Vai al contenuto

Marco NdC

Circolo degli Antichi
  • Conteggio contenuto

    459
  • Registrato

  • Ultima attività

Informazioni su Marco NdC

  • Rango
    Profeta
  • Compleanno 18/05/1991

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Maschio
  • GdR preferiti
    Dungeon & Dragon, Dungeon World, Cani nella Vigna, e altro...

Visitatori recenti del profilo

347 visualizzazioni del profilo
  1. Confronto e gestione

    Bene. Aspetto l'azione di Daleor prima di proseguire. Riguardo il suo incantesimo, questo è customizzato, quindi può essere qualsiasi cosa, anche senza pescarlo dalla lista del mago. Se non ricordo male, la questione dell’ammaliare è stata detta off-game (in spoiler), quindi non c’è bisogno di modificare la fiction… cosa che comunque eviterai di fare. Comunque la paladina non attaccherebbe delle persone, vedendole a quel punto inermi, soprattutto se consapevole che le loro colpe sono perlopiù causate da un incantesimo.
  2. Confronto e gestione

    È un classico nella letteratura fantasy, anche senza andare necessariamente nell'heroic. Le azioni impossibili (considerando il contesto) restano tali. Quelle estremamente improbabili invece dovrebbero essere il "pane quotidiano" dei PG. Altrimenti che avventurieri sarebbero?
  3. Confronto e gestione

    @Crees A scanso di equivoci torno a ripetere che la mia è sempre una critica costruttiva. Il fatto che c’entri il mio PG è puramente incidentale. Il fine del gioco è raccontare insieme una bella storia, usando diciamo… un metodo concordato. Se non ci intendiamo, la storia che mettiamo su diventa solo confusa. In questo caso l’equivoco è evidente: da una parte io che cerco in tutti i modi una soluzione non violenta (o il meno violenta possibile), dall’altra l’impossibilità di concretizzarla, nemmeno in parte e aldilà dei risultati di dado. A volte conviene fermarsi e chiarire, piuttosto che procedere con quello che per me è un non-sense. Aldilà del rispetto della fiction (quello che si è stabilito in game) che ha un suo margine di interpretazione, però ci sono le meccaniche, che sono più stringenti. Se con Taglia e Spacca faccio 10 danni a uno che ha 5 punti ferita, le meccaniche determinano che lo ammazzo. Punto. Stessa cosa, se con Discernere si determina che la tal cosa è utile e di valore, le meccaniche determinano che quella cosa è utile è di valore. Punto. Sono concetti chiari e blindati, e affinché cambino, devono esserci dei motivi altrettanto chiari e blindati. Ad es. tiro e faccio 6-, e il GM: Quello che pensavi di aver ammazzato, si rialza in piedi. Sarà uno zombie? (Rivela una verità sgradita) Oppure tiro e faccio 6-, e il GM: La folla aumenta. Se prima una carica poteva respingerli, adesso non più. (Rivela una verità sgradita) La tua mossa dura invece è stata: “Gli elfi in rivolta stanno attaccando il blocco” Ossia non hai stabilito un motivo chiaro e blindato per cui gli elfi, prima erano destabilizzati dal fango/vulnerabili alla carica, poi non lo erano più. La giustificazione (a posteriori) che sono aumentati di numero, non aiuta, perché magari per me, proprio perché sono aumentati di numero, sarebbero ancora più instabili ed auto-lesionisti sul fango, tant’è che morivano per la pressa sulle lance. Ma non è questo il punto: nessuno è esperto di folle sul fango, e nessuno deve esserlo. È una questione “grammaticale”, cioè puramente meccanica. Il riferimento utile e di valore, chiaro e blindato, resta il tuo: “I piedi della folla elfica affondano nel fango e nella terra, essi nonostante il numero, non sarebbero in grado di respingere in dietro una carica frontale” Al limite, se vedi un misunderstanding e vuoi tagliare corto, giocati il “Spiega le conseguenze o il prezzo da pagare e chiedi di nuovo”. Ad es., io: “«Ser Aubert, per quando possibile eviteremo danni letali, ma non c’è più tempo da perdere: respingiamo definitivamente i riottosi», gli urlo, sperando che il fango a terra tolga loro stabilità, e che il dolore fisico li desti dalle brame dell’incantesimo.” Tu: “Ser Aubert scuote la testa. La folla ormai è troppa e fuori controllo. Sarà impossibile intervenire senza avere un gran numero di vittime.. da entrambi i lati. Sei sicuro di voler procedere?” Avrei storto il naso, ma mi sarei tenuta la cosa per me. Per la serie: a saperlo prima, non sprecavo tre tiri buoni. --- Riguardo la leva. La leva di Parlamentare non è la mossa in sé, ma è il suo trigger, ossia l’innesco che attiva la mossa. Se confondi il trigger con la mossa (non solo di Parlamentare, ma di qualunque mossa), resta sempre un problema “grammaticale”. Di nuovo: non lo decide né il giocatore, né il master quando si attiva una mossa. Lo auto-determina, appunto, il suo trigger. Es.: “Meno le mani” = trigger di Taglia e Spacca (attacco in mischia); Tiro i dadi, faccio 8: io do un pugno in un occhio a lui. Lui dà un pugno sul naso a me = mossa ed effetto sulla fiction. Nel nostro caso: “Qualsiasi sia la vostra richiesta, possiamo e dobbiamo discuterne” = trigger di Parlamentare (leva e manipolazione); Tiro i dadi, faccio 8: voglio che la folla si fermi. La folla si fermerà a patto che passi la giornata con loro, per renderti conto delle condizioni in cui sono costretti a vivere = mossa ed effetto sulla fiction. Qualsiasi sia la mossa non dimenticare mai i tre esiti di DW: 10+: Lo fai senza problemi. 7–9: Lo fai ma con imprevisti o un prezzo da pagare. 6-: Il GM dice ciò che succede e tu segni un PE. Ora il tuo: “la richiesta [degli elfi] e' chiara ed univoca, farli passare subito e poi ritirarvi.” È un prezzo da pagare oggettivamente incompatibile con la mia richiesta… visto che io voglio proprio l’esatto contrario: che si fermino, dunque che non passino oltre. Dov’è il mio “Lo fai ma con imprevisti o un prezzo da pagare”? Se non l’ho contestato, e perché ho immaginato che in quel momento non ti fosse venuto in mente nulla… anche se in fiction l’ho detto che era una richiesta irragionevole Su una cosa hai ragione: le mosse servono proprio a fare cose straordinarie. Siamo qui per questo, e siamo fan dei personaggi… non c’entrano i paralleli con la polizia al G8. C’entra il metodo condiviso, la grammatica del gioco. Veniamo al secondo Parlamentare, quello in cui ho fatto 10+. Da come ho capito non lo hai preso proprio in considerazione. Ora… è vero che eccezionalmente un trigger può considerarsi non valido, ma parliamo di un’impossibilità oggettiva, supportata dalla fiction. In altre parole: va giustificato. Esempio da manuale: “Un personaggio senza un qualche tipo di arma non attiverà la mossa taglia e spacca mentre combatte un drago, perché un pugno a mani nude non ha un grande effetto su scaglie spesse un centimetro. Non conta quindi al fine di attivare la mossa.” [Come Giocare, Mosse ed Equipaggiamento] Quindi ok, se prendo a pugni un drago, mi dici che non c’è una possibilità su un milione di fargli oltre che il solletico. Ma perché è impossibile che gli elfi non si fermino, né con le buone, né con le botte dei soldati? In che punto la fiction o le meccaniche lo stabiliscono? Fino a quel momento il Caos sembrava avere solo una forte influenza, non che li comandasse come dei burattini. In conclusione, ripeto, non c’entra il protagonismo del mio PG. Possono pure tagliarle la testa e giocarci a pallone se ciò aggiungesse qualcosa alla storia. Magari mi sbaglio, ma sembra che tu abbia in mente il problema e la soluzione del problema, ed anche senza accorgertene spingi verso la tua di soluzione. Nel dubbio ripropongo un passaggio chiave: “È in questo modo che si gioca per scoprire cosa accadrà. Sei coinvolto anche tu nel divertimento di scoprire come i personaggi reagiranno e cambieranno il mondo che stai rappresentando. Siete tutti partecipanti nella grande avventura che sta per svolgersi. Quindi, non fare troppi progetti per il futuro, o le regole ti ostacoleranno. Fidati, è più divertente scoprire le cose mentre accadono.” [Il GM, Obiettivi] Chissà, si poteva creare una parentesi socio-politica interessante, una contrattazione stoica e storica in cui si gettavano le basi per ridefinire il rapporto tra gli elfi e le autorità, con eventuali ripercussioni future, anche su larga scala. Per me è stata un’occasione sprecata, ma qui andiamo sul soggettivo
  4. Confronto e gestione

    @Crees Riguardo l’ultimo post, due cose. Sulla questione del terreno fangoso. Qualche post addietro, al mio Discernere “Cosa qua è utile o di valore per me?”, si è stabilito che la folla affondava nel fango, e che non sarebbe stata in grado di respingere una carica dei soldati. Ok, nel mentre ho fatto altre mosse (per forza di cose), e meccanicamente ho perso il +1, ma l’info sul fango e sull’impossibilità di resistere ad una carica… resta utile e di valore, a meno che nel frattempo non sia successo qualcosa che ne giustifichi il contrario. Chessò, l’entropia del Caos ha malignamente seccato il fango, o qualcosa del genere… Se tale cosa è successa e mi è sfuggita, allora il mio “sperando che il fango a terra tolga loro stabilità”, etc.. non ha alcun senso. Altrimenti dovresti specificarlo (anche indirettamente, ma preferibilmente prima che decida le mie mosse), visto che le baso su quanto si è già stabilito. --- Sulla diplomazia sfumata con gli elfi forse non ci siamo capiti, e sarebbe il caso di essere più chiari sul parlato off-game. Mi riferisco al tuo: “Mentre prima le tue parole avevano riscosso parte degli elfi dai i loro intenti di rivolta, forse mostrandoli un alternativa alla violenza” Se questa era la tua intenzione, a me non è sembrato. All’atto pratico, la parte di elfi che avrei destato, voleva la stessa cosa degli elfi che non ho destato. Cioè entrare subito al porto, senza restrizioni, e che noialtri ci togliessimo dai piedi. Tant’è che: “la richiesta e' chiara ed univoca, farli passare subito e poi ritirarvi.” Nell’ordine, La mia leva: “Qualsiasi sia la vostra richiesta, possiamo e dobbiamo discuterne!” Sottolineo: non ho promesso di dargli tutto ciò che volessero, ma di poter e dover discutere su qualsiasi cosa volessero. La leva non è l’accordo in questo caso. Però quando ho tirato un 7+, Hai stabilito tu l’accordo (cioè la “garanzia concreta della tua promessa, subito”), senza margine di discussione e con la mossa morbida del fronte destro che stava cedendo (almeno era scritta in grassetto, l’ho interpretata così), e che volevano subito qualcosa di abbastanaz inaccettabile: scavalcare completamente le autorità, nonostante avessero degli ordini dall’alto, che si dileguassero nonostante i morti, etc.. Nessun punto di incontro, nessuna mediazione… chessò, tipo: lasciate entrare solo una parte di noi, oppure un torneremo tra qualche ora, o qualcosa del genere. Insomma, senza tirarla per le lunghe, ci può stare che la folla sia così infervorata da non voler sentire ragioni, ma a questo punto sembra che non prevedevi una vera soluzione diplomatica. Il che, ripeto, ci può stare, ma sarebbe meglio specificarlo… anche con una mossa morbida. Tipo: L’incantesimo ha obnubilato le loro menti. Qualsiasi tentativo di farli ragionare sarà inutile… e ormai stanno per sfondare la linea difensiva. Cosa fai? Lo dico perché non sto capendo la piega che hanno preso gli eventi. Di fatto ho due Parlamentare (un 7+ e un 10+), e uno Sfidare il Pericolo (7+), che non sono serviti a nulla: Quello che voleva la folla prima, voleva esattamente anche dopo. Bagno di sangue era prima, bagno di sangue è ancora. A che pro tirare i dadi? Bastava un “Ser Aubert, siete voi al comando, ma se non farete passare questi disperati… vi assumerete la responsabilità di una carneficina.”
  5. Cap.1, Un tempo di presagi.

    Khalya, paladina di Yvet Lorne Vedo il mio scudo, consegnatomi il giorno della mia partenza dal Tempio di Alabastro, strappatomi e profanato, mentre passa di mano in mano con una foga selvaggia. E non posso farci nulla. La situazione è disperata ma la mia fede non vacilla. «Lex resisti! Arrivo subito!», levo la mia voce oltre le urla. ‘Madre, non so più cosa fare, ma tu sì. Guidami nel fare la cosa giusta.’ Prego ad alta voce, mentre analizzo la situazione in cerca di ogni possibile spiraglio. Dopodiché metto mano alla spada ed accorro in soccorso di Lex. Spero solo che nel frattempo il Magister si stia adoperando per contrastare questo spietato incantesimo…
  6. Confronto e gestione

    Non c'avevo fatto mai caso. Grazie per avermelo fatto notare. Beh, se lo dice la mossa, allora non ci sono dubbi a riguardo
  7. Confronto e gestione

    Il tempo non è menzionato tra i requisiti della mossa. Se è ragionevole che uno "studio attento" richieda del tempo, allora lo richiederà. Minuti, ore, giorni... quello che è. Al limite si Sfida il Pericolo, qualora un discernere frettoloso aggiungesse una difficoltà aggiuntiva. Qualcosa tipo: devo trovare un passaggio segreto, ma le guardie che mi inseguono tra un po' sfonderanno la porta. Dire semplicemente al master "mi guardo attorno per capire dove posso scappare o nascondermi" e il master risponde "dalla finestra o sotto il letto", non è Discernere Realtà. Che poi dalla finestra rischi l'osso del collo, e sotto il letto sarà il primo posto dove guarderanno le guardie, è un dettaglio che scoprirai a suo tempo. Se invece studi attentamente la stanza/situazione, e chiedi "cosa qui mi è utile?", la risposta potrebbe anche non essere "la botola nascosta sotto il tappeto", ma anche rimanere "sotto il letto". Con la differenza che lì non sarà il primo posto dove guarderanno le guardie. Perché? Perché la mossa impone che la risposta sia utile. Il contesto che il master potrebbe rivelarti, è che la finestra è socchiusa, e che nel dubbio verificheranno prima se non te la sei squagliata di lì... lasciandoti la possibilità di sgattaiolare o colpirli alle spalle. Nessuna mossa fa riferimento al celare il tuo Segno Rivelatore (monociglio). Anzi, si specifica che: "Il tuo Segno Rivelatore rimane, non importa quale forma tu prenda." La mossa dice solo che quando ti trasformi in animale, gli oggetti che porti con te prendono parte di quella forma. Non menziona il caso inverso, per cui vale il "dipende dalla fiction", cioè il "come lo racconti". Se riesci a spiegare plausibilmente dove finisca il sangue cha hai addosso, partendo dal presupposto che non puoi incorporarlo (a differenza di quando ti trasformi in animale), non vedo il problema.
  8. Cap.1, Un tempo di presagi.

    Khalya, paladina di Yvet Lorne «L’accesso al porto è momentaneamente interdetto a chiunque, non solo agli elfi.» Assolvo al mio dovere di rispondere alla loro richiesta, pur consapevole che non sortirà alcun buon esito. Il mio sguardo volge prima sul lato destro del fronte, che ormai vacilla, poi verso Lex. ‘Ho fatto ogni tentativo per evitare ulteriori perdite’, cerco di comunicarle con gli occhi, mentre con voce ferma le dico: «Non possiamo rischiare nemmeno l’incolumità dei soldati. Ho bisogno del tuo sostegno su questo lato dello schieramento. Preparati.» Per equilibrare la formazione, mi sposto sul lato destro e do manforte al cordone di scudi. «Ser Aubert, per quando possibile eviteremo danni letali, ma non c’è più tempo da perdere: respingiamo definitivamente i riottosi», gli urlo, sperando che il fango a terra tolga loro stabilità, e che il dolore fisico li desti dalle brame dell’incantesimo. Tuono alla folla: «Le vostre richieste sono irragionevoli. Il ripristino del transito avverrà quanto prima. Per tutti. Nel mentre nessun disordine sarà più tollerato! Sgomberate l’area immediatamente o ne pagherete le conseguenze!» L’attenzione che prima avevo richiesto con le buone, adesso la pretendo con un pugno di ferro. «Ser Aubert, precediamo!»
  9. Confronto e gestione

    Avrei editato il mio ultimo post di gioco, in accordo con quanto chiarito sulla questione fiction. Non me lo permette, forse è passato troppo tempo, vabé... Sul discernere di Wilfrido, in generale DR si tira quando si intende carpire qualcosa che non salterebbe normalmente all'occhio, per cui è necessario uno "studio attento". Ovviamente la normalità è relativa all'osservatore. Se un giaguaro ha i sensi più sviluppati di un uomo/elfo, per lui il percepire qualcosa che per un uomo/elfo richiederebbe uno "studio attento", potrebbe essere la normalità, e magari non necessiterebbe di un tiro in DR.
  10. Confronto e gestione

    Perfetto allora. Mi sono mosso per un fine "didattico", ma vedo che non c'è bisogno. Non sei tenuto a spiegare il dietro le quinte, ci mancherebbe. Basta un tuo: ti sembra una contraddizione, ma non lo è. In tal caso allora il tiro relativo a: “urlo alla folla per far breccia oltre il trambusto e la spinta dell’incantesimo.” Prende un +1 e passa magicamente da 6 a 7
  11. Confronto e gestione

    Ok, a confondermi era il passaggio: "Le rune nella capanna, credo che esse attirino ed alimentino la folla, un modo intelligente di ottenere un ingente sacrificio di sangue." Cioè sembrava che i segni avessero quello scopo fin dall'inizio. Ma ci sta che fossero "dormienti" finché non li abbiamo risvegliati noi (anche se dal rapporto di Ren, la folla iniziava ad aumentare/scalpitare già da prima). Anche questo passaggio mi ha un po' disorientato: "La folla che vi si para davanti e' almeno tre volte quella che avete visto arrivando e molti di loro hanno addirittura spade e asce, come se qualcuno gli avesse riforniti di nascosto all'occhio vigile delle guardie." Lascia supporre che ci sia una regia occulta, che però non è rivelabile con i discernere o le individuazioni. Comunque no problem, l'importante è che non ci siano dei buchi logici, o anche delle forzature. Darò per scontato che ti stai già muovendo con questa consapevolezza
  12. Confronto e gestione

    La proposta mi attira, ma guardando al tempo che ho a disposizione (che verrà ancora a diminuire), preferisco impegnarmi su un unico PbF. Comunque stavo anche accarezzando l'idea di riesumare il vecchio PbF, ma in un secondo momento... molto secondo
  13. Cap.1, Un tempo di presagi.

    Khalya, paladina di Yvet Lorne ‘L’incantesimo che alimenta la rabbia e la disperazione degli elfi, di certo non ha rifornito loro di spade ed asce…’, penso tra me e me alle parole della strana seguace del Magister, mentre sfuma la speranza di intimidire la folla, colpendo solo quelli che agiscono con lucida malizia. Ma ciò che più mi atterrisce, è che se davvero un incantesimo li sta fomentando, com’è possibile che non me ne sia accorta prima? Tenterò comunque di evitare un bagno di sangue. Mi sposto sul lato sinistro, dove gli uomini di Ser Aubert stanno arretrando, ed urlo alla folla per far breccia oltre il trambusto e la spinta dell’incantesimo. «Per tutti gli dei, avete così poco a cuore le vostre vite?», riferendomi ai caduti che stanno ormai calpestando. «Vi scongiuro, fermatevi un attimo. Qualsiasi sia la vostra richiesta, possiamo e dobbiamo discuterne!» Invoco nuovamente l’aiuto di Yvet Lorne, affinché mi riveli in chi o cosa risieda il maligno.
  14. Confronto e gestione

    DW è sostanzialmente una "conversazione disciplinata". Sul forum si perde la naturalezza del botta e risposta (però si guadagna sotto altri aspetti, come per qualsiasi PbF). Su Youtube ci sono delle live "al tavolo" masterate da Simone Micucci, se vuoi farti un'idea. Comunque grazie. Non serve cavillare sui dettagli, DW è un gioco semplice, ma a volte il manuale ha il "difetto" di essere troppo discorsivo. Parlamentare, schematizzato è così: - Stai manipolando un PNG? - Se sì, stai usando come leva qualcosa che vuole/non vuole? - Se per il GM è così, tira i dadi. - 7+ il PNG potrebbe "aggiustare" la tua leva. Una volta stabilita una leva sufficiente: - 10+ Il PNG fa quello che dici, se prometti di dargli ciò che chiede. - 7-9 Come 10+, ma devi dargli subito una garanzia concreta, che ti dirà il GM. Il mio intento è spingerlo DW, ma magari con i miei spiegoni ottengo l'effetto contrario Per risponderti, ci gioco da quattro anni, ma di persona si fa fatica a trovare gruppi che si spostino da D&D/Pathfinder... e se vieni da D&D, come dice Knefröd, probabilmente hai preso delle cattive abitudini, tipo il pensare in termini di mosse, bilanciamento, gradi di sfida, voler pianificare cosa faranno i giocatori, etc.. Ma questo capita anche a me. Forse non ne sarò mai del tutto disintossicato... e in generale, quando dico la mia, non pretendo di avere la verità in tasca I forum di Reddit sono una buona reference per chi vuole chiarimenti, ma vedresti che perlopiù sono sulla forma mentis, più che regolistici.
  15. Confronto e gestione

    Approfittando della pausa, esamino qualche situazione di gioco. Sempre con l’intento che possa interessare/tornare utile. @xh87 Se fai un ladro umano (non ricordo se hai linkato la scheda) puoi usare la mossa: “Sei un professionista. Quando discerni realtà o declami conoscenze riguardo ad attività criminali, prendi +1” Si era stabilito che non avevi mai visto il tizio che ti ha assoldato, ma una volta che Bjork ti ha detto chi è (il marchese di Lago Stretto Adrien Mellario), puoi attaccarti a questo per “sbloccare” Declamare Conoscenze (+1, appunto, se sei umano). Non violeresti la fiction: il fatto che non hai mai visto il marchese, non implica che non ne hai nemmeno sentito parlare, più o meno indirettamente. Magari sempre sfruttando il +1 razziale, puoi Discernere Realtà su una situazione o una persona. Metti che il GM ti dica “Abigail è un ex-piratessa: dovrebbe saperla lunga sul contrabbando via nave e su quelli che ci fanno affari”, dopo averci fatto due chiacchiere, un eventuale Declamare Conoscenze sul marchese prenderebbe +2 (+1 per le info di Abigail, +1 per la mossa razziale). Riguardo Parlamentare, il trigger è: “Quando hai qualche modo per far leva su un personaggio del GM e lo manipoli, tira+CAR. Devi far leva con qualcosa che vuole o di cui ha bisogno” Quindi stai manipolando Bjork? Magari vi state solo facendo due chiacchiere, e per lui è indifferente (o gli fa piacere) dirti quello che vuoi sapere. Mettiamo che Bjork corra un rischio a darti quelle informazioni (lo decide il GM), e la tua leva è una moneta. Ok, allora è Parlamentare. Vuoi scoprire se la leva è sufficiente? Tira i dadi: “Con un 7+ ti verrà fatta una richiesta relativa al tuo modo di far leva.” Qualcosa tipo Bjork: “Sei matto? Rischiare che i suoi mi taglino la lingua per una moneta? Ne voglio almeno dieci!” Mettiamo che hai fatto 10+, puoi dargliele o semplicemente promettergliele: “Adesso non posso dartele, ma per l’amicizia che ci lega da una vita, prometto che te le darò ad affare concluso”. Sta a te decidere se onorare la promessa o meno, Bjork ti dirà comunque tutto. Se invece hai fatto 7-9, devi dargli una garanzia concreta: “Ok, tieni le tue dieci monete e sputa il rospo”. Anche sulla concretezza della garanzia, il GM ha l’ultima parola. Mettiamo che anziché dargli subito le dieci monete, cerchi di contrattare. Tu: “Senti, inizia a prenderne 5, le altre 5 te le darò appena posso.” Bjork: “Pochi maledetti e subito… affare fatto.” Oppure Bjork: “Cosa? Ho detto 10. Né una di meno, né una di più.” Oppure Bjork: “Mi hai preso per un pezzente? Ora che ci ripenso ne voglio 20, e se farai ancora il furbo saliranno a 30!” Per inciso, il GM potrebbe benissimo stabilire che Bjork ha piena fiducia di te, magari perché in passato hai sempre onorato i tuoi debiti, e per lui una garanzia concreta, quindi anche con un 7-9, sarebbe una tua stretta di mano. Alla fine è lui che ha giurisdizione sui PNG, ma una volta che ha deciso, la “mossa si chiude”, e gli effetti si “blindano” nella fiction.
×

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.