Jump to content

Ambientazione


willyrs
 Share

Recommended Posts

@Crees @Knefröd @Marco NdC

Da quello che ho capito, l'ambientazione che avete creato é simile a quella dell'altro forum per quanto riguarda il nord. Invece per il sud stavate decidendo cosa ci fosse.. Mi piacerebbe infilarci dentro un drago per avere un po' di libertà su quello che incontrerete al di là degli umanoidi, magari un regno di elfi e umani o una serie di città libere controllare da un regnante drago? Oppure anche qui volevate dargli un'impronta di Caos vs Calma?

@Danear anche tu sei un abitante Delle fredde regioni del nord che servono gli Dei del Caos. Rispondi alle domande tenendo conto di questo e fallo in questo topic così procediamo insieme

Questo pomeriggio quando rientro a casa faccio un mini riassunto a punti su quello che avete già deciso dell'ambientazione sull'altro topic, così continuiamo da lì! @Danear attendi pure quel riassuntino così ti inserisci meglio

Edited by willyrs
Link to comment
Share on other sites


A me il nord alla Warhammer piace tantissimo, ma non sentiamoci obbligati . Se al gruppo piace ben venga ma se preferite muovervi in Un altra direzione per me è lo stesso . Riguardo il regno multirazziale e con creature fantastiche io sono assolutamente a favore. Nell’ambientazione che avevamo proposto si parlava del nord che si organizza per una grande invasione seguendo il volere degli dei, ma come ho detto non sentiamoci obbligati da quello scritto di là se non piace. Nulla mi vieta di giocare in barbaro come lo ho immaginato in un contesto che non sia quello da me proposto. 

 

Qui parte delle risposte alle domande, così gli altri si fanno un idea:

Lothar, quale è la divinità che ti ha scelto? 

Nelle desolate terre del selvaggio nord tutti gli uomini adorano gli antichi Dei, in un modo o nell'altro. Le loro vite sono dure e lo spargimento di sangue e' all'ordine del giorno, ma persino il nordico più indurito dalle battaglie può trovare conforto momentaneo in un fiasco di idromele davanti al focolare o fra le braccia di una donna. Tuttavia, alcuni sentono la spinta verso il Caos molto più' degli altri membri della tribu', scambiando le loro vite e la propria umanita' inseguendo promesse di gloria immortale e guerra perenne in nome degli dei oscuri. Quando un uomo vota la propria anima al Caos in questa maniera, divenendo un prescelto, viene considerato temibile e spaventoso per chi si e' lasciato alle spalle, e a buon ragione. I prescelti degli dei sono ammantati da leggende e dicerie: si narra che chi si unisce ai loro ranghi non conoscera' mai la sconfitta, che ciascuno di essi abbia ucciso da solo un campione del dio rivale, che la loro pelle sia dura quanto la roccia e che le loro menti brucino di potere puro. Una cosa e' certa, ognuno di essi ha compiaciuto gli dei in qualche modo ed e' stato adeguatamente ricompensato.

Kharnath e' il piu' forte delle divinita' del Caos, perche' suoi domini sono la guerra e la conquista. I suoi campioni sono i guerrieri piu' abili sul campo di battaglia e valgono almeno mezza dozzina di uomini ben addestrati. Sono comandanti maestosi che attraggono a se eserciti di esaltati e seguaci adoranti che cercano una guida verso la gloria eterna.

Un prescelto di Kharnath e' piu alto di una testa di quelli che soleva considerare fratelli e piu' imponente. L'armatura che indossa e' piu' elaborata e non proviene da alcuna fucina mortale, ma e' spesso una contorta antichita' barocca finemente decorata. Il suo scudo puo' avere l'effige di un volto demoniaco ghignante che incute paura in chiunque vi posi lo sguardo e la sua spada, cimelio di ere che furono, si dice abbia assaggiato il sangue di principi e campioni, perche un prescelto del Dio della guerra e della conquista va dove vuole uccidendo chiunque lo intralci. E' una figura tetra e silenziosa, capace di avanzare per settimane nella tormenta piu' violenta o nella giungla piu' fitta senza rallentare mai. Mentre si fa strada fra i ranghi nemici, cercando gli avversari piu' pericolosi con cui misurarsi, frecce e dardi rimbalzano sulla sua armatura come grandine sui ghiacciai ed i colpi di lance e alabarde vengono schivati facilmente mentre vibra la sua pesante spada versando il sangue di chi lo affronta. Egli uccide sempre con un sentimento di odio, perche' lui odia la debolezza e nessuno e' forte come lui, nessuno.

Perché proprio te?

Lothar si e' spinto oltre ogni confine conosciuto a nord, dove picchi frastagliati e punte metalliche escono dal terreno ghiacciato come ossa frantumate in un territorio che diventa via via piu' inospitale e surreale, fino a trovarsi sotto un cielo sconvolto dalle tempeste, una ribollente e turbolenta oscurtita' penetrata da fulmini roboanti e tuoni, nel regno degli antichi dei. Ma poiché i mortali non sono fatti per camminare nell'estremo nord in compagnia delle divinita' uno di essi lo ha messo alla prova mandando contro di lui i suoi lupi grandi come orsi e gli antichi campioni risorti dalla morte e resi folli dalla loro stessa immortalita'. Per tre giorni l'umano ha combattuto guadagnandosi il favore del Dio e ottenendo i suoi marchi.

Edited by Crees
Link to comment
Share on other sites

AQEccomi rientrato dalle ferie :D

Allora la mia proposta è: il regno a nord freddo con gli dei del caos va benissimo, a sud metterei una regione fatta da città libere indipendenti e con diverse razze (a seconda della città)

In questo modo abbiamo molti buchi che possiamo riempire successivamente e si possono anche dividere più gruppi che andranno verso la città con le caratteristiche che più gli aggradano. 

Che ne dite?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Gandissr (qui c'è la scheda versione Google Docs)

  • Che cos'è un Druido? Un Druido è la mano degli Antichi Dei del Nord, l'uomo a cui le Divinità chiedono di essere manifestazione della loro volontà. Sebbene esistano persone in grado di cambiare forma, al mondo c'è sempre uno ed un solo Druido, scelto dagli Dei tramite un rituale che si svolge nelle desolate lande dell'estremo Nord, dove l'influenza degli Dei è maggiore. Il principio che un Druido deve seguire è semplice: "Ascoltare il volere degli Dei ed agire di conseguenza". Quando i tempi sono duri e le Divinità scontente dell'operato delgi uomini e delle altre razze il Druido ha il compito di riunire i popoli del Nord, guidati dai loro campioni, e muovere guerra per riportare l'ordine della natura (Caos) voluto dagli Dei. Nelle terre del Nord l'autorità di un Druido è riconosciuta pressochè da tutti sebbene di rado le persone comuni parlino direttamente con lui. Tutti i Druidi hanno un marchio delle Divinità, nel caso di Gandissir la sua gamba destra è completamente ghiacciata ma completamente funzionale.
  • Quale divinità ti ha scelto? Björun, Dea del Caos e della Menzogna ma anche Dea dell'Ordine e della Poesia. Nelle leggende è rappresentata come una donna di bell'aspetto, dalla pelle bianca come il ghiaccio e i capelli rossi come il fuoco. Tra gli Antichi Dei solo lei e Karnath non sono schierati apertamente come Divinità buone o malvage, la prima perchè il suo unico obiettivo e rendere il confronto tra le due fazioni equo ed il secondo perchè interessato unicamente alle guerre, non alle cause che le scatenano.

  • Perché proprio te? Di certo non per il mio valore in battaglia, probabilmente Björun ha visto in me qualcosa, la mia mente incline al pensiero oppure semplicemente mossa da pietà per uno storpio, abbandonato tra i ghicci perchè inutile al proprio villaggio. Una cosa è certa, gli Dei non agiscono mai per caso, Björun mi ha restituito la vita ed io devo servirla.

Questo è quanto avevo scritto riguardo al mio personaggio nell'altra gilda, mi prendo la licenza di modificare qualcosina nella scheda domani.

Edited by Knefröd
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il ‎01‎/‎05‎/‎2018 alle 07:27, willyrs ha scritto:

Questo pomeriggio quando rientro a casa faccio un mini riassunto a punti su quello che avete già deciso dell'ambientazione sull'altro topic, così continuiamo da lì! @Danear attendi pure quel riassuntino così ti inserisci meglio

Maaa di quale topic si parla? :joy: Comunque, va bene, aspetto queste piccole faq e rispondo alle domande, allora ^^

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Danear ha scritto:

Maaa di quale topic si parla? :joy: Comunque, va bene, aspetto queste piccole faq e rispondo alle domande, allora ^^

Scusa, non sono riuscito a linkarlo perché ero col cellulare XD è un'altra gilda che era stata aperta e poi abbandonata dal gm dove erano nella fase di creazione dell'ambientazione, comunque le cose decise le hanno già riportate qui sopra :) ovviamente sentiti libero di dire la tua e proporre modifiche!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, willyrs ha scritto:

Scusa, non sono riuscito a linkarlo perché ero col cellulare XD è un'altra gilda che era stata aperta e poi abbandonata dal gm dove erano nella fase di creazione dell'ambientazione, comunque le cose decise le hanno già riportate qui sopra :) ovviamente sentiti libero di dire la tua e proporre modifiche!

ah ok, ottimo! Adesso ha tutto più senso ahahaha In linea generale (al momento) sono più che d'accordo sull'ambientazione: vengo da un paio di campagne un po' più "audaci" in fatto di setting e qualcosa di più tradizionale la gioco con molto piacere :D Solo una cosa, relativamente a questo: 

 

Il ‎01‎/‎05‎/‎2018 alle 07:27, willyrs ha scritto:

@Danear anche tu sei un abitante Delle fredde regioni del nord che servono gli Dei del Caos. Rispondi alle domande tenendo conto di questo e

è davvero obbligatorio che parta da qui? Leggendo le risposte degli altri e vista l'idea del mio pg, secondo me Leon sarebbe più stimolato ad esplorare e scoprire la cultura del Nord più che farne già parte (è più tipo da città libere, secondo me ^^)

Link to comment
Share on other sites

 

Cita

è davvero obbligatorio che parta da qui? Leggendo le risposte degli altri e vista l'idea del mio pg, secondo me Leon sarebbe più stimolato ad esplorare e scoprire la cultura del Nord più che farne già parte (è più tipo da città libere, secondo me ^^)

@Danear no figurati, era solo per inserirti più facilmente insieme agli altri ma non c'è problema se vuoi partire da una delle città libere! Anzi, così la creiamo come vuoi tu :P

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Comincio col rispondere alle domande poste nel topic della classe ^^ Potenzialmente alcune risposte potrebbero essere non troppo definite e in alcuni punti potrei io stesso lasciare spazi bianchi per il semplice fatto che devo prendere le misure con quanto già definito dell'ambientazione: sentitevi liberi di suggerire, son lì proprio per essere riempiti :D

 

Fai parte di una gilda di ladri? Perché o perché no?

Ne ho fatto parte. Potrei stare intere notti a raccontare dei vari Giglio Nero, Sepolcri Gaudenti, Mani Ombrose e via dicendo. Dopotutto, se il mio nome ha un qualche peso nei vicoli di quasi ogni Città Libera ci sarà un perché. Bei tempi! Idee così diverse, tecniche sperimentali, compagni esotici...Non sarei quello che sono, se non fosse per loro. Perché me ne sono andato, dici? Beh, perché Léon D'Avimbert, il Menestrello delle Cose Nascoste, non può confinare ciò che è dentro questo o quel credo: c'è così tanto da sperimentare, da provare! Non mi basterebbero cento vite e io dovrei sprecare l'unica che ho dietro a una singola idea di questa grandiosa e disonesta Arte? Gli Dei me ne scampino! 

Non disdegno, comunque, la compagnia di quanti ancora mi sono cari o hanno accettato questo mio lato e smesso di chiedermi di tornare. Per loro, di tanto in tanto, sono perfino disposto a svolgere piccoli incarichi o dare due dritte a qualche matricola...E visti i trascorsi, di solito faccio loro uno sconticino. E, sempre visti i trascorsi, chiedo sempre tutto in anticipo!

Come e contro chi hai lottato per ottenere il tuo status di ladro e la tua fama?

Un'Arte così onesta tra le disoneste porta irrimediabilmente a scontrarsi con chi ha idee diverse dalle proprie. C'è chi è spinto dalla cieca avidità, chi dalla continua sfida verso sé stessi, chi dalla curiosità verso ciò che non è nostro...secondo me, il buon Ladro deve avere tutte queste cose ma senza concentrarsi su nulla. Ho reso il mio agire non omologabile a questo o quello stile, ho rubato agli amici e rinunciato a facili bottini per favorire i nemici. Tutto questo negli anni ha lasciato i suoi strascichi ma, come dicevo prima, si tratta pur sempre di un'Arte, la più onesta tra le disoneste, e in mezzo a tanti pittori che fanno squadra e bottega, il Maestro guarda dall'alto. Solo. 

In cosa consistono i tuoi ferri del mestiere e cosa li rende speciali?

Sono piccoli strumenti musicali, fragili e leggeri (flauti di varie forme, un mini violino, un piccolo liuto) in un materiale a me sconosciuto i cui suoni, agendo con frequenze diverse da quelle percepibili, interagiscono con i meccanismi che hanno di fronte, a seconda del bisogno. Avevo sentito parlare di questo reliquiario appartenuto a una qualche divinità di cui non rammento il nome da un mercante proveniente da Qunai, L'Oasi dell'Est, giunto in città (a quel tempo militavo a Canahan, sotto il Giglio Nero) a commerciare pietre preziose e altra merce esotica. Più che tutto quello che vendeva, però, mi interessai al racconto di questo reliquiario che avrebbero messo in mostra presso la Città Sacra di Medina e il cui contenuto si diceva essere mantenuto nascosto agli occhi degli uomini fin dai tempi antichi. Il richiamo era troppo forte. Salto gli avvenimenti che mi permisero di impossessarmene: vi basti sapere che quando aprì la piccola ara intarsiata, qualunque cosa fosse lì dentro prese la forma degli strumenti con i quali mi dilettavo in gioventù tra un colpo e un altro. Nel suonarli, però, mi resi conto che le note acquisivano un corpo e una volontà proprie e che queste erano dettate da ciò che volevo aprire, scassinare, scoprire. Non parlai a nessuno del mio ritrovamento: riportai l'ara, vuota ma sigillata, quella sera stessa, affinché nessuno sapesse che fosse stata trafugata. Da allora decisi che le Città Libere avrebbero conosciuto il Menestrello.

Che cosa hai rubato che scotta e di cui ti devi liberare al più presto?

Una ragazzina! Diamine, proprio a me doveva capitare?! Ero venuto a conoscenza di una carovana che portava con sé il Gioiello del Nord, la Luce nell'Oscurità, il Paciere del Caos e una lunga lista di strani nomi e attributi del Nord: dovevo capirne di più! Quando ho fatto ciò che dovevo, però, mai avrei pensato di trovarmi di fronte a questa ragazzina vestita a mo' di sacerdotessa! Sembra avere l'età del primo sangue ma non ha aperto bocca da quando l'ho portata via dalle fiamme della carovana (sì, ho paura di essermi fatto prendere la mano) e ora mi segue senza dire nulla, senza mai lamentarsi della strada o del freddo o del fatto che sono un perfetto sconosciuto che ha messo in fuga quelli che erano con lei! Però, però, è anche vero che si trovava in un abitacolo pressoché sigillato, cosa che mi aveva fatto sospettare che lì fosse tenuta la Gemma della Notte (sì, la chiamano anche così), la cui Luce brillerà nel giorno del Giudizio...forse era tenuta prigioniera? Fatto sta che sto cercando di sfamarla alla bene e meglio da _________ (inserire tempo) e non ho la più pallida idea di cosa farne. Sono nei guai, maledizione!

Chi conosce un tuo segreto che potrebbe metterti in guai seri?

C'è questo "rigattiere", Ivan, con il quale da lungo tempo teniamo una corrispondenza fatta di aiuto reciproco, bevute, roba così. Lui mi procura quello di cui ho bisogno, io penso a dargli ciò di cui ha bisogno per vivere una vita agiata. Potrebbe essere quanto di più vicino a un amico io conosca, per quel che so. Lui mi ha procurato tutto ciò che serviva per l'assalto alla carovana e già prima che portassi a termine l'incarico, i suoi messaggi criptati raccontavano di questa o quella Gilda intenta a fare domande sui miei affari. Da quando ho scoperto la fottutissima ragazzina Nord, gli ho detto che non avremmo potuto sentirci per un po', che la missione aveva avuto un esito imprevisto. Prego solo che le acque lì siano tranquille il tempo che riesca a sistemare questa brutta faccenda. Una parola di troppo di Ivan e dovrò fare i conti con compagnie impreviste, poco ma sicuro.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

@Danear bel colpo con la ragazzina, non me lo aspettavo xD

Direi che possiamo iniziare con le domande "cross", cercate di agganciarvi alle risposte degli altri, sentitevi liberissimi di porne anche voi e di cazzare qualche mia domanda se non vi piace!

@Danear la città in cui hai trovato rifugio è al confine nord: non hai potuto allontanarti molto dalla carovana con una bambina appresso. Come si chiama e com'è organizzata riguardo ad eventuali pericoli che potrebbero arrivare dalle lande gelate del settentrione? 

@Knefröd il tuo viaggio di unione ti ha portato nell'insediamento di Lothar, come hai intenzione di convincerlo ad unirsi agli altri clan per muovere guerra a sud? E perché hai scelto di iniziare proprio da quel luogo?

@Crees Kharnath è un abile stratega e non lascia inascoltata nessuna profezia che potrebbe mettere a repentaglio o aiutare i suoi scopi: quando ti ha marchiato, quali informazioni ti ha passato riguardo alla Gemma della Notte?

Edited by willyrs
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Il ‎02‎/‎05‎/‎2018 alle 20:54, willyrs ha scritto:

bel colpo con la ragazzina, non me lo aspettavo xD

Ne vedremo delle belle ;) 

Il ‎02‎/‎05‎/‎2018 alle 20:54, willyrs ha scritto:

la città in cui hai trovato rifugio è al confine nord: non hai potuto allontanarti molto dalla carovana con una bambina appresso. Come si chiama e com'è organizzata riguardo ad eventuali pericoli che potrebbero arrivare dalle lande gelate del settentrione? 

Chiamarla città è davvero esagerare: Ultimo Braciere si erge su un altopiano naturale che da ambo le parti si continua con la cordigliera rocciosa che ingloba il Nord nella perenne morsa del freddo. Davvero un postaccio. Qui le altre Città Libere giungono solo rappresentate da qualche mercante particolarmente coraggioso, consapevole che qui la concorrenza non è mai tanta. Ultimo Braciere si sviluppa attorno al grande Occhio degli Antichi, un'enorme torre sulla cui sommità veniva acceso il fuoco che segnalava l'arrivo di guai dal Nord e che ha dato il nome al complesso di case che ivi intorno hanno visto la luce. Attualmente l'Occhio è spento da tempo e l'intera struttura è preda degli elementi e dell'incuria. Oggi Ultimo Braciere appare come qualcosa a metà tra un villaggio fortificato e una fortezza quasi abbandonata: l'enorme distanza da qualunque centro abitato (sia a Nord, che a Sud) ha fatto sì che col tempo la gente che non volesse problemi si trasferisse qui, indipendentemente dalla razza. Strano a dirsi, ma niente accomuna meglio la gente quanto il farsi i fatti propri. E niente la gente difende con più foga quanto il sacrosanto diritto di farsi i fatti propri: questo ha portato gli abitanti a considerare quei ruderi antichissimi più cari delle loro ossa; difficilmente vedrete contingenti di Ultimo Braciere avventurarsi per più di un giorno di viaggio dalle loro case ma, credetemi, conosco almeno una decina di ballate che narrano della strenua resistenza e del coraggio che sono in grado di opporre a chi minaccia i loro possedimenti.

Essendo l'unico collegamento civilizzato tra Nord e Sud,  nonché alternativa più gradita del girovagare per le montagne coperte di neve, non c'è da stupirsi che molti degli abitanti siano spesso interpellati come guide per gli scoscesi sentieri che portano all'una o all'altra vallata.

Edited by Danear
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Lothar 

<< Migliaia sono le leggende che ruotano attorno alla Gemma del Nord. Le genti del sud credono che si tratti realmente di una pietra, ma non è così. Essa è un mezzo, un fulgido araldo per i demoni, inevitabilmente attratti dall’intrinseco potere che vibra sotto le sue carni bianche e morbide di giovane donna. Il suo sangue è una chiave fra i mondi, un ponte fra le stelle, una porta nel tempo. Le divinità tutte l’hanno benedetta e consacrata, disegnando sul suo corpo le strade che portano ai loro antichi templi, sparsi per il mondo e ricolmi di ricchezze e artefatti. La sua vita da inizio all’adunanza, la sua morte ci consegna la vittoria. Il prescelto che l’accompagna guida gli eserciti del nord. >>.

Per farla breve, sulla sua pelle dei tatuaggi rivelano la strada per luoghi di potere dove trovare oggetti magici.  Averla al fianco garantisce rispetto e obbedienza.Ucciderla apre un portale che permette a demoni e agli stessi Dei del Nord di discendere sul nostro mondo . Old but gold

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

  • Il tuo viaggio di unione ti ha portato nell'insediamento di Lothar, come hai intenzione di convincerlo ad unirsi agli altri clan per muovere guerra a sud? Con la menzogna! Ho trascorso gli ultimi mesi nei boschi poco distanti dall'insediamento ed ho studiato gli abitanti sotto forma di corvo. È passato del tempo da quando Sigurth ha guidato il suo popolo in battaglia, alcuni tra i guerrieri più giovani sono convinti che non sia più un buon capo per il villaggio e sono ansiosi di succedergli. Nonostante l'età, Sigurth potrebbe sconfiggere a duello chiunque osasse sfidarlo eccetto Lothar Spada del Nord che è appena tornato dalla Desolazione di Ghiacci e rappresenta una minaccia per lui. Scendere in guerra potrebbe rappresentare per Sigurth l'unico modo per sciogliere le tensioni interne al villaggio senza spargere inutilmente il sangue dei suoi fratelli più giovani. Per combattere una guerra serve però un nemico ed è per questo che dirò a Sigurth che il popolo di Toki ha deciso di attaccare il suo villaggio. Una volta distrutta il piccolo insediamento di Toki avrò la fiducia di Sigurth e potrò iniziare a riunire i popoli del Nord. Gli eventi potrebbero prendere una piega differente se Lothar decidesse di sfidare Sigurth ma sono pronto a gestire questa eventualità.
  • E perché hai scelto di iniziare proprio da quel luogo? Björun mi ha rivelato che la Gemma del Nord potrebbe presto tornare nelle lande che le hanno dato la vita. Sò che Lothar ne è al corrente e potrebbe aiutarmi a recuperare la bambina.
Edited by Knefröd
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

@Knefröd premetto che mi piace la tua risposta. Solamente calza poco con quello che ho scritto del mio pg, nel senso. Il prescelto è una figura tetra che ha lasciato tutto per andare a nord ed impressionare gli dei, il mio in particolare un dio della guerra. Egli non può essere un barbaro che rimane in un villaggio a poltrire. Piuttosto potrebbe essere appena tornato dalla desolazione con l’intento di radunare uomini per guidarli a sud, uccidere il capo per succederli ecc. il vecchio capo mi piace come caratterizzazione, ma credo che Lothar abbia appetiti troppo grandi e la sua rincorsa alla fama lo farà morire prematuramente 

Link to comment
Share on other sites

Ma dite che è completamente anacronistico se l'insediamento di Lothar corrispondesse a quello più vicino a me?

Oppure ancora che Ultimo Braciere corrisponda al villaggio di Toki, così cominciamo ad intrecciare :D 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.