Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Il Barbaro e il Monaco

Articolo di Ben Petrisor, con Dan Dillion e F. Wesley Schneider - 15 Agosto 2019
Nota: le traduzioni dei nomi delle meccaniche citate in questo articolo sono non ufficiali.
Questa settimana due Classi, il Barbaro e il Monaco, scoprono nuove possibilità da playtestare. Il Barbaro riceve un nuovo Cammino Primordiale: il Cammino dell'Anima Selvaggia (Path of the Wild Soul). Nel frattempo il Monaco ottiene una nuova Tradizione Monastica: la Via del Sè Astrale (the Way of the Astral Self). Vi invitiamo a dare una lettura a queste Sottoclassi, a provarle in gioco e a farci sapere cosa ne pensate. Tenete d'occhio il sito di D&D per un nuovo sondaggio e fateci sapere in quest'ultimo cosa ne pensate dell'Arcani Rivelati di oggi.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
Arcani rivelati: il barbaro e il monaco
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/barbarian-and-monk
Read more...

Intervista a Massimo Bianchini di Asmodee Italia su D&D 5e

Massimo Bianchini, Country Manager di Asmodee Italia e dal 1997 una delle principali teste dietro alla traduzione dei manuali di D&D, ha di recente rilasciato un'intervista al sito Tom's Hardware, grazie alla quale possiamo farci un'idea più chiara sul modo in cui la Asmodee Italia gestisce la localizzazione di D&D 5e in italiano e su cosa possiamo aspettarci per il prossimo futuro.
L'intera intervista è disponibile sul sito Tom's Hardware, mentre qui di seguito potrete trovare alcuni estratti riguardanti specificatamente D&D 5e.
Grazie a @Checco per la segnalazione.
 
In questa epoca di ritorno in auge del gioco di ruolo Asmodee si è “portata a casa” uno dei prodotti più noti e diffusi sul mercato: Dungeons & Dragons. Come sta andando la linea editoriale?
Sta andando molto bene, e anche Wizards of the Coast e Gale Force 9 sembrano molto contente di quanto stiamo sviluppando sul mercato. Non c’è la certezza assoluta, ma in base alle informazioni di cui siamo in possesso, l’italiano è la seconda lingua in cui vengono venduti più manuali al mondo (dopo ovviamente l’inglese)!
La domanda più “pressante” e diffusa nella community dei giocatori di D&D è: “quando esce il modulo X?” “qual è la linea editoriale per raggiungere le pubblicazioni USA?”. Cosa possiamo rispondere in merito? Wizards of The Coast ha “ingranato la quinta” nella velocità di lancio di prodotti… come riuscirete a stare al passo?
L’accelerazione da parte di Wizards of the Coast si è verificata nel corso dell’ultimo anno e al momento stiamo cercando delle contromisure per riuscire a stare al passo. L’idea iniziale era quella di seguire la schedule di uscite originale con l’inserimento in semi-contemporanea delle novità più importanti dell’anno. Ed effettivamente, almeno inizialmente, eravamo riusciti a recuperare “tempo”: la nostra frequenza di uscite era più alta rispetto a quella delle uscite americane.
Purtroppo ora non è più così: il successo world-wide di D&D ha dato un impulso pazzesco alle produzioni americane e stiamo cercando con tutte le nostre forze di tenere il ritmo. Occorre anche dire che alcuni accessori prodotti da Gale Force 9 (come gli schermi del DM dedicati alle campagne o le carte incantesimo, oggetti magici e dei mostri) sono produzioni aggiuntive che portano via risorse, e che vanno ad aggiungersi alla realizzazione dei manuali. (E bisogna anche aggiungere che il gioco da tavolo del Dungeon del Mago Folle, in uscita a fine anno, è andato in coda alla produzione: lo staff che se ne occupa, per ovvie esigenze di coerenza, è lo stesso).
Il discorso generale è che è molto difficile lavorare su prodotti in maniera che non presentino errori di traduzione, e come si può immaginare ciò porta via molto tempo. In ogni caso, pur essendo partiti in ritardo rispetto alle edizioni di altri paesi (Francia, Spagna o Germania, per nominarne qualcuno) siamo comunque in linea con il numero di uscite di questi ultimi.
Il mercato USA gode di numerose versioni “collector” dei vari volumi. Sarà possibile vedere qualcosa anche per il mercato italiano o i numeri attuali sono ancora lontani da permettere stampe di manuali in edizioni diverse?
Siamo in attesa, ormai da molti mesi, dell’autorizzazione alla pubblicazione di questi magnifici manuali “collector”, che sono molto richiesti e che speriamo prima o poi di riuscire a portare nei negozi.
D&D ricopre un posto particolare nella tua evoluzione sia di appassionato sia lavorativa. Da quanto segui il prodotto come “giocatore” e da quanto come “addetto ai lavori”? Quando hai saputo di avere “in casa” il gioco quali sono state le tue reazioni? Felicità o “terrore” per la fan base che avresti dovuto affrontare?
Considerando che il primo manuale che ho editato risale al 1997 (Manuale del Giocatore di AD&D Seconda Edizione) direi che la fase del “terrore” l’ho passata da un pezzo. Diciamo che per la Quinta Edizione ero un po’ preoccupato perché non avevo seguito molto le uscite in inglese dal 2014 in poi… Quando abbiamo ottenuto i diritti, nel 2017, ho dovuto rispolverare glossari e terminologie che non toccavo da molti anni (dal 2009, ultimo manuale che ho seguito per la Quarta Edizione), ma alla fin fine crediamo di avere svolto un buon lavoro.
Attualmente siamo arrivati alla sesta stampa, che consideriamo un bel traguardo! C’è da dire che ho curato solamente la pubblicazione del Manuale del Giocatore, per tutte le altre uscite mi sono avvalso di una mia collaboratrice storica molto in gamba, Chiara Battistini, che sta seguendo tutta la produzione, lavorando sulla traduzione di un’altra pietra miliare del settore, Fiorenzo Delle Rupi.
Quanto del tuo bagaglio culturale e di esperienza troviamo nella attuale versione del gioco? Ti sei “portato dal passato” qualche glossario o elemento che avete utilizzato per mantenere una coerenza con le vecchie edizioni?
Ho una cartella “Glossari” creata più o meno nel millennio scorso, che ho (abbiamo) utilizzato nel corso di tutte le edizioni. In origine, cercammo di mantenere coerenza con la vecchia scatola rossa di D&D, pubblicata da Editrice Giochi, come ad esempio il mitico Dardo Incantato.
In linea di massima abbiamo sempre cercato di mantenere il massimo della coerenza possibile tra un’edizione e l’altra, anche nei termini più ricercati. Per esempio, nella Guida degli Avventurieri alla Costa della Spada, di prossima uscita, i termini geografici sono esattamente gli stessi della scatola base di Forgotten Realms di AD&D Seconda Edizione, pubblicata più di vent’anni fa!
Attualmente Asmodee attraverso Gale Force 9 detiene i diritti per la pubblicazione dei manuali cartacei e non quelli PDF. Il mercato sempre più sembra richiedere la vendita in bundle o anche singola per le versioni digitali… se si aprisse la possibilità secondo te il mercato italiano sarebbe una piazza interessante per questa tipologia di distribuzione?
Devo dire che nutro forti dubbi in merito, da noi la pirateria è ancora ampiamente diffusa, anche se capisco che sarebbe molto comodo avere la versione in pdf dei manuali per facilità di consultazione durante le sessioni di gioco. C’è da dire che è un problema che non si pone, dal momento che questa non è una decisione che spetta ad Asmodee Italia ma bensì a Wizards of the Coast.
Qualche numero sulla vendita di D&D in Italia? Siamo rimasti alle 10.000 copie del Manuale del Giocatore, qualche aggiornamento?
Al checkpoint di metà luglio siamo arrivati a 14.000 copie, ma il periodo migliore dell’anno è da settembre in poi.

Fonte: https://www.tomshw.it/culturapop/asmodee-dungeons-dragons-e-giochi-di-ruolo-intervista-a-massimo-bianchini/
Read more...

Le prime Anteprime di Pathfinder 2e: diversi mostri, la scheda del PG e altro

Pathfinder 2e uscirà in lingua inglese l'1 Agosto 2019, ovvero all'incirca fra una settimana (come vi avevamo scritto in un articolo, invece, la versione italiana dovrebbe arrivare intorno all'Aprile del 2020). Per l'occasione, dunque, la Paizo ha deciso di mostrare alcune anteprime tratte dai due manuali base, il Core e il Bestiario: la scheda del PG, alcuni estratti dalle sezioni per il DM, e le statistiche del Goblin, dello Scheletro, del Gremlin, del Gogiteth, e di numerose altre creature.
Troverete le anteprime infondo all'articolo: per ingrandire le immagini cliccate su di esse. Due versioni ad alta definizione della Scheda del PG, tuttavia, una delle quali progettata appositamente per la stampa, sono disponibili ai seguenti link:
❚ Scheda del PG di Pathfinder 2e colorata
❚ Scheda del PG B/N pensata per la stampa
Per visionare, invece, diverse altre anteprime sui mostri di Pathfinder 2e rispetto a quelle pubblicate in questo articolo, potete visitare questa pagina del sito della Paizo (anche in questo caso, cliccate sulle immagini per ingrandirle).











Read more...

Keith Baker annuncia Project Raptor: un nuovo supplemento per Eberron

Keith Baker, originale ideatore di Eberron, ha annunciato l'intenzione di rilasciare su DMs Guild un supplemento pensato per espandere l'ambientazione per la 5a Edizione di D&D. All'interno di Project Raptor (Progetto Raptor), infatti, nome che al momento identifica questo misterioso nuovo manuale, l'autore vuole sviluppare il mondo di Eberron, andando a presentare regioni mai esplorate fino ad ora. Il supplemento è previsto per la fine del 2019.
Qui di seguito potete trovare la traduzione dell'annuncio ufficiale:
Sempre nella pagina dell'annuncio Keith Baker aggiunge:

Read more...

Pausa Estiva degli Articoli

Vi annunciamo che visto l'arrivo dell'estate le rubriche regolari di articoli e news che vi vengono presentati dalla D'L saranno sospesi fino a Settembre, così da dare allo Staff possibilità di godersi delle meritate vacanze.
Una buona estate e buon gioco a tutti quanti.
Lo Staff D'L.
Read more...
Skull Leader

TdG - Ep 1: Stelle in frantumi

Recommended Posts

Col senno di poi, l’assalto alla stazione spaziale Megiddo, in orbita attorno al pianeta Elicona nel sistema γ Cygni si sarebbe rivelato essere il più grande disastro militare della storia dell’Uomo. Quello che avrebbe dovuto essere il colpo decisivo contro i pianeti ribelli della Federazione dei Mondi Liberi, si trasformò in una trappola mortale, con effetti catastrofici a cascata, tanto che negli anni a venire quella sciagurata battaglia sarebbe stata ricordata come “l’inizio dell’Armageddon”.
Non si saprà mai se i generali del Consiglio di Guerra di Marte abbiano pianificato l’assalto in massa alla stazione Megiddo, ritenuta il quartier generale della FML, impiegando quasi tutte le forze della Marina Spaziale, nella speranza di schiacciare con un’unica prova di forza la ribellione, o se siano stati spinti dalla loro incompetenza, o se l’intelligence fosse stata debitamente manipolata a priori. 

Già mentre il grosso della flotta dell’Unione Terrestre emergeva dai portali di salto e si schierava in formazione, le navi ribelli aprivano il fuoco incrociato e la carneficina aveva inizio. L’unica soluzione che il Consiglio di Guerra riuscì a pensare fu inviare ancora più navi, nella vana speranza che il semplice vantaggio numerico avesse la meglio, ma in realtà sortendo l’unico effetto di ammassare ancora più bersagli in spazi ristretti e limitando le manovre difensive.

La TUN Byzantium fu una delle poche navi a riuscire a sottrarsi alla disfatta: il Contrammiraglio Shu, uomo esperto e saggio, diede l’ordine di ritirata appena intuì che non avrebbero mai aggirato lo sbarramento nemico. Nonostante i gravissimi danni, il ponte di comando in fiamme e il rischio di collisione con le altre navi, l’agile incrociatore d’assalto Byzantium riuscì ad effettuare il salto, praticamente alla cieca. Pochi minuti dopo essere riemersi dal portale di destinazione, sia il vascello che il suo comandante si spegnevano.

Siete rimasti alla deriva per 18 giorni, con i sistemi vitali al minimo; solo diversi giorni dopo avete scoperto di aver raggiunto il sistema α Aurigae. Il nuovo comandante, il Capitano di Vascello Brandeker, altrettanto saggio quanto il suo predecessore, diede l’ordine di limitare tutte le risorse, utilizzando i reattori ancora funzionanti esclusivamente per correggere la rotta quando necessario per raggiungere la luna di Auriga 3 e far adagiare la Byzantium in un cratere sulla faccia oscura del satellite.

Isolati dal resto dell’universo, senza la possibilità di effettuare salti nè di inviare o ricevere comunicazioni, avete dedicato i seguenti 30 giorni ad effettuare le riparazioni minime, le poche possibili senza attraccare ad una darsena orbitale.

48 giorni dalla battaglia di Megiddo. 

La Byzantium è ancora spezzata, avete perso due terzi del personale di bordo, ma finalmente i sistemi essenziali sono di nuovo operativi e funzionanti, e potete dire di essere sopravvissuti. Dopo  giorni frenetici e sfiancanti, in cui ognuno dava il 200% delle proprie energie per la sopravvivenza dell’intero equipaggio, potete finalmente rilassarvi e tornare a ritmi più umani. Se non fosse che siete stati convocati per le 08:00 Standard nella sala briefing Δ.

La sala è sempre stata una delle più piccole e meno utilizzate, riservata a piccole riunioni di non più di venti persone, ma non l’avete mai vista così triste come appare adesso. Delle venti poltrone solo cinque sono ancora presenti. Pannelli, neon, monitor, anche la macchina per le bevande sono stati cannibalizzati per venire riciclati in aree più importanti. Solo il proiettore olografico è ancora operativo, anche se al momento proietta solo una debole luce azzurrina.


Come abitudine, arrivate con una decina di minuti di anticipo, senza sapere realmente il motivo per cui siete stati convocati solo voi.
 

@Fezza @Voignar @Cronos89 @Pippomaster92

Spoiler

Semplice post introduttivo, con gli antefatti. Se qualcosa non vi è chiara e vi servono dettagli chiedete nel topic di servizio.

Approfittate di questa "pausa" per presentare i vostri pg: non siete amici intimi, ma vi conoscete già tutti, anche se siete di reparti diversi.

Postate anche una descrizione o se preferite un'immagine del vostro personaggio, e per favore anche un link alla scheda così le ho tutte sottomano

 

Edited by Skull Leader

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jaxson "Ace" Maverick

La cecità del comando militare aveva dichiarato la sconfitta della flotta dell'unione, di questo oramai ne era certo, troppe navi erano andate distrutte, troppi piloti morti in quei pochi minuti d'inferno. Della squadriglia di cui faceva parte erano rientrati solo in due ed ora, dopo giorni e giorni d'inferno era rimasto da solo, e non sempre pensava di aver ricevuto il destino migliore. 

Entro nella stanza briefing Δ per primo, prendendo posto in una delle poche sedie rimaste. Oramai tutto nella Byzantium è l'ombra di quello che era un tempo, tutto è stato ridotto all'osso per permettere la sopravvivenza. Come noi del resto, siamo rimasti in pochi... penso tra me e me Almeno non ho fatto la fine di Danzel... 

Aspetto

Spoiler

a8d11681fa05d16d9e6aec98c911e25e.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Israel Jeong

Descrizione

Spoiler

Israel è un giovane uomo dal volto affilato, la pelle olivastra e gli occhi un po' a mandorla. Tiene i capelli neri con un taglio corto e pratico, allo stesso modo la barba è corta e curata (ora non poi così curata, vista la situazione). 
Il naso sottile e grande, di chiara origine medio-orientale, è stato rotto e risistemato, ma un po' si vede.
Il fisico non è eccessivamente allenato, rientra negli standard delle forze armate ma non eccelle di certo. 
Indossa la divisa da medico militare, con la pistola al fianco nella fondina d'ordinanza. 

Arrivo in ritardo, la stanza briefing Δ ha già qualcuno all'interno quando apro la porta e mi faccio avanti. Sto consultando alcuni dati medici sul pad: oltre ai vari feriti in cura, debbo tenere conto di quanti medicinali restano e anche di quanta energia ci costa tenere tutto in funzione in infermeria. Alzo gli occhi dai dati e, vedendo che la riunione è lungi dall'essere iniziata, mi siedo e ritorno a scorrere il pad con attenzione. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

James Allezard 

arrivo con una quindicina di minuti d’anticipo, complice la fretta e la curiosità per questa convocazione. Forse finalmente abbiamo qualcosa da fare che non sia saldare, stringere bulloni o collegare fili Avete idea di perché siamo qui? Qualche voce di corridoio? Chiedo agli altri, quando sono arrivati tutti 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli indicatori sui vostri datapad1 personali segnano le 07:59 quando la porta scorre con un sibilo di lato e fanno il loro ingresso il Comandante Brandeker accompagnato dal Maggiore Udemba (comandante delle truppe d'assalto, ora Comandante in seconda della Byzantium). La sorpresa nel vedere entrare i due ufficiali di grado più alto vi fa esitare e scattate sull'attenti con un istante di ritardo, ma i due uomini vi bloccano con un gesto della mano, quasi all'unisono. I due comandanti non potrebbero essere più diversi, e al tempo stesso tanto simili: austero e distaccato il primo, socievole e altruista il secondo, eppure entrambi hanno messo ben in chiaro quanto disprezzino cerimoniali e protocolli quando non siano assolutamente indispensabili. Restate però in piedi, in posizione di riposo, finchè il maggiore non vi fa segno di sedervi.

È lui a prendere la parola, datapad alla mano:

Signori, come sapete siamo riusciti ad effettuare la maggior parte delle riparazioni di cui la Byzantium necessitava, ma molto resta ancora da fare. I sistemi di supporto vitale sono efficienti quasi al 100%, ma più di metà delle camere idroponiche e delle scorte alimentari sono andate perse. Se non dobbiamo razionare i viveri, è solo perchè l'organico, tra deceduti, dispersi e feriti gravi in animazione sospesa), è meno di 1/3 degli effettivi. Abbiamo meno di due dozzine di caccia e intercettori, ma solo 8 piloti abilitati. Anche gli armamenti sono ridotti a poco più del 50% di efficienza.

I propulsori ionici sono efficienti all'82%, un ottimo risultato, ma i reattori a fusione erogano solo il 20% di potenza, e i tecnici della sala macchine ci dicono che un uso prolungato potrebbe avere conseguenze critiche.

La cosa peggiore, a questo punto prende la parola il Comandante Brandeker, è che il motore quantico è definitivamente irrecuperabile, almeno finchè non avremo accesso ad una darsena orbitale per completare le riparazioni. E, come sapete, senza reattore quantico, anche le comunicazioni sono impossibili2. Di fatto, dal momento dell'ultimo salto, siamo rimasti isolati dal resto dell'universo. Ma anche potendo, sarei restio a lanciare un SOS: se dovesse essere ricevuto dai nostri nemici, nelle condizioni attuali saremmo un bersaglio troppo facile e verremmo obliterati senza speranza.

A questo punto attiva il proiettore olografico, e una ricostruzione del pianeta Auriga si materializza sfarfallando. Il Maggiore Udemba riprende la parola: Auriga è l'unico pianeta abitato di questo sistema e anche le poche stazioni minerarie sono state abbandonate alcuni anni fa perchè improduttive. Auriga è passato sotto il controllo dell'Unione poco più di venti anni fa. Procedura standard, il governo coloniale ha ceduto il controllo al raggiungimento della quota minima di popolazione, ma le Forze Coloniali sono rimaste sul pianeta per garantire l'avvicendamento: le procedure burocratiche sono sempre molto rapide, ma possono passare molti anni prima che la transizione sia completa. Non sarebbe la prima volta che la popolazione vuole restare all'interno del Rim, e non sarebbe neanche la prima volta che si verificano scontri tra insorti, Marine Coloniali e le Forze dell'Unione. Il problema è, semplicemente, che non sappiamo quale sia la situazione su Auriga: le ultime informazioni che abbiamo archiviato danno la presenza di 1.200 soldati della Dynamic Defense System, una compagnia mercenaria sussidiaria di una Corp mineraria, a sua volta di proprietà di qualche altra Corp, 600 uomini della... mmm... Black Kangaroo? l'espressione di Udemba tradisce il suo disprezzo per queste piccole compagini, spesso nient'altro che una via di mezzo tra avventurieri e predoni, e infine 800 dei nostri uomini della Difesa Planetaria.

L'unico modo per sapere chi abbia il controllo del pianeta, è mandare una piccola squadra a recuperare informazioni. Il Comandante riprende la parola, illustrando il suo discorso con il proiettore olografico. Sul pianeta sono presenti solo tre città principali: Odessa, il centro governativo, e la città industriale Nuova Kiev si trovano nell'emisfero Boreale. A 120 chilometri a Nord di Odessa si trova lo spazioporto planetario, dove potremmo effettuare le riparazioni necessarie, ma abbiamo deciso di inviarvi a sud, a Nuova Minsk. Nuova Minsk è un hub commerciale per le miniere e le fattorie dell'emisfero australe, ed è stata costruita attorno ad un secondo spazioporto, molto più piccolo, ma sicuramente meno protetto e meno controllato: mentre il porto di Odessa è militarizzato, quello di Nuova Minsk conta solo poche decine di hangar commerciali, per lo più di compagnie private. Il perchè sia necessario agire in segretezza è ovvio: finora non sembra che, chiunque controlli Auriga, si sia accorto della nostra presenza sulla luna, e finchè non avremo la certezza di poter raggiungere la superficie dobbiamo restare occultati.

Il Comandante cede di nuovo la parola a Udemba: I vostri diretti superiori ci hanno consigliato i vostri nomi per questa operazione: purtroppo con l'organico così ridotto dobbiamo lavorare con quello che abbiamo, ma le vostre competenze vi qualificano per questa missione. Il problema è che dovrete partire entro tre ore. Mi dispiace per lo scarsissimo preavviso, ma anche questa è una questione di sicurezza: per evitare di essere rilevati da radar e satelliti, non potrete usare i sistemi di navigazione della navetta da sbarco finchè non sarete all'interno dell'atmosfera. Lo so,è una manovra rischiosa, praticamente sarete in caduta libera e senza navigazione, ma userete una navetta da sbarco corazzata, e se può resistere al fuoco di sbarramento, può reggere anche un ingresso atmosferico in caduta libera. Solo dopo l'ingresso potrete avviare i sistemi di guida: abbiamo tracciato una rotta attraverso uno dei canyon dell'emisfero sud, che vi porterà fino a pochi chilometri di uno dei centri agricoli a sud est di Nuova Minsk. Il canyon vi nasconderà ai radar: il motivo per cui dovrete partire subito è la presenza di un vasto ciclone temporalesco, che vi fornirà copertura mentre sarete in volo tra la termosfera e la superficie, o per meglio dire le vette del canyon. Tra due ore l'occhio del ciclone sarà in posizione ideale per il vostro ingresso, in caso contrario non sappiamo quando potrebbe ripresentarsi un evento tanto favorevole.

Se tutto andrà per il verso giusto, lascerete la navetta in un'ansa del canyon: cercate di mimetizzarla come meglio potete, ma a meno che qualcuno non vada a cercarla, difficilmente verrà individuata da satelliti e droni. A questo punto raggiungerete la stazione agricola: da lì in poi vi dovrete affidare solo ed esclusivamente al vostro giudizio ed esperienza. Scoprite se il governo e le forze armate sono ostili o alleate, valutate la situazione e pianificate come far raggiungere la superficie alla Byzantium senza che venga polverizzata. E per dio, cercate di scoprire se abbiamo vinto o perso quella maledetta battaglia.

Il Comandante Brandeker fulmina il suo secondo con un'occhiataccia per questa sua infelice uscite, ma si limita ad aggiungere in maniera laconica: Spero che sia tutto chiaro. Ci sono domande?

 

Nota 1 

Spoiler

Avete tutti un datapad personale, l'equivalente di uno smartphone da polso con cui collegarvi alla rete, comunicare direttamente tra di voi, effettuare "telefonate" e fare scansioni ambientali basilari (L'aria è respirabile? Sì, No, Non so)

Nota 2

Spoiler

Questo lo scriverò più chiaramente nella sezione dell'Ambientazione, ma in pratica i motori quantici permettono ai sistemi di comunicazione anche di attraversare i portali, e quindi di diffondersi e mettere in collegamento tutti i sistemi colonizzati.

Nota 3

Spoiler

Quando un pianeta viene colonizzato, la sicurezza e il governo vengono affidate alle Forze Coloniali, in pratica eserciti mercenari di proprietà delle Corporazioni che finanziano la colonizzazione. Quando la produttività e la popolazione fissa del pianeta raggiungono un determinato livello, si avvia la procedura per essere annesso all'Unione Terrestre. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jaxson "Ace" Maverick

Scatto sull'attento quando i due comandanti entrano in sala Niente di buono... penso tra me e me vedendoli assieme. Come al solito non ci sono troppi preamboli e si arriva dritti al punto e al perchè della nostra convocazione Bene commento alla fine del briefing un paio di domande le avrei. Ci identificheremo come civili? o come facenti parte di qualche gruppo mercenario? Conosciamo chi c'è a capo delle forze di difesa planetaria?

Share this post


Link to post
Share on other sites

James 

scatto sull'attenti quando i due ufficiali entrano, e rimango in religioso silenzio mentre ci espongono il piano. nulla di impossibile, a conti fatti, salvo che non possiamo permetterci errori, e che non penso proprio sia prevista una missione di soccorso, in casi estremi. al termine della riunione mi limito ad annuire, attendendo il permesso di partire  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Israel Jeong

Mi siedo quando viene ordinato, e ascolto con attenzione il briefing. Alla fine annuisco "Certo signore, tutto chiaro. Le domande di Maverick valgono anche per me, ma il resto è limpido. Se però posso parlare liberamente, sarà un viaggio piuttosto pericoloso: il pilota chi sarà?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

il Comandante Brandeker prende subito la parola per rispondere alle vostre domande: Vi verrà fornito equipaggiamento tattico senza contrassegni, in questo modo dovreste passare per Contractor indipendenti. È molto probabile che la Dynamic Defense System abbia l'appalto per la sicurezza dei siti minerari e industriali , ma non è escluso che le fattorie e i piccoli consorzi mercantili abbiano guardie private. Dovrete però essere voi stessi a valutare come presentarvi, soprattutto nel caso che la DDS si riveli ostile. 

Purtroppo non abbiamo informazioni sugli ufficiali del nostro contingente a terra, ricordatevi però che i vostri Pad sono abilitati alla lettura dei marcatori sottocutanei che tutti noi abbiamo ricevuto1. Sappiamo in compenso che il Governatore di Auriga è la Direttrice Tessa Van Sieger: l'autorità più competente per garantire la sicurezza della Byzantium è sicuramente lei, ma procede con cautela se avete intenzione di contattarla, è sì un governatore dell'Unione, ma anche una donna di fiducia del Commonwealth. Anche se non ci sono attriti con il governo Unionista, il Commonwealth ha sempre secondi fini.

Il comandante si interrompe, sapete che durante la battaglia ha subito lesioni al collo e ai polmoni che, anche se non si vedono esternamente, gli causano non poche difficoltà, motivo per cui il Maggiore Udemba prosegue il discorso al posto suo: Per quanto riguarda il pilota, riteniamo che il soldato Maverick sia più che competente. Inoltre la IA della navetta lo assisterà nel volo, anche se gli occorrerà che uno di voi due faccia da copilota. 

infine, un'ultima cosa: come detto, la Byzantium è al momento tagliata fuori dalle comunicazioni. Abbiamo però dislocato alcuni droni di sorveglianza sulla superficie della luna, abbastanza piccoli da restare occultati. Le comunicazioni standard sono off limit, ma vi forniremo un comunicatore laser: non dovrete far altro che puntarlo verso la luna, illuminare uno dei droni (le coordinate sono già memorizzate) e potrete comunicare direttamente con il ponte di comando. Va da sé che questo sistema funziona solo quando la luna sarà visibile, ma è la soluzione meno pericolosa che abbiamo ideato. 

Altre domande, o siete pronti ad equipaggiarvi? 

Nota 1

Spoiler

Tutti i soldati dell'Unione ricevono tre marcatori, piccoli chip sottocutanei con le informazioni personali. Sono l'equivalente delle piastrine di riconoscimento, e ne avete uno sul dorso di una mano, uno poco sopra il ginocchio e uno alla base della nuca.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jaxson "Ace" Maverick

Sollevo la mano quando viene fatto il mio nome Chiamatemi Jax o Ace sorrido per poi tornare a rivolgermi ai miei superiori possiamo usare i pad per scoprire informazioni o lo considerate troppo rischioso? Una volta atterrati potremo sfruttare la rete del pianeta per avere informazioni sugli ultimi avvenimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In teoria, sì. Udemba inizia rispondere, ma si blocca e scambia un'occhiata con il Comandante, che dall'espressione è chiaramente contrariato da quello che il Maggiore sta per aggiungere. 

in pratica, è difficile a dirsi. Quando sono iniziate le ostilità tra l'Unione e i ribelli della FML molti governatori hanno bloccato le comunicazioni per impedire la propaganda della Federazione. Ovviamente, in molti casi si è trattato solo di scuse, la censura fa comodo a fin troppi governatori corrotti. 

Ad ogni modo, vi mandiamo a Nuova Minsk anche per questo motivo: essendo il centro più distante dalla capitale, è anche quello con il maggior tasso di criminalità. Se anche fosse stato imposto l'oscuramento delle comunicazioni, non dubito che troverete hacker e gruppi clandestini per aggirare il blocco. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Israel Jeong

"Nessuna domanda, signore. Pronto ad entrare in azione non appena lo sono gli altri" rispondo asciutto. Qualunque cosa per smettere di respirare aria riciclata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una volta ricevuto l'equipaggiamento, vi recate al ponte di lancio dove la vostra navetta vi attende già pronta a partire: si tratta di una dropship classe Amazzone, la sorella più piccola della classe Valchiria, più maneggevole ma meno corazzata. Le Amazzoni possono alloggiare quattro membri dell'equipaggio più otto passeggeri con relativo equipaggiamento da battaglia, ma mentre salite a bordo non potete fare a meno di constatare che i seggiolini per i passeggeri sono stati asportati, così come gran parte dell'attrezzatura non indispensabile e gli armamenti esterni. Se sia stato fatto per riutilizzare quelle parti altrove, o per rendere più leggera e maneggevole la navetta, non sapreste dirlo; vi consola però vedere che è stata aggiunta una schermatura termica aggiuntiva.

Indossate le tute spaziali e prendete posto nelle vostre postazioni di volo, e solo quando inizia il countdown finale vi rendete conto che non è stato fatto cenno ad un dettaglio: dovendo volare senza l'ausilio dei sistemi (e quindi senza propulsori), dovrete essere letteralmente fiondati verso il pianeta. Nel preciso istante in cui ricevete la luce verde, la catapulta di decollo spara la vostra Amazzone nel vuoto esterno alla massima potenza: nei test di abilitazione avete sostenuto prove ad accelerazione 2G, il vostro pilota Maverick per il suo brevetto ha sopportato 3G, i piloti di caccia arrivano a 4G per le manovre di decollo d'emergenza, ma questa volta venite schiacciati da 8,5G di accelerazione. Inevitabilmente perdete i sensi, e riaprire gli occhi quando ormai la luna inizia ad apparire come un disco frastagliata nel nero cosmico.

Le successive ore scorrono tranquillamente, mentre Auriga diventa sempre più immenso dinanzi a voi, fino ad occupare l'intera visuale: la traiettoria d'ingresso sembra abbastanza precisa, diretta verso l'occhio del ciclone che si estende sotto di voi.

Abbastanza però non è sufficiente: è il momento di stabilizzare e tenere in posizione la dropship, o venire polverizzati dall'attrito con l'atmosfera di Auriga

@tutti

Spoiler

Vediamo di capire come funziona:

@Cronos89 è il pilota, quindi deve effettuare una prova di piloting: la navetta normalmente da +2 alla prova, ma in questo momento siete in caduta libera senza sistemi di volo, quindi non avete ancora il bonus. Fai una prova standard e in base al risultato valuto come state procedendo

@Pippomaster92 deve fare una prova con CD 10 per aiutare Maverick: se riesce, concede un bonus +2 alla prova del primo pilota.

@Voignar per il momento può solo pregare che gli altri due non facciano errori

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jaxson "Ace" Maverick

Dopo una breve preparazione ci dirigiamo verso la navicella che sembra essere stata cannibalizzata e rafforzata allo stesso tempo Beh farà il suo lavoro dico mentre mi siedo al posto di guida signori e...signori, benvenuti nella Maverick Airlines, mi piacerebbe dirvi che il viaggio sarà confortevole, ma non credo che sarà questo il caso ridacchio mentre controllo per l'ennesima volta le cinture. Quando la luce diventa verde mi ritrovo compresso contro il sedile e sebbene faccia di tutto per resistere dopo poco la vista comincia a restringersi e in pochi secondi tutto sparisce. Quando finalmente riesco a riprendere conoscenza vedo il pianeta sotto di noi con l'enorme tempesta che dovrebbe coprirci questa sarà da raccontare mi volto verso gli altri accertandomi che siano svegli allora doc, ha mai pilotato una di queste? nel tempo che ci rimane spiego le varie procedure da eseguire per essere sicuro di no dimenticare niente.

Ci siamo, iniziamo con le procedure di avvicinamento mi riapproprio dei comandi iniziando a dirigermi verso il centro della tempesta

 

Spoiler

Ovviamente il primo lancio di prova che ho fatto ho tirato un d2 anzichè un d20 🙂
Ma il primo d20 non è male
piloting 8+ Alric7945:1D20 → 11(11) = 19

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Israel Jeong

Anche se ho studiato in ambito accademico gli effetti dell'accelerazione sul corpo umano, niente può prepararmi agli 8,5G che mi vengono schiaffati in faccia. Nonostante non mi ritenga una mammoletta, svengo senza ritegno alcuno. 

Mi risveglio qualche tempo dopo, le costole sembrano essermi finite sulla schiena e sento i bulbi oculari ritornare della forma giusta. "Dopo questo lancio, la tempesta sembrerà una passeggiata. Se avete nausea, dolori ossei o muscolari, allucinazioni uditive o visive, accelerazione cardiaca...è tutto perfettamente normale. Se avete altri sintomi avvisatemi immediatamente"

Faccio scricchiolare il collo, che ha subito una torsione poco piacevole alla partenza, e massaggiandomi i muscoli indolenziti (almeno due strappi!) osservo i comandi della navetta "Mai da solo, ma posso farti da copilota. Vediamo...nessuna assistenza di volo, caduta libera...non posso fare molto per assisterti, provo a riattivare almeno gli alettoni di assistenza"

DM

Spoiler

Pilotare +3.
Un po' di tecnobubble su come aiutarlo!

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nonostante il contributo di Israel sia solo marginale, Maverick riesce ad impostare una traiettoria d'ingresso quasi da manuale.

Da però il problema è conservare l'assetto della dropship: ad ogni istante che passa le vibrazioni e gli scossoni provocati dall'attrito si intensificano, nonostante le modifiche apportate alla navetta (o forse proprio a causa di esse)

Tutti

Spoiler

Vi farò fare una serie di prove con difficoltà crescente: ogni successo di @Cronos89 darà un bonus alla prova successiva, mentre @Pippomaster92 dovrà continuare a fare prove con CD 10 per aiutare le prove del compagno.

@Voignar ha la responsabilità dei sistemi di navigazione: in qualsiasi momento puoi decidere di attivarsi con una prova di Computer, se quindi ad un certo punto ritieni che i tuoi compagni non siano più in grado di superare le prove o il rischio di fallimento sia troppo grande puoi intervenire.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jaxson "Ace" Maverick

Tenere la nave nella giusta rotta sembra essere più difficile del previsto, ma grazie all'aiuto di Israel e con un pizzico di fortuna riusciamo a seguire il piano Credo che la preoccupazione principale sia non esplodere ora come ora rispondo al dottore, mentre cerco di stabilizzare e di tenere in rotta la nave nonostante gli scossoni 

 

Spoiler

piloting 8+ Alric4551:1D20 → 17(17)  = 25

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

James 

Voglia di scendere è un sintomo? Chiedo al medico, sforzandomi per non vomitargli addosso 

magari possiamo accendere tutti i sensori di questo trabiccolo, o l’atterraggio prevede uno schianto? 

@Dm

Spoiler

Qual è la differenza se i sistemi sono accesi o spenti? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Voignar

Spoiler

Nel momento in cui i computer della navetta sono funzionanti avete una rotta tracciata sul display che indica al pilota la corretta inclinazione da mantenere , mentre ora state andando ad intuito. Inoltre ci sono tutti i sistemi automatici che semplificano il volo. In termini di gioco, basta fare un tiro non troppo difficile e la navetta fa tutto da sola. 

La parte controproducente è che ora siete una piccola meteora in caduta libera, se accendete i computer troppo presto le difese orbitali potrebbero individuarvi e riconoscervi come velivolo militare. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Israel Jeong

"L'atterraggio sarà quasi uno schianto. Accendiamo i motori all'ultimo, e utilizziamo la stazza e la portanza della navetta per frenare leggermente la caduta" mi rivolgo al pilota ufficiale "Quando vuoi tu"

DM

Spoiler

Come prima

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.