Jump to content

[The Dark Eye 5ed.][Emmanus][Topic di Gioco] -Gli schiavisti di Reichforst


Emmanus
 Share

Recommended Posts

                                                                                                                                                      Prologo

 

io non so quale sia la verità.........Non so quale sia la vera leggenda.....Le voci variano da posto in  posto, le leggende della gente del nord, sono diverse da quelle del sud , e quelle del sud da quelle delle terre di mezzo...Gli Iniziati , poi...oh sì...ogni Tempio , ogni iniziato, ha una leggenda diversa..e guarda caso..il suo Dio entra sempre in ballo...anche solo come co-protagonista....
Quello che so è che tutte le leggende concordano con una versione , nell'anno che varia tra il 1030 e il 1052 FB, le stelle caddero dal cielo.....non è la prima volta..anzi , gli studiosi dicono che la cosa accade ogni 50-100 anni....ma la particolarità di quella stella è che non fece danni (eccezion fatta per un grosso buco), niente terremoti, maremoti o disastri vari....la zona della collisione è ignota , ma si dice che questa stella, o meteora , se preferite, contenesse un materiale  che rendesse il suo possessore tra i più potenti esseri del DERE** ..forse pari agli Dei.
Si dice che un solo frammento di questo elemento, un frammento piccolo quando un dito, potesse rilevare, se lo si guardava intensamente , uno spicchio del futuro, una sequenza del passato o un posto , lontano dal possessore (alcuni addirittura dicono un posto che quest'ultimo volesse vedere), del presente.

il giorno della meteora venne chiamato "il giorno del Dono degli dei". Ma attenzione...il potere esigeva un prezzo....sempre le voci dicono che, chi possedesse il materiale scuro della stella, a lungo andare, questa esigesse l'anima del possessore e che questi diventasse schiavo del suo potere.
Alcuni potrebbero dire "chi se ne importa, sarei malvagio, ma potente"...Ma questi dovrebbero sapere che la leggenda dice anche che, non solo il mistico potere possedeva l'anima del suo possessore , ma anche il suo corpo, praticamente l'essere muore e il suo corpo rimane la marionetta di questa entità misteriosa.
la pelle diventa venosa e gli occhi completamente scuri...."THE DARK EYE".
Pertanto il nome del giorno della meteora  giorno venne mutato, per alcuni,in  "il pianto degli Dei", o "il dono del Dio senza nome", accerrimo nemico dei dodici Dei.
Ma per alcuni, queste ultime voci erano dicerie......frasi dette per impaurire i cercatori del materiale della stella...pertanto tutti i regnanti, l'imperatrice, i briganti e perfino i templi dei dodici dei ( e naturalmente la setta del "Dio senza nome"),partirono per cercare la famosa stella...o il suo potente materiale mistico.
Ora...si dice che quattro  maghi, uno di Andergast, un Bornlander, un abitante delle isole del Ciclope ed un Horasian trovarono la stella, non erano maghi provetti, ma al contatto con questa i loro poteri decuplicarono, forgiarono col materiale l'artefatto chiamato "L'occhio di tenebra", l'unico supremo e tanti altri piccoli artefatti simili, ma meno potenti, con la loro magia fecero esplodere la rimanenza e le schegge del materiale si persero in tutta Aventuria.
le loro anime, naturalmente furono strappate via e i loro corpi malvagi rimangono in attesa del momento propizio per attaccare col loro esercito e generare un regno del Caos.
I loro nomi echeggiano in ogni angolo di Aventuria...

* Verlord, il Signore dei demoni, sembra che sia sempre in compagnia della sua Succube
* Rudolf, il signore delle illusioni, si dice che in realtà non sia reale , che sia una illusione anche lui
* Xilamar, il signore dei Draghi...ha come animale di cmpagnia un drago delle caverne
* Barlog il signore della morte....voci dicono che sia immortale e che ogni sua ferita da rma o da magia rigenera all'istante....

ma sono solo leggende giusto? anche se con un fondo di verità.....dopotutto chi può dire cosa sia vero o falso in questo pazzo mondo?

Spoiler

Aventuria è uno dei continenti minori di Dere, il quale è il 3°Pianeta di un sistema solare costituito da una stella rotante, nana,  gialla e 9 pianeti

 

Edited by Emmanus
Link to comment
Share on other sites


                                                                                                           Avventura

 

Giorno 13 mese di Hesinde .......Vi trovate ad Alriksford, un piccolo villaggio di aventuria , posto abbastanza tranquillo, le persone sono per lo più contadini.

ed anche la milizia spesso ozia per la mancanza di emozioni, il raccolto viene esportato a gareth e questo rende agli abitanti del villaggio una  ricchezza modesta...

ma il loro insediamento non è lontano dal Reichsforst, una foresta di cui girano molte leggende. Si dice che  Fantasmi, faerie e mostri,  vivano nel Reichsforst e lo proteggano da invasioni umani. Molti di questi racconti sono probabilmente superstizione, ma da un po' di tempo è successo che alcune persone siano sparite....

ci troviamo a metà giornata il profumo di cervo e cinghiale pervade per tutta la locanda del Cinghiale infuriato (sono le 12:00) , fuori il sole riscalda ancor di più una calda giornata , infatti a parte alcuni avventori e quattro abitanti non sembra ci sia nessuno per ora , ma chi è stato qui sa che presto il posto si riempirà sicurammente

Danow Baeeron e Gislald

Spoiler

avete già dormito una notte nella locanda e assaggiato le sue delizie vi trovate seduti ad un tavolo in attesa che l'oste prenda ordini

Orestas e Alaric

Spoiler

siete appena entrati nella locanda, affamati e vi state accingendo a trovare posto

Nayrell Etienne du Landerian

Spoiler

sei fuori la locanda (anche te sei abbastanza affamato) e cominci a sentire i profumi del cibo che escono fuori da questa

 

Edited by Emmanus
richiesta cambio nominativo
Link to comment
Share on other sites

Nayrell Etienne du Landerian

Scrollo i capelli, desideroso di togliermi di dosso il puzzo e la polvere della strada. Cerco con gli occhi una stalla - o, mal che vada, un palo o una staccionata per legare le bestie - dove fare riposare il mio fedele Guascòn, e mi accingo ad entrare nella locanda, in compagnia solo della mia fame e della mia stanchezza. 

La mattina è stata noiosa ed il resto della giornata pare promettere altra strada e malinconia, ma forse la buona sorte deciderà di sorridermi e di regalarmi una qualche emozione: odio queste missioni di poco conto, prive di emozioni, di avventura, di teste vuote da spaccare, di bricconi da intimidire, di lestofanti da svelare e di belle donne da conquistare!

 

Edited by Ghal Maraz
Link to comment
Share on other sites

Alaric

Entro nella locanda con Orestas, un mercenario che ho conosciuto da poco nel corso del mio ultimo ingaggio come soldato di ventura; tuttavia, ho già speso quasi del tutto il compenso guadagnato in quest'occasione e mi rendo conto che dovrò stringere la cinghia.

"Orestas, quasi quasi prendo da bere acqua e mangio le provviste, che mi porto nello zaino.

Poi, se l'oste osa guardarmi male, gli tiro un pugno."

Rido e tiro una pacca sulla spalla del mercenario.

Descrizione

Spoiler

Alaric è ragazzone atletico con occhi azzurri e capelli mori portati corti come la sua barba.

Lo scudo dietro la schiena e le armi appese alla cintura, due spade di diversa lunghezza ed un'ascia da lancio, mostrano la sua natura di combattente, mentre sembra non portare armatura, che in realtà è fatta di spessi strati di stoffa, confondendosi con le vesti.

 

Link to comment
Share on other sites

Orestas (umano meridian mercenario)

"Comodo per te, neh! Sei tu quello con le gambe lunghe e poco bagaglio appresso che può permettersi di cacciarsi nei guai e poi filarsela." dico in tono fintamente brontolone per scherzare, il sorriso sulle mie labbra mentre ci sediamo ad un tavolo libero, un po' in disparte ma con una  buona visione sulla sala e sull'acceso, non si sa mai. Quando la cameriera giunge per prendere le ordinazioni anticipo il mio compagno filibustiere dicendole: "Per l'astemio, tristemente qui a me, dell'acqua. Possibilmente meno sporca e salata di lui. Per me invece del vino dolcezza. Grazie" dico burlandomi scherzosamente del mio amico ed ammiccando simpaticamente alla cameriera per strapparle un sorriso. "Da mangiare che avete oggi da offrire?" aggiungo poi al brontolare della mia pancia brontola.

Spoiler

Orestas è un giovane uomo di 29 anni dalla pelle olivastra ed il fisico asciutto ed allenato dalla dura vita del mercenario. La pelle già olivastra, tipica della gente delle terre meridionali, si è scurita per via dell'abbronzatura frutto delle molte che passava sotto il cocente sole meridionale, nell'Impero di Al'Anfa dove egli è nato e cresciuto, cosa chiaramente deducibile dal suo accento. Di altezza media, occhi e capelli castani, un poco mossi, Orestas ha una faccia da persona che ne ha viste e passate tante nonostante i pochi anni sulle spalle, risultando affascinante più per questo che per i tratti del viso, comunque gradevoli. Indossa delle comode vesti dalla foggia tipica delle sue zone, sopra alle quali indossa un'armatura di cuoio, semplice ma ben fatta, mentre al cinturone porta legate un pugnale ricurvo e le sua fidata ammazzaschiavi, un tipo di scimitarra, tipici dell'Al'Anfa, rispettivamente al fianco destro il primo ed al sinistro la seconda. Infine a tracolla troviamo appesa una balestra leggera e la faretra con i suoi dardi. L'aspetto complessivo è un po' dimesso, non sembra navigare nell'oro, ma ad un occhio attento il suo equipaggiamento è comunque di buona fattura e ben tenuto, segno che è ancora un combattente professionista ancora attivo.

 

Edited by Pyros88
Link to comment
Share on other sites

Gislald

Dopo una mattinata trascorsa con tranquillità, Gislald e Danow si sono seduti a uno dei tavoli del Cinghiale Infuriato, in attesa che l'oste venga per prendere il loro ordine.

"Eccoci qui. Adesso possiamo concederci un po' di agio, ma una volta finito di mangiare riprenderemo il viaggio. Mangia per bene."

Gislald non dirà più nulla, Danow lo sa bene. L'arciprete è certamente un uomo dal cuore gentile e generoso, ma non di compagnia. Per ora aspetta in silenzio che l'oste si faccia vivo. Se dovesse passargli vicino, o se dovesse rivolgergli lo sguardo, lo richiamerebbe con un gesto mite e cordiale.

- Descrizione

Spoiler

Gislald è un uomo sui trent'anni, di corporatura media. È un prete di Boron, da come si può intuire dalla tonaca nera. I piccoli occhi azzurri, al di sotto di appuntite sopracciglia nere, lanciano sguardi taglienti, risoluti, ma non aggressivi. Rivelano piuttosto una ferma calma interiore quando è in silenzio. Il suo incarnato è leggermente pallido, le guance sono un po' scavate e il volto è segnato dalle prime rughe, che però aggiungono saggezza al suo aspetto, migliorandolo. I capelli, neri, corti e lievemente ricci, sono solo un poco ingrigiti, e sono ancora folti.

 

Link to comment
Share on other sites

Danow

La mattinata era passata oziosa ed il calduccio del sole non mi aiutava di certo, come neppure il mio primo compagno di erranza a svegliarsi anche solo di un poco. 

Mi stiracchio lentamente, facendo finta di nulla mentre osservo le altre persone presenti: ai più attraenti faccio un leggero sorriso, indugiando di più sulle donzelle. 

<<Oh, suvvia. Sarò un ragazzo, ma non sono di certo un bambino, Gislald!>> dico con un che di insofferenza al "mangia per bene", mentre accarezzo subito dopo il micio dal pelo foltissimo e rossiccio che ho sulle gambe. 

Descrizione

Spoiler

Danow è un giovane uomo, o forse un ragazzo: ha da poco compiuto i diciassette anni e la sua fisionomia, per quanto già da uomo cresciuto mantiene qualche postumo dell'infanzia. La carnagione è diafana, i lunghi capelli neri fanno un contrasto assoluto e sono portati lunghi. Un pom mossi, paiono più una criniera che una capigliatura.

Gli occhi sono di un verde grigiastro che pare mutare al cambiare del clima del giorno.

La bellezza è la qualità che lo contraddistingue, come anche il portamento sinuoso ed elegamente. Veste abiti abbastanza comuni, ben tenuti ma non eccessivamente sfarzosi, anche se li porta stretti a mostrare le forme, slanciate ed un poco atletiche, anche se non proprio muscolose.

 

Link to comment
Share on other sites

Arlickfords- Locanda del Cinghiale infuriato - Sereno - Bonaccia

 

gli abitanti di Arlicksford sono persone semplici, curiose, come se ogni persona nuova che entri nel villaggio sia un balocco nuovo da scoprire,

la cosa vale anche per i paesani che all'interno della locanda , i quali nel sentire la porta d'entrata aprirsi provvedono immediatamente a girarsi ed ad osservare per un attimo il nuovo arrivato...Nayrell Etienne du Landerian .

La cameriera, una umana dell'età di circa 23/25 anni capelli mori fino alle spalle ed immensi occhi neri emette un sorriso nel veder entrare il nuovo arrivato

"benvenuto avventuriero..scegliete tranquillamente un tavolo a vostro piacere, sarò da voi in un baleno "  si nota

un leggero rossore sulla guancia della dama, che si volta subito verso Orestas,  rimanendo con lo stesso sorriso

"certo mio campione , ecco a voi........"

"non ti azzardare , Mahena......." la voce infuriata dell'oste fa sobbalzare i paesani all'interno dell'abitacolo " nella mia locanda si mangia solo il mio cibo ....se vuoi mangiare altro...fuori c'è un'ottima foresta dove poggiarsi e mangiare ciò che si vuole"

la ragazza fa cenno di non preoccuparsi "non temere padrone...il campione , qui mangerà anche per il suo amico ....questi muscoli devono essere nutriti per mantenersi così bene" tocca un attimo i bicipiti del mercenario facendogli l'occhietto , mentre versa del vino che aveva nella brocca che porta con se

"umpfrh! e sia ..in questo caso può rimanere"  riferisce l'oste  prima di rientrare in cucina

la ragazza continua con Orestas"abbiamo dello stufato di cervo  o dell'ottimo cinghiale....poi possiamo , se volete contornare il tutto con delle verdure appena colte dal campo , ce le hanno portate questa mattina...." si volta verso il marinaio "se cambiate idea abbiamo anche dell'ottima birra nanica, direttamente dalle terre di Kosh, i nani delle colline sono famosi per i loro prodotti terrieri e la loro birra "  fa una leggera carezza sulla spalla del pirata "vado un attimo dagli altri presenti e quando torno mi direte cosa desiderate "

 

la ragazza si avvicina verso l'iniziato e il suo vicino ribadendo quello che l'osteria offre il viso si trasforma in un viso rispettoso verso il sacerdote

"avete dormito bene questa notte?" domanda curiosa la ragazza " gradite da bere?" si volta verso il Warlock poggiandosi sulle sue spalle delicatamente e con una mano accarezza il gatto " forse forse abbiamo qualcosa anche per te....e offre la casa " fa l'occhietto a Danow

poi si alza " anche a voi do del tempo per pensare cosa volete , mi farete sapere quando torno "  lasciando uno sguardo ammalianate al warlock si dirige velocemente verso il mezz'elfo

" buongiorno messere, benvenuto alla Locanda del Cinghiale infuriato....siete tutto solo.....e siete uno dei pochi mezzelfi che vengono in città, sarete l'attrazione del paese .....avete sentito cosa abbiamo da offrire? desiderate qualcosa?"

 

Alaric , DanowNayrell Etienne du Landerian

Spoiler

vi accorgete che i quattro paesani stanno parlottando e guardano spesso la vostra direzione , notate che il loro viso risulta essere serio e teso come se fossero preoccupati

Edited by Emmanus
Link to comment
Share on other sites

Gislald

Gislald non poté fare a meno di sorridere alla reazione del giovane. Voltandosi vide arrivare Mahena... una ragazza stranamente allegra che non perse tempo a salutarlo e a chiedere come stava.

"Ti ringrazio cara, ho dormito bene, non c'è che dire. Spero sia stato lo stesso anche per te..."

Non fece in tempo a ordinare che questa già si lanciò su un cliente appena entrato.

Link to comment
Share on other sites

Orestas (mercenario umano meridian)

Spoiler

"Se questa pensa di intortarmi con un sorriso, occhi dolci e qualche parola carina, ha sbagliato di grosso." penso divertito dai modi della giovane ragazza.

Credo che ispirandomi al nome del locale prenderò del cinghiale, assaggio il vino. Se non mi sembra la solita brodaglia da poco per bagnare le gole, ne prendo dell'altro volentieri assieme al cinghiale altrimenti prenderò la birra se non è esageratamente cara pet via della provenienza ed indubbia qualità. Attendo pazientemente che la ragazza torni per prendere l'ordinazione, osservando di tanto in tanto gli altri stranieri come noi, sembrano tutte persone abbastanza particolari, il giovane dai capelli lunghi con il gatto in special modo.

Spoiler

"Uno così eccentrico e lontano da casa, accompagnato poi da un prete del dio dei morti, può voler dire solo una cosa: Avventuriero. Con quel gatto appresso che sia della stessa pasta delle streghe? Anche se non ho mai visto uno stregone in vita mia, non mi da l'impressione di essere uno di quei nobili viziati abituati ai propri agi ed abitudini." Valuto ad una prima occhiata. 

 

Edited by Pyros88
Link to comment
Share on other sites

Danow

Quando la cameriera si poggia alle mie spalle per accarezzare il gatto, mi sposto verso di lei a cercare maggior contatto, ma fingendo di star semplicemente stiracchiandomi un poco, ad occhi socchiusi. Mi sporgo leggermente verso l'orecchio di lei, sussurrandole.

@Emmanus

Spoiler

<<Oh, lo spero bene. Le birre scure sono le migliori, sai?>>  

Quando poi lei se ne va, sghignazzo un poco "sotto i baffi", coccolando il gatto.

<<Fra poco tornerà. Essere da sola con così tanti clienti è pressante, poverina.>>

Alzo la mano verso Orestas, come a simulare un brindisi con un bicchiere che non ho, sorridendogli. Pochi istanti dopo, mentre sto giocando un poco con le scarpe togliendomi la sinistra e rimanendo con un piede nudo, osservo i quattro paesani. 

@Emmanus

Spoiler

I quattro sembrano sul piede di guerra?

Oppure sembrano preoccupati, per così dire, per noi?

 

Edited by Zellos
Link to comment
Share on other sites

Alaric

Quando la cameriera se ne va dico a Orestas.

"Forse le mani in faccia non le vuole l'oste, ma quei bifolchi che ci guardano."

Mi avvicino al tavolo di quei quattro paesani intenti a guardarci e parlo loro.

"Buonasera, una domanda in confidenza: cosa mi consigliate tra cervo e cinghiale? Sono indeciso."

Edited by rikkardo
Link to comment
Share on other sites

Orestas (umano meridiano mercenario)

Quando Alaric si dirige al tavolo dei paesani che ci guardano male, capisco già come andrà a finire e non ho nessuna voglia di farmi coinvolgere, come già avevo chiarito, nei suoi battibecchi e risse. Quindi trangugio giù quello che rimane del vino nel boccale, lascio una moneta al tavolo per ripagare generosamente il vino servito e punto dritto per dritto la porte d'uscita dell'edificio senza nemmeno aspettare che mi arrivo da mangiare. Avviandomi vedo il giovane eccentrico incontrare il mio sguardo ed alzare la mano mimando di sorreggere un boccale in segno di saluto e faccio lo stesso di rimando, quasi inconsciamente, come un automatismo.

Spoiler

"Alaric se la caverà benissimo da solo contro quattro paesani; e poi io combatto solo se pagato o se necessario." penso con una certa indifferenza.

 

Edited by Pyros88
Link to comment
Share on other sites

Nayrell Etienne du Landerian

Faccio un mezzo inchino ed un sorriso alla cameriera... almeno un barlume di fascino questo paesino pare mostrarlo. La ringrazio con un cenno per la sua cordialità e mi dirigo, rapido e silenzioso, ad un tavolo solitario.

Scrollo le spalle quando denota la mia specularità razziale in quel contesto rurale, optando per il cervo, le verdure e la birra...  preferirei del buon rosso horasiano, ma talvolta bisogna accontentarsi!

Seppur non inconsapevole degli sguardi dei locali, non do troppo peso alla cosa; se hanno di che lamentarsi o parlare con me, che vengano a farlo di persona, alzando il loro sedere da quelle sedie!!!

Descrizione

Spoiler

Nayrell è un giovane uomo di circa 20 anni, coi tratti somatici dei Mezzelfi non troppo pronunciati, ma comunque chiaramente distinguibili ad un occhio attento. Alto e slanciato, con una corporatura non particolarmente massiccia, ma decisamente aggraziato nei movimenti, Nayrell ostenta semplicità, ma non riesce del tutto a nascondere una certa eleganza.

Veste semplici abiti da viaggio, anche se non gira disarmato, esibendo le tipiche armi di uno schermidore.

illustration_by_annahelme-dah4vlm.jpg

 

Edited by Ghal Maraz
Link to comment
Share on other sites

Arlickfords- Locanda del Cinghiale infuriato - Sereno - Bonaccia

 

 

all'avvicinarsi del giovane pirata , i 4 paesani si chiudono nelle loro spalle

"S-Salve messere......qu-qualunque cosa sceglierà, ...farà la sce-scelta giusta" gli occhi del primo esprimono terrore

"ma da dove venite, se possiamo saperlo? non ci sembra avervi visto mai da queste parti "

un altro segue con uno sguardo il mercenario mentre esce fuori

"ehi omaccione...già ve ne andate  via? non assaggiate le nostre specialità? sono le migliori che potrai assaggiare fino alla capitale...e forse anche oltre "

dice la ragazza regalando un nuovo sorriso , poi si volta verso il pirata "potevate chiederlo a me, vi avrei rilasciato i migliori consigli su cosa mangiare "

la voce della ragazza non varia , sembra una persona perennemente allegra .

da li a poco ecco aprirsi nuovamente alla porta ed apparire un nuovo personaggio,

capelli neri  curati e vestiti eleganti e occhi verdi semichiusi , l'età sembra essere sulla trentina, mentre le due guardie che lo accompagnano sembrano di lunga più giovani di lui, uomo affascinante, anche se non propriamente di bell'aspetto, ha modi di fare molto eleganti, come se provenisse da una famiglia nobile, di corporatura magra, non sembrerebbe eccessivamente alto, all'incirca 1,70/72cm

 

"Osteeeeee!" dice con voce amichevole "cosa avete per l vostro cliente preferito e le sue immancabili guardie?"

l'oste provvede ad uscire dalla cucina "Mio signore ...per voi solo il meglio , oggi abbiamo dell'ottimo stufato di cervo o se preferite, del cinghiale "

"voi mi viziate , signor oste... e dove è l'angelo della locanda "

"qui mio signore " fa un inchino e nel farlo sussurra a Nayrell Etienne du Landerian "è il signorotto del paese.....sembra uno che gli importa solo di se stesso, ma in realtà ha un cuore d'oro"

"salve Mahena " fa un inchino anch'esso e così le sue guardie "noi prendiamo il solito posto "

"si signore , finisco i signori e sono subito a voi "

"fate con comodo , mia signora "

fa un leggero sorriso e poi sussurra nuovamente "che vi avevo detto ?"

mentre passeggia verso il suo tavolo osserva i nuovi arrivati e si sofferma sul tavolo dei paesani , verso il pirata " vi hanno fatto arrabbiare?" sorride "non vi preoccupate sono innocui come gli animali che accudiscono...sono solo curiosi " porge la mano  " sono Argur , signore di Arlikfords"

 

 

mappa.png

Edited by Emmanus
Link to comment
Share on other sites

Orestas (umano meridiano mercenario)

fuori dal Cinghiale Infuriato

 

Appena uscito vedo passarmi quasi accanto un giovane uomo dai capelli neri e vestiti curati accompagnato da due guardie molto giovani.

Spoiler

"Che sia il nobile locale od un ricco mercante? Se è così meglio che Alaric non faccia casino proprio ora o filerà dritto alla forca." penso senza girarmi mentre mi aggiro a tempo perso per il villaggio.

Edited by Pyros88
Link to comment
Share on other sites

Alaric

Inaspettatamente giunge un signore dall'aspetto elegante, a cui tutti si rivolgono con deferenza, prima che lui stesso parli a me, porgendomi la mano e presentandosi come il signore locale. Conoscendo per esperienza la pomposità nei modi della piccola nobiltà nostriana, che attribuisce il titolo di voivoda pure ai feudatari minori, cerco di comportarmi similmente di fronte a questo nobile imperiale, quindi mi inchino e compio il gesto di baciare la mano senza sfiorarla, nè con la bocca, nè con le mani.

"Bacio le mani a vostra signoria.

Il mio nome è Alaric da Nostria, come capirete dall'accento e sì: mi sono accorto di essere osservato con curiosità, ma sono altrettanto curioso di sapere dai locali se sia meglio lo stufato di cervo od il cinghiale, domanda che ho appunto posto loro senza una risposta convincente."

Link to comment
Share on other sites

Danow

Faccio un leggero sbadiglio senza alcun rumore, mentre osservo interessato lo scambio fra Alaric ed il signore, su cui il mio sguardo incede per più di qualche secondo. 

Cerco lo sguardo della cameriera per farle un sorriso e sillabare senza produrre suono <<Fame.>>

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.