Jump to content

Recensioni "pilotate" su prodotti D&D


andrea15172

Recommended Posts

Recentemente è stato scoperto sulle boards americane che un produttore di supplementi PDF per D&D , The Le Games , ha messo in rete recensioni positive ( 4/5 , quasi il massimo ) dei prodotti che esso stesso pubblica , usando un account alternativo , per influenzare positivamente i lettori delle boards

Qui potete trovare il link

Il produttore si è profuso in scuse , ecc. ecc. e per redimersi ha messo online gratuitamente molti suoi prodotti . Al di là di questo , volevo chiedere cosa ne pensate di questo "conflitto di interessi " e quanto per voi contano le recensioni, commenti , passaparola sui vari forum di un prodotto GDR al momento della scelta di un eventuale acquisto .

Grazie

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 14
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Wow.

Beh, non c'è molto da aggiungere.

Io direi che tali cose succedono, se c'è lo spazio per farle succedere.

Le review online, con account, appunto, "annonimi", danno questa possibilità.

L'unica barriera è quella etica.

Considerando che l'etica è soggettiva, e personale, e che se hai interesse ad infrangerla, allora hai più possibilità di farlo (se pensi di non essere scoperto), beh, non mi stupisce quello che è successo.

D'altronde, non è tanto diversa dalla situazione di un forum, sponsorizzato da una casa editrice, che difende le scelte di questa stessa casa, ed impedisce la critica.

Anche qui, eticamente, siamo ai livelli bassi.

Solo che qui, non puoi difenderti, se non andando su altri forums.

Insomma, l'unica differenza che vedo tra le due situazioni è che nella prima, c'è qualcuno che ti può beccare e fartela pagare. Nella seconda no.

Il che rende la seconda, per me, molto più grave.

Link to comment
Share on other sites

Personalmente sulle opinioni espresse nei forum e sulla rete faccio sempre poco affidamento, proprio perchè ritengo che situazioni come querlla da te riportata non siano la "singola mela marcia", ma la norma e l'ovvietà.

Senza voler flammare od offendere nessuno, guarda nella sezione 4a ed le contrapposizioni che ci sono state e ci sono tra "adoratori" della 4a e "paladini" della 3a... chi mi dice che qualcuno di loro non sia mandato da quelle società che pubblicano ancora la roba della 3a ed o dalla wizard?

Quindi, viva i forum, viva le opinioni, ma l'opinione che conta di più, per me, è la mia, specialmente dopo che ho toccato con mano. Affidarsi in toto alle recensioni e comprare o no solo perchè te lo ha scritto un tizio su internet...no, non mi si addice.

Ribadisco che la mia frase sopra non ha l'intenzione di offendere nessuno, era solo un esempio PER ASSURDO. (mi fido molto più di DL che di moltissimi altri siti analoghi)

Poi è ovvio che ognuno tiri acqua al suo mulino, magari chi ha messo quelle recensioni positive era uno degli sviluppatori di quegli stessi giochi, convinto di aver fatto un bel lavoro e vogliodo di spandere la sua buona novella...rimane il fatto che è sempre meglio non lasciarsi convincere da opinioni altrui senza averle testate o analizzate (specie quando ci sono di mezzo i soldini):bye:

Link to comment
Share on other sites

Senza voler flammare od offendere nessuno, guarda nella sezione 4a ed le contrapposizioni che ci sono state e ci sono tra "adoratori" della 4a e "paladini" della 3a... chi mi dice che qualcuno di loro non sia mandato da quelle società che pubblicano ancora la roba della 3a ed o dalla wizard?

Se così fosse , e spero vivamente che non lo sia , la cosa sarebbe di una tristezza infinita ... :-(

Io visiono , ogni tanto , le varie recensioni sulle boards . Se un prodotto ha ricevuto tre o più recensioni positive , posso intuire che è valido , soprattutto se è stato nominato per gli Ennies ( gli "Oscar" su Enworld ) , oppure compare nei best-sellers di Drive-Thru o su Amazon .

Per fare un esempio , so che con la Paizo ( Pathfinder RPG ) vado a colpo sicuro , così come la Necromancer Games ( che guarda caso , si sono affiliate ) .

Link to comment
Share on other sites

Non è una novità... Pensate che ho scoperto che ci sono persone PAGATE dalla microsoft per andare a spammare sui siti dei concorrenti per fare credere che sono scadenti e bacate... Ci sono persone pagate dai partiti politici per andare a spammare sui siti e blog di altra gente, per criticare aggressivamente e spesso senza argomentazioni, col solo fine di influenzare l'opinione pubblica.

Etica in questa società è solo una parola quando ci sono di mezzo soldi e/o politica...

Edit: anche l'onestà (intellettuale) è solo una parola...

Link to comment
Share on other sites

Non è una novità... Pensate che ho scoperto che ci sono persone PAGATE dalla microsoft per andare a spammare sui siti dei concorrenti per fare credere che sono scadenti e bacate... Ci sono persone pagate dai partiti politici per andare a spammare sui siti e blog di altra gente, per criticare aggressivamente e spesso senza argomentazioni, col solo fine di influenzare l'opinione pubblica.

Etica in questa società è solo una parola quando ci sono di mezzo soldi e/o politica...

Edit: anche l'onestà (intellettuale) è solo una parola...

Questo era noto , Starfire .;-) Ci sono anche persone dello Staff di partiti che modificano qualsiasi voce su wikipedia che stridi con le loro ideologie .

Ma anche nel piccolo mondo GDR ?

Link to comment
Share on other sites

Le review e i commenti contano solo da parte di persone che conosco o di utenti con una storia e una credibilità costruite nel tempo, e soprattutto motivate in qualche modo, non dell'ultimo arrivato che mi dice che il film XY è stupendo per non si sa quale motivo.

La notizia non mi sorprende e chissà in quanti altri campi accade quotidianamente. L'importante è non cascarci, me penso si tratti di avere un briciolo di buonsenso e nulla più.

Link to comment
Share on other sites

Beh, è successo anche qui su D'L di trovare pubblicità di prodotti commerciali mascherate da "dritte" di utenti stranamente arrivati da pochissimo... :confused:

Ne ricordo una spettacolare nella sezione Fumetti, ma non divaghiamo.

Si è sempre fatto e sempre si farà purtroppo.

Link to comment
Share on other sites

Recentemente è stato scoperto sulle boards americane che un produttore di supplementi PDF per D&D , The Le Games , ha messo in rete recensioni positive ( 4/5 , quasi il massimo ) dei prodotti che esso stesso pubblica , usando un account alternativo , per influenzare positivamente i lettori delle boards

Qui potete trovare il link

Il produttore si è profuso in scuse , ecc. ecc. e per redimersi ha messo online gratuitamente molti suoi prodotti . Al di là di questo , volevo chiedere cosa ne pensate di questo "conflitto di interessi " e quanto per voi contano le recensioni, commenti , passaparola sui vari forum di un prodotto GDR al momento della scelta di un eventuale acquisto .

Grazie

Quando leggo una recensione troppo positiva è un dubbio che mi resta sempre... e non solo per i GDR... anzi... voglio dire... ho provato lo stesso quando ho letto le recensioni del film dei transformers o dei primi manuali della quarta edizione o dell'ultimo disco dei Blind Guardian (o di chi per loro)...

Insomma... in genere non mi fido molto delel recenzioni... ma un po' si... e quindi le leggo nonostante tutto...

:bye:

Link to comment
Share on other sites

Bisognerebbe avere un senso critico....e molti non lo hanno, questo è il motivo del successo di queste pratice eticamente scorrette....

Al riguardo mi fermo perché potrei scrivere cose infrazionabili ;-)

Io però faccio una distinzione. Tizio è "pagato" (lo metto tra virgolette perché il premio può esseree anche non in denaro) per pubblicizzare in giro per forum a dei perfetti sconosciuti un certo prodotto, Esaltandone ipotetiche qualità e denigrando la concorrenza. Non è etico, ma raramente, anche in altri ambiti, davanti ai soldi le persone, purtroppo, si pongono problemi etici.

Quello che invece mi manda letteralmente fuori di testa, e se dovessi scoprire che un amico lo fa con me, è quel metodo, naturalmente nato negli USA, che consiste nel regalare e fornire un certo prodotto gratuitamente a delle persone. Poi vanno in giro da amici a magnificarne la qualità e a consigliarne l'acquisto. Se dovessi avere un amico che mi dicesse "hai visto le mie scarpe nuove? Sono fantastiche, giuro di non aver provato mai scarpa più comoda e ben rifinita" e scoprire che lo fa per pubblicizzare il prodotto che gli è stato regalato....spero di non avere una delle mie scuri a portata di mano. Questa non è solo mancanza di etica.....è vera bastardaggine, è essere infami.

Link to comment
Share on other sites

Vorrei fare un piccolo OT. Forse non avete ben presente il tenore di molte delle pubblicazioni scientifiche quotate. Io non ci credevo, ma ho dovuto appurare con mano che chi pubblica non è colui che ha qualcosa da dire, ma semplicemente chi conosce i reviewers che possano dargli una buona spintarella. E non è un'osservazione sarcastica. E' un dato di fatto: i revisori in alcuni casi non leggono neppure gli articoli che vengono loro inviati. Detto questo di un mondo dove girano i soldi (perché nel mondo della ricerca almeno i finanziamenti europei sono Soldi con la S maiuscola) figuratevi cosa non può accadere nel mondo dei GdR. Mi fa venire tristezza piuttosto constatare come si faccia carte false pur di avere quattro soldi (perché di quattro soldi stiamo parlando, non miniere di denaro). Questo implica una manipolazione truffaldina di per sè, senza un vero movente. Non c'è niente che insozzi e deprima il mondo del GdR più di questi personaggi. Avrebbero quantomeno dovuto insultarlo per bene...

Link to comment
Share on other sites

Bisognerebbe avere un senso critico....e molti non lo hanno, questo è il motivo del successo di queste pratice eticamente scorrette....

Al riguardo mi fermo perché potrei scrivere cose infrazionabili ;-)

Io però faccio una distinzione. Tizio è "pagato" (lo metto tra virgolette perché il premio può esseree anche non in denaro) per pubblicizzare in giro per forum a dei perfetti sconosciuti un certo prodotto, Esaltandone ipotetiche qualità e denigrando la concorrenza. Non è etico, ma raramente, anche in altri ambiti, davanti ai soldi le persone, purtroppo, si pongono problemi etici.

Quello che invece mi manda letteralmente fuori di testa, e se dovessi scoprire che un amico lo fa con me, è quel metodo, naturalmente nato negli USA, che consiste nel regalare e fornire un certo prodotto gratuitamente a delle persone. Poi vanno in giro da amici a magnificarne la qualità e a consigliarne l'acquisto. Se dovessi avere un amico che mi dicesse "hai visto le mie scarpe nuove? Sono fantastiche, giuro di non aver provato mai scarpa più comoda e ben rifinita" e scoprire che lo fa per pubblicizzare il prodotto che gli è stato regalato....spero di non avere una delle mie scuri a portata di mano. Questa non è solo mancanza di etica.....è vera bastardaggine, è essere infami.

Questi tizi, i famosi Cool Hunters, vanno a caccia dei figaccioni al centro dell'attenzione, i leader dei gruppetti tamarri, e regalano loro prodotti marchiati.

Si sa... Ed è una cosa che odio con tutto il cuore. Meglio che mi fermo o non riuscirei a smettere di insultare quelli che la praticano. O che la assecondano.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Recentemente è stato scoperto sulle boards americane che un produttore di supplementi PDF per D&D , The Le Games , ha messo in rete recensioni positive ( 4/5 , quasi il massimo ) dei prodotti che esso stesso pubblica , usando un account alternativo , per influenzare positivamente i lettori delle boards

Qui potete trovare il link

Il produttore si è profuso in scuse , ecc. ecc. e per redimersi ha messo online gratuitamente molti suoi prodotti .

Direi che accade anche in altri campi... per cui nulla di nuovo.

Al di là di questo , volevo chiedere cosa ne pensate di questo "conflitto di interessi " e quanto per voi contano le recensioni, commenti , passaparola sui vari forum di un prodotto GDR al momento della scelta di un eventuale acquisto .

Grazie

La sola cosa che conta per me è quando metto le mani su un manuale e sfogliandolo mi viene già voglia di giocare...

I forum a mio parere sono ottimi strumenti per confrontarsi e discutere, e soprattutto per far conoscere quei prodotti 'di nicchia' che difficilmente raggiungerebbero il grande pubblico. Se un forum ospita una discussione su un determinato prodotto inoltre, 90 volte su 100 questa sarà frequentata da appassionati e non da produttori... per cui si può fare affidamento su varie opinioni abastanza obiettive, soppesando pro e contro del prodotto in questione e infine decidere in base al proprio giudizio.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...