Jump to content

Topic di Gioco: Indra Devanagari Matheson


SNESferatu
 Share

Recommended Posts

San Castillo, Esterno della Matheson & Associati. 27 Marzo 2017, 8:20 AM.

Sono passati ben tre anni da quando sei diventata quel che sei diventata. Anni di alti e bassi, ma non si può dire che non siano stati carichi di emozioni forti. Certo, di alcune avresti fatto volentieri a meno, e nel pensarlo ti tocchi l'occhio che hai perso, ma ti hanno anche forgiata, ti hanno temprata come il fuoco che a volte ti senti ardere dentro. Da una parte sei convinta che il tuo studio legale, la Matheson e Associati, avrebbe impiegato più del doppio del tempo ad arrivare al suo odierno splendore se non fossi stata Divorata. Sei sempre stata ambiziosa, anche nei momenti più bui, ma ora il Gigante sei tu.

Prendi per esempio la tua ultima vittima. Chi potrebbe dire che non saresti stata tu una delle sue vittime anche solo dieci anni fa. Oh, scoprire quello che lo faceva pulsare dentro e usarlo contro di lui ti ha fatto sentire viva. Non importa se sia stato messo dietro le sbarre per un altro crimine... alla fine sei stata persino gentile con lui. In altre occasioni sarebbe finito schiacciato dalla gloria del tuo Orrore.

A proposito, al momento il tuo Orrore non sta scalpitando come una settimana fa. È placido, ma non è completamente a pancia piena. Lo puoi sentire, ascoltare i sui bisbiglii e incomprensibili sussurri, guardare attraverso i suoi occhi. Se potesse mangerebbe ancora, e ancora, e ancora. Vedere le persone con gli occhi sbarrati quando le denudi rivelandone i segreti è una gioia per entrambi. Ma in fondo è dovuto, tu e il tuo Orrore siete una cosa sola. Se non fosse per il tuo amato marito Richard, chissà che bestia con la b minuscola saresti ora...

Scuoti la testa pensando a lui. È anche per lui se lavori senza sosta. Da quando si sono manifestati i sintomi della sua malattia ti sei fatta in tre per far sì che non gli mancasse niente. È difficile, ma non daresti niente di meno per lui.

Persa come sei nei tuoi pensieri, ti trovi davanti al portone della Matheson e Associati come se avessi camminato dentro una nube. Prendi le pesanti chiavi dalla tua borsa e non fai neanche in tempo a girare due mandate che ti senti toccare con un dito sulla schiena.

"M-m-mi scusi. È per caso lei l'avvocato Indra Matheson?"

Senza neanche girarti sai già che la proprietaria di quella vocetta femminile non ha bisogno di fare quella domanda. La vistosa benda che ti copre il volto è un segno così caratteristico che è la prima cosa che tutti usano per ricordarsi di te. Non è possibile che non le sia stato detto.

Ti giri un po' scocciata, e ti ritrovi davanti una ragazzina di a malapena 15 anni, a essere gentili. È di sicura origine giapponese, con capelli neri a caschetto e occhi che molto velocemente passano dal sorpreso, all'intimidito, al timido per tornare di nuovo al sorpreso in un ciclo continuo. Si tiene un braccio e non riesce a stare ferma.

fwpLXT7.png

"Le dovrei chiedere una cosa, è urgente. Mi hanno detto di venire da lei per questo tipo di cose..."

La ragazzina ti fa una strana impressione. Senti un improvviso mal di testa nella regione delle tempie, e una sensazione di caldo dalla testa ai piedi. Cosa vuole dirti il tuo Orrore dalle cento mani?
 

Spoiler

 

La ragazza è una creatura sovrannaturale Fondamentalmente Umana. Se vuoi puoi cercare di capire che creatura sia vincendo un tiro di Prontezza + Occulto + Tana - il suo Autocontrollo e la sua Integrità. È un tiro abbastanza difficile data la sua natura Fondamentalmente Umana.

La tua Condizione di Sazietà è Sazio. Ti ricordo che hai la Condizione Accecato (Minore).

Buon inizio!

 

 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 261
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

Chissà perché nessuno ricordava mai di chiamarla con il nome completo. Colpa di quel guru di suo padre e di quella insegnate di yoga della Bassa California di sua madre. Troppo impegnati ad inseguire la trascendenza e scoprire nuove posizioni del Kamasutra per immaginare che vita di merda avrebbe dato alla loro bambina.

Maledetti Hippie.

Alla scuola pubblica di San Isidro ti pestavano per molto meno.

"Piccola. Non dovresti essere tipo, mmmh,... all'asilo?"

Guarda l'orientale con freddezza e socchiude l'occhio. L'unico che le rimane. Non per lo splendido sole. La ragazzina ha qualcosa di strano e lei cerca di capire cosa. 

Spoiler

Ovvio che faccio il tiro!

 

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

Spoiler

Somiglianza di Famiglia:

Prontezza + Occulto + Tana di Indra  - (Autocontrollo + Integrità) = 0 dadi.
Tiro d'opportunità: 3. Fallimento.

Trasformi il tuo Fallimento in un Fallimento Drammatico. Hai ottenuto un Beat! Sei a 1/5 di Esperienza.

Fallimento Drammatico: L'unica cosa che Indra è riuscita a ottenere è inimicarsi la ragazza, che ora ti vede con sospetto. Si è sentita osservata nel profondo, ma non sa perché e non sospetta nulla di sovrannaturale. Hai -1 a tutti i tiri Sociali verso la ragazza fino a che non migliori i rapporti.

La ragazzina pare infastidita dalle tue parole, ma sospetti che sia dovuto al fatto che hai cercato di carpire la sua natura troppo a fondo. Deve essere abituata agli adulti che la trattano come più piccola di quanto sia in realtà, ma questo non cambia il fatto che essere considerata un'idiota solo perché poco più che bambina la punge nel profondo. In parte ti ricorda qualcuno che ti è molto vicino. La noti che deglutisce per prendere un po' di coraggio e darsi un minimo tono.

"Ho quattordici anni!" Trasalisce per aver alzato la voce in modo inaspettato, inaspettato principalmente da se stessa. Fa un lungo sospiro e continua. "Sono in 8th Grade... sarei in 8th Grade. È difficile da spiegare. Ma è parte del motivo per cui sono qui, la prego di ascoltarmi, signor avvocato."

Quindi si toglie la borsa a tracolla che aveva addosso, la butta a terra con un tonfo e ci trafuga dentro con un ardore che ormai ti sembra un po' meno fuori dal personaggio. Ne tira fuori un pezzo di carta, a prima vista un biglietto da visita. Te lo porge con un po' di esitazione.

"Questa persona mi ha detto di cercarla, che solo lei può aiutarmi. La prego, la prego mi ascolti. Mi è stato detto che è tanto impegnata, ma la prego."

9JKV7BW.png

Prendi in mano il biglietto da visita dalle bollenti mani della ragazza, e lasci trapelare un minuscolo sossulto, e non solo per quella sensazione che ancora non sai spiegarti. Hai un biglietto proprio uguale nel tuo portafoglio, e lo custodisci con estrema cura. Più che un biglietto è un pegno, un simbolo di un rapporto che non pensavi di poter avere più, specie alla tua età. Mr. Longlegs è il nome in codice di quello che definisci ormai praticamente come un mentore, una guida del mondo sovrannaturale, ma è in piccolo praticamente un padre. È un padre con tantissimi misteri, ma pur sempre famiglia. Il bello è che non sai neanche che creatura sia. Sei sicura che è sovrannaturale, è ovvio, ma lui non vuole esporsi e tu non hai mai chiesto, almeno per ora.

Non capisci come sia possibile che una semplice ragazzina, neanche liceale, abbia ottenuto un privilegio così grande.

Edited by SNESferatu
Formattazione
Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

"Non so come sei venuta in possesso di quel biglietto, piccola" le dice, "ma oggi è il tuo giorno fortunato"

"La Matheson & Associati non fallisce mai un incarico"

Fa accomodare la ragazzina nel suo studio, che a dir la verità è molto in disordine. Ci sono pile di libri per terra, solo alcuni di legge, molti trattano mitologia ed arti marziali, e cartoni di pizza ovunque. Il suo attestato di laurea della UCLA è affisso sulla parete, storto di lato. E in un angolo campeggia un voluminoso sacco da boxe, di quelli appesi con la catena al soffitto.

Sa cosa dice Marty ghignando dietro alle sue spalle: che il posto avrebbe bisogno di un tocco femminile. Lei si è riproposta di sfidarlo per una sessione di sparring.

Giusto per ricordargli chi paga le bollette ed ha il ruolo di maschio alfa lì dentro.

Si siede, i piedi sulla scrivania, ed invita la mocciosa e vuotare il sacco.

"Se ti piace la pizza fredda non fare complimenti, serviti pure"

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

La ragazzina ti strappa il biglietto di Mr. Longlegs dalle mani, senza neanche una parola e un sorriso. Conosce evidentemente il valore che può avere il solo fatto di conoscere Mr. Longlegs. Ti segue quindi con estrema titubanza nel tuo studio, con lo sguardo a terra. Il giochetto che le hai tirato prima l'ha probabilmente frastornata. E l'aspetto della stanza... be', quello non aiuta proprio.

Prende una sedia, e si accomoda. Tiene entrambe le mani in tasca, ma riesci a notare che sono chiuse in pugni. "Mi chiamo Kimiko Jones, e sono qui da lei per mio nonno. Cioè, non è davvero davvero mio nonno. Faccio parte del sistema." Hai una buona idea di cosa stia indicando con quel sistema. Kimiko si sta riferendo al Foster Care System, quella gargantuesca burocrazia in cui sono cacciati i minori di 18 anni che non hanno madre nè padre per accudirli. Alcuni di questi genitori sono morti, ma molti, molti altri hanno perso la patria potestà per abuso di alcool e droghe. È una realtà triste, ma straordinariamente comune, specie in California. Quella ragazzina sarà stata sbattuta da un foster parent all'altro per anni, priva di stabilità economica e genitoriale. O peggio, in una group home. "Mio nonno mi segue da un paio di anni. È la persona più buona che abbia mai incontrato. Non farebbe mai quello di cui è stato accusato." Gli occhi le si fanno lucidi, ma si riprende subito.

"I poliziotti dicono che sia un assassino, che ha bruciato delle persone a morte. Non ci credo, non ci credo".  Prende finalmente una delle pizze che le hai offerto. Saranno fredde, saranno state offerte da una persona di cui si fida a malapena (ma di cui ha bisogno), ma è pur sempre cibo. Ne addenta una con vigore. Una spicy pepperoni pizza di Domino, una cagata, ma quando lavori fino a tardi...

"Prima di essere portato dentro mio nonno mi ha dato quel biglietto. Mi ha detto che Mr. Longlegs gli doveva un favore, ed eccomi qui. Ah, Mr. Longlegs mi ha chiesto di salutarti. È tanto che non vi vedete?"

Pizza finita in un baleno.

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

"Abbastanza" si limita a dire.

La bambina comincia ad essergli meno antipatica adesso: sa cosa vuol dire crescere senza genitori. O meglio, i suoi sono ancora vivi, ma non si sono mai curati molto di lei.

Mette giù i piedi e girando attorno alla scrivania si accuccia sui talloni davanti alla ragazzina, per mettersi al suo livello.

"Ascoltami bene Kimiko" la guarda dritto negli occhi. Non le frega un beneamato c@zzo se non è completamente umana. Diamine! Non è più sicura di esserlo neanche lei ormai. "Ho bisogno di sapere come si chiama tuo nonno. E dove è detenuto. Tu puoi rimanere qui tutto il tempo che vuoi. Fra poco arriverà un ragazzo simpatico di nome Marty. Può portarti altra pizza, stavolta calda però. Lui si occuperà di te, hai capito? Puoi anche trattarlo male se vuoi, tanto ci è abituato!"

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

Vedi un accenno di sorriso sul volto di Kimiko. Una speranza, quasi.

"Il nonno si chiama Tyrone, Tyrone Grace. L'hanno portato a... alla Goldwater City Jail. La conosce per caso?"

La conosci, la conosci. La Goldwater City Jail è uno dei quattro centri di detenzione della città, ed è quello meno dislocato rispetto agli altri. Ha un livello di sicurezza relativamente basso, ed è usato per rinchiudere gli imputati in custodia cautelare. La popolazione di San Castillo odia quell'edificio che come un nero monolite distrugge l'armonia del centro della città. O forse è perché, con grande ironia del sindaco che lo fece costruire, si trova proprio nel mezzo del quartiere finanziario della città, l'omonimo Goldwater.

Una Stanza della tua Tana proviene da lì. Una stanza per le interrogazioni in cui una volta hai avuto un pranzetto che dire succulento è fargli un dispetto.

"Se non le dispiace, preferirei venire con lei. Vedere il nonno... ho paura di non vederlo mai più". Kimiko si rabbuia di colpo. "Non se se posso venire però..."

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

"No. Meglio se rimani qui" le risponde con franchezza. "Mi occuperò io della cosa, perciò puoi stare tranquilla. Dirai a Marty con chi stai ora, così i tuoi attuali tutori non daranno di matto. Lui ti riaccompagnerà quando ti sarai calmata"

"Ma ci rivedremo. Siamo amiche ora, no? Le amiche si aiutano"

Quando non ti iniettano in vena della pessima droga e si scopano il tuo ragazzo mentre tu guardi, con la bava alla bocca.

Oddio deve fare del male a qualcuno.

Ne ha bisogno.

Perciò dopo aver finito di rassicurare la ragazza esce.

La visita a Goldwater capita a fagiolo. Lì potrebbe trovare qualche povero str*nzo su cui sfogare la sua rabbia repressa.

Sarà un po' come tornare a casa.

 

 

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

"Non ho attuali tutori. Sono scappata via, il mio responsabile non sa niente..." 

Kimiko sprofonda nella sedia. È, ovviamente, molto provata da questa situazione, ma quello che noti è la rabbia. C'è solo tanta rabbia in questa ragazza, nascosta profondamente sotto strati di timidezza e rassegnazione. "Ok, resterò qui. Marty è come te?" E anche strati di poco chiara curiosità.

Spoiler

Kimiko non ha nessuno, l'unica persona di cui si fida è in carcere e tu un po' le puzzi. Convincere Kimiko a restare alla Matheson è un tiro di Ascendente + Persuasione - Fermezza di Kimiko -1 per il fallimento drammatico di prima. Puoi ovviamente usare altri mezzi per convincerla.

 

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

"Buondio, no. Marty non è ancora un avvocato: è solo il mio assistente. Detto fra noi spero fallisca nuovamente l'esame, mi piace troppo molestarlo" le fa l'occhiolino, anche se inizia a sospettare che la ragazza sia meno infantile di quanto appaia.

"Comunque dovremo far sapere al tuo responsabile che stai bene e sei al sicuro, piccola. Il Sistema diventa furioso quando sparisce una bambina, non lo sapevi?"

E, quasi a prevenire una domanda, aggiunge subito dopo

"Non si tratta di amore, Kimiko, a nessuno piace perdere le cose"

 

Spoiler

E io non voglio certo dare rifugio ad una minorenne fuggiasca con il rischio di beccarmi una denuncia per rapimento! .-D

 

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

I riferimenti a Marty non vengono completamente inascoltati e incompresi. Se è stata nel sistema come dice, e non hai motivo di credere altrimenti, Kimiko ha visto molte cose a cui una ragazza "normale" si abitua più tardi. Il suo volto ti fa capire che ha capito, ma la ragazza non aggiunge altro in merito.

"Non... ci ho pensato. Ero solo così stanca, avevo finalmente trovato una casa, e il sistema me la toglierà di nuovo. E finirò di nuovo in una group home."

Nello sguardo vacuo di Kimiko leggi che farebbe qualsiasi cosa per evitare quel destino. Ha 14 anni, e gliene mancano solo quattro per essere libera dal sistema, ma quelli dell'adolescenza sono certamente i peggiori se sei una ward of the state.

"La mia responsabile si chiama Priscilla McAdams. Questo è il suo numero." Ti detta il numero di cellulare della sua responsabile, con voce spenta. Avrebbe davvero preferito restare fuggiasca.

Spoiler

Nel dubbio, ti faccio un tiro di Ascendente + Persuasione - Fermezza di Kimiko, ma senza la penalità perché te la stai giostrando bene bene e i bonus cancellano le penalità.

Convincere Kimiko. Ascendente + Persuasione - Fermezza di Kimiko = 1 dado. Successo.

 

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

Guarda la ragazzina con la sua solita aria cinica e distaccata: dovrebbe dirgli che andrà peggio.

Che compiuta la maggiore età il Sistema avrà fatto il suo dovere e lei rischierà di trovarsi a dormire per strada, senza un tetto sulla testa.

Dovrebbe sapere quello che gli uomini fanno ad una ragazzina senza fissa dimora, sola ed indifesa.

Spero tu nasconda dei c*azzo di artigli mocciosa, perché ti serviranno.

Scrive il numero su un cartone della pizza.

"Magari possiamo aspettare un po' prima di chiamare la signora McAdams, umh? Vedere come è la situazione del nonno prima"

Non può credere a quello che sta facendo. Si sta prendendo dei rischi. Per una ragazzina che neanche conosce.

Ma questo Tyrone Grace è in qualche modo legato a Mr. Longlegs, perciò potrebbe essere importante.

Non è altruismo, ma semplice, cristallino calcolo.

Respira meglio, ora.

"Rimani qui" le ordina

"Aspetta Marty. E non toccare nulla, intesi?"

Spoiler

Quando riesco ad uscire telefono a Marty, le dico di badare alla nostra piccola ospite. Il ragazzo è un pezzo di pane, sarà un ottimo baby-sitter per Kimiko. Poi vado dal "nonno".

 

 

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

Sei convinta che Kimiko si stia finalmente un po' sciogliendo davanti le tue cure. Non tantissimo, ma almeno un minimo. Non hai subito il suo stesso identico passato, ma hai una buona idea di come sia vivere come lei. Anzi, forse lei finora è stata più fortunata, quel Tyrone pare tenere davvero a lei. Almeno basandoti solo su come ne parla la ragazzina.

"Grazie mille, non so davvero come ringraziarla. N-non mi muoverò di qui, allora. Posso sedermi qui?" e indica la tua sedia, molto più comoda di quella su cui l'hai fatta sedere. "Hai qualcosa da leggere? Questo Marty come è fatto?" Si indica il volto. "Di faccia, intendo. Chiunque potrebbe essere Marty, per me." Non ha tutti i torti.

Spoiler

Se non vuoi fare altro nell'ufficio e se non vuoi dire niente di particolare a Marty, possiamo passare direttamente al centro di detenzione.

In ogni caso, dovresti fare un tiro di Ascendente + Persuasione + 1 per convincere Kimiko a davvero non muoversi di lì. Cioè, per ora seguirà quanto le hai detto, ma non puoi sapere cosa farà dopo, una volta sola e a mente fredda. Non hai le penalità perché te la sei lavorata bene (hai ancora il -1, ma i bonus hanno vinto sulle penalità). Nessun'altra penalità: Kimiko vuole essere aiutata.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

"Lascia stare la mia poltrona, piccola, o ti strappo il fegato e me lo mangio con contorno di cipolle e un bicchiere di Chianti" le dice con aria truce.

Ma poi aggiunge che c'è un divano, da qualche parte. E che può usare quello senza il rischio di venire uccisa in modo brutale.

"Marty è... Marty! Crede di essere ancora negli anni '80. Ti piacerà"

Spoiler

5afb2102deb9c_Michael_J._Fox_as_Marty_McFly_in_Back_to_the_Future_1985.jpg.6f8103d8a4006deee00c894fe7e55954.jpg

pepperepè-pereperepeppeeeeè.... (musica di Ritorno al Futuro)

Spoiler

Tira pure (mi gioco il Beat in questo caso), per dirla tutta non mi frega un accidente se la bambina è così stupida da andarsene .-P Il mio obiettivo ora è far uscire un uomo di prigione non fare la bambinaia.

Per quello c'è il mio assistente Marty (pepperepè-pereperepeppeeeeè... ecc, ecc).

Ed ora... al penitenziario!

 

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

Spoiler

Convincere Kimiko

Ascendente + Persuasione + 1 = 4 dadi. 1 successo.

Non puoi saperlo ora, ma Kimiko ha deciso di ascoltare il tuo consiglio, e resterà ad aspettare Marty.

San Castillo, Goldwater City Jail. 27 Marzo 2017, 8:40 AM.

È ancora relativamente presto, e non hai difficoltà ad arrivare velocemente nei pressi del penitenziario, nè a trovare parcheggio. Almeno qualcosa di positivo in questo lunedì, che è iniziato in modo troppo interessante.

La Goldwater City Jail è esattamente come te la ricordavi: un pugno nell'occhio. E infatti è nera e lucida. È contornata da verdi alberi giusto per dare un tocco un po' meno brutalista alla costruzione, e per rassicurare i finanzieri che entrano ed escono dalle sue mura.

Fai le scale in modo deciso, l'entrata in scena in una struttura carceraria è fondamentale. Anche se non c'è nessuno a vederti.

Nell'ingresso trovi una sola persona, una donna, seduta nel gabbiotto nascosta dietro un pc malandato e protetta da un vetro che speri per lei sia antiproiettile. Pregusti quest'incontro, e speri che lei si ricordi di te. Non te ne sei ancora nutrita, ma non è necessario comportarsi da Bestie per far capire chi è comanda. Grazie alla tua vastissima memoria ne ricordi persino il nome, nonostante sia un brufolo nella tua vita. Si tratta di Laura Mads, una donna di circa cinquanta anni, dal volto di topo e con i capelli raccolti in uno stretto chignon. È la custode, ma praticamente funziona anche da segretaria quando serve, cioè praticamente sempre visto che le prigioni sono costantemente understaffed, anche quelle più "belle" della città. Controlla chi entra, chi esce, ma soprattutto quando, e con estrema gioia.

"'ngiorno" dice con una voce stanca e annoiata, senza staccare gli occhi dal computer. Starà giocando a solitario. "Come posso aiutar..." alza gli occhi. Fa un sorriso forzatissimo. "...la?"

Sì, si ricorda di te.

Spoiler

Nota: anche se fosse stato un fallimento, non avresti potuto trasformarlo in un fallimento drammatico per ottenere un Beat perché l'hai già fatto in una scena.
Ora la scena è cambiata, quindi si resetta tutto e puoi riottenere un Beat fallendo male.

 

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

Dio solo sa se detesta le guardie carcerarie, dopo le esperienze della sua giovinezza. Ma non è che le piaccia brutalizzarle senza motivo.

Se si dimenticano di salutarla ovviamente è diverso.

"Il signor Tyrone Grace è detenuto qui. Voglio leggere i capi di imputazione e parlarci. Sono l'avvocato Indra Matheson, suo legale pro bono"

Preme il tesserino contro il vetro.

 

Link to comment
Share on other sites

La donna torna con gli occhi sullo schermo del suo computer. L'espressione ora è più rilassata, ma le sue mani sembrano tremolare attraverso il vetro mentre digitano il più velocemente possibile sulla tastiera. "Mmm... Grace, Tyrone. Tyrone, Grace. Eccolo qua, eccolo qua. Sì. Aspetti un attimo che le stampo tutto e chiamo un agente di custodia che le metterà una stanza a disposizione. È stata abbastanza fortunata, può incontrarlo già ora."

Passano due minuti, e hai quello che ti serve. Tyrone Grace, nato il 16/6/61 a Chicago (IL). È stato messo dentro per una bella sfilza di crimini... omicidio preterintenzionale, omicidio volontario, tentato omicidio, incendio doloso, distruzione di proprietà pubblica e privata, furto con scasso e l'immancabile "resistenza a pubblico ufficiale". Generalmente questo è un termine in codice della polizia per "l'imputato non si è lasciato menare abbastanza al momento della cattura". Probabilmente avrà almeno un bell'occhio nero.

Mentre molto rapidamente leggi i capi d'imputazione, ti si avvicina una guardia. È praticamente un ragazzetto, uno di quegli agenti di custodia formati in una manciata di settimane e buttato tra gli squali del penitenziario. Il Goldwater non sarà un carcere di massima sicurezza, ma per un novellino è davvero una questione di "nuota o affoga". Non scommetti granché sulla sua sopravvivenza fino a Natale, ma almeno ti scorta diligentemente, e in silenzio, a una delle diverse aule in cui i poliziotti fanno di solito gli interrogatori.

Colpo di fortuna: l'aula che ti hanno assegnato è quella aula, quella che hai di recente aggiunto come Stanza alla tua Tana. In fondo, fa sempre comodo avere un accesso in più al Sogno Primordiale, e meglio se protetto da secondini, no? Non sarà sempre accessibile, ma è meglio essere cauti... e in ogni caso hai ancora qualche amico nella polizia che ti può dare una mano in caso. E poi c'è sempre tuo marito: non sarà più un poliziotto, ma i contatti non spariscono di colpo.

Entri dentro la stanza. Un ulteriore muro ti separa da Tyrone Grace. Subito davanti a te ci sono due sedie che danno su uno di quei vetri che permette di vedere dall'esterno, dove sei tu, ma non dall'interno. Attraverso questo vetro unidirezionale puoi vedere quello che presumi essere un poliziotto, in piedi madido di sudore e rosso paonazzo,  e il tuo prigioniero, Tyrone, seduto ammanettato a un tavolo in ferro. Ha un'espressione che non tradisce nulla, se non una dissonante serenità. E noti che non ha alcun occhio nero, nè ferite di sorta.

rIGfeLk.png

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

I secondini non sono molto diversi dai detenuti che sono costretti a sorvegliare, dato che sono rinchiusi assieme. E tuttavia non serve per forza essere costretti ad abitare una prigione per esservi reclusi.

In effetti dubita spesso che la libertà esista veramente; tutti sono schiavi di qualcosa dopotutto.

Lei ad esempio piega le persone con i loro segreti perché facciano quello che desidera ma in fondo persino lei -terribile tiranna- non fa eccezione. Non importa se vive in un attico, se guida un'auto sportiva e un giorno diverrà la regina della città: lei sarà sempre prigioniera della Fame. Rinchiusa assieme all'Incubo, costretta a nutrirlo.

Ora guarda quasi con tenerezza il giovane agente.

Difficile capire dove finisce l'aguzzino ed inizia la vittima.

Questo non sembra il caso di Tyrone Grace, però.

Sfoglia il suo fascicolo e pensa che meriterebbe tutto quello che lo stato della California vuole fargli.

"Lasciateci soli, per favore" chiede alla guardia.

 

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

L'agente di custodia si allontana quasi ancora prima che tu entri nella stanza. C'è una sorta di alleanza tra forze dell'ordine e avvocati, anzi, è più corretto chiamarla "sopportazione", quindi il giovane non si fa pregare, e si defila senza complimenti.

Entrata nella stanza delle interrogazioni, provi come un senso di appartenenza. Questa è casa tua, e ti senti a tuo agio. Sono gli altri gli ospiti.

Il giovane poliziotto ti guarda invece con espressione sorpresa. Non l'hai mai visto prima, sarà un nuovo trasferimento. Ti sembra stanco, e nonostante non credi abbia superato i trent'anni ha il portamento di un uomo di almeno dieci anni di più. Sarà la panzetta. Sarà che ha una giacchetta beige con una cravatta gialla. Sarà quel colorito in volto che fa molto policitemia.

Il poliziotto parte in quarta. "Perché dovrei andarmene, scusi? Chi è lei?" Si ferma. Riflette un attimo, e capisce. "Non me lo dica." Indica Tyrone, con un sorriso sarcastico, inarcando le sopracciglia. "Lei è l'avvocato di questo qui? Di sta carcassa umana? Congratulazioni, le piacciono le cause perse. Se non finisce a marcire questo, non lo fa nessuno. Ed è pure fortunato che la pena di morte è al momento sospesa."

Tyrone non si muove e non apre bocca, ma ti fissa con i suoi occhi all'apparenza gentili. È calmissimo, molto più del suo interrogatore. Ma appena i suoi occhi si fissano su di te, senti di nuovo la sensazione di calore che hai provato con Kimiko poco fa. Il dolore alle tempie è ancora più forte, quasi come una pugnalata, e si aggiunge lo stesso tipo di dolore, ma meno intenso, anche dietro le spalle e nella bassa regione lombare.

Spoiler

Guess what? Tyrone Grace è una creatura sovrannaturale Fondamentalmente Umana. Se vuoi puoi cercare di capire che creatura sia vincendo un tiro di Prontezza + Occulto + Tana - il suo Autocontrollo e la sua Integrità. È un tiro abbastanza difficile data la sua natura Fondamentalmente Umana.

 

Link to comment
Share on other sites

Indra Devanagari Matheson

large.Indra-Portrait.png.be9661332f00e9ad75f0a4a9a9a7b03a.png.2ea1b1507982ef956c20ecd4ee4397d0.png

Spoiler

Azzardo il tiro, ma senza beat stavolta.

"Sono l'avvocato di mr. Grace" dice infastidita dal fatto che il ragazzo non si sia levato immantinente dai c*oglioni

"Immagino non debba ricordarle che, in quanto tale, mr. Grace ha il sacrosanto diritto ad intrattenere colloqui privati con il suo legale"

"Se si ostina a voler restare dovrò muovere una protesta formale ai suoi superiori. Vuole le spieghi cosa può comportare una nota di demerito per la sua carriera?"

Edited by Mezzanotte
Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.