Jump to content

La Via degli Eroi - Prima Parte: Il Pozzo del Male


Zyl

Recommended Posts

choose files... Click to choose files locanda.thumb.jpg.351653d3766f3d11f4e5e9

 

Il tiepido giorno di primavera stava sfumando in un fresco crepuscolo, mentre il tramonto riempiva di un rosso fuoco le colline intorno a Quasith, la vostra casa, la citta' che avete lasciato due anni fa per inseguire i vostri sogni, i vostri doveri o le vostre idee. Adesso i vostri passi vi stavano facendo ritornare, cambiati, maturati forse, desiderosi di condividere le vostre esperienze con i vostri amici, sperando di ritrovare tutti quelli che avevate lasciato. Lentamente scendete le ultime terrazzerie di terra coltivata che portano all'ingresso della cittadina, assaporando i ricordi che vi investono mentre rivedete i luoghi famigliari della vostra infanzia e gioventu'. Notate qualche nuova costruzione qua e la', ma sembra non ci siano stati grandi cambiamenti in quei due anni. Quasith e' uno di quei posti che non cambia mai molto. C'era forse meno gente in giro , ma questo non vi sorprende piu' di tanto. Viaggi e commercio sono diminuiti e la strada per il Consiglio dei Cavalieri non e' piu' trafficata come una volta , le razze stanno per conto loro e i Cavalieri ormai non sono piu' utili a nessuno e l'Impero su cui governavano una volta e' ormai ridotto a poche province, sonnolente e non piu' ricche come una volta. I molti anni di pace hanno portato nel mondo una sorta di insolenza e pigrizia e nessuno ha voglia di ricordare gli oscuri anni della guerra, quando la guida dei Cavalieri dell'Aquila era stata ricercata e osannata. Ora i nomi degli eroi di quella guerra sono dimenticati, le statue in commemorazione sono piene di polvere e rovinate dalle intemperie. I nani rimangono isolati nei loro regni sotterranei sotto le loro montagne, mentre le grandi nazioni elfiche non permettono a quasi nessuno di entrare nelle loro foreste magiche. Gli unici che viaggiono costantemente sono gli umani e gli onnipresenti halfling, che del viaggio fanno spesso la loro ragione di vita.

Ora, pero', tutti voi avete sentito delle voci sinistre. Storie di persone scomparse, di strane creature oscure che si muovono nel buio della notte, di villaggi completamente svuotati della loro popolazione. Zhalar Mun'ir , il Pozzo del Male nella lingua antica, dove era stata combattuta l'ultima battaglia della Guerra dell'Ombra, quando il Male vomitato nel mondo dalle profondita' della terra era stato definitivamente sconfitto, sembrava che avesse iniziato a produrre malsani vapori che riempivano di una nebbia verdastra tutto il circondario. Non erano voci sicure, nessuno viveva intorno al Pozzo, che sempre aveva mantenuto una aurea di malvagita', pero' piu' di un viaggiatore aveva riportato quella notizia in molte delle locande dove ognuno di voi ha passato le sue notti.

Il crepuscolo ha alla fine lasciato il posto a una notte stellata, con una delle tre lune, gia' a meta' cammino nel cielo, quando arrivate davanti alla porta della locanda piu' grande di Quasith: La Rosa e Il Drago, il posto indicato per l'incontro con i vostri vecchi amici...

 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 97
  • Created
  • Last Reply

Kyras ShadowLeaf

Entro nella locanda che oramai il buio è sceso sulla città, abbassando il cappuccio che tengo sempre calato sul viso. Oggi è il giorno dell'appuntamento, due anni dopo la grande separazione. Vieni Myst, a quanto pare siamo i primi. Dico, accarezzando il muso della lupa. Oste, portami dell'irdomele. Ordino, mentre mi siedo ad uno dei tavoli liberi, poggiando lo zaino a terra accanto a Myst.

Chissà se si sono ricordati...
Aggiungo, scrutando la porta.

Spoiler

Aspetto: Kyras ShadowLeaf è un mezz'elfo che coserva gran parte dei tratti di sua madre. I lunghi capelli biondi vengono tenuti all'indietro lasciando scoperte le orecchie a punta. Gli unici accenni alla sua natura umana sono i suoi occhi castani e la sua pelle decisamente scura per gli standard elfici.
Indossa abiti semplici e funzionali, adatti a vivere nella foresta e preferisce combattere usando la falcata e il kukri.

negli ultimi due anni, il legame di Kyras con la natura si è rafforzato, tanto che ha strtto amicizia con Myst, una splendida lupa dal pelo nero, incontrata in una missione come guardiacaccia nelle foreste del nord. Kyras ha salvato al lupa da alcuni bracconieri e da allora sono diventati fedeli compagni.


Immagine indicativa di Kyras
https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/b6/dd/54/b6dd54938b7d32602cbe5f38d9b5bfda.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Alfred Fundsberg

Arrivo alla locanda a cavallo di Birgifronte, un cavallo nero con una macchia in fronte bianca.

Bravo bello....siamo arrivati finalmente...ormai è il giorno dopo due anni...

faccio lasciandolo allo stallaggio

Aspetta qui...

gli lascio qualcosa da mangiare prima di entrare nella locanda a passo pesante

 

 

 

 

descrizione

Spoiler


Alfred è un omone(1.80 m per 83 Kg) dalla barba e baffi neri che avvolgono il viso e dalla voce grossa. Non più giovanissimo visti i suoi trent'anni ha ancora molta voglia di vivere e continuare a derrare per il mondo con il suo cavallo.  Occhi blu intensi e un naso grosso probabilmente deformato da qualche pungo ricevuto. Una voglia al medio destro a forma di otto e una cicatrice sulla gamba destra nel ginocchio dovuta a una brutta esperienza con un cinghiale.

In due anni si è unito ai Cavalieri dell'Aquila come cavaliere errante e il suo vestiario ne dimostra l'affiliazione

http://static.guide.supereva.it/guide/modellismo_statico/pegaso-models-102010/b2b_PEG_200033_1.jpg

 

 

Link to comment
Share on other sites

Fulvius Morkai

cammino verso la locanda

chissà se qualcuno si è ricordato di oggi, in fondo sono passati due anni

vedo la locanda ed entro.

é il momento di scoprirlo

Spoiler

Fulvius è sin da piccolo un seguace di Iomedae, dai capelli corvini e gli occhi castani, più alto rispetto alla media degli umani viaggia per portare giustizia e legge nel mondo, eliminando il male.

Nei due anni trascorsi ha visitato innumerevoli città e villaggi eliminando le ingiustizie presenti.

Immagine di fulvius

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/236x/11/a5/ff/11a5ff7e7628c5b56e24f93691fcb78f.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Sistra

Giungo alla locanda già nel pomeriggio tardo, dopo essere passata a salutare i miei genitori, che vivono poco lontano. Perciò passo la durata della cena a suonare il mio violino e a chiaccherare con dei vecchi conoscenti, aspettando i miei vecchi amici. Non vedo l'ora di vederli, dopo questi due lunghi anni in giro per il mondo da sola!

Quando entra Alfred, mi accorgo di lui, perciò balzo sul tavolo più vicino e grido: "Ehi, lattina! Ti sei trovato una compagnia quindi!! Cos'è? Non ti bastavamo noi?!" Per poi suonare un rapido motivetto al violino e fare una piroetta, che mi fa notare anche Kyras e Fulvius, entrato subito dopo: "Biondino!! Non ti avevo mica visto! Da quanto sei qui? Ser Fulvius dagli occhi belli, lieta di vederti!" Cambio tono e impostazione della voce come si cambiano le tuniche, mentre scendo dal tavolo con un saltello e corro verso i miei vecchi compagni, la voce che si fa squittente quando mi rendo conto della grossa lupa accucciata a fianco del mezzelfo e esclamo: "Aiuto!!! Che grosso cagnone!!!" Poi scoppio a ridere alla mia stessa paura, e mi arrampico su una sedia, dicendo: "Beh, raccontatemi cosa avete fatto in questi due anni!"

Spoiler

Sistra è una piccola e vivace halfling di circa 26 anni. I capelli castani molto mossi evidenziano un viso delicato e dai lineamenti puliti, illuminato dai due allegri occhi azzurri. La corporatura, sebbene esile, possiede le curve giuste nei punti giusti per risultare decisamente bella.

7bc2f9b5fec97d6e169f14d023c17a5e.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Alfred Fundsberg

 

sorrido vedendo che Sistra non è cambiata per nulla in due anni,chissà perchè mi aspettavo tutti fossero cambiati

Lattina a chi ? piccola farabutta...guarda che ti tolgo la sedia e poi dovrei guardarci tutti dal basso anche se forse hai recuperato un centimetro credo...o sono io che mi sono abbassato

rido pesantemente per poi girarmi a guardare gli altri due arrivati

Vedo che non sono l'unico che si è ricordato della nostra promessa...

 

Link to comment
Share on other sites

Seamorn Samulkin

Spoiler

IMMAGINE

Seamon è il classico nano basso tozzo e dai modi sgarbati. Tiene alla sua barba più che alla sua famiglia. Non è giovanissimo ma giovane abbastanza da essere ancora nel peno dei suoi migliori anni. Porta un'armatura spessa e resistente e porta alla cinta un'ascia lucida e affilata e sulla schiena uno scudo con il volto di un nano dallo sguardo severo dal quale partono degli spuntoni poco rassicuranti.

Mi avvio con calma alla Rosa e il Drago camminando dritto noncurante dei passanti...forse le birre prese alla locanda di passaggio prima di Quasith sono state una di troppo.

Entro certo di non trovare nessuno...di certo non ci si può fidare di elfi e umani, cosa ne sanno loro della fedeltà...non so nemmeno perchè sono rientrato. Non c'è più nulla per me qui...Appena entrato sbatto la porta e mi trovo davanti buona parte dell'intera combriccola. Per Moradin e i suoi seguaci...ahahah...si-siete venuti brutti farabutti che non siete altro. Sfortunatamente vedo che sei ancora vivo elfo dei miei stivali! Pizzico Fulvius mentre mi avvicino al tavolo. Oste portami il bocale di birra più grosso che hai, devo abituarmi nuovamente alla vista  degli spilungoni. 

Ciao Sistra...non sei cambiata di una virgola in tutti questi anni...mi fa piacere vederti...dico abbassando il tno di voce quasi a farmi sentire solo da lei. 

Beh che mi dite voi altri? Vedo che qualcuno ha trovato una compagna ahahah Infine dico guardando il resto del gruppo indicando la lupa di Kyra.

Link to comment
Share on other sites

Dakamas
 

Spoiler

 

Dakamas è un umano di circa trent'anni, mediamente alto e dalla corporatura esile; indossa sempre una tunica rossa o grigia ed ha con se ben poche cose: un piccolo zaino, un pugnale ed un sacchetto appeso alla cintura. Silenzioso e taciturno è il membro forse meno amato della compagnia ma a luui sta bene così

Grosso modo è simile a quest'immagine ma, ovviamente, non ha simboli incisi sulla fronte

sCR3PEP.jpg

Il viaggio di ritorno fino a Quasith è stato lungo e faticoso e non privo di pericoli per un persona che viaggia da sola ma la mia magia adesso è più forte di quando me sono andato anche se sono ben lontano dalla meta che mi sono prefissato Ma la strada è quella buona...

E' ormai sera inoltrata quando entro in paese, mi affretto quindi verso La Rosa e il Drago, il luogo dell'appuntamento con i miei vecchi amici; non è certo la voglia di riverderli a spingermi ad accelerare il passo.. O forse anche quella..

Quando giungo nei pressi dalla locanda i suoni che percepisco all'interno non possono che strapparmi un sorriso: alcune cose non cambiamo mai; riguadagnando la mia compostezza, apro la porta e varco la soglia della locanda Chissà se ci sono..

Poi individuo subito l'imponente figura di Alfred e, vicino a lui, tutti gli altri; richiudo la porta ed avanzo tra le persone dirette al tavolo dei miei amici

Vedo che ci siamo tutti quanti esordisco "abbracciando" con lo sguardo tutti i miei amici

Link to comment
Share on other sites

Sistra

Ehi mister cavaliere, certo che sei tu che ti sei rimpicciolito: io sono sempre e comunque alta 32 pollici dei vostri, non uno di più! E per quanto riguarda te, signor barile di birra con le gambe, certo che non sono cambiata di una virgola! Piccola come sono, sarei cambiata del tutto e i tuoi occhietti cisposi non mi avrebbero riconosciuta! Visto che nemmeno sai più riconoscere in Fulvius la gloriosa stirpe degli uomini, comincio proprio a dubitare che questa sia la prima birra della tua serata! Ah! Non hai nemmeno commentato i capelli lunghi e lisci di Kyras!

Evidentemente sono abituata a stare al centro del palcoscenico, monopolizzando la conversazione e distribuendo prese in giro quasi a tutti. Quasi, perché poi entra l'unico membro della compagnia che mi mette effettivamente paura: "Ciao Dakamas. Non pensavo saresti venuto. Comunque manca ancora soltanto l'elfo, quello vero - aggiungo voltandomi verso Seamorn.

Poi, mi piazzo in piedi sulla mia sedia, e urlo all'oste: "Ehi, vecchio mio!!! Porta della birra, che qui bisogna festeggiare!" Mentre estraggo il violino e comincio a suonare un motivetto allegro e coinvolgente, che faccia muovere i piedi della gente, mentre tengo il tempo battendo il piede sul tavolo.

Link to comment
Share on other sites

Kyras

ovviamente è Sistra quella che si fa notare prima di tutti, facendoci raggruppare al suo tavolo.

Meglio una lupa di un nano, sicuramente meno pelosa e irascibile. Ridacchio alla battuta di Seamorn.

Fatevi annusare da Myst o vi scambierà per qualcuno da attaccare. Mi siedo al tavolo, rivolgendo uno sguardo agli altri.

Niente di particolare, ho girovagato per i boschi del nord e ho trovato lei. e voi? a parte arruolarsi in ordini cavallereschi mezzi morti?

Link to comment
Share on other sites

Alfred Fundsberg

 

Mezzo morto un diamine Kyras...

faccio accarezzando l'animale sulla testa come se fosse un cane e lasciandomi annusare la mano dpo essermi tolto i guanti

In tempi di pace chi è dedito alla guerra non serve,ma nel momento in cui la pace scomparirà ci sarà bisogno dei Cavalieri,per questo mi sono unito e viste le ultime notizie ho solo fatto bene...

faccio sedendomi per bere qualcosa

Link to comment
Share on other sites

Kainhan Silverleaf

Raggiungo finalmente la mia meta quando il sole ha già ceduto il posto alla luna e alle stelle; mi fermo qualche attimo di fronte alla porta della Rosa e il Drago, ascoltando i rumori che ne fuoriescono attutiti. Da una parte il chiasso e il vociare mi fanno venire voglia di girarmi ed andarmene senza pensarci due volte, dall'altro l'idea di vedere dei volti amici e di poter riposare dopo tanti viaggi mi spinge a varcare la soglia.

Alla fine decido di entrare, non fosse altro per riscaldarmi e riposare i piedi; prima però richiamo con un lungo fischio modulato Shriek, la mia fedele aquila, che planando in un ampio cerchio viene ad appollaiarsi sul mio polso guantato. Le do una striscia di carne, dopodichè le fisso il cappuccio da addestramento e la accarezzo delicatamente per farla calmare. Solo una volta che sono sicuro che Shriek è rilassata apro la porta ed entro nella locanda.

Non mi ci vuole molto ad individuare il tavolo dove sono seduti i miei vecchi amici, per cui mi dirigo verso di loro senza tergiversare oltre. La nostalgia nel rivederli si mischia alla costatazione di come due anni possano essere lunghi, soprattutto per gli umani. Osservo i loro volti con un po' di malinconia, ma cerco di scacciarla rapidamente e di sfoggiare un sorriso il più cordiale possibile: - Dunque, eccoci qua, come avevamo promesso. Non avrei mai pensato di dirlo, ma è bello essere tornato. - Faccio passare la mia aquila dalla mano guantata allo schienale della mia sedia e prendo posto tra i miei vecchi amici.

 

Spoiler

elven_archer_reloaded_by_vynthallas-d61p

 

Link to comment
Share on other sites

Si avvicina una graziosa cameriera, capelli rossi corti, uno sguardo sbarazzino dagli occhi azzurro cielo e una spruzzata di lentiggini sul volto dalla pelle chiara.  Sul volto un sorriso aperto che abbraccia tutti voi. E' Kyra , una vostra vecchia amica, che, a differenza di voi , ha rinunciato a una vita di avventura per una più tranquilla nella locanda di proprietà di suo zio. Tiene in mano un enorme vassoio che contiene il famoso arrosto della locanda con un contorno di patate speziate e funghi trifolati. Dietro di lei un' altra cameriera che non conoscete porta dei boccali di birra chiara spumosa che posa sul tavolo. Kyra , posato il suo vassoio, ci abbraccia felice: Ragazzi siete tornati! Che bello, dovete raccontarmi tutte le vostre avventura e i posti che avete visto! 

Link to comment
Share on other sites

Kainhan Silverleaf

- È un piacere rivederti, Kyra, con gli anni sei diventata ancora più bella.  - mento spudoratamente; a prima vista la ragazza può apparire indubbiamente attraente, ma alla mia vista attenta ai particolari appare evidente come il tempo e il duro lavoro nella locanda abbiano chiesto il loro tributo. Piccole rughe iniziano ad apparire sulla fronte e ai lati degli occhi, la carnagione appare troppo pallida nonostante le lentiggini e i capelli, anche se mantengono ill loro colore vivace, stanno lentamente iniziando a sfibrarsi. La ragazza dovrebbe affrettarsi a trovare marito, prima che nel giro di cinque o sei anni la sua bellezza appassisca, ma questo mi guardo bene dal farglielo notare: in fin dei conti, il fascino degli umani sta anche nella facilità con cui passano da una stagione della vita all'altra.

- Non temere, avremo modo di raccontarti ognuno dei propri viaggi. Ma prima dimmi, che novità ci sono a Quasith? -

Link to comment
Share on other sites

Alfred Fundsberg

 

Kyra...è un piacere vederti...ti trovo bene...come dice Kainhan sei sempre più bella

sorrido imbarazzato, due anni fa me ne sono andato senza dire nulla a lei e ora mi ritrovo qui a rivederla

Beh io ho viaggiato in giro...ma ho sempre sperato di tornare qui in fondo

bevo un sorso di qualsiasi bevanda alcolica mi sia stata portata

Ma ora direi di fare un brindisi ! A un raduno di vecchie amicizie, per di razze diverse e età diverse noi rimaniamo amici e nessuno potrà mai dire il contrario !

Link to comment
Share on other sites

Seamorn

Trangugiando un altro boccale di birra do un altro sguardo...stavolta più attento a fulvius...Dannazione a te Sistra mai che mi concedi un errore.

Poi guardando la lupa avvicinarsi prendo l'impugnatura dell'ascia tra le mani mi faccio cupo...Kyras se prova solo a sfiorarmi giuro sulla mia barba che toso il tuo nuovo compagno come un montone da pascolo.

Infine prendo un altro boccale di birra e mi unisco alla discussione sulle grevi notizie che girano ultimamente... Zhalar Mun'ir si sta risvegliando...se ne parla sempre più spesso sotto le montagne...

Link to comment
Share on other sites

Kainhan Silverleaf

- Per quanto le voci che girano tra i nani di solito siano attendibili come uno scoiattolo che provi a fare di conto, devo ammettere che anche io ho udito notizie simili - commento corruciato sorseggiando la birra (e trattenendo una smorfia di disgusto, ma non voglio offendere Kira)

Link to comment
Share on other sites

L'accenno alle tristi notizie che tutti, in un modo o nell'altro, avete sentito in giro nei vari reami, placa un po' l'allegria del tavolo. Anche Kyra si fa seria e, nonostante il crescente numero di persone, si siede un attimo con voi, il volto ora serio. Anche qui abbiamo cominciato a sentire quelle notizie. Hanno iniziato circa due mesi fa. Ma nessuno ci ha fatto caso piu' di tanto. E' lontano da qui e la vita deve comunque continuare, sapete com'e'. Ma un paio di settimane fa e' cominciato qualcosa di strano. I minatori che lavoravano alla vecchia miniera d'argento di Sully, quella che c'e' a nord di qui vi ricorderete, iniziarono a parlare di strani avvistamenti nei tunnel, di ombre nere che si aggiravano nell'oscurita'. Nessuno presto' loro caso, pensando che probabilmente avavano bevuto durante il loro turno di lavoro. Ma poi i minatori cominciarono ad ammalarsi di una strana malattia. Nessuno sapeva cos'era. Neanche Elastil, il nostro chierico locale, poteva fare niente per loro. Morirono dopo tre giorni di terribili sofferenze, delirando in continuazione riguardo a quelle creature nel buio. Sully allora, con l'aiuto della guardia cittadina, e' andato a chiudere le miniere. Adesso parla di voler andare a chiedere aiuto al COnsiglio dei Cavalieri e il sindaco e' d'accordo. La chiusura definitiva delle miniere sarebbe il colpo mortale definitivo per Quasith. Con il commercio ridotto al minimo e senza l'afflusso d'argento delle miniere... Kyra scosse la testa, triste.

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...