Jump to content

Marco NdC

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    1,625
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by Marco NdC

  1. Ripeto, sui ritmi per me non ci sono problemi. Il progetto non lo abbandono. Anche perché ormai è una sfida con me stesso… portare a termine almeno un PbF. Costi quel che costi 😄 L’unica “difficoltà” è che tra una giocata e l'altra bisogna un po’ ripassare i vari post, per ricordarsi del popò di carne la fuoco che è stata messa. Tra nomi, fatti, città, etc., ce n'è di roba... In effetti uno schemino con i PNG non sarebbe affatto male P.S.: Stasera cercherò già di postare. Lo dico per chi potrebbe ninjare o essere ninjato
  2. Leyrold è onesto… almeno in quella circostanza 😄 Ossia è fedele a Lord Volking, non vuole creargli grane, e vuole presentargli Clovis in veste di intermediario tra umani e orchi. Prima ovviamente deve accertarsi che lo straniero non racconti balle solo per imbucarsi dentro le mura, oppure, peggio, al congresso. Come giocatore sono più interessato all’evoluzione politica/bellica delle vicende, piuttosto che impelagarmi in una faccenda di contrabbando di pietre. Per ora spingo il gioco in quella direzione. Ma voi sentitevi liberi di spingere dove preferite 🙂
  3. @Casa Visto la scena parallela Maghi VS Doppio Soldo, direi di non andare troppo avanti con la conversazione. Non vorrei che parlassimo indifferentemente, mentre al tavolo affianco se le danno di santa ragione 😄 Aspetto anche di sapere fino a che punto sia vera l’affermazione “Felix lo conoscono tutti”. Se lo conosco davvero, ti proporrei qualcosa di alternativo... --- Le mosse funzionano ad innesco. L’innesco può esserci o meno, secondo la tua narrazione. È tipo: quando racconti questo -> allora succede questo. Parlamentare ha l’innesco: Quando hai qualche modo per far leva su un personaggio del GM e lo manipoli -> allora tira + CAR (etc., etc.) La tua narrazione su ciò che dici a Sophia, sostanzialmente minacciandola, potrebbe innescare Parlamentare. Dico “potrebbe” perché ti sei un po’ buttato ad indovinare. Cioè hai immaginato cosa potrebbe far leva su Sophia (le minacce), al fine di manipolarla (fargli fare quello che vuoi). Teoricamente le mosse si possono “concatenare” ad libitum. Il GM interviene solo quando “i PG falliscono i tiri, quando le regole lo richiedono, e quando i giocatori ti guardano per sapere che succede” (Il GM -> Fare il GM di Dungeon World: Una Struttura) In questo caso hai narrato finché non hai “guardato” al GM per sapere come avrebbe reagito Sophia.
  4. Se scrivi a mano i tag “spoiler” (tra parentesi quadre) la formattazione tende a sbarellare. Ti conviene usare il pulsantino con l’icona dell’occhio. Si trova sul form per l’inserimento di un nuovo post, affianco del pulsante della tabella, etc.. All’interno dell’area spoiler puoi metterci anche delle citazioni o nidificare con altri spoiler. Se vuoi fare un’altra area spoiler esterna, ti conviene sempre usare il pulsantino con l’occhio.
  5. Padiglione dei Mercanti Leyrold, Bardo (umano) L’idea di avere le spalle coperte da Johann e i suoi, mi rende più audace. In altre circostanze forse non mi sarei spinto con un “armadio a due ante” (posso definirti mezz’orco?) così, ad un passo dal mio naso. Lo ascolto con attenzione mentre sorseggio. (risp. precedente Affascinante e Onesto) «Personalmente non posso rimediarti un lasciapassare. È quel tipo di burocrazia che noi canaglie giramondo odiamo, ma che gli ufficiali impugnano fanaticamente per la sicurezza del paese. E Grigio Borgo è un paese così dannatamente sicuro, da permettersi di ospitare i regnanti del continente… senza che temano per una gola tagliata nottetempo. Ciò che posso fare è spendere la mia buona reputazione (mossa razziale del bardo: Umano). L’usanza è quella di dar ospitalità e ristoro a noi bardi peregrinanti. Portiamo conoscenza, buonumore e, per chi ci crede, qualcosa di più “sottile” con la nostra Arte… che sia di risveglio per le menti, di aiuto per chi è in difficoltà, di buon auspicio per gli amici, e di cattivo per i nemici (mossa Arte Arcana). Siamo considerati amici. E gli amici degli amici, in genere, sono ospitati altrettanto di buon grado. Quindi… questo mercante misterioso che ti ha chiesto un “favore”, sarebbe? (Considerando lo scopo della domanda “Di chi sei al servizio?”… se mi occulti il nome del mercante (Felix Brightwood) non sei del tutto onesto 😉 ) Il tuo sguardo è limpido. Se sarai onesto con me, domani siederai al tavolo con i potenti. Ed è quello che vuoi, lo vedo… E magari, chissà, scriverò una ballata sulla tua scalata al potere (legame: Sto scrivendo una ballata sulle avventure di Clovis). Anzi, non vedo l’ora di vederti in azione. La tua stazza promette bene. Quasi come la tua ambizione... Ma devo sapere che genere di “favore” dovresti fare a questo mercante misterioso. Non voglio e non posso deludere la fiducia che Lord Volking ha riposto su di me. Per il resto, se non potrò rimediarti un lasciapassare, un altro modo si troverà. Fidati: la creatività non mi manca.»
  6. Padiglione dei Mercanti Leyrold, Bardo (umano) Quando qualche ora fa mi sono affacciato dal mio alloggio, al calare della sera, ho sentito un certo brivido. Ho imparato a riconoscerlo, a seguirne la scia. Ed eccoci qui, pronti a vivere e a raccontare qualcosa di memorabile. Qualcosa che è lì lì per accadere. Lo sento. Vorrei solo che non fosse memorabile per la sua stupidità… «Ed è incredibile che l’elsa della “Fiammeggiante” non abbrustolisca i palmi di chi la impugna!» do manforte alla narrazione di Glover, caricandolo oltremodo. Il giovane scudiero si è guadagnata l’attenzione del suo pubblico. E' davvero uno spasso. Quasi mi fa tenerezza. Nel senso buono. So che il mondo si fa più duro con gli animi puri come il suo. Ma avrà il tempo di farsi la scorza… Alzo il boccale, incrocio lo sguardo dei miei amici… ed anche laggiù, verso il Cavaliere Errante, assorto tra i suoi con un piglio enigmatico. Il clangore dei boccali che incocciano è sempre un bel sentire. Ma non tutti stanno brindando. Una veterana del Doppio Soldo – credo si chiami Sophia – ha il suo bel ridire con due avventori vestiti di tutto punto. Lei è una bella stangona, ben armata, che sfoggia un temperamento fumantino. Se la caverà. Spero non troppo. Almeno per i due avventori di cui prima. Anche perché nel mentre li stanno “accogliendo in un abbraccio collettivo” il resto della compagnia… È questo quel qualcosa di memorabile che sta per accadere? «Forse sarebbe il caso di…» sto per dire a Johann. Ma lui mi ha già preceduto. Faccio per seguirlo, mentre si avvicina uno straniero davvero imponente (Clovis) Un vero gigante, dalla pelle orchesca (o quasi) ma dai lineamenti praticamente umani. Lo straniero parla saggiamente… e si informa saggiamente. L’ho beccato a parlottare con la cameriera (prec. Discernere “le cameriere che controllano le informazioni…”) e poi, guarda la combinazione, è venuto dritto dritto al nostro tavolo. Sa il fatto suo. Adesso voglio saperlo anch’io. «Il mio nome è Leyrold e sono un umile bardo giramondo» mi presento con un cenno del capo, e aggiungo: «Quel tipo di giramondo che va un po’ qui, un po’ là. Perlopiù a far danni… e a farsi poi perdonare per i danni. Per cui… occhio alle cameriere che solleticano le orecchie, e non solo… «Il signore che si è poc’anzi allontanato è il generale Johann. Amico di lunga data, nonché uno dei membri di spicco della delegazione da Iskal. Anche lui ne ha fatti di danni. Stavamo giustappunto ricordando la battaglia delle Lande infrante… «Il giovane scudiero di Lord Volking, invece ci teneva col fiato sospeso… con una storia di pirati! Glover? Coraggio, stringi la mano. Una stretta forte, da vero uomo! «Indubbiamente affasciante la cultura orchesca. Ho sempre cercato di carpire… come dire… la relazione tra lo spirito guerriero – se vogliamo chiamarlo così – e le fascinazioni che danno certi tipi di percussione, certi ritmi tribali. Ma non voglio tediarvi con questioni da menestrelli. Nemmeno la birra li renderebbe interessanti. «Parlando di spirito guerriero invece, il decantato Lord Volking lo incarna egregiamente. A pieno diritto viene menzionato come il “Lord Conquistatore”» strizzo l’occhio all’indirizzo del suo scudiero. «Suppongo che ciò lo renda quantomeno rispettato dai clan del Kurghish… ma ne convengo: la loro cultura, per quanto affascinante, e a dir poco foriera di eccessi, di contraddizioni. Almeno stando al comprendonio umano. Un buon mediatore come, da quanto ho capito, lei dovrebbe essere, cascherebbe come la senape sulle salsicce. C’è da dire che anche gli orchi hanno i loro grattacapi al confine ovest. Non credo che domani faranno troppo i gradassi. Ma meglio non rischiare. Se non ha un lasciapassare per Grigio Borgo, credo che un sistema lo si possa sempre trovare. (all. Caotico: Sprona qualcuno a compiere un'azione importante, non pianificata e decisiva.) Tuttavia domani… per ritagliarsi uno spazio tra i regnanti… credo che si debba seguire un iter più ufficiale. Posso mettere una buona parola con Lord Volking. Ma prima vorrei che si unisse ad un brindisi. Con tutto il rispetto, preferisco guardarlo bene negli occhi uno straniero, prima di presentarlo al mio signore. Sei d’accordo Glover? Brinderei alla buona riuscita del congresso, alla salute, e perché no, alle cameriere sussurranti che intrecciano i destini di noi avventori… a volte donandoci anche la gioia di una dubbia paternità!» rido di gusto. (Affascinante e Onesto rivolto a @Casa) Mentre sollevo il boccale, butto un altro occhio a Sophia e al suo comitato di accoglienza. Quella sfera proprio non vuole saperne di togliersi dal piano inclinato… Ma ammetto che una parte di me è anche curiosa di vedere come se la cavano i due che sta fronteggiando. Non sembrano affatto dei tipi comuni. Mappa ed elenco delle Città
  7. Padiglione dei Mercanti Leyrold, Bardo (umano) «Scherzi? Le rime migliori mi vengono tra lo sbronzo e lo sbronzo fradicio» sdrammatizzo. «Non vedo l’ora che mi presenti al resto della Compagnia. Ma anch’io ho qualche mano da farti stringere… Glover dove sei?» Allontanarsi dal sottoposto di Torvis è senz’altro un’ottima idea (prec. Affascinante e Onesto). Teneva ancora i pugni troppo stretti per i miei gusti. Al tavolo del Doppio Soldo. «Glover, il generale Johann potrà sicuramente insegnarti qualche buon trucco con la spada. Anche la sua è molto speciale, sai? Johann, il nostro giovane amico, nonché scudiero personale di Lord Volking, detiene l’onore e l’onore di custodire la sua spada fiammeggiante. Scommetto che anche lui avrà in serbo qualche aneddoto che ci terrà col fiato sospeso…»
  8. Padiglione dei Mercanti Leyrold, Bardo (umano) In giro per le locande del continente, di risse e scazzottate ne ho viste di ogni risma. Riconosco a pelle quella sfera sul piano inclinato che, se prende velocità, diventa inarrestabile. Non che le risse mi dispiacciano. Anzi, magari sono la parte più divertente, più folcloristica, della serata. Ma stasera le circostanze sono diverse. Una rissa tra veterani pieni di birra e vecchi rancori, non si risolverebbe in qualche sganassone o sedia volante. E un bagno di sangue è l’ultima cosa utile per il buon esito del congresso di domani… Attacco con uno strimpellio monocorde, cavalcante, che sovrasta il brusio generale. Come quei rulli di tamburo prolungati, quando l’attore fa attendere la sua battuta, e il pubblico se ne sta lì impalato, a pendere dalle sue labbra. Dall’alto della mia cassa di chissà-cosa mi guardo attorno, e l’attorno mi restituisce lo sguardo, come un carillon di tante facce che girano lente. Facce indurite, facce sbronze, facce assenti, facce interrogative, facce divertite, facce deficienti. Facce di ogni tipo che, mentre incalzo col ritmo, osservo attentamente (Discernere Realtà). Ma alla fine la mia battuta non arriva. Arriva invece un agile balzello: «E hop!» Prima regola: il pubblico va sempre spiazzato. Soprattutto quando devi prendere tempo. Sceso dalla cassa, mi armo di sorriso confidente ma non sfacciato, petto gonfio ma non tronfio, e sguardo fisso ma non fesso. Mi avvicino al duo Johann-soldato di Torvis. Quest’ultimo è più basso del mio vecchio compagno d’avventure (legame: Questa non è la mia prima avventura con Johann), ma è un tipo tosto: sembra scolpito di freddo marmo. Il suo sguardo però tradisce una brace accesissima… «Suvvia signori. Siamo all’alba di un gran giorno. Concentrerei il nostro ardore sull’attuale nemico comune: l’oscuro esercito che assedia i nostri confini, la nostra casa. Generale Johann, gli dei di nuovo ci mettono sulla stessa strada. È bello rivederti. Torvis Conclave, il mio inchino è anche per voi. Scommetto la mia reputazione che quanto si narra sulle vostre imprese, corrisponda a pura verità.» Il mio sguardo torna fugace sul Generale Johann. Forse non l’ha presa benissimo, ma dovrebbe conoscermi abbastanza da fidarsi di ciò che faccio. Siamo qui per unire le nostre forze… e comunque, ci sarà tempo per le spiegazioni. Infine mi rivolgo al soldato di Torvis, quello che ancora sta fronteggiando il mio vecchio amico: «Ti fa onore difendere il buon nome del tuo signore. Sono sincero, avrei fatto anch’io lo stesso (Affascinante e Onesto). Le malelingue sono dure a morire… ma a volte conviene farle morire… affogandole nel vino. Questo giro lo offro io!» Mappa ed elenco delle Città
  9. Ok, parto io cercando di risolverla diplomaticamente
  10. @Voignar @Cuppo Ditemi se preferite agire prima o dopo di me, in modo da non ninjarci a vicenda. Per me è uguale.
  11. Il barbaro i suoi appetiti ce li ha sempre, ma sei tu che decidi cosa il tuo PG fa, dice, pensa, prova. Quindi sei tu che sai quando sta perseguendo la soddisfazione dei suoi appetiti, e tiri i dadi di conseguenza. Come sempre, l’unico limite è il non contraddire la fiction.
  12. Per velocizzare alcuni passaggi che richiederebbero un botta e risposta, in passato abbiamo usato sui PbF delle "giocate condizionali". Qualcosa tipo Se riconosco Leyrold: Quel bardo non mi è affatto nuovo… «Leyrold, vecchia canaglia!» Altrimenti: Bla bla bla… ----------------------------------------------------------------- Per quanto mi riguarda questo ritmo non mi dispiace. Per cui non preoccuparti di fare notte, per incastrare il gioco con il lavoro e tutto il resto…
  13. L’esempio del mostro che si protegge le branchie, l’ho ipotizzato per un sistema di gioco fiction first. Cosa che D&D non ha. Lo colpisci dove non si protegge? Sì, ha senso. Ma non hai “l’instakill delle branchie”, e se non lo uccidi te lo ritrovi addosso. Magari la fiction stabilisce pure che il mostro è una montagna di muscoli, mentre il mago è uno scricciolo… Mmh... Non funziona con un "tu ti inventi qualcosa", "io me ne invento un’altra", e così via… giusto per il gusto di inventare, come se le scelte non avessero un peso strategico. Anzi. Sul come si possa risolvere la cosa in D&D, al netto dell’esempio del mostro acquatico, non lo so. Sono d’accordo. Semplicemente non la risolvei. Quando gioco a D&D mi attengo alle regole come faccio con qualsiasi altro gioco. A volte le regole mi stanno bene, altre volte mi stanno strette. Ma ci si può divertire ugualmente. Ci mancherebbe.
  14. @Cuppo Non ne sono sicurissimo, ma anche se siamo partiti da luoghi diversi, credo che ci conosciamo già. Non solo per i Legami, ma proprio per un presupposto del gioco: “I personaggi sono amici? No, non necessariamente, ma lavorano insieme in una squadra verso obiettivi comuni. Le ragioni che li spingono possono essere diverse, ma comunque sia lavorano in gruppo.” (Prima Sessione –> Iniziare) Non ho nessun problema se non dovessimo già conoscerci… anche se sarà più difficoltoso raggrupparci - forse anche forzato - e dare un senso ai Legami. EDIT: Al netto del fatto che un legame: Questa non è la mia prima avventura con Johann
  15. Con buona probabilità la tua conclusione deriva dall’idea che il grado di sfida (GS) sia un dogma imprescindibile. Beh, altri sistemi non lo prevedono nemmeno il GS. Per cui, se anche fosse che una sfida più facile del previsto, sarebbe (il condizionale è d’obbligo) anche meno divertente… tale mancanza verrebbe ben sopperita dalla soddisfazione di avere avuto, chessò, un’idea brillante, imprevista e da ricordare. Come per il congelamento delle branchie del mostro che hai posto come esempio. Basta mettere più carne al fuoco. Ossia più variabili, più opzioni. In modo che, se anche si dovesse stabilire un precedente “scomodo”, il gioco difficilmente si romperebbe. La carne al fuoco ce la mette perlopiù la fiction. E in un gioco fiction first, la fiction è limitata solo dalla tua fantasia. Immaginando che nel tuo esempio l’incantesimo sia un raggio congelante, e che la creatura sia una sorta di uomo-pesce: GM: «Imparando dalla sorte del suo collega, la seconda creatura ti carica portando le braccia a protezione delle branchie, e…» Mago: «Non posso soffocarlo come quell’altro?» GM: «Puoi fare qualsiasi cosa, ma rispondendo prima alla domanda: come faccio a mirarlo alle branchie se ha sollevato le braccia a loro protezione?» Qui il GM non è tanto mosso dal problema che il GS sarebbe troppo facile, per cui deve inventarsi qualcosa. Ma è mosso dal fatto che una buona storia è più avvincente se, via via, racconta qualcosa di nuovo. Si è limitato ad aggiungere quello che per lui era un elemento di interesse. Questo è più difficile da ottenere con un approccio gamistico. Ossia che limiti le opzioni a ciò che prevedono le meccaniche. Per cui se le meccaniche non prevedono che il mostro ottenga un vantaggio portando le braccia sulle branchie… nisba. E se anche ottenesse un vantaggio statistico, forse sarebbe più interessante rispondere al quesito: “come faccio a mirarlo alle branchie se ha sollevato le braccia a protezione?” Chiedo scusa per la lungaggine.
  16. Non credo che sia una discriminante la grandezza dell'oggetto. Tra gli esempi degli Attrezzi infatti si fa anche quello di un'asta... Non c'è scritto, ma credo che gli Attrezzi da Avventuriero sottintendano un "tutto il resto" rispetto gli oggetti elencati, a patto che siano oggetti comuni e utili. Potresti più trovare un coltello da cucina, o un punteruolo, ad esempio. Niente comunque che rientri nella Lista di Armi, ossia di item con delle etichette ad hoc che li rendano specificamente efficaci in combattimento.
  17. Leyrold, Bardo (umano) Interno delle Mura Il tragitto che conduce alla grande porta si snoda in un dedalo di viuzze, archi e ponticelli. Lo divoriamo da veri scavezzacollo. La spensierata giovialità di Glover riecheggia tra le solenni facciate in pietra, creando un contrasto del tutto inusuale. «Svoltiamo di lì, conosco una scorciatoia. Che l’assenza di nebbia sia di buon auspicio per domani? I regnanti hanno ancora il cuore diviso, e in questo momento i vecchi rancori non devono ripresentarsi al tavolo… Occhio allo scalino. Vediamo… “Lady Meave, di rosa sbocciata, austera ninfa dai passi gentili, sfiorando l’erba di gocce adornata, tu dèsti i sospiri, conquisti gli ostili.” Puoi cantargliela se vuoi, se la vedrai più tardi. Prima che cambi vestito però. Le strapperai un sorriso. Coglierà senz’altro la relazione tra “rosa sbocciata” e il suo nuovo abito rosso» ammicco con fare complice. --- Padiglione dei Mercanti Fuori dalle mura la tendopoli esplode in roboante contrasto con il grigio di prima. «Se il fato ci assiste ti potrò presentare qualche signore che conta, o chissà, qualche vecchio compagno d’avventura. Diventerai un grande Lord, ma prima dovrai stringere le mani giuste» dico al ragazzo, mentre dispenso sorrisi e cenni di capo alla folla. La scia odorosa della selvaggina arrosto ci conduce dritti dritti alla locanda. È piena come un uovo. Quella cassa di chissà-cosa dovrebbe andar bene. Ci salgo sopra, attiro l’attenzione e attacco con un ritornello piuttosto noto nei regni del sud. Ovviamente il ritornello decanta le gesta del mio signore, Lord Volking, ma più soffermandosi sulla sua abilità in battaglia e la sua leggendaria spada fiammeggiante, che infierendo sui malcapitati regni avversari. Non è il mio ritornello preferito, ma di certo non voglio aizzare nessun animo. Nel chiosare, non posso non incrociare lo sguardo di Torvis Conclave, il Cavaliere Errante. Se ne dicono sul suo conto… (Conoscenze Bardiche, Grandi Storie del Mondo Conosciuto) Mappa ed elenco delle Città
  18. Leyrold, Bardo (umano) La sera ombreggia sulle guglie rimarcandone i contorni. Dal terrazzo che domina la città inspiro eccitazione a pieni polmoni, mentre le finestrelle sullo sfondo si animano di bagliori ambrati e paglierini. Grigio Borgo, spoglia della sua leggendaria nebbia, è uno spettacolo ancora più inconsueto. Chiudo gli occhi per fissarlo in memoria, rientro nell’alloggio, recupero il liuto, do un’ultima nostalgica occhiata alle lenzuola fresche di lavanda, e finalmente guadagno le stradine dabbasso. ‘Dove si sarà cacciato?’ mi chiedo. Ho appuntamento con lo scudiero di Lord Volking. Mi appoggio ad una fontanella grezzamente lavorata che fa da angolo. Sono impaziente. L’attesa smorza l’eccitazione. Avevo anche altre opzioni in effetti... Volendo seguire il cuore, avrei esplorato i misteri di Grigio Borgo in compagnia della giovane Volking. Chissà, magari mettendo in versi i suoi graziosi sorrisi. Sarei anche potuto tornare al Tempietto dei Mille Vasi. Un luogo dalle sonorità suggestive, in cui la musica diventa preghiera. Ma alla fine ho puntato sulla voglia di avventura del ragazzo. Nutro anche un certo interesse per la spada fiammeggiante di cui è custode, nonché sui dettagli della vita di Lord Volking che potrebbero trapelare tra una chiacchiera e l’altra. Ah, eccolo! «Le donne e gli uomini più potenti, umili paggi e rampolli di gran boria, son giunti lesti da ogni continente per un incontro che passerà alla storia. Nel santuario di nuda roccia scolpito, che della pace ci rende tutti amanti, tra le viuzze scorgi il re e il bandito, insieme a vassalli, spioni e lestofanti…» Anticipo lo scudiero con il mio solito, collaudato, sorriso, cercando di attizzare in lui le braci dell’intrigo. «Anche tu eccitato per il gran consiglio di domattina? Sarò onesto con te…» (Affascinante e Onesto, vedi spoiler) Dopo essermi aperto con lui, annuso nuovamente l’aria. Sorrido ancora. Sembra frizzante. «La notte è giovane. Occhi aperti e gambe in spalla amico mio!» Assecondo i desideri dello scudiero e andiamo dove “lo porta il cuore” Ci avviamo verso la tendopoli (ho editato qui). Sfioro con le dita le lisce mura di pietra, quasi ad assaporarne la sensazione di rimando. Saranno almeno dieci anni che manco da queste parti… (Un Porto nella Tempesta) Mappa ed elenco delle Città
  19. Complimentandomi con @Crees per la sontuosissima intro, auguro buon gioco a tutti. Riguardo la mappa, metterò il suo link in calce ad ogni post, insieme all’elenco delle città/luoghi di interesse. Sono sempre aperto alle modifiche/correzioni del caso. Per eventuali screenshot, magari focalizzati su questo o quel punto, chiedete pure. Tempo permettendo potrei occuparmi di riunire in un unico post anche religioni, divinità e personalità di rilievo.
  20. Il gioco cerca di evitare questa “unilateralità” facendo chiedere, prima di iniziare, se i legami stanno bene a tutti. Ma al netto del fatto che possono restare inesplorati e poi cambiati se non vanno/piacciono, in genere non sono così vincolanti. Il tuo legame “Leyrold è gracile e sciocco, ma mi fa divertire”, non determina che Leyrold sia gracile, sciocco e divertente, ma che Clovis lo percepisca come tale. Non è necessario stabilire prima che il gioco inizi la personalità del PG o anche il suo background (il GM può eventualmente fare domande in tal senso, e non è comunque vincolato dalle risposte). Anche un legame tipo “Leyrold finisce sempre nei guai: devo proteggerlo da sé stesso” non è vincolante più di tanto. Se in game non mi mettessi mai nei guai, il legame si potrebbe benissimo risolvere con un… ok, in passato è stato così, adesso hai messo la testa sulle spalle. Per me questo legame non è più rilevante, va bene per te se lo cambiamo? Ripeto, con i legami non vale la pena scervellarsi più di tanto. Anzi, più sembrano “sbagliati” più è possibile tirarci fuori qualcosa. Sta alla fantasia dei partecipanti. GM: «Leyrold sta mandando tutto all’aria col suo fare calcolatore. Gli orchi odiano i calcolatori, e di questo passo si metterà nei guai. Devi proteggerlo. Cosa fai?» Indipendentemente dal fatto che sia vero o meno, il GM usa un appiglio fictional (legame, “devi proteggerlo”) per farti una mossa morbida. Se la ignori, può farti una mossa dura. Tipo: GM: «Fatichi a star calmo. La situazione ti ha messo un gran nervoso addosso. Prendi -1 al prossimo tiro.»
  21. I legami non implicano qualcosa che deve accadere in gioco. Stabiliscono un fatto che può essere esplorato o meno. Viene esplorato quando qualcuno al tavolo (non necessariamente i due giocatori coinvolti) lo tira nella fiction. Se nessuno lo trova interessante, in generale o relativamente alle circostanze attuali, semplicemente non viene esplorato. In entrambi i casi è ok. A fine sessione il giocatore con il legame può dire all’altro: per me lo abbiamo esplorato a sufficienza. Lo consideriamo risolto? Se l’altro risponde sì, allora si sostituisce e guadagna un PE. Ma può anche dire: per me questo legame non ha nulla da aggiungere al gioco. Lo consideriamo risolto? Stesso discorso: se l’altro risponde sì, allora si sostituisce e guadagna un PE ugualmente. Che vengano esplorati o meno, i legami danno comunque un vantaggio meccanico (ad es. con la mossa aiutare/interferire). Per cui è sempre consigliato metterne quanti più possibile… Per me vanno tutti bene i legami che mi proponete. Uno perché avrò più possibilità di essere aiutato in game, due perché è divertente scoprire a cosa potrebbero riferirsi. Consiglio caldamente di non prefigurarsi in cosa i legami verranno esplorati 😉
  22. Per me è ok. Anzi, metto sul piatto il mio legame inutilizzato: _____________ è spesso bersaglio dei miei scherzi Se qualcuno è interessato, lo aggiungo volentieri. Meccanicamente parlando sarebbe solo un vantaggio per lui.
  23. La parte esterna, nera/grigio scura, sarebbero dei territori nemici che spingono contro i confini del continente. Ho formato una “Grande Steppa” tra la regione giallo-oro a nord-est (adesso Lerolfa), e quella a forma di C (adesso Kaiimen), ed estendendola nel territorio rosa (nord di Iskal) e in quello arancio (Iskal). Potenzialmente ci sono 4 territori con i quali le tribù potrebbero commerciare. Come punti di riferimento ho sparpagliato nella Grande Steppa città e villaggi con nomi a caso. Le tribù più stanziali potrebbero trovarsi in essi o nei loro pressi. Quelle nomadi potrebbero spostarsi stagionalmente, chessò, dai pressi di Zollabrulla a Geret.
  24. A scanso di equivoci (i colori dipendono da com’è settato il monitor/display)… per zona viola scuro ad est, intendi quella a “C” a destra di Iskal, oppure quella più grande a destra di Grigio Borgo?
  25. La mappa è grande quanto un continente. Quando sia grande il continente non lo so. Se non è stato stabilito, per ora non è così rilevante. Lo si può decidere dopo o non deciderlo affatto se, appunto, continuerà a non essere rilevante. La steppa può stare dove vuoi. Per praticità escluderei solo i territori già occupati, ma non necessariamente. Alla fine trattasi di un ecosistema più che di un territorio specifico, che potrebbe coprire in toto o in parte i regni già messi su mappa. Se vieni da un popolo nomade potresti anche tenerti sul vago. Chessò, vieni da est, o da dove spira il Godreccio (vento immaginario). Anch’io (Leyrold il bardo) non ho specificato da dove vengo. Non mi sembrava importante in definizione di background, né mi è stato chiesto a riguardo. Per ora sono un cittadino del mondo, che gira il mondo stesso… poi si vedrà 🙂
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.