Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

I romanzi, i videogame e i manuali precedenti alla 5a Edizione non sono considerati canonici per D&D 5E

Jeremy Crawford, lead designer e responsabile della 5a Edizione di D&D, ha dichiarato che tutto il materiale legato alle passate edizioni non è considerato canonico ai fini della 5E.

Read more...

Alfeimur: Uscite per il 2021

Scopriamo assieme le novità per il 2021 della linea di Alfeimur Quinta Edizione.

Read more...
By Lucane

Humble Bundle: 13th Age

Un nuovo Humble Bundle, questa volta a tema 13th Age, è stato reso disponibile in collaborazione con la Pelgrane Press.

Read more...

Strixhaven: A Curriculum of Chaos uscirà a Novembre

La Wizard of the Coast ha rilasciato nuovi dettagli sul prossimo manuale di crossover tra Magic: The Gathering e D&D 5E

Read more...

Pausa Estiva degli Articoli

L'estate è arrivata anche per noi dello Staff Dragons' Lair, quindi gli articoli vi salutano fino a Settembre.

Read more...

Variante Speed Factor


theargetlam
 Share

Recommended Posts

Avete mai utilizzato la regola opzionale SPEED FACTOR del manuale del dungeon master? volevo provarla ma mi piacerebbe sapere impressioni e pareri di chi l'ha già giocata, oltre magari qualche spiegazione in più.

Da quel che ho capito ogni turno dichiaro cosa voglio fare nel mio turno, dopodichè applico i modificatori in base all'azione e tiro iniziativa, in ordine faccio quello che avevo detto inizialmente.

Ho capito bene? la trovate carina come variante? incide parecchio sul gioco o complica e basta i combattimenti?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


41 minuti fa, theargetlam ha scritto:

Da quel che ho capito ogni turno dichiaro cosa voglio fare nel mio turno, dopodichè applico i modificatori in base all'azione e tiro iniziativa, in ordine faccio quello che avevo detto inizialmente.

 

42 minuti fa, theargetlam ha scritto:

Ho capito bene?

Esatto hai capito bene, dichiarare l'azione è necessario per applicare i giusti modificatori. Questo procedimento si esegue nuovamente per ogni nuovo round di combattimento. 

42 minuti fa, theargetlam ha scritto:

la trovate carina come variante? incide parecchio sul gioco o complica e basta i combattimenti?

La trovo molto bella come variante: rende i combattimenti molto più realistici: diverse azioni richiedono diverse tempistiche, ad esempio prendere la mira con un arco (-5 all'iniziativa) richiede molto più tempo rispetto a un fendente con un coltello (+2 all'iniziativa). Purtroppo però complica di molto il combattimento, rischia di impiegare tempo e quindi pare perdere un poco il ritmo/pericolo del combattimento della quinta edizione (che ha come cosa positiva di essere molto snello rispetto alle edizioni precedenti). Questo procedimento deve essere infatti svolto ogni turno da tutte le creature che partecipano al combattimento (PG e PNG)

Più avanti viene suggerito addirittura di usare penalità/bonus a discrezione del DM per aggiudicare azioni veloci/lente: questo richiede anche giudizio da parte del DM (che rallenta il gioco) o commenti da parte del giocatore che obietta la decisione del DM (rallentando il ritmo del combattimento).

Detto questo, usa questa variante quando i nemici sono pochi, così magari visto che i round sono pochi ha senso perdere un poco tempo in favore di qualche "spruzzo di realismo", ed evitare che i giocatori siano influenzati dall'ordine dell'iniziativa statica per decidere cosa fare (la DMG fa l'esempio del paladino con pochi hp che carica il troll avversario, il paladino infatti sa per certo che prima del nemico verrà il turno del chierico pronto a curarlo). :grin:

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Demetrius ha scritto:

 

Esatto hai capito bene, dichiarare l'azione è necessario per applicare i giusti modificatori. Questo procedimento si esegue nuovamente per ogni nuovo round di combattimento. 

La trovo molto bella come variante: rende i combattimenti molto più realistici: diverse azioni richiedono diverse tempistiche, ad esempio prendere la mira con un arco (-5 all'iniziativa) richiede molto più tempo rispetto a un fendente con un coltello (+2 all'iniziativa). Purtroppo però complica di molto il combattimento, rischia di impiegare tempo e quindi pare perdere un poco il ritmo/pericolo del combattimento della quinta edizione (che ha come cosa positiva di essere molto snello rispetto alle edizioni precedenti). Questo procedimento deve essere infatti svolto ogni turno da tutte le creature che partecipano al combattimento (PG e PNG)

Più avanti viene suggerito addirittura di usare penalità/bonus a discrezione del DM per aggiudicare azioni veloci/lente: questo richiede anche giudizio da parte del DM (che rallenta il gioco) o commenti da parte del giocatore che obietta la decisione del DM (rallentando il ritmo del combattimento).

Detto questo, usa questa variante quando i nemici sono pochi, così magari visto che i round sono pochi ha senso perdere un poco tempo in favore di qualche "spruzzo di realismo", ed evitare che i giocatori siano influenzati dall'ordine dell'iniziativa statica per decidere cosa fare (la DMG fa l'esempio del paladino con pochi hp che carica il troll avversario, il paladino infatti sa per certo che prima del nemico verrà il turno del chierico pronto a curarlo). :grin:

eh, è questo che temo, ovvero che i contro siano maggiori dei pro e si vada incontro a partite infinite, anche se la variante devo dire mi affascina un casino, penso tra l'altro renda perfettamente l'idea del round come simultaneo per tutte le parti in gioco, il sistema a turni da quasi l'impressione che la gente agisca mentre tutti stanno fermi, per questo vorrei provarla.

Comunque penso che la proverò, tutt'al più se vedo che funziona male la levo e festa finita.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Secondo me il modo migliore di usare questa variante è di non tirare l'iniziativa, in modo da compensare la complicazione che aggiungi semplificando da un'altra parte. Fa' tirare l'iniziativa solo all'inizio del combattimento come da regole standard, oppure meglio ancora usa il valore passivo.

Vero, questo rende il tutto più prevedibile, ma mi sembra questo il motivo per usare questa variante no? Fare in modo che certe azioni vadano prima di altre perché sono più veloci. Se attacco con un pugnale sono più veloce che se attacco con l'arco, se lancio chill touch sono più veloce che se lancio fireball. Se questo è l'obiettivo della variante, mi sembra molto più incisivo dare +2 all'iniziativa su valore fissi, piuttosto che un +2 su un tiro di d20.

 

Piccola parentesi, io personalmente come DM faccio usare l'iniziativa passiva ai PG, mentre tiro per l'iniziativa dei mostri, ma lo faccio in anticipo quando preparo la sessione. Non c'è quindi nessun dado da tirare all'inizio del combattimento, e i giocatori si ricordano più facilmente quando è il loro turno, visto che possono già sedersi al tavolo in ordine di iniziativa all'inizio della sessione.

Usando queste regole, aggiungere la variante Speed Factor è decisamente più semplice e rapido. Anche perché tu come DM sai già che in certi casi il modificatore non importa e puoi ignorarlo (anche se i PG non lo sanno senza sperimentare).

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites

Esatto. Se non sbaglio è spiegata come variante poco prima di quella dello Speed Factor.

L'unica differenza è che nella variante ufficiale si usa l'iniziativa passiva per tutti, PG e mostri, mentre io preferisco continuare a tirare per i mostri per evitare che pompando la Destrezza i PG siano sicuramente più veloci della maggior parte dei mostri.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

@theargetlam ciao, so che il post è molto vecchio ma dato che stavo scorrendo la sezione per cercare vecchi thread sulle cure e ho intravisto il tuo non potevo non risponderti. E' una variante che interessa molto anche a me e da quel che ho letto sembra funzionare molto bene. Ti lascio un link che potrebbe aiutarti, è inglese ma non credo sia un problema. Buona lettura ^^ 

http://angrydm.com/2015/02/fine-i-wrote-about-speed-factor-initiative-in-dd-5e/

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By federico1976berton@yahoo.i
      Ciao a tutti, sulla guida al ladro ho trovato questa classe l: il guerriero tattico, che permette, con il talento fiancheggiatore, di fiancheggiare da soli indicando la propria casella come casella di fiancheggiamento. È vero? Cioè funziona proprio così come l'ho descritta?
    • By Anthaldin94
      Ragazzi diverbio con giocatore.
      Il mio npg ha un elmo che gli concede resistenza al fuoco.
      Il giocatore ha adepto elementale quindi ignora la resistenza.
      Ma se l npg usa l incantesimo assorbire elementi quindi 2 resistenza al fuoco. Si prende tutti i danni o metà? Usando l incatensimo assorbire elementi. Grazie mille 
    • By MadLuke
      Ciao,
           ancora sensazione di smarrimento: se un personaggio fa un attacco contro una creatura che ha Burn, o Sheat of Flame (Dragon Magazine) o Sussurri piaganti (MoF) subisce 1d6 danni da energia. Bene. Se il personaggio fa 4 attacchi in un round subisce 4d6. Bene.
      ...E se è in lotta, o addirittura immobilizzato? Assumendo che nei precedenti attacchi il momento di contatto arma/avversario ha durata pressoché istantanea (eppure sufficiente a ricevere il danno), in caso di lotta che sono a contatto continuo per 6" dovrebbe ricevere danno infinito.
      Come si fa?
      Ciao e grazie, MadLuke.
    • By Vale73
      Ciao a tutte e tutti, stavo pensando e ripensando alla regola (opzionale) sul manuale di espansione Tasha's Cauldron of Everything che permette di mettere a qualsiasi caratteristica, e non solo a quelle canoniche, i bonus razziali sulle caratteristiche. Istintivamente mi piaceva: mio figlio (12 anni) ha creato un dragonide artefice (background sapiente), e gli ho lasciato mettere il +2 in Intelligenza, anzichè Forza, e il +1 in Forza, anzichè Carisma, e anche la storia di background è venuta molto bene. Mi piacciono in generale tutte quelle regole che tendono ad ampliare la libertà di scelta e di personalizzazione in fase di creazione del personaggio. 
      E poi mi sono venuti in mente i Nani delle Montagne: +2 in Costituzione, +2 in Forza, Competenza sulle Armature Leggere e Medie, da un punto di vista delle meccaniche di gioco. E mi sono accorto che, da un punto di vista strettamente regolistico, potrebbero essere gli incantatori in armatura definitivi: Nano delle Montagne Mago: +2 in Intelligenza, + 2 in Costituzione (buona sia per i pf che per i tiri salvezza per non perdere la Concentrazione sugli Incantesimi), competenza sulle armature leggere e medie e quindi possibilità di lanciare tranquillamente incantesimi in armatura, secondo le regole della 5a; Nano delle Montagne Stregone (o Warlock): +2 in Carisma, +2 in Costituzione (e lo Stregone ha anche il Bonus di Competenza sui Tiri Salvezza su Costituzione), possibilità di lanciare incantesimi in armatura come sopra. 
      Inoltre, a mio avviso, la possibilità di mettere liberamente i bonus di caratteristica potrebbe rendere ancora più frequenti alcune build, privilegiando caratteristiche che sono a mio avviso più utili di altre in questa edizione di D&D: un esempio per tutti, la Destrezza. Fino al manuale di Tasha, se veramente volevi giocare un guerriero, un chierico, un paladino nano, difficilmente lo costruivi sulla Destrezza, perchè non avevi bonus su quella caratteristica e, soprattutto se usavi lo standard array o il point buy system per costruire il personaggio, il massimo che potevi ottenere in Destrezza era 15, contro il 16 o il 17 in Forza. Con la regola di Tasha, penso che sarà moooolto più frequente vedere Nani Paladini, Chierici o Guerrieri costruiti sulla Destrezza, in armatura leggera, che brandiscono uno stocco. Un ampliamento di immaginario, non necessariamente negativo....
      D'altro canto la regola di Tasha sul libero posizionamento dei bonus di caratteristica rende più appetibili combinazioni altrimenti poco vantaggiose da un punto di vista meccanico delle regole, e quindi magari raramente scelte per questo: nani o mezzorchi ranger, incantatori o bardi (quasi tutti i ranger che ho visto sono costruiti sulla destrezza), ad esempio.
      Così... non riesco ad avere un'opinione precisa su questa regola e se introdurla o meno nelle mie campagne... Voi che ne pensate? L'avete provata? Come ha funzionato al vostro tavolo?
      Grazie mille, buona estate e buona vita!
    • By Lyt
      Ho un dubbio sui gradi sfida, dubbio che pensavo di aver risolto. Ma oggi mi è tornato
      Cosa significano i gradi sfida dei mostri? e quanto valgono?
       
      Mi spiego, da quanto ne sapevo (generalmente) un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità). Ma oggi mentre facevo un paio di ricerche ho notato che mostri come il Tarrasque hanno gradi sfida superiori al 20 (livello massimo in 5e) quindi come si dovrebbe gestire? Si chiamano altri 2 png al 20? Il grado sfida non tiene conto delle armi magiche e quindi gli si può tenere testa con un paio di spade +3?
       
      Diciamo che un ripasso generale sui gradi sfida mi tornerebbe utile😅 (è l'unica parte di 5e che non ho ancora ben capito)
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.