Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Avventure Investigative #2: L'Avventura in Giallo

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi il secondo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sage Advice - Evoluzioni delle Creature

Jeremy Crawford ci parla dell'evoluzione futura dei blocchi delle statistiche e delle nuove razze giocabili introdotte in The Wild Beyond the Witchlight.

Read more...

Eccellenti Esempi di Design: Emberwind

Proseguiamo con l'analisi degli "eccellenti esempi di design" presentandovi Emberwind, un GdR pensato per poter essere giocato anche senza un master.

Read more...

La terra di Noth

Andiamo ad esplorare un altro angolo di Centerra, la bizzarra ambientazione ideata da GoblinPunch. In particolare oggi parleremo della Terra di Noth, un impero in forte ascesa.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #2: "Tutto ruota intorno a me" - Parte 1

Questo articolo prosegue la traduzione della rubrica dedicata al Game Design scritta da Lewis Pulsipher ed è il secondo di una lunga serie.

Read more...

Opinioni Kingmaker


Lone Wolf
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti :)

Approfittando dell'uscita italiana del Path Kingmaker (tradotto come Alba dei Re e presentato in un unico manuale contenente tutte e 6 le avventure) io e il mio gruppo volevamo regalarcelo per Natale. Il ruolo di Master spetterebbe a me e mi sono già spulciato un po' di cosette (già scaricata anche la Player Guide), ma prima di far spendere a tutto il gruppo 60 euro, vorrei chiedere a chi ha già giocato/masterato la campagna come si è trovato. In particolare chiederei delucidazioni su un paio di punti:

1) Da quello che so, il primo Path si focalizza sull'esplorazione delle Stolen Lands, cercando di conquistare una zona favorevole di territorio da cui far partire la successiva espansione. Dal secondo Path in poi infatti dovrebbe avere inizio anche la parte gestionale. Quello che vorrei sapere è: le parti 2-6 si focalizzano unicamente sulla gestione del regno o i PG saranno ancora chiamati ad affrontare in prima persona luoghi selvaggi, dungeon e mostri?

2) Come vi siete trovati con le regole di gestione del regno? È stato creato un sistema intuitivo o c'è da sbatterci la testa?

Grazie mille a chi vorrà risolvere i miei dubbi e darmi anche una sua impressione sulla campagna^^

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 24
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Secondo me questo è l'AP più bello di Pathfinder, quindi io quasi quasi lo compro, ti consiglio di fare altrettanto!

Le avventure lasciano ampia libertà d'azione e di esplorazione, sono quasi dei sandbox. La gestione del regno può essere seguita passo per passo oppure lasciata sullo sfondo, le avventure sono valide anche senza.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me questo è l'AP più bello di Pathfinder, quindi io quasi quasi lo compro, ti consiglio di fare altrettanto!

Le avventure lasciano ampia libertà d'azione e di esplorazione, sono quasi dei sandbox. La gestione del regno può essere seguita passo per passo oppure lasciata sullo sfondo, le avventure sono valide anche senza.

Ed ora ho la scimmia u.u

Livelli pg di riferimento?

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Ed ora ho la scimmia u.u

Livelli pg di riferimento?

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Si parte dal 1°. All'inizio del 6° modulo, se non ricordo male, i PG dovrebbero essere intorno al 15° livello, quindi direi che l'avventura si concluderà di certo non prima del 17°-18° livello.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Io ho acquistato Alba dei Re a quest'anno a Lucca Comics e sebbene non l'abbia ancora provata né da giocatore né da master mi sembra davvero un gran bel Adventure Path (come lo è del resto Ascesa dei Signori delle Rune).

La libertà d'azione dei PG è ampia sebbene ci sia un filo conduttivo da seguire, mentre la gestione del regno può essere lasciata "da sfondo". Non è nemmeno tanto male il sistema per gestire i combattimenti campali. Niente di accurato o realistico, ma è veloce e facile da gestire.

Link to comment
Share on other sites

Approfitto del thread per chiedere alcuni chiarimenti riguardo questo path, che leggendo a destra e a manca ha stuzzicato molto il mio interesse, ma quando mi sono studiato i primi due capitoli, ad essere sincero, non mi è sembrato tutto sto gran ché...

Nello specifico, il primo capitolo, non ho ben capito il fattore trainante dell'esplorazione. Inoltre davvero vogliono spacciare come evento importante in un esagono di metri e metri di territorio, una trappola per orsi?!?!

Successivamente, quando il gruppo fonda il proprio regno, non mi è ben chiaro il perché debbano andare in giro loro in prima persona invece di mandare dei sottoposti, tipo a risolvere le faccende delle taglie.

Mi sono perso qualcosa, o non ho la mentalità adatta a questo tipo di avventura?

Link to comment
Share on other sites

Nello specifico, il primo capitolo, non ho ben capito il fattore trainante dell'esplorazione.

esplorare è la loro missione.

Inoltre davvero vogliono spacciare come evento importante in un esagono di metri e metri di territorio, una trappola per orsi?!?!

più che una trappola è un gruppo di trappole pericolose anche per gli uomini messe da un certo Breeg che sarà poi trovato morto assassinato da un possibile alleato dei PG. E' un evento che fa trama.

Successivamente, quando il gruppo fonda il proprio regno, non mi è ben chiaro il perché debbano andare in giro loro in prima persona invece di mandare dei sottoposti, tipo a risolvere le faccende delle taglie.

certe cose potrebbero anche farle fare ai sottoposti ma molte sono gli unici a poterci riuscire. Far morire una decina di soldati per prendere una taglia non è una buona idea.

A me l'AP è piaciuto ma più per l'aspetto gestionale che altro. Per il resto non che sia brutto ma il suo punto di forza è quello

Link to comment
Share on other sites

A me l'AP è piaciuto ma più per l'aspetto gestionale che altro. Per il resto non che sia brutto ma il suo punto di forza è quello

Ti ringrazio delle risposte, anche se in cuor mio mi aspettavo qualcosa di più.

Per curiosità tu hai giocato l'intero AP come master o come giocatore?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Domandona a chi ha acquistato l'AP in italiano, sul sito della Paizo non esiste nessun tipo di raccolta dei 6 volumetti di Kingmaker, è stata fatta solo in Italia? Volevo prendermi tutte le AP raccolte e non i volumetti singoli, perchè pensavo fosse la paizo a rilasciarle, quindi sarei stato sicuro di una pubblicazione regolare.

Che voi sappiate nell'impaginazione ci sono differenze rispetto ai volumi singoli in inglese (come è stato fatto per Rise of the Runelords nella anniversary edition) oppure sono semplicemente tutti i volumi raccolti insieme uno dietro l'altro?

Si sa se la GU ha intenzione di rilasciare anche gli altri AP raccolti in copertina rigida?

Link to comment
Share on other sites

Domandona a chi ha acquistato l'AP in italiano, sul sito della Paizo non esiste nessun tipo di raccolta dei 6 volumetti di Kingmaker, è stata fatta solo in Italia? Volevo prendermi tutte le AP raccolte e non i volumetti singoli, perchè pensavo fosse la paizo a rilasciarle, quindi sarei stato sicuro di una pubblicazione regolare.

Che voi sappiate nell'impaginazione ci sono differenze rispetto ai volumi singoli in inglese (come è stato fatto per Rise of the Runelords nella anniversary edition) oppure sono semplicemente tutti i volumi raccolti insieme uno dietro l'altro?

Si sa se la GU ha intenzione di rilasciare anche gli altri AP raccolti in copertina rigida?

Da quello che so la versione a volume singolo di Kingmaker è solo per il mercato italiano (è possibile che lo facciano anche in Francia, Germania o altri paesi, lì sta alle case editrici decidere). Mi pare che l'unico "volumone" che abbia rilasciato la Paizo sia per Rise of the Runelords, in occasione dell'aggiornamento dell'avventura alle regole di Pathfinder (prima era D&D 3.5).

Personalmente, credo che la Paizo non pubblicherà altri volumi singoli per una pura questione di marketing: chi comprerebbe i 6 path separati se poi a pochi mesi di distanza venisse messa in commercio la stessa campagna in un solo tomo e a metà del prezzo?

Per quanto concerne la Giochi Uniti, prima ancora di pubblicare altri path a volume singolo dovrebbe prestare più attenzione alle traduzioni (sembra quasi che usino Google Traduttore -.-). Adesso dovrebbe uscire La Stella Infranta in 6 volumi. In italiano sono già uscite (sempre in 6 volumi) anche Seconda Oscurità, Il Concilio dei Ladri e Morte Sovrana, quindi queste le escluderei da una possibile edizione a copertina rigida. Se mi è concesso fare una supposizione, il prossimo path a copertina rigida potrebbe essere Wraith of the Righteous. Le edizioni singole sono un qualcosa di importante: è stata fatta per RotR per celebrarne l'aggiornamento delle regole, KM introduce le regole per la gestione di un regno e le battaglie campali, WotR introduce il regolamento mitico, e questo potrebbe essere un buon pretesto per "elevarla" ad edizione speciale :)

Link to comment
Share on other sites

In ordine sparso....

Giochi Uniti ha recentemente pubblicato una "News" con il programma delle prossime uscite di Pathfinder.

http://www.giochiuniti.it/index.php?option=com_content&view=article&id=576:a-long-adventures-journal-tutte-le-novita-su-licenza-paizo-previste-per-i-prossimi-12-mesi&catid=52&Itemid=71&lang=it

Riguardo agli AP su unico volume cartonato, dentro c'e' solo l'avventura. Manca tutto quello che non e' espressamente legato all'AP, i racconti, gli articoli sulle divinita', i mostri che non sono presenti nell'avventura etc...

Da News, il prossimo cartonato presentato a Lucca sara' Jade Regent.

Poi, in fondo all'articolo dice:

"Ma la preparazione di nuovi supplementi non termina qui e già stanno muovendo i primi passi il Bestiary 4 e Mythic Adventures con quest'ultimo che potrebbe andar a supportare il nuovo Adventure Path che andrà a subentrare a Stella Infranta una volta concluso quest'ultimo…"

E' facilmente deducibile che il prossimo AP in volumi singoli sara' Wrath of the Righteous.

Se dopo Jade Regent continueranno a fare cartonati, per il 2015 scommetterei su Reign of Winter

Nel 2016? A mio parere, Iron God a volumi singoli e Skull & Shackles in volume unico.

Iron God deve ancora uscire, ma dato l'argomento e' il fermento che ha suscitato negli USA, credo sia impossibile non prenderlo in considerazione... :yes:;-)

Link to comment
Share on other sites

Io spero non pubblichino in proporzione più avventure incentrate sui livelli mitici rispetto a quelle "standard" in qunto mi fanno un po schifo i livelli mitici...piuttosto imbastisco una conversione per livelli epici! Spero quindi realizzino livelli epici e avventure contiuative di qulel già presenti oltre il 20 lvl.

Link to comment
Share on other sites

Guest Aurelio90

"Ma la preparazione di nuovi supplementi non termina qui e già stanno muovendo i primi passi il Bestiary 4 e Mythic Adventures con quest'ultimo che potrebbe andar a supportare il nuovo Adventure Path che andrà a subentrare a Stella Infranta una volta concluso quest'ultimo…"

Io non sono nessuno a dover suggerire ad una casa editrice cosa pubblicare e non, ma da quanto ho capito qui in Italia sono ben pochi a volere Avventure Mitiche dato che si tratta di un sistema di gioco particolare: i PG che, per avanzare nei gradi mitici, devono compiere altrettanto geste mitiche, e in una capagna tradizionale di geste mitiche ne sono ben poche (un conto è socnfiggere un signore del crimine, un conto è prendere a randellate l'araldo di una divinità malvagia che cerca di corrompere l'erede al trono del regno).

Da considerare, poi, che se decidono davvero di pubblicare WotR dovrebbero, per coerenza, anche tradurre e pubblicare materiale Pathfinder inerente a quella campagna (come il modulo Worldwound o Book of the Damned 2: Lord of Chaos). Per Ascesa dei Signori delle Rune non avevano pubblicato nemmeno il Player's Guide, mentre per Alba dei Re hanno tradotto il Campaign Setting relativo alla regione ove si svolge la campagna. Vabbé, comunque dicono che lo faranno dopo SS, quindi ci saranno almeno due anni di attesa e quindi si sapranno regolare... dopotutto sono loro che portano Pathfinder in Italia

Per quanto riguarda il Bestiario 4 fa molto gola, ma ho visto che ci sono alcuni mostri mitici: questo sarebbe un bel problema se Avventure Mitiche non sarà disponibile quando uscirà questo bestiario, quindi il loro utilizzo sarà nullo se il GM in questione non conosce l'inglese e preferisce non usarlo per evitare di rendere paralitica la propria campagna (un mostro mitico, ricordiamolo,è sempre più forte di una creatura non-mitica poiché ottiene immiunità, resistenze ed attacchi speciali contro i non-mitici).

Se decidono di fare Jade of Regent, considerato il fatto che l'attenzione dei PG si rivolge al Tian Xia dovrebbero tradurre anche Dragon Empires Gazetteer e Dragon Empires Primer

@Lagunaroch: Paizo non ha in considerazione, nè oggi nè mai, di fare un regolamento epico (infatti per loro basta ed avanza i mitici).

Comunque consolati, che JJJ ci ha già pensato per te qui ;)

Link to comment
Share on other sites

Aurelio90 io ho l'abbonamento agli Adventure Path di Paizo e ti posso dire che Wrath of the Righteous in effetti non e' per tutti.

E' una campagna piuttosto complessa che ha bisogno di TUTTI i libri Core per essere giocata. Personalmente non vedo l'ora di proporla ai miei giocatori perche' e' davvero "Mitica" anche nella trama (anche se mi manca il finale...).

Capisco che per alcuni potrebbe essere un "americanata" e in effetti ammetto che lo stile e' quello, ma come dicevo sopra, non sara' per tutti...

p.s. Paizo a piu' volte scritto nei suoi forum che le campagne future saranno "normali". Immagino che comunque ne faranno una "mitica" ogni qualche anno

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Percio
      Chi di voi ha masterato una campagna incentrata su di un megadungeon? Come l'avete gestita?
      Il modo più semplice che mi viene in mente è quello di presentare ai giocatori una "base" (villaggio, città ecc) con un megadungeon nelle vicinanze e lasciare che i giocatori facciano avanti e indietro (ovviamente con tutte le specifiche del caso, come il restock, le fazioni, mappe che portano ad altri luoghi ecc). E andrebbe benissimo così. 
      Ma è davvero "tutto qua"? Mi chiedo se sia il caso di complicare un po' il tutto offrendo un mondo "vivo" attorno al dungeon, che possa dare il via ad avventure extra.
      Per prima cosa pensavo a una sorta di "rumore di sottofondo", qualcosa che permetta ai giocatori di avere qualche informazione in più sulla zona senza costituire un vero e proprio aggancio di avventura. Una cosa del tipo ogni giorno c'è 1 possibilità su 6 che un drago passi in volo sopra il villaggio (al che il locandiere potrebbe spiegare che si tratta di uno dei draghi della baronessa, che si dice sia un'incantatrice). Oppure l'apprendista del mago che si trova a poche ore dal villaggio viene a fare compere.
      A un secondo livello potrebbe accadere qualcosa che sia un po' più stimolante. Ad esempio, ogni giorno c'è 1 possibilità su 6 che i nativi nelle vicinanze (il villaggio è situato in una regione di confine del regno, ovviamente) attacchino il villaggio, con possibile scontro con i PG, il rapimento di alcuni abitanti locali e una possibile missione di salvataggio. Oppure gli abitanti del dungeon risvegliano i morti del villaggio per avvertire gli avventurieri di lasciarli in pace. Oppure un vampiro inizia a uccidere gli abitanti. Cose così. 
      A un terzo livello pensavo a delle vere e proprie avventure extra. Ad esempio ogni giorno potrebbe esserci 1 possibilità su 6 che qualcuno chieda aiuto ai PG per qualcosa. Magari gli viene proposto di derubare il mago che abita a poche ore dal villaggio (vedi sopra), oppure un avventuriero propone al gruppo di accompagnarlo a esplorare altre rovine che si trovano in zona. Insomma prendere delle avventure pubblicate e proporle ai giocatori durante la campagna, però inserendole in maniera "naturale" nel mondo di gioco. 
      Cosa ne pensate? Come avete gestito questo aspetto della campagna? Vi siete limitati alla base + dungeon o avete "allargato i confini"?
      Grazie a tutti
    • By Gamemaster93
      Buongiorno sono un master di Pathfinder e sto masterando Ira dei Giusti. Abbiamo seguito le regole ma di comune accordo i personaggi non sono propriamente mitici, ( hanno dei bonus alle caratteristiche, dadi da tirare tipo impulso, un paio di talenti mitici) non hanno accesso a tutte le cose legate a percorsi mitici etc perché ritenute troppo forti anche dagli stessi giocatori.
      Nonostante ciò il mio problema sono i danni che portano cioè se non alzo la vita di boss e nemici li sciolgono con un completo, i 2 picchioni fanno circa 50  danni a colpo, e col critico triplicano i danno e tirano a + 30/35, il paladino un po' di più , quindi colpiscono quasi sempre.
      Il party è composto da paladino con scimitarra che critta 15-20 per circa 45 danni a colpo,di più quando punisce  , critico x 3 grazie a poderoso mitico,  ranger demonslayer che fa più o meno gli stessi danni,( il danno fisso tra nemico prescelto e bardo che ispira è + 47)@  bardo che tramite oggetti quando ispira da +5 e primo round canta e casta velocità,  e convocatore con eidolon con 41 di CA che porta i suoi 30 danni a colpo sono al livello 13 e tutti quanti bardo a parte tirano a +  o giù di lì.
      Aggiungo che seguendo il libro hanno trovato moltissimi soldi, e anche parecchi oggetti molto forti , che hanno giustamente speso in oggetti utili, le città della campagna sono molto ricche quindi si trova facilmente il grosso degli oggetti.
      il problema adesso però sono gli scontri perché se alzo troppo il GS diventa una sfida a chi prima colpisce e oneshotta l'altro, guardando avanti di questo passo potrebbero abbattere tutti i boss in 1/2 turni.
      quindi come posso rendere i combattimenti + interessanti? , non ho troppa voglia di sostituire le creature in giro, quindi che faccio gli aumento i pf , la Ca o altro, applico l'archetipo avanzato? altro mio problema è che nei combattimenti se non attacco per primo  facendo un solo attacco e subendo un completo loro si buffano ancora di più e poi arrivano carichi e malmenano tutti oppure mi sommergono di frecce. 
      Dare RD ai nemici non serve perché paladino la ignora, quando punisce e ranger usa il talento colpi raggruppati.
    • By Miki85
      Ciao, Cerco disperatamente il file PDF di suddetta campagna. In ITALIANO ovviamente.
       
      So perfettamente che il 95% di voi obietterà che "o mio dio, non è legale!2!2!1!1"
      Premetto che: ho già cercato il set Base e anche l'essenzial.
      NON SI TROVANO (in italiano)
      Ho visto che pubblicheranno il secondo a ottobre, ed è già in programma che lo comprerò. Di sicuro.
       
      Mi sono iscritta alla newsletter come da promozione ma NON mi è arrivato tale PDF.
       
      Mi mandate il PDF via Email?
      Grazie
    • By rexxar1
      Ciao a tutti! Sono qui in cerca di consigli, idee, o aggiunte su un tema che vorrei portare in una campagna. 

      In breve:
      circa 200 anni fa, Helmut, re degli uomini, soverchiato dai feroci assalti delle tribù di gnoll, si prodigò per cercare un modo che ponesse fine a questa guerra sanguinosa che da anni martoriava la sua gente. Nelle profondità di una montagna un gruppo di avventurieri trovò una strana roccia. Il Re, la estrasse e studiandola venne a conoscenza che essa non era altro che un frammento dell'anima di un dio caduto (malvagio, distrutto dalle altre divinità probabilmente). In breve si concesse a tale potere, che riversò sui suoi fedeli soldati. Man a mano lui ed i suoi uomini si trasformarono in Ombre, falciando gli gnoll e ponendo fine alla guerra. Ma la sete di potere era divenuta tale che la sua guerra si spostò verso altri regni. Purtroppo la luce del sole era il suo unico tallone, nonostante la sua armata avesse soldati, stalloni, draghi, tutti corrotti dall'ombra. Il suo potere era limitato alla notte. Così la sua cerca si spostò verso un artefatto in grado di manipolare la luce/sole. La sua armata, così invincibile nella notte era però facile da affrontare alla luce del sole, così Helmut si rintanò nel piano delle ombre con tutto il suo esercito pronto a sguinzagliare la sua armata se avesse trovato l'artefatto...(tramite i proprio agenti)
      Ok è molto più vasta di così, ma anche riassumendola molto penso si delinea l'idea! Vorrei consigli su come gestire tutto al meglio, anche perché l'idea iniziale sarà far vivere ai personaggi l'assalto di Helmut ad una grande città perchè li vi è nascosto qualcosa che può condurlo all'artefatto per "spegnere il sole". Vorrei renderlo però renderlo più profondo, anche perchè razze longeve hanno vissuto il male dell'Armata delle Ombre. Se poi avete in mente altre aggiunte, son qui! 
    • By Arglist
      Ehilà
      Sono inciampato per puro caso in questo articolo (ma anche questo) riguardante i livelli di potere raggiunti dalle campagne. Oltre a notare (con estrema tristezza) quanto la cosiddetta oversemplificata D&D 5E piegata al politically correct non sia riuscita a rendersi giocabile nemmeno questa volta i livelli più alti (e penso ne sia una prova fattuale la completa inesistenza di materiale ufficiale riguardante il Tier 4), ho notato quanto i miei tempi non coincidano affatto con quelli dati dall'internet in generale.
      Quindi:
      - vittima anche dell'ultimo abbandono (ormai anni fa) di una campagna 5E - DiA - citando il narratore "questa campagna in un anno voglio finirla", con conseguente scambio di sguardi tra i partecipanti alla "ma è del settore questo?"
      - complice anche un sano esame di coscienza, con una campagna (unica rimasta) all'attivo da ormai 5 anni di Rise of Tiamat ed altre incompiute della durata di svariati anni
      -  risultante da confronti con altri possenti narratori emiliani che mi han confermato che prima dei 365 giorni canonici una campagna 1-7 ( (elevati a multipli di 2 per range 1-15 e 1-20 homemade) non l'abbiano mai finita
      - Tenendo conto che esce un AP l'anno, e che sempre nello stesso anno esce un AL ambientato in luoghi differenti, motivo che mi fa pensare che alla WOTC considerino normale terminare i moduli nell'anno?
      Mi chiedo: siamo noi italiani eccessivamente prolissi o sono i colleghi della perfida Albione e d'oltreoceano ad esser troppo frettolosi? E, se si, perché?
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.