ambientazione che useranno sarà qualcosa da cui possono trarre profitto su più fronti... Magic the Gathering. Altrimenti in asse completamente opposto, qualcosa di molto libero, con cui non devono temere di cadere nell'ira di qualche appassionato lettore.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.