Jump to content

Marco NdC

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    1,068
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

324 Chimera

1 Follower

About Marco NdC

  • Rank
    Antico
  • Birthday 05/18/1991

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • GdR preferiti
    Dungeon & Dragon, Dungeon World, Cani nella Vigna, e altro...

Recent Profile Visitors

1,141 profile views
  1. DW è figlio di una new age di rpg che non piace a tutti. In genere chi ha già acquisito una certa forma mentis ha più difficoltà a capirli... nonostante i concetti siano più naturali. Almeno questa è la mia esperienza. Puoi giocarlo comunque “alla D&D”, ma non ne esploreresti appieno le potenzialità. Non serve aggiustare il tiro 😉 Per qualunque dubbio resto a disposizione.
  2. L’intento è di trasmettere un approccio più in linea con il gioco. D&D (lo prendo come paragone. Non ho nulla contro D&D, anzi) Per attaccare in mischia il nemico devo soddisfare alcuni requisiti. Ad esempio che sia nel mio range. Soddisfatti i requisiti, so cosa posso fare e cosa non posso fare. DW Per attaccare in mischia, la soddisfazione di certi requisiti è solo parte del discorso. Il come lo racconto è l’altra parte. Finché il “come lo racconto” è coerente con la fiction, posso fare qualsiasi cosa. Il GM non ha il compito di dirti se il ratto è indifeso o meno. Il GM deve solo controllare che il tuo racconto sia coerente con la fiction. Anzi, per l’esattezza, tutti i giocatori sono tenuti a farlo. Andor: Attacco il ratto alla collo con lo scudo. GM: Bene, l’innesco di Taglia e Spacca è “Quando attacchi un nemico in mischia”. Tira +FOR. Oppure Andor: Il ratto si è accanito e non molla l’osso giusto? Beh, se non lo molla, non potrà efficacemente difendersi se lo attacco al collo. GM: Bene, corrisponde alla fiction. Per come lo racconti il ratto è indifeso, tira direttamente i danni. Detto ciò si può valutare anche un risvolto tattico. La seconda versione non è necessariamente più efficiente della prima. Con Taglia e Spacca non solo puoi fare +1d6 danni tirando 10+, ma un eventuale 10+, in quanto successo pieno legittima la tua narrazione. Chessò: “Attacco il ratto al collo per spezzargli le vertebre cervicali”. Il che potrebbe porre fine allo scontro senza portare il ratto a zero PF.
  3. Rispolvero il thread Tutorial, visto che c'é @L_Oscuro Nello specifico Taglia e Spacca: Quando attacchi un nemico in mischia, tira+FOR. ✴Con un 10+, infliggi i tuoi danni al nemico ed eviti il suo attacco. A tua scelta, puoi decidere di infliggere +1d6 danni ed esporti all’attacco del nemico. ✴Con un 7–9, infliggi i tuoi danni al nemico, ma il nemico effettua un attacco contro di te. Stai attaccando un nemico in mischia giusto? Allora è un Taglia e Spacca. Comunque dipende sempre da come racconti la cosa. Le mosse si innescano secondo la narrazione. Dire: “Alzo lo scudo e lo calo di taglio sul collo del roditore” è Taglia e Spacca. Dire: “Stupido roditore... è proprio ostinato a non mollare l’osso. Alzo lo scudo e lo calo di taglio sul suo collo”, non è Taglia e Spacca, ma infliggi direttamente i tuoi danni. Se è ostinato a non mollare l’osso, vuol dire che non può difendersi il collo. Entrambe le narrazioni sono lecite. Entrambe hanno pro e contro. Non puoi decidere quando innescare o non innescare la mossa. In un certo senso le mosse "si innescano da sole": Un personaggio non può fare un’azione nella fiction che innescherebbe una mossa senza che essa si inneschi. (Come si Gioca, Fare le Mosse) In questo caso non si innesca perché Io Sono la Legge non significa dare un ordine, bensì significa darlo avvalendosi dell’autorità divina. Riguardo l'innesco di Io Sono la Legge: Quando dai un ordine a un PNG basandoti sulla tua autorità divina, tira+Car Dunque per innescarla, in qualche modo dovresti specificarlo. Tipo: “avvalendomi della mia autorità divina gli urlo «Ti ho detto di stare Fermo!»” Puoi anche sottintenderlo, ma deve comunque emergere dalla fiction. Detto ciò, tatticamente non credo che la mossa avrebbe molto senso. Il tizio ha già deciso di attaccarti, ed attaccarti comunque rientra tra le sue opzioni, anche facendo 10+ in Io Sono la Legge... --- Faccio un attimo chiarezza anche sulla dinamica della battaglia. Appena ripristino il PC decente, farò mappe e disegnini. Per ora sto tirando avanti con un macinino xD Dunque il tizio che ti sta attaccando è lo stesso a cui hai intimato di deporre le armi (quindi hai +1 su di lui). Ti sta attaccando proprio per effetto di Io Sono la Legge. Il topo è lo stesso che aveva al guinzaglio (te lo ha letteralmente sguinzagliato contro). La seconda guardia con l’altro topo sono rispettivamente impegnati con Avyn il barbaro e Handirel il mago. Cécile ha tirato una freccia a questo topo... Mentre Avyn gli spaccato l'arma alla guardia, pur non avendo inflitto un gran danno, ma per effetto dei tag Devastante + Possente. In fine ci sono altri tre balestrieri barricati dietro le feritoie del cancello. Il quarto è stato neutralizzato da Nora l'esploratore.
  4. Se ti riferisci alla mossa Cosa Stai Aspettando? Quando lanci una sfida ai tuoi nemici, tira+Cos. ✴Con un 10+ ti trattano come la minaccia più importante di cui occuparsi e ignorano i tuoi compagni, prendi +2 danni continuati contro di loro. ✴Con un 7–9 solo alcuni (i più deboli o i più avventati tra loro) cadono preda della tua provocazione. Funziona come c’è scritto. Per il 7-9 i nemici più deboli/avventati sono a mia discrezione, a meno che non ti avvali di elementi stabiliti in fiction, o determinandolo diversamente (ad es. Percepire Realtà). Ad esempio tra le due guardie potresti aver intuito chi il più influenzabile, ossia chi è quello che ordina e chi quello che esegue, pur essendo di pari grado. Specificalo nella narrazione, ed io non potrò ignorarlo. Non esistono i turni. Puoi infilare anche 15 mosse in una singola giocata. L’unico limite, che è più dovuto alla lentaggine del PbF, e che alcune mosse richiedono il mio responso prima di procedere. Quindi ti tocca fermarti... Oppure puoi continuare, lasciandomi però libertà di annullare/modificare quello che hai fatto. Es.: “Azzoppo l’avversario che ho di fronte, per poi lanciarmi contro quello che minaccia Andor.” Sono due Taglia e Spacca. Se il primo è 10+ significa che ottieni quello che vuoi (successo pieno), quindi hai via libera per il secondo attacco. Sul 7-9 non è detto, non solo perché subisci un contrattacco, ma anche perché il 7-9 è un successo parziale... per cui non è detto che azzopperesti l’avversario. L'unico limite di Difendere è che se non puoi/vuoi effettivamente farlo, perdi le prese. Altrimenti mentre difendi puoi fare qualsiasi altra cosa.
  5. @Zellos Capitale, Sotterranei (ingresso al secondo livello); giorno 238, anno 7295 Avyn, Barbaro Avyn, il tuo urlo intimidisce anche Hanna, rivelando la parte più selvaggia di te. La tua lama disegna una traiettoria irregolare, che all’andata intercetta e spezza l’arma dell’avversario, per poi discendere spietata verso il suo addome. Un sordo e metallico “TIC” lascia intendere che l’armatura ha perlopiù retto l’affondo. Tuttavia sbalzi il nemico di alcuni passi, e dal buco che gli hai lasciato zampilla un piccolo fiotto di sangue. Vedendosi disarmata, ormai dimentica della spavalderia di poc’anzi, la guardia prende a rovistare nella sua bisaccia. Qualsiasi cosa stia cercando, da come si affretta si direbbe che sia una mossa disperata. Cosa fai?
  6. @NinjaCow Capitale, Sotterranei (ingresso al secondo livello); giorno 238, anno 7295 Cécile (Lily Von Haus) Barda Cécile, l’intreccio di dardi che fischiano a fior di pelle non sono il massimo per raccogliere le idee. Buon per te che i balestrieri hanno individuato nello sciamano il pericolo principale. Il monolitico Ghaunyt se ne sta lì, concentrato e solenne, ma seppur incuta una certa soggezione resta un bersaglio del tutto inerme. Il grosso ratto che hai infilzato dando manforte ad Handirel, si guarda attorno spaesato. È pur sempre una creatura dell’oscurità. Con i grossi fari ad illuminare l’area, ha evidenti difficoltà a mettere a fuoco chi o cosa l’ha colpito. Il che, con il sacrificio di Andor, tutto sembra volgere a tuo favore. Ti concedi qualche secondo per riflettere, per ricordare... La leggenda di una donna dagli occhi viola è menzionata da secoli, soprattutto in certe bettole filo-sovversive. Nessuna di quelle versioni coincide con l’altra, come spesso accade a certi racconti, così tramandati di bocca in bocca, che ognuno c’ha messo un po’ del suo. Ma negli ultimi anni, pare che tra i vari nomi di questa donna, il più ricorrente sia Tieswee. C’è chi narra che sia la maga più potente al mondo, chi una divinità incarnata, chi un personaggio immaginario, magari inventato dai clandestini per sperare in un mondo migliore o per mettere a nanna i bambini. Qualunque sia la verità, chi detiene attualmente il potere potrebbe vederla come una minaccia. Non può rischiare che la faccenda sia vera. La foto che custodisci ha qualcosa a che farci? Le sue tinte seppia non rivelano chiaramente il colore degli occhi, e magari il fotografo, annotando la sua testimonianza oculare, potrebbe essersi suggestionato. D’altronde ne girano storie su questa faccenda. Fatto sta che quella bambina adesso è ricercata. Tanto più perché la foto è stata trafugata da Farley. Il suo è stato un gesto che, seppur involontariamente, ha conferito maggiore importanza, credibilità all’intera faccenda. Come se si cercasse di far sparire una prova. Quel che è peggio è, come tu stessa hai appurato, che sul retro dell’immagine c’erano le coordinate in cui è stata scattata. I funzionari del Regime sanno dove cercarla. Ti chiedi se vostro malgrado stiate facendo proprio il loro gioco. Se anche riuscisse a sbaragliare il “comitato di accoglienza” che vi separa dal secondo livello, la squadra investigativa mandata dalla superficie, e che magari è già in viaggio, troverà al suo arrivo la strada già spianata. Una strada spianata da voi... Mentre sei assorta nei tuoi pensieri, una freccia di Nora intercetta l’ennesimo dardo, schiantandolo in mille schegge. È tempo di agire, anche perché Nora, il formidabile arciere, riporta ormai diverse ferite, e la sua mira non è più infallibile come prima... Cosa fai?
  7. @L_Oscuro Capitale, Sotterranei (ingresso al secondo livello); giorno 238, anno 7295 Andor, Paladino Andor, forse il tuo dio sta provando a fondo il tuo valore. Almeno così sembrerebbe osservando il dardo indirizzato a Cécile, che anziché piantarsi nel tuo scudo, ha preferito farlo nel tuo avambraccio. Ma non c’è tempo per soffrire, tutto accade velocemente. La tua testata accorcia le distanze, evitando l’attacco e respingendo la guardia. Tuttavia l’impatto con la sua maschera non è dei più gradevoli. La vista vacilla come le tue gambe, ma ne hai viste di peggio. Contemporaneamente il tuo stivale spinge e spinge nella gola del ratto, ma la sua mandibola, per quanto può, si accanisce comunque sul suo “boccone”. Gli incisivi sono enormi, impossibile evitarli. Pian piano scavano un segno netto e orizzontale sulla tua tibia, mischiando al tuo sangue una fetida bava. Poggiandoti sulla spada come ad una terza gamba, riesci a non cadere, ma la bestia strattona e stringe. Non molla l’osso... in tutti i sensi. Nel mentre la guardia si riprende e, vedendoti in difficoltà, prova ad aggirarti per colpirti alle spalle. Cosa fai?
  8. @Laurence Capitale, Sotterranei (ingresso al secondo livello); giorno 238, anno 7295 Handirel, Mago Handirel, il tuo scarto manda a vuoto il roditore... ma non del tutto. Con una smorfia ti accorgi che la gamba sulla quale ha strisciato è infilzata da una manciata dei suoi peli. Sono rivoltanti e oscillanti come lucidi steli brunastri. Il ratto è agile e famelico nel voltarsi. La coda rosea e carnosa ti sfiora la pelle. Quando si erge sulle posteriori e soffiando cerca di intimorirti, accade l’inaspettato. Una freccia lo strattona affondando nel fianco grasso e ispido. Non molto in profondità forse, ma tanto basta a renderlo disorientato e guardingo per un attimo. Hai modo di guardarti attorno. È stata Cécile a soccorrerti. Andor è in grossa difficoltà, Avyn sanguina copiosamente da un occhio, mentre non c’è nessuna traccia di tuo fratello. Cosa fai?
  9. @L_Oscuro @Laurence @NinjaCow @Menog @Zellos @Tutti Un secondo e più lancinante stridio riecheggia per tutta la conca. Nell’esatto centro del cancello si apre un varco slabbrato, rivelando uno scorcio sull'altro lato. Non è molto largo. Potrebbe passarci un bambino, magari rimediando qualche graffio. Ad ogni modo lo sciamano sta cercando di ampliarlo con tutte le sue forze. È visibilmente allo stremo. La fronte imperlata, un rivolo cremisi corre giù da una narice. «Mirate al mago!» sbraita qualcuno aldilà del cancello. È evidente che per “mago” intende proprio lo sciamano, valutandolo come minaccia primaria. Se qualcuno non interverrà sarà un facile bersaglio.
  10. Arrivo su queste pagine dietro invito di NinjaCow, che ringrazio. Per quanto sia tentato (ma più come giocatore che come master) avendo già un PbF in corso, temo che tra lavoro e vita sociale non riuscirei a dare un buon contributo. Magari mi limiterò a lurkare di tanto in tanto. P.S.: Noto con piacere che il Barbaro va via come il pane xD
  11. Di nuovo, la fiction è ciò che si è stabilito sul mondo di gioco. È univoca non perché io so cose che voi non sapete, ma perché si è concordato che non esistono campane d'allarme, corni attaccati alle cintole, etc.. Siamo anche tutti d'accordo che non si sa se dall'altra parte ci siano ulteriori guardie, un Tarrasque o un portale per Narnia. Semplicemente, le cose su cui siamo d'accordo si possono usare per determinare altra fiction, a volte più efficacemente dell'uso dei dadi. Da qui la mia osservazione per cui, a mio avviso, vi affidate troppo a certi meccanicismi, quando per essere efficaci basterebbe fare buon uso della fiction. Ho fatto qualche esempio sperando di aver reso l'idea. Ad ogni modo è perfettamente lecito usare/abusare dei dadi. È il miglior modo per fare PX, rischiando qualche mossa dura, e consapevoli che un anche buon tiro non rende automaticamente valida una pessima idea. Detto ciò, che la guardia possa chiamare rinforzi correndo al gong, strillando a squarciagola, o con un peto megagalattico, non cambia il fatto che devo porvela in modo che possiate evitarlo (mossa morbida).
  12. Il che sarebbe una mossa dura che non posso fare come e quando mi pare. Inoltre quando ho descritto la scena non ho menzionato campanelle di allarme, che indossavano corni di richiamo, etc.. Ho parlato di bastoni chiodati, di strette finestrelle nel cancello, etc.. Tutte cose che poi ho usato in gioco. Se il tizio se ne scappa da qualche parte, puoi usare la fiction: la guardia è letteralmente scossa nell'intimo e sbilanciata. Quando si gira è un attimo raggiungerla e trafiggerla alle spalle. Anche qui, nessun tiro. È una possibilità, ma puoi comunque usarlo a tuo vantaggio. Sarà un mio "problema" giustificare che l'eseguire degli ordini (quello è il concetto) era tanto per dire. Così com'era tanto per dire il sistema con il quale si può entrare (dietro consenso del capo), e far quadrare tutto il resto senza darvi il sospetto che i due stessero recitando una parte (la fiction non determina che siete dei boccaloni). Ricordo che il GM non gioca contro i PG. Descrizione del Paladino: "Sei l’unica cosa che si frappone tra la salvezza dell’anima e le cupe fosse della tortura. Sant’uomo, macchina da guerra in armatura, templare del Bene e della Luce [...] Tu sei gli occhi, le mani degli dèi, pietoso esecutore del loro giudizio di morte. [...] Imbraccia le armi per la tua nobile causa e porta la salvezza a questo mondo scellerato." Queste cose sono fiction, fatti stabiliti. Ogni azione che rispecchi l'essere una macchina da guerra, il braccio degli déi, etc., è perfettamente lecita. Per il resto... beh, è un heroic fantasy... se ti manca la fantasia, è come se ti mancasse la mira nel tiro a segno... Se uno si diverte comunque, non vedo il problema 😉
  13. No. Statisticamente 1d8 è più alto di 1d6 nel 70% dei casi circa. Più esattamente nel 68,75%. Puoi verificare su anydice con la stringa output 1d8 < 1d6 Eventuali complicazioni sono sempre legate alla fiction. Se fai il gradasso durante una contrattazione, al massimo il commerciante non ti vende più la roba. Cosa di cui magari già non ti frega, visto che non avresti comunque pagato quel prezzo. In questo caso il rischio è zero. In altri sta a te valutare. Ovvio che se vuoi deviare/parare un dardo con la spada, il rischio è diverso. Certo che la fiction è univoca. Se nella tua narrazione rimarchi: 1) Che un attimo prima la guardia era “Impietrita, sembra davvero valutare di deporre le armi” 2) Che ha detto e che gli “interessa solo portare a casa la pagnotta” 3) Che gli hai mostrato un'abilità eccezionale (spaccare i denti al topo con la spada, e deviare mazza, freccia e sbilanciarlo con un singolo colpo di scudo) Queste cose sono realmente accadute. Sono fiction. Il +1 per Io Sono la Legge non è soltanto un +1. È che in qualche modo il bersaglio ha davvero percepito gli effetti di un'autorità divina. Il +1 per il Difendere non è soltanto un +1. È che il bersaglio si trova davvero in una situazione di svantaggio. Come GM non posso (e non voglio) ignorarle... E se per qualche motivo la guardia resta a battersi come in un videogioco, devo fornire un motivo basato sulla fiction, ossia su un fatto precedentemente stabilito. In alcuni casi la realtà potrebbe essere interpretata. Discernere la Realtà serve per quello.
  14. Il mio non era un "rimprovero" né mi aspetto che facciate questo o quello. Quando ho messo il posto di blocco, volevo solo rendere quanto fossero paranoici i clandestini del sottosuolo, non darvi delle grane. Che ci perdiate 10 minuti o 10 giorni per superarlo, sta a voi. Ma un conto è che ce li perdete perché vi va, un altro è che non sapete come regolarvi. Cos'è la fiction va capito. Ruota tutto su quello. Non è modellabile nel senso "decido cosa serve alle guardie, e gli faccio un discorso diplomatico ad hoc". È modellabile con quello che sono, fanno e pensano i vostri personaggi. Cosa sono, fanno e pensano le guardie non sta a voi deciderlo. Al massimo sta a voi scoprirlo. Statisticamente gli Appetiti Erculei danno +1 su tutti i tiri, e credimi, su questo sistema è tanto. Ok, se il d8 è meno del d6 (cosa comunque improbabile) vai incontro a delle complicazioni... Ma a quante pare ci vai incontro comunque, tanto vale sfruttare il +1 no? xD Comunque scelta tua.
  15. Secondo me vi affidate troppo ai meccanicismi. A volte agendo in modo spregiudicato, come sei i dadi risolvessero la questione. È ok se vi diverte, ma non se vi incasinate vostro malgrado. Es.: Ficcare il piede nella bocca di un topo taglia cinghiale, con incisivi “grossi come zappe” che “trapasserebbero un’armatura senza troppe difficoltà”, e che, perché no, potrebbe mischiare qualche malattia... Ok, hai fatto 10+ e la mossa ti dimezza il danno... ma sarà un po’ spregiudicato? Ce lo vedete Aragorn fare una cosa del genere? xD Dire invece: “Sono sempre stato un funzionario efficiente, fisicamente dotato e con un intuito eccezionale (cito il background). Mentre Handirel discuteva ho osservato il comportamento della bestia. È addestrato a mordere i genitali, so esattamente dove colpirà... Così lascio i miei in bella mostra per poi intercettare i dentoni con la dura lama, e spaccarglieli” è usare la fiction a proprio vantaggio. La fiction è un insieme di dati di fatto, di cui non si può non tenerne conto. GM: Già, sei una macchina da guerra (cito manuale) lui uno stupido topo e sai esattamente cosa farà... si sta praticamente suicidando. Tira direttamente i danni. Restano ancora tre prese. Con un unico movimento di scudo si può intercettare freccia, mazza e sbilanciare la guardia (+1 al prossimo tiro e +1 per Io Sono la Legge). Usate la fiction. Esagerate le descrizioni, rimarcando che si compie una prodezza contro una persona che, un attimo prima era “Impietrita, sembra davvero valutare di deporre le armi” e che gli “interessa solo portare a casa la pagnotta” Avrebbe tutti i buoni motivi per darsela a gambe... e ancora senza tirare i dadi. ... Altro “errore” è che non usate i PG in modo iconico. Il sistema premia il barbaro avventato, il ladro furtivo, etc.. Anche qui, se la cosa vi diverte, nessun problema. Ma se vi incasinate vostro malgrado, la cosa è diversa. Tornando al bardo, diplomaticamente parlando è di uno sgravo assoluto xD Ad es.: può conoscere in automatico le leve di ogni PNG. Basta che gli parli onestamente. “Come posso fare in modo che tu....?”, “Qual è il tuo desiderio più grande?”, etc.. Non serve fare specificamente quella domanda. La domanda è fatta al giocatore che lo interpreta (il GM in questo caso). Il bardo capisce/intuisce ciò che gli serve anche se l’argomento non è direttamente lo stesso. Bardo: “Sarò onesta, siamo in fuga dalla superficie e abbiamo urgente necessità di incontrare il rettore della scuola di Magia. (Domanda: chiedo cosa posso fare per farci entrare tutti)” Guardia: “Non me ne frega niente dei vostri problemi, tornatevene da dove siete venuti. (Risposta: se gli fai sbirciare la nota di credito senza che il collega lo veda, troverà il modo per “parlarvi in privato”. Domanda: di chi sei al servizio?)” Riguardo la mossa razziale, non dice che il bardo sarà accolto dopo essere entrato. A parte che siete già in un insediamento civilizzato, seppur diviso in settori, ma le mosse partono sempre dalla fiction. Se anche esistesse una linea dentro-fuori l’insediamento, non è che finché sei fuori la linea, allora non esiste qualcuno disposto ad accoglierti, mentre nel momento in cui la oltrepassi quel qualcuno sbuca fuori dal nulla... Il gioco non funziona per meccanicismi, ma per fiction... quel qualcuno esiste già. L’entrare ed essere accolto sarà una conseguenza 😉 E poi vuoi mettere: “Il mio nome è Cécile, conosco leggende. Le canto nel mondo tra avventure e locande. Allieto lo spirito insieme al buon vino. Incanto e delizio con questo violino. Notizie preziose adesso vi porto. Il mio pellegrinar sarà ben accolto? Scortatemi da un amico dei menestrelli. Ma fatelo presto, che i tempi n’son belli” xD
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.