Jump to content

Farondis


darteo
 Share

Recommended Posts

Per ottenere una nazione di fedeli, basta sterminare gli scontenti.
Per ottenere la fedeltà in un uomo, basta mostrargli il dolore.
Con questa filosofia, re Horgar Jotna regna su Valang. Chiunque provi a ribellarsi al sovrano viene torturato e ucciso nella pubblica piazza, in modo che il popolo viva nel terrore più totale. Ad Avidhar, la città in cui abitate, si è verificata una delle più recenti insurrezioni contro il sovrano.

Il re ha affogato nel sangue la ribellione inviando un manipolo di suoi uomini comandati dal lord Ulihurk, il campione di Ragnar Ferserk.
Ulihurk ha torturato e ucciso non solo i rivoltosi ma si è scatenato contro il popolo.
Ha gettato neonati in pasto ai cani e ha costretto le madri a guardare, ha mandato al rogo diverse persone, distrutto il raccolto e parecchie abitazioni.
I rivoltosi sono stati uccisi attraverso il metodo dell’aquila di sangue o altre pratiche agghiaccianti.
Infine, alcuni uomini scelti casualmente tra la popolazione, sono stati divorati vivi da Berghelmyr, il gigante al servizio di sir Jotna.
Tutta la città di Avidhar è stata costretta a vedere il titano trangugiare gli uomini, incapace di ascoltare le loro grida di disperazione.

Prima di andar via, Ulihurk ha rapito una donna di nome Laynariel per portarla in sposa al suo signore Ragnar. Diversi guerrieri e cittadini che si ribellarono al re non furono giustiziati ma rinchiusi nelle prigioni di Avidhar.

-.-.-.-.-

Sono passati cinque anni dalla strage.
Avete passato questo tempo dietro le sbarre. Lo spirito di molti vostri compagni di cella si è piegato. Non sono mancati casi di suicidio o morte per le dure condizioni del carcere.
I carcerati si sentono come sospesi nel tempo, attendono solo di morire di vecchiaia, per fame o malattia.
Ultimamente però ci sono dei mormorii che aleggiano tra le sbarre.
Pare che un falco bianco, venuto da sud, sta spazzando le tenebre proiettate dall'esercito di re Jotna. In altri racconti questo falco è sostituito dall’immagine di una ragazza vestita di bianco e con un corno sulla fronte. Probabilmente queste sono solo favole… ma è noto che un cavaliere si è sollevato contro di sovrano di Jotna e il suo nome è Herlan. La sua armata sta per affacciarsi alle porte di Avidhar.

-.-.-.-.-

Un’onda d’urto vi getta a terra nelle vostre celle.
Il suono dirompente di un'esplosione vi rende temporaneamente sordi. Siete storditi e cercate di rialzarvi. Avvertite delle vibrazioni e dei rumori in lontananza.
Quando i vostri sensi vengono ripristinati, udite urla di rabbia, paura e dolore.

Siete nel sottosuolo delle prigioni di Avidhar e qualcosa ha appena sfondato il soffitto e parte delle parete laterali di questo piano. Alcuni carcerati scappano in ogni direzioni mentre altri non sanno cosa fare, si limitano solo a uscire dalle loro celle. C’è del sangue che scorre per terra.
Tra le macerie provocate dall’esplosione vedete degli arti umani. Ovunque si levano disperate grida di aiuto.

In questo momento siete su un corridoio che attraversa un numero di celle poste su entrambe i lati.
Molti prigionieri sono all’interno di quelle gabbie e implorano di essere salvati.
Non si sono ancora viste le guardie.

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


La vita in carcere è dura, si sa, e cinque anni sono lunghi. Molti uomini si sono spezzati dietro quelle sbarre. Ma non Farondis. E' un uomo testardo. Da quando è stato imprigionato non ha mai smesso di allenarsi. Ogni giorno passa tutta la mattina a fare esercizi sul pavimento della sua cella. E' fatto di pietra: dura, fredda, ruvida, irregolare, tagliente. Proprio come il suo carattere.

Se ne sta nella penombra, seduto sul suo scomodo letto di pagliericcio. I suoi occhi spenti sono fissi nel vuoto. E' stanco, affamato. Tutte le mattine i celerini portano a loro prigionieri la colazione, l'unico pasto della giornata. Ma oggi non è accaduto. Farondis è agitato. Già così fa fatica a contenere il suo appetito di anime. Se non gli portano qualcosa per riempire lo stomaco è sicuro che aggredirà qualcuno. Uccidere un uomo non lo spaventa affatto, ha spezzato la sua prima vita a soli 14 anni. Quello che lo spaventa è il contratto stipulato con quel Diavolo anni prima. Sa di condannare le sue vittime ad un eternità di schiavitù e sofferenze. Il solo pensiero lo deprime.

Oggi si è esercitato con particolare intensità. Anche se non è bastato a sfogare la sua frustrazione è ricoperto di sudore. Finisce di asciugare le spalle muscolose e si alza lentamente. Posa il suo sguardo su Jaime. Un suo compagno di cella. Poco più di un ragazzino finito nelle prigioni 3 anni prima. Quel poveretto non sa badare a se stesso, da solo sarebbe durato una settimana nemmeno. Farondis gli fornisce protezione, e in cambio se lo inc.ula di tanto in tanto. Il ragazzo è magro, debole, con lunghi capelli biondi del colore del grano. Lo protegge solo per quei capelli. Gli ricordano quelli della sua amata Laynariel. Ogni volta che possiede il ragazzino finge che sia lei, la pensa intensamente ad occhi chiusi. Pensa al giorno in cui la libererà.

Jaime capisce subito cosa vuole da lui Farondis ed inizia ad abbassare le braghe.

Farondis rimane un attimo a guardarlo, oggi non gli va proprio di incularselo. Non è dell'umore giusto. Però forse può distoglierlo dalla sua fame, vale la pena un tentativo.

Mentre si avvicina al ragazzino un onda d'urto lo investe. Cade a terra, momentaneamente sordo. Si guarda in torno confuso. Non capisce quello che sta succedendo.

Caz.zo! Questa è la sua occasione. Quella che ha aspettato per anni. Secondo le voci un armata era vicina alla città, deve essere iniziato un assedio. Senza nemmeno recuperare i suoi vestiti esce dalla cella in calzoni. I suoi piedi nudi si bagnano del sangue che scorre sul pavimento del corridoio. Ne sente il calore, la consistenza vischiosa. Abbassa lo sguardo, per un solo istante. Capisce che oggi sazierà la sua fame. Non si è nemmeno accorto che sta sorridendo, la libertà è vicina.

Inizia a correre verso l'uscita, ma proprio in quel momento inizia tornargli l'udito. Lo stordimento dell'esplosione inizia a passare. Sente le grida di aiuto, anche gli altri prigionieri vogliono la libertà. Farondis guarda l'uscita, poi guarda le celle degli altri prigionieri. Qui è tutta una questione di tempismo, se non si sbriga a fuggire potrebbe perdere la sua occasione. D'altro canto quei prigionieri meritano la libertà quanto lui, cinque anni prima si sono ribellati insieme. Borbotta qualcosa e poi corre ad aprire le altre celle. Insieme siamo arrivati qui, e insieme ce ne andremo.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Derian

Un esplosione mi distoglie dalla mia meditazione e preghiera giornaliera 

Sono destabilizzato per un attimo e mi guardo attorno

Potrebbe essere l'occasione che stavo cercando..

Subito mi alzo e scatto fuori

Sembra che falissar mi sorrida ancora dopotutto

guardo poi gli altri prigionieri, vi aiuterò a scappare

Link to comment
Share on other sites

Vàndor

Questi periodi di prigione, sono stati così noiosi. Nessuna città da vedere, nessuna nuova scoperta, nessuna passeggiata. I libri sono finiti subito, la fantasia non troppo tempo dopo e soprattutto dopo poco le persone sono diventate sempre le stesse. Nessuno stimolo. Z-E-R-O  S-T-I-M-O-L-I. Tutto molto triste. Per tutta la magia del mondo, morirei per farmi una bella passeggiata tra i boschi.  

Almeno il tempo qua dentro mi ha permesso di valutare meglio il mio piano d'azione e soprattutto alcuni dei prigionieri sembrano sapere il fatto loro. 

Descrizione:

Spoiler

Vàndor è un uomo alto, circa 1.85mt, sulla quarantina, non troppo massiccio, Ha una barba curata tendente al rossiccio, né troppo lunga né troppo corta.I capelli neri e gli occhi verdi. Porta una benda sull'occhio sinistro, che dice di aver perso, e, tratto caratteristico, ADORA parlare con gli altri, ascoltare storie, conoscere nuove usanze e tutto quello che il mondo ha da offrire in generale. Veste spesso di nero ma gli piace avere un tocco di colore di quanto in quanto. Ovviamente in prigione tutto questo risulta piuttosto difficile. 

Quando sento l'esplosione rinsavisco dal mio stato semicatatonico dato dal non poter fare nulla.

Rivolgo lo sguardo agli altri prigionieri e quando sento parole di aiuto di Derian e di Farondis parlo pure io:

Sagge parole, sagge parole, aiutiamo a far fuggire il maggior numero di persone. Questa prigione è veramente la morte del divertimento, se rimango qui un'altro giorno giuro che impazzisco sul serio.  

E in ogni caso speriamo che le mie magie non siano troppo arrugginite.

Edited by StayM
Link to comment
Share on other sites

La terra trema di nuovo e in lontananza si sentono rumori riconducibili a uno scontro.
Presto le guardie raggiungeranno questo luogo e voi non avete le chiavi per aprire le celle degli altri prigionieri. Sapete che le chiavi sono tenute in una camera al piano terra delle prigioni oppure le portano alcune guardie del posto.
Presto i soldati raggiungeranno questo luogo e ne voi ne i prigionieri che si sono liberati possiedono un’arma. Sapete inoltre che sotto a voi si trova un altro piano dove è imprigionato uno dei mercenari che prese parte alla rivolta di cinque anni fa.
E’ un cacciatori di draghi di nome Thornaksor.


(una strada conduce al piano inferiore e un'altra strada conduce al piano superiore)

Link to comment
Share on other sites

Farondis si lancia sulla porta della cella più vicina, ma quando tenta di aprirla si rende conto che è ancora chiusa. Che stupido, la chiave. Batte sulle sbarre e dice ai prigionieri all'interno. Ascoltatemi bene figli di puttana, vado di sopra a prendere le chiavi. Tornerò ad aprirvi.

Ai prigionieri come Jaime, che non sanno combattere, dice Aiutate quelli che sono rimasti sotto le macerie.

Si volta ed inizia a correre per raggiungere in fretta il piano superiore. Sa di avere poco tempo. Sa che le guardie potrebbero essere già lì. Magari deve affrontarle per recuperare le chiavi. Sta' allerta, pronto a versare sangue.

Spoiler

La priorità è raggiungere il piano superiore in fretta. Quindi corre a tutto ma lungo il percorso Ascoltare +21 e Osservare +21 così da individuare eventuali guardie in anticipo.

Inziativa +18 (+20 considerando il potenziamento di Derian)

Per questa cronaca ho deciso di narrare quello che fa il PG in terza persona. E' solo una scelta stilistica, mi trovo meglio.

 

Edited by NinjaCow
Link to comment
Share on other sites

Alcuni prigionieri ignorano i vostri consigli mentre altri iniziano ad rimuovere le macerie.
Il resto degli uomini invece si raduna dietro di voi pronti a seguirvi.
Inizia così il cammino verso la libertà.
Dovremmo riemergere da un fiume di mare e merda per tornar a rivedere il sole! Ringhia un prigioniero dietro di voi.
Un secondo uomo gli risponde: farei volentieri il bagno in quel fiume se si tratta del sangue e la merda delle guardie.
Il gruppo urla per l’eccitazione mentre continua ad avanzare.

Percorrete delle scale e notate che già ci sono stati i primi segni di scontri.
Incontrate infatti i cadaveri di alcune guardie e di alcuni prigionieri. Sono stati spogliati di ogni arma e armatura. Raggiungete infine una grande sala dalle grezze pareti.
Sembra una camera di una grotta piuttosto che una prigione. Al suo interno si sta consumando una battaglia tra prigionieri e soldati del re.

3bBW4hV.jpg

Spoiler

Farondis = giallo
Derian = rosso
Vandor = verde
Alleati = blu
Nemico = grigio

 

Link to comment
Share on other sites

Vàndor

Se non vi dispiace, Signori, vorrei aprire le danze con questo classico intramontabile della magia, sperando di non essere troppo arrugginito.

(importante: faccio il verso di una bottiglia che si stappa mentre la lancio)

DM@

Spoiler

HP: 168

CA: 16

Iniziativa +12 (non so se ci sono buff dati da Derian, dovrebbe essere un DES+4)

Uso palla di fuoco Massimizzata potenziata, conta come un incantesimo di 4 livello. 15d6 danni, riflessi dimezza

-->.in N1 spostandomi in N14 per avere la visuale libera, 6mt di raggio ad area

--> SE INVECE posso fare la palla di fuoco a palombella (AKA Er cucchiaio di fuoco) allora la lancio sull'intersezione tra OP 1/2 e se non posso lanciarla sull'intersezione allora su P1. 

SE HO SBAGLIATO QUALCOSA correggimi <3 che di sicuro qualcosa ho sbagliato. 

 

Edited by StayM
Link to comment
Share on other sites

Sono 5 anni che Farondis non combatte una battaglia vera e propria. L'idea lo elettrizza. Osserva la battaglia per un istante, sospira e poi si lancia alla carica.

E' disarmato ma è anche un soldato ben addestrato, sa benissimo come uccidere un uomo a mani nude. Si posiziona tra tre nemici per lottare con loro tutti insieme. Non sai mai chi hai di fronte, la prossima spada che incroci può sempre essere l'ultima. Ma lui non è mai stato modesto, pensa di poter affrontare da solo 3 uomini. E' una sfida per il suo orgoglio.

Si muove rapido e cerca di afferrarne uno alla volta, bloccarli con leve articolari e succhiare via le loro anime.

Spoiler

Iniziativa +20

PF: 207

CA: 15 =10+8(des)-1(tratto)-2(carica)

*Schivare +1 CA sul nemico più vicino che rimane dopo i miei attacchi. Ho bersaglio sfuggente quindi posso evitare l'attacco poderoso degli attacchi di tale nemico.

Carica su nemico in P7 posizionandomi in O8 (non dovrei prendere AdO ma nel caso ho +4 a CA per gli AdO causati dal movimento

TxC +28 Danni 1d6+4(For) e -2 livelli

Segue poi il completo indicato sotto. Faccio attacchi su P7 finché necessario e se avanzano uccido prima P9 e poi O7. Ho combattere senz'armi quindi non ho problemi a combattere senza armi.

TxC 2 armi +28 / +28 / +23 / +23 / +17 / +17 / +12

Danni 1d6+4(For) e -2 livelli.

I nemici che muoiono a causa dei miei attacchi vengono risvegliati come Wight al mio servizio. Se me ne esce fuori qualcuno li mando sull'ala sinistra per dare man forte agli altri prigionieri.

Se anche un solo attacco va a segno e tolgo livelli prendo subito +4 des +4 cos +4 for +2 ai TS.

 

Edited by NinjaCow
Link to comment
Share on other sites

Le guardie sono armate e i prigionieri non hanno che sassi e pugni… eppure la loro volontà è più che sufficiente per schiacciare le armature e le difese di quei guerrieri.
Nel bagno di sangue in queste segrete, Farondis agguanta un soldato e inizia a nutrirsi della sua linfa vitale. Il guerriero rotea gli occhi mentre sotto la sua pelle iniziano ad apparire grosse vene nere.
Si irrigidisce e muore.
Farondis passa poi a nutrirsi da un altro soldato.
Un lampo improvviso… segue un esplosione scaturita da una magia di Vandor che smembra diversi soldati. Le budella zampillano dai loro corpi per poi spargersi in tutta la stanza.
In questo momento di confusione, Jaime ne approfitta per balzare alle spalle di Farondis e colpirlo con un pugnale raccolto da una guardia.
Il ragazzo però manca di poco il bersaglio.
yrDSfDb.jpg

Spoiler

Farondis = giallo
Derian = rosso
Vandor = verde
Alleati = blu
Nemico = grigio
Jaime = nero

Spoiler

 

Farondis
Carica
TxC 28+14 = 42 colpito
Danni 1d8+4 -2liv = 6 -2liv

TxC
28+2
28+17
23+7
23+20 -> 23+4 = critico confermato
17+5
17+16
13+18
-sempre colpito-
Il primo nemico muore con tre attacchi (più quello di prima)
Il secondo nemico muore con i restanti attacchi

Vandor
Magia
TS
4+13
4+8
4+9
4+14
4+5
4+5
4+10
Falliscono tutti
Sette morti

Derian
ritarda l’azione

 

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Farondis si muove veloce tra i suoi avversari. In pochi secondi prosciuga le anime di due di loro. Un senso di soddisfazione lo pervade. Ora e' finalmente sazio e sta anche iniziando ad assaporare la vendetta sui suoi nemici e carcerieri. Per uno strano meccanismo le loro morti non lo fanno sentire in colpa.

Vede il terzo soldato cadere sotto i colpi degli altri prigionieri. Avrebbe voluto prendere lui stesso la sua vita. Ma non e' un problema. Una strana sensazione di disagio lo scuote. C'e' qualcosa che non va'. Si gira appena in tempo per vedere Jaime caricare un colpo su di lui, alle sue spalle. Lo evita per poco. Ribolle di rabbia. Ti ho protetto per anni ragazzino. Senza di me saresti morto. Mi ripaghi cosi?

Capisce solo ora che in fondo gli ha fatto del male. Probabilmente ha rovinato quel ragazzo per sempre come la guerra ha rovinato Farondis stesso quando lui era un ragazzino. Stava per lanciarsi su Jaime, per ucciderlo. Ma si ferma un istante prima.

E' stata Laynariel a salvarlo dal suo abisso di autocommiserazione e disperazione. E' stata lei ad allontanare gli spettri del suo passato e a fargli capire cosa e' giusto e cosa e' sbagliato. Ora, dopo anni capisce di aver sbagliato con quel ragazzino, capisce che gli ha procurato dolore. Lo ha trasformato in un mostro esattamente come lui. Laynariel non approverebbe. E' anche vero che lei non puo' comprendere la sua fame, la sua prigionia. Ma ha comunque sbagliato. cavolo! Sono senza speranza.

Vorrebbe lasciarsi cadere a terra, piangere. Sfogarsi. Nonostante i suoi sforzi non riesce mai ad essere l'uomo che vorrebbe. Finisce per fare la cosa sbagliata e capirlo troppo tardi. Ma non puo' mostrarsi debole di fronte a tutti. Poi durante una battaglia? NO, non con il suo orgoglio. Poi se dovesse abbassare la guardia ora potrebbe essere la sua fine.

Spera di rimanere solo un momento per dare sfogo al suo fiume di emozioni. Ma non e' questo il momento. Non vuole mostrarsi debole, non deve far trasparire quello che prova. Sputa sul ragazzino. Sei troppo giovane per morire, ma provaci di nuovo e ti spezzo a meta'.

Si volta e si lancia nuovamente nella mischia. Questa volta infuriato ed incauto si lancia sui nemici senza preoccuparsi della sua incolumita'. Vuole uccidere solo per sopprimere quello prova.

Spoiler

+2 TS +4 For +4 Des +4 Cos

PF: 249

CA: 15 =10+8(des)-1(tratto)-2(carica)

*Schivare +1 CA sul nemico più vicino che rimane dopo i miei attacchi. Ho bersaglio sfuggente quindi posso evitare l'attacco poderoso degli attacchi di tale nemico.

Carica sul gruppo di nemici piu' ampio che posso quando tocca a me. Mi metto tra loro. contro eventuali attacchi di opportunita' dovuti dal movimento ho +4 alla CA

TxC +30 Danni 1d6+6(For) e -2 livelli

Segue poi il completo indicato sotto sui nemici che rimangono Ho combattere senz'armi quindi non ho problemi a combattere senza armi.

TxC 2 armi +28 / +28 / +23 / +23 / +17 / +17 / +12

Danni 1d6+6(For) e -2 livelli.

I nemici che muoiono a causa dei miei attacchi vengono risvegliati come Wight al mio servizio. Se me ne esce fuori qualcuno li mando a dare man forte agli altri prigionieri.

 

Link to comment
Share on other sites

Farondis risparmia Jaime ma si distrae dalla battaglia e una guardia lo carica.
Il divoratore di anime però si accorge del pericolo e si volta contro di lui. Gli agguanta il volto, cavandogli gli occhi, e lo getta a terra. Lo trattiene fino a quando non si è nutrito della sua linfa vitale.
Si alza e afferra un secondo guerriero… ma quest’ultimo viene ucciso da un prigioniero che lo pugnala alle spalle.

Il resto dei prigionieri massacra le ultime guardie.
Tutti gridano come se avessero vinto una guerra. Vi spostate verso una parere e sfondate una porta. Entrate in una stanza dove prendete armi, armature e un mazzo di chiavi.
In questo momento i prigionieri si voltano verso di voi e vi chiedono quale sarà la prossima mossa.

Approfittando della pausa, molti evasi ringraziano Derian per le sue provvidenziali magie (di supporto).
 

Spoiler

Farondis
TxC
30+8
28+18
28+12
23+6
23+6
17+18
17+5
12+4 -> mancato
Danni 1d6+6 -2Lv -> calcolo 5 attacchi -> 43 -10 liv morto
Danni 2d6+12 -4Lv -> 20 -4Liv


Derian
magia

 

Link to comment
Share on other sites

Derian

Ora che abbiamo recuperato il necessario andiamo a liberare gli altri, troveremo più facilmente la salvezza se siamo molti, come avete visto le guardie non possono resisterci.

Torniamo indietro a recuperare gli altri e il cacciatore di draghi

Link to comment
Share on other sites

Vándor

quando vedo la palla di fuoco fare una strage:

Eheh, non ho perso il tocco. Accendetevi miei cari.

 

 

Bene, credo che questo sia il momento di sbrigarsi e di andareva liberare i prigionieri e il cacciatore di draghi.

Link to comment
Share on other sites

Di tutti i prigionieri vicino a voi, solo cinque di loro decidono di seguirvi dato che l’ultimo desiderio di questi uomini è quello di tornare indietro nelle prigioni… anche se questo significa liberare altri incarcerati.

Raggiungete il luogo dove si trova il cacciatore di draghi.
Si tratta del livello più basso delle prigioni di Avidhar. E’ la prima volta che entrate in questo posto. Si tratta di una grande camera scavata nella roccia e nulla di più. La cella del cacciatore Thornaksor è al di là di una solida porta di legno con dei rinforzi di ferro.

C’è però qualcos’altro in questa camera... qualcosa che non avevate previsto.
Una seconda cella.
Si tratta di una grotta il cui accesso è bloccato da una serie di sbarre di metallo nero. A qualche metro da voi si trova una leva che (probabilmente) apre le sbarre.
Uno dei cinque che vi ha seguito corre verso la cella del cacciatore: Thornaksor, sei vivo?
Chi caz.zo lo vuole sapere? Risponde una voce rauca dall’altra parte della porta.
Siamo venuti a tirarti fuori!
E cosa aspettate? Che vi prometto una sega?!
Cosa c’è nell’altra cella?
Che caz.zo ne so!

Edited by darteo
Link to comment
Share on other sites

Il sassolino risplende di una luce bluastra all'interno della gabbia.
Qualcosa si muove in quella cella.
Si tratta di un grande animale che, per via della sua posizione rannicchiata, si confondeva con la parete della grotta. Nonostante si trovasse accovacciato, quella creatura superava in altezza un essere umano. E' infastidito dalla luce, così schiaccia il sasso luminoso.

@Vandor

Spoiler


Grazie alle tue conoscenze comprendi che si tratta di un troll


 

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.